sabato 4 novembre (ore 18 - ingresso libero - info 3209168440) appuntamento con l’attore e regista Fabio Tolledi, il pianista e compositore Mauro Tre e la Signora Luciana con la sua “Ciceri e tria”. Il giorno dopo, domenica 5, appuntamento dalle 12 (ingresso libero - info 3491186667) con la visita guidata nella distilleria recuperata da qualche anno e giacimento prezioso di archeologia industriale.


Dal 4 novembre al 17 dicembre sette week end per andare alla scoperta dei centri storici e dell’enogastronomia di qualità con “To kalò fai – Il buon mangiare”, il progetto firmato da Astragali Teatro, in collaborazione con ArVa, finanziato nell’ambito del bando “InPuglia365 – Sapori e colori d’autunno”.

Il progetto propone sette eventi performativi e installazioni multimediali legati all’arte della cucina (ogni sabato pomeriggio) con una inedita formula che mette in scena al contempo attori, musicisti, contributi visivi e sonori ed una "massaia" che cucina in scena per il pubblico. E poi sette visite guidate per mettere in evidenza gli attrattori culturali e le bellezze paesaggistiche e architettoniche (ogni d...omenica mattina). Il tutto in sette borghi diversi per un viaggio alla scoperta del Salento. Si parte da San Cesario di Lecce: sabato 4 novembre (ore 18 - ingresso libero - info 3209168440) appuntamento con l’attore e regista Fabio Tolledi, il pianista e compositore Mauro Tre e la Signora Luciana con la sua “Ciceri e tria”. Il giorno dopo, domenica 5, appuntamento dalle 12 (ingresso libero - info 3491186667) con la visita guidata nella distilleria recuperata da qualche anno e giacimento prezioso di archeologia industriale. Il percorso proseguirà a Corigliano d’Otranto (11 e 12 novembre), San Donato di Lecce (18 e 19 novembre), Vernole (25 e 26 novembre), Castro (2 e 3 dicembre), Muro Leccese (9 e 10 dicembre) per concludersi a Tuglie (16 e 17 dicembre).

To kalò fai valorizza la tradizione enogastronomica locale come espressione della tradizione, dell’identità dei luoghi e delle comunità. L’evento, attraverso i sapori e gli odori che si mischiano, le immagini visive legate all'arte della cucina, i recital degli attori che interpretano brani della tradizione letteraria legata al gusto ed alla preparazione dei cibi accompagnati dal vivo da un musicista, coinvolgeranno il pubblico in un viaggio che tocca i 5 sensi, un percorso alchemico sulla cucina salentina, sul condimento, del piacere, del tempo condiviso, del campo comune, delle stagionalità, della semina e del raccolto. Una cucina, quella della tradizione locale, che trasporta affetto, che prende cura che trasforma e tramuta. Non vi è rituale senza riferimento al cibo, la cottura delle pietanza e il condimento costruiscono il piacere, la cucina è costruzione di una comunità, è lo spazio che si apre ad una pratica di reinterpretazione del mondo. "Noi siamo quello che mangiamo" come diceva il filosofo tedesco Ludwig Feuerbach.

il progetto To kalò fai è finanziato nell’ambito del bando InPuglia365 – Sapori e colori d’autunno - Programma operativo Regionale FESR-FSE 2014 – 2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo” Asse VI – Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali – Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?