Dove siete giovani?



Tutti quei merletti di luce che si addensano in piazza, le mille antiche parole che si arrampicano su quel palazzo che segnò l’inizio di tutto. Il paese è la storia dei luoghi, i visi dei bimbi felici, le mamme che ansiose accompagnano uomini che crescono lenti.
Dove siete giovani protagonisti affetti da sano protagonismo? Dove siete giovani che offrite parole nuove? Dov'è quel linguaggio che illustra visioni mai viste? Dove avete nascosto quel mucchio di parole che ha creato ogni generazione? Dove avete messo le parole che cantano passioni in arrivo e rinnovano il luogo da cui tutto ha inizio? Un nuovo inizio come ogni nuova generazione, conflitti e… parole nuove. Parole nuove? Le aspetto, le cerco, le agogno. Magari per dire che è tutto sbagliato, per criticare questo modo nuovo, per opporre a visioni mai viste il mio già visto e già fatto. Vi cerco in ogni momento, spero di leggere un fatto, di cogliere un volo. Ma non vedo nulla che sia oggi del luogo, nel luogo, NUOVO.
Antonio Bruno

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore