Antonio Rolli: presentazione de #ILMARETRAVERSO con Dacia Maraini e Massimo Papa a Pescasseroli (AQ).

C’è l’incontro della cultura nata e cresciuta nel paese più bello del Mondo con la cultura degli altri territori. Antonio Rolli con il suo libro, che è certamente una parte della sua vita che, come tutti sappiamo, si è svolta a San Cesario di Lecce, sta producendo queste sinergie, questi incontri, queste relazioni che riguardano anche ognuno di noi.
Ce ne sono stati altri, di altri tempi, che hanno creato queste sinergie. C’è stato Peregrino Scardino, Pasquale Manni, Fernando Manno con il suo “Secoli fra gli ulivi” e Michele Saponaro che ha scritto tantissimo.
Queste persone quando scrivono le loro opere lo fanno descrivendo il paese più bello del Mondo, lo fanno comunque, anche se scrivono d’altro perché non si può che comunicare ciò che è dentro di noi. Queste persone nostri compaesani, rappresentano anche un pezzo di me e di te che stai leggendo queste parole.
Nel loro immaginario c’è lo stesso palazzo Ducale che ha dominato le visite in piazza di tutti noi, le stesse scuole elementari e maestri, ci sono gli stessi preti, gli stessi commercianti, bar e le stesse passeggiate che abbiamo fatto tutti noi. Nei loro personaggi, nei luoghi che descrivono, che lo facciano consapevolmente oppure no, ci mettono sempre e comunque un pezzo del paese più bello del Mondo, un pezzo di territorio e di abitanti e chissà magari qualcuno dei loro personaggi l’hai ispirato proprio tu, con una battuta, una smorfia o una stretta di mano.
Ognuno di questi compaesani che scrissero e scrivono racconta una Storia e la loro narrazione incrocia sempre quella che facciamo noi ai nostri genitori, ai nostri figli, ai nostri amici.
E’ per questo che possiamo ripartire da chi scrive, canta, recita, suona strumenti musicali, dipinge, scolpisce i tratti di San Cesario di Lecce per mostrarli al Mondo, agli altri che abitano altri territori e che fanno altrettanto indicando sentimenti, valori e idee che illuminano di pace ogni relazione. Fare questa narrazione agli altri rende migliori anche noi.

Antonio Bruno

GRANDE PARTECIPAZIONE LUNEDI 21 AGOSTO 2017 A PESCASSEROLI PRESSO IL CORTILE DELLA PRO LOCO VIA PRINCIPE DI NAPOLI 13 ALLE ORE 18,30 PRESENTAZIONE DEL ROMANZO DI ANTONIO ROLLI " IL MARE TRAVERSO" CON DACIA MARAINI E MASSIMO PAPA.
Le foto sono state prese dal profilo Facebook di Antonio Rolli.



LUNEDI A PESCASSEROLI PRESSO IL CORTILE DELLA PRO LOCO VIA PRINCIPE DI NAPOLI 13 ALLE ORE 18,30 PRESENTAZIONE DEL ROMANZO DI ANTONIO ROLLI " IL MARE TRAVERSO" CON DACIA MARAINI E MASSIMO PAPA
Il Mediterraneo è da sempre il grande specchio della storia. Un mare traverso, ovvero attraversato, lungo i secoli, da pescatori, mercanti, avventurieri, corsari, soldati, re e miserabili. Una via traversa, trasversale, che incrociando altre vie ha permesso all'Est e all'Ovest, al Nord e al Sud, di incontrarsi e fondersi. Ma il Mediterraneo è un mare traverso anche perché talvolta ostile, malevolo, sfavorevole alla sorte degli uomini. Su questo palcoscenico si svolge la storia di Giuseppe, un libraio salentino con la passione per il mare, e Francesca, una ragazza che cerca in tutti i modi di raggiungere Nisrin, il giovane siriano di cui è innamorata e che sta scappando dall'orrore della guerra. Francesca chiede a Giuseppe, uomo generoso e profondo conoscitore del mare, di accompagnarla a Creta a bordo del Cygnus, un peschereccio che il libraio ha ereditato da uno zio pescatore. Lì, ad attenderla, dovrebbe esserci proprio Nisrin, partito su uno dei tanti barconi che solcano le acque in cerca di salvezza. Tra appuntamenti mancati e incontri salvifici, "Il mare traverso" narra di un viaggio che è un'avventura nutrita di attese, coraggio, sofferenza e speranza. Un viaggio che, come le onde, rimescola il vissuto di chi lo compie e insegna l'importanza di credere nel futuro, nel prossimo e nella possibilità di essere felici, nonostante i venti avversi

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?