E RRIA LA BEFANA!

  1. La foto è di
    ed è presa dal suo profilo Facebook. Si può leggere a commento della foto
    "Come vi avevamo promesso, la Befana del BAR SCARDINO ha preso vita. Vi aspetta per dolci sorprese"
    E RRIA LA BEFANA!
    E rria la befana,sempre te notte;
    zumpa cancelli,apre le porte.
    Cu tuttu quiddru ca tene da fare
    nu po' dire:"permessu?"...nu pote spettare....
    Na' notte tene,poi face matina,
    quiddru ca fare l'a' fare chiu' 'mprima.
    A' visitare millioni te case
    mai aggiu capitu comu ete ca face.
    È becchia,malata ma mai nu lamentu
    e ogni annu è puntuale all'appuntamento.
    Ci nica,ci chioe,ci è tramuntana
    lu sei te Gennaiu te trei la befana.
    A tutti pensa,nu lassa nisciunu;
    na cosa per tutti la tene sicuru.
    Però 'nc'e nu fattu,BEFANA mia,
    cu nu te pare na' scortesia.
    Se na' domanda te possu fare
    'ncete n'a cosa ca m'a spiegare:
    quannu eru piccinnu nu l'ia mai capita,
    ma quannu se rria chiu' drai cu la vita
    iti le cose cu n'ecchiu diversu;
    mo te la ticu e cussi 'me cunfessu.
    Apri le ricchie e sientime sanu
    ca cenca respunni lu piju pe buenu.
    Ieu su sinceru,cussi' a' fare tie.
    Apri lu core.....e nienti buscie.
    Percene alli ricchi ne puerti confetti,
    gelati, spumoni,li meju biscotti,
    torroni,cupete,mendule ricce,
    cappotti,cappieddri e puru pellicce;
    chitarre,tamburri,le biciclette,
    scarpe,palloni,giacconi e magliette;
    collane,bracciali,anelli,orecchini,
    tutte le specie te telefonini.
    E a mie c'ae n'annu ca te sta spettu
    ...na pauta te fiche sutta lu liettu.
    A fraima lu ranne,dru pueru vagnone
    addirittura n'a' tatu carbone.
    A sciuta tecennu c'a' statu cattivu
    per tre-quattru fiate c'a' disobbiditu.
    Alla piccicca,nu ne parlamu,....
    na bambola usata,te seconda manu;
    na penna biru,na mila,n'arancia
    do caramelle...ca mancu ne mangia.
    Dimme BEFANA te pare giustu?
    Ieu su 'ngarbatu e me stau sempre cittu;
    ma ci quarchetunu è però sangu cautu
    nu pija la scupa e te rumpe la capu?
    Sta dicu la capu ma nu suntu sicuru
    te pote rumpere puru lu culu.
    Ce dici BEFANA,me tai n'a risposta
    o bucchi la capu e te stai citta città?
    Sientime a mie...dri belli regali
    dividili tutti e in parti uguali .
    A tutti quanti tocca 'cuntienti
    none a ci tuttu e invece a ci nienti.
    Fanne cussi',per lu bene ca te oiu,
    e biti ca dopu te sienti chiu' meju.
    Ci cinca a' pensare nu 'nci pensa chiui,cu cangiamu lu munnu pensamunne nui.
    Tie ca stai a'ncelu mai te n'accorta?
    Nu biti la terra ca ca stae tutta storta?
    Fanne na cosa,però cittu cittu,
    pija lu munnu e mintilu rittu.
    Cussi' cra matina né descetamu
    ricchi e perieddri zeccati pe manu,
    bianchi,africani,ci ene te l'India,
    tutti te paru....na grande famiglia.
    Lu speru andaveru,cu tuttu lu core,
    cu crepa la rabbia,cu regna l'amore.
  2. Scritta da un cittadino di San Cesario di Lecce il paese più bello del Mondo che si nasconde dietro lo pseudonimo TOTU MEU Totu Meu

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)