freddo

Buongiorno

Nuvole gonfie, sembrano di neve. Freddo pungente come quello che faceva livide le gambe alla scuola elementare. Natale vicino al fuoco e il vento scatena i capelli mentre si raggiunge un qualunque rifugio. Non c’è più memoria dei tepori autunnali né delle speranze primaverili. Resta un freddo penetrante che invade il corpo e una sottile voglia di calduccio. Mi vieni in mente tu, che sei fuoco e vento, luce e buio e rendi indimenticabile questa bella avventura. antonio

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)