Se sei un professionista oppure un operatore culturale, risiedi a San Cesario di Lecce e vuoi regalare parte del tuo tempo libero in uno STUDIO ASSOCIATO PER IL PROGETTO DEL PAESE PIU’ BELLO DEL MONDO contattami.

Uno studio professionale associato per progettare San Cesario di Lecce

Ci sono persone provenienti dalla vicina Lecce e da altre parti d’Italia che sono diventate abitanti del paese più bello del Mondo. Io mi rivolgo a voi tutte e a voi tutti affinché si realizzi l’intuizione di Franco Arminio che da rivoluzionario vuole “sfasciare le barricate della desolazione in cui si stanno chiudendo i nostri paesi”.

Un’immagine poetica molto forte quella delle barricate di desolazione che richiama tutti a fare qualcosa per contrastare la condizione di rovina, abbandono, squallore, senza apparente possibilità di ripresa ed invertire la rotta per giungere finalmente a uno sviluppo sostenibile.

Nella Città per i professionisti e le persone del Mondo della cultura è difficile trovare le ragioni per stare assieme in uno STUDIO PROFESSIONALE ASSOCIATO che progetti lo stare assieme da cittadini in una Comunità a misura d’uomo. Quello che in Città è in - possibile diventa possibile in un paese e soprattutto nel paese più bello del Mondo.

A San Cesario di Lecce abitano professori e professoresse dell’università, grandi professionisti, uomini e donne di cultura a cui faccio la proposta di donare una parte del tempo libero per progettare il paese più bello del Mondo.
Prendo in prestito le domande che hanno informato Kevin Lynch nel suo lavoro per proporle a te che sei un professionista o una donna o un uomo di cultura che abiti a San Cesario di Lecce.

Come può essere 'buona' la 'forma’ del paese San Cesario di Lecce' ? A questa suggestiva domanda vorrei rispondere insieme a quanti lo vorranno fare per dare un contributo al dibattito della “San Cesario di Lecce che vorrei” in corso da sempre nel paese più bello del Mondo. Tutte le donne e gli uomini che vorranno costituirsi in STUDIO DI PROGETTAZIONE ASSOCIATO contribuiranno a formare la raccolta di riflessione e la ricerca di sollecitazioni per costruire un progetto paese più bello del Mondo, valido per tutti i luoghi e tutti i tempi, ponendo al centro la qualità dell'ambiente nel suo complesso e la qualità delle relazioni umane. 

Il ragionamento che propongo andrebbe condotto utilizzando appieno i modi di guardare e di 'ascoltare' il paese di San Cesario di Lecce che i cittadini e gli amministratori che si sono susseguiti hanno costruito nel tempo, compresi quelli maggiormente legati agli aspetti funzionali o strutturali, per estrarne le valenze utili a far emergere quello specifico urbanistico (le "magnifiche cinque" dimensioni prestazionali) per mezzo del quale costruire la 'buona' forma del paese più bello del Mondo.
La forma del paese San Cesario di Lecce non è costituita solo dall’ambiente materiale: strade, edifici, colline, alberi,fiumi, parchi, ma anche da flussi di persone, cose, informazioni, la cui descrizione comprende il cambiamento nel tempo, la percezione ed il controllo dell’ambiente materiale.

Le qualità di questa forma si misurano all'interno del rapporto fra le caratteristiche materiali dell’ambiente e i corrispondenti valori delle collettività insediate.
Il nostro paese sarà tanto più buono (apprezzabile positivamente) quanto più le sue caratteristiche spaziali corrispondono, in modi di complessa casualità ai valori della società che vi risiede.
In altri termini bisogna scandagliare meglio i rapporti fra scopi generali e forma della città, di solito incerti.
Il mio è un invito. Se sei un professionista oppure un operatore culturale, risiedi a San Cesario di Lecce e vuoi regalare parte del tuo tempo libero in uno STUDIO ASSOCIATO PER IL PROGETTO DEL PAESE PIU’ BELLO DEL MONDO contattami.

Antonio Bruno



Le cinque dimensioni prestazionali sono:
1.       Vitalità: Modo in cui la forma di un insediamento sostiene le funzioni vitali, i bisogni e le capacità biologiche degli esseri umani. Come viene assicurata la sopravvivenza della specie?
2.       Significato: Grado in cui un insediamento può essere percepito chiaramente, differenziato e strutturato mentalmente, nel tempo e nello spazio, da chi vi risiede.
3.       Coerenza: Grado in cui la forma e la capacità di spazi, canali, attrezzature di un insediamento corrispondono al modello e alla qualità delle azioni che la gente quotidianamente svolge, compresa l’adattabilità ad azioni future.
4.       Accessibilità: Capacità di raggiungere altre persone, attività, risorse, servizi, informazioni o luoghi, inclusa la quantità e varietà degli elementi che possono essere raggiunti.
5.       Controllo: Grado in cui l’uso e l’accesso a spazi ed attività, nonché la loro realizzazione, I due metacriteri

A queste cinque dimensioni prestazionali vanno aggiunti due metacriteri
Efficienza: Il costo di realizzazione per ogni dato livello delle dimensioni prestazionali elencate.
Giustizia: Il modo in cui i costi e benefici ambientali sono distribuiti in rapporto a principi quali: equità, bisogni, meriti, capacità di spesa, fatica, potere.
Secondo Lynch, le cinque dimensioni prestazionali e i due metacriteri (considerati nell’insieme) consentono di valutare la qualità di qualsiasi insediamento e di orientare in modo esplicitamente motivato i piani urbanistici.
Rilevante l’assenza di termini che possano riferirsi a valori estetici, i quali rientrano nella dimensione prestazionale significato.


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?