Giovedì Santo 24 marzo 2016 a San Cesario di Lecce

Poca gente, nulla a che vedere con i Giovedì Santo della mia adolescenza. Tutte le  Rettorie di San Cesario di Lecce facevano a gara a chi facesse “lu saburcu chiu bellu”.
C’era tutta la Comunità in fermento e le ragazze con i ragazzi approfittavano per lanciarsi “sguardi di primavera”.
Magari dovrebbero permettere di farli di nuovo i saburchi, c’è questa devozione popolare che è rimasta inespressa, che attende spazi nuovi e terre nuove.
Oppure lasciamo così, vediamo proprio come va a finire!








Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)