Immagini di San Cesario anni 60

E' troppo bella, mi ricorda papà che quando arrivava la festa dell'Immacolata, l'8 dicembre, prendeva l'albero e ci metteva le palline colorate e poi veniva a casa il papà di Gabriella Liaci che era suo collega delle ferrovie e riparava le lucciole colorate che si erano fulminate durante la pausa tra un Natale e l'altro. Io e le mie sorelle avevamo proprio quell'espressione dei bambini della cartolina, ogni Natale, ad ogni Magia e, magia dopo magia. Grazie papà!

Adesso c’è quel fuoco che arde e quel freddo che punge le gambe nude sotto i calzoni corti. E’ sempre adesso il profumo del braciere. Prima le carte attorcigliate, poi i tralci secchi della vite e, infine, la carbonella e poi il fiammifero che accende e dà vita alla fiamma. Ecco il fumo e quell’odore che si spande nella strada.
Quando la carbonella si arroventa ecco che mette i carboni. Infine il braciere sul poggia braciere a casa e tutti intorno al fuoco a farci calduccio.
Nulla di tutto questo è nella realtà, solo nella mia mente, immagini di un fuoco che s’è spento.

Non è che il passato sia qualcosa di differente da ciò che è adesso. Voglio dire che è adesso che vado a prendere, non so da dove, delle immagini che si materializzano all’interno della mia mente oppure delle foto che sono delle immagini fissate sulla carta. Ed è adesso che le vedo, è sempre adesso che ascolto le voci, sento i profumi e mi sento immerso in quello che vedo ed è adesso che provo quelle emozioni.
Non c’è nulla al di fuori dell’adesso.


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)