EMOZIONI E LINGUA IN ISTRUZIONE E POLITICA


EMOZIONI E LINGUA IN ISTRUZIONE E POLITICA
Humberto Maturana
Ed. Dolmen Saggio
Edizione: Decimo 2001
ISBN: 956-201-087-1

1
Indice e contenuto
1 PRESENTAZIONE ............................................... .................................................. ................................................ 3
2 PARTE PRIMA: UNO SGUARDO ALL'ISTRUZIONE ATTUALE DALLA PROSPETTIVA DI
LA BIOLOGIA DELLA CONOSCENZA .............................................. .................................................. ................... 5
2.1 A cosa serve l'educazione? .................................................. .................................................. ................. 5
2.2 Razionalità ed emozione .............................................. .................................................. ................................ 7
2.3 Origine dell'umano: la lingua .......................................... .................................................. ................... 10
2.4 Evoluzione e competenza .............................................. .................................................. ............................ 11
2.5 Emozioni ............................................... .................................................. ................................................ 13
2.6 Fondamento emotivo del sociale ............................................ .................................................. .............. 14
2.7 Biologia dell'educazione ............................................. .................................................. .............................. 16
2.8 Cos'è l'educazione? .................................................. .................................................. .................................... 18
3 SECONDA PARTE: LINGUA, EMOZIONI ED ETICA NELL'AZIONE POLITICA ........................... 24
3.1 Conoscenza e lingua ............................................ .................................................. ....................... 24
3.2 Spiegazione ed esperienza ............................................ .................................................. ........................... 26
3.3 Obiettività tra e senza parentesi ........................................... .................................................. .............. 28
3.4 Obiettività e relazioni umane ............................................. .................................................. ............... 32
3.5 Razionalità ed emozioni .............................................. .................................................. .......................... 34
3.6 Corporalità ............................................... .................................................. .......................................... 36
3.7 Spiegazioni scientifiche .............................................. .................................................. ....................... 37
3.8 Lingua e azione .............................................. .................................................. ....................................... 40
3.9 Emozioni e interazioni umane: amore .......................................... ................................................. 45
3.10 Relazioni sociali e non sociali ............................................ .................................................. ................. 47
3.11 Etica ............................................... .................................................. .................................................. ........ 49
3.12 Costituzione politica e coesistenza ............................................. .................................................. .............. 51
4 TERZA PARTE: DOMANDE E RISPOSTE ........................................... ............................................... 56
5 QUARTA PARTE: EPITOME ............................................. .................................................. ............................... 64
5.1 Lingua ............................................... .................................................. .................................................. . 64
5.2 Emozioni ............................................... .................................................. ................................................ 65
5.3 Etica ............................................... .................................................. .................................................. ........ 67
5.4 Cospirazione ............................................... .................................................. ............................................. 68
6 QUINTA PARTE: INVITO AL CILE ........................................... .................................................. ............... 70

2

1 PRESENTAZIONE
Questo libro raccoglie principalmente due discorsi tenuti dal professor Humberto
Maturana presso il Center for Development Studies (CED) nel corso del 1988,
anno chiave nella storia recente del Cile.
Tutto è emerso, come sempre, dall'emozione e dalla riflessione prodotta da a
conversazione all'inizio del 1987. Era la passione di trovare nuove
risponde alla domanda su come superare i nostri disaccordi come
Cileni e migliorare la nostra convivenza. E la conferma che il nostro
le solite pratiche ci hanno portato molto poco a questo. I buoni argomenti non lo fanno
abbastanza, buone intenzioni o. Non gli sforzi ripetuti di alcuni e
altri. Le parole sembravano cadere nel vuoto, i governanti erano poco pensati e
politici, siano essi l'opposizione o il governo.
Cosa è mancato?
C'è un importante biologo cileno che sta sostenendo che la lingua è
molto più importante per la convivenza di ciò in cui avevamo creduto fino a quel momento
ora. Questo è molto più di un sistema di simboli per comunicare. che
ha a che fare con le emozioni e che sono anche decisive per il
convivenza umana. Questo biologo è continuamente invitato a tenere discorsi
le più prestigiose università straniere, riceve premi e tributi, a
Dottorato Honoris Causa a Bruxelles, ed è praticamente sconosciuto.
Quindi ho pensato che Humberto Maturana avesse qualcosa di molto importante da dare
in Cile, ma non stavamo ascoltando.
D'altra parte, il Centro per gli studi sullo sviluppo era stato fondato su
1981 proprio per essere un luogo di incontro tra cileni di diverso
ideologie e partiti, diverse professioni e professioni, interessi diversi e
valori, raccolti per il solo scopo di cercare insieme un percorso comune per
lo sviluppo materiale e umano del paese. Niente di più naturale allora
approfitta di quel posto, quello spazio di conversazione, per invitare la dottoressa Maturana
presentare la sua visione della politica e dell'istruzione dalle sue scoperte
nel campo della biologia e dell'evoluzione degli esseri viventi.
È così che abbiamo organizzato due seminari sull'istruzione e la politica dove
Invitiamo attori e operatori principali in queste aree in aprile e luglio
1988, rispettivamente. L'interesse suscitato da loro ci ha spinto a intraprendere
il lavoro di modifica dei discorsi. Abbiamo deciso di incorporare, inoltre, il testo
"Invito in Cile", dichiarazione sottoscritta da tutti i Premi Nazionali di
la scienza; cioè, le più alte autorità del paese nel campo scientifico. pochi

3
sapevano fino ad ora che la formulazione di quel documento appartiene quasi
interamente a Humberto Maturana. Il lettore attento scoprirà che quei due
le pagine condensano un intero progetto nazionale, che è esattamente ciò che
Maturana ci propone di riunirci come nazione.
Apprezziamo la decisione di Dolmen Ediciones (ex editoriale Hachette) di fare
pubblica queste conferenze in forma di libro.
Pensiamo che permettendo a un pubblico più ampio di leggere e studiare il
L'approccio del dott. Maturana, permettiamo di andare verso una nuova
comprensione delle relazioni umane che migliora la convivenza sociale in
il nostro paese e, forse, oltre.
Ernesto Tironi B. Centro per gli studi sullo sviluppo, Santiago, Cile, maggio
4
2 PARTE PRIMA: UNO SGUARDO ALL'ISTRUZIONE ATTUALE DAL
PROSPETTIVA DELLA BIOLOGIA DELLA CONOSCENZA
Mi è stato chiesto di rispondere a una domanda: l'attuale istruzione serve il Cile e
la sua giovinezza?, e in caso di risposta affermativa, per cosa o per chi? A1
Allo stesso tempo, mi è stato chiesto di considerare questo da angoli così diversi
come la società e l'aula, e che lo fa avendo in mente sia coloro che
lavorano dando lezioni ai giovani come a quelli che studiano il processo di
apprendimento e il fenomeno della conoscenza, cercando di capire come
impara, e ciò che permette la formazione della gioventù in un modo o nell'altro.
Per rispondere a questa domanda e soddisfare tali richieste, farò due tipi
di riflessioni. Uno su cosa sia l'educazione, e un altro su cosa
umano considerando la domanda: cos'è questo essere un essere umano? più
ancora, nel fare queste riflessioni dirò qualcosa sulla biologia dell'educazione e su
etica, e concluderò con alcune conclusioni generali che a mio avviso derivano da
tali riflessioni.
2.1 A cosa serve l'educazione?
Voglio iniziare con "per cosa" per una ragione molto semplice. Perché se uno
domanda l'istruzione attuale serve il Cile e i suoi giovani?, si sta facendo uno
la domanda dal presupposto che tutti capiscano cosa chiede la domanda.
Ma è vero? La nozione di servire è una nozione relazionale; qualcosa serve a
Qualcosa in relazione a un desiderio, nulla serve a se stesso. Fondamentalmente la domanda è: cosa
Vogliamo l'istruzione? Penso che non si possa considerare alcuno
domanda sull'attività umana in termini di valore, utilità,
o cosa si può ottenere da lui, se non si chiede cosa vuole.
Chiedersi se serve l'educazione cilena richiede di rispondere a domande come:
Cosa vogliamo con l'educazione? Che cosa è educare? Perché?
vogliamo educare? e, in definitiva, alla grande domanda: quale paese
vogliamo?
Penso che non si possa riflettere sull'educazione senza farlo prima o
contemporaneamente su questa cosa fondamentale nella vita di tutti i giorni
è il progetto di campagna in cui le nostre riflessioni
istruzione. Abbiamo un progetto di campagna? Forse la nostra grande tragedia attuale
è che non abbiamo un progetto nazionale. È vero che non possiamo suonare per tornare indietro
al passato Tuttavia, come professore universitario mi rendo conto del
esistenza di due progetti nazionali, uno del passato e uno del presente,
chiaramente diverso, uno che ho vissuto da studente e un altro che trovo
sono costretti a vivere dagli studenti attuali.
Ho studiato per tornare in campagna ciò che avevo ricevuto da lui; Ero immerso in
5
2 PARTE PRIMA: UNO SGUARDO ALL'ISTRUZIONE ATTUALE DAL
PROSPETTIVA DELLA BIOLOGIA DELLA CONOSCENZA
Mi è stato chiesto di rispondere a una domanda: l'attuale istruzione serve il Cile e
la sua giovinezza?, e in caso di risposta affermativa, per cosa o per chi? A1
Allo stesso tempo, mi è stato chiesto di considerare questo da angoli così diversi
come la società e l'aula, e che lo fa avendo in mente sia coloro che
lavorano dando lezioni ai giovani come a quelli che studiano il processo di
apprendimento e il fenomeno della conoscenza, cercando di capire come
impara, e ciò che permette la formazione della gioventù in un modo o nell'altro.
Per rispondere a questa domanda e soddisfare tali richieste, farò due tipi
di riflessioni. Uno su cosa sia l'educazione, e un altro su cosa
umano considerando la domanda: cos'è questo essere un essere umano? più
ancora, nel fare queste riflessioni dirò qualcosa sulla biologia dell'educazione e su
etica, e concluderò con alcune conclusioni generali che a mio avviso derivano da
tali riflessioni.
2.1 A cosa serve l'educazione?
Voglio iniziare con "per cosa" per una ragione molto semplice. Perché se uno
domanda l'istruzione attuale serve il Cile e i suoi giovani?, si sta facendo uno
la domanda dal presupposto che tutti capiscano cosa chiede la domanda.
Ma è vero? La nozione di servire è una nozione relazionale; qualcosa serve a
Qualcosa in relazione a un desiderio, nulla serve a se stesso. Fondamentalmente la domanda è: cosa
Vogliamo l'istruzione? Penso che non si possa considerare alcuno
domanda sull'attività umana in termini di valore, utilità,
o cosa si può ottenere da lui, se non si chiede cosa vuole.
Chiedersi se serve l'educazione cilena richiede di rispondere a domande come:
Cosa vogliamo con l'educazione? Che cosa è educare? Perché?
vogliamo educare? e, in definitiva, alla grande domanda: quale paese
vogliamo?
Penso che non si possa riflettere sull'educazione senza farlo prima o
contemporaneamente su questa cosa fondamentale nella vita di tutti i giorni
è il progetto di campagna in cui le nostre riflessioni
istruzione. Abbiamo un progetto di campagna? Forse la nostra grande tragedia attuale
è che non abbiamo un progetto nazionale. È vero che non possiamo suonare per tornare indietro
al passato Tuttavia, come professore universitario mi rendo conto del
esistenza di due progetti nazionali, uno del passato e uno del presente,
chiaramente diverso, uno che ho vissuto da studente e un altro che trovo
sono costretti a vivere dagli studenti attuali.
Ho studiato per tornare in campagna ciò che avevo ricevuto da lui; Ero immerso in

6
un progetto di responsabilità sociale, era un partecipante alla costruzione di un paese
in cui si ascoltava continuamente una conversazione sul benessere di
la comunità nazionale che uno ha contribuito a costruire facendo parte di
esso. Non ero l'unico. In un'occasione, all'inizio dei miei studi
studenti universitari, incontriamo tutti gli studenti del primo anno da dichiarare
le nostre identità politiche. Quando è successo, quello che pensavo fosse
suggestivo era che, nella diversità delle nostre identità politiche, esistesse un
Scopo comune: restituire al paese ciò che stavamo ricevendo da esso. Voglio dire,
Abbiamo vissuto la nostra appartenenza a diverse ideologie come modi diversi di
adempiere la nostra responsabilità sociale per tornare nel paese ciò che avevamo
ricevuto da lui, in un impegno esplicito o implicito, per eseguire il compito
fondamentale per porre fine alla povertà, alla sofferenza, alle disuguaglianze
e con gli abusi.
La situazione e le preoccupazioni degli studenti di oggi sono cambiate. Oggi il
gli studenti sono nel dilemma di scegliere tra ciò che viene loro chiesto,
che è quello di prepararsi a competere in un mercato professionale, e il ritmo del suo
empatia sociale che li porta a desiderare di cambiare un ordine politico culturale
generatore di disuguaglianze eccessive che portano povertà e sofferenza materiale
e spirituale.
La differenza tra prepararsi a tornare nel paese ciò che si ha
ricevuto da lui lavorando per porre fine alla povertà e prepararsi a competere
Nel mercato del lavoro, è enorme. Sono due mondi completamente
diverso. Quando ero studente, come ho detto, volevo restituire a
comunità ciò che ho ricevuto da lei, senza conflitto, perché la mia emozione e la mia
sensibilità verso l'altro e il mio scopo o intenzionalità riguardo al paese,
Hanno coinciso. Ma attualmente questa coincidenza tra scopo individuale e
scopo sociale non è dato perché al momento si è formato come
studente per entrare nella competenza professionale, si fa la sua vita
un processo di preparazione per partecipare a un'area di
interazioni che si definiscono nella negazione dell'altro sotto l'eufemismo: mercato
di concorrenza libera e sana. La competizione non è e non può essere salutare perché
è costituito nella negazione dell'altro.
Una sana competizione non esiste. La concorrenza è un fenomeno culturale e
umano e non costitutivo del biologico. Come un fenomeno umano,
la competizione è costituita dalla negazione dell'altro. Osserva le emozioni
coinvolto in competizioni sportive. In loro non c'è salute
convivenza perché la vittoria di uno nasce dalla sconfitta dell'altro, e la cosa seria è
che, nel discorso che considera la competizione come un bene sociale, non si vede
l'emozione che costituisce la prassi di competere, e questo è ciò che costituisce il
azioni che negano l'altro.
Ricordo di aver frequentato un corso di economia insegnato all'Università
Cattolico da un economista della scuola di Chicago, voleva capire il
sono costretti a vivere dagli studenti attuali.
Ho studiato per tornare in campagna ciò che avevo ricevuto da lui; Ero immerso in
7
economisti. Concentrò il suo discorso sulle leggi della domanda e dell'offerta. noi
Ha parlato delle sostituzioni di importazione per le produzioni locali e il
le esportazioni nel libero mercato, evidenziando i benefici della salute
competizione, eccetera. Gli ho chiesto se ce n'è
differenza quando coloro che vi partecipano sono amici e sono rispettati, con
Riguardo a quando non lo sono, non si conoscono e non si rispettano l'un l'altro. Non sapeva cosa
rispondere. Almeno questo mi ha rivelato che era una domanda che non era mai stata
Infatti, perché chi fa quella domanda non può fare a meno di lavorare per ottenere
una risposta, perché è una domanda fondamentale. Non è lo stesso
Incontro qualcuno che appartiene al proprio mondo e che si rispetta,
che un incontro con qualcuno che non appartiene al proprio mondo e che è per
uno indifferente, anche se questo è nella semplice transazione commerciale che noi
Sembra così ovvio e così chiaro. Non è lo stesso perché le emozioni coinvolte
Sono diversi

Se devo comprare o vendere qualcosa ciò che faccio ha relazione con il fatto che conosco e fa parte del mio ambiente la persona a cui vendo qualcosa o da cui acquisto qualcosa? E’ lo stesso se compro o vendo qualcosa a una persona che mi è indifferente perché non fa parte del mio ambiente?
Quindi i giovani cileni sono ora, implicitamente o esplicitamente,
spinto dall'attuale sistema educativo ad allenarsi a fare qualcosa di simile
Non è dichiarato come un progetto nazionale, ma configura un progetto
nazionale fondato sulla lotta e la reciproca negazione sotto l'invito al libero
la concorrenza. Anzi, si parla della libera competizione come se fosse un bene
trascendente valido in se stesso e che ognuno può solo valutare
positivamente e rispetto come una grande dea, o forse un grande dio, che apre
le porte al benessere sociale, anche se in realtà nega la cooperazione nel
convivenza che costituisce il sociale. Ma lasciamo da parte, per ora, il
domanda sul progetto nazionale e sulla competizione, e ci occupiamo del loro
fondamentali come aspetti del nostro essere culturale.


[…..] si parla della libera competizione, della concorrenza, dell’economia di mercato come se fosse un bene trascendente valido in se stesso e che ognuno può solo valutare positivamente e con rispetto come si trattasse di una grande dea, o forse un grande dio, che apre le porte al benessere sociale, anche se in realtà nega la cooperazione nella convivenza quest’ultima si caratteristica che costituisce il sociale.
2.2 Razionalità ed emozione
Cosa siamo? Cos'è umano? Di solito pensiamo all'essere umano, in
l'essere umano, come essere razionale, e spesso dichiariamo nel nostro
discorso che ciò che distingue gli esseri umani dagli altri animali è il loro essere
razionale.
Voglio attirare la vostra attenzione su queste affermazioni fatte in
l'assunto implicito che sia assolutamente chiaro ciò che si dice, e io voglio
fallo perché queste affermazioni, fatte così, con così facilità, costituiscono
in realtà accecano come quelli che i cavalli indossano così non si spaventano
con il transito dei veicoli che li superano in una corsa più veloce di
la tua. Ci sono pochi cavalli con i paraocchi a Santiago, ma in campagna
i paraocchi sono ancora indossati. Per quale scopo vengono utilizzati? Sono usati per limitare
visione. Se un cavallo vede qualcosa, un veicolo, ad esempio, che viene velocemente dal
lato, si spaventa e inizia a correre. Se lo vedi quando il veicolo è già passato, la tua reazione
È diverso
Tutti i concetti e le affermazioni su cui non abbiamo riflettuto, e quello
8
accettiamo come se volessero dire qualcosa, semplicemente perché sembra tutto
Il mondo li capisce, sono ciechi. Dire che la ragione caratterizza l'umano
è un blinder, ed è perché ci acceca dell'emozione che rimane
svalutato come qualcosa di animale o come qualcosa che nega il razionale. Cioè, a
dichiararci esseri razionali vivere una cultura che svaluta le emozioni,
e non vediamo l'intreccio quotidiano tra ragione ed emozione che costituisce
la nostra vita umana, e non ci rendiamo conto che ogni sistema razionale ha
un fondamento emotivo. Le emozioni non sono quello che di solito
noi chiamiamo sentimenti. Dal punto di vista biologico ciò che connotiamo
quando parliamo di emozioni ci sono disposizioni corporee dinamiche
definire i diversi domini di azione in cui ci muoviamo. Quando uno
cambiamento di emozione, cambio di dominio d'azione. In verità, lo sappiamo tutti
questo nella prassi della vita di tutti i giorni, ma noi lo neghiamo, perché lo insistiamo
ciò che definisce il nostro comportamento come umano è il suo essere razionale. Allo stesso tempo
tempo, sappiamo tutti che quando siamo in una certa emozione ci sono cose
cosa possiamo fare e cose che non possiamo fare e che accettiamo come
validi argomenti certi che non accetteremmo sotto un'altra emozione.
Prendi la seguente situazione come esempio: quando arrivi in ​​ufficio
uno dichiara che intende chiedere un aumento di stipendio al capo e alla segretaria amichevole
Dice: "Non chiedere niente oggi perché è arrabbiato, non ti darà niente". Non è vero?
forse quello che dice il segretario un'indicazione che lei lo sa
arrabbiato può agire solo in un certo modo, non perché è limitato
in un modo assoluto, ma perché è in un dominio in cui sono solo
possibili certe azioni e non altre? Quindi diciamo anche che le cose dicono
con rabbia hanno un potere, un valore o una rispettabilità diversi da quelli
detto in serenità ed equilibrio. Perché? Non perché qualcosa ha detto in
la rabbia è meno razionale della felicità nella serenità, ma perché è sua
la razionalità si basa su diverse premesse di base, accettate a priori da
una prospettiva di preferenze che la rabbia definisce. Ogni sistema razionale è
è operando con premesse accettate a priori da una certa emozione.
Biologicamente, le emozioni sono disposizioni corporee che determinano o
specificare i domini di azione. Vi invito a meditare su come riconoscono
tu le tue emozioni e quelle degli altri; e se lo faranno, lo vedranno
distinguere le diverse emozioni facendo qualche apprezzamento del dominio di
azioni in cui la persona o l'animale è, o fare una valutazione
del dominio di azioni che la loro corporeità connota.
Le emozioni sono un fenomeno del regno animale. Tutti gli animali
noi abbiamo Se tu di notte, a casa tua, quando accendi la luce e vedi in mezzo
del pezzo uno scarafaggio che cammina lentamente, gridano: "Scarafaggio!", il
Lo scarafaggio inizia a correre da un posto all'altro. Se ti fermi
osserva cosa succede, puoi rendertene conto le cose che lo scarafaggio
può fare in un caso e un altro sono completamente diversi. Lo scarafaggio quello
9
cammina lentamente nel mezzo della stanza dove può fermarsi per mangiare,
Ma lo scarafaggio che corre da un posto all'altro non può farlo. La stessa cosa noi
succede a noi, ma succede non solo con le azioni, ma anche con
la ragione
Parliamo come se il razionale avesse un fondamento trascendentale
dà validità universale indipendentemente da ciò che facciamo come esseri
vivo. Non è così. Ogni sistema razionale si basa su premesse fondamentali
accettato a priori, accettato perché sì, accettato perché ti piacciono,
accettato perché uno li accetta semplicemente dalle loro preferenze. E questo è
così in qualsiasi dominio, sia quello in matematica, quello in fisica, quello in
chimica, economia, filosofia o letteratura. Tutto il sistema
razionale si basa su premesse o nozioni fondamentali che si accettano come
punti di partenza perché vuole farlo e con cui opera nel suo
la costruzione. Anche le diverse ideologie politiche sono basate su premesse
che accetta come valido e tratta come ovvio a partire perché vuole
fallo E se si esercitano ragioni per giustificare l'adozione di tali premesse, il
il sistema razionale che giustifica tali motivi si basa su premesse accettate
perché sì, perché lo si vuole consapevolmente o inconsciamente.

Parliamo come se il razionale avesse un fondamento trascendentale di validità universale indipendentemente da ciò che facciamo come esseri viventi. Non è così. Ogni sistema razionale si basa su premesse fondamentali accettate a priori, accettate perché sì sono accettate perché piacciono a chi le ha accettate, in pratica sono accettate perché chi le accetta è semplicemente perché fanno parte delle sue preferenze. E questo è così in qualsiasi dominio, sia quello della matematica, quello della fisica, quello della chimica, economia, filosofia o letteratura. Tutto il sistema razionale si basa su premesse o nozioni fondamentali che si accettano come punti di partenza perché si vuole farlo, e con cui opera nella costruzione dello stesso. Anche le diverse ideologie politiche sono basate su premesse che si accettano come valide e trattano come ovvio a partire dalle stesse perché si vuole farlo. E se si esercitano ragioni per giustificare l'adozione di tali premesse, il sistema razionale che giustifica tali motivi si basa su premesse accettate perché lo si è fatto in base a ciò che si preferisce, perché lo si vuole consapevolmente inconsciamente.
Osserva che ci sono due tipi di discussioni tra le persone. C'è
discussioni, disaccordi, che si risolvono senza andare oltre
diventa rosso Se dico che due volte due è uguale a cinque e tu
dicono: "nessun uomo, non è così! Guarda, la moltiplicazione è fatta in questo modo",
mostrandomi come si costituisce la moltiplicazione, al massimo dico "ah!
Vedrai, hai assolutamente ragione, scusami. "Se succede, la cosa peggiore che possa capitarmi
è che divento rosso e ho un po 'di imbarazzo. Può anche essere
che non mi interessa nulla, perché il disaccordo non ha nient'altro che un a
fondamento logico poiché c'era un solo errore nell'applicare determinate premesse o certe
regole operative che io e l'altro accettammo. Il nostro disaccordo era
banale; Apparteneva alla logica.
Non ci arrabbiamo mai quando il disaccordo è solo logico, cioè quando il
Il disaccordo deriva da un errore nell'applicare le coerenze operative derivate
di premesse fondamentali accettate da tutte le persone in disaccordo.
Ma ci sono altre discussioni in cui ci arrabbiamo (questo è il caso di tutti
discussioni ideologiche); questo succede quando la differenza è nei locali
fondamenti che ognuno ha. Questi disaccordi portano sempre con loro a
scossa emotiva, perché i partecipanti al disaccordo vivono la loro
disaccordo come minacce esistenziali reciproche. Disaccordi nel
premesse fondamentali sono situazioni che minacciano la vita dall'altra
nega uno dei fondamenti del suo pensiero e la coerenza razionale del suo
esistenza.
Ecco perché ci sono dispute che non saranno mai risolte nel piano in cui
pongono. Ad esempio, la guerra in Irlanda del Nord non ha soluzione se non "Scarafaggio!"
Lo scarafaggio inizia a correre da un posto all'altro. Se ti fermi
osserva cosa succede, puoi rendertene conto le cose che lo scarafaggio
può fare in un caso e un altro sono completamente diversi. Lo scarafaggio quello


10
che un atto dichiarativo prende entrambi i lati dello spazio religioso dove,
entro le fondamenta di una credenza, negano le basi dell'altro, e
portali in un dominio di rispetto reciproco. Non è sufficiente che si incontrino
conversare i lati opposti dalla tolleranza all'errore dell'altro. Se lo fanno
quindi, finiranno per combattere, perché entrambe le parti stanno difendendo i sistemi
che, sebbene coerenti in se stessi, hanno premesse fondamentali differenti
escludere a vicenda, e che i loro coltivatori accettano o rifiutano non dalla ragione
ma dall'emozione: le premesse fondamentali di un'ideologia o di
Una religione è accettata a priori e, quindi, non ha alcun fondamento razionale.
Inoltre, se uno viene a proporre un argomento razionale per sceglierli
altre premesse, sostenendo per il suo sistema ideologico una base razionale,
uno lo rende cieco a ciò che è stato detto sopra, cioè lo rende cieco al fatto che
le premesse fondamentali fondamentali che sono alla base della razionalità del
Accettiamo l'argomento a priori. Per questo motivo, non possiamo fingere
una giustificazione trascendente per la nostra recitazione dicendo: "questo è razionale".
Ogni argomento senza errore logico è ovviamente razionale per chi accetta
le premesse fondamentali su cui si basa questo.
L'umano è costituito dall'intreccio tra l'emotivo e il razionale.
Il razionale è costituito dalle coerenze operative dei sistemi
argomentazioni che costruiamo in linguaggio per difendere o giustificare
le nostre azioni Attualmente viviamo i nostri argomenti razionali senza
fai riferimento alle emozioni su cui si basano, perché non lo sappiamo
loro e tutte le nostre azioni hanno un fondamento emotivo e noi crediamo che
una tale condizione sarebbe una limitazione per il nostro essere razionale. Ma è la base
emotivo della razionale una limitazione?
No! Al contrario: è la loro condizione di possibilità, e ora ho intenzione di spiegarti
che cosa.

Osserva che ci sono due tipi di discussioni tra le persone. Ci sono discussioni, disaccordi, che si risolvono senza andare oltre al diventare  rosso per la vergogna. Se io dico che due volte due è uguale a cinque e tu mi dici: "nessun uomo sostiene questo, non è così! Guarda, la moltiplicazione si fa in questo modo", mostrandomi come si costituisce la moltiplicazione, al massimo io posso dire "ah! Ecco, hai assolutamente ragione, scusami. "Se succede, la cosa peggiore che possa capitarmi è che divento rosso e ho un po 'di imbarazzo. Può anche essere che non mi imbarazzo per niente, perché il disaccordo non ha nient'altro che un fondamento logico poiché c'era un solo errore nell'applicare determinate premesse o certe regole operative che io e l'altro accettiamo. Il nostro disaccordo era banale perché apparteneva alla logica.
Non ci arrabbiamo mai quando il disaccordo è solo logico, cioè quando il il disaccordo deriva da un errore nell'applicare le coerenze operative derivate da premesse fondamentali accettate da tutte le persone in disaccordo.
Ma ci sono altre discussioni in cui ci arrabbiamo (questo è il caso di tutte le discussioni ideologiche); questo succede quando la differenza è nelle premesse fondamentali che ha ognuno. Questi disaccordi portano sempre con loro ad una scossa emotiva, perché i partecipanti al disaccordo vivono il loro disaccordo come minacce esistenziali reciproche. Disaccordi nelle premesse fondamentali sono situazioni che minacciano la vita dall'altra persona perché nega uno dei fondamenti del suo pensiero e la coerenza razionale della sua esistenza.
Ecco perché ci sono dispute che non saranno mai risolte al livello in cui sono poste. Ad esempio, la guerra in Irlanda del Nord non ha soluzione se non quella dello "Scarafaggio!"
Lo scarafaggio inizia a correre da un posto all'altro. Se ti fermi osserva cosa succede, puoi rendertene conto le cose che lo scarafaggio può fare in un caso o in un altro sono completamente diverse. Lo scarafaggio quello che con un atto dichiarativo prende entrambi i lati dello spazio religioso dove, entro le fondamenta di una credenza, si negano le basi dell'altro, e li si portano in un dominio di rispetto reciproco. Non è sufficiente che si incontrino per conversare dai lati opposti senza tolleranza all'errore dell'altro. Se lo fanno quindi, finiranno per combattere, perché entrambe le parti stanno difendendo i sistemi che, sebbene coerenti in se stessi, hanno premesse fondamentali differenti che si escludono a vicenda, e che i chi le coltiva accettano o rifiutano non partendo dalla ragione ma dall'emozione: le premesse fondamentali di un'ideologia o di una religione sono accettate a priori e, quindi, non hanno alcun fondamento razionale.
Inoltre, se uno viene a proporre un argomento razionale per scegliersi altre premesse, sostenendo per il suo sistema ideologico una base razionale, non fa altro che renderlo cieco a ciò che è stato detto sopra, cioè lo rendono cieco al fatto che le premesse fondamentali che sono alla base della razionalità sono le premesse che accettiamo a priori. Per questo motivo, non possiamo fingere una giustificazione trascendente per la nostra posizione dicendo: "questo è razionale".
Ogni argomento senza errore logico è ovviamente razionale per chi accetta le premesse fondamentali su cui si basa l’argomento stesso.
L'umano è costituito dall'intreccio tra l'emotivo e il razionale. Il razionale è costituito dalle coerenze operative dei sistemi delle argomentazioni che costruiamo in linguaggio per difendere o giustificare le nostre azioni. Attualmente viviamo i nostri argomenti razionali senza fare riferimento alle emozioni su cui si basano, perché non sappiamo che tutte le nostre azioni hanno un fondamento emotivo anche perchè noi crediamo che una tale condizione sarebbe una limitazione per il nostro essere razionale. Ma la base emotiva del razionale è una limitazione?
2.3 Origine dell'umano: la lingua
Per spiegare perché il fondamento emotivo della nostra ragione non è un
limitazione, devo fare qualche riferimento all'origine dell'umano e dell'origine
della lingua Per dare un resoconto dell'origine dell'umano, dobbiamo iniziare
riferendosi a ciò che accadde tre milioni e mezzo di anni fa.
Sappiamo dai documenti fossili che c'erano tre milioni e mezzo di anni fa
primati bipedi che, come noi, avevano una camminata retta e possedevano
spalle, ma avevano un cervello molto più piccolo (circa uno)
terzo dell'attuale cervello umano). Sappiamo anche che questi primati vivevano
in piccoli gruppi, come famiglie estese da dieci a dodici individui che
Hanno incluso neonati, bambini e adulti. Esaminando i suoi denti sappiamo che lo erano
animali mangiatori di cereali, quindi, raccoglitori e, presumibilmente,
solo cacciatori occasionali. Tutto ciò indica che questi nostri predecessori
hanno condiviso il loro cibo e sono stati immersi in una sensualità ricorrente con
11

i maschi che hanno partecipato alla cura dei giovani, in un modo di vivere quello
fonda un lignaggio che raggiunge il presente e in cui, inoltre, il cervello cresce
da circa 430 cc a 1450 o 1500 cc. Ma come si fa?
propriamente umano, e a cosa è associata questa crescita del cervello?
È stato spesso detto che la storia della trasformazione del cervello
l'essere umano ha a che fare con l'uso di strumenti, principalmente con il
sviluppo della mano nella sua fabbricazione. Non condivido questa opinione come la mano
Era già stato sviluppato nei nostri predecessori. Penso che sia più fattibile
che l'abilità manuale e la sensibilità che ci caratterizza sono emerse nell'arte
di sbucciare i piccoli semi delle erbe della savana, e nel
partecipazione della mano alla carezza per la sua capacità di conformarsi a qualsiasi
La superficie del corpo in un modo morbido e sensuale. Io discuto, d'altra parte, quello
La storia del cervello umano è principalmente legata alla lingua.
Quando un gatto gioca con una palla, sta usando le stesse coordinazioni
Muscoloso di noi. Se hai qualcosa e lo lasci cadere, lo prendi in un
rally che non è diverso dal gatto. La scimmia lo fa con lo stesso o maggiore
eleganza che anche se la tua mano non può estendersi come la nostra.
L'umano peculiare non è nella manipolazione, ma nel linguaggio e nel suo
intrecciando con il brivido.
Ma, se l'ominizzazione del cervello dei primati ha a che fare con il linguaggio, con
l'origine della lingua deve fare? Attualmente diciamo che il
La lingua è un sistema simbolico di comunicazione. Io sostengo che tale
l'affermazione ci impedisce di vedere che i simboli sono secondari alla lingua. se
stavi guardando fuori dalla finestra due persone senza sentire i suoni
che emettono, cosa dovresti osservare per dire che quelle persone
Stai parlando? Quando si dice che un altro è nella lingua? il
la risposta è semplice e lo sappiamo tutti: uno dice che due persone lo sono
conversando quando vede che il corso delle sue interazioni costituisce un
flusso di coordinamenti di azioni. Se non vedi la coordinazione dell'azione,
o secondo il gergo moderno, se non vedi la comunicazione, non parlerai mai di
la lingua. Il linguaggio ha a che fare con i coordinamenti di azione, ma non con
qualsiasi coordinamento dell'azione ma con il coordinamento delle azioni
Consensuale. Inoltre, la lingua è un'operazione in coordinazione
coordinamento consensuale delle azioni consensuali. Chiariamo
2.4 Evoluzione e competizione
L'evoluzione è un processo conservativo. Quando si parla di esseri viventi, e
della diversità degli esseri viventi, e pensa alla spiegazione evolutiva che
propone un antenato comune per tutti loro, una meraviglia ai cambiamenti
che devono essere accaduti dall'origine degli esseri viventi al presente. Questo
Mi chiedo, tuttavia, che non dovresti nasconderci quanto sia fondamentale per una tale persona
la storia accade, la conservazione del nuovo nella conservazione del vecchio.

12
La biologia moderna si è concentrata sulla genetica e sull'eredità per
spiegare questa conservazione, assimilando ogni carattere o tratto segnalabile nel
esseri viventi a un determinante molecolare negli acidi nucleici. Quindi, per il
la biologia moderna la specie appare definita come una configurazione genetica
ciò viene preservato attraverso la storia riproduttiva di una popolazione o di un
sistema di popolazione ed evoluzione come il cambiamento di configurazione
genetica conservata in tale popolazione o sistema di popolazione. Penso
diverso. Penso che ciò che definisce una specie è un modo di vivere, a
configurazione delle relazioni mutevoli tra organismo e mezzo che inizia
con la concezione dell'organismo e termina con la sua morte, e ciò viene preservato
generazione dopo generazione come fenotipo ontogenetico, come stile di vita
in un mezzo e non come una particolare configurazione genetica. Il cambiamento
l'evoluzione è prodotta, secondo questo, quando si costituisce un nuovo lignaggio
cambiare il modo di vivere che è conservato in una successione riproduttiva. da
questo, nella misura in cui il cambiamento evolutivo avviene attraverso la conservazione
di nuovi fenotipi ontogenetici, l'elemento centrale nel fenomeno evolutivo è nel
cambiamento di stile di vita e nella sua conservazione nella costituzione di un lignaggio di
organismi congruenti con le loro circostanze e non in contraddizione con esso.
In queste circostanze, il fenomeno della concorrenza che si verifica nel campo
culturale e che implica contraddizione e negazione dell'altro, non si verifica nel
campo biologico. Gli esseri viventi non umani non competono, alcuni scivolano
tra gli altri e con gli altri in reciproca congruenza nel mantenere la loro autopoiesi e la loro
corrispondenza con un mezzo che include la presenza di altri e non li nega.
Se due animali sono di fronte a un cibo e uno lo mangia e l'altro no,
questa non è competizione. Non è perché non è centrale per ciò che accade a chi
Mangia che l'altro non mangi. Al contrario, nel dominio umano, la competizione
culturalmente costituisce quando l'altro non ottiene ciò che si ottiene
rende fondamentale come una modalità di relazione.
La vittoria è un fenomeno culturale che si costituisce nella sconfitta dell'altro. il
la competizione viene vinta quando l'altra fallisce di fronte a una, ed è costituita quando
Il fatto che ciò accada è culturalmente desiderabile. Nel campo biologico non umano
Quel fenomeno non succede. La storia evolutiva degli esseri viventi non coinvolge
la concorrenza. Pertanto, nell'evoluzione dell'umano, la competizione non partecipa
ma la conservazione di un fenotipo ontogenetico o stile di vita, in cui il
"linguaggiare" può sorgere come variazione circostanziale alla sua realizzazione
ogni giorno che non richiede nulla di speciale. Tale modo di vivere si è verificato nel
coordinamenti comportamentali di condivisione del cibo facendoli passare l'un l'altro
altri nello spazio di interazioni ricorrenti di sensualità personalizzata
che portano con sé l'incontro sessuale frontale e la partecipazione dei maschi
la crescita dei bambini, presente nei nostri antenati tre anni e mezzo fa
milioni di anni In altre parole, dico che è in conservazione in un certo senso
13
vogliamo, ecco perché non accadono. 0 diciamo che vogliamo una cosa, ma non la
vogliamo e vogliamo un altro, e naturalmente facciamo quello che vogliamo, dicendo
che l'altro non può. C'è qualche saggezza consueta tradizionale quando
si dice "con i loro atti li conoscerai". Ma cosa sapremo
guardando le azioni dell'altro? Conosceremo le tue emozioni come basi
che costituiscono le loro azioni; non sapremo cosa potremmo chiamare loro
sentimenti, ma lo spazio dell'esistenza effettiva in cui quell'essere umano
si muove.
2.6 Fondamento emotivo del sociale
L'emozione fondamentale che rende possibile la storia dell'ominizzazione è l'amore.
So che quello che dico potrebbe essere scioccante, ma, insisto, è l'amore. Non lo sono
parlando dal cristianesimo Se mi perdoni, lo dirò,
sfortunatamente, la parola amore è stata distorta, e questo
emozione devitalizzata che connota così tanto da dire che l'amore è qualcosa di speciale
e difficile L'amore è costitutivo della vita umana ma non è niente di speciale. il
l'amore è il fondamento del sociale, ma non tutte le convivenze sono sociali. L'amore
è l'emozione che costituisce il dominio dei comportamenti in cui il
operatività dell'accettazione dell'altro come legittimo altro nel
coesistenza, ed è questo modo di convivenza che connotiamo quando parliamo
del sociale. Ecco perché dico che l'amore è l'emozione che fonda il sociale; senza
l'accettazione dell'altro in convivenza non c'è fenomeno sociale.
In altre parole, dico che solo le relazioni sociali sono basate sul
l'accettazione dell'altro come legittimo altro in convivenza, e tale accettazione
è ciò che costituisce un comportamento rispettoso. Senza una storia di interazioni
sufficientemente ricorrente "avvolto e lungo, dove c'è accettazione reciproca
in uno spazio aperto ai coordinamenti delle azioni, non possiamo aspettare
quel linguaggio emerge Se non ci sono interazioni in reciproca accettazione,
produce separazione o distruzione. In altre parole, se nella storia del
esseri viventi c'è qualcosa che non può sorgere nella competizione, questa è la lingua.
Ripeto ciò che ho già detto, il linguaggio come dominio dei coordinamenti
comportamenti consensuali di coordinamenti comportamentali consensuali,
può sorgere solo in una storia di coordinamenti comportamentali
consensuale, e ciò richiede una convivenza costituita nell'operatività di
accettazione reciproca, in uno spazio di azioni che coinvolge costantemente
Coordinamenti comportamentali consensuali in quella operatività. Come già
Ho anche detto, questo deve essere successo nella storia evolutiva del nostro
predecessori e cosa sappiamo del loro modo di vivere più probabile
Tre milioni di anni fa rivela che anche allora c'era un tale stile di vita.
Inoltre, questo modo di vivere è ancora conservato in noi. In effetti, siamo ancora
raccogliere animali, e questo è evidente sia per quanto bene abbiamo avuto nel
supermercati come nella nostra vitale dipendenza dall'agricoltura; siamo ancora
14
condividendo gli animali, e questo è evidente nel bambino da cui prende il cibo
la bocca per darla alla madre, e cosa succede quando qualcuno ci chiede un
l'elemosina; siamo ancora animali che vivono nella coordinazione consensuale di
azioni e questo vediamo nella facilità con cui siamo disposti a partecipare
nelle attività di cooperazione quando non abbiamo un argomento razionale per
negaci; siamo ancora animali in cui i maschi partecipano alle cure
della progenie, che vediamo nella volontà degli uomini di prendersi cura di
i bambini quando non hanno argomenti razionali per svalutare tale attività;
Tuttavia, siamo animali che vivono in piccoli gruppi, il che è evidente in
il nostro senso dell'appartenenza familiare; siamo ancora animali sensuali
viviamo spontaneamente nel toccare e accarezzare, quando non ci apparteniamo
una cultura che nega la legittimità del contatto fisico; e infine, ancora
siamo animali che vivono la sensualità nell'incontro personalizzato con il
un altro, ciò che è evidente nella nostra denuncia quando ciò non accade.
Ma, soprattutto, nel presente della storia evolutiva a cui apparteniamo,
e che è iniziato con l'origine della lingua quando è stato fatto nella lingua
parte del modo di vivere che una volta conservato costituiva il lignaggio dell'Homo a cui
noi apparteniamo, siamo animali dipendenti dall'amore. L'amore è emozione
centrale alla storia evolutiva umana sin dal suo inizio, e tutto è dato come
una storia in cui la conservazione di uno stile di vita in cui l'amore,
l'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza, è una condizione
necessario per il normale sviluppo fisico, comportamentale, psichico, sociale e spirituale
del bambino, nonché per la conservazione della salute fisica, comportamentale, psichica,
Adulto sociale e spirituale
In senso stretto, gli esseri umani hanno origine nell'amore e noi siamo
dipende da lui Nella vita umana, la maggior parte della sofferenza viene dal
Negazione dell'amore: gli esseri umani sono figli dell'amore.
In realtà, direi che il 99% delle malattie umane ha a che fare con
la negazione dell'amore. Non sto parlando da cristiano, non mi interessa cosa
ha detto il Papa, non sto imitando quello che dice, sto parlando dal
biologia. Sto parlando dalla comprensione delle condizioni che rendono
possibile una storia di interazioni ricorrenti sufficientemente intime come
in modo che la "ricorsione" possa avvenire in coordinamenti comportamentali
consensuale che costituisce la lingua.
Emotivamente, siamo mammiferi. I mammiferi sono animali in cui il
il brivido è, in gran parte, consensuale e in cui l'amore in particolare
Gioca un ruolo importante. Ma amore, come l'emozione che costituisce
operare in reciproca accettazione e fonda il sociale come sistema di convenienza,
Accade anche con i cosiddetti insetti sociali. Se osservi a
il formicaio, ad esempio, noterà che le formiche che lo costituiscono non lo sono
si attaccano a vicenda, anche se attaccano e distruggono un intruso, cooperano nel
costruzione e manutenzione del formicaio e condivisione del cibo. Inoltre, lo è
15
possibile costruire la storia evolutiva degli insetti sociali e mostrare cosa
costituisce come tale. Infatti, dallo studio dei diversi tipi di
insetti che attualmente esistono, e resti fossili che ci sono, uno
può mostrare che l'origine della socializzazione degli insetti si verifica nel
momento in cui le femmine depongono le uova e rimangono a toccarle e succhiarle
alcune deliziose secrezioni che queste hanno senza mangiarle o danneggiarle. in
altre parole, la storia degli insetti sociali inizia quando le femmine
trattano le loro uova come una società legittima in un rapporto di accettazione
reciproco; ed è costituito dalla formazione di un lignaggio in cui tale relazione di
le interazioni di mutua accettazione sono preservate come uno stile di vita e sono estese,
alle larve e agli adulti. Tutte le attuali comunità di insetti sociali
alveare, formicaio o nido di termiti, qualunque sia la sua complessità, sono il
presente di una storia di conservazione dei rapporti di reciproca accettazione
tra i suoi membri che inizia nella relazione dell'uovo femminile. Se le femmine
si sarebbero separati dalle loro uova o distrutti toccandoli o
succhiarli, questa storia non sarebbe accaduta.
L'emozione che fonda il sociale come emozione che costituisce il dominio di
azioni in cui l'altro è accettato come legittimo altro in convivenza,
è amore Relazioni umane che non sono basate sull'amore, dico di no
sono relazioni sociali Pertanto, non tutte le relazioni umane sono
i social network, non sono tutte comunità umane, perché non tutte
si basano sull'operatività della reciproca accettazione.
Diverse emozioni specificano diversi domini di azioni. pertanto,
le comunità umane fondate su altre emozioni diverse dall'amore saranno
costituito in altri domini di azioni che non saranno quello della collaborazione e
condivisione, in coordinazioni di azioni che implicano l'accettazione dell'altro
come legittimo altro nella convivenza e non saranno comunità sociali.
2.7 Biologia dell'educazione
Ora voglio dire qualcosa sulla biologia dell'educazione. Per questo devo
Invitali a pensare per un momento a cosa succede con un essere vivente nella sua storia
individualmente.
Gli esseri viventi sono determinati sistemi nella nostra struttura. Questo vuole
diciamo che siamo sistemi tali che, quando qualcosa di esterno ci riguarda,
quello che succede a noi dipende da noi, dalla nostra struttura in quel momento, e
non dall'esterno. La lunga discussione che si è svolta nel corso di
storia sulla separazione dell'anima, è risolta quando ammettiamo (e non lo farò
fare il pieno sviluppo di questo) che siamo certi sistemi in
la nostra struttura e, quindi, che ci sono determinati fenomeni che non si verificano
all'interno del corpo ma nelle relazioni con gli altri. Ho detto un momento fa
la lingua è un dominio di coordinamenti comportamentali consensuali di
Coordinamenti comportamentali consensuali. Si noti che se avessi avuto
16
detto, la lingua è il nostro strumento di comunicazione, avrei messo il
linguaggio nel corpo come strumento attraverso il quale gestiamo i simboli
nella comunicazione. Se ho gestito qualcosa che è un simbolo per passarlo a
un altro, tratterei il linguaggio come una proprietà in me che mi permette di gestire
simboli. Ma riconosco che la lingua è costituita dai coordinamenti
comportamenti consensuali di coordinamenti comportamentali consensuali;
Riconosco anche che il linguaggio non è dato nel corpo come un insieme di
regole, ma nel flusso in coordinamenti comportamentali consensuali.
Certamente se mi viene colpito in testa e cado svenuto o morto,
finire il mio discorso Ho bisogno che il mio cervello sia nella lingua, io ho un
cervello che è in grado di crescere nella lingua, ma il linguaggio non si verifica nel
cervello. La lingua come fenomeno, come operazione dell'osservatore, non ha
posto in testa, né è costituito da un insieme di regole, ma si svolge in
lo spazio delle relazioni e appartiene al campo del coordinamento dell'azione
come un modo per fluire in loro, non come qualcosa di datazione. Se cambi la mia struttura,
Cambia il mio modo di essere in relazione con gli altri e, quindi, cambia il mio
"Linguaggiare". Se cambi la mia "lingua", cambia lo spazio "lingua" nel
quale sono e cambio le interazioni a cui partecipo con il mio "lenguao". ma
la lingua è costituita e data nel flusso dei coordinamenti consensuali di
azione, non nella testa o nel cervello, o nella struttura del corpo o nel
grammatica, né nella sintassi.
Ciò che connotiamo quando parliamo della psiche e del sensitivo, non accade neanche
nel cervello, ma è costituito come un modo di relazionarsi al
circostanza e / o con l'altra che acquisisce una complessità speciale nel
ricorsione dell'operazione umana nella lingua.
L'autocoscienza non è nel cervello, appartiene allo spazio correlato)
costituisce nella lingua L'operazione che dà origine alla consapevolezza di sé ha
fare con la riflessione nella distinzione di quello che distingue, che diventa possibile in
il dominio del coordinamento delle azioni nel momento in cui esiste
la lingua. Quindi l'autocoscienza sorge quando l'osservatore costituisce il
auto-osservazione come entità distinguendo la distinzione dalla distinzione nel
"Linguaggiare".
Riconoscendo che siamo determinati, i sistemi nella nostra struttura non dovrebbero
resisti. Tale riconoscimento non sopprime le nostre esperienze spirituali,
né quelli che chiamiamo sensitivi: al contrario, ci permette di realizzare
che questi, come già detto, non appartengono al corpo, ma allo spazio di
relazioni in cui si verifica la coesistenza. Per questo motivo, tutta la storia individuale
l'umano è sempre un'epigenesi nella convivenza umana. Questo è tutto
la storia individuale umana è la trasformazione di una struttura ominide iniziale
il fondatore dipende da una particolare storia di interazioni che
è dato costitutivamente nello spazio umano che è stato costituito nella storia
ominide a cui apparteniamo con l'istituzione di "linguaggiare" come

17
parte del nostro modo di vivere. La cellula iniziale che ha trovato un organismo
costituisce la sua struttura dinamica iniziale, che cambierà a seguito di
i tuoi processi interni in un corso modulato dalle tue interazioni in a
medio, secondo una dinamica storica in cui gli agenti esterni sono gli unici
Lo fanno è innescare alcuni cambiamenti strutturali in esso. Il risultato di tale
processo è uno sviluppo di cambiamenti strutturali dipendenti dalla sequenza di
interazione dell'organismo, che dura dal suo inizio fino alla sua morte come in a
processo storico, perché il presente dell'organismo sorge in ogni momento come
una trasformazione del presente dell'organismo in quel momento. Il futuro di a
L'organismo non è mai determinato alla fonte. È dalla comprensione di questo
che dobbiamo considerare l'istruzione e l'educazione.
2.8 Cos'è l'educazione?
Educare è il processo in cui convivono il bambino o l'adulto
un altro e quando vive con l'altro si trasforma spontaneamente in modo che sia suo
il modo di vivere diventa progressivamente più congruente con quello dell'altro nel
spazio di convivenza. L'istruzione si verifica, quindi, in ogni momento; così
reciproco, come trasformazione strutturale contingente di una storia nel
vivere in cui si scopre che le persone imparano a vivere in un modo simile
è configurato in base alla coesistenza della comunità in cui vivono. Educazione come
"sistema educativo" configura un mondo e gli studenti confermano nelle loro vite
il mondo in cui hanno vissuto nella loro educazione. Gli educatori, a loro volta, confermano il
mondo che hanno vissuto per essere educati nell'educazione.
L'educazione è un processo continuo che dura una vita e che rende il
comunità in cui viviamo un mondo spontaneamente conservatore fino al
educare si riferisce. Questo non significa, ovviamente, che il mondo dell'educazione no
cambiare, ma sì, quella educazione, come sistema per addestrare il bambino e
adulto, ha effetti di lunga durata che non sono facilmente modificabili. Ce ne sono due
epoche o periodi cruciali nella storia di ogni persona che ha
conseguenze fondamentali per il tipo di comunità che portano con sé
nella sua vita. Questi sono l'infanzia e la giovinezza. Nell'infanzia, il bambino vive
mondo in cui è basata la sua possibilità di diventare un essere capace di accettare
e rispettare l'altro dall'accettazione e dal rispetto di sé. In gioventù, esso
dimostra la validità di quel mondo di convivenza in accettazione e rispetto per
un altro dall'accettazione e il rispetto per se stessi all'inizio di una vita
adulto socialmente e individualmente responsabile.
Quando vivremo, educeremo e preserveremo nel vivere il mondo in cui viviamo
come studenti. Ed educeremo gli altri con il nostro vivere con loro il mondo
viviamo nella convivenza.
Ma quale mondo amiamo?
Voglio un mondo in cui i miei figli crescano come persone che sono accettate
18
e rispettarsi, accettare e rispettare gli altri in uno spazio di
coesistenza in cui gli altri li accettano e li rispettano da quando accettano e
Rispetta se stessi. In uno spazio di convivenza di quel tipo, la negazione
l'altro sarà sempre un errore rilevabile che può e verrà corretto.
Come raggiungerlo? È facile: vivere questo spazio di convivenza.
Viviamo la nostra educazione, in modo che il bambino impari ad accettare e a
Rispetta te stesso perché sei accettato e rispettato nel tuo essere, perché
imparerà ad accettare e rispettare gli altri. Per fare questo dobbiamo riconoscere
che non è in alcun modo trascendente, ma che diventa un
continua a cambiare o stabile ma non assoluto o necessariamente a
Sempre. Ogni sistema è conservativo in ciò che è costitutivo o è
disintegra. Se diciamo che un bambino è in un certo modo: buono, cattivo,
intelligente o sciocco, stabiliamo la nostra relazione con quel bambino in base a cosa
quello che diciamo, e il bambino, a meno che non accetti e rispetti se stesso, non avrà
fuggi e cadrai nella trappola della non-accettazione e non ti rispetto
perché può essere solo qualcosa che dipende da ciò che emerge come un bambino buono, o
cattivo, o intelligente, o stupido, nel tuo rapporto con noi. E se il bambino non può
accetta e rispetti te stesso, non puoi accettare e rispettare l'altro. Lui avrà paura,
invidierà o disprezzerà l'altro, ma non lo accetterà o lo rispetterà; e senza accettazione
e il rispetto dell'altro come legittimo altro nella convivenza, non c'è fenomeno
sociale. Vediamo cosa significa accettare e rispettare te stesso.
Qualche giorno fa un mio amico mi ha parlato di una conversazione che ha avuto con lei
figlia che mi invita ad un commento. La sua storia è andata così: "Ho avuto una conversazione con
mia figlia (Juanita, otto anni) che mi ha detto:
Mamma, non mi conosci.
Come, Juanita, come mai non ti conosco?
Mamma, non mi conosci perché non sai che sono una persona felice e libera. "
Dopo aver ascoltato questa storia la mia riflessione è stata la seguente: "Amico mio, lo penso
per capire cosa dice Juanita quando dice che è felice è relativamente
facile e non dirò altro. Riguarda cosa vuol dire essere liberi che voglio dire qualcosa. Juanita
non parla dalla ragione, parla dall'emozione, e dall'emozione cosa
Dice che non si sente in colpa per le sue azioni. In modo che lei non si senta
colpevole delle loro azioni, deve viverle dalla sua legittimità, perché non lo sa
Si sente negata nella sua relazione con te e accetta se stessa. Juanita non pensa
o sente che deve cambiare, non pensa o sente di sbagliare. A1 stesso
lei si rispetta e non si scusa per quello che fa; cioè, atti
senza fare questa riflessione, dalla sua stessa legittimità. Mi congratulo con te, come tua mamma
una persona che non nega a tua figlia richieste o punizioni e la lasci vivere
il futuro, nell'amore che lo costituisce come essere sociale.
Ripeto: senza accettazione e rispetto per se stessi non si può accettare e rispettare il
un altro, e senza accettare l'altro come legittimo altro in convivenza, non c'è
19
fenomeno sociale.
Senza accettazione e rispetto per se stessi non si può accettare e rispettare l’altro, e se non si accetta l’altro come legittimo altro che convive con noi, non c'è fenomeno sociale.

Inoltre, il bambino che non accetta e rispetta se stesso non ha spazio per
riflessione perché è nella continua negazione di se stessa e nella ricerca ansiosa di
cosa non è e non può essere.
Come potrebbe il bambino guardare se stesso se ciò che vede non è accettabile, e lo sa
Perché è quello che gli adulti ti hanno detto dai genitori agli insegnanti?
Come potrebbe il bambino guardare se stesso se già sa che è sempre sbagliato
Perché no, è ciò che dovrebbe essere o ciò che non dovrebbe essere? Se educazione cilena
non porta i bambini cileni ad accettare e rispettare l'accettazione e
rispettare gli altri quando è accettato e rispettato, è sbagliato e non serve
Cile.
Ma l'auto-accettazione e il rispetto di sé non avvengono se il proprio compito
Non è adeguato vivere. Come posso accettare e rispettare me stesso se io
Lo so, cioè se il mio fare non è adatto per la mia vita e, quindi, non è un
sapere nella vita quotidiana, ma nella vita letteraria di un mondo straniero? Se lo fai
che i bambini del Cile imparano non è un fare nello spazio della vita quotidiana
del bambino cileno che vive in Cile, l'educazione cilena non serve il Cile.
Come posso accettare e rispettare me stesso se sono preso nel mio
fare (sapere) perché non ho imparato un do (pensa) che mi permette
impara qualsiasi altro compito per cambiare il mio mondo se la mia vita cambia
tutti i giorni? Se l'educazione in Cile non porta il bambino cileno a un lavoro di routine (sapere)
che ha a che fare con la tua vita quotidiana in modo che tu possa riflettere sul tuo
fare e cambiare il mondo rispettando se stessi e l'altro, il
L'istruzione in Cile non serve il Cile.
Come posso accettare e rispettare me stesso se non ho imparato a rispettare i miei errori e trattarli come legittime opportunità di cambiamento perché sono stato punito in quanto avevo torto? Se l'educazione in Cile porta il bambino a vivere i suoi errori come una negazione della sua identità, l'istruzione in Cile non serve il Cile.
Come posso accettare e rispettare me stesso se il valore di ciò che faccio è misurato rispetto all'altro nella competizione continua che mi nega e nega l’altro, e non per la serietà e la responsabilità con cui lo faccio? Se educazione in Cile stimola la competizione e la negazione di se stesso e dell'altro che porta con esso, l'istruzione in Cile non serve il Cile.
È difficile educare all'accettazione e al rispetto di sé che porta a accettazione e rispetto dell'altro e serietà nel compito? No, ma richiede che l'insegnante sappia come interagire con i bambini e ragazze in un processo che non le nega o le punisce per il modo in cui appaiono nella relazione o perché non appaiono come le richieste culturali dicono che dovrebbero essere, e possono farlo perché rispettano se stessi e l'altro.
La cosa centrale nella convivenza umana è l'amore, le azioni che costituiscono
20
un altro come legittimo altro nella realizzazione dell'essere sociale in cui vivevo
accettazione e rispetto per se stessi, nonché accettazione e rispetto per
altro. La biologia dell'amore assicura che questo avvenga come un processo
Normale se ci vivi.
Ma come si arriva all'istruzione la possibilità di accedere a qualsiasi
dominio del sapere (fare)? È richiesto di sapere tutto dal
Comincio? no; non hai bisogno di sapere tutto dall'inizio, ma sì, tu
richiede una signoria riflessiva nel mondo in cui si vive; rispetto e accettazione
di se stessi e degli altri in assenza di un'urgenza competitiva. Se ho imparato a
conoscere e rispettare il mio mondo, che sia la campagna, la montagna, la città, il
foresta o il mare; non negarlo o distruggerlo, e ho imparato a riflettere
Accettazione e rispetto per me stesso, posso imparare qualsiasi cosa fare.
Se l'educazione in Cile non porta il bambino alla conoscenza del suo mondo nel
rispetto e riflessione, non serve i cileni o il Cile.
Se l'educazione in Cile porta ad aspirazioni che svalutano ciò che è giusto invitare
a un compito estraneo al quotidiano nella fantasia di ciò che non è vissuto, il
L'educazione invincibile non serve il Cile o i cileni.
L'ambizione può occasionalmente portare alla ricchezza o al successo individuale, ma
non conduce alla trasformazione armonica del mondo nella saggezza di a
convivenza che non genera né povertà né abuso.
Ciò che è stato detto è valido anche per l'educazione dell'adolescente. L'adolescente
il moderno impara valori, virtù che devono essere rispettate, ma vive in un mondo
adulto che li nega. L'amore è predicato ma nessuno sa cosa sia perché
non vedi le azioni che lo costituiscono e lo guardi come espressione di
sentire. Viene insegnato a desiderare la giustizia, ma gli adulti vivono nell'inganno. il
la tragedia degli adolescenti è che iniziano a vivere un mondo che nega
valori che sono stati insegnati a loro. L'amore non è un sentimento, è un dominio di
azioni in cui l'altro è costituito come legittimo altro nel
convivenza. La giustizia non è un valore trascendente o un sentimento di
legittimità, è un dominio di azioni in cui le bugie non sono abituate
giustificare le proprie azioni o quelle dell'altro.
Se l'istruzione secondaria e superiore in Cile si basa sulla concorrenza, nel
giustificazione ingannevole di vantaggi e privilegi, in una nozione di progresso che
allontana i giovani dalla conoscenza del loro mondo limitando il loro sguardo
responsabile per la comunità che li sostiene, l'istruzione media e superiore
Il Cile non serve il Cile o i cileni.
Se l'istruzione media e superiore ci invita ad assumere la proprietà, allo sfruttamento di
mondo naturale e non la nostra coesistenza armoniosa con esso, che l'educazione non lo fa
21
Non serve né il Cile né i cileni.
In breve, la responsabilità viene data quando prendiamo in carico se vogliamo o no
le conseguenze delle nostre azioni; e la libertà è data quando noi
Facciamo, l'accusa se vogliamo o non vogliamo o non vogliamo
conseguenze delle nostre azioni. Cioè, sorgono la responsabilità e la libertà
nella riflessione che espone il nostro lavoro nel campo delle emozioni a
il nostro volere o non amarli in un processo in cui non possiamo ma
Renditi conto che il mondo in cui viviamo dipende dai nostri desideri. Se il
L'istruzione in Cile non porta i giovani cileni alla responsabilità e alla libertà
essere co-creatori del mondo in cui vivono perché limita la riflessione,
L'istruzione in Cile non serve né il Cile né i cileni.
Perché educare?
A volte parliamo come se non ci fosse alternativa a un mondo di lotta e
concorrenza e come se dovessimo preparare i nostri bambini e giovani
quella realtà. Tale atteggiamento è basato su un errore e genera un inganno.
L'aggressività non è l'emozione fondamentale che definisce l'umano, ma l'amore, il
convivenza nell'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza.
La lotta non è la modalità fondamentale della relazione umana, ma la collaborazione.
Parliamo di competizione e lottiamo creando una vita in competizione e non combattendo
solo tra di noi, ma con l'ambiente naturale che ci consente. Questo è il modo in cui parliamo
che gli umani devono combattere e superare le forze naturali per sopravvivere;
come se questo fosse stato ed era il modo normale di vivere. Non è così.
storia dell'umanità nella guerra, nella dominazione che sottomette e nel
l'appropriazione che esclude e nega l'altra ha origine dal patriarcato. In Europa,
che è la nostra fonte culturale, prima che il patriarcato fosse vissuto in armonia con il
natura, nel godimento della congruenza con il mondo naturale, nella meraviglia di
la sua bellezza, non nella lotta con esso.
Perché educare? Per recuperare quell'armonia fondamentale che non distrugge,
che non sfrutta, che non abusa, che non pretende di dominare il mondo naturale, ma
chi vuole conoscerlo nell'accettazione e nel rispetto così che il benessere umano
cedere al benessere della natura in cui si vive. Per questo devi imparare a
guarda e ascolta senza paura per permettere all'altro di essere in armonia, senza sottomissione. io
Voglio un mondo in cui rispettiamo il mondo naturale che ci sostiene, a
mondo in cui viene restituito ciò che è mutuato dalla natura per vivere.
Essendo esseri viventi siamo esseri autonomi, nel vivere non lo siamo.
Voglio un mondo in cui l'espressione risorsa naturale finisce, e
riconosciamo che tutti i processi naturali sono ciclici e che se interrompiamo i loro
ciclo, è finita. Nella storia dell'umanità, persone che non hanno visto questo
si sono distrutti nell'esaurimento delle loro cosiddette risorse
naturale. Il progresso non è nella continua complicazione o cambiamento tecnologico
ma nella comprensione del mondo naturale che permette di recuperare l'armonia e
22
bellezza dell'esistenza in lui dalla sua conoscenza e rispetto. Ma per vedere il
mondo naturale e accettarlo senza pretendere di dominarlo o negarlo, dobbiamo imparare
accettare e rispettare noi stessi come individui e come cileni.
Un'educazione che non porta i cileni ad accettarci e rispettarci come
individui e cileni nella dignità di coloro che sanno, accettano e rispettano il loro mondo
nella responsabilità e nella libertà di riflessione, non serve il Cile o i cileni.
Gesù era un grande biologo. Quando parla di vivere nel Regno di Dio, ne parla
vivere nell'armonia portata dalla conoscenza e dal rispetto per il mondo naturale
che ci sostiene e che ci permette di vivere in esso senza abusarne o distruggerlo. Per questo
dobbiamo abbandonare il discorso patriarcale di lotta e guerra, e rivolgersi al
Vivere la conoscenza della natura, il rispetto e la collaborazione della matematica
nel creare un mondo che ammetta l'errore e possa correggerlo. un
educazione che ci porta ad agire nella conservazione della natura, a
comprendilo per vivere con esso e in esso senza pretendere di dominarlo, un'educazione
questo ci permette di vivere nella responsabilità individuale e sociale che allontana l'abuso e
porta con sé la collaborazione nella creazione di un progetto nazionale in cui il
l'abuso e la povertà sono errori che possono essere corretti e che vogliono essere corretti, se
serve il Cile e i cileni.
Cosa fare? Non punire i nostri figli per essere, correggendo le loro azioni.
Non svalutare i nostri figli basandoci su ciò che non sanno, apprezziamo
la tua conoscenza Guidiamo i nostri figli verso un'attività che ha a che fare con a
mondo di tutti i giorni e invitali a guardare quello che fanno, e specialmente non il
prendiamo per competere.
23
3 SECONDA PARTE: LINGUA, EMOZIONI ED ETICA IN CHE COSA FARE POLITICO
Mi sento molto onorato con questo invito e con il pubblico che è qui. Io voglio
Inizia facendo la seguente condizione: non sono più politico di nessun altro
cittadino; né io sono meno, perché vivo come tutti nelle azioni,
domande e problemi che hanno a che fare con la convivenza in una comunità
umana. Ciò che non faccio, tuttavia, è vivere la politica come professione. da
Questo, sebbene dichiari di non essere un politico, tutto ciò che esprimo dirò dal mio
responsabilità politica come cilena. È, quindi, da quella posizione che
Voglio fare alcune riflessioni sul linguaggio, sulle emozioni e sull'etica, e
per farlo, per parlare con la mia esperienza e comprensione come biologo.
Perché parlerò da biologo e non da psicologo o sociologo? Parlerò
come biologo perché mi sono trovato nello spazio delle riflessioni sul linguaggio,
sulla conoscenza e sul sociale, dallo studio della fenomenologia di
percezione come fenomeno biologico. Non sono arrivato a quello che sto per dire
principalmente interessato o immerso nello studio del sociale o del linguaggio, ma
che sono arrivato lì in secondo luogo, dalla biologia. Questo implica che io abbia
accettato come problemi legittimi per la mia considerazione come biologo, problemi
e domande che per altri scopi potrebbero essere dette che non mi appartengono. Sì,
Avrei potuto dire che i problemi del sociale e dell'etica non lo fanno
loro appartengono Avrei potuto dire che sono uno scienziato focalizzato sullo studio di
fenomeno della percezione come fenomeno del sistema nervoso, e quello
quegli altri problemi non mi toccano davvero perché appartengono a un altro campo
professionale. Comunque non lo dico, perché non è così. Questi problemi
loro riguardano, e questo per diverse ragioni. Mi riguardano perché sono cileno e
Appartengo a una cultura in cui ho imparato. Già nei miei giorni da studente,
quella riflessione sul sociale fa parte della vita di tutti i giorni. Mi riguardano,
anche, per essere stato uno studente di medicina e averlo fatto da lì
umano il campo della mia attenzione e interesse biologico. È, quindi, da questo
sfondo di interessi che ho spostato nelle mie riflessioni, sia sul campo
neurofisiologia strettamente professionale, come nei campi che,
derivato da quello, hanno a che fare con la lingua, con il sociale e, in definitiva
termine, con l'etico.
3.1 Conoscenza e lingua
Ora voglio dirvi, dal punto di vista del mio biologo, cosa succede necessario
e inevitabilmente con certi fenomeni della nostra vita di convivenza da parte del
solo il fatto che siamo esseri viventi. In tal modo, farò due tipi di
considerazioni: da un lato, farò alcune riflessioni che chiamerò
epistemologico, perché sono la conseguenza di porre una domanda dal
24
validità delle tue conoscenze; e, d'altra parte, farò delle riflessioni che chiamerò di più
strettamente biologico, perché hanno a che fare con il nostro operare come esseri
vivo.
Le riflessioni epistemologiche derivano dal porre la domanda: come è possibile
lo sappiamo? Questa domanda può essere posta senza compromessi
veramente accettare che il fenomeno della conoscenza è un fenomeno
biologica. Quindi, si può dire che è interessante sapere come sappiamo e
ignora la domanda dicendo che i filosofi lo risolveranno; o si può dire
che è ovvio che abbiamo la capacità di sapere, quindi non proprio
dobbiamo porci la domanda
Tuttavia, se uno pone la domanda, non può fare a meno di notare che il
esseri umani siamo ciò che siamo in essere, vale a dire che siamo consapevoli e
osservatori nell'osservare e che essendo ciò che siamo, siamo nel linguaggio.
Cioè, non possiamo fare a meno di notare che gli esseri umani sono umani dentro
il linguaggio, e per essere, stiamo facendo delle riflessioni su ciò che ci accade.
Ad esempio, facendo riflessioni su ciò che ci succede in Cile in questi
momenti, cosa vediamo che succede? Cosa faremo?
agiremo? Oppure, riflettendo su di noi qui, ora, in questa stanza,
Possiamo chiederci cosa sta succedendo in questa conferenza?
parlando questa persona? Inoltre, se ci poniamo la domanda sul nostro
per sapere diventa chiaro a noi che siamo immersi in una vita che ci capita
nel linguaggio, nell'esperienza di essere osservatori nel linguaggio. E insisto su questo
ultimo, perché se non siamo in lingua non c'è riflessione, non c'è discorso,
non diciamo nulla, semplicemente non lo stiamo facendo fino a quando non riflettiamo sul
essere.
Ci sono cose che facciamo al di fuori della lingua?, Naturalmente: digestione, per
esempio. Mangiamo e la digestione è fatta. Succede a noi che c'è la digestione e quello
dobbiamo pensare per la digestione e quando pensiamo o
ci riflettiamo su altre cose che accadono a noi che sono diverse dal
digestione (e forse abbiamo indigested), perché, in realtà, la digestione
Emerge quando lo distingui. Se non portiamo con sé la digestione, distinguendola nel
lingua, non è digeribile.
Anche il fatto che ci troviamo nella lingua ci capita. Quando riflettiamo
riguardo al linguaggio, ci siamo già dentro In queste circostanze ci sono due atteggiamenti
possibile prima di sapere: o uno accetta la tua capacità di sapere come a
data la condizione, o chiedersi come è che si sa. Ora, quando uno
si chiede come succede qualcosa, ciò che si vuole sentire è una risposta
spiegazione che, in quanto tale, dovrebbe separare la spiegazione dell'esperienza entro
spiegare nel proporre un processo che, come risultato della sua operazione, dà
origine a ciò che vuoi spiegare.
25
3.2 Spiegare ed esperienza
Spesso, nella nostra descrizione di ciò che ci accade, mettiamo insieme il
spiegare con l'esperienza che vogliamo spiegare. Per esempio, se viaggiamo in
auto e guardiamo nello specchietto retrovisore e non vediamo nessun veicolo dietro
di noi, siamo sorpresi quando improvvisamente un'altra macchina ci sorpassa e
diciamo: "Oh, è arrivato molto velocemente!" L'esperienza è che quella macchina appare,
e appare dal nulla; si scopre che è superato da un altro
macchina, e dicendo "stava arrivando molto velocemente" sta mettendo insieme la spiegazione "a causa sua"
rapidamente non l'ho visto avvicinarsi ", con esperienza," è apparso un'auto ".
Partecipa alla separazione della spiegazione dell'esperienza che voglio
spiegare. Qui ci sono due situazioni a cui mi riferirò. In uno (1), uno
respinge la domanda che chiede di spiegare l'origine delle proprietà del
osservatore; nell'altro (2), uno lo accetta. Quando lo liquidiamo? quando
supponiamo che le nostre capacità cognitive siano proprietà
costitutivo del nostro essere umano. Se dico per esempio: "lì sul tavolo lì
un posacenere "e qualcuno mi chiede:" come fai a sapere che c'è un portacenere? ", e io
Rispondo, "Lo vedo, è lì", sto parlando come se avessi l'abilità
vedere come una mia proprietà intrinseca che non viene messa in discussione. Nella vita
Ogni giorno lavoriamo in questo modo e, in realtà, è comodo farlo.
Il problema sorge solo ed esclusivamente quando per ragioni speciali, no
le correnti della vita quotidiana, si pongono alcune domande riflessive come
esempio, come funziona il sistema nervoso ?, come emerge la lingua
storia degli esseri viventi? Che cos'è questa comunicazione? Di cosa si tratta?
la coscienza?, come è avere coscienza?
Se accetto, fin dall'inizio, di essere consapevole o di avere la capacità di farlo
lo so, non ho alcuna domanda. Se accettiamo che abbiamo la capacità di fare
riferimento al posacenere attraverso la capacità di conoscere e parlare, il linguaggio noi
appare come un sistema simbolico che ci permette di comunicare sul
oggetti che ci circondano, come se fossero entità che, come il posacenere,
Esistono indipendentemente da noi. Ma quando vogliamo spiegare cosa
si verifica nell'essere vivente, quando voglio capire cosa succede quando uno scimpanzé
è incorporato nella vita quotidiana umana in convivenza con lui attraverso il
sistema di segni usato dai non udenti e muti, quindi facciamo domande come:
Cosa succede in questa relazione con lo scimpanzé che è come parlare?
Cos'è questo sui simboli di apprendimento? Come succede? se
accettiamo queste domande, vediamo che dobbiamo proporre una spiegazione di
il fenomeno del conoscere e del linguaggio come fenomeni che ci coinvolgono
nel nostro essere esseri viventi, perché se alteriamo la nostra biologia, sono alterati
la nostra conoscenza e la nostra lingua.
26
Ma prima di continuare voglio dire qualcosa sulla spiegazione e la spiegazione.
Spiegare propone sempre una riformulazione dell'esperienza da spiegare in
una forma che è accettabile per l'osservatore. Se chiedi: "cosa?
È il fulmine? ", Rispondiamo citando Franklin:" è una scintilla elettrica che salta
tra le nuvole e la terra quando le nuvole sono state caricate elettrostaticamente
come risultato del suo attrito con l'aria. "Questa è una riformulazione del
esperienza dei lampi di luce che si vedono in un giorno burrascoso e quello
noi chiamiamo raggi. Quello che sto dicendo è che nel momento in cui a
la riformulazione dell'esperienza è accettata come una riformulazione del
esperienza, che la riformulazione dell'esperienza è una spiegazione
per chi lo accetta In altre parole, l'ascoltatore è colui che costituisce
una riformulazione dell'esperienza come spiegazione all'accettazione come tale.
Quando il bambino chiede alla madre: "Com'è che sono qui?", E questo
risponde: "figlio, sei stato portato dalla cicogna", e il ragazzo dice: "grazie mamma" u
qualcos'altro come quello, in quel momento quella riformulazione dell'esperienza
costituisce una spiegazione dell'essere qui del bambino.
Quando proponiamo una spiegazione di un fenomeno e un altro ci dice: "lo sei
sbagliato ", ciò che fondamentalmente l'altro ci dice è: non accetto la riformulazione
di esperienza come la riformulazione dell'esperienza che voglio sentire.
Succede, tuttavia, che il modo in cui si sente una proposta
esplicativo determina che si accetta o meno una proposizione come una spiegazione.
O, in altre parole, sono i criteri che si usano per accettare o rifiutare a
proposizione esplicativa che determina se tale dichiarazione esplicativa è o non è
una spiegazione
Nessuna proposizione esplicativa è una spiegazione in sé; la spiegazione
costituisce l'accettazione dell'osservatore e l'osservatore, in generale, passerà
che accetta o rifiuta inconsciamente. Quando il bambino sente: "figlio, a
gli hai portato la cicogna "e il bambino se ne va felice, il bambino non ha fatto il riflesso" cosa
quello dice che la mamma soddisfa le mie aspettative o il mio criterio di convalida ", ma ha
operato in questo modo, ha accettato questa riformulazione come una riformulazione
del suo essere lì. Dopo alcuni giorni arriva il bambino e dice: "Mamma, non lo faccio
Penso alla cicogna, perché Juanito, il vicino, avrà un fratellino e dice
cosa sta facendo tua mamma? Ho chiesto a sua madre e lei me l'ha mostrato
guatita dove dice che la guagüita sta crescendo ". Quando ciò accade, il
proposizione: "figlio, la cicogna ti ha portato", non è più una spiegazione
perché non è più una proposta accettata come una riformulazione del
esperienza di essere qui del bambino.
Quando ciò accade, la madre risponde: "figlio, sei già grande ora posso
dì che i piccoli li rendono davvero la madre "e gli racconta la storia del
ape e il fiore, e tutto il resto, così il bambino se ne va felice. Questo nuovo
la riformulazione dell'esperienza, quando accettata dal bambino, diventa a
spiegazione.
Domanda: “Mi spieghi perché sento un senso di nausea?”
Mia risposta: “E’ perché hai mangiato qualcosa di indigesto.”
Se chi mi ha fatto la domanda accetta questa riformulazione dell’esperienza tutto si conclude in questo modo perché ho soddisfatto la sua richiesta.
Ma se chi mi ha fatto la domanda mi dice “Guarda che ho mangiato le stesse cose che hai mangiato tu e tu non hai un senso di nausea!” Ciò significa che la riformulazione dell’esperienza non è stata accettata e allora io affermo “Ciò accade poiché sei in uno stato di tensione per tutte le cose che sai dovrai fare nei prossimi giorni” riformulando così l’esperienza in altro modo.
Ne consegue che se chi mi ha fatto la domanda accetta questa riformulazione dell’esperienza tutto si conclude in questo modo perché ho soddisfatto la sua richiesta. All’opposto la riformulazione dell’esperienza non è stata accettata da chi mi ha fatto la domanda, allora io dovrò riformulare l’esperienza in un altro modo sino a quando chi mi ha fatto la domanda accetterà la mia riformulazione dell’esperienza.
La riformulazione dell’esperienza diventa SPIEGAZIONE, quando è accettata da chi ce l’ha chiesta.
27
3.3 Obiettività tra e senza parentesi
Tuttavia, quello che sto dicendo non è "cosa da bambini", è una cosa seria. Io voglio
separare, quindi, questi due atteggiamenti rispetto alla domanda sul
osservatore e la loro capacità di conoscere, e che sono, anche, due modi di
riflessione, e ti mostrerò, allo stesso tempo, che sono due percorsi di
relazioni umane Se non facciamo la domanda sull'origine di
le capacità dell'osservatore, ci comportiamo, il gioco di gambe fatto, come se avessimo il
capacità di fare riferimento a entità indipendenti da noi, a verità
la cui validità è indipendente da noi, perché non dipendono da cosa
noi facciamo Io chiamo quel percorso esplicativo, che dice esplicito o
implicitamente le nostre capacità cognitive come costitutive di
il nostro essere, il percorso dell'oggettività senza parentesi.
Ascolta una risposta esplicativa quando non si assume la domanda dal
origine delle capacità dell'osservatore, è equivalente all'ascolto in attesa di sentire un
riferimento a una realtà indipendente da quella di accettare come spiegazione il
riformulazione presentata in risposta a una domanda che richiede un
spiegazione. La risposta può comportare il riferimento alla materia, all'energia, al
coscienza, a Dio, a una rivelazione, a ciò che si vuole, come riferimento a
qualcosa di indipendente da ciò che fa l'osservatore e ciò è implicito o
esplicitamente il fondamento dei criteri che si usano per accettarlo
riformulazione dell'esperienza come riformulazione dell'esperienza, e così via
tanto, come spiegazione.
I cileni appartengono a una cultura in cui, di solito, quando
chiediamo a un partner l'informazione che provi ciò che dice, gli stiamo chiedendo
un riferimento a qualcosa di indipendente da lui o lei come criterio di validazione
questo ci permetterà di accettarlo. Questa procedura propria della nostra cultura coinvolge il
presupposto implicito che possediamo, almeno in linea di principio, l'abilità o
capacità necessaria per fare un tale riferimento. Nella nostra cultura, tale abilità,
In generale, non è in dubbio. Ma quando si accetta di chiedere del
origine delle capacità dell'osservatore, ciò che effettivamente accetta è
chiediti: come posso fare come osservatore le affermazioni
Lo faccio?, Com'è che posso fare osservazioni?, Come posso dare
Importa, se capisco, cos'è realmente e anche sbagliato?
Come funziona la mia operazione come osservatore? Inoltre, accettando queste domande,
la biologia acquisisce la presenza, perché ammettendo l'esplicitabilità di
le capacità cognitive dell'osservatore non si può sfuggire a riconoscerlo
quando la biologia è alterata, l'abilità cognitiva è alterata (lo sai che il
presidente, sfortunatamente ha avuto un infarto e non sappiamo se può
continua a governare!
28
Perché?
Bene, per il tuo cervello!
Ah, quindi la tua capacità di governare, dipende dalle tue capacità cognitive
del cervello?
Sembra così!).
Vediamo questo considerando ciò che connotiamo in spagnolo con le parole
menzogna e errore.
Si noti che le parole si trovano e l'errore si riferisce allo stato di
conoscenza che una persona ha delle loro circostanze e della loro azione nel
momento in cui fa quello che ha chiamato una bugia o un errore. Quando dico a
qualcuno: "menti", ciò che ti sto esprimendo è: nel momento in cui tu
tu affermi quello che dici, lo sai che non è valido. Quando dico:
"Mi scusi, ho davvero mentito", sto dicendo: nel momento in cui ho affermato cosa
Ho detto che sapevo che non era vero.
La parola errore si riferisce a una cosa molto diversa. Quando dico: "Ho fatto un
errore "(errore o errore), quello che sto dicendo è che nel momento in cui
Ho fatto la dichiarazione a cui mi riferisco, dicendo che ho fatto un errore, ho accettato
onestamente che era valida; ma ora so che non era così. L'errore,
l'errore è sempre a posteriori. Uno è sempre sbagliato dopo il
esperienza che si dice è stato un errore, perché l'errore o
l'errore è un'esperienza svalutata con riferimento ad un'altra esperienza che è
considera indubbiamente valido.
Come ci sbagliamo, se in realtà abbiamo la possibilità di accedere a
realtà indipendente da noi nell'osservazione o nella riflessione?
Viene dato l'errore? Come si presenta l'errore? Ci sono, per esempio, situazioni in
quale saluta qualcuno:
Ciao, Juan! "E poi dice:" Scusa, ho sbagliato. Non era Juan, avevo un
illusione. "La cosa interessante di una tale situazione è che quando si saluta Juan il
La tua esperienza quando dici Ciao, Juan! è incontrare Juan. In effetti
hai tutte le dinamiche fisiologiche dell'incontro con Juan, e tu hai
reazioni di felicità o rabbia a seconda della tua relazione con Juan in
momento di avere l'esperienza della sua presenza, qualunque sia il
un verdetto a posteriori sul fatto se Juan avesse trovato l'illusione o la realtà. Le illusioni,
errori, errori, sono sempre a posteriori.
Prendi in considerazione un'altra situazione: la pesca alla trota, per esempio. Si prepara il
gancio, stivali, bastone; raggiunge il lago o il fiume e tira il gancio, cosa che succede
appena sfiorando l'acqua. Se fai tutto bene, salta la trota e dopo
Mordere il gancio dice: "Era un gancio". Il primo notabile è che appare il gancio
solo dopo averlo morso. In altre parole, il gancio è solo un gancio
posteriori. La trota non può distinguere tra l'illusione e la percezione e quando salta e
29
Morde il gancio che salta per catturare un insetto. Non possiamo
distinguere nell'esperienza tra l'illusione e la percezione. Illusione ed errore sono
qualificatori che svalutano un'esperienza successiva con riferimento ad un altro
esperienza accettata come valida: non si sbaglia quando si commette un errore.
Ma se nell'esperienza non possiamo distinguere illusione e percezione, verità o
errore, qual è, quindi, il fenomeno che connotiamo quando
parliamo di sapere?
Se vogliamo capire il fenomeno della conoscenza, se vogliamo capire il
sistema nervoso, se vogliamo capire la lingua, se vogliamo capire cosa
Succede nella convivenza, dobbiamo prendere in carico questo curioso fenomeno:
esseri umani, esseri viventi in generale, non possiamo distinguere nel
esperienza tra ciò che chiamiamo illusione e percezione come affermazioni
cognitivo sulla realtà.
Non dico che nelle dinamiche sociali non parliamo di illusione e percezione, di errore
e verità o bugie e verità in un modo coerente con la nostra vita. non
Sto svalutando questa distinzione come una distinzione che ha senso nel
convivenza. Quello che voglio dire è capire alcuni fenomeni
Dobbiamo capire cosa succede quando facciamo quelle distinzioni. Gli esseri
umani, configuriamo il mondo in cui viviamo vivendo e possiamo chiederci come
lo configuriamo e come lo viviamo se costitutivamente come gli esseri viventi no
possiamo fare la distinzione che comunemente diciamo di fare tra
illusione e percezione.
Una delle prime domande che si pone in queste circostanze è:
Possiamo continuare a difendere la validità delle nostre affermazioni cognitive
con il pretesto che sono validi perché si riferiscono a una realtà
indipendente da noi, sì per essere in grado di affermare che abbiamo accesso a questo
realtà indipendente dovremmo essere in grado di distinguere nell'esperienza tra
illusione e percezione? È vero che abbiamo vissuto così lontano senza farlo
riflessione e senza rivedere le basi delle nostre capacità cognitive, e
che possiamo continuare a vivere così. Ma se facciamo il riflesso possiamo
Accetto di approfondire la nostra comprensione delle dinamiche delle relazioni
umano, sociale e non sociale, e scoprire alcuni aspetti di loro che non lo sono
dovremmo disprezzare se vogliamo essere responsabili in ciò che facciamo nel
coesistenza con altri esseri umani e con la natura che ci sostiene e
nutre.
Questa consapevolezza di non essere in grado di distinguere tra l'illusione e la percezione, lo faccio notare
invitando a mettere l'obiettività tra parentesi nel processo di spiegazione. non
Intendo con questo che non ci sono oggetti, o che non posso specificare a
un certo dominio di riferimento che sento come indipendente da me. esso
quello che intendo mettendo tra parentesi l'obiettività è che me ne rendo conto
che non posso fingere di avere la capacità di riferirmi a
30
realtà indipendente da me, e che mi prendo cura di esso nel tentativo di
capire cosa succede con i fenomeni di conoscenza, lingua e
sociale, non usando alcun riferimento a una realtà indipendente dal
Osservatore per convalidare il mio spiegare. Ci sono diversi percorsi esplicativi che
sorgono a seconda che si accetti o no la domanda sull'origine delle abilità
cognitivo dell'osservatore. Quindi, non chiedendo l'origine del loro
capacità cognitive e accettarle come proprietà costitutive, i
l'osservatore agisce come se il distinto preesistesse alla sua distinzione nel
presupposto implicito che puoi riferirti a tale esistenza per convalidare il tuo
spiegare. Chiamo questo percorso esplicativo il percorso esplicativo dell'oggettività
senza parentesi
In altre parole, nel percorso esplicativo dell'oggettività senza parentesi
agiamo come se ciò che diciamo sia valido secondo il suo riferimento a qualcosa
che è indipendente da noi. Quindi diciamo: "quello che sto dicendo è valido
perché è oggettivo, non perché io sia colui che lo dice; è la realtà, sono i dati,
sono le misurazioni, non io, responsabile di ciò che dico di essere valido, e se
Dico che hai torto, non sono io a decidere che ti sbagli, ma
realtà. "Insomma, in questo percorso esplicativo operiamo accettando che, in
Infine, c'è una realtà trascendente che convalida la nostra conoscenza e
spiegare, e che l'universalità della conoscenza si basa su tale oggettività.
Sull'altro percorso esplicativo, ciò che chiamo oggettività tra
parentesi, come ho detto, accettando la domanda sull'origine del nostro
capacità di osservare, la biologia acquisisce presenza. Cioè, quando richiesto
dall'origine delle capacità cognitive dell'osservatore non possiamo andarcene
per vedere che questi sono alterati o scompaiono quando la nostra biologia è alterata, e questo
possiamo disdegnare la nostra condizione di esseri più che nell'esperienza
Possono distinguere tra illusione e percezione. Inoltre, quando ci rendiamo conto di questo,
ci rendiamo conto anche di quando ascoltiamo una proposizione
esplicativo o una riformulazione dell'esperienza e lo accettiamo come
spiegazione, ciò che accettiamo non è un riferimento a qualcosa di indipendente da
noi, ma è una riformulazione dell'esperienza con elementi del
esperienza che soddisfa alcuni criteri di coerenza che noi stessi
ci proponiamo esplicitamente o implicitamente. In altre parole, ci rendiamo conto
anche che spetta a noi accettare o meno una certa riformulazione di
l'esperienza da spiegare come spiegazione di esso, secondo un criterio di
accettazione che abbiamo nel nostro ascolto e, quindi, che il
la validità delle spiegazioni che accettiamo è configurata nella nostra accettazione e
non indipendentemente da esso.
Interessante, vero? Sul sentiero esplicativo dell'oggettività senza parentesi
diciamo che una certa spiegazione, ad esempio in un argomento di fisica, è in linea di principio
accettabile se riferimento a materia o energia trattandoli come entità
Obiettivo indipendente dall'osservatore e visibile in una misurazione
31
strumentale. Tuttavia, facendo ciò, consideriamo lo strumento come un
allargamento della capacità dell'osservatore di fare riferimento, anche se lo è
modo indiretto o incompleto, alla realtà che esiste indipendentemente da lui o
di lei. In questo modo esplicativo diciamo che siamo obiettivi perché diciamo
ciò che diciamo è valido indipendentemente da noi. Allo stesso tempo,
in questo modo esplicativo tutta la verità oggettiva è universale; cioè, valido per
qualsiasi osservatore, perché è indipendente da ciò che fa.
Nel percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi diciamo che a
Alcune spiegazioni, ad esempio in un problema di fisica, sono valide perché soddisfano il
criterio di convalida che costituisce la fisica come un dominio esplicativo del
esperienza con elementi di esperienza. In questo modo esplicativo il
la materia e l'energia sono spiegazioni dell'esperienza e sono usate come tali in
la formulazione di altre spiegazioni di esperienza, nella spiegazione del
esperienza con elementi dell'esperienza che costituisce la fisica. In questo
percorso esplicativo è evidente che ci sono molti domini esplicativi, e questo
ognuno di essi è un dominio di oggetti costituiti da una spiegazione del
esperienza e, quindi, un dominio della realtà. Finalmente, da questo
modo esplicativo è possibile rendersi conto che la nozione di realtà, sia in
uno come nell'altro percorso esplicativo è, di fatto, una proposizione esplicativa.
3.4 Obiettività e relazioni umane
Nella vita di tutti i giorni, consapevolmente o inconsciamente, ci muoviamo in entrambi
percorsi esplicativi menzionati. Nel momento in cui ci si unisce
persone che appartengono al dominio dell'accoglienza reciproca in cui si muove,
come quando si incontra con i suoi amici, si opera in obiettività tra
parentesi. Questo è così perché in questi casi non importa ciò che pensano gli altri
o pensa, o gli interessi che hanno, o se si spostano in domini di
coerenze d'azione diverse da quelle di uno, le si accetta senza alcun dubbio.
Nel percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi non c'è verità
verità assoluta o relativa ma molte verità diverse in molti domini
diverso. In questo percorso esplicativo ci sono molti diversi domini della realtà
come diversi domini esplicativi di esperienza basati su differenti
coerenze operative e in quanto tali, tutte sono legittime alla loro origine,
anche se non è uguale nel loro contenuto, e non è ugualmente desiderabile viverli.
Nel percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi, quale piace
la fisica e l'altra biologia, o quella cristiana e l'altra musulmana, no
crea una dinamica di negazione in coesistenza, perché non importa che l'altro
Non essere come uno. "Sono cattolico e tu?" "Musulmano?" "Ah, che bello,
Beviamo un caffè! "Il fatto che io sia cattolico non esclude l'altro e l'altro lo è
Il musulmano non mi esclude. Se non mi piace la religione musulmana, è una cosa
mio, e se lo nego, lo faccio responsabilmente, perché non mi piace,
perché una tale religione musulmana è sbagliata, come sarebbe in arrivo
diciamo che una certa spiegazione, ad esempio in un argomento di fisica, è in linea di principio
accettabile se riferimento a materia o energia trattandoli come entità
Obiettivo indipendente dall'osservatore e visibile in una misurazione
32
esplicativo dell'oggettività senza parentesi.
In effetti, quando si è nel percorso esplicativo dell'oggettività senza
parentesi i rapporti umani non avvengono in reciproca accettazione. Se in questo
modo esplicativo che dico, ad esempio: "I am Catholic", implica che ho accesso a
Vero Dio, e che l'altro, che non è cattolico, ha torto. A sua volta questo
un altro può dire: "Io sono un musulmano", e con ciò implica che egli ha accesso a Dio
vero, e che l'altro, io in questo caso, è sbagliato, ed è in a
modo trascendente che lo nega. In questo modo esplicativo si dice che il
la conoscenza dà potere e legittima l'azione, anche se questa è la negazione dell'altro.
In effetti, in questo modo esplicativo, colui che sbaglia si rifiuta di sì
lo stesso, e qualsiasi atto di negazione di un altro dalla legittimità della conoscenza, è
a destra. Questo è ciò che accade nelle guerre religiose in Irlanda del Nord e nel
Libano. In un certo modo è anche ciò che accade, anche se non necessariamente in
lo spazio religioso, tra israeliti e palestinesi. Ogni volta che si adotta il
posizione di avere accesso privilegiato a una realtà indipendente, come
si verifica costitutivamente nel percorso esplicativo dell'oggettività senza parentesi,
Colui che non è con uno è contro uno.
Sai che non ti sto dicendo niente di nuovo. Cosa sto aggiungendo
sono due affermazioni: una, che riguardare o meno questo ha a che fare con
se voglia o no spiegare le capacità cognitive dell'osservatore; il
un altro, che nella vita di tutti i giorni ci muoviamo, senza rendercene conto, in a
dominio o altro in quanto accettiamo o meno la legittimità del mondo dell'altro. Nel
quando accettiamo la legittimità del mondo dell'altro, è così
Musulmano, cattolico, protestante o altro, in un certo senso non è discutibile
trascendente e, se obiettiamo, lo facciamo rendendoci responsabili
la nostra obiezione nella comprensione che è giustificata solo nei nostri desideri.
Nel momento in cui fingiamo di avere accesso alla realtà oggettiva, noi
ci appropriamo della verità, non accettiamo la legittimità del mondo dell'altro e cosa
Neghiamo irresponsabilmente, senza prendere in carico le nostre emozioni.
Al massimo, ammettiamo temporaneamente la presenza dell'altro che tollera il loro errore.
La tolleranza è una negazione posticipata. Tollera è dire che l'altro è
sbagliato, lasciandolo stare per un po '. Il diagramma che ho sollevato
per quanto riguarda una riflessione epistemologica sulla spiegazione, risulta essere
anche un diagramma delle relazioni umane dalle nostre dinamiche
emotivo, rivelando come la nostra spiegazione ha a che fare con il modo
incontrare l'altro Se incontro l'altro da una posizione nel
Faccio finta di avere un accesso privilegiato alla realtà, l'altro deve fare ciò che io
Dico o è contro di me. D'altra parte, se incontro l'altro, consapevole
che non ho e non posso avere accesso a una realtà trascendentale indipendente
dalla mia osservazione, l'altro è legittimo quanto me, e la sua realtà è così legittima
come il mio, anche se non mi piace e mi sembra minaccioso
e quello dei miei figli. Inoltre, posso decidere di agire contro quell'altro e il
33
realtà che si configura con la tua vita, ma lo farò sotto la mia responsabilità e il mio desiderio,
non perché lui o lei ha torto.
In altre parole: dal percorso esplicativo dell'oggettività senza parentesi,
nella negazione dell'altro sono sempre irresponsabile, perché è la "realtà"
nega, non io; nel percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi nessuno
è intrinsecamente sbagliato operare in un diverso dominio di realtà
di cui preferisco. Se un altro essere umano opera in un dominio della realtà per me
Non mi piace, posso oppormi a lui o lei; Posso persino agire per distruggerlo o
distruggerlo, ma non lo farò perché il mondo che lui o lei porta con sé è
sbagliato in un senso assoluto o trascendente, ma perché quel mondo non lo fa
Mi piace
Nel percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi ci rendiamo conto di questo
che la negazione dell'altro e del mondo che porta con la sua vita, non può essere
giustificare con riferimento a una realtà o verità trascendente, ma solo
può giustificare le preferenze del negatore. Per questo motivo, ogni diniego di
un altro nel percorso esplicativo dell'obiettività tra parentesi è una negazione
responsabile.

Adesso che so ognuno opera in un dominio della realtà e che ogni dominio è legittimo. Un dominio della realtà anche se legittimo può non essere per me desiderabile a quel punto posso avversarlo con i mezzi che ho a disposizione. Ciò è una negazione dell’altro responsabile.
3.5 Razionalità ed emozioni
Mi oppongo a qualsiasi governo totalitario non perché mi sbaglio, ma perché perché porta con sé un mondo che non accetto. Questo è completamente diverso da dire che sono contrario a un governo totalitario perché è intrinsecamente sbagliato. Per poter dire che qualcosa o qualcuno è sbagliato, dovrei farlo essendo in grado di affermare il vero, così che la mia affermazione del vero sarebbe obiettiva e, quindi, basato su una realtà indipendente da me, dovrei farlo essendo in grado di conoscere quella realtà. In breve, se dico: "Mi oppongo a questo governo perché ha torto ", dichiaro di avere il privilegio di avere accesso alla realtà che invece i membri del governo non hanno. Ma su quali basi? potrei dire questo? e se i membri del governo discutono allo stesso modo e dicono che chi ha torto sono io?
Si noti che tutti i sistemi razionali si basano su premesse fondamentali accettate a priori. Tutti! Nel modo esplicativo dell'oggettività senza parentesi, si lavora come se la ragione ne consentisse almeno una’accesso approssimativo a una realtà trascendente. Ma il motivo è cambiato se tu
colpiamo il ragionatore con un colpo alla testa. Se la biologia è alterata, il
ragionamento; inoltre, sì, cambiamo il nostro dominio emotivo, i nostri cambiamenti di ragionamento.
La ragione si basa sempre su ipotesi accettate a priori. L'accettazione a priori
dei locali che costituiscono un dominio razionale appartiene al dominio del
emozione e non dominio della ragione, ma non sempre ce ne rendiamo conto.
Quindi, quando ci troviamo in una conversazione presumibilmente
razionale, ci sono due tipi di discrepanze che sono differenziati dal
tipi di emozioni che sorgono in loro, ma di solito non ci distinguiamo
34
perché sembrano modi diversi di agire prima di un errore logico. Questi sono:
a) discrepanze logiche, che in realtà sorgono quando uno dei
i partecipanti alla conversazione mangiano un errore nell'applicazione del
coerenze operative che definiscono il dominio razionale in cui si verifica; e
b) discrepanze ideologiche che sorgono quando i partecipanti al
la conversazione discute da diversi domini razionali come se fossero in
lo stesso
La solita cosa è che in entrambi i casi si dice che l'altro commette un errore logico,
ma mentre uno si risolve facilmente, l'altro no. In effetti, la discrepanza
la logica la viviamo come irrilevante e senza grandi difficoltà nel riconoscimento
dell'errore. Quindi, se dico che 2x2 = 5, il mio interlocutore mi mostra ciò che è dovuto
alla costituzione della moltiplicazione come somma 2x2 = (1 + 1) + (1 + 1) = 4,
Accetto facilmente il mio errore nell'applicazione delle coerenze operative
definiscono la moltiplicazione e mi scuso. Al massimo si diventa rossi, a
poco colpito nella sua vanità. Le discrepanze ideologiche, d'altra parte,
viviamo come discrepanze trascendenti non riconosciamo l'errore logico, e
accusiamo l'altro di cecità o testardaggine. Ci occupiamo di queste discrepanze
come se nascessero da errori logici, ma li viviamo come minacce ai nostri
esistenza non vedendo che ciò che accade è che siamo in domini razionali
diverso, e che le nostre differenze sono dovute al fatto che iniziamo dalle premesse a
priorità diverse, e non perché l'una o l'altra abbia commesso un errore nell'applicazione di
loro.
Le premesse fondamentali di ogni sistema razionale non sono razionali, lo sono
nozioni, relazioni, distinzioni, elementi, verità, che accettiamo a priori
perché ci piacciono In altre parole, ogni sistema razionale è costituito come
un costrutto coerente dall'applicazione ricorrente e ricorsiva di
premesse fondamentali nel dominio operativo che quelle premesse
specificano, e secondo le regolarità operative che implicano.
Vale a dire, ogni sistema razionale ha un fondamento emotivo. Apparteniamo,
Tuttavia, per una cultura che conferisce al razionale una validità trascendente e
che proviene dalle nostre emozioni, un carattere arbitrario. Per questo, ci costa
accetta il fondamento emotivo del razionale e ci sembra una cosa del genere
espone al caos dell'irragionevole dove tutto sembra possibile. Succede, senza
Tuttavia, la vita non si verifica nel caos, e c'è il caos solo quando
perdiamo il nostro riferimento emotivo e non sappiamo cosa vogliamo fare,
perché siamo ricorrenti in emozioni contraddittorie.
Inoltre, è solo dal percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi
che possiamo fare questa riflessione e realizzare il fondamento emotivo di
tutto il sistema razionale. Questo perché l'operazione di riflessione è composta da
che mettiamo nello spazio delle emozioni le basi del nostro
certezze esponendole ai nostri desideri così che possiamo
35

conservarli o scartarli, rendendolo conto.
3.6 Corporalità
Nel percorso esplicativo dell'oggettività senza parentesi, che è il percorso
esplicativo che seguiamo quando trattiamo la nostra operazione cognitiva come
espressione di una nostra proprietà costitutiva, il nostro corpo ci appare
come strumento di espressione di quella proprietà e anche come a
limitazione nell'espressione di esso. In questo modo esplicativo ci imbattiamo nel
corpo e dicci che questo impone limitazioni all'espressione del nostro
essere razionale trascendente.
Nel modo esplicativo continuiamo ad accettare che la nostra capacità di
osservare i risultati della nostra biologia e che io chiamo il percorso dell'oggettività
tra parentesi, accade esattamente il contrario. Seguendo questo percorso esplicativo
ci rendiamo conto che la nostra corporeità ci costituisce, e che il corpo
non ci limita, ma ci consente. In altre parole, ci rendiamo conto
che è attraverso la nostra realizzazione come esseri viventi che siamo esseri
consapevole che esistono nella lingua.
Questo è il modo in cui ci rendiamo conto, ad esempio, che nella parte esplicativa
l'obiettività senza parentesi c'è una realtà oggettiva che accettiamo il potere
punto, e che osiamo come riferimento per convalidare la nostra spiegazione. qualsiasi
la dichiarazione non validata in riferimento alla realtà oggettiva è un errore o a
illusione, perché tratta qualcosa di falso come reale. Dal percorso esplicativo del
oggettività senza parentesi, l'illusione è espressione di un'imitazione o di un fallimento nel
operare dall'osservatore.
Nel percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi, l'indistinguibilità
esperienziale tra l'illusione e la percezione è una condizione costitutiva di
osservatore, una limitazione o mancato funzionamento. Per questo, accettando questo
condizione come condizione costituente, ci rendiamo conto che in questo
percorso esplicativo ci sono più domini della realtà, ciascuno costituito
come un dominio esplicativo definito come un particolare dominio di coerenze
Esperienziale. A causa del suo modo di costituzione come dominio di
coerenze esperienziali, tutti i domini della realtà che .gen nel
il percorso esplicativo dell'oggettività tra parentesi è ugualmente valido,
anche se diversi e non tutti ugualmente desiderabili di vivere. Allo stesso tempo
un'affermazione o una spiegazione fatta in un dominio di realtà in questo modo
esplicativo è assurdo, falso o illusorio quando viene ascoltato da un altro dominio
della realtà.
Quando un governante dice che un altro governo ha fondato un'ideologia politica
o economico diverso dal tuo è il caos, hai ragione. Certo che è il
caos, poiché dal punto di vista delle coerenze operative di a
sistema ideologico, le coerenze operative di un altro sistema ideologico
36
costituiscono un disordine totale. Qualsiasi affermazione in un dominio di realtà
ascoltato da un altro dominio, è un'illusione. Adottando il percorso esplicativo
dell'obiettività tra parentesi, l'indistinguibilità esperienziale tra cosa
chiamiamo illusione e percezione, non è una limitazione o un fallimento che deve essere negato o
superare, ma è un'opportunità che apre la strada ad un'altra domanda:
In che modo i fenomeni di accordo comportamentale in coesistenza se non lo sono
Possiamo distinguere tra l'illusione e la percezione?
3.7 Spiegazioni scientifiche
Prima di andare avanti in quel campo, voglio dire un paio di cose
scienza e tecnologia e voglio farlo perché viviamo una cultura che valorizza
scienza e tecnologia. Sono uno scienziato e apprezzo la scienza, ma voglio dire qualcosa
sulla scienza in modo che sappiamo cosa apprezziamo e siamo responsabili
accettando o meno tale valutazione. Di solito parliamo di scienza e tecnologia
a partire da domini di spiegazioni e azioni che si riferiscono a a
realtà utile, che consente di prevedere e controllare la natura.
Negli anni 1987 e 1988, a causa delle inondazioni, direi al
Ministro dei lavori pubblici che tutto era sotto controllo, anche se il fiume Mapocho
Ha continuato a traboccare. Perché non ha semplicemente detto: "Ci stiamo comportando
tutti i punti in cui possiamo agire "? Parliamo di controllo, mentre la vita
ogni giorno ci mostra che non controlliamo nulla. Sotto l'idea del controllo siamo
cieco alla nostra circostanza, perché in esso cerchiamo il dominio
negare l'altro o l'altro. Anche nella nostra cultura occidentale siamo lanciati
nell'idea che dobbiamo controllare la natura, perché crediamo che il
la conoscenza consente il controllo, ma in realtà non lo è, la conoscenza no
porta al controllo. Se la conoscenza porta da qualche parte, è alla comprensione, al
comprensione, e questo per un'azione armoniosa e concertata con l'altro o l'altro.
Che cosa fa la scienza, quindi, se in realtà non ci consente il controllo? il
la scienza e la validità delle spiegazioni scientifiche - non è fondata o fondata
nel riferimento a una realtà indipendente che può essere controllata, ma nel
costruzione di un mondo di azioni commisurabili al nostro vivere.
Le spiegazioni scientifiche sono valide perché hanno a che fare con il
coerenze operative di esperienza nell'accaduto della vita di
osservatore, ed è qui che la scienza ha potere. Spiegazioni scientifiche
sono proposizioni generative che vengono presentate nel contesto della soddisfazione
del criterio di convalida delle spiegazioni scientifiche. Il criterio di convalida
delle spiegazioni scientifiche si riferisce esclusivamente alle coerenze
dell'osservatore nella configurazione di uno spazio di azioni in
che devono soddisfare certe operazioni dell'osservatore in un campo
Esperienziale. Prendiamo come esempio il famoso esperimento di Benjamin Franklin
con l'aquilone. Franklin voleva spiegare il fulmine e se qualcuno lo avesse chiesto
quello che volevo spiegare, avrebbe detto: voglio spiegare quella luce che si vede nei giorni
37
di una tempesta quando si guarda il cielo o l'orizzonte e si vedono lampi di luce
e, a volte, strisce luminose che collegano le nuvole e la terra.
Ciò che spieghiamo è sempre un'esperienza. Per questo motivo, chi descrive cosa
sta per spiegare descrive cosa si deve fare per avere quell'esperienza
lui vuole spiegare. Se dico che voglio spiegare il fulmine che si verifica in un giorno di
tempesta, quello che voglio spiegare è la mia esperienza di vedere un fulmine in un giorno di
tempesta. Nel proporre la sua spiegazione, Franklin dice: "Penso che quello che succede sia quello
le nuvole sono caricate elettro staticamente con l'attrito dell'aria da essere
trascinato dal vento, e che quando prodotto per induzione una differenza di
un potenziale abbastanza grande tra le nuvole e la terra, una scintilla salta
tra di loro. "Quali elementi utilizza Franklin per fare una simile proposta?
elementi della sua esperienza. Franklin è stato a casa a giocare con
macchine elettrostatiche, con condensatori e scintille elettriche, e usare detto
esperienza per la sua proposta. Se insisto per chiedergli di spiegare ancora di più,
Mi porta a casa sua e mi mostra cosa sta facendo lì: "Vedi," dice, "se tu
attrito di due sostanze di diversa natura, una è caricata elettricamente
rispetto all'altro, e ciò può essere visto con uno strumento in cui ce ne sono due
fogli di oro che sono separati elettrostaticamente caricando i due con il
stesso carico. In breve, la mia intera spiegazione si basa su osservazioni (pratiche
esperienziale) che ho fatto nel mio laboratorio o nella mia casa ".
Dopo aver sottolineato ciò che vuole spiegare, Franklin dovrebbe dire: "Se il
meccanismo generativo che propongo è vero, dovrei essere in grado di caricare a
condensatore quando si mette un conduttore che unisce le nuvole e una delle sue facce. e
Posso dire questo perché so che ogni volta che ho un corpo carico
elettricamente e metto un conduttore tra esso e una delle facce di a
condensatore mentre l'altro lato è collegato a terra, il condensatore
carico. "Così fa Franklin un'altra esperienza (o esperimento), dove?, nel
spazio delle loro esperienze. Non importa che Franklin non sia in grado di distinguere
illusione e percezione, perché ciò che fa ha solo a che fare con ciò che accade
esso. Quindi, Franklin alza un aquilone con un autista collegato a un
condensatore, e visto che è caricato, dice: "c'è la spiegazione scientifica
di fulmine; le nuvole sono caricate elettrostaticamente con attrito, a
potenziale differenza e una scintilla salta tra loro e la terra ".
In questa serie di operazioni nel suo campo esperienziale, Franklin ha soddisfatto
le quattro condizioni nello spazio dell'esperienza dell'osservatore che
costituiscono il criterio di convalida delle spiegazioni scientifiche, e così sarà
Valido per tutti coloro che possono eseguirli. Inoltre, questo è successo senza
che Franklin non aveva bisogno di riferimenti a una realtà indipendente di
lui, anche se ai suoi tempi lo ha fatto.
Cosa è successo? Considerando gli esperimenti di Franklin, vediamo tutto
si verifica nel campo delle coerenze operative dell'osservatore. Allo stesso tempo
tempo vediamo che il problema nella spiegazione di un fenomeno o esperienza
38
non è mai in esperienza, perché al momento è vissuto nel fare
che il fare che lo costituisce è indicato. Quello che è fatto, succede. nostro
discrepanze, le nostre discussioni, una volta che l'esperienza
vogliamo spiegare, si riferiscono alle spiegazioni: "Guarda, ci sono bambini che
muoiono di fame, Ah, che orrore, questo è spiegato perché ... ", e colui che parla
presenta una proposta esplicativa economica. Un altro dice: "no, cosa succede
è ... "e propone una spiegazione sociologica, abbiamo due proposizioni
diverse spiegazioni e combattiamo. Dove? Di cosa? Combattiamo di fronte
all'esperienza che i bambini stanno morendo di fame? No!, A meno che
uniamo il fenomeno che vogliamo spiegare con la spiegazione
Proponiamo come quando diciamo: "Guarda, ci sono bambini che muoiono di fame
perché il governo non apre gli spazi di lavoro ". Ma se non facciamo una tale fusione e
Accettiamo di spiegare come "i bambini muoiono di fame", entriamo per discutere
la spiegazione, e se non siamo d'accordo, lottiamo per questo e dimentichiamo il
bambini. Ti rendi conto? Il problema è nella spiegazione. Ecco perché
importante sapere quali sono le spiegazioni.
Le spiegazioni scientifiche non si riferiscono alle realtà indipendenti del
osservatore. In realtà, le spiegazioni scientifiche non discriminano tra i due
percorsi esplicativi indicati in figura 2, come i percorsi dell'oggettività
senza e tra parentesi, e questo è così perché la differenza tra questi due percorsi
le spiegazioni appartengono al campo della consapevolezza, quando si riflette su ciò
diagramma mostra; Mi rendo conto che ogni volta faccio finta di avere accesso
una realtà indipendente faccio un'affermazione cognitiva lungo la strada
spiegazione dell'oggettività senza parentesi, e nel fare ciò, faccio una richiesta per
obbedienza.
Nota che nel percorso esplicativo dell'oggettività senza parentesi,
Quando dico: "è così", quello che sto facendo è dire all'altro che se non lo è
sono d'accordo con me, è sbagliato e che deve fare quello che dico per star bene e
che se non lo fa, non ho altra scelta se non quella di chiedere obbedienza o di negarlo
prima o poi in modo definitivo.
Mi rendo anche conto, riflettendo su questo diagramma, che sulla strada
esplicativo dell'obiettività tra parentesi ci sono molti domini della realtà
diversi ma ugualmente legittimi, anche se non ugualmente desiderabili, ciascuno
costituito come dominio delle coerenze operative nell'esperienza del
osservatore. E mi rendo anche conto che nel percorso esplicativo del
l'oggettività tra parentesi una sintonizzazione cognitiva è un invito all'altro a
entrare in un determinato dominio di coerenze operative, e che quello
sa che ci sono altre pretese cognitive ugualmente legittime in
altri domini della realtà che l'altro potrebbe preferire. In questo modo esplicativo,
le discrepanze rivelano che coloro che non sono d'accordo sono nei domini della realtà
diversi e che possono essere uniti o separati a causa della loro discrepanza,
secondo se vogliono o no stare insieme. Se non vogliono stare insieme, il
39
la discrepanza risulta nella loro separazione responsabile, se vogliono stare insieme, il
la discrepanza diventa un'opportunità per la creazione di un nuovo
dominio della realtà, anche in modo responsabile.
3.8 Lingua e azione
Ora dirò qualcosa sulla lingua. Anche se di solito parliamo di lingua
come un sistema di segni o simboli di comunicazione, al momento in
che vogliamo capire il linguaggio come un fenomeno dell'essere vivente, o
associato con l'essere vivente in termini di simboli, troviamo che il
il problema è capire come nasce il simbolo. Ad esempio, se lo dico al mio
cane: "vai a cercarlo", puntando la mia mano e il dito verso ciò che voglio,
la cosa normale è che il cane è orientato verso la mano e non verso ciò che indico
esso. Il mirare richiede l'associazione del gesto di mirare con lo scopo,
Come viene stabilita questa relazione? Il simbolo è un punto in qualche dominio di
oggetti concreti o astratti e, come tale, richiede l'operazione di accordo che
quando è costituito, indicando come una distinzione di ciò che indica e che cosa
del puntatore un'entità che punta. Tale accordo è dato nella lingua. il
il simbolo non è primario e per operare con i simboli in cui è necessario essere presenti
la lingua.
Qual è la lingua?
Quando vediamo due persone attraverso la finestra senza sentire cosa dicono, cosa
dovremmo osservare per affermare che stanno parlando? Dico quello che
che dovremmo osservare è il corso che seguono le loro interazioni e che se
li vediamo in un flusso di interazioni ricorrenti che ci appaiono come a
flusso in coordinamenti comportamentali di coordinazione comportamentale che cosa
possiamo indicare come essere d'accordo, quindi dovremmo dire che sono dentro
la lingua Vediamo un esempio.
Se vogliamo prendere un taxi, facciamo un gesto con la mano che ci coordina
un automobilista che si ferma. Tale interazione è una coordinazione comportamentale
semplice, e non è, visto come tale, niente di più. Ma se dopo aver fatto il gesto
coordina il nostro comportamento con l'automobilista nel suo arresto ne facciamo un altro
che si traduce in quest'ultimo girando e fermandosi dalla nostra parte di fronte al
contrariamente alla direzione che segue, vi è il coordinamento del coordinamento
azione. Visto nel suo complesso, le prime coordinate di interazione fermarsi e trasportare, e
il secondo, la direzione del carry. Tale sequenza di interazioni costituisce a
linguaggi minimi Un osservatore potrebbe dire che c'era un accordo. Una prima
solo una sequenza di coordinamenti comportamentali si è verificata, ma
Si tratta di una particolare sequenza, perché il secondo coordinamento delle azioni
coordinate al primo, e non semplicemente aggiunge ad esso.
Il linguaggio è costituito quando è incorporato nel vivere, come modo di vivere, questo
flusso in coordinamenti comportamentali di coordinazione comportamentale che si presentano
40
nella convivenza come risultato di esso; cioè, quando i coordinamenti
comportamentali sono consensuali. Ogni interazione implica un incontro
tra coloro che interagiscono e qualsiasi incontro strutturale risulta nel
innescato o innescato un cambiamento strutturale tra i partecipanti
dell'incontro. Il risultato di questo è che, ogni volta che ci sono incontri
ricorrenti, ci sono cambiamenti strutturali che seguono un percorso contingente al corso
di questi Questo ci accade nella vita quotidiana, in modo tale che, sebbene come
esseri viventi siamo in continuo cambiamento strutturale spontaneo e reattivo, il
Il corso che segue il nostro cambiamento strutturale spontaneo e reattivo è fatto
contingente sulla storia delle nostre interazioni.
Prendi il caso di un bambino in crescita. Lo mettiamo in questa scuola e
cresce in un certo modo apparente in certe abilità che diciamo
acquisisce; lo mettiamo in un altro e cresce in un altro modo, con altre abilità.
Parliamo di apprendimento, ma in realtà, quello che facciamo quando si mette un bambino in una
scuola, è di introdurlo in un certo campo di interazioni in cui il corso di
cambiamenti strutturali che si verificano in lui o lei comunque
questo e non quello. Quindi sappiamo tutti che non è lo stesso vivere da a
in un modo o nell'altro, andare in una scuola o in un'altra, e questo ci preoccupa perché, diciamo, il
le abitudini sono difficili da modificare. Anche noi tutti sappiamo, anche se non sempre
ci prendiamo cura di esso, che ciò che è coinvolto nell'apprendimento è il
trasformazione della nostra corporeità che segue un corso o un altro secondo il nostro
modo di vivere Parliamo di apprendimento come di catturare un mondo
indipendente in un'operazione astratta che quasi non tocca la nostra corporeità, ma
Sappiamo che non è così. Sappiamo che l'apprendimento ha a che fare con i cambiamenti
cambiamenti strutturali che si verificano in noi in modo contingente alla storia di
le nostre interazioni
È a causa del modo di muoversi che viene riconosciuto un cileno o un americano.
Mi basta, se sono all'estero, guardare come si muove o come
Hai visto qualcuno che sapeva di essere cileno. E se lo sento parlare, è ancora più facile. Perché
Come sono i cileni? Siamo simili perché insieme siamo
immerso nella stessa storia di interazioni e il corso del cambiamento del corpo è
sembra in tutti noi nella misura in cui dipende da quella storia. il
le differenze individuali in questa storia hanno a che fare con le caratteristiche
iniziali di ciascuno, e con le circostanze particolari che si verificano in questo
storia comune che ci costituisce come cileni.
La stessa cosa succede con la lingua. Il bambino impara a parlare senza afferrare
simboli, trasformandosi nello spazio di convivenza configurati nel loro
interazioni con la madre, con il padre e con gli altri bambini e adulti
formano il loro mondo. In questo spazio di convivenza il tuo corpo sta cambiando
come risultato di quella storia, e seguendo un corso contingente per quella storia.
E il bambino che non è esposto a una storia umana e non vive trasformato in
lei secondo il modo di vivere in lei, non è umana. Questo è e dovrebbe essere parte del nostro
41
preoccupazione quotidiana: i bambini che crescono sotto una dittatura, crescono
fisicamente diversamente dai bambini che crescono in una democrazia.
Alla fine, questo è ciò a cui ci riferiamo quando diciamo: "Lo ha
incorporato. "
È a causa dell'incarnazione del modo di vivere che non è facile cambiare se lo si è già fatto
"vissuto in un certo modo". La difficoltà dei cambiamenti di comprensione, di
il pensiero, i valori, è grande. Ciò è dovuto all'inerzia del corpo e non a
che il corpo è un peso o costituisce una limitazione; è la nostra possibilità e
condizione di essere. Più, ancora, la vita si svolge in modo costitutivo come a
storia di cambiamenti strutturali in cui la congruenza tra il
essere vivo e il mezzo, e in cui, quindi, il mezzo cambia insieme con il
organismo che contiene In altre parole, l'organismo e il mezzo sono attivati
cambiamenti reciprocamente strutturali sotto i quali rimangono reciprocamente
congruente, in modo che ognuno scivoli nell'incontro con l'altro
seguendo le dimensioni in cui conservano l'organizzazione e l'adattamento, o il
l'organismo muore. Infine, questo accade spontaneamente senza alcuno sforzo
da parte dei partecipanti, prendo il risultato del determinismo strutturale nel
dinamica sistemica che si costituisce nell'incontro con l'organismo centrale. in
Di conseguenza, mentre sono vivo e fino alla morte, mi trovo dentro
interazioni ricorrenti con l'ambiente, in condizioni in cui il mezzo e
Cambio in modo congruente. È sempre vero? Sì, sempre!
Farò una precisione. Se dico che sono andato a studiare medicina attraverso una porta del
università e che dopo sette anni sono uscito allo stesso tempo e per a
diverso, devo chiarire in che senso quella porta è la stessa e in che senso
lo è Non è in senso umano, perché sono stato trattato in modo diverso nel
momento di entrare e al momento di partire, ma è, se sto parlando
un senso architettonico che implica che il mio look non è cambiato e che il
l'edificio non è stato demolito e ricostruito nel frattempo. Cioè, solo se cambio
La mia circostanza cambia, e la mia circostanza cambia solo se cambio.
Organismo e medium stanno cambiando insieme in modo coerente in tutto il
vita dell'organismo. A volte lo metto in evidenza riferendomi a uno mio zio
molto ricco Alcuni di voi potrebbero avermi sentito raccontare la storia di quel ragazzo, ma
in breve, le "storie dello zio" sono così cilene che, perché non raccontano la storia del
zio? Mio zio è molto ricco e molto malato; sta per morire molto presto e il mio
fratello e io siamo gli unici eredi. Lui è con un pacemaker, con
respirazione artificiale, devi collegarlo al rene artificiale tre volte a settimana,
Devi nutrirlo per via endovenosa e lui è quasi inconscio tutto il tempo.
Per questo motivo, alcune settimane fa ho visitato un giudice per rivendicare la mia eredità, e io
Ho detto: "Voglio la mia eredità, mio ​​zio sta morendo". Il giudice mi ha risposto, facendo
onore alla giustizia cilena: "dov'è il certificato di morte?" "Non cosa
Ho, gli dico che sta morendo, anche se è ancora vivo ", risposi.
Non puoi rivendicare l'eredità ", ha risposto il giudice.
42
Mio zio è molto cattivo e morirà, ma non è morto. Mio zio è e sarà
Vivo finché sono vivo, indipendentemente da ciò che penso del loro
welfare. Inoltre, come mio zio è arrivato vivo alla clinica di Las Condes in un
meravigliosa ambulanza con tutti i tipi di strumenti che erano
applicato durante il viaggio da casa, alla clinica, mio ​​zio è stato trasformato
insieme con l'ambiente e l'ambiente, è stato trasformato con lui nella conservazione di
la loro reciproca congruenza. Mi lamento perché non posso portarlo in spiaggia, ma lo so
che se lo indosso, muore, perché lo tolgo dal dominio di congruenza con il medium
dove è vivo Non essere scandalizzato, questa è solo una storia sul ragazzo che mostra,
in una situazione quotidiana, che un essere vivente è vivo solo mentre conserva il suo
congruenza con l'ambiente e che la vita si verifica solo mentre l'organismo e il mezzo
sono trasformati in modo congruente in condizioni di conservazione di
organizzazione della vita.
Da tutto questo risulta che siamo così come siamo, in congruenza con il nostro ambiente
e che il nostro ambiente è come è in congruenza con noi e quando lo è
la congruenza è persa, non lo siamo. Questa dinamica costitutiva reciproca è valida
per un organismo qualunque sia il suo mezzo e, nel nostro caso, gli esseri
esseri umani, qualunque sia la nostra dinamica di convivenza. Se due esseri
vivi sono nelle interazioni ricorrenti c'è una storia di cambiamenti
strutturale congruente tra loro, in cui il mezzo di A include B e C, quello di B
include A e C, e C include A e B. Questo cambiamento congruo passa tutto
modi, che lo vogliamo o no, e lo sappiamo tutti. Se consideriamo ora questo
situazione di coesistenza tra A e B, in relazione a quanto è stato detto sulla lingua
come flusso nelle coordinazioni comportamentali di coordinazione comportamentale
consensuale, in una storia di interazioni ricorrenti, vediamo, per a
parte, quel linguaggio si verifica come parte del processo di cambiamento strutturale di A
e B, in base al loro coordinamento comportamentale e, d'altra parte,
che seguono un percorso contingente ai cambiamenti strutturali che hanno A e
B nel corso di tali coordinamenti comportamentali di coordinamento
Consensuale comportamentale
Nell'incontro di A e B, A non specifica cosa succede a B, né B cosa gli succede
A. Gli esseri viventi sono sistemi determinati dalla nostra struttura. niente
esterno a noi può specificare cosa succede a noi. Ogni volta che c'è un
incontro, quello che ci succede dipende da noi. Lo sappiamo. Quando
invita il sindaco a vedere una costruzione, se non vogliamo che muoia, in caso di
una caduta di mattoni sulla sua testa, gli chiediamo di indossare un elmetto d'acciaio. e
lo facciamo non perché è il mattone che ucciderebbe il sindaco, ma perché
sappiamo che il cranio del sindaco ha una struttura tale che il suo incontro con
il mattone che cade da una grande altezza innesca un cambiamento strutturale distruttivo in esso.
In altre parole, la morte del sindaco dipende dal mattone? No, dipende da
il capo del sindaco! L'incontro con il mattone è una contingenza storica.
La prova che sappiamo che questo è il caso è che modifichiamo la testa
43
del sindaco con un casco, e non il mattone. Quello che ho appena detto è scherzoso
una condizione costitutiva degli esseri viventi. Anche in una conversazione come
questo, ciascuno ascolta da se stesso e, costitutivamente, a causa del suo
determinismo strutturale, non si può non ascoltare se stessi. qualunque
Dico è un disturbo che innesca un cambiamento in ognuno di voi
strutturalmente determinato in te, e non in quello che dico, e, quindi, no
Sono solo la contingenza storica in cui ti incontri
pensando a cosa stanno pensando.
Quando siamo in interazioni ricorrenti in convivenza, cambiamo
congruente con la nostra circostanza, con l'ambiente e in un certo senso
il rigoroso nulla è casuale, perché tutto ci accade in un presente interconnesso
che viene continuamente generato come una trasformazione dello spazio di
congruenze a cui apparteniamo. Allo stesso tempo, niente di ciò che facciamo o
pensiamo che sia banale o irrilevante, perché tutto ciò che facciamo ha
conseguenze nel dominio dei cambiamenti strutturali a cui apparteniamo.
Se guardiamo innocentemente all'incontro di A e B, ci sembra che A determini cosa
cosa succede a B, ma non è così. Inoltre, alcune cose accadono in B in B
secondo il suo presente strutturale, ma questo è emerso da una storia di
interazioni molto più ampie del loro spazio di incontri con A. Lo stesso
si verifica con A rispetto a B. A e B si trovano come entità indipendenti,
ma si trovano solo nello spazio in cui storicamente non lo sono.
Ripetiamo questo in un altro modo.
Se metto una chiave in una serratura e apro una porta, sembra che la chiave
Ho deciso il cambiamento che si verifica nella serratura. Ma non è così,
Se perdo la chiave, devo usare il lucchetto per creare una chiave che la apra. È il
blocco che determina se la chiave è adatta o meno, non la chiave. Sotto il
sembra innocente sembra che la chiave apra il lucchetto quando il lucchetto e la chiave
sono congruenti, e normalmente lock e key sono congruenti
la costruzione. Nel caso degli esseri umani, la congruenza comportamentale è di
storia. Ti parlo in spagnolo e mi senti in spagnolo o, più
precisamente, nello spagnolo cileno. Perché? Perché apparteniamo a
stessa storia. Ma è interessante notare che appartiene alla stessa storia
ciò si vede nella congruenza comportamentale di due o più organismi in
la convivenza, è il risultato di una storia di cambiamenti strutturali
congruente in un campo di interazioni ricorrenti che, diretto o
indirettamente, hanno contribuito in modo ricorsivo a configurare le stesse modifiche
che derivano da quella storia.
Il linguaggio emerge anche nella storia degli esseri viventi nel campo di
interazioni ricorrenti nella ricorsione consensuale dei coordinamenti
comportamentale. La spontaneità e naturalezza con cui è emerso il consenso nel
44
coesistenza è evidente in coesistenza con un animale domestico, come ad esempio
gatto, per esempio. Quando adottiamo un gatto e viviamo con esso per un po ', un giorno,
due giorni, una settimana, lo spazio iniziale di coordinamento comportamentale da
dove è costituito nell'adozione, è ingrandito. Presto, il gatto sa che noi diciamo
dov'è il cibo, capisci quando ti invitiamo a salire la gonna o a
dormi con noi a letto.
In altre parole, nella convivenza con il gatto appare un intero insieme di
comportamenti che si verificano nel presente come risultato di una storia di
interazioni ricorrenti, e questo non sarebbe sorto senza una tale storia. Ma così
succede, bisogna accettare il gatto come un altro legittimo nelle interazioni
con uno, e il gatto deve accettarne uno allo stesso modo. Prendo il gatto,
Lo porto a casa e va via. Lui non mi accetta. Prendo il gatto lo porto a casa
e mia moglie non lo vuole e lei lo calcia, lei non lo accetta; non c'è storia di interazioni
ricorrenti. L'accettazione dell'altro come legittimo non è un sentimento,
È un modo di recitare. Se agisco con il gatto in modo che un osservatore possa farlo
per dire che lo accetto, l'accettazione è data, se non lo faccio, no.
3.9 Emozioni e interazioni umane: amore
Perché ci sia una storia di interazioni ricorrenti deve esserci un'emozione
ciò costituisce i comportamenti che si traducono in interazioni ricorrenti. Se quello
l'emozione non è data, non c'è storia di interazioni ricorrenti, e c'è solo
incontri casuali e separazioni.
Ci sono due emozioni pre-linguistiche che rendono possibile ciò. Questi sono il rifiuto e
l'amore Il rifiuto costituisce lo spazio di comportamenti che negano l'altro come
legittimo un altro in convivenza; l'amore costituisce lo spazio dei comportamenti quello
accettano l'altro come legittimo altro nella convivenza. Rifiuto e amore, senza
Tuttavia, non sono alternativi, perché l'assenza di uno non porta all'altro e ad entrambi
Hanno come alternativa all'indifferenza. Il rifiuto e l'amore, tuttavia, lo sono
contrari alle loro conseguenze nel campo della convivenza; il rifiuto
Lui nega e l'amore lo costituisce. Il rifiuto costituisce uno spazio di interazioni
ricorrente che culmina nella separazione; l'amore costituisce uno spazio di
interazioni ricorrenti che si espandono e possono essere stabilizzate come tali. È perché
il secondo che l'amore costituisce uno spazio di interazioni ricorrenti nel
che si apre uno spazio di convivenza in cui può aver luogo il coordinamento
comportamenti di coordinamenti comportamentali consensuali che costituiscono il
linguaggio che fonda l'umano, ed è per questo che l'amore è emozione
fondamentale nella storia del lignaggio ominide a cui apparteniamo.
Perché uso la parola amore?
Uso la parola amore perché è la parola che usiamo nella vita di tutti i giorni
fare riferimento all'accettazione dell'altro o dell'altro come legittimo altro nel
convivenza. Un amico che sta pulendo la sua auto dice: "Ehi, tu
45
Ti piace la tua auto? Sì, certo, dice che è nuovo, mi prendo cura di lui, lo voglio. "
Un altro che lascia il suo gatto a letto può dirgli: "Ehi, sembra
Cosa vuoi il tuo gatto? Sì, rispondo che lo amo. "O quando qualcuno ci permette di essere
senza richieste, diciamo: "Il tal dei tali è un amore" o "Il tal dei tali mi ama". Allo stesso tempo
tempo, quando qualcuno ci nega la richiesta, diciamo: "non mi ami".
Cos'è l'amore?
L'amore è l'emozione che costituisce l'azione di accettare l'altro come a
legittimo un altro in convivenza; quindi, amare è aprire uno spazio di
interazioni ricorrenti con un altro in cui la sua presenza è legittima senza
requisiti.
L'amore non è un fenomeno biologico raro o speciale, è un fenomeno biologico
di tutti i giorni. Inoltre, l'amore è un fenomeno biologico così basilare e quotidiano
l'umano, che spesso neghiamo culturalmente creando limiti nel
legittimità della convivenza in funzione di altre emozioni. Quindi, ad esempio,
tutte le dinamiche della creazione della coscienza di guerra (succede quando c'è una lotta con
un altro), consiste nella negazione dell'amore che apre la via all'indifferenza, e quindi
nella cultura del rifiuto e dell'odio che negano l'altro e permettono o portano al loro
distruzione. Se ciò non viene fatto, la biologia dell'amore disfa il nemico. Questo era
un problema sorto durante la prima guerra mondiale con le trincee.
I tedeschi conversavano con gli inglesi o con i francesi e i
la guerra. Era necessario proibire l'incontro di nemici al di fuori del combattimento. È perché
questo il torturatore deve insultare e denigrare i torturati.
Ricordo di aver letto nell'Europa, nel 1961 o nel 1962, un titolo che diceva:
"50 nordamericani uccisi, 200 commissioni sterminate". I comis erano vietcons
e furono sterminati, ma gli americani morirono. Chi si stermina?
Non a quelli che sono come uno, ma a quello di qualcun altro, e devi definire il nemico come
alieno, il più delle volte con un argomento razionale, altrimenti
Non è un nemico e non lo uccidiamo.
Gli esseri umani inventano discorsi razionali che negano l'amore e così
rendiamo possibile la negazione dell'altro, non come qualcosa di circostanziale, ma come
qualcosa di culturalmente legittimo perché siamo nella spontanea della nostra biologia
fondamentalmente aperto all'accettazione dell'altro come legittimo altro nel
convivenza. Questa disposizione biologica di base è fondamentale in noi, perché lo è
il fondamento della nostra storia degli ominidi.
Ciò che connotiamo nella vita di tutti i giorni, quando distinguiamo ciò che chiamiamo
Le emozioni, sono domini di azioni. Per questo motivo, sottolineo ciò che noi
biologicamente parlando di diverse emozioni, sono le diverse disposizioni
corpi dinamici che specificano i diversi domini di azioni dove
spostiamo gli animali. Per questo, nella misura in cui diverse emozioni
costituiscono diversi domini di azioni, ci saranno diversi tipi di relazioni
esseri umani secondo l'emozione che li sostiene e dovremo guardare le emozioni
46
per distinguere i diversi tipi di relazioni umane, poiché questi sono i
definito.
Quindi, se guardiamo l'emozione che definisce il dominio delle azioni in cui
costituiscono le relazioni che nella vita quotidiana chiamiamo relazioni sociali,
vediamo che questo è amore, perché le azioni che costituiscono ciò
noi chiamiamo sociale sono quelli di accettazione dell'altro come legittimo altro nel
convivenza. In sociologia trattiamo tutti i rapporti umani come
relazioni sociali Secondo quello che dico, non tutte le relazioni umane sono
della stessa classe, per il semplice fatto che viviamo i nostri incontri sotto
diverse emozioni che costituiscono diversi domini di azioni. O, in altro
parole, solo se i miei rapporti con un altro sono dati nell'accettazione dell'altro come
un altro legittimo in convivenza e, quindi, in fiducia e rispetto, il mio
Le conversazioni con quell'altro avverranno nello spazio delle interazioni sociali.
Consideriamo ora le relazioni umane fondate su altre emozioni
diverso dall'amore. Relazioni di lavoro, per esempio.
3.10 Relazioni sociali e non sociali
I rapporti di lavoro, come detto, non sono relazioni sociali perché loro
sono basati sull'impegno a svolgere un compito e, in essi, sulla conformità
il compito è l'unica cosa che conta. In altre parole, per adottare il
impegno a lavorare, che i partecipanti sono persone, esseri
multidimensionale, è essenziale, ma una volta adottato l'impegno, il
i partecipanti sono persone e hanno altre dimensioni relazionali a
impertinenza. Il fatto che sia così viene notato quando colui che accetta l'impegno
di lavoro ha qualche difficoltà nella realizzazione di questo. Quando ciò accade, il
il datore di lavoro si lamenta e dice: "Non ti pagherò, hai perso la settimana in corso: no
è venuto, non ha mantenuto la parola data, non l'ha pagato. "" Ma, signore, l'impiegato chiacchiera mia moglie ...
bambino ..., mia suocera ... "Guarda, lo schema replica le cose personali.
qui, l'unica cosa importante è il compito. "Allo stesso tempo il dipendente, anche se
stato negato nelle sue altre dimensioni sa che in un certo senso quello che dice
il datore di lavoro è legittimo contro l'accordo a svolgere un compito, ma si lamenta e
si sente investito. Il nostro problema è che confondiamo i domini, perché
noi funzioniamo come se tutte le relazioni umane fossero della stessa classe, e
non lo sono. Rapporti umani che non sono basati sull'accettazione dell'altro
Come legittimo altro nella convivenza, non sono relazioni sociali. Quelli di
il lavoro non sono relazioni sociali. Lo stesso vale per le relazioni
gerarchico, perché sono basati sull'implicita negazione reciproca, il requisito
di obbedienza e consegna di potere che portano con loro. Il potere sorge con il
l'obbedienza e l'obbedienza costituiscono il potere come rapporti reciproci
la negazione. Le relazioni gerarchiche sono relazioni basate sul
sopravvalutazione e svalutazione che costituiscono il potere e l'obbedienza e,
quindi, non sono relazioni sociali
47
Attualmente parliamo come se il potere avesse l'altro, e in realtà non lo è
bene. Ricordo che durante il governo del presidente Allende fu nominato
Come ministro degli interni, un soldato, che ha dovuto cercare di mettere fine a
i camionisti colpiscono; Ho dato ordini e non è successo niente. Dov'è il potere
dei militari? Nell'obbedienza dell'altro. Se do un ordine al soldato e no
obbedire, dov'è il mio potere? Il potere non è qualcosa che l'uno o l'altro ha, è un
relazione in cui qualcosa è concesso a qualcuno attraverso l'obbedienza, e il
l'obbedienza è costituita quando si fa qualcosa che non si vuole realizzare soddisfacendo
una richiesta Chi obbedisce rinnega se stesso, perché salva o ottiene
qualcosa fa ciò che non vuole su richiesta dell'altro. Colui che ubbidisce agisce con rabbia, e
con rabbia nega l'altro perché lo rifiuta e non lo accetta come legittimo altro
in coesistenza. Allo stesso tempo, colui che obbedisce nega se stesso
obbedire e dire: "Non voglio farlo, ma se non obbedisco, mi espellono o
Mi puniscono e non voglio che mi espellano o puniscano. "Ma, quello che comanda
Nega anche l'altro e si nega non incontrando l'altro come
un altro legittimo in convivenza. Si nega perché giustifica il
legittimità dell'obbedienza dell'altro nella sua sopravvalutazione e nega l'altro
perché giustifica la legittimità dell'obbedienza nell'inferiorità dell'altro.
Quindi i rapporti di potere e obbedienza, i rapporti gerarchici,
non sono relazioni sociali. Un esercito non è un sistema sociale. Tuttavia,
Le relazioni sociali possono verificarsi tra membri di un esercito. Per vederlo
basta guardare la letteratura che rivela le situazioni della vita quotidiana del
soldati. Ad esempio, cosa succede tra un generale e la sua ordinanza. scena:
felice l'ordinario pulisce l'uniforme del generale e loro parlano: "Dove stai andando?
stasera, il mio generale? Vado fuori, e ... la ragazza è una brava ragazza? Sì, certo che lo è
molto carina! "Finora la relazione sociale sta andando bene, ma all'improvviso l'ordinata
Dice: "Il mio generale, nota che credo che quello che mi ha chiesto di fare ieri
può essere Devi fare quello che ti ho detto! Ma, mio ​​generale ... è un ordine! "
La relazione sociale è finita. L'amicizia tra l'ordinanza e il generale non esiste
di più, sono ora nella gerarchia.
Gli esseri umani non sono sempre sociali; noi siamo solo nel
dinamica dei rapporti di reciproca accettazione. Senza azioni di accettazione
reciproco non siamo sociali. Tuttavia, nella biologia umana il sociale è così
fondamentale che appare in ogni momento e in ogni luogo.
Nel momento in cui il datore di lavoro sente un operatore o un dipendente in merito
della malattia che sua moglie ha accettato la sua legittimità, il
persona che esegue l'operatore o il dipendente e si crea una relazione sociale. Ma il
il modello di ascolto non è un buon modello, perché confonde una relazione che
Dovrebbe funzionare esclusivamente con una relazione sociale. Lo schema è buono
colui che adempie ai suoi impegni con i suoi lavoratori e con le leggi o
Accordi comunitari che regolano gli accordi di lavoro. È solo
perché i rapporti di lavoro non sono relazioni sociali di cui si richiede
48
leggi che li regolano. Nell'ambito delle relazioni sociali, non c'è
sistemi legali, perché le relazioni umane avvengono in reciproca accettazione
e, quindi, nel rispetto reciproco.
I sistemi giuridici sono costituiti come meccanismi di coordinamento
comportamento tra persone che non costituiscono sistemi sociali. All'interno del
il sistema sociale opera in una congruenza comportamentale vissuta come
spontaneo, perché è il risultato della convivenza nella reciproca accettazione. se
guardi alla storia, realizzerai che sorgono sistemi legali
quando le popolazioni umane diventano così grandi che smettono di essere
sistemi sociali e frammentati in piccole comunità sociali ma
indipendenti, o danno luogo al loro interno a comunità non sociali che si aprono
nuovi spazi di interazioni basati su altre emozioni diverse da
amare.
Dico che i fenomeni sociali hanno a che fare con la biologia, e questo
l'accettazione dell'altro non è un fenomeno culturale. Inoltre, lo sostengo
culturale, nel sociale, ha a che fare con la delimitazione o la restrizione dell'accettazione
dell'altro. È nella giustificazione razionale delle vie della convivenza dove
inventiamo discorsi o sviluppiamo argomenti che giustificano la negazione di
altro. Abbiamo insegnato ai bambini fin da piccoli a rifiutare certi tipi di
persone e animali. Quindi, se la madre vede che il suo bambino vuole giocare con qualcuno diverso da
a lei non piace, dice: "Non giocare con quel bambino, è uno rotto". Questo ci succede senza
rendersi conto, perché viviamo una cultura che lo fa, e noi dobbiamo
rifletti per evitarlo. I cani del ricco abbaiano ai poveri.
Interessante vero? I cani dei ricchi abbaiano sempre ai poveri. a
chi abbaierà? alla negazione dell'altro che fa l'uomo ricco. Sto usando la parola
"ricco" per dire una persona che nega l'altro dalla paura di perdere cosa
Essa possiede. Il mio cane sa esattamente chi sono i miei nemici.
Come lo sai? Perché li nego nella mia dinamica emotiva quando mi muovo nel
domini di azione che porta. Se la mia emozione è rifiuto, il mio comportamento non lo è
accettare l'altro come un essere umano legittimo in convivenza e lui o lei lo nota,
anche se voglio nasconderlo se apparteniamo alla stessa cultura, perché
apparteniamo allo stesso dominio di congruenza strutturale. Non possiamo evitare
la nostra biologia E, inoltre, perché evitarlo se ci costituisce? È meglio
conoscila
3.11 Etica
Ora voglio fare alcune riflessioni sull'etica. Noi, nella cultura
Occidentale, facciamo molte riflessioni sull'etica. Parliamo dei diritti
esseri umani, abbiamo la Carta dei diritti umani delle Nazioni Unite.
Ce l'ho nel mio laboratorio e ho aggiunto due punti: il diritto di
sbagliato e il diritto di cambiare idea. Ci sono libri in cui il
diritti umani in modo razionale. Tuttavia, la Carta dei diritti
49
Diritti umani e discorsi razionali sui diritti umani,
Per quanto siano impeccabili, convincono solo quelli che sono convinti. Perché? perché
il razionale è operare in un campo di coerenze operative e discorsive
fondato da una serie di premesse fondamentali accettate a priori
determinata. Quello che non ha le stesse premesse fondamentali ne ha altri, e
genera, anche in modo impeccabile, un discorso razionale diverso che
costituisce un altro dominio di coerenze operative e discorsive, e quindi
un altro dominio razionale.
Questo si applica al campo dell'etica? Certamente. Preoccupazione etica come preoccupazione per le conseguenze che le nostre azioni hanno su un altro, è un fenomeno che ha a che fare con l'accettazione dell'altro e appartiene al dominio dell’amore. Ecco perché la preoccupazione etica non si estende mai oltre il dominio sociale dove sorge.
Nel 1955, ero uno studente in Inghilterra. Con diversi amici cileni abbiamo visitato una mostra di dipinti di un pittore giapponese sulla distruzione e la sofferenza a cui ha dato origine la bomba atomica su Hiroshima. Quando siamo usciti, uno dei miei gli amici ha detto: "Cosa mi importa che siano morti in Cina centomila Hiroshima se non sapeva "Sentendo! Questo mi ha dato i brividi dico e, allo stesso tempo, ho pensato che fosse meraviglioso. Ho ringraziato il mio amico per averlo detto, perché ho scoperto qualcosa di fondamentale: se non ho la fantasia di incorporare quei giapponesi che nel mio mondo accettandoli come legittimi altri nella convivenza, non posso preoccuparmi di quello che succede a causa dele mie azioni. La sua onestà era meravigliosa e rivelatrice, anche se scioccante.
L'etica non ha basi razionali ma emotive. Quindi, l'argomento razionale non funziona, ed è proprio per questo che devi creare sistemi legali che definiscono le relazioni tra i diversi sistemi umani dalla configurazione di un pensiero sociale capace di abbracciare tutti gli esseri umani.
La Carta dei diritti umani è presumibilmente in grado di coprire tutti
le nazioni in un sistema legale comune che imita, per dichiarazione, le relazioni
sociale che nasce spontaneamente nella convivenza fondata sull'amore. ha
Era necessario farlo, perché in ogni nazione la preoccupazione etica non va
oltre i suoi confini. Quindi, parla dell'umanità e spera che ciò accada
sfera spontaneamente sociale dell'umanità non è, perché non è
facile estendere senza riflettere l'accettazione dell'altro oltre i confini
culturale.
Tuttavia, quando siamo all'estero, tutti i cileni ci amano.
La verità è che uno non si cura molto dell'ideologia dell'altro e non lo fa
Trovalo lì. Penso che all'estero potremmo essere tutti
Democratici. Perché? Perché accettiamo noi stessi semplicemente perché siamo cileni.
(Per esempio, uno dice: "Io sono un comunista Ah, ti dispiacerebbe, io sono un radicale, lo sono.
50

liberale! o io sono conservatore! Ah, che interessante! Parliamo allora ").
Fuori dal Cile abbiamo parlato di queste cose, accettandoci l'un l'altro; entro
dal Cile abbiamo combattuto. Perché? perché lì il dominio sociale è un dominio
definito dalla nostra reciproca accettazione in Cile. Non qui In Cile
stabiliamo i contorni ideologici e dimentichiamo la cilena, che
è nascosto nel naturale. Nel dominio del nostro cileno
Le preoccupazioni etiche comprendono i cileni. Se la carta d'identità è stata definita
l 'estensione della nostra accettazione dell'altro come legittimo altro nel
coesistenza, quindi tutti i cileni con carte d'identità, e solo questi,
sarebbero parte delle nostre preoccupazioni etiche.
È dovuto alla natura sociale delle preoccupazioni etiche, dipendenti dall'amore
e non della ragione, che una certa comunità politica può fare
valutazioni etiche che non sono valide per un altro. Lo spazio sociale che definisce
un'ideologia politica non è la stessa di un'altra, perché ogni ideologia politica definisce
una specie di umanità. Voglio insistere sul fatto che dobbiamo rendercene conto,
perché nella misura in cui la fenomenologia dell'amore è alla base
biologica dell'umano, lei sarà comunque presente. Penso che non ci sia
una buona comprensione del fenomeno della convivenza e della storia di
fenomeni politici se non si comprende la natura del sociale e dell'etica nel
portata del tuo fondamento emotivo.
3.12 Costituzione politica e coesistenza
Le relazioni umane sono sempre date da una base emotiva che definisce il
campo di coesistenza. Per questo motivo, la coesistenza di persone che appartengono a
diversi domini sociali e non sociali richiedono la stipula di a
legalità che opera definendo lo spazio della convivenza come dominio
emotivo dichiarativo che specifica i desideri di convivencia e quindi lo spazio
di azioni che lo eseguono. La Costituzione di un paese o nazione fa questo, noi
unifica in un progetto nazionale e, se lo generiamo insieme, ci unifica nel
spazio dei desideri e costituisce uno spazio di reciproca accettazione in cui
la convivenza può verificarsi È bene capirlo; senza accettazione
non può essere una coincidenza nei desideri, e senza coincidenza nel
desideri non c'è armonia nella convivenza o nell'azione o nella ragione, e così via
Pertanto, non c'è libertà sociale. Inoltre, se non lo comprendiamo, non possiamo
capire perché ci sono alcune discrepanze che non saranno mai risolte all'esterno
di un atto dichiarativo che li sopprime.
Ad esempio, credo che la guerra cattolica protestante nell'Irlanda del Nord sia un
guerra eterna; vale a dire, è una guerra di sterminio da parte delle opposizioni politiche
quello può sparire solo se quelli che li sostengono li abbandonano come
motivi di discrepanza. Ciò che mi fa pensare in questo modo è il mio
comprensione della biologia del conoscere e delle conseguenze che sono differenti
Le posizioni cognitive hanno nelle relazioni umane. Gli approcci
51
politici e religiosi sono fatti, in generale, dall'obiettività senza parentesi
come rivelatori di una realtà indipendente dall'osservatore. da
questo le discrepanze politiche e religiose dall'obiettività senza parentesi
sono eterni e non hanno soluzione, e se finiscono è a causa della conversione o
scomparsa di una delle parti. Il compito della democrazia è uscirne
opposizioni quando si crea un dominio di convivenza in cui la pretesa di avere
un accesso privilegiato a una verità assoluta svanisce. Viviamo una cultura
ciò convalida la competizione e la lotta, e spesso lo diciamo
la democrazia è la libera lotta per il potere. Questo è un errore se ciò che vogliamo è
una convivenza in cui povertà, abuso e oppressione non sorgono come
modi di vita legittimi. Non c'è competizione sana né lotta fraterna. se
quello che vogliamo è una convivenza in cui povertà e abuso non sorgono
come legittime istituzioni di vita nazionale, il nostro compito è quello di fare il
democrazia un'opportunità per collaborare alla creazione quotidiana di a
convivenza basata sul rispetto che riconosce la legittimità dell'altro in a
progetto comune, nella realizzazione di cui la povertà e l'abuso sono errori
possono e vogliono correggersi.
Facciamo della democrazia uno spazio politico per la cooperazione nel
creazione di un mondo di convivenza in cui né la povertà né l'abuso, né la tirannia,
sorgere come modi legittimi di vita. La democrazia è un'opera di arte politica
ogni giorno che richiede di agire sapendo che non si possiede la verità e che il
un altro è legittimo come uno. Inoltre, un tale lavoro richiede riflessione e
l'accettazione dell'altro e, soprattutto, l'audacia di accettare che il diverso
le ideologie politiche devono operare come modi diversi di guardare agli spazi di
coesistenza che consente di scoprire diversi tipi di errori, nel compito comune
creare un mondo di convivenza in cui povertà e abuso sono errori
che vuoi correggere. Questa è una cosa diversa dalla lotta per il potere.
Infine, voglio fare la seguente riflessione. Nella misura in cui la lingua
ha a che fare con l'azione, il linguaggio ci sorprende sempre nel fare.
Pinochet, a volte, ha dichiarato che è stato un errore considerarlo a
dittatore, perché nessun dittatore accetta di approvare una Costituzione che lo limita. che
La dichiarazione di Pinochet è particolarmente interessante, almeno per due motivi:
uno, perché è valido, un altro, perché dice anche: io sono preso nel mio
dichiarazioni proprie, perché attraverso di loro il paese è cambiato e non il
Posso negare, perché fare ciò che il paese è dentro non lo consente. Il declino
di Pinochet iniziò con il lavoro della commissione costituzionale che lui stesso
nominato nel 1974, perché in quel momento era stato configurato lo spazio delle azioni
che era la strada verso la transizione democratica. Il paese si è tolto di mezzo
della dittatura in nel momento in cui la conversazione del
la democrazia. Cioè, il paese ha fatto il giro della dittatura quando
Cominciò ad agire e ad eccitare che costituisce la transizione alla vita democratica.
Inoltre, questo è iniziato durante la persecuzione politica e la negazione di
52
diritti umani La conversazione democratica costituisce la democrazia: il
la vita umana è fatta in conversazione.
Quindi, il modo in cui presentiamo ciò che diciamo è fondamentale.
Le nostre dichiarazioni, dichiarazioni o discorsi, nella misura in cui
costituiscono il coordinamento delle azioni in cui ci muoviamo, anche quando
sembrano astratti e volatili, ci modellano nel loro spazio di azioni.
In altre parole, ogni volta che dici che il discorso dell'altro è a
speculazione infondata, si dice che l'altro è ipocrita e sostiene
implicitamente: "Credo che quando dici questo, in realtà stai dicendo
un'altra cosa che si nasconde con azioni che non sono sincere. "Ma l'ipocrisia lo è
una riflessione a posteriori. L'ipocrisia non è mai nel presente; l'ipocrisia lo è
una riflessione sul. sincerità dei comportamenti dell'altro in passato, no
ora, così
. Finché non puoi accusare chi parla di bugie, chi parla è
bloccato nelle sue parole. Anche così, per la stabilità nell'armonia del
la convivenza sarà sempre meglio un discorso sincero che non può essere
svalutato a posteriori con l'affermazione dell'ipocrisia. Coesistenza in
la presunzione di ipocrisia genera solo crollo sociale e sofferenza, perché
implica sempre la generazione continua di azioni contraddittorie.
A volte pensiamo che un discorso per essere astratto, non ci tocchi, ma non è così,
perché, come ho detto, parlare deve fare costitutivamente con il
atto. Inoltre, in questa storia di interazioni ricorrenti e
coordinamenti di azioni nel coordinamento emotivo, ci sono altre emozioni
oltre all'amore Alcuni lo negano, altri no, altri lo incrociano con lui. il
emozione della convivenza nel discorso, nel linguaggio, non puoi nemmeno
deve negare, perché è con lui che viene data la vita umana. È nell'emozione che
sorgere sia l'amico che il nemico, non in ragione o razionale, per questo
dobbiamo renderci conto che la democrazia è definita e vissuta dal
emozione, dal desiderio di convivere in un progetto comune di vita.
In altre parole, il compito di creare una democrazia inizia nello spazio di
l'emozione con reciproca seduzione per creare un mondo in cui
emergono continuamente dalle nostre azioni la legittimità dell'altro nel
coesistenza, senza discriminazione o abuso sistematico. Una tale società è un'opera di
arte, un prodotto del desiderio di convivenza democratica, non di ragione. Se no
Accettiamo la presenza di flusso emotivo in un discorso, non lo capiamo,
e se non prendiamo in carico lo scopo creativo del discorso democratico, se no
ci rendiamo conto che la democrazia appartiene al desiderio e non alla ragione, no
saremo in grado di vivere in democrazia, perché lotteremo per imporre
verità. La democrazia è una cospirazione sociale per la convivenza nel
quali povertà, abuso e sfruttamento sono errori da correggere e correggere
perché hai il desiderio di farlo.
53
Anzi, vivere in democrazia richiede di accettare che il disegno di un ordine non si adatti a ordine sociale, perché è, in realtà, una cospirazione fondata su un desiderio di convivenza. Nel tentativo di progettare un ordine sociale, apriamo lo spazio alla tirannia, perché diventiamo consapevoli della necessità di essere nell’ordine sociale e chiediamo agli altri che sono in un certo modo si cambiare in ciò che consideriamo un modo appropriato. E questo è così, come mi ha fatto notare il mio amico Dario Rodríguez, quelli che parlano del nuovo uomo "sono sempre quelli che vogliono imporre un particolare disegno sociale da un'ideologia politica emersa nel percorso esplicativo dell'oggettività senza parentesi (quella che prevede una realtà esterna a noi alla quale abbiamo un accesso provilegiato)".
Mi sembra che la democrazia non possa essere considerata nella progettazione di un ordine
ma deve essere considerato come una cospirazione nella realizzazione di a
progetto nazionale nel desiderio di generare continuamente un modo di vivere nel
che l'emergere di povertà, abuso e distruzione della natura
sono errori che possono essere corretti e che vogliono essere corretti. Chiamo cospirazione
ontologico alla libertà di azione che si ottiene condividendo un desiderio che serve come
riferimento per guidare il comportamento dei cospiratori in coesistenza. Ogni volta
che abbiamo stipulato un accordo per fare qualcosa insieme, in modo che
Dobbiamo controllarci a vicenda, perché dall'accettazione e dal rispetto per
l'altro agiamo in sincerità, siamo in una cospirazione ontologica. Lo è
diciamo, siamo nella costruzione di un mondo comune dal desiderio del
convivenza. La democrazia è una cospirazione ontologica che nasce dal
desiderio di vivere insieme in un paese in circostanze che il mondo a cui portiamo
la mano nella convivenza sarà il mondo che vivremo insieme e che costituirà
fatto a quel paese. La cospirazione ontologica dà libertà si basa sul
fiducia e rispetto reciproci. Nella cospirazione democratica, la costituzione e
le leggi generate sotto di esso costituiscono regole che consentono la correzione
errori che si commettono nello scopo comune, proprio perché gli esseri
gli esseri umani non sono tutti uguali e non tutti noi abbiamo la possibilità di avere
Allo stesso tempo, la visione locale e generale del paese che ci consente di agire sempre
in modo responsabile di fronte al desiderio che ci unisce. La cospirazione
la democrazia non richiede che un essere umano si muova, richiede solo sincerità nel
partecipazione alla cospirazione democratica, e tale sincerità non è difficile se 'si sa
che è effettivamente parte di una tale cospirazione.
Allo stesso tempo, nella misura in cui la cospirazione democratica deve fare
con l'aspetto fondamentale dell'umano innamorato; cioè, nel
l'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza, la cospirazione
democratico è un invito creativo, non una restrizione autoritaria.
54
Il fallimento delle dittature e dei sistemi totalitari e statalisti di carattere
Socialista o no, non è un fallimento economico ma spirituale. Il suo fallimento è il
fallimento del sistema di progettazione ontologica che cerca di imporre un ordine sociale
imporre un dovere ad essere che nega l'individuo come un essere sociale consapevole e
responsabile della partecipazione alla costruzione del mondo che porta
alla convivenza con gli altri.
Ogni volta che tutta la saggezza è depositata in un gruppo umano, sia che sia costituito da militari, filosofi, tecnici, proletari, o qualsiasi altro, viene generata una tirannia, perché tale saggezza è negata agli altri. Nel nostro ordine sociale abbiamo reso depositari della saggezza gli imprenditori. La cospirazione democratica è l’unica possibilità di evitare tale alienazione se siamo in grado di viverla riconoscendo che in realtà il mondo in cui viviamo è tutto in uno in cui coesistiamo e in cui siamo noi stessi, che il Mondo in cui viviamo è l'ambiente naturale che ci sostiene. Se riusciremo a farlo, le diverse posizioni esistenziali, i diversi compiti, le diverse ideologie, diventano sguardi diversi che consentono di riconoscere diversi tipi di errori nella realizzazione del progetto comune in un Campo aperto di conversazioni che consente di riconoscere tali errori. Ma per che ciò accada, dovremmo farlo accadere. E perché no? E’ il nostro paese e, quindi, è sia la nostra responsabilità che la nostra opportunità.
55
4 TERZA PARTE: DOMANDE E RISPOSTE
D. È stato detto che la democrazia dipende fondamentalmente dalle emozioni.
Ma le sue emozioni capitano a lui; Io non li controllo e penso che questo
Succede a tutte le persone. Ad esempio, recentemente ho partecipato a un forum radio
con un economista governativo; Sono andato con una mente molto aperta, ma io
Ho trovato un clima bellicoso; Mi sono teso e qualcosa è successo completamente
diverso da quello che volevo fare. Ora capisco di più cosa è successo grazie
cosa hai detto delle emozioni, ma mi chiedo, come può
cambiare se questi non dipendono da me?
R. Le emozioni si succedono a una, come tutto il resto, ma succedono due cose
allo stesso tempo:
In primo luogo, c'è uno sfondo di somiglianza e accettazione reciproca fondamentale tra
esseri umani nella biologia del sociale. Questo diventa evidente in
circostanze più estreme, quando i discorsi giustificano la negazione
dall'altra perdono la presenza e abbiamo solo l'incontro fondamentale, come
si verifica di fronte a una catastrofe materiale o relazionale. Normalmente abbiamo
discorsi in cui neghiamo la legittimità dell'altro da una prospettiva
ideologico, religioso o economico che definisce la validità della nostra argomentazione
dandogli un carattere trascendente razionale. Quando ne incontriamo un altro
persona in aggressione, per esempio, direi che molto probabilmente entrambi
o uno dei due abbiamo un discorso che può essere un soliloquio, attraverso il
che giustifichiamo la negazione dell'altro.
Ad esempio, pensiamo: "quell'altro è un estremista e tutto ciò che dice è basato
Nella sua ideologia della lotta di classe, tutto ciò che vuole è attaccarmi ".
Tale conversazione o riflessione porta con sé una certa emozione che definisce il punto
iniziare l'incontro come uno di rifiuto e non di accettazione. Se l'altro
Mi affronta in questo modo, posso intrappolarmi nella sua emozione e nel ragionare con lui,
fallo solo in aggressione. Lo stesso può succedere all'altro.
Secondo, sappiamo che in ogni relazione interpersonale esiste un background biologico
ultimo costitutivo in cui possiamo ritrovarci come esseri umani. se
si riesce ad essere in quel contesto, le conversazioni di reciproca accettazione,
la cooperazione e la cospirazione per un progetto comune sono possibili e dureranno
fino a quando uno o l'altro lascia quello spazio emotivo. Quindi, se l'altro dice: "Lo sono
Sciita musulmana "e io rispondo:" Sono cattolico ", potremmo passare ad un altro
spazio emotivo di negazione e non accettazione, perché "essere musulmano"
Sciiti "e" essere cattolici "portano con sé diverse dinamiche emotive.
Il vero compito della convivenza democratica è, in primo luogo, desiderarlo e,
secondo, generare una cospirazione in cui non lo fanno
conversazioni sistematiche che portano alla negazione reciproca. Penso di no

56
Sono gli interessi materiali o ideologici che riuniscono le persone nel
rispetto reciproco, perché quando ciò accade, il
i sindacati sono instabili quanto il flusso di vantaggi comparativi di quelli
offerta di interessi. Penso che la convivenza democratica inizi con l'accettazione
reciproco e non lo genera, perché è solo dalla reciproca accettazione che può farlo
dare una cospirazione ontologica che definisce un modo di convivenza che non lo fa
portare ad abusi
D. Posso cambiare le mie emozioni allora?
R. Certo. Se ne incontri un altro in segno di diniego, in aggressione, e
presto, nel processo dell'incontro, dici a te stesso: "ma, in realtà, non voglio
attaccare quest'uomo ", quindi inizi a relazionarti con lui in un altro modo.
Cosa è successo? La tua emozione è cambiata.
P. Ma quello "mi succede", io non lo cambio!
R. Non lo determini come un'azione esterna da te verso di te, ma attraverso
del tuo riflesso, perché tu sei il riflesso, le guide. Ad esempio, se penso che a
la persona mi attacca o mi critica e invece di rispondere semplicemente con un attacco
Mi chiedo se ho motivi per pensare in questo modo, l'interazione ne segue un'altra
modo. Facendo questa riflessione, sono già in un'altra parte: ma devo farlo
osare fare questa riflessione o addestrarmi a farlo; o, in altre parole,
Devo voler fare il riflesso, e per volerlo fare devo ricominciare da capo
la legittimità dell'accettazione dell'altro.
D. Vorrei chiedere se, in termini di etica, ci sia
anche un'etica tra parentesi e un'altra senza parentesi. Chiedo questa domanda
perché secondo la cultura di ogni popolo, l'etica può essere diversa. anteriore
per la morte o il crimine, per esempio. Ma all'interno di una società con il
stessa cultura, non esiste un'etica diversa? Questo è quello che succede in Cile con
le ideologie. Non sarebbe più facile per un'etica impegnarsi in uno
stessa società in un certo tempo?
R. Certo, ma sarà più facile nella misura in cui troviamo a
spazio di reciproca accettazione. Se abbiamo discorsi che giustificano la negazione di
un altro, fermiamo la diffusione di spazi di reciproca accettazione. Ad esempio, se
nel mio discorso dico di certi tipi di persone che tutto ciò che vogliono è
generare una situazione economica che, secondo la mia posizione, è inadeguata per il
paese, mi trovo in un discorso che convalida continuamente una posizione di
negazione dell'altro. Per cambiare ho bisogno di un altro discorso che mi porti insieme al
altri, quindi non succede.
Ad esempio, in un programma televisivo "From Face to the Country", Gabriel Valdés,
invitato in quella occasione, ha sostenuto che le idee non dovrebbero essere perseguite, solo
le azioni
57
Con ciò sta dicendo che dobbiamo lasciare uno spazio di reciproca accettazione,
da cui non abbiamo presunzioni che ci limitano l'estensione del nostro
accettazione dell'altro, come essere legittimo. Anche nel caso in cui a
crimine, l'imputato, anche se condannato, deve essere accettato come legittimo
un altro, perché ciò che vale è la sua azione, non il suo essere. Se non lo facciamo così,
Possiamo parlare del rispetto dei diritti umani. Quello che non abbiamo
accedere a una realtà oggettiva in sé, non significa che non possiamo definire
criteri d'azione. Al contrario, significa che siamo responsabili per il
criteri di azione che adottiamo perché non sono validi in se stessi, ma perché
li consideriamo validi. L'accettazione dell'altro come legittimo altro
in convivenza costituisce coesistenza sociale come la sola convivenza in
che il modo di vivere sorge e si presenta nell'accettazione e non nella negazione
che sorge nel requisito dell'altro che sia diverso. Non è la paura della punizione che ferma il crimine, questo perché, nella vita sociale, semplicemente non sorge. Il crimine sorge dopo la rottura della convivenza sociale.
L'atto di generare una Costituzione fonda un paese come repubblica definendo
lo spazio dei comportamenti legittimi nella convivenza. Potrebbe essere questo o l'altro
costituzione, ma dobbiamo essere d'accordo su questo e mettendoci
accordo esprimiamo il desiderio di convivenza in uno spazio di accettazione
minimo reciproco che definisce la stessa costituzione concordata. I nostri discorsi
può sembrare più o meno razionale o progressista, ma la cosa fondamentale è
la creazione di un dominio emotivo di accettazione reciproca in a
dominio della convivenza dove si svolgerà la nostra legalità, e dove noi
accettiamo Questo è ciò che Gabriel Valdés voleva dire quando lo ha sostenuto
potrebbe negare il comunismo da un punto di vista puramente ideologico,
perché fare ciò significherebbe negare molti modi diversi di pensare,
alcuni dei quali non si conoscono, e dovrei negarli a priori, nel caso in cui appaiano.
Perseguire le ideologie ci porta a quella situazione. Quindi, propone a
criterio di azione che consente di riconoscere in modo particolare se tali persone
sono o non sono al di fuori della legalità concordata nella costituzione. Se no
lo facciamo per concordare uno spazio di convivenza, presto finiremo
vivendo secondo i capricci di uno di noi, a cui obbediremo
paura o per i vantaggi segreti o visibili che porta.
I gruppi sono sempre formati nelle dinamiche umane. Questo ha a che fare con il
accettazioni, con conversazioni, con riunioni. Quando noi
Troviamo in un piano umano sufficientemente basico, accettiamo noi stessi. da
Ad esempio, se vado nel sud del Cile, come chiunque altro e io sono in un
situazione di necessità, busso alla porta di una casa, chiedo aiuto e me lo danno.
Ma se vado nel Sud del Cile come appartenente a un'ideologia e colpisco il
porta di una casa i cui proprietari hanno un'altra ideologia, loro non mi aiutano. Perché
cosa? Perché con la mia ideologia ho già definito un margine di accettazione. Il compito
democratico è generare una conversazione in cui il margine di accettazione è così
cosa? Perché con la mia ideologia ho già definito un margine di accettazione. Il compito
58
che racchiude tutti noi in un progetto comune come desiderio di base
coesistenza che è il nostro ambito di libertà e il nostro riferimento per il nostro
agire con responsabilità sociale.
Per quanto riguarda la questione dell'etica tra parentesi, vorrei sottolineare che il
la nozione di essere tra parentesi si riferisce esclusivamente alla realizzazione di
che non si ha accesso a una realtà indipendente e che, quindi, non si ha
può far finta che le cose che si dicono siano valide solo perché ce l'hanno
Questo accesso privilegiato alla realtà o alla verità.
La preoccupazione etica è costituita nella preoccupazione per il, un altro, si verifica nel
spazio emotivo e ha a che fare con la sua accettazione, qualunque sia il
dominio in cui si verifica. A causa di questa preoccupazione etica non va mai oltre
del dominio di accettazione dell'altro in cui si verifica. Allo stesso tempo, secondo
Accetto o no l'altro come legittimo altro nella convivenza, lo siamo o no
responsabile delle nostre interazioni con lui o lei, e ci preoccuperemo o no
ci preoccuperemo delle conseguenze che le nostre azioni hanno su di lui o lei.
Nel percorso esplicativo dell'oggettività senza parentesi l'altro non è accettato
come un altro legittimo e non siamo mai responsabili della negazione dell'altro. esso
Neghiamo in difesa dell'umanità, nella difesa della verità o nel
difesa del paese; Se neghiamo l'altro perché offende la bandiera, è il
rispetto dovuto alla bandiera ciò che lo nega, non noi.
D'altra parte, nel percorso esplicativo dell'obiettività tra parentesi, in cui
Mi rendo conto della mia partecipazione con l'altro nella configurazione del mondo, se nego
l'altro, lo faccio perché non mi piace quello che fa, e se lo nego perché lui o lui
lei calpesta la bandiera, la mia negazione è perché non mi piace
calpestare la bandiera. In tal caso, il mio rifiuto dell'altro è un atto responsabile. Lo è
Dico, mi occupo delle mie azioni e accetto le conseguenze che possono portare.
Non pretendo di essere innocente e di non avere a che fare con i miei desideri. Ripeto,
la preoccupazione per l'altro non va oltre lo spazio di accettazione dell'altro
in cui sorge; cioè, non va oltre l'amore "L'etica, come dominio
della nostra preoccupazione per le conseguenze che mostrano azioni in
la vita di altri esseri umani, appartiene al dominio dell'accettazione dell'altro
come legittimo altro nella convivenza; cioè, al dominio dell'amore.
Questo è il motivo per cui le preoccupazioni etiche non vanno mai oltre il dominio sociale
in cui sorgono e hanno forme diverse nelle diverse culture. Questo è il motivo per cui
inoltre, le argomentazioni razionali sull'etica si limitano a convincere
convinto. L'invito etico non è razionale ma emotivo. È dall'amore
che l'altro ha presenza.
Non dico come il Papa, "l'amore è più forte", dico che la biologia è più
forte. L'amore non è una cosa speciale; È quotidiano e lo noterete a
tutte le situazioni di crisi umana, di crisi nelle comunità, di
terremoti, incendi, situazioni estreme, le persone lo sono

59
a un livello di base umano in cui la solidarietà è presente e non c'è nemmeno
Cosa consigliare, viene da solo Perché? Perché l'amore ci appartiene come
caratteristica biologica che fonda l'umano.
Sai che la maggior parte delle malattie umane hanno a che fare con
con la negazione dell'amore? Ci ammaliamo se non ci vogliono, se ci respingono,
se ci negano, o se ci criticano in un modo che sembra ingiusto per noi. Possiamo,
anche ammalarsi di cancro, perché le dinamiche fisiologiche hanno a che fare con
dinamica emotiva
Per quanto riguarda il desiderio di controllare le emozioni, penso che riguardi
un approccio inadeguato, perché suppone che debbano essere controllati dai loro
carattere negativo Ma non è così: le emozioni sono il fondamento di
tutto il nostro lavoro Ciò che è necessario è rendersene conto per agire
responsabilmente, cioè realizzando se uno vuole o non vuole il
conseguenze delle loro azioni. La responsabilità ha a che fare con il dare
conto dei propri desideri, e sorge nella riflessione come un atto in cui uno
mette i tuoi desideri sotto il controllo dei desideri. In altre parole, il
la responsabilità non appartiene al dominio della ragione. Lo stesso vale per il
la libertà che sorge con la nostra responsabilità sulla nostra responsabilità.
Il desiderio di controllo è un desiderio di padronanza che nasce dalla nostra mancanza di
fiducia prima del naturale e prima della nostra capacità di coesistere con il naturale.
Nel desiderio di controllo, la cecità è costituita prima dell'altro o dell'altro e prima
lo stesso, questo non mi permette di vedere le possibilità della convivenza. Ad esempio, se
Non intendo controllare il clima, o il flusso del fiume Mapocho, l'unico
le domande che posso chiedermi sono quali cambiamenti sono accaduti e quali cambiamenti
avrebbe dovuto fare per cambiare le dinamiche del fiume Mapocho, in questo modo
che certe catastrofi non accadono? Accettando il fiume Mapocho senza provarci
controllalo, non inizio a lottare contro di esso e posso prendermi cura del rimboschimento
della catena montuosa che porterebbe alla regolazione naturale del suo flusso. Quindi, per
Ad esempio, se mi prendo cura della riforestazione in modo che le colline trattengano più acqua
Quando piove e non lo consegnano immediatamente al fiume, non significa che
sta "controllando" il fiume, perché
Non sono in una lotta con lui. Quello che faccio, modificando le circostanze del
costituzione del fiume, è vivere con lui in un continuum per realizzare quando il
cosa 'sta andando bene o no per quella convivenza. Perché accetto il fiume
Mi rendo conto che lui, le montagne, noi, ecc., Formano un sistema di
convivenza che non può essere alterata senza negare l'una o l'altra.
Quando si abbandona la nozione di controllo e si accetta la nozione di cooperazione o
coesistenza, appare il sistema. Uno diventa consapevole di lui.
Ad esempio, rispetto alle inondazioni avvenute qualche anno fa,
considerato il fiume responsabile di tutto, perché il sistema fluviale non era visto
Mapocho, montagne e abitanti. Non ci sono mai state conversazioni al riguardo. uno
60
Puoi dire che in caso di emergenza farai qualcosa. Ma quando
Dico che di fronte all'emergenza farò una cosa del genere, significa che sono cosciente
che è un momento in una situazione più prolungata. In quello dammi
Non parlo di controllo ma di emergenza e delle mie azioni nel sistema
per evitare le emergenze attraverso una comprensione totale di tutti
elementi e relazioni partecipanti. È lo stesso nello spazio umano in che cosa
che si riferisce ai rapporti di convivenza.
Q. Non farò una domanda, ma voglio esprimere che non posso accettare il
affermazione che il potere non ha importanza in una relazione sociale.
Dal mio punto di vista, l'esercizio del potere che impone anche un mandato
le persone che potrebbero non essere d'accordo, sono convenienti e necessarie. perché
se una società politica, in termini democratici, adotta un certo
accordo a maggioranza e impone una certa forma di convivenza e alcuni
di coloro che sono volontariamente sottoposti a vivere in quella comunità
le persone democratiche non lo accettano (perché non lo ritengono giusto o perché non lo fanno
voglio), il potere, in quel caso, deve essere legittimamente imposto, e deve essere
forzare queste persone, per il bene comune, ad averne certezze
atteggiamenti, anche se non sono disposti a farlo.
A. Non nego le relazioni di potere. Volevo mostrare
qual è la dinamica nella relazione di potere. Ho detto che c'era una relazione di potere
quando c'era l'obbedienza. E c'è l'obbedienza quando fai qualcosa che non vuoi
fare, in risposta a una richiesta che potrebbe provenire da una persona o da una
sistema in cui sei inserito, perché vuoi mantenere quella relazione.
Direi che nella convivenza all'interno di una comunità umana ci sono momenti
in cui si devono accettare relazioni di potere, ma quelle relazioni non lo sono
relazioni sociali È vero che tutte le relazioni all'interno di una comunità
gli umani sono comunemente chiamati sociali. Quello che sostengo è che nel
le relazioni coinvolgono emozioni diverse e queste le rendono diverse
caratteristiche che sono oscurate o negate quando non riconosciute. Quindi, ci sono
che hanno a che fare con la nostra storia biologica, come l'amore che costituisce il
dominio di accettazione reciproca. Ogni volta che parliamo del sociale nella vita
ogni giorno ci riferiamo a quell'emozione. Di ': "qui non è socializzato, qui
lavoro "significa che socializzare e lavorare sono attività diverse, e che lo sono
diverso perché sono dati sotto emozioni diverse.
Quindi quando si dice: "i rapporti di lavoro sono relazioni
sociale ", si uniscono relazioni ingiuste se si guardano le emozioni
coinvolti. Non voglio farlo perché le diverse emozioni costituiscono
domini di diverse azioni e le relazioni che si verificano in loro portano a
diversi modi di agire. In altre parole, voglio separare le relazioni
secondo le emozioni su cui si basano, perché è l'emozione quella
definirli. Se non lo facciamo, sostengo, non possiamo capire il
61

comunità umane, perché non vediamo che sono costituiti come
reti di diversi tipi di sistemi che non devono essere confusi perché coinvolgono
diverse azioni E se non comprendiamo le comunità umane, sbagliato
possiamo capire le persone che li eseguono e che vivono come nodi
all'intersezione di molti sistemi contemporaneamente.
Il Cile è una comunità umana; quindi, è una rete di sistemi sociali e
non sociale Formando questa comunità umana, come un accordo fondamentale
di regolare le nostre interazioni, ci diamo una costituzione che definisce
certi comportamenti che accettiamo e che devono essere soddisfatti comunque, e
specifichiamo anche una relazione di potere. Cioè, accettiamo come
membri di quella comunità che ci sono certe cose che dobbiamo fare per il
solo il fatto di essere d'accordo ad appartenergli. In tale atto di accettazione, accetto
anche le conseguenze delle mie azioni in esso secondo le regole del
costituzione. Ma nel contesto di tale accordo fondamentale di convivenza c'è
sistemi sociali e sistemi non sociali, relazioni sociali e relazioni non sociali
sociale.
Qualcuno potrebbe dire che sto andando contro tutto il discorso
sociologico tradizionale Forse sì. Tuttavia, penso che tutto
professionale e tecnica è una bolla di conversazioni nella vita quotidiana di
dove sorgono. Tutte le parole, quindi, sorgono in quello spazio. Per questo
la parola sociale deve essere ascoltata da lì. Se non lo facciamo, non arriveremo
per capire cosa succede con il suo uso tecnico e faremo degli errori
concettuale. Le parole hanno a che fare con il coordinamento del fare ed è il
fai quello che coordina ciò che costituisce il suo significato, non il contrario.
La convivenza con un veterinario e un meccanico è diversa,
Le coordinazioni delle azioni sono diverse e il significato delle parole è
diversi anche se suonano lo stesso. Le parole sono elementi in un dominio di
coordinamento delle azioni. Quindi, il significato della parola "gatto" è diverso in
la comunità di meccanici che nella comunità di veterinari e questo è così
perché quella parola partecipa in ogni caso a diversi flussi di coordinamenti
di azioni, e come tali i loro significati appartengono alla concretezza del vivere, e
non lo spazio astratto di riflessioni in cui si distinguono quando si parla
semantica. Inoltre, è perché il significato delle parole appartiene al
per farlo si impara la lingua vivendo in coordinamenti di azioni e
che diversi domini di azioni coinvolgono diversi domini semantici e
viceversa È anche per questo che se vivi con un meccanico, le parole
sorgono normalmente e significano cosa significano nel dominio della meccanica.
Lo sappiamo tutti, ma non ci prendiamo sempre cura di questo, e non lo facciamo
capiamo come vivere dipende dalla conversazione e da come conversare
Dipende dalla vita.
Le parole sono nodi in reti di coordinamenti di azione che sorgono in
la convivenza. Pertanto, cambiare il significato delle parole implica cambiare

62
i domini delle azioni e i domini delle azioni cambiano comportando la modifica della modalità
vivere Ed è anche per questo che è vero che se non cambi le parole,
cambia le azioni che configurano e non cambiano il modo di vivere. Se uso il
parola "sociale" nello stesso modo in cui è usata in sociologia, non dico
niente di nuovo in sociologia. Se voglio dire qualcosa di nuovo, devo distorcere
una direzione o l'altra l'uso di una parola o inventarne una nuova. La cosa normale è
che trovo il rifiuto in entrambi i casi, perché in effetti quello che faccio
cambiare il "linguaggiare" è alterare il normale corso dei coordinamenti di
azioni. È ciò che accade con l'uso della parola sociale quando si vuole circoscriverne la sua
usare nel campo delle relazioni umane fondate sull'amore. Credo, senza
Tuttavia, la distinzione è così fondamentale che insisterò su di esso nonostante il
difficoltà che sorgono.
63
5 QUARTA PARTE: EPITOME
Ora, per finire, vorrei fare un riassunto generale di alcune riflessioni
cosa ho fatto riguardo al linguaggio, alle emozioni, all'etica e
cospirazione.
5.1 Lingua
Siamo abituati a considerare il linguaggio come un sistema di
comunicazione simbolica, in cui i simboli sono entità astratte che
ci permettono di muoverci in uno spazio di discorsi, fluttuando sulla concrezione
di vivere anche se lo rappresentano. Io sostengo che tale visione nasce dalla mancanza di
comprensione del linguaggio come fenomeno biologico.
In effetti, il linguaggio, come un fenomeno che ci coinvolge come esseri viventi e,
quindi, come un fenomeno biologico che ha origine nella nostra storia
evolutivo, consiste in un'operazione ricorrente, coordinamenti di coordinamento
Consensuale comportamentale Da questo risulta che le parole sono nodi
reti di coordinamento delle azioni, non rappresentanti astratti di una realtà
indipendente dal nostro lavoro. Questo è il motivo per cui le parole non sono innocue
e non importa se usiamo l'uno o l'altro in una certa situazione. il
le parole che usiamo non solo rivelano il nostro modo di pensare, ma proiettano il corso
del nostro lavoro. Succede, tuttavia, che il dominio in cui il
le azioni che le parole coordinano non sono sempre evidenti in un discorso, e
dobbiamo aspettare che il futuro della vita lo conosca. Ma questa non è l'ultima cosa
Voglio sottolineare, ma che il contenuto di parlare in una comunità non lo è
innocuo per quella comunità perché trascina il suo lavoro.
Permettetemi di riflettere su quello che è successo negli ultimi mesi della storia
del Cile. Allo stesso tempo, mi scuso perché lo faccio da biologo che non lo fa
è in grado di fare una valutazione storica, politica, economica. io
Penso che quello che è successo in relazione al plebiscito del 1988, spettacoli
esattamente quello che ho detto sul linguaggio come aspettativa in
coordinamento dei coordinamenti delle azioni. Nel 1973, quando il
colpo di Stato militare, il consiglio di amministrazione afferma che intende generare un
la democrazia. Quelli di noi che ascoltano non credono, perché lo pensiamo
le parole non sono confermate negli atti. Ma il discorso dell'intenzione
democratico è mantenuto. Nel processo viene nominata una commissione costituzionale
che alla fine scrive un progetto costituzionale che, modificato da a
un altro modo di Pinochet, è approvato in un plebiscito. Inizi a parlare
leggi elettorali, leggi dei partiti politici, procedure elettorali.
Vale a dire, viene generata una rete di conversazioni per la democrazia
Costituisce una rete di azioni. Cosa succede il 5 ottobre 1988, il giorno del
Il plebiscito presidenziale, non riflette sicuramente il desiderio di Pinochet, ma succede.
64
Succede perché il governo non può fermarlo! Succede perché la rete di
conversazioni, la rete di coordinamento delle azioni generate nel processo di
i discorsi e i dibattiti sulla democrazia e la legalità democratica,
costituiscono una rete di azioni che non possono essere evitate, perché non c'è
spazio di conversazioni in cui sorgono le azioni che lo fanno. No, questo
Non è una riflessione superficiale a posteriori! Le conversazioni, come a
l'intreccio di emozioni e il "linguaggiare" in cui viviamo, costituiscono e
formano il mondo in cui viviamo come un mondo di possibili azioni nel
concrezione della nostra trasformazione corporale vivendoci. Gli esseri
esseri umani siamo ciò di cui parliamo, questo è il modo in cui cultura e storia
essi incarnano il nostro presente. Sono le conversazioni di conversazione
costituiscono la democrazia ciò che costituisce la democrazia. In effetti, il nostro
L'unica possibilità di vivere il mondo che vogliamo vivere è immergerci nel
conversazioni che lo costituiscono come pratica sociale quotidiana in a
continua cospirazione ontologica che la porta al presente.
5.2 Emozioni
Viviamo una cultura che ha svalutato le emozioni sulla base di a
sopravvalutazione della ragione, nel desiderio di dire che noi umani
ci differenziamo dagli altri animali in cui siamo esseri razionali. ma
si scopre che siamo mammiferi e in quanto tali siamo animali che vivono nel
emozione. Le emozioni non sono oscurazioni della comprensione, non lo sono
restrizioni della ragione; le emozioni sono dinamiche corporee
specificare i loro domini di azione in cui ci muoviamo. Un cambiamento di
L'emozione implica un cambio di dominio d'azione. Niente ci succede, niente
lo rendiamo non definito come un'azione di un certo tipo da a
emozione che lo rende possibile.
Da ciò segue che la vita umana si verifica in un continuo intreccio di
emozioni e linguaggio come flusso di consensuali coordinamenti di azioni
ed emozioni. Chiamo questo intreccio di emozioni e linguaggio, per conversare.
Gli esseri umani vivono in diverse reti di conversazioni che sono
si intersecano nella loro realizzazione nella nostra individualità corporea.
Se vogliamo capire le azioni umane, non dobbiamo guardare al
movimento o l'atto come un'operazione particolare, ma per l'emozione che
rende possibile. Uno scontro tra due persone sarà vissuto come aggressione o incidente,
secondo l'emozione in cui si trovano i partecipanti. Non è l'incontro
ciò che definisce ciò che accade ma l'emozione che lo costituisce come un atto. di
lì, i discorsi razionali, impeccabili e perfetti, lo sono
completamente inefficace per convincere un altro se l'oratore e colui che
Ascolta, lo fanno da diverse emozioni. E questo è così, perché il dominio
razionale in cui ci muoviamo in ogni istante, lo costituisce come un dominio
delle coerenze operative l'accettazione delle premesse fondamentali che
65
lo definiscono in un atto emotivo. Le premesse fondamentali che costituiscono a
dominio razionale li accettiamo a priori, perché vogliamo farlo, perché noi
a loro piace In altre parole, se vogliamo la democrazia, avremo democrazia e
Avremo razionalità democratica. Ma non lo faremo mai se non lo vogliamo
e non facciamo le conversazioni che lo costituiscono come un dominio di
coordinazioni di azioni ed emozioni che fondano la razionalità che il
giustificata.
Mi sembra che il grande problema nella costituzione di un paese sia la creazione di
un'ispirazione da cui i suoi abitanti possono trovarsi in un
concordanza emotiva che permette loro di fare certe conversazioni, come ad esempio
della democrazia. Quando ero uno studente di medicina, nel 1950, gli studenti
Abbiamo vissuto il nostro essere come un compito che ci avrebbe permesso di tornare al
Comunità cilena, al paese, ciò che avevamo ricevuto da lui per rendere possibile
il nostro essere studenti. Abbiamo studiato medicina per restituire alla comunità cosa
che avevamo ricevuto da lei. Ci guadagneremmo da vivere nel processo, ma
Il nostro compito era di restituire al Paese ciò che avevamo ricevuto dal Paese. E questo, da
in un modo o nell'altro, è stata una fonte d'ispirazione fondamentale, perché era lì
i diversi gruppi ideologici che eravamo. Sullo sfondo, il diverso
le ideologie erano prospettive diverse per guardare al compito di raggiungere uno scopo
fondamentale, comune.
Personalmente, non vedo la democrazia come l'opportunità di una lotta ideologica.
Penso che la lotta ideologica neghi la democrazia e, allo stesso tempo, la penso
le ideologie sono assolutamente essenziali e hanno presenza perché lo sono
modi diversi di guardare che permettono di vedere cose diverse. Il diverso
le ideologie implicano diverse conversazioni, cioè diverse reti di
coordinamenti emotivi e azioni, risultanti in diversi
distinzioni, nel compito di realizzare un progetto comune.
I colloqui di lotta non appartengono alla democrazia. La lotta costituisce
al nemico perché lo richiede e oscura le condizioni che lo generano. in
il combattimento ci sono vincitori e sconfitti, non scomparsa dei nemici. il
sconfitto tollera il vincitore in attesa di un'opportunità di rivincita. il
la tolleranza è una negazione dell'altro temporaneamente sospesa. Le vittorie che
non sterminare il nemico preparare la prossima guerra. In democrazia non c'è
lotta. Se vogliamo la democrazia e in effetti siamo nella passione di
costruendo una democrazia, siamo nelle conversazioni che costituiscono
un progetto comune di convivenza nella reciproca accettazione e rispetto che
permettere la collaborazione nel plasmare un mondo in cui povertà e
L'abuso non nasce come legittimo modo di vivere. Se siamo nella passione per
democrazia, siamo nelle conversazioni che fanno le diverse ideologie
diversi modi di scoprire errori diversi nella realizzazione del progetto
comune. Se siamo nella passione per la democrazia, possiamo ascoltare l'altro e
66
cooperare. Se siamo in lotta, l'altro deve scomparire o presto o tardi
mi distruggerà.
5.3 Etica
Ho già narrato l'esperienza che ho avuto in Inghilterra quando ho visitato un museo che ha esposto
sofferenza causata dalla bomba atomica a Hiroshima, e ho detto come a
Il mio amico era stato indifferente al dolore di quella città. In relazione
a questo atteggiamento penso che se non sono nell'emozione che include l'altro nel mio
mondo, non posso prendermi cura del tuo benessere. Discorsi sui diritti
saranno gli esseri umani, basati sulla giustificazione razionale del rispetto per l'umano
valido solo per coloro che accettano l'umano come centrale, per il
che accettano quell'altro come membro della propria comunità. È perché
quali sono i discorsi sui diritti umani, i discorsi etici
in base alla ragione, non vanno mai oltre quelli che li accettano fin dall'inizio e non lo fanno
Possono convincere chiunque non sia già convinto. Solo se accettiamo l'altro,
l'altro è visibile e ha una presenza.
In altre parole, la preoccupazione etica non va mai oltre la comunità di
accettazione reciproca in cui sorge.
Per questo, se vogliamo vivere di fatto una democrazia che si estende in tutto il mondo
paese, dobbiamo fare del paese un'unità con un fondamento etico morale
comune in cui tutti sono legittimi. Dobbiamo rendere il paese un'unità
con uno scopo comune, che lo definisce come un'unità e all'interno del quale
tutti i cileni sono emotivamente accettati come membri.
Sembra un compito difficile. Non ho una risposta, ma la storia ci mostra
esempi interessanti e tempestivi. Sto pensando a quelle comunità
vecchio, non primitivo, dove c'erano i Consigli degli Anziani che includevano
uomini e donne anziani Queste erano comunità che non erano governate da
leggi scritte in cui i Consigli degli Anziani costituivano il riferimento etico
morale da cui è stata fatta una riflessione su difetti, difficoltà e
trasgressioni alle modalità di coesistenza che sono state prodotte. Penso anche a
il caso degli aborigeni dell'Australia. Tra questi c'è un grave problema di
alcolismo, ma in alcune comunità questo problema viene risolto
da solo. Queste sono comunità che hanno recuperato i Consigli degli Anziani
come riferimento etico morale per i più giovani. Uomini e donne
gli alcolizzati portano i loro problemi al Consiglio, che a loro avviso offre loro un
spazio di accettazione e rispetto che dà significato e legittimità sociale alle loro vite e
l'alcolismo scompare
Un esempio moderno ora. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha
come una funzione per verificare se le decisioni giudiziarie che vengono prima di violare o
non l'intenzione della Costituzione. Ora, l'intenzione della Costituzione
Ha a che fare con l'etica morale, con lo scopo della convivenza, non con il
67


forme particolari che adotta. L'intenzione della costituzione è a
progetto morale etico che, benché sia ​​scritto, deve essere interpretato in ciascuno
lettura. Il risultato è che la Corte Suprema degli Stati Uniti d'America
North agisce infatti come Consiglio degli Anziani di fronte al progetto di
paese che fonda la Costituzione. È l'intenzione della convivenza che definisce a
paese, perché è il riferimento che fonda le sue leggi ed è la coincidenza in questo
intenzione il compito più difficile nella costituzione di una democrazia.
5.4 Cospirazione
La tragedia del Cile è il suo smembramento come comunità. I sistemi
i social sono fondati e si formano sotto l'emozione dell'accoglienza reciproca. non
tutte le relazioni umane sono relazioni sociali. Sono relazioni sociali
solo quelli che costituiscono l'accettazione reciproca, cioè nel
accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza. Altre relazioni,
come rapporti di lavoro, ad esempio, che costituiscono accettazione
di un impegno a svolgere un compito, coinvolgono un'altra emozione
fondamentale diverso dall'amore, e per questo dico che non sono relazioni sociali.
Dico lo stesso sui rapporti gerarchici, perché sono costituiti sotto
un'altra emozione, quella della reciproca negazione. Obbediamo quando facciamo ciò che noi
un altro ci richiede in circostanze che non vorremmo farlo. Ecco perché,
obbedisce nega se stesso obbedendo e nega il capo perché non lo fa
accetta spontaneamente la validità di ciò che chiede a lui.
A sua volta, il capo nega colui che obbedisce perché richiede che faccia ciò che
non vuole farlo, e si nega perché pensa di meritare il
obbedienza dell'altro. Quindi le relazioni gerarchiche non sono basate sul
accettazione reciproca. Sono basati sulla negazione reciproca.
D'altra parte, i rapporti di lavoro non sono basati sull'accettazione di
un altro, ma basato sull'impegno per il completamento di un compito. di
c'è quell'essere sociale, nei rapporti di lavoro, è un'impertinenza. uno
Può essere sostituito da un robot. Quando l'unità di una comunità
l'uomo è perso ed è frammentato in sistemi sociali e non sociali
sono necessari sistemi legali indipendenti che stabiliscono il coordinamento
che attraversa i confini di tali sistemi e ricostituisce la comunità come
interezza. Perché ciò accada, tuttavia, tali sistemi legali devono essere
espressione del desiderio di ricostituire una tale comunità.
Lo sguardo etico non va oltre il limite del sistema sociale in cui sorge, e
l'adozione di comportamenti non etici in una comunità deriva dalla frammentazione
di quella comunità come unità sociale. In queste circostanze, cos'è?
È successo a noi in Cile?: Abbiamo frammentato come una comunità, e l'unico
modo, penso, di ricostituirci come nazionalità, è attraverso a
cospirazione, attraverso un'ispirazione comune per il nostro lavoro come
nazione. Deve essere una cospirazione etica morale che definisce e costituisce uno spazio
68
di reciproca accettazione dove la presenza di qualsiasi cileno è legittima
anche se non lo sappiamo, e dove le nostre azioni non negano quella presenza.
Per questo abbiamo bisogno, forse, di immaginare qualcosa del tipo
Gli americani nella sua Corte Suprema, che è un corpo che costituisce un
riferimento per determinare quando una legge o una decisione giudiziaria viola il
intenzione morale etica della Costituzione.
69
6 QUINTA PARTE: INVITO AL CILE
Il Cile è il nostro mondo e sarà ciò che ne facciamo, non ne abbiamo altri.
Ma quale Cile vogliamo?
Le nostre azioni ci rivelano. Se tutti vogliamo vivere davvero in una società
democratico, i nostri atti quotidiani lo costruiranno e il Cile sarà una società
democratica. Se non lo facciamo, la difesa delle nostre ideologie, di
le nostre posizioni filosofiche o religiose ci accecheranno e ci prenderanno
inevitabilmente a condurre quello che autorizza autoritarismo e dittatura. Il mondo
in cui viviamo è sempre e in ogni momento la responsabilità di noi.
La convivenza sociale è fondata e costituisce accettazione, rispetto e
fiducia reciproca, creando così un mondo comune. E in quella accettazione, rispetto e
La fiducia reciproca costituisce la libertà sociale. Questo è così perché il
la costituzione biologica umana è quella di un essere che vive cooperando e
condividere, in modo che la perdita di convivenza sociale porta con sé
malattia e sofferenza.
La malattia in Cile è la paura di non poter coesistere socialmente.
È questa paura che ci conduce alla negazione dell'altro, all'intolleranza, al
sfiducia, mancanza di riflessione e accettazione dell'uso dell'autorità in
tempo di conversazione e di accordo come modi di convivenza. che
la malattia ha come risultato l'autoritarismo che sorge in ognuno di noi
con la perdita di fiducia nella nostra capacità di convivenza democratica,
o obbedienza e sottomissione ad un disegno imposto ed estraneo all'azione del nostro
riflessione.
Vogliamo partecipare al compito quotidiano di rendere il Cile un
società democratica e quindi recuperare la libertà sociale. Voglio dire, vogliamo
partecipare al progetto comune di fare del Cile una società dove abuso e
la povertà sono errori di convivenza che devono essere riconosciuti e corretti, e questo
possono essere riconosciuti e corretti senza perdere la libertà sociale.
Le azioni che costituiscono una società democratica non sono la lotta per
potere o il perseguimento dell'egemonia ideologica, ma la cooperazione che
crea continuamente una comunità dove i governanti accettano di essere
criticato e infine cambiato quando i loro comportamenti si allontanano da
progetto democratico con cui sono stati eletti. Quindi la nostra responsabilità
come cileni; La storia sociale del Cile è fatta dai cileni.
Questo è un invito a unirsi, prima di tutto, al progetto comune
fare del Cile una società in cui le diverse prospettive politiche
70
sono solo visioni diverse in cooperazione per la creazione quotidiana di a
società in grado di correggere gli abusi e la povertà. Un invito a questo
scopo comune è ciò che guida la nostra convivenza; Non sospettare, paura o
il desiderio autoritario di chiunque.
Nei prossimi mesi verranno avviati eventi decisivi per il
futuro della nazione, che rappresenta un'opportunità per i cileni
Esercitiamo rispetto reciproco, fiducia, conversazione e cooperazione nel
causa democratica comune, al di là delle opzioni ideologiche o politiche di
ciascuno L'importante non è lì, ma nella nostra decisione di creare da
ora un Cile democratico.
In breve, vi invitiamo a dichiarare pubblicamente che il nostro scopo politico
la perpetuità, come cileni, è di collaborare da tutti i punti di vista
ideologico nel compito quotidiano di rendere il Cile una comunità umana
democratica. Ti invitiamo a impegnarti che nessuno di noi proverà
appropriata verità politica nell'installazione di una dittatura ideologica,
economico o religioso.
Compatrioti, questo è il momento in cui dobbiamo agire. Non abbiamo
la paura; se lo vogliamo, ora possiamo incorporare la saggezza nella vita nazionale e
recuperare la dignità dei cileni.
71

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?