Immagini di San Cesario anni 60

E' troppo bella, mi ricorda papà che quando arrivava la festa dell'Immacolata, l'8 dicembre, prendeva l'albero e ci metteva le palline colorate e poi veniva a casa il papà di Gabriella Liaci che era suo collega delle ferrovie e riparava le lucciole colorate che si erano fulminate durante la pausa tra un Natale e l'altro. Io e le mie sorelle avevamo proprio quell'espressione dei bambini della cartolina, ogni Natale, ad ogni Magia e, magia dopo magia. Grazie papà!

Adesso c’è quel fuoco che arde e quel freddo che punge le gambe nude sotto i calzoni corti. E’ sempre adesso il profumo del braciere. Prima le carte attorcigliate, poi i tralci secchi della vite e, infine, la carbonella e poi il fiammifero che accende e dà vita alla fiamma. Ecco il fumo e quell’odore che si spande nella strada.
Quando la carbonella si arroventa ecco che mette i carboni. Infine il braciere sul poggia braciere a casa e tutti intorno al fuoco a farci calduccio.
Nulla di tutto questo è nella realtà, solo nella mia mente, immagini di un fuoco che s’è spento.

Non è che il passato sia qualcosa di differente da ciò che è adesso. Voglio dire che è adesso che vado a prendere, non so da dove, delle immagini che si materializzano all’interno della mia mente oppure delle foto che sono delle immagini fissate sulla carta. Ed è adesso che le vedo, è sempre adesso che ascolto le voci, sento i profumi e mi sento immerso in quello che vedo ed è adesso che provo quelle emozioni.
Non c’è nulla al di fuori dell’adesso.


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?