Quando non diciamo ciò che dovremmo dire, non viviamo ciò che dovremmo vivere (in viaggio con papà)




Sono rientrato ieri da un viaggio in treno. E' bello viaggiare così, in un Mondo ovattato che cambia continuamente ad ogni sguardo che si poggia sul vetro del finestrino. Un Mondo di sconosciuti viaggiatori provenienti da chissà dove e diretti, chissà perché, negli stessi luoghi che attraversi tu. Un Mondo che ha perduto il piacere del racconto. Già, perché rispetto ai miei viaggi in treno della mia infanzia, quelli che facevo con papà nei primi anni 60, ho osservato che non c'è più il parlarsi sino a quando, ormai sfiniti, si crollava nel sonno scomodo di quei vagoni. Gli anni 60, quando per percorrere il tratto da Lecce a Milano si impiegavano dalle 18 alle 20 ore, tutti stipati in scompartimenti con 8 posti a sedere, con le valige che rischiavano di venire giù ad ogni fermata. Ma quanti racconti ho fatto ed ascoltato in quei viaggi. Quanti visi di donne e uomini, e vite impensabili e piene di sorprese, ho percorso in treno. Gli umani si distinguono dal resto degli organismi viventi, perché hanno il linguaggio. Siamo umani adesso? Io penso che quando non diciamo ciò che dovremmo dire, non viviamo ciò che dovremmo vivere.

Antonio Bruno Ferro

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)