Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2019

L’ottava domanda, la più importante

Immagine
Se farò ciò che desidero fare soffrirà qualche persona, soffrirò io, ne soffrirà l’ambiente nel quale vivo? Se la risposta è: Si! ne soffriranno tutti; o anche uno solo di questi soggetti o l'ambiente, allora con la riflessione possiamo cambiare l’emozione che ci fa desiderare ciò che desideriamo. E’ solo una questione di desiderio!

#magicoalchimista

Come passare dal dolore al benessere? Basta rispondere a sette domande

Immagine
Prima Domanda: Quand’è che voglio parlare per chiedere aiuto? Risposta: Quando soffro per qualcosa che desidero ma che non riesco ad ottenere. Seconda Domanda: Perché non riesci ad ottenere ciò che desideri? Risposta: Perché se facessi ciò che desidero fare, sarei giudicato male ed escluso dalla mia Comunità. Terza Domanda: E perché non desideri essere giudicato male? Risposta: Perché ho bisogno di vivere senza essere escluso dagli altri della mia Comunità. Quarta Domanda: E rinunciando a ciò che desideri per ottenere di non essere escluso cosa provi? Risposta: Provo un grande dolore Quinta Domanda: E che cosa fai quando provi un grande dolore? Risposta: Cerco di parlare con delle persone da cui spero di ricevere un aiuto per non provare più dolore. Ma io so che basta rispondere a una domanda per capire cosa dovrei fare per ottenere ciò che desidero senza bisogno di chiedere ad altre persone. Sesta Domanda: Quale domanda fai a te stesso per capire cosa fare o dare per ottenere ciò ch…

Un progetto comune su come vogliamo vivere sulla faccia della Terra

Immagine
Oggi tutti i giornali hanno in prima pagina i ragazzi del “friday for future” che tradotto in italiano è “venerdì per il futuro”. Quando negli anni ’60 – ’70 noi “allora giovani” manifestavamo marinando la scuola, i nostri genitori non erano d’accordo, ci dicevano che stavamo perdendo tempo e che sarebbe stato per noi molto meglio continuare a studiare invece di manifestare per le vie della Città per decisioni su cui noi non avevamo nessuna voce in capitolo. Di questa idea, ovvero quella dell’inutilità del manifestare, è stato in queste ore il filosofo Massimo Cacciari che ha dato voce a quella minoranza dei genitori dei ragazzi che hanno manifestato ieri nelle strade di tutto il Mondo, ma la maggioranza dei genitori di quei ragazzi, in Italia capeggiata da Lorenzo Fioramonti (Ministro dell'Istruzione), ha dato la sua “benedizione” a questa assenza dalle lezioni e il Ministro ha addirittura suggerito ai presidi la giustifica dell’assenza per tutti i ragazzi che ieri non si sono r…

Storia del marchio di biciclette Forcignanò di Primalda Forcignanò

Immagine
10/06/2016Storia del marchio di biciclette
Forcignanòdi Primalda Forcignanò
La vita di mio padre, Amedeo Forcignanò, è strettamente legata alla prima guerra mondiale: 3 agosto 1914 – 4 novembre 1918, Austria e Germania da una parte, Serbia, Russia e Francia dall’altra.
La rivalità ed i contrasti tra queste potenze erano insanabili.
La scintilla che fece scoppiare la guerra fu l’uccisione di Francesco Ferdinando, erede al trono d’Austria, da parte di uno studente serbo. Il modo di condurre una guerra si era trasformato: milioni di uomini vivono e combattono nelle pieghe del terreno sotto la pioggia e il gelo. L’Italia dichiarò guerra all’Austria il 24 maggio 1915 e dure battaglie furono combattute sul Carso e sull’Isonzo. I tre fratelli Forcignanò furono chiamati alle armi ed Amedeo entrò a far parte del Corpo dei bersaglieri con la diviso grigio-verde ed il cappello piumato.
L’offensiva dell’esercito italiano logora, certamente, l’esercito austriaco, ma costa un presso troppo elevato di vi…

La Professoressa Primalda Forcignano che ha insegnato alle Scuole Elementari di San Cesario di Lecce

Immagine
Maria Antonietta PerroneCiao Antonio, in questa foto c'e' la maestra Primalda Forcignano? Elimina o nascondi Mi piace  · Rispondi · 16 min Antonio BrunoMaria Antonietta Perrone è questa la professoressa di cui mi chiedi? Questa del commento che riporto dopo e con la foto? Modifica o elimina questo commento

Intervista a Humberto Maturana 18/01/2017

Intervista a Humberto Maturana Di Sandra Patricia Ordonez Castro Comunicazione , lingua MAGISTERO 18/01/2017 - 09:30 0
Foto tratta dalla rivista Magisterio n. 83 “Potrei essere chiuso in poche parole
e sentirmi il re dello spazio infinito ".
William Shakespeare


Quali sono le origini del tuo fascino per la lingua?
Le storie di stregoneria quando ero un ragazzo. Le maledizioni e le benedizioni mi hanno fatto pensare che il linguaggio doveva essere qualcosa di molto potente e che ha catturato il mio interesse.
Il potere delle parole, la loro capacità, forse, di influenzare il destino degli uomini ... In che modo questo interesse ha cominciato a riflettersi nella tua vita?
Era un aspetto che mi interessava comprendere i fenomeni biologici.
Come espressione di un certo fattore di coesione della specie?
Sì. Dal punto di vista della filogenesi. Ma è molto più di questo, perché dobbiamo capire che la nostra individualità come esseri umani è sociale: siamo concepiti, cresciamo, viviamo e…

Conversazioni sulla biologia sistemica Intervista a Humberto Maturana

Conversazioni sulla biologia sistemica Intervista a Humberto Maturana
di Claudio Des Champs e Fernando Torrente
In un momento in cui la biologia è assimilata ai sorprendenti progressi della tecnologia - menzioniamo i media abbaglianti della genetica o il travolgente progresso della psicofarmacologia nel nostro campo - Humberto Maturana , il rinomato biologo e pensatore cileno, propone Una visione sicuramente diversa.
In questa intervista (*), con il suo flusso caratteristico, tratta argomenti come la sua concezione personale sulla biologia, la dinamica delle relazioni sociali e l'impatto della tecnologia su di esse.




Systemic Perspectives (PS) : Qual è, secondo il tuo punto di vista, l'evoluzione dei problemi di epistemologia, psicologia e psicoterapia?
Humberto Maturana (HM) : Non so quale direzione avrà la terapia in futuro. Penso che la terapia funzioni, essenzialmente, in un modo che io chiamo la biologia dell'amore.
Quindi ci sono diversi modi per avvicinarsi allo ste…