L'ORIGINE DI UMANO NEL BIOLOGIA DELL'AMORE Humberto Maturana Romesín e Gerda Verden-Zöller A cura di Pille Bunnell


1
Contents
Editor’s Foreword. iii
Poem. xix
Preface. xxi
General Reflection. xxix
1: Prologue. 1
2: Fundaments. 4
3: Human Origins. 38
4: Our Present. 73
5: Overview. 128
Appendices. 134
1: Scientific Explanations . 135
2: Structural Determinism & Structural Intersections. 146
3: Systemic versus Genetic Determination. 161
4: Virtual Realities and the Nervous System. 175
5: Virtual Realities and Human Existence . 184
6: Systemic/Analogical versus Local/Causal Reasoning. 190
7: Reality. 195
8: Biology of Trust. 199
9: Symbolization and Reality. 201
10: Dimensions in Love . 207
References . 212
Also Available. 214
2
L'ORIGINE DI
UMANO NEL
BIOLOGIA DELL'AMORE
Humberto Maturana Romesín
e Gerda Verden-Zöller
A cura di Pille Bunnell
3
Copyright © Humberto Maturana Romesín, 2008
The moral rights of the author have been asserted.
No part of this publication may be reproduced in any
form without permission, except for the quotation of
brief passages in criticism and discussion.
Originally published in the UK by
Imprint Academic, PO Box 200, Exeter EX5 5YX, UK
Originally published in the USA by
Imprint Academic, Philosophy Documentation Center
PO Box 7147, Charlottesville, VA 22906-7147, USA
Digital version converted and published in 2012 by
Andrews UK Limited
www.andrewsuk.com
4
Prefazione dell'Editore
L'origine della umanità nella biologia dell'amore
Un percorso di cambiamenti
Quando il Dr. Humberto Maturana mi ha consegnato il manoscritto per questo
libro alla prima American Society for Cybernetics Conference I
frequentato nel 1995, non avevo idea che questo avrebbe portato a un sostanziale
cambiare nella mia vita e carriera.
Come ecologista di sistemi, conoscevo il suo lavoro e avevo persino
ha partecipato a un seminario che ha presentato nella mia città l'anno precedente,
ma non avevo ancora capito la profondità dell'opera e della sua
implicazioni sostanziali per come pensiamo a noi stessi e a tutti
le nostre relazioni - sia nella nostra matrice culturale che nella biosfera.
Non è che il seminario non sia stato significativo. Nel 1994
Seminario di Vancouver, Maturana aveva parlato del cambiamento nel
vite dei bambini mentre si spostano dall'ambiente di stile a
cultura domestica all'atmosfera di un "mondo reale" più patriarcale
cultura. Come risultato delle riflessioni che questo ha stimolato, mio ​​marito
e io ero disposto ad accettare la scelta di un figlio del nostro figlio adolescente
scuola alternativa - una scelta che tutti e tre di noi guardiamo indietro
gratitudine.
Ovviamente la dottoressa Maturana non sapeva nulla di ciò mentre mi consegnava
il manoscritto Stava distribuendo copie e immagino che lo fosse
sperando che qualcuno possa fare un suggerimento su dove questo piccolo
il libro potrebbe essere pubblicato.
Ero abbastanza ingenuo da offrire di modificare il lavoro. non mi rendevo conto
quanto ero presuntuoso e quanto era gentile nell'essere disposto
considerare la mia offerta. Né ho capito che questo sarebbe diventato un
processo lungo che mi permetterebbe l'enorme privilegio di
ciò che equivaleva a tutoraggio personale da uno studioso fondatore di
cibernetica. E non ho nemmeno sognato quanto sarebbero profonde queste idee
mi riguarda, nella misura in cui ho cambiato la mia carriera da un successo
consulente ambientale internazionale a un professore universitario. io
5
ora amo insegnare, ispirare e ampliare la visione degli studenti
che a sua volta trova costantemente il materiale in modo profondo e costante
ispirando per come vivono, sia personalmente che professionalmente.
Una volta abbiamo iniziato a modificare, Maturana generosamente e in modo impeccabile
ha risposto a molte e-mail e si è seduto con me, rivedendo la mia proposta
modifiche, durante le pause in diverse altre conferenze. avevo
assicurato un accordo di pubblicazione e l'editore attendeva pazientemente
per il completamento del manoscritto Alla fine eravamo entrambi
contenuto con l'accuratezza e la leggibilità del libro. A quel
punto, tuttavia, sono intervenute varie circostanze attenuanti, e
la pubblicazione del libro è stata ridotta. Fortunatamente, l'originale
il manoscritto modificato è ora risorto e siamo tutti felici
presentare questo libro a un pubblico che potrebbe trovarlo seminale come me
fatto.
Importanza del lavoro di Maturana
Ora vorrei dire alcune parole sul perché trovo Maturana
corpo di lavoro così importante, e anche perché a volte è visto come
difficile. I miei studenti lo hanno chiamato "masticabile", "mentale"
calisthenics "e" filosofia pratica ".
Se dovessi affermare che uno dei seguenti è o vero, o
un'interpretazione del lavoro di Maturana, quindi agirei
incoerentemente con la comprensione che ne ho tratto.
Tutto quello che posso fare e tutto ciò che desidero fare è offrire la mia comprensione
basato sulla mia esperienza personale. Ho trovato il lavoro illuminante,
avvincente e evocativo di un modo sociale ed ecologico
vivendo che trovo vitale, attraente e profondamente risonante.
Scrivo con il desiderio che ciò che dico possa scatenare qualche intuizione
o illuminazione in altri. Non posso sapere - sono costituzionalmente
non è competente a sapere - quale comprensione o azione ora faranno
in seguito si tradurrà in un mondo che vorremmo, come Homo sapiens amans
hanno vissuto avanti, insieme a tutti i nostri rapporti, umani e non solo. lo voglio
non so quali parole e azioni vissute ora avranno l'eventuale
risultato che noi, oi nostri figli, in seguito non vivremo in rammarico. Eppure, ancora
- Penso e credo che un modo di pensare che conserva
6
ora amo insegnare, ispirare e ampliare la visione degli studenti
che a sua volta trova costantemente il materiale in modo profondo e costante
ispirando per come vivono, sia personalmente che professionalmente.
Una volta abbiamo iniziato a modificare, Maturana generosamente e in modo impeccabile
ha risposto a molte e-mail e si è seduto con me, rivedendo la mia proposta
modifiche, durante le pause in diverse altre conferenze. avevo
assicurato un accordo di pubblicazione e l'editore attendeva pazientemente
per il completamento del manoscritto Alla fine eravamo entrambi
contenuto con l'accuratezza e la leggibilità del libro. A quel
punto, tuttavia, sono intervenute varie circostanze attenuanti, e
la pubblicazione del libro è stata ridotta. Fortunatamente, l'originale
il manoscritto modificato è ora risorto e siamo tutti felici
presentare questo libro a un pubblico che potrebbe trovarlo seminale come me
fatto.
Importanza del lavoro di Maturana
Ora vorrei dire alcune parole sul perché trovo Maturana
corpo di lavoro così importante, e anche perché a volte è visto come
difficile. I miei studenti lo hanno chiamato "masticabile", "mentale"
calisthenics "e" filosofia pratica ".
Se dovessi affermare che uno dei seguenti è o vero, o
un'interpretazione del lavoro di Maturana, quindi agirei
incoerentemente con la comprensione che ne ho tratto.
Tutto quello che posso fare e tutto ciò che desidero fare è offrire la mia comprensione
basato sulla mia esperienza personale. Ho trovato il lavoro illuminante,
avvincente e evocativo di un modo sociale ed ecologico
vivendo che trovo vitale, attraente e profondamente risonante.
Scrivo con il desiderio che ciò che dico possa scatenare qualche intuizione
o illuminazione in altri. Non posso sapere - sono costituzionalmente
non è competente a sapere - quale comprensione o azione ora faranno
in seguito si tradurrà in un mondo che vorremmo, come Homo sapiens amans
hanno vissuto avanti, insieme a tutti i nostri rapporti, umani e non solo. lo voglio
non so quali parole e azioni vissute ora avranno l'eventuale
risultato che noi, oi nostri figli, in seguito non vivremo in rammarico. Eppure, ancora
- Penso e credo che un modo di pensare che conserva
6
la riflessione e l'amore hanno la più alta probabilità di divenire
un mondo in cui possiamo vivere conservando il nostro lignaggio come
descritto da Maturana e Verden Zöller in questo libro. Quindi questo è
di cosa voglio parlare qui - cioè perché penso che il lavoro di Maturana
porta a conservare la riflessione come un modo di pensare (come fa il
lavoro dei suoi colleghi e delle molte persone in tutto il mondo
chi è stato ispirato da esso).
Una rete di idee
Ho notato negli anni che diverse persone trovano differenti
punti di ingresso nella rete di idee, intuizioni e spiegazioni
che costituiscono la vita della dottoressa Maturana. La voce diversa
i punti1 portano a enfasi diverse. Il lavoro originale era chiaramente
nel campo della biologia; e molte persone si riferiscono a Maturana
contributo dell'autopoiesi2 come aspetto centrale, con ulteriore
attenzione sull'accoppiamento strutturale e il lignaggio (che possono
consideri equivalente all'evoluzione). Altri sono incantati dal
lavoro sperimentale sul sistema nervoso, che porta a pensare
sulla cognizione e sulla nostra incapacità di rivendicare qualsiasi tipo di privilegio
accesso alla "realtà". Queste persone si riferiscono spesso al corpo del lavoro
[1] Ho notato i punti di ingresso, ma questi non sono gli stessi di
motivi, anche se i motivi possono influenzare i punti d'ingresso.
Come indicato nel logo dell'istituto formato attorno a Maturana
lavoro, vale a dire l'Instituto Matriztico, le persone sono solitamente interessate
questo lavoro o per curiosità o dolore; o entrambi. Nel mio caso
la mia curiosità era quella di uno scienziato, e il mio dolore era l'angoscia che provavo
sul corso delle attività umane sulla terra.
[2] Per una breve spiegazione dell'autopoiesi come organizzazione
e la realizzazione di sistemi viventi, vedi Appendice 2. Una descrizione più dettagliata
il trattamento si trova in Maturana, H. R. (2003). autopoiesi,
accoppiamento strutturale e cognizione: una storia di questi e di altri
nozioni nella biologia della cognizione. Cibernetica e conoscenza umana,
9 (3-4), 5-34.
7
come la biologia della cognizione. Eppure altri sono più profondamente presi da
le dinamiche relazionali dell'emozione e del linguaggio, e il
conseguenti implicazioni culturali, e vedere il tutto come la biologia
d'amore. Questo libro enfatizza la biologia dell'amore, come è evidente
nel suo titolo. Ci sono anche persone che si avvicinano al lavoro da a
interesse filosofico e si occupano di ontologico e
implicazioni epistemologiche.
Dal mio punto di vista tutti questi sono racchiusi in ciò che Maturana
ed i suoi colleghi ora chiamano la matrice biologica e culturale di
Esistenza umana. Per facilità di introdurlo agli studenti, mi riferisco a
come una rete di idee, intuizioni e spiegazioni. Dico anche il mio
studenti che questa è una rete particolare. Diciamo le lettere del
l'alfabeto rappresenta i vari concetti e idee in cui essi hanno
per imparare A prima che possano capire B, ma non possono realmente
capisci A pienamente finché non hanno imparato B. Lo stesso vale per
C, D, E ed F; ognuno dei quali contribuisce a una maggiore profondità di A e a
B, così come a vicenda (Figura 1).
Quindi è una rete coerente che si approfondisce man mano che ci si impegna.
Comunque bisogna iniziare da qualche parte, quindi propongo di iniziare
con il concetto rappresentato dalla lettera A (che varia secondo
all'interesse del gruppo che viene indirizzato). Li avverto
poiché sanno che A apparirà diverso dopo aver imparato B, loro
devono approcciare il tutto con la volontà di non assumerlo
qualsiasi elemento è completo isolato dal resto. Uno deve essere
disposto a lasciar andare ciò che si conosce su qualsiasi aspetto in qualsiasi momento
per capirlo, e il tutto, più pienamente. Il processo di
diventare un esperto in qualsiasi campo si basa su un approccio simile.
Niente di tutto questo significa che le intuizioni che si ottengono prima da A,
o da A più B, non sono validi; significa solo che le implicazioni
e l'applicabilità si approfondisce man mano che le intuizioni diventano entrambe
epigenico3 e reciprocamente illuminante. Questo è, dopo tutto, il naturale
corso di apprendimento; anche se spesso pensiamo che sia semplicemente cumulativo
[3] Epigenic è una parola che deriva originariamente dall'embriologia; dove ogni nuovo sviluppo può avvenire solo sulla base di lo sviluppo precedente. Questo vale in generale per molti processi, e in particolare all'apprendimento.
8
Figura 1. Una rete di spiegazioni
Questo disegno non intende descrivere l'intera matrice
di idee racchiuse nel lavoro di Maturana, né in quello di lui
colleghi presso l'Istituto Matriztico. In effetti, alcuni dei
le idee qui incluse possono differire da quelle che includono o
enfatizzare. Qui mostro la mia figura in parte per dare un senso
l'ampiezza delle idee coinvolte, ma soprattutto per sottolineare il
natura di rete del tutto. Tutte le linee in questa figura
implica la reciprocità nella comprensione. Non tutte le connessioni
sono mostrati; il mio scopo qui è di suggerire una densità di
connessioni tra le idee - che costituiscono quindi a
insieme coerente.
(Un tipo simile di figura è stato presentato in Maturana e
L'albero della conoscenza di Varela, e il mio non è inteso come a
sostituzione per quello).

9
- con la sfortunata conseguenza che spesso il nostro educativo
il sistema tende a ridurre la comprensione alla conoscenza e alla conoscenza
alle raccolte di fatti.
Naturalmente molti elementi contenuti in questa rete di idee hanno
è stato esplorato da altri prima; Lo stesso Maturana ha spesso sostenuto
che non c'è nulla di nuovo in ciò che dice. Tuttavia se i lettori o
gli ascoltatori interrompono il loro impegno con "Ah, sì, è proprio così
e così ha detto "- quindi la loro comprensione è limitata da ciò che sapevano
prima. Forse la novità è la reinvenzione di questi elementi
come un'intera rete di comprensione nel contesto moderno di
scienza e scienze umane. A lungo termine, la paternità è un po 'meno
rilevante delle conseguenze del vivere un'intesa. È in
il dominio relazionale in cui il riconoscimento del contributo
o l'ispirazione, da qualsiasi fonte, è un modo di vivere nell'amore e
rispetto.
domini
Nella stesura di questa prefazione ho pensato di evidenziare diverse chiavi
temi. Mi trovo immediatamente catturato nella rete; incapace
lasciare fuori A o B o E o F, poiché sono tutti rilevanti per il tutto.
Quindi, invece, affronterò un aspetto a cui stavo pensando
ultimamente; vale a dire domini. Sebbene i domini e le loro implicazioni siano
in primo piano i miei pensieri ora, sono consapevole che anch'io lo farò
pensa in modo diverso qualche tempo dopo. La comprensione segue sempre un
percorso epigenico, così che si è sempre dove si è, dove è la corrente
le idee poggiano su ciò che ha preceduto e fungono da base per qualsiasi cosa possa
ancora sorgere.
In un recente articolo4 Maturana mostra come le invenzioni culturali
come il tempo sono risultati naturali della nostra convivenza. Queste invenzioni
lo sviluppo precedente. Questo vale in generale per molti processi,
e in particolare all'apprendimento.
[4] Tempo come dimensione spaziale immaginaria, cibernetica e
Human Knowing Vol 15. No. 2
10
non ci causano problemi finché accettiamo l'operatività
coerenze rilevanti per il dominio strutturale a cui le nostre azioni
appartengono, e finchè non confondiamo i domini.
I domini sono facilmente confusi perché generalmente non ne siamo consapevoli
di loro. Da un punto di vista non esistono nemmeno, come loro rappresentano
una fetta, o prospettiva di una matrice immaginaria n-dimensionale, e
la realizzazione della fetta è un atto di semplificazione che abilita il locale
azione. In un'altra visione, viviamo sempre in un dominio o in un altro.
Non siamo mai presenti, o recitiamo, nell'intero immaginario
matrice n-dimensionale. Ogni dominio è completo in sé e solo
parziale se immaginiamo un insieme in cui tutti esistano. Eppure ognuno è
diverso nella sua coerenza interna, la sua rilevanza e le sue possibilità.
Noi, come gli altri animali, ci spostiamo facilmente da un dominio all'altro
il corso della nostra vita quotidiana. A differenza di altri animali, lo facciamo
enfaticamente anche nella lingua, e nel linguaggio ci causa problemi
perché spesso operiamo sotto l'assunto implicito che
tutto ciò che parliamo e tutto ciò che sappiamo esiste in un unico dominio
chiamato "realtà". Quando non possiamo cooptare le nostre percezioni, idee o
esperienze in questo dominio apparentemente singolare, spesso consideriamo
loro delusioni o aberrazioni di un tipo o dell'altro.
Come ha detto Maturana, ogni distinzione rivela una certa regolarità
nel nostro vivere e oscura gli altri. Come ogni distinzione porta anche
avanti il ​​dominio in cui è valido, ogni dominio ne rivela anche alcuni
regolarità nella nostra vita e oscura gli altri.
Non viviamo in un "mondo piatto" di un dominio o di una collezione
di regolarità. Spostiamo aerei, dimensioni o domini nel flusso
delle nostre attività e relazioni, e il flusso di emozioni e
il languaging è commisurato a questo flusso. Le nostre regole pedonali di
la logica è valida all'interno di un determinato dominio, ma diventa problematica se
spostiamo i domini, come possiamo facilmente fare senza notarlo, anche nel
parte centrale dell'argomento. I costrutti logici funzionano correttamente come
finchè stiamo attenti a non incrociare i domini. Nascono paradossi
quando non prestiamo attenzione ai cambiamenti nel dominio.
Ho cominciato a notare questo prima di incontrare il lavoro di Maturana come
Ho notato quello che consideravo la logica incurante nelle figure che le persone
11
ha disegnato per spiegare le varie dinamiche dei sistemi. Ora, uno di Maturana
le figure seminali servono da referente per la mia visione e per
il mio insegnamento La figura di Maturana (Figura 2) è iconica, e penso
evocativa. La freccia circolare rappresenta un sistema vivente in ricorsivo
autopoiesi, (suo dominio costitutivo, o fisiologia). I vivi
il sistema nel suo insieme ha anche una reciproca relazione adattiva con il suo
nicchia (suo dominio relazionale o comportamento). Lo trovo facile da spiegare
che un sistema vivente non può persistere in quanto tale senza conservare entrambi.
Tuttavia non possiamo affermare che l'una causa l'altra, né possiamo spiegare
sia nei termini dell'altro, anche se ciò che avviene in uno
altera le dinamiche dell'altro.
Pedagicamente questa figura funge da pietra di paragone per l'osservazione del
differenza tra il dominio generativo e il fenomenale
dominio - e per riconoscere che la confusione di questi sguardi porta a
incomprensioni fastidiose.
Poiché i domini sono insiemi o reti di regolarità rilevanti,
possono essere distinti in base a diversi look, come
questi si presentano con interessi, contesti o preoccupazioni diversi. così
possiamo nominare il tipo di preoccupazione che sembra prevalere, e noi
può parlare di domini operativi, domini generativi, relazionali
domini e altro ancora. Se qualcuno vuole analizzare domini come se loro
aveva un'esistenza diversa da quella dell'azione o della riflessione, questo può
portare alla confusione. Domini relazionali, a cui Maturana corrisponde
le emozioni, si distinguono quindi attraverso diverse costellazioni di
azioni possibili in cui si vive una particolare regolarità locale. Di nuovo, noi
spostate i domini in modo fluido, quindi fluttuiamo facilmente da un dominio relazionale
o emozione a un altro (quindi emotivo), e se ci fermiamo a riflettere
vediamo che la coerenza interna, o logica, di questi differisce. Noi
pensa e agisci in modo diverso in diversi domini relazionali.
Come altri domini, i domini relazionali non possono quindi essere compressi
uno in un altro. Tuttavia, possiamo navigare da uno all'altro
in modo che la conseguenza sociale sia armoniosa. A volte questo
diventa una questione delicata quando ci troviamo impegnati in molteplici
domini relazionali incommensurati. Quando questo succede noi
a volte semplicemente isoliamo la nostra presenza in uno dalla nostra presenza
12

Figura 2. Due aspetti diversi di un osservatore nell'annotare
o il dominio generativo (occhio superiore), o il risultante
fenomeno in un dominio diverso (occhio inferiore). Questa figura
è la rappresentazione iconica di Maturana di un sistema vivente che
rimane conservato fino a quando sia l'autopoiesi sia
l'adattamento persiste.
in un altro. In effetti è socialmente non solo accettabile, ma "corretto"
per tenere separate le nostre vite familiari emotive dalle emozioni
i nostri rapporti di lavoro. Altre volte non possiamo isolare completamente il nostro
domini relazionali, e entrambi troviamo un percorso di comportamento
è accettabile in tutto, o alcuni dei domini relazionali cambiano o
persino collasso. Penso che ci sentiamo meglio quando non abbiamo un senso
di dissonanza mentre passiamo da un'emozione all'altra, come facciamo noi
ricordate almeno le nostre azioni, se non come eravamo noi stessi quando noi
erano diversi Questo è naturalmente più facile se si mantiene il sovraordinamento
emozione dell'amore, come il costituente fondamentale della nostra umanità - così com'è
descritto in questo libro.
Scrivere da dentro la matrice
Un altro punto che vorrei affrontare è la denuncia
a volte ho sentito che la scrittura di Maturana è difficile da leggere. Di
Naturalmente parte della difficoltà è che ogni elemento è parte di una matrice,
13
o rete di idee. Non è lineare, e quindi richiede un modo di
pensando che si differenzia dalle nostre abitudini culturali. Sebbene ci possa essere
altri motivi per la difficoltà percepita, voglio affrontare qui il
nozione di circolarità nella scrittura.
Maturana ha scoperto che gli editori a volte cercano di chiarire il suo
lavorare attraverso la rimozione di ciò che vedono come ripetizione o ridondanza.
In molti casi ciò che stanno facendo è rimuovere le circolarità.
Le circolarità sono importanti perché lanciano e sostengono a
processo generativo. La comprensione a cui sono destinati
evocare sorge solo attraverso l'operazione della circolarità.
Tutte le circolarità, siano esse costituite da iterazioni (il processo è
riapplicato al risultato del processo) o alle ricorsioni (il processo è
applicato a se stesso) operare in questo modo. Il fenomeno, che sia
considerato tangibile o psichico, dura solo fino a quando il generativo
processo continua a funzionare. Questo non è facilmente evidente a noi dato
che possiamo chiamare il fenomeno, e quindi usare quel nome come
se ha sostituito il fenomeno. Quello che succede è lo stesso
la parola può evocare il processo generativo che dà origine a
il fenomeno (e lo fa abbastanza rapidamente come si diventa
esperto in quella particolare circolarità), o può essere "appiattito" in un
oggetto che viene utilizzato in un altro dominio di coordinamenti. Lo stesso
parola che significa o innesca una operazione cognitiva generativa possibile
anche persistere come un oggetto che coordina il comportamento in un tutto
diverso dominio operativo.
Non è sempre facile notare se una parola viene trattata come a
processo generativo o un oggetto, anche quando si comprende che questi
esistono differenze Ed è molto difficile rendersi conto di averne bisogno
operare circolarità mentali per il fenomeno del significato
inerente a quelli che sorgono se ci si aspetta solo descrizioni e
definizioni. Poiché la scrittura e il pensiero di Maturana includono molti
processi generativi e circolari, questo può rendere la comprensione
difficile fino a quando si percepisce che le circolarità devono essere gestite
(a volte attraverso diversi cicli) in modo che l'intero sia
inteso.
14
o rete di idee. Non è lineare, e quindi richiede un modo di
pensando che si differenzia dalle nostre abitudini culturali. Sebbene ci possa essere
altri motivi per la difficoltà percepita, voglio affrontare qui il
nozione di circolarità nella scrittura.
Maturana ha scoperto che gli editori a volte cercano di chiarire il suo
lavorare attraverso la rimozione di ciò che vedono come ripetizione o ridondanza.
In molti casi ciò che stanno facendo è rimuovere le circolarità.
Le circolarità sono importanti perché lanciano e sostengono a
processo generativo. La comprensione a cui sono destinati
evocare sorge solo attraverso l'operazione della circolarità.
Tutte le circolarità, siano esse costituite da iterazioni (il processo è
riapplicato al risultato del processo) o alle ricorsioni (il processo è
applicato a se stesso) operare in questo modo. Il fenomeno, che sia
considerato tangibile o psichico, dura solo fino a quando il generativo
processo continua a funzionare. Questo non è facilmente evidente a noi dato
che possiamo chiamare il fenomeno, e quindi usare quel nome come
se ha sostituito il fenomeno. Quello che succede è lo stesso
la parola può evocare il processo generativo che dà origine a
il fenomeno (e lo fa abbastanza rapidamente come si diventa
esperto in quella particolare circolarità), o può essere "appiattito" in un
oggetto che viene utilizzato in un altro dominio di coordinamenti. Lo stesso
parola che significa o innesca una operazione cognitiva generativa possibile
anche persistere come un oggetto che coordina il comportamento in un tutto
diverso dominio operativo.
Non è sempre facile notare se una parola viene trattata come a
processo generativo o un oggetto, anche quando si comprende che questi
esistono differenze Ed è molto difficile rendersi conto di averne bisogno
operare circolarità mentali per il fenomeno del significato
inerente a quelli che sorgono se ci si aspetta solo descrizioni e
definizioni. Poiché la scrittura e il pensiero di Maturana includono molti
processi generativi e circolari, questo può rendere la comprensione
difficile fino a quando si percepisce che le circolarità devono essere gestite
(a volte attraverso diversi cicli) in modo che l'intero sia
inteso.
15
Il secondo punto che desidero affrontare è lo stile e l'apparenza
intento di alcuni degli scritti. Ho chiesto a Maturana perché scrive
come lui, e lui ha risposto che vuole essere capito.
Qualcuno formato per iscritto per un vasto pubblico troverà questa affermazione
quasi incredibile, poiché quella forma di allenamento sottolinea la rappresentazione
idee in termini che i lettori già capiscono. La scrittura
deve essere diverso quando si vuole evocare il sorgere del nuovo
comprensione, e vuole farlo in un modo che non sarà
frainteso.
Le spiegazioni metaforiche sono facili da leggere, così come lo sono le storie
esemplificare un'idea particolare Il problema con questo tipo di scrittura è
che la direzione è in gran parte impostata dalla conoscenza preliminare dell'ascoltatore.
Metafore e storie sono costitutivamente aperte per essere capite
in modo molto diverso da ciascun ascoltatore. Tuttavia, se qualcuno lo desidera
capire cosa intende l'oratore o lo scrittore, o chi parla o
lo scrittore vuole essere compreso nei termini che lui o lei specifica, a
è richiesto un diverso tipo di scrittura o di conversazione.
Parlando, in presenza personale, l'ascoltatore può rimanere incantato
seguire un percorso di spiegazioni, storie ed evocazioni tali che
i risultati di comprensione. Molte persone me l'hanno detto una volta
hanno sentito parlare Maturana, possono quindi leggere i suoi scritti
con molta più facilità. Hanno imparato a pensare lungo il
percorsi che evoca nella danza poliedrica e consensuale che personale
la presenza consente. Per iscritto, tuttavia, evocare una nuova comprensione
è più difficile in quanto non vi è alcuna possibilità per lo scrittore di rispondere
al flusso del lettore. Quindi quando uno scrittore vuole essere
inequivocabile, lui o lei deve fornire un funzionamento inequivocabile
processo per capire cosa è scritto. Con questo tipo di scrittura
la lettura è lenta e si potrebbe dover leggere una frase in più
tempi per ottenere la comprensione risultante.
Detto questo, penso che Maturana presenti le sue opinioni qui in maniera facile
flusso. Più pezzi tecnici o più esigenti sono stati spostati in
le appendici.
16
Conservare l'impulso per riflettere
All'inizio del processo di editing iniziale ho detto a Maturana che pensavo
la sua opera era una cosmologia. Rimase in silenzio per un momento, poi chiese
io quello che intendevo per cosmologia. Quando ho risposto a una cosmologia
era un modo coerente di comprendere e spiegare tutti i propri
esperienze, ha ammesso di aver anche provato a usare quella parola
ma aveva trovato che evocava il tipo sbagliato di ascolto. Dentro il mio
significato della parola, viviamo tutti in una cosmologia, creando il nostro
cosmo in un modo che è congruente con la cultura in cui troviamo
noi stessi e con le nostre esperienze di vita individuali. non ho un
parola che esprime meglio "tutto" della parola cosmo, quindi per
nei paragrafi successivi chiedo al lettore di accettare temporaneamente il mio
significato di cosmologia che a me sembra più comprensivo di
visione del mondo.
Quando stavo imparando questo materiale per la prima volta, c'era un punto in cui io
mi sentivo come se fossi su un tappeto volante magico da cui potevo percepire
qualunque cosa. Era inebriante, esilarante. Poi un giorno l'ho notato
in effetti non c'era il tappeto. Ero solo in "mezz'aria". Eppure; io no
schiantarsi e cadere, né ero isolato. Invece mi sono trovato a mio agio
in una nuova e radicata responsabilità. Questo non mi è sembrato
come un peso, ma piuttosto come un senso di deliziosa autonomia che è venuto
con una cura etica confortevole per come mi sono impegnato con il mondo.
Certo che da allora ho commesso molti errori, cioè ho
agito in modi che in retrospettiva non erano il modo migliore di navigare
una questione delicata. Quello che mi sono trovato a conservare è a
volontà di impegnarsi nella riflessione, di vedere e cambiare ciò che è
non dipende da alcuna cosa o idea.
Un individuo cresce sempre in una cultura in un modo che è in
parte determinata da quella cultura. Premesse di base riguardanti l'esistenza,
rilevanza e anche come pensare, sono acquisiti prima di avere
sviluppato la capacità del linguaggio di riflettere o di sperimentare
autocoscienza.5 L'individuo accetta e vive secondo
[5] Maturana, H. 2006. Autocoscienza: come? Quando? Dove?
Fondamenti costruttivisti, volume 1, n. 3.
17
una cosmologia implicita in queste premesse e quindi agisce in modo
questo è coerente con quella comprensione. Questo a sua volta costituisce
la matrice culturale, che poi convalida quella comprensione
ed è conservato come contesto culturale per i nuovi individui.
Quindi una cosmologia è solitamente conservata in una cultura attraverso un
circolarità intergenerazionale (Figura 3 A).
In questa situazione la cultura
e la cosmologia appare come la stessa cosa, anche se si verificano
in diversi domini. Prendo una cultura per comprendere una rete di
attività e relazioni tra un gruppo di persone, non può essere
racchiuso in un singolo individuo. Una cosmologia (come sto usando il
parola qui), d'altra parte, appartiene a un individuo - però
naturalmente può essere astratto e descritto come tipico di una cultura.
La differenza tra la maggior parte delle cosmologie e quello che sono venuto
capire dal lavoro di Maturana passa attraverso l'inclusione di
un secondo tipo di circolarità all'interno della circolarità cultura-individuo.
Qui, la cosmologia è applicata alla cosmologia; questo è il processo
è applicato a se stesso, il che lo rende ricorsivo. Per questo a
essere possibile, è richiesto il processo di riflessione; e riflessione
si svolge nel luogo in cui esiste una cosmologia in quanto tale, cioè
all'interno di un individuo. La riflessione implica la capacità di rilasciare cosa
uno crede o pensa, e metaforicamente si allontana da quello per
consideralo (occhio esterno, figura 3 B).


Certamente uno immediatamente vede che non si è veramente fuori, quindi ci si vede entrambi riflettendo sulla cosmologia e come l'individuo che riflette la cosmologia, incorporata nella cultura (occhio interiore, Figura 3 B). Questo doppio aspetto ha un effetto particolare che io e gli altri proviamo come emancipazione, senso di libertà o mobilità psichica.
Sebbene ogni particolare riflessione collassi facilmente in una descrizione o osservazione, la funzione della riflessione stessa rimane, quindi si rigenera. C'è quindi la possibilità di un interminabile progresso delle riflessioni, ognuna basata su ciò che è stato preceduto ad esso. In effetti trovo difficile mantenere la consapevolezza in modo esperienziale la riflessione come processo al di là di una ricorsione, cioè la "riflessione" della riflessione. "Se provo a fare mentalmente ulteriori ricorsioni, diventa un'astrazione che descrive il processo, come in Figura 4.

18

Figura 3. Conservazione delle cosmologie nelle culture. Il individuale (i) è il piccolo cerchio bianco e la cultura in che vive / è il grande cerchio grigio (C). A rappresenta il caso generale e B rappresentano l'aggiunta di un ricorsivo la riflessione come elemento della cosmologia.
Eppure la descrizione potrebbe essere sufficiente a generare in noi un intuito
capire come viene conservata la riflessione e può evocare una nuova riflessione
sulla riflessione, o una riflessione sul processo di riflessione ricorsiva.
Perché una cosmologia sia ricorsiva, deve conservare la riflessione,
e affinché conservi la riflessione, il processo di riflessione deve essere
inerente alla cosmologia. Ciò è reso possibile da un significativo
aspetto della cosmologia di Maturana; cioè ha impeccabilmente evitato
fondare la sua rete di spiegazioni in qualsiasi esternalità, tra cui
quelli che sono difficili da confutare perché sono invisibili o tabù.
Se ci fosse un'esternalità, non si sarebbe in grado di "uscire"
quell'esternalità, e quindi l'applicazione della cosmologia a se stessa
non poteva avere luogo In questa cosmologia non c'è altro referente
che l'avvenimento del processo della vita umana, con tutto ciò che noi
fare e sperimentare mentre viviamo e riflettiamo su noi stessi, le nostre azioni,
e il nostro mondo.
Implicazioni di conservare la riflessione
La conseguenza della riflessione non può essere predeterminata. Così come
la riflessione è conservata, una cultura cambierà lungo un percorso di cambiamenti
che non può essere predeterminato. Questo può riguardare chiunque lo desideri
19

Figura 4. Un infinito progresso della riflessione, come consentito dal ricorsione sulla riflessione.
per
mantenere o essere fedele a un'idea, a una credenza o persino a un codice morale.
È solo molto comodo contemplare la questione dell'apertura
nel cambiamento culturale se si accetta che gli umani si sono evoluti come amorevoli
animali, come descritto in questo libro. Certo, potremmo evolvere ulteriormente
diventare Homo sapiens aggressans6, o Homo sapiens arrogans, ma
-----------------------------
[6] Il mio suggerimento originale nel 1995 era stato Homo sapiens amans
per le specie e sottospecie, con la sottospecie H. aggressans
e H.s. arrogans. Maturana ha appena esaminato una bozza di questo
prefazione e ha offerto ciò che ritengo sia un'eccellente raffinatezza
per questa nozione. Ora parla di Homo sapiens-amans amans come
la forma originale, dove il sapiens-amans con trattino si riferisce al
sorgere di linguaggiare sotto l'emozione dell'amore nell'originale
piccolo gruppo familiare Il secondo amans si riferisce al modo di vivere
da allora, il che significa che ulteriori sottospecie prenderebbero il
20
in questo momento, la maggior parte delle persone che ho incontrato lo indicano
si sentono bene quando agiscono come Homo sapiens amans. Inoltre, e
di nuovo nella mia esperienza, una propensione ad agire come H. Amans si presenta
quando inizia la riflessione; come infatti è insito in molte pratiche che
incoraggiare le persone a "fermarsi a pensare a ciò che si vuole veramente".
Quindi credo che questa costituzione biologica sia ancora fondamentale
in noi umani, e quella riflessione sembra consentirci di agire
secondo la nostra costituzione biologica. Penso che questo sia parte di
il senso di emancipazione a cui mi riferivo in precedenza.
Senza la capacità di riflettere su tutte le premesse inerenti alla propria
cosmologia, si è costretti ad agire solo entro i limiti
di una cosmologia ereditata, solitamente implicita. Sebbene lo specifico
conseguenza di una deriva culturale aperta non può essere determinata,
Posso fidarmi di una deriva che conserva la saggezza (sapiens) e l'amore
(amans) si tradurrà in un mondo che mi piacerebbe immaginare per il nostro
bambini e per la terra. Credo che un cambiamento nella cultura sia così
sorge lungo un percorso di riflessi che è molto più probabile che porti agli umani
diventare una specie sostenibile rispetto alla conservazione attuale
culture e cosmologie prevalenti.
In conclusione sostengo che la rete di idee, intuizioni e
le spiegazioni della cosmologia di Maturana conservano un'apertura per
riflessione che consente una fuga ogni volta che le risposte al profondo
domande sull'umanità e sulla vita vengono trattate come se fossero vere e
rigido. Dr. Humberto Maturana Romesín, ti ringrazio molto profondamente
per tutto ciò che hai contribuito. Spero che i lettori di questo
il libro sperimenterà il piacere dell'intuizione e della gioia
riflessione che ho avuto nel seguire questa strada.
Pille Bunnell
Vancouver, BC, ottobre 2008
----------------------------
forma di Homo sapiens-amans aggressans e Homo sapiens-amans
arrogans. Questo rende chiaro che rivendichiamo il nostro fondamento di base
rimane sapiens-amans, l'ominide "saggio" e l'altro
i modi di essere sono variazioni in cima a quello.
21
L'umanità
Ora ... cosa rende l'umanità umana?
Linguaggiare (conversare).
Cosa rende un uomo un uomo?
Nient'altro che il suo sesso.
Ma ... cosa rende un uomo un essere umano?
La sua sensualità e la tenerezza in
aperta consapevolezza della sua terra
e delle interconnessioni mentre balla la
danza ricorsiva di mangiare
giocando e baciando.
E ... cosa rende una donna una donna?
Lo stesso
attraverso la sua stessa sessualità.
Ma ... cosa la rende un essere umano?
La sua tenerezza e sensualità dentro
aperta consapevolezza della sua terra
interconnessione mentre balla
la danza ricorsiva del mangiare,
giocando e baciando.
22
Qual è la differenza, quindi?
Nessuno e tutto, dal momento che
la donna è sempre consapevole di essere
nella sua umanità una fonte cosmica
dal nulla, mentre l'uomo
deve imparare questo di nuovo quando lui
diventa sedotto e incatenato dalla
gioia del ragionamento lineare che
la donna ha sempre saputo essere
un fiore d'inverno transitorio.
E novità, cos'è la novità in tutto questo?
Una svolta inaspettata in una eterna
danza danzante ricorsiva.
Vuoto sembra essere la vita umana!
Sì! ... O ricco, nella pienezza
di un regalo sempre mutevole
di mangiare, giocare e baciare.
Humberto Maturana
23
Prefazione
Questo libro è nato nell'incrocio di due percorsi di ricerca e
riflessione in relazione all'origine della umanità. Il primo di questi
era il mio intento di visualizzare e comprendere l'origine evolutiva
di umanità, e l'altra, quella della dottoressa Gerda Verden-Zöller, era
il suo tentativo di mostrare in modo osservativo il sorgere dell'autocoscienza
nel bambino nei primi rapporti tra madre e figlio. Anche se questo
il libro è stato scritto nel 1994-96, penso che il suo contenuto sia ancora valido
ora, circa quindici anni dopo.
Nel mio approccio al tema dell'evoluzione che avevo sviluppato
alcune nozioni non ortodosse sul meccanismo attuale che guida
il processo di evoluzione che riassumerò nel seguito
dichiarazioni (vedi Maturana e Mpdozis, 2000):
• Il meccanismo attuale che guida l'evoluzione è la deriva strutturale la conservazione del vivere e l'adattamento nel presente, in un cambiamento indipendente e in continuo cambiamento medium (Ambiente), non la selezione di quelli più adatti a un preesistente medium (ambiente).
• La selezione naturale è una conseguenza della deriva naturale, non del meccanismo generativo di evoluzione. Il meccanismo generativo dell'evoluzione è naturale deriva.
• I sistemi viventi si verificano come organismi discreti nel mezzo che li rende possibili.
• L'adattamento non è una variabile; adattamento è una relazione di congruenza operativa tra l'organismo mutante e il cambiare medium (ambiente) in cui vive.
• Se la relazione di adattamento viene persa, l'organismo muore. Quindi l'organismo scivola nel mezzo nel percorso in cui si trova la vita è conservata, o muore (si disintegra).
24
• Ciò che è conservato nella costituzione di un lignaggio attraverso la riproduzione è adattamento, cioè la relazione tra organismo e nicchia in cui il suo modo di vivere è realizzato e conservato.
• Un lignaggio di organismi sorge quando una particolare dinamica la relazione tra organismo e nicchia comincia a essere conservata come un modo di vivere da una generazione all'altra attraverso il sistema riproduzione.
• La riproduzione sistemica avviene sia come organizzazione del riproducendo l'organismo e la configurazione del mezzo in cui realizza la sua vita sono conservati insieme come un semplice risultato della conservazione della realizzazione di quel modo di vivendo dalla prole di quell'organismo. Questo si verifica nell’interazione di genetica e preferenze comportamentali che guidano la vita dell'organismo nella sua nicchia. Quando ciò accade, il modo di vivere conservato da una generazione all'altra, come una particolare configurazione delle relazioni tra organismo e nicchia diventa il centro dinamico operativo attorno al quale è tutto il resto aperto a cambiare; definendo così l'identità di classe del lignaggio attraverso la sua conservazione sistemica.
• Un lignaggio dura quanto la configurazione dinamica dell'organismo relazione che costituisce il modo di vivere e definisce la sua identità di classe di un organismo è conservata attraverso il sistema riproduzione.
• Il percorso evolutivo seguito da un lignaggio è il percorso di deriva strutturale in cui la relazione organismo-nicchia che lo definisce è conservato. Quindi, se vogliamo capire l'origine e la storia di un lignaggio dobbiamo trovare la maniera iniziale di la vita che cominciò a essere conservata come una relazione di nicchia di organismi e le variazioni di quel modo di vivere conservato come parte di nella sua deriva naturale, in modo che i membri di quel lignaggio vivano ora come vivono adesso.
25
• Il modo attuale di vivere dei membri di un lignaggio è il risultato di una storia di deriva naturale, non un conseguimento di miglioramento progressivo del suo adattamento a un preesistente medium. Sotto questo modo di pensare, se volessi vedere come l'umanità è sorto ed è diventato quello che è ora, ho dovuto rispondere alla domanda "Che modo di vivere (relazione tra organismo e nicchia) cominciò ad essere conservato nei nostri antenati in modo che viviamo ora come viviamo adesso? "
Queste sono state le mie riflessioni centrali quando ho incontrato il dott. Verden-Zöller. Ciò che il dott. Verden-Zöller voleva sostanzialmente capire era il sorgere di autocoscienza nel bambino; e lei pensava che questo ha avuto luogo nella prima infanzia di ogni bambino nel corso del suo o il suo rapporto intimo con sua madre. Di conseguenza lei pensavo che il posto dove cercare questa domanda fosse all'inizio i rapporti di gioco madre-bambino, e si è girata per studiare quelle relazioni in comunità relativamente isolate nella Germania occidentale dopo la guerra.
Qui riassumo nelle mie parole ciò che pensavo fosse la sua base scoperte nel momento in cui ci siamo incontrati:
• Il compito principale nel bambino in crescita è imparare il suo corpo, e lui o lei lo fa nel contatto intimo e giocoso con sua madre.
• I mondi che il bambino vive nascono nella relazione madre-bambino come il bambino fa insieme a sua madre qualunque cosa essi fare insieme.
• È nella commedia madre-bambino che il bambino crea il suo auto-distinzioni. E lui o lei lo fa naturalmente nel flusso del suo gioco nel contatto corpo intimo con sua madre mentre si toccano reciprocamente, e nel maneggiare e toccare qualsiasi cosa manipolino e distinguere insieme.
26
• La giocosità del bambino nella sua relazione madre-figlio diventa il fondamento operativo-relazionale per i diversi mondi che lui o lei genera lungo la sua intera vita.
Ascoltandola e riflettendo sulle sue scoperte, mi resi conto che lei aveva la risposta alla mia domanda. In effetti, ho capito che era la relazione tra organismo e nicchia definita dalla conservazione dell'emozione dei rapporti madre-bambino del gioco, così come delle variazioni nel modo di vivere intorno ad esso, che guidava il corso evolutivo dei nostri antenati primati. Questo è successo in a convivenza centrata sull'amore che genera un ambiente in cui vivere in linguaggi potrebbe sorgere come il modo di vivere di chi conservazione da una generazione all'altra nell'apprendimento di i bambini, costituivano l'umanità come il modo di base dell'amore vivendo che viviamo adesso Mentre ne abbiamo parlato, ho scritto questo poco prenotare come una proposta audace di ciò che pensavamo doveva essere il storia evolutiva del nostro lignaggio; vale a dire, attraverso il sistemico conservazione generazione dopo generazione di un modo di vivere dentro l'apprendimento dei bambini, e non attraverso alcune serie fortunate di mutazioni e ricombinazioni genetiche.
La conservazione di un modo di vivere da una generazione a il prossimo nell'apprendimento e nelle abitudini della prole dei membri
di un lignaggio attraverso la riproduzione sistemica di guide e cooptati
tutte le variazioni genetiche che facilitano o realizzano quel modo di vivere come
un intero operativo e relazionale di nicchia di organismi. Lo considero ancora adesso
che questa visione della natura del processo evolutivo è valida.
Quando è stato scritto questo piccolo libro, più di dieci anni fa,
queste idee sull'evoluzione non erano accettabili. L'idea che il
la riproduzione era un processo sistemico che coinvolgeva la nicchia come
così come lo stato attuale operativo del sistema genetico del
cellule riproduttive dell'organismo riproducente che operano come un
l'intero integrato non era facile da capire e accettare. Da allora
la comprensione biologica si è sviluppata e ora sappiamo che come
la riproduzione ha luogo, il nuovo organismo si forma nella fusione
o divisione di celle operative attive che portano con sé il loro
27
presente stato di vita sotto forma di rete di nucleare e
processi citoplasmatici che li realizzano in quel momento del loro
vita. Inoltre, ora siamo pienamente consapevoli del fatto che ciò
rete di processo nucleare e citoplasmatico coinvolge tutti attivi e
geni inattivi e tutte le diverse molecole che costituiscono
l'architettura molecolare dinamica della realizzazione del loro
presentare una particolare forma di autopoiesi. Inoltre, noi biologi siamo
anche consapevole ora che le condizioni sistemiche iniziali che si presentano nel
processo di riproduzione costituisce solo il punto di partenza del
storia epigenetica individuale del nuovo organismo, e questo
la storia epigenetica andrà in un modo o nell'altro in base al quale
sono le circostanze relazionali in cui l'organismo si rende conto
la sua autopoiesi nella sua relazione tra organismo e nicchia.
Pertanto, anche se quello che scriviamo in questo piccolo libro è apparso
per essere una proposta evolutiva audace nel 1994, ora sembra
più che plausibile. Quando Lamark e Darwin erano nella loro
diversi momenti storici che tentano di spiegare l'adattamento in
la storia del sistema vivente pensavano all'adattamento come variabile,
e vedere il medium come un "contenitore" preesistente al quale il
i nuovi organismi dovevano adattarsi. Data questa premessa si sentivano
che gli avvenimenti delle storie di vita individuali dovevano avere un
presenza nella vita della loro prole. Quindi, hanno proposto diversi
approcci al tema dell'adattamento che suggeriscono diverse visioni di
eredità per fare una connessione storica tra le successive
generazioni. Quello che non potevano vedere allora era quell'adattamento
necessariamente una costante relazione di coerenza operativa tra il
l'organismo e la sua nicchia nella realizzazione continua del suo vivere,
e che sia l'organismo che la nicchia cambiano spontaneamente insieme
congruente.
Dopo aver scritto questo piccolo libro, ho rivolto le mie riflessioni per vedere il
implicazioni della comprensione di ciò che diciamo in esso, ma lo ero
non del tutto chiaro su come collegare l'amore con il nostro modo attuale
di vita. Pensavo che l'amore fosse l'emozione più fondamentale in
tutti gli aspetti della nostra vita, ma non sapevo come rivelare come l'amore
operato nella nostra vita quotidiana fino a quando nel corso di una conversazione,
28
il mio collega Ximena Dávila Yáñez mi ha detto quanto segue:
"Humberto, ho fatto una scoperta, ho capito che il dolore o sofferenza per la quale una persona chiede aiuto nel dominio relazionale è sempre di origine culturale, e ho anche capito che un tale dolore nasce come un'esperienza di negazione dell'amore che la persona che lo vive accetta in qualche modo come qualcosa che è culturalmente legittimo ". E aggiunse: "Inoltre la persona che mi consulta mi dice, senza che lei o lui ne sia consapevole che lo sta facendo, dove nella matrice relazionale-operativa della sua vita si è verificata la negazione d’amore così come mi indica la strada per uscire dalla svalutazione di sé che lui o lei  da allora sta conservando in tutti gli aspetti della sua vita quotidiana ".
Quando ho chiesto a Ximena cosa ha fatto quando è stata consultata le ho chiesto aiuto relazionale, mentre l'ho ascoltata mi sono reso conto la sua risposta che ha fatto quello che non ero stato in grado di fare. in passato dire che l'amore è stata la prima medicina, e quando mi è stato chiesto, come funziona l'amore funziona e cosa fare per amare? Ho risposto dicendo "solo amore, è così è facile, l'amore opera nell'atto di amare ", ma nessuno sembrava esserlo vedere l'atto di amare o come è stato fatto l'atto di amare. Ximena Dávila, tuttavia, con la sua risposta mi stava dimostrando che lo sapeva cosa fare come ha messo in azione la sua comprensione dell'interazione della biologia della cognizione e della biologia dell'amore in un riflesso conversazione con il risultato che le persone che l'hanno consultata hanno recuperato l'amor proprio e il rispetto di sé, e si sentì liberato dal loro dolore e sofferenza.
Più tardi sviluppò la nozione di biologia culturale in
fare riferimento alla natura intrinsecamente biologico-culturale dell'umanità
lei stava mostrando nel suo lavoro di conversazioni riflessive con il
persone che l'hanno consultata e che ora chiamiamo la cultura biologica
matrice dell'esistenza umana.
I diversi mondi che noi esseri umani generiamo nel nostro
l'esistenza biologico-culturale si presenta come reti diverse di
conversazioni sotto forma di diverse reti di coordinamenti di
coordinamenti di azioni ed emozioni nella realizzazione del nostro
vita. Inoltre, queste reti di conversazioni avvengono come
diverse dinamiche dell'architettura molecolare dell'organismo
relazione che è la realizzazione della vita di qualsiasi organismo
29
che adottano in noi la forma particolare della nicchia dell'organismo
relazione del nostro vivere nella matrice biologico-culturale del nostro essere umano
esistenza.
La nozione di biologia culturale proposta da Ximena porta avanti una visione dell'architettura dinamica della cultura biologica come natura di umanità che di solito rimane al di là della nostra comprensione nascosta nelle nozioni semantiche che usiamo per parlare sulle diverse realtà che generiamo nella nostra vita. In altro parole, quale comprensione della natura biologico-culturale della nostra umanità ci porta, e in particolare mi ha dato, è una visione fondamentale più espansa delle diverse realtà che noi esseri umani possiamo vivere. In particolare, mi ha mostrato la natura della nostra vita quotidiana emotiva e dei fondamenti biologico-culturali del nostro desiderio intimo sempre presente per una vita quotidiana in cui realizziamo e conserviamo l'onestà e, quindi, l'etica.
Gli esseri viventi si presentano come entità molecolari dinamiche che operano come totalità in uno spazio relazionale, e sono realizzati come diversi tipi di organismi attraverso la conservazione con i diversi organismi delle relazioni come modi diversi di vivere. Quindi, siamo umani gli esseri esistono nella conservazione di una relazione tra organismo e nicchia che come un modo di vivere si verifica in uno spazio relazionale che trascende le dinamiche molecolari che lo rendono possibile. E noi esseri umani lo facciamo nell'unità del corpo e della mente attraverso l'integrazione delle nostre emozioni e delle nostre azioni mentre viviamo la nostra esistenza di amare linguaggiando (conversando) in qualità di esseri relazionali-riflettenti, consapevoli della natura della nostra umanità nel profondo desiderio di una convivenza etica.
Nel corso delle nostre conversazioni abbiamo deciso di creare un posto
dove faremmo ricerche nel campo dell'umanità, e noi
creò l'Istituto Matrizico nell'anno 2000 come luogo di lavoro
e fare ricerca nel campo dell'arte e della scienza del costitutivo
pensiero ontologico e azione. Ora l'Istituto Matrizico è il
posto dove faccio tutto il mio lavoro seguendo questo percorso.
Infine, vorrei ringraziare il Dr. Pille Bunnell per l'interesse
e apprezzamento che ha mostrato per il contenuto di questo piccolo libro
quando l'ho presentato a lei dopo i miei tentativi falliti di pubblicare
30

479/5000
un po 'di tempo negli anni 1994-1996. E desidero ringraziarla per
le interessanti conversazioni che abbiamo avuto sul libro, per lei
cura nel modificare questo lavoro, e per il suo suggerimento che potrei usare il
espressione amans nella denominazione del nostro lignaggio da sottolineare
quello che ho detto come ho sostenuto che l'amore era l'emozione fondamentale che
reso possibile il sorgere del linguaggio nella famiglia ancestrale.
Humberto Maturana Romesín
Instituto Matríztico
www.matriztica.org
Luglio 2008
 31
Riflessione generale
Questo libro presenta un'opera scientifica, non filosofica. Come un
lavoro scientifico implica speculazioni e spiegazioni, oltre a un
visione non ortodossa del meccanismo che ha guidato la storia
dei sistemi viventi. La nostra richiesta di base è quella della storia dei sistemi viventi
è uno in cui sia la vita che le variazioni del modo di vivere
sono stati conservati attraverso la riproduzione sistemica di entrambi
la condizione e il modo di vivere come lignaggi di diversi tipi di
sistemi viventi. Tutto ciò verrà spiegato nel corso del libro;
lo menzioniamo qui solo per invitare il lettore a leggere in un modo,
che è aperto per vedere cosa diciamo. Una volta che il lettore ha visto tutto il
considerazioni che fondano questa affermazione, lui o lei può essere ispirata da
le nostre riflessioni o li respingiamo, ma in entrambi i casi lo fanno basandosi sul suo
o la sua comprensione di ciò che diciamo.
In questo libro noi autori riflettiamo sulle conseguenze di cosa
pensiamo, spieghiamo e rivendichiamo sulla vita umana e facciamo etica
considerazioni su tali conseguenze. Gli scienziati dicono frequentemente
che non sono responsabili delle conseguenze dei loro risultati,
perché le conseguenze dipendono da come vengono utilizzate le loro scoperte. Noi
pensa, tuttavia, che noi scienziati siamo esseri umani ordinari che
hanno reso la scienza il loro modo di vivere professionale, e quindi cosa
succede con i loro risultati e le spiegazioni è anche una questione che
li riguarda. Per questo motivo facciamo riflessioni etiche ovunque
il libro, riflessioni che non fanno parte del nostro argomento, ma piuttosto
invita il lettore a tenere in considerazione le proprie riflessioni
sono riflessioni, non affermazioni scientifiche.
Infine, questo libro ha due parti principali. Il primo è il nostro esplicativo
proposizione di ciò che deve essere successo per l'umanità
sorto nella storia dei primati a cui apparteniamo. Questa parte contiene
i nostri argomenti, nessuno dei quali non rientra nel campo della biologia,
anche se alcuni di loro non sono ortodossi. La seconda parte è composta da
una serie di appendici che trattano argomenti diversi in profondità
e in modo più formale rispetto al testo del primo. Questa seconda parte è
concepito per essere letto interlacciato con il primo, ma può anche essere letto
indipendentemente.
32
1: Prologo
Noi esseri umani moderni viviamo spesso in conflitto l'uno con l'altro,
e soffrire per questo La guerra e la pace sembrano essere elementi polari di base di
relazioni umane, eppure non siamo felici in questo modo di vivere
negazione reciproca; non ci piace. Inoltre, nel non gradire questo modo
del vivere ci ammaliamo come individui, o pensiamo che l'umanità sia
malato ed è stato ammalato per molto tempo. In mezzo a questa infelicità
scopriamo, come abbiamo scoperto molte volte durante l'ultimo
cinque o seimila anni della nostra storia che abbiamo vissuto
nella cecità: sugli altri, sulla natura, sulla giustizia, circa
collaborazione. Come ci rendiamo conto che non ci piace questo inventiamo, e
hanno inventato in molte occasioni, sistemi religiosi e politici
in cui la pace e l'amore devono prevalere o le filosofie umanistiche
e teorie economiche che vogliono salvare gli esseri umani
sfruttamento e abuso reciproci.
Il più delle volte i nostri sforzi hanno fallito, la nostra umanizzazione
i paradigmi sono diventati disumanizzanti e religiosi
e sistemi politici che abbiamo inventato con l'intento di generare
il benessere umano divenne fonte di tirannia. Ma abbiamo sempre
provato di nuovo. Come si fa a riprovarci? Com'è
che falliamo e proviamo ancora? Com'è che noi esseri umani abbiamo
preoccupazioni etiche? Come è che noi esseri umani ci prendiamo cura di ciascuno
altro, anche se ora viviamo e abbiamo vissuto per gli ultimi cinque o
seimila anni della nostra storia in un modo in cui spesso
si negano a vicenda attraverso la competizione, la guerra, l'abuso e la mutua
manipolazione?
Il nostro scopo in questo saggio è di rispondere a queste domande. Eppure, in
Per fare ciò, vogliamo prima riformularli in termini più
simile alle nostre situazioni di vita quotidiana immediata, perché pensiamo che
devono essere risposte come caratteristiche della vita quotidiana, che è dove il
la conservazione o la perdita della vita avviene.
I medici dicono che un medico inizia ad agire nel momento in
che lui o lei accetta una richiesta di aiuto, e in effetti ciò accade. Se
una madre chiama il dottore in ansia perché suo figlio è malato e il
33
la madre dice: "Dottore, grazie per essere venuto; Io non so che cosa
è successo, ma mio figlio è migliorato da quando ho parlato con te. "
Come è successo? Che cosa è successo che il bambino è diventato migliore
quando il medico ha accettato la chiamata, e sarebbe diventato peggio
se il dottore non avesse? I medici dicono anche che la prima medicina è
il letto, e in effetti, quando l'ammalato viene messo a letto, lui o lei
inizia a migliorare. Che succede? Questo miglioramento è semplicemente il
risultato di una riduzione del metabolismo attraverso il riposo?
Sappiamo come parte della storia europea, che Rasputin, a
monaco errante legato alla corte dell'ultimo zar russo, aveva
una grande influenza curativa sul giovane emofilico Czarevitch.
La sua influenza è stata così grande, che in un'occasione, quando il ragazzo
stava sanguinando dopo essere caduto da un cavallo, il suo sanguinamento si fermò quando
Rasputin rispose alla richiesta di aiuto della zarina mandandola
un telegramma che dice: "Non preoccuparti, il bambino è fuori pericolo e
andrà meglio, vengo subito ". Come potrebbe questa cura avere
è accaduto?
Noi esseri umani moderni usiamo spesso la guerra nei nostri tentativi
risolvere i conflitti umani Com'è che quella guerra non risolve mai l'umano
conflitti; al massimo cambia solo il dominio in cui i conflitti
hanno luogo, in modo che alla fine vengano risolti attraverso il rispetto reciproco?
Secondo noi la soluzione nel rispetto reciproco, quando succede,
appartiene alla nostra preoccupazione etica come caratteristica della biologia dell'amore.
La Dichiarazione dei diritti umani del neo creato United
Le nazioni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale rappresentano una pietra miliare
preoccupazioni etiche nella storia umana moderna. Come è stato che abbiamo avuto
preoccupazioni etiche allora? Come è possibile che le preoccupazioni etiche rimangano un?
parte importante della vita umana moderna? Sono un prodotto del nostro
ragione o delle nostre emozioni?
Esperienza - ciò che distinguiamo come accadendo a noi -
non può essere negato. La vita quotidiana ci mostra che anche se viviamo
guerra e ferirci a vicenda, amiamo gli animali che diventano corporei
e psichicamente malato quando privato dell'amore, e quell'amore è sia il
prima medicina e fondamento per il recupero di somatico e
salute psichica. Siamo animali dipendenti dall'amore di tutte le età. Infatti,
34

la maggior parte se non tutta la sofferenza umana sorge nella negazione dell'amore e
è guarito attraverso la restaurazione dell'amore. Come può essere così? Che cosa
succede in noi attraverso l'amore?
Il nostro scopo in questo saggio è spiegare come è che siamo amore
animali dipendenti e come siamo venuti a vivere il nostro presente
cultura come se non fosse così. Intendiamo farlo presentando il nostro
vista dell'origine dell'umanità nella biologia dell'amore. Però,
per raggiungere questo scopo, iniziamo dicendo alcune parole
i fondamenti biologici ed epistemologici su cui il nostro
stand di proposizione. Lo facciamo parlando prima delle spiegazioni,
quindi sulla nostra storia biologica e, infine, sul linguaggio e
emozioni. Dopo di ciò, consideriamo la nostra origine biologica umana
la relazione madre / figlio e l'intimità sessuale, e finiamo con
alcune riflessioni sul nostro presente culturale e su ciò che possiamo
fare.
35
2: Fundaments
In questa sezione presentiamo il biologico e l'epistemologico
fondamenti su cui poggia la nostra proposta. Se il lettore così
desideri, lui o lei può andare direttamente all'inizio della nostra proposta
nel Capitolo 3, Human Origins, e tornare su questo più tardi come lui o lei
pensa è desiderabile.
spiegando
In termini generali, le spiegazioni sono risposte a domande che richiedono
una spiegazione come risposta e che sono accettate come tali da a
ascoltatore. In termini particolari, una spiegazione è la proposizione di a
meccanismo o processo generativo, tale che quello che l'osservatore
vuole spiegare sorge come risultato o conseguenza del suo funzionamento.
Ecco perché una spiegazione in qualsiasi dominio ha sempre la forma: "Se
questo e questo succede, quindi il risultato è tale e così ". Perciò,
in una spiegazione, l'osservatore si occupa di due non intersezioni
domini fenomenici; vale a dire, il dominio fenomenico in cui
il meccanismo generativo ha luogo e il fenomenale
dominio in cui si verifica il fenomeno spiegato. spiegazioni,
di conseguenza, non e non possono costituire riduzioni fenomenali;
cioè, come si spiega, non si riduce un dominio fenomenico
ad un altro. Quando spieghiamo, non esprimiamo il fenomeno
o esperienza da spiegare in modo più basilare o più fondamentale
termini, come si dice spesso; piuttosto proponiamo un generativo
meccanismo che dà origine al fenomeno o all'esperienza di essere
spiegato in un dominio diverso come conseguenza del suo funzionamento.
Parliamo nella vita quotidiana o parliamo da scienziati, esplicitamente o
implicitamente dicendo che spieghiamo i fenomeni e che questi
i fenomeni sono processi che avvengono indipendentemente dal nostro
azioni in un dominio esterno a noi come osservatori, anche se in qualche modo
partecipare a loro. Tuttavia, non spieghiamo i processi
si verificano all'esterno di noi e si svolgono indipendentemente dalle nostre azioni.
Operiamo sempre come osservatori, così che di fatto siamo noi
spiegare è la nostra esperienza, ciò che distinguiamo come osservatori
36
come direttamente o indirettamente accadendo a noi, o in noi. Quindi, da ora
su parleremo di esperienze, piuttosto che di fenomeni, e se
parliamo di fenomeni, intendiamo esperienze. Vediamo, noi
tocco, misuriamo, e così via, e nello stesso modo in cui usiamo
le coerenze e le regolarità del nostro vedere, il nostro toccante, e
le nostre misurazioni mentre formuliamo, descriviamo o presentiamo ciò che vogliamo
per spiegare, usiamo le regolarità e le coerenze del nostro vedere,
toccando e misurando per proporre il meccanismo generativo
questa sarà la nostra proposta esplicativa. Cioè, usiamo il nostro
coerenze esperienziali in un dominio per proporre una spiegazione
delle nostre coerenze esperienziali in un altro dominio. Facciamo sempre
una spiegazione proponendo un meccanismo generativo. Un generativo
meccanismo consiste in un processo, che se dovesse avvenire, il
il risultato sarebbe l'esperienza da spiegare. L'esperienza a
essere spiegato ha luogo in un diverso dominio esperienziale rispetto al
quello in cui si svolge il meccanismo generativo proposto. Così,
spieghiamo le nostre esperienze con le nostre esperienze e indipendentemente
di cui domini esperienziali non intersecanti la proposta
prendere il meccanismo generativo e l'esperienza da spiegare
luogo, spieghiamo sempre affidandosi completamente alle regolarità di
le nostre esperienze
Questo non è tutto, comunque. Per un meccanismo generativo che è
proposto come spiegazione - l'aspetto formale di ogni spiegazione -
per essere accettato come tale, deve anche soddisfare alcune condizioni che il
l'osservatore aggiunge a sua scelta o preferenza, come lui o lui
lei ascolta. Questa condizione è l'aspetto informale di ogni spiegazione,
e può essere qualsiasi cosa. L'aspetto informale di una spiegazione
può essere implicito o esplicito e l'ascoltatore può o non può essere
consapevole che lui o lei sta aggiungendo qualcosa, ma è sempre presente come
il meccanismo generativo è accettato come spiegazione.
La condizione informale è ciò che dà una spiegazione al suo carattere
e definisce il suo genere. Di conseguenza, ci sono tanti tipi diversi
di spiegazioni in quanto vi sono diversi tipi di condizioni informali
che può essere aggiunto dall'osservatore nel suo ascolto come lui o lei
accetta un particolare meccanismo generativo come spiegazione. Il
37
aspetto informale nelle spiegazioni che gli scienziati accettano è ciò che noi
hanno chiamato il criterio di validazione delle spiegazioni scientifiche (cfr
anche Maturana e Varela 1988, Maturana 1990 e Appendice
1). Pertanto, il meccanismo generativo proposto diventa un
spiegazione nell'atto di essere accettati come tali da un osservatore -
chi in pratica può essere la stessa persona che lo propone.
In queste circostanze, se uno vuole spiegare gli esseri umani
e la vita umana, quello che si deve fare è proporre un generativo
meccanismo che darà origine alla vita umana ea tutti gli aspetti
essere umano come risultato della sua operazione. Inoltre, se uno
vuole che un tale meccanismo generativo sia accettato o rifiutato come un
spiegazione nei suoi stessi termini, bisogna rendere esplicito l'informale
condizione che definisce il dominio in cui uno afferma di essere
valido. Di conseguenza, perché vogliamo parlare di esseri umani
come entità biologiche e vogliamo spiegare la loro origine in quanto tale,
dobbiamo proporre un meccanismo generativo biologico tale che
il modo umano di vivere e l'essere umano può risultare come
una conseguenza della sua operazione. Inoltre, perché vogliamo
proporre una spiegazione scientifica dell'essere umano, dobbiamo
farlo in un modo che soddisfi il criterio di convalida di scientifico
spiegazioni (vedi Appendice 1). Inoltre, in questo saggio il nostro particolare
compito è proporre un meccanismo non solo per la generazione del
discendenza umana, ma anche per il verificarsi delle caratteristiche del nostro
moderna vita culturale umana. E vogliamo farlo in un modo che
rivela fino a che punto il nostro peculiare modo attuale di vivere nel
i conflitti ricorrenti di amore e aggressività, pace e guerra, sono entrambi a
aspetto fondamentale della nostra vita biologica o un risultato della storia culturale
che ci ha dato origine.
Lineaging
La storia degli esseri viventi sulla terra è la storia dell'origine,
stabilimento, diversificazione attraverso ramificazione ed estinzione
di lignaggi, in condizioni in cui un lignaggio è definito e
costituito dalla conservazione riproduttiva di un ontogenico
fenotipo, o modo di vivere, attraverso una successione di generazioni.
38
Il fenotipo ontogenico è la particolare configurazione di dinamica
relazioni tra organismo e mezzo che un organismo vive
dal suo inizio alla sua morte. Cioè, il fenotipo ontogenico
è il modo in cui un organismo accade di vivere la sua vita come a
configurazione di cambiamenti strutturali dinamici e relazioni che comportano
cosa succede nell'organismo, nel medium e nelle loro relazioni,
piuttosto che una successione di eventi particolari. Inoltre, è perché
quando parliamo della conservazione di un fenotipo ontogenico nel
costituzione di un lignaggio ci riferiamo alla conservazione riproduttiva
di una configurazione di processi e non di un caso particolare, quello
chiamiamo il fenotipo ontogenico conservato in un lignaggio anche il
modo di vivere che definisce il lignaggio.
Di conseguenza, ciò che si identifica quando si identifica una specie
o un particolare tipo di sistema vivente o organismo, è un modo di
vivere che è conservato generazione dopo generazione attraverso il
riproduzione degli organismi che realizzano quel modo di vivere
nelle circostanze particolari in cui vivono. Perciò,
quando un nuovo particolare modo di vivere comincia a essere conservato
generazione dopo generazione attraverso la riproduzione dei vivi
gli esseri che lo realizzano, sorge un nuovo lignaggio e le circostanze
in cui è conservato (vedi anche Maturana e Mpodozis, 2000). In
termini generali, si può dire che ogni volta che una particolare configurazione
delle relazioni inizia ad essere conservato tra una raccolta di elementi,
sia nelle dinamiche interne di un sistema, sia nelle interazioni
tra i sistemi, tutto il resto diventa aperto al cambiamento. Questo è un
condizione sistemica che appartiene a qualsiasi parte del cosmo
come là il determinismo strutturale. È la condizione dinamica di base
o fondamento che rende possibile la conservazione e il cambiamento
dei modi di vivere in entrambi gli individui e nell'evoluzione
storia dei sistemi viventi.
Anche se molti biologi potrebbero non essere d'accordo con ciò che pensiamo,
noi affermiamo che la riproduzione e la conservazione riproduttiva di
un modo di vivere nella costituzione di un lignaggio, è sistemico
processo che coinvolge le relazioni dinamiche tra gli organismi e
il mezzo, e non un processo determinato da un sistema molecolare
39
di ereditarietà come di solito si pensa parlando di genetica
determinazione con il DNA come molecole di ereditarietà (cfr
Appendice 3).
A che cosa si riferisce la costituzione genetica di un organismo
la maggior parte della sua struttura iniziale, e attraverso quella struttura iniziale, il
diversità dei possibili fenotipi ontogenici che il
l'organismo può vivere nelle sue interazioni nel mezzo. Il genetico
la costituzione non determina quale particolare ontogenico
Il fenotipo di un organismo vivrà, o in effetti vive, in qualsiasi momento.
Il particolare fenotipo ontogenico infatti è vissuto da un organismo
mentre interagisce in un mezzo sorge sistematicamente momento dopo momento
attraverso i cambiamenti strutturali che l'organismo e il mezzo
innescarsi l'un l'altro nelle loro interazioni ricorrenti. E questo succede
come un processo in cui l'organismo e il mezzo spontaneamente
cambiare insieme in modo congruo seguendo un percorso di cambiamenti strutturali
in cui l'organismo e il mezzo rimangono in una dinamica
relazione strutturale di congruenza operativa o co-adattamento.
Questo processo di cambiamenti congruenti dell'organismo e del mezzo
continua come una dinamica spontanea finché l'organismo
conserva la sua organizzazione come un sistema vivente così come la sua relazione di
congruenza operativa (adattamento) con il mezzo attraverso il suo
interazioni ricorrenti. Quando sia l'organizzazione vivente o il
l'adattamento dell'organismo al mezzo (co-adattamento) è perso,
l'ontogenesi dell'organismo arriva alla sua fine mentre muore.
Un particolare fenotipo ontogenico è conservato come un lignaggio
attraverso la riproduzione solo fino a quando la realizzazione del modo di
la vita che dà origine a quel fenotipo contribuisce a creare il
condizioni in cui può essere ripetuto nella prossima generazione.
Un lignaggio sorge solo se la realizzazione di un modo di vivere di un
l'organismo produce nella sua progenie e contribuisce direttamente
o indirettamente, per portare nel mezzo la condizione sotto
quale può essere ripetuto quel particolare modo di vivere. Quindi il
la costituzione di un lignaggio è un processo o un fenomeno sistemico
coinvolge sia l'organismo che il medium, e non un fenomeno di
determinazione genetica o molecolare.
40
Il processo di realizzazione sistemica di un modo di vivere o
il fenotipo ontogenico è chiamato nell'epigenesi della biologia e noi chiamiamo il
dinamica relazionale della sua realizzazione, deriva strutturale ontogenica. A
allo stesso tempo, chiamiamo la conservazione riproduttiva sistemica di a
modo di vivere e / o delle sue variazioni, deriva strutturale filogenica,
e rivendichiamo ciò che noi biologi connotiamo di cui parliamo
l'evoluzione è o si verifica in un processo di deriva strutturale filogenica. Per
una vista più dettagliata, vedi Appendice 3.
A causa del carattere sistemico dell'epigenesi di un organismo,
due diverse costituzioni genetiche che consentono l'epigenetico
realizzazione dello stesso modo di vivere in due organismi della stessa
specie o genere sono indistinguibili dal punto di vista di tale
realizzazione. E questo è così, naturalmente, anche se il reale interiore
di conseguenza, le strutture dinamiche dei due organismi sono diverse
delle loro diverse costituzioni genetiche e dell'epigenesi indipendente.
Allo stesso tempo, qualsiasi caratteristica della realizzazione dell'ontogenesi
di un organismo che sorge nella sua vita come un'abitudine che conserva a
particolare relazione media dell'organismo, e che è conservata in
la progenie di quell'organismo anche come un'abitudine imparata simile che
conserva le condizioni relazionali per la sua conservazione simile in
la prossima generazione, farà parte di un modo di vivere d'ora in poi
conservato, e sarà una caratteristica del fenotipo ontogenico che
definisce un nuovo lignaggio, o una variazione di un vecchio lignaggio, attorno al quale
tutto il resto diventa aperto al cambiamento.
Infine, e in termini generali, sosteniamo che il sistemico
conservazione riproduttiva di un modo di vivere e il conseguente
la costituzione di un lignaggio conduce inevitabilmente alla conservazione
di variazioni genetiche nel lignaggio la cui partecipazione al
l'epigenesi dell'organismo non interferisce con la conservazione
del modo di vivere che lo definisce. Inoltre, nel corso di
le generazioni del lignaggio e attraverso la loro interazione epigenica
con il resto della costituzione genetica dei membri del
lineage, quelle variazioni genetiche possono diventare co-optate in
realizzazione e conservazione del modo di vivere che definisce
il lignaggio. Inoltre, la partecipazione di quelli genetici
41
le variazioni rimarranno invisibili attraverso la conservazione sistemica
del modo di vivere che definisce un lignaggio fino al loro epigenico
interagire con altre variazioni genetiche o con le circostanze di
il mezzo in cui avviene l'epigenesi, si traduce in un cambiamento
nel modo di vivere realizzato da alcuni membri del lignaggio.
Se ciò accade, e questo nuovo modo di vivere inizia davvero
essere riprodotto sistematicamente, e quindi conservato dopo generazione
generazione, nasce un nuovo lignaggio che cooptate quelle variazioni genetiche
per la sua conservazione sistemica. Le conseguenze di base di tutto ciò
sono rilevanti per il nostro scopo, possono essere riassunti come segue:
1. Molte diverse costituzioni genetiche possono partecipare al
realizzazione epigenetica dello stesso fenotipo ontogenico perché
questo è sistematicamente realizzato nell'epigenesi di ogni individuo,
così come sistematicamente conservato quando si definisce un lignaggio, ed è
non geneticamente determinato. Di conseguenza, due cose saranno sempre
sta succedendo: (a) tutte le variazioni genetiche la cui partecipazione in
l'epigenesi non interferisce con la conservazione del
il modo di vivere che definisce un lignaggio sarà conservato in esso
come inclusioni irrilevanti, o saranno perse o saranno cooptate
nella sua realizzazione; e (b) come nasce un nuovo lignaggio, il genetico
la costituzione degli organismi che la formano cambierà in seguito
un percorso di deriva genetica limitato dalla conservazione sistemica di
il fenotipo ontogenico che definisce il lignaggio.
2. Come un modo particolare di vivere è conservato dopo generazione
generazione in un lignaggio, tutte le caratteristiche della realizzazione del
vivere dei membri del lignaggio che non sono aspetti del
il modo di vivere sistemicamente conservato diventa aperto al cambiamento
come variazioni irrilevanti del lignaggio.
3. Quando una particolare variazione nel fenotipo ontogenico che
definisce un lignaggio che inizia a essere una generazione sistematicamente conservata
dopo la generazione, sorge una nuova discendenza. Questo è qualcosa che
succede indipendentemente dal fatto che la variazione si verifichi di conseguenza
42
di cambiamenti genetici o non genetici nelle strutture del
riproducendo organismi, o come risultato di alcuni cambiamenti nel
regolarità dinamiche del mezzo, o come risultato di entrambi,
perché la costituzione di un lignaggio è un fenomeno sistemico,
non genetico.
4. La conservazione sistemica del fenotipo ontogenico che
definisce un lignaggio imposta le condizioni al contorno del sistema per il
conservazione delle variazioni genetiche nei membri di quello
lineage attraverso la loro sopravvivenza differenziale nella realizzazione di
quel fenotipo ontogenico. Il risultato di questa sopravvivenza differenziale
è l'estinzione di alcuni lignaggi o la creazione di nuovi
quelli indicati al punto 3. Di conseguenza, la conservazione
del modo di vivere che definisce un lignaggio guida il corso
della deriva genetica che ha luogo nella storia di un lignaggio.
Chiamiamo il processo sistemico attraverso il quale sono i vecchi lignaggi
i lignaggi conservati e nuovi sorgono deriva filogenetica o filogenetica
deriva strutturale. Per ulteriori informazioni sul nostro modo di pensare sistemico
riproduzione e la questione della determinazione genetica, vedi
Appendice 3.
In queste circostanze, se vogliamo spiegare il nostro umano
origine, dobbiamo proporre come meccanismo generativo il sistemico
conservazione di un modo di vivere. In altre parole, dobbiamo proporre
il modo di vivere di base che pensiamo ha dato origine
variazione conservata successiva al sistema di lignaggi di bipedi
primati di cui ora siamo un ramo vivente.
Domini dell'Esistenza
Cerchiamo ora di applicare ciò che abbiamo detto finora (anche se in una certa misura noi
ripeti) alla spiegazione della nostra origine come esseri umani. Siamo umani
gli esseri come sistemi viventi sono sistemi molecolari e molecolari
sistemi siamo sistemi strutturati. In una struttura
sistema determinato un osservatore distingue la sua organizzazione
come la configurazione delle relazioni che definiscono la sua identità di classe,
43
e la sua struttura come le relazioni e le componenti che realizzano
come un caso particolare della sua classe (vedi Appendice 2). Un costitutivo
la caratteristica dei sistemi determinati dalla struttura è quella degli agenti esterni
non specificare cosa succede in loro. Gli agenti esterni potrebbero attivarsi
cambiamenti strutturali in tali sistemi, ma la natura dei cambiamenti
sono determinati dalla struttura del sistema nel momento in cui
incontrano gli agenti esterni. Dal momento che noi umani siamo strutturati
determinati sistemi aderiamo a questa caratteristica costitutiva: vale a dire
gli agenti esterni che ci colpiscono possono solo innescarsi in noi
cambiamenti strutturali determinati in noi.
Il determinismo strutturale non è un'ipotesi ontologica, né
è una nozione esplicativa a priori; è un'astrazione dal
regolarità delle nostre esperienze mentre operiamo come il tipo di vita
sistemi che siamo come esseri umani e che facciamo come osservatori
mentre usiamo le nostre esperienze per spiegare le nostre esperienze. Come tale,
il determinismo strutturale è la base operativa per tutto ciò
facciamo in qualsiasi ambito esperienziale mentre usiamo le coerenze del nostro
esperienze per spiegare le nostre esperienze in esso. Inoltre, strutturale
determinismo come fondamento della nostra operazione come sistemi viventi,
è in generale una condizione costitutiva della realizzazione di
il sistema vivente di sistemi viventi. In queste circostanze, come noi
fare qualsiasi cosa facciamo nella realizzazione del nostro vivere come struttura
sistemi determinati, determinismo strutturale è sia la condizione di
possibilità e il fondamento per la nostra spiegazione e comprensione
dei sistemi viventi in generale, nonché per la spiegazione e il
comprensione di noi stessi come esseri umani, in particolare (cfr
Appendice 2).
Come risultato della sua condizione come sistema determinato dalla struttura, a
il sistema vivente esiste nelle dinamiche strutturali della sua corporeità come
questo si realizza in un flusso di continui cambiamenti strutturali. Come tale,
un sistema vivente è costituito come un'unità o totalità che esiste in a
dinamica chiusa dei cambiamenti strutturali nella conservazione della vita,
a cui ci riferiamo come chiusura operativa. La realizzazione dei vivi
sistema nella sua dinamica chiusa della struttura, come sistema molecolare
aperta al flusso di materia ed energia attraverso di loro, genera a
44
le sue dinamiche strutturali indipendenti, e alla struttura
cambiamenti innescati in esso dalle sue interazioni con i sistemi viventi
che contiene.
Un sistema vivente, quindi, esiste come un sistema in due non intersezioni
domini operativi. Uno è il dominio del suo
struttura, cioè il dominio di funzionamento degli elementi che
sono le sue componenti mentre lo compongono, costituendolo come una totalità.
L'altro è il dominio in cui interagisce nel suo insieme, o la totalità,
attraverso l'operazione delle sue proprietà come una totalità come queste sorgono
nelle sue interazioni come una totalità nel mezzo. Il dominio dove
un sistema vivente esiste e opera come una totalità, tuttavia, sorge con
la sua costituzione come sistema vivente, come l'osservatore distingue il
sistema vivente nel suo insieme interagendo con esso in quanto opera come a
totalità nel dominio in cui esiste in quanto tale. In queste circostanze,
come l'osservatore distingue (vede, sente, tocca, odora) vivere
sistemi come sistema vivente (una totalità), lui o lei lo distingue
dotato di determinate proprietà che si presentano con il sistema vivente come
lui o lei lo distingue come tale. Ma, come spiega l'osservatore
proprietà del sistema vivente come sorgono nella sua distinzione
di esso, diventa evidente a lui o lei che quelle proprietà sono
realizzato attraverso l'operazione delle proprietà degli elementi che
comporlo come entità determinata dalla struttura. Quindi, ad esempio, come
noi esseri umani interagiamo in una conversazione che interagiamo come totalità
con parole, segni e simboli nel dominio relazionale del linguaggio,
tuttavia, mentre osserviamo il processo delle nostre interazioni nel linguaggio, vediamo
che come entità composte interagiamo attraverso l'operazione di
proprietà delle cellule e delle molecole che ci compongono.
In sintesi:
1. Il dominio operativo in cui esiste un sistema vivente come
un intero è diverso dal dominio operativo in cui è
esiste come entità composita e questi due domini operativi
non si intersecano.
45
2. Il dominio operativo in cui esiste un sistema vivente a
interi risultati dal funzionamento degli elementi che realizzano
è un'entità composta, ma non è determinata da loro. Questo
il dominio operativo sorge quando il sistema vivente funziona come
una totalità. Tale dominio è il mezzo e un sistema vivente
esiste finché la sua organizzazione e adattamento sono conservati
attraverso il flusso delle sue interazioni nel mezzo.
3. Come un sistema vivente interagisce come una totalità, subisce una struttura
cambiamenti attivati ​​attraverso l'operazione degli elementi
che lo compongono. Quindi, anche se i due domini in cui vivono
esiste un sistema, il dominio della sua composizione e il dominio
in cui opera come una totalità, non si intersecano, si modulano
l'un l'altro attraverso il cambiamento strutturale che sistema vivente e
medio subiscono attraverso le loro interazioni ricorsive (vedi anche
Appendice 2).
È nel dominio in cui esiste un sistema vivente come una totalità che il
l'osservatore lo distingue nel comportamento come lo vede in dinamico
relazioni con il mezzo. Il comportamento, tuttavia, non è qualcosa del genere
il sistema vivente lo fa; il comportamento è ciò che accade nelle interazioni
del sistema vivente con il mezzo. In effetti, il comportamento accade
come una configurazione dinamica delle interrelazioni tra sistema vivente
e mezzo che avviene attraverso i cambiamenti di struttura di
il sistema vivente e i cambiamenti di struttura del medium in
il flusso delle loro interazioni ricorrenti. Il comportamento coinvolge entrambi
sistema vivente e il mezzo. O, ha detto più precisamente, il comportamento
è un flusso dinamico interazionale e relazionale che un osservatore
distingue come accade tra il sistema vivente e il mezzo,
e ciò avviene attraverso la realizzazione del vivere dei vivi
sistema. Cioè, il comportamento si svolge nell'incontro dei vivi
sistema e il mezzo, ed è un flusso dinamico di cambiamenti relazionali
che sorge coinvolgendo sia il sistema vivente che il mezzo, e
non come qualcosa che il sistema vivente fa da solo (Figura 2.1).
46
Come ogni cambiamento strutturale nell'organismo segue un corso
modulato solo un istante dopo l'altro dalla sua sequenza
interazioni nel mezzo, quindi anche ogni cambiamento strutturale nel
il medium segue un percorso contingente al flusso delle sue interazioni
con gli organismi che contiene, senza specificarli. Il
risultato è che le interazioni ricorrenti tra sistema vivente e
il medium costituisce una dinamica ricorsiva in cui ogni incontro
tra il sistema vivente e i trigger medi in ognuno di essi
un cambiamento strutturale che si verifica in cima alla precedente struttura
cambiare in un modo in cui non possono essere altro che congruenti
insieme.
Fig. 2.1. Nella deriva strutturale ontogenica l'organismo (a) e
il mezzo (b) esiste nelle interazioni ricorsive a partire da
tempo per e continua nel tempo tn. Ciò si traduce in a
storia di cambiamenti strutturali congruenti in entrambi, come indicato
dalla corrispondenza tra le forme che cambiano in questa figura. Questo
storia dei corsi di cambiamento nella conservazione di entrambi
organizzazione e adattamento nel sistema vivente fino ad esso
muore a tn + 1.
La struttura dinamica degli organismi e la dinamica
struttura del mezzo in cui questi sono ricorrenti
interazioni, cambiano insieme in modo congruente come spontaneo
conseguenza di quelle interazioni ricorsive, ed è strutturale
congruenza tra sistema vivente e mezzo che si pone in questo
modo che chiamiamo accoppiamento strutturale. Inoltre, tale congruenza
47
sorge spontaneamente nelle interazioni ricorrenti tra un vivente
sistema e il mezzo che lo contiene come un semplice risultato del
interazione delle loro dinamiche strutturali altrimenti indipendenti, e
dura finché il sistema vivente conserva la sua organizzazione e
non si disintegra. Tutto ciò che abbiamo detto o implicito sopra. Ma
quello che vogliamo aggiungere qui è che, come risultato della dinamica di
accoppiamento strutturale, ogni volta che c'è una collezione di sistemi viventi
che formano una rete di interazioni ricorsive dirette e indirette in
la realizzazione della loro vita, una biosfera si pone come una rete chiusa
di accoppiamenti reciproci strutturali multidimensionali che include
tutti i sistemi viventi e tutte le caratteristiche non viventi del
medium che vi partecipa. Inoltre, vogliamo anche aggiungere
che quando si forma una biosfera, i sistemi viventi che lo compongono
cambiare insieme in un modo tale che ogni volta che un osservatore guarda
loro, lui o lei li trova generando un comportamento sempre adeguato
alle circostanze dinamiche in cui sono come un risultato semplice
della loro storia di accoppiamento strutturale. Le dimensioni coinvolte in
l'accoppiamento strutturale può essere qualsiasi, ma possono solo essere visti o rivelati
attraverso il funzionamento dei sistemi viventi nei loro domini di
interazioni. Di conseguenza, l'osservatore li scopre attraverso il
funzionamento del sistema vivente e li descrive in termini di
conseguenze nel suo dominio esperienziale di interferire con
loro nelle sue interazioni con esso (vedi Appendice 2 per ulteriori informazioni
dettagli).
L'interazione tra i cambiamenti strutturali dell'organismo e il
Il mezzo che abbiamo appena descritto sopra si trova in correlazione
i due domini fenomenici in cui esiste un sistema vivente
attraverso relazioni generative dinamiche, e non attraverso il locale
determinazioni che ci si aspetta quando si affrontano le interazioni
tra elementi dello stesso dominio. Come un sistema vivente interagisce come
un intero attraverso il funzionamento delle proprietà dei suoi componenti,
la sua struttura segue un corso di cambiamenti strutturali congruente con
i cambiamenti strutturali del mezzo. Inoltre, è il corso
di interazioni che conserva la vita del sistema vivente, e
determina il corso seguito dai cambiamenti strutturali congruenti
48
Fig. 2.2 Noi esseri umani esistiamo come entità biologiche nella nostra bodyhood (a) e nella realizzazione della nostra umanità nel nostro spazio relazionale (b). Il nostro essere umano totale (c) si inserisce nell'interazione ricorsiva tra questi due domini.


del sistema vivente e del mezzo. Pertanto, anche se i due
i domini operativi in ​​cui esiste un sistema vivente non si intersecano,
e nessuno dei due può essere dedotto o ridotto all'altro
il dominio operativo dipende dinamicamente dall'altra, così come sono
strutturalmente correlati attraverso la dinamica dell'accoppiamento strutturale di
l'organismo e il mezzo.
Cosa succede a noi esseri umani in queste circostanze?
Come e dove esistiamo? Esistiamo anche in due domini o
di più, e come? Come entità biologiche, o meglio, come i tipi di
entità zoologiche che siamo, siamo nel nostro corpo Homo
sapiens sapiens, e noi esistiamo nelle nostre dinamiche strutturali in quanto tali
(Figura 2.2a). Come il tipo di animali che siamo, vale a dire, secondo
al modo in cui viviamo la nostra umanità, esistiamo e operiamo come
esseri umani in uno spazio relazionale (Figura 2.2b). Siamo umani
Esseri come una totalità (Figura 2.2c) come viviamo la nostra paternità di
Homo sapiens sapiens nella realizzazione della nostra umanità
49
Inoltre, ognuno di noi esiste come parte del supporto per ciascuno
altro. Quindi in ogni relazione tra due esseri umani segue il
stessa dinamica dei cambiamenti sistemici ricorsivi in ​​cui entrambi gli esseri
cambiare congruentemente insieme, a patto che interferiscano con ciascuno di essi
altro in modo ricorsivo (Figura 2.3).
In questo modo il nostro Homo sapiens sapiens
la struttura dinamica cambia lungo un corso che è modulato dal nostro
vivere insieme come umani. Bodyhoods umani (Figure 2.3 a eb)
e il modo di vivere umano (Figura 2.3 c) cambia congruentemente
l'uno con l'altro come mera conseguenza dell'essere struttura
determinati sistemi nell'interazione ricorsiva l'uno con l'altro, mentre
cambiando contemporaneamente congruentemente con il resto del nostro mezzo.
Quindi, come esseri umani, non siamo né la nostra corporeità, né la nostra
comportamento, piuttosto siamo una continua dinamica sistemica che prende
posto nell'interazione tra corporeità e comportamento, ed esistiamo
come esseri linguaggianti in uno spazio relazionale che sorge in quella dinamica.
In effetti, tutti i sistemi esistono in questo modo, ciascuno secondo le proprie modalità
di relazionarsi come una totalità in uno spazio relazionale che nasce attraverso il suo
interazioni ricorsive continue nel mezzo mentre conserva
la sua organizzazione e adattamento attraverso il flusso della sua struttura
i cambiamenti. In queste circostanze, gli esseri umani, come è il caso
con tutti i sistemi viventi, con i sistemi in generale, con la biosfera,
e con il cosmo stesso, esistono nella loro realizzazione continua come
struttura determinata sistemi in un permanente, cambiando presente.
Inoltre, gli esseri umani (come nel caso di tutti i compositi
entità) esistono attraverso le loro molte dimensioni di interazioni come
partecipanti dei cambiamenti strutturali congruenti interconnessi che
interconnettere tutti gli elementi che costituiscono il presente che cambia
che il cosmo è una rete di accoppiamenti strutturali dinamici.
È questa condizione di costituzione degli esseri viventi in generale, e
degli esseri umani in particolare come un presente che cambia permanentemente,
ciò rende l'esistenza umana un processo storico. Allo stesso
tempo, questa condizione rende il presente di ogni essere umano
ogni momento un aspetto del presente nella storia strutturale
cambiamenti della biosfera che sorge con la sua partecipazione.
In queste circostanze, noi esseri umani viviamo ora un regalo
50
Fig. 2.3 Due esseri umani esistono come entità biologiche in
la loro corporeità (aeb) e nella realizzazione della loro
umanità nello spazio relazionale tra di loro (c) mentre
realizzando anche la loro umanità attraverso la comodulazione ricorsiva
con il resto del loro mezzo (d ed e).
ciò sta accadendo in un'espansione della presenza umana che è
trasformando la biosfera terrestre in un'omosfera o un'umiliazione
ecosistema.
linguaggiare
La lingua è un modo di vivere in interazioni ricorrenti in un flusso di coordinamenti di coordinamenti di comportamenti consensuali. Consensuale non si riferisce al consenso, ma è quella coordinazione del comportamento che si svolge in un flusso di trasformazioni coerenti in assenza di stipula, come nel caso di un accordo. Coordinamento del comportamento succede senza linguaggio in tutta la biosfera. È la ricorsione sul coordinamento, cioè il coordinamento dei coordinamenti, che costituisce la lingua. Quando parliamo di "languaging" come verbo, ci riferiamo al flusso ricorsivo del coordinamento consensuale di comportamenti.
Inoltre, noi esseri umani esistiamo nell'intreccio di linguaggio ed emozioni. Cioè, i nostri cambiamenti emotivi nel corso del nostro conversare e dei nostri cambiamenti linguistici nel corso
51
delle nostre emozioni (vedi Maturana, 1988). Chiamiamo questo intreccio conversazione languida ed emozionante. Se assistiamo a ciò che facciamo nella vita quotidiana come facciamo qualsiasi cosa fare con altri esseri umani, possiamo notare che ci muoviamo nella nostra interazioni ricorsive con loro in coordinamenti di coordinamenti di comportamenti. E possiamo vedere che riconosciamo come linguisticamente ciò che accade nel flusso dei nostri coordinamenti ricorsivi di comportamento. Inoltre, se guardiamo più profondamente nelle circostanze in cui un bambino diventa un essere linguaggiante, possiamo anche notare che i coordinamenti di coordinamenti di comportamenti in cui noi partecipare mentre fluttuiamo nel linguaggio, sorgiamo nella nostra convivenza
una maniera generata nelle particolarità del nostro vivere insieme, e
che come tali sono consensuali. La linguistica avviene in consensualità.
La consensualità avviene come una coordinazione spontanea del comportamento
ciò non richiede che il linguaggio si verifichi. Quindi è totalmente diverso
dall'accordo, che è un coordinamento stabilito del comportamento che
sorge solo attraverso linguaggi. Mentre riflettiamo su quale accordo
è, possiamo anche notare che operazioni come dichiarazioni,
dichiarazioni, espressioni, promesse o richieste, nonché orientamenti
come scopi, intenzioni o desideri, sono anche tutti secondari
operazioni in linguaging. Possiamo distinguerli come tali come noi
riflettere su ciò che facciamo una volta che stiamo già vivendo nella lingua, e
quindi non sono elementi costitutivi primari del linguaggio.
Se continuiamo in questa riflessione, potremmo anche notarlo
le particolari configurazioni di suoni, gesti o segni che
noi chiamiamo parole sono nodi operativi nella rete di consensuale
coordinamenti di coordinamenti di comportamenti in cui viviamo
esseri languiganti. E potremmo anche notare che il significato di
una parola come una particolare configurazione di suoni, gesti o segni
si svolge nel flusso di coordinamenti di comportamenti in cui esso
partecipa come elemento nel flusso di coordinamenti consensuali
di coordinamenti di comportamenti che sono linguaggi. Che questo è davvero
il caso è mostrato in qualsiasi dizionario, dove si può vedere che ognuno di
i diversi significati attribuiti a una particolare parola corrispondono a
un modo diverso in cui quella parola orienta o guida il flusso
52
dei coordinamenti di comportamenti ed emozioni che si svolgono in a
conversazione.
I coordinamenti consensuali di coordinamenti consensuali di
il comportamento, che costituisce il linguaggio, è una dinamica ricorsiva
nel dominio del coordinamento dei comportamenti consensuali. Quando un
il processo ciclico diventa accoppiato a uno lineare, il fenomeno
della ricorsione ha luogo e ogni volta che inizia una dinamica ricorsiva,
sorge un dominio fenomenico completamente nuovo. Camminare è un
esempio. Camminare sorge quando un movimento ciclico di un certo corpo
le appendici diventano accoppiate con lo spostamento lineare del
medio. Una volta che questo accoppiamento ebbe luogo e apparve una camminata
la storia dei sistemi viventi, un modo di vivere completamente nuovo
è apparso che si è espanso in un evolutivo aperto
processo di diversificazione nei movimenti di spostamento.
Lo stesso è successo nella storia che ci ha dato origine quando
i coordinamenti consensuali ciclici del comportamento si sono accoppiati
con il flusso lineare delle conseguenze del fare le cose insieme
in coordinamenti consensuali di comportamenti. Quando quello ricorsivo
la dinamica è avvenuta come un modo di vivere nei nostri antenati, i nuovi
modo di vivere che è nato come il flusso del loro vivere consensuale
coordinamenti di comportamento, era linguistico. Come un dominio di vita
in ricorsive coordinazioni consensuali di comportamento, linguaggi
costituisce un campo in espansione di possibilità illimitate per
la generazione ricorsiva di nuovi modi di vivere insieme.
Inoltre, quando nacque il linguaggio linguistico, si sviluppò intrecciato con una vita
in coordinamenti consensuali di emozioni in ciò che abbiamo chiamato
conversazioni. Di conseguenza, quando linguaggiare divenne un modo di
vivere conservato generazione dopo generazione nell'apprendimento del
bambini, è diventato così un modo di vivere insieme in una rete
di conversazioni.
Quello che deve essere successo è che occasionali episodi di linguaggiare
come occasioni circostanziali di coordinamento di coordinamenti di
il comportamento nella vita quotidiana dei nostri antenati cominciò a essere conservato
spontaneamente, generazione dopo generazione, come caratteristica naturale di
il loro modo di vivere nell'apprendimento dei bambini. All'inizio,
53
il nuovo modo di vivere nel linguaggio non avrebbe costituito
per i partecipanti qualcosa di straordinario, come deve essere stato
solo un cambiamento nel modo di fare insieme quello che erano
fare insieme comunque. Inoltre, i molti nuovi domini di
coordinamenti consensuali di comportamenti che potrebbero presentarsi come semplici
risultato della conservazione della convivenza in piccoli gruppi di
intimità piacevole in coordinamenti consensuali di consensuale
coordinamenti di comportamento, erano inizialmente solo una possibilità storica.
Dalla prospettiva dei mondi che ora generiamo nel nostro
vivendo nella lingua, potremmo vedere linguaggi come un grande vantaggio per
fare le cose insieme, ma vivere nella lingua dei nostri antenati
non sorgeva perché era necessario o vantaggioso in alcuno
modo. Sosteniamo che quello che deve essere successo è che come episodi
di languaging cominciò a essere sistematicamente conservato dopo generazione
generazione nell'apprendimento dei bambini, è sorto un nuovo lignaggio,
e tutto cominciò a cambiare nella storia di quel nuovo lignaggio
intorno alla conservazione del linguaggio come modo di vivere quello
definito. Non succede nulla e non è successo niente, nel
storia dei sistemi viventi perché era necessario, ma come alcuni nuovi
il modo di vivere comincia a essere sistematicamente conservato, tutto
altrimenti (compreso il sistema genetico) diventa aperto per cambiare round
ciò che è conservato. Noi esseri umani moderni siamo il presente di a
deriva filogenetica, non un raggiungimento.
Consideriamo ora un esempio di un caso minimale di linguaggiare
nella nostra vita quotidiana. Quando prendiamo un cane per vivere con noi e lo diamo
è un nome, possiamo affermare che il cane conosce il suo nome quando si orienta
a noi come lo chiamiamo per nome, ma solo come diciamo "vieni" o fai un po '
gesto particolare, viene a noi. Se dovesse venire direttamente
sentendo il suo nome, questo potrebbe essere semplicemente un coordinamento adeguato
di comportamento, non il coordinamento del coordinamento del comportamento
comportato nel conoscere il proprio nome. Quando un cane impara il suo nome, cosa
è successo è che un coordinamento del coordinamento del comportamento ha
si stabiliscono attraverso il nostro vivere con il cane in ricorrenti
interazioni, semplicemente nel piacere di vivere insieme. Nella vita
del cane questo esempio di linguaggio è un semplice episodio, mentre in noi
54
la lingua degli esseri umani è una caratteristica della nostra vita umana. Siamo umani
gli esseri viventi languiscono e il linguaggio è il nostro modo di vivere.
Ciò che è significativo per la costituzione di una nuova discendenza attraverso
uno spostamento in qualche aspetto del modo di vivere dei membri di
uno già esistente, non è un episodio particolare di quel nuovo
caratteristica nella vita di alcuni membri di questo lignaggio. È il
riapparizione, generazione dopo generazione, della nuova funzionalità come
una caratteristica del modo di vivere conservato attraverso il suo
riproduzione sistemica che costituisce il nuovo lignaggio. Nel nostro caso,
quello che deve aver fatto di noi umani non era il fatto episodico
di situazioni linguistiche simili a quelle descritte sopra con le nostre
cane, ma la conservazione sistemica del vivere insieme in recidiva
e conversazioni ricorsive attraverso l'apprendimento dei bambini
dei nostri antenati Se ciò è accaduto, e noi affermiamo che deve avere
successo, uno spazio è stato aperto per tutto il resto per cambiare intorno
la conservazione della vita nelle conversazioni come modo di vivere
che d'ora in poi ha definito il sistema di lignaggi di cui siamo a
caso presente. Pertanto, dicendo che stiamo linguizzando gli esseri, o
dicendo che ciò che ci definisce o ci rende esseri umani è la nostra vita
nel linguaggio, significa che vivere il linguaggio è il modo di vivere
che è sistematicamente conservato, generazione dopo generazione, attraverso
l'apprendimento dei nostri figli nella nostra discendenza.
Da tutto ciò che abbiamo detto dovrebbe essere evidente che linguaggiare
non è un'attività astratta, è un dominio di azioni. Potremmo
anche dire che linguaggiare è un flusso di convivenza in consensuale
coordinamenti di coordinamenti consensuali di azioni. Per colpa di
questa nostra vita ha la forma del nostro linguaggiare e il teorico
le riflessioni che viviamo sono operative a livello operativo
dominio in cui si applicano mentre operiamo nelle nostre azioni
loro nei domini delle azioni che connotano. In questi
circostanze, per spiegare l'origine dell'umanità, noi
dobbiamo proporre lo scenario relazionale storico in cui noi
credo che il linguaggio linguistico potrebbe essere sorto e potrebbe aver iniziato a essere
sistematicamente conservati generazione dopo generazione nei nostri antenati.
55
Oggetti
La nostra esperienza quotidiana è che distinguiamo le entità come se esistessero indipendentemente dalla nostra distinzione Tuttavia, come struttura determinati sistemi, tutto ciò che distinguiamo sorge nella nostra struttura dinamica determinata dalle nostre dinamiche strutturali, e non secondo un'entità esterna che un osservatore può vedere interferire su di noi La nostra sensazione di esistere in un dominio di esterno indipendente
le entità non sono negate, ma la spiegazione di questa sensazione non è quella
abbiamo davvero la capacità di distinguere le entità esterne. Un simile
caso si verifica con la nostra esperienza quotidiana di vedere che il sole sorge dentro
l'est all'alba e si sposta su di noi nel cielo per stabilirsi a ovest.
Questa sensazione non è spiegata attraverso l'affermazione che in effetti il ​​sole
fa questo; piuttosto accettiamo la spiegazione che la terra sta ruotando
da ovest a est mentre guardiamo il sole. La spiegazione
basato sulla rotazione della terra non nega la nostra sensazione che noi
rimanere immobili mentre il sole si muove. Allo stesso modo, la sensazione che gli oggetti
sono esterni a noi anche se non possiamo affermare di distinguerci
in quanto tali non è negato dalla spiegazione in cui gli oggetti sorgono
linguaggiare, piuttosto che avere un'esistenza indipendente.
Gli oggetti nascono nella lingua come coordinazioni di coordinamenti di
azioni che costituiscono un campo di coordinamenti condivisi di azioni
che chiamiamo un dominio di interobiettività e che è sentito da quelli
chi lo vive come dominio di entità condivise. A quelli che vivono in a
dominio dell'interoperettività le entità condivise si sentono completamente esterne
entità perché attraverso i loro coordinamenti ricorsivi di azioni, il
le persone appaiono attraverso l'essere vissute allo stesso modo da tutti quelli
che vivono la coordinazione ricorsiva delle azioni. In altre parole,
l'esperienza degli "oggetti" è il modo in cui percepiamo i nostri coordinamenti
coordinamenti di azioni mentre operiamo in un ambito di interobiettività.
È a questa sensazione che noi osservatori ci riferiamo quando parliamo di
oggetti.
Inoltre, è per questo che di solito ci riferiamo al linguaggio
(in una riflessione sul linguaggio della lingua) come dominio di
descrizioni di oggetti, o di comunicazioni su oggetti, come
se questi fossero entità indipendenti. Come esseri umani noi esistiamo
56
nella lingua Dire che esistiamo nella lingua significa che lo facciamo
non esiste nella nostra corporeità, né nel nostro comportamento, ma in un flusso di
coordinamenti ricorsivi di comportamenti consensuali che modulano il
corso del flusso delle nostre dinamiche corporee mentre le nostre dinamiche corporee
modula il corso del flusso del nostro comportamento nel continuo
generazione di domini mutevoli di interobiettività. È attraverso
esistendo come esseri linguaggianti che sorgono osservatori e osservatori
come un modo di essere nel flusso di interobiettività in cui il nostro
i coordinamenti ricorsivi delle azioni risultano nei coordinamenti di
coordinamenti dei nostri coordinamenti di azioni. Ciò significa che il
dominio dell'esistenza in linguaging è un dominio di oggetti condivisi in
interobjectivity.
È sotto la premessa che gli oggetti sono entità con un
esistenza indipendente, che appare la nozione di auto-distinzione
come un problema nella moderna filosofia del linguaggio. Sotto questo
premessa la nozione stessa di un sé richiede che il sé sia ​​un'entità
indipendente e esterno all'osservatore che lo distingue,
e chi è in grado di distinguerlo precisamente perché è indipendente
ed esterno. Ma il sé nell'auto-distinzione non è un'entità
indipendente dall'osservatore che fa la distinzione e non può
sii perché ciò che è indicato nell'auto-distinzione è che è il
il sé che si distingue chi fa la distinzione. Questa difficoltà
si risolve non appena diventa evidente all'osservatore che il
il dominio dell'esistenza in linguaging è un dominio di entità condivise
che appare come un dominio di oggetti indipendenti, ma che in effetti
si presenta come uno spazio di inter-oggettività come dominio di consensuale condiviso
coordinamenti di azioni in un flusso di convivenza in coordinamenti di
coordinamenti di comportamenti consensuali.
Come uno di noi (Verden-Zöller, in Maturana e Verden-Zöller,
1993) ha mostrato, il mondo che vive un bambino, e che più tardi
vivere da adulti, è un mondo in cui lui o lei si pone in auto-operazionale
conoscenza nelle sue relazioni di gioco con la madre e
padre. La conoscenza operativa iniziale del suo corpo, che
nasce attraverso il movimento e il mutuo contatto nel suonare e
carezza, si espande come auto-descrizione, auto-distinzione,
57
e autocoscienza quando il bambino inizia a vivere nella lingua.
Mentre la madre gioca con il bambino, iniziano a comparire linguaggi
nel corso delle loro interazioni nel flusso dei coordinamenti
di coordinamenti di azioni che la madre genera e guida.
Come succede, le cose, le parti del corpo del bambino e il bambino
sorgono tutti come oggetti attraverso coordinazioni consensuali ricorsive di
comportamento. In altre parole, il sé sorge allo stesso modo di qualsiasi altro
oggetto nel dominio dell'interoperettività.
Ad esempio, un frutto si pone come un coordinamento condiviso delle azioni come
un'entità condivisa, come un oggetto, nel flusso del consensuale ricorsivo
coordinamenti di comportamento nella relazione madre / figlio nel
gioco di gestione, passaggio e denominazione. È nel flusso attuale di
coordinamenti consensuali ricorsivi di azioni che il frutto presenta
come oggetto attraverso un'operazione nel dominio particolare di
interobiettività che il bambino vive con sua madre. Il naso
del bambino si pone allo stesso modo di un coordinamento condiviso delle azioni, quello
è come un oggetto, attraverso il gioco di toccare e nominare. Ma il
distinzione da parte del bambino del proprio naso, sebbene ciò avvenga
nello stesso modo della distinzione di qualsiasi oggetto, è un atto di
auto-distinzione in cui sorge il sé (in questo caso un elemento di esso)
nel dominio delle entità condivise come se fosse un oggetto indipendente
di, oltre che esterno all'osservatore che fa la distinzione.
Pertanto, il sé si pone come tale nello stesso modo in cui qualsiasi altro
l'oggetto sorge nel dominio dell'interoperettività. Tuttavia, poiché il sé lo fa
non sorgere come entità manipolabile esterna nello stesso operativo
dominio che un frutto sorge come tale, che sorge anche con l'autodistinzione
è un dominio relazionale completamente nuovo nella creazione di
un nuovo dominio di inter-oggettività, vale a dire il dominio della riflessività
distinzioni e, attraverso di essa, il dominio dell'autocoscienza.
emozionare
Ci muoviamo nella vita quotidiana da un'emozione o da un umore all'altro; noi
cambia le emozioni e gli stati d'animo mentre la nostra vita scorre. Se ci occupiamo di
ciò che connotiamo o distinguiamo nella vita quotidiana quando distinguiamo
stati d'animo o emozioni, potremmo notare che ci riferiamo sempre a ciò che il
58

persona, o l'animale non umano che stiamo considerando, potrebbe fare,
e parliamo in termini di tipi di azioni che può generare
senza indicare alcun particolare. In altre parole, affermiamo
ecco ciò che distinguiamo come osservatori quando distinguiamo un
l'emozione o l'umore sono un dominio dei comportamenti relazionali, e non a
fare in particolare. Affermiamo anche che quando distinguiamo un'emozione
o un umore in qualsiasi animale umano o non umano, ci connota da
implicazione delle dinamiche anatomiche e fisiologiche complete che
determina il dominio dei comportamenti relazionali in cui l'umano
o movimenti di animali non umani in quel momento.
In un certo senso, un cambiamento di emozione o di umore è un cambio di cervello
e il corpo. Attraverso diverse emozioni umane e non umane
gli animali diventano esseri diversi, esseri che vedono diversamente, ascoltano
diversamente, muoviti e agisci in modo diverso. In particolare, noi esseri umani
diventare diversi esseri razionali, e pensiamo, ragioniamo e riflettiamo
diversamente da come cambiano le nostre emozioni. Ci muoviamo nella deriva del nostro vivere seguendo un percorso guidato dalle nostre emozioni. Mentre interagiamo le nostre emozioni possono cambiare; mentre parliamo le nostre emozioni possono cambiare; come noi riflettiamo che le nostre emozioni possono cambiare; mentre agiamo le nostre emozioni si possono modificare; poiché pensiamo che le nostre emozioni possano cambiare; come noi emozioni ... le nostre emozioni possono cambiare. Inoltre, come le nostre emozioni costituiscono il fondamento di tutte le nostre azioni, guidano la nostra vita. Infatti, come il nostro le emozioni cambiano, diventiamo esseri diversi nelle nostre emozioni e nel nostro ragionamento, e viviamo il flusso delle nostre emozioni più del tempo senza essere consapevoli dei nostri cambiamenti. Affermiamo che è l'emozione o l'umore, cioè il dominio di comportamento relazionale in cui avviene una determinata azione, che dà che fa il suo personaggio come un'azione particolare. Inoltre, anche noi affermare qui che le diverse emozioni o stati d'animo che viviamo possono essere completamente caratterizzato in termini di tipi di comportamenti relazionali che comportano come domini di azioni. Ad esempio, l'emozione dell'amore come dominio delle azioni, è il dominio di quei comportamenti relazionali attraverso il quale un altro si pone come legittimo altro nella convivenza con se stessi. Allo stesso modo, l'emozione dell'aggressività come dominio di azioni, è il dominio di quei comportamenti relazionali attraverso i quali
59
un altro è negato come legittimo altro nella convivenza con se stessi. Le emozioni si realizzano in se stesse, cioè nell'effettiva operazione del sistema vivente nel dominio relazionale che li costituisce.
Quindi, l'amore si realizza nell'amore, l'aggressività si realizza nell'aggressione. Agire in modo che l'altro si presenti come legittimo verso l'altro (noi stessi) non significa accettazione cieca, significa solo che l'altro non ha bisogno di dire o fare nulla per giustificare la sua esistenza. Quando questo è il caso, è possibile una relazione senza pregiudizi, ed entrambi hanno simpatia e non simpatia piena responsabilità. Mi piace o non piace un altro, secondo a ciò che si vede senza la distorsione di un pregiudizio e la recitazione in responsabilità per il proprio gradimento o non gradimento, sono atti innamorati.
Contrariamente a ciò, negando un altro in base a ciò che si immagina o suppone o vuole che l'altro sia, agisce in aggressione.
Le emozioni creano le dinamiche relazionali sistemiche che conservano loro, e un cambiamento di emozione comporta un cambiamento fondamentale nel sistema dinamica relazionale dei partecipanti. Diverse emozioni comportano diversi comportamenti relazionali. Vediamo due esempi: il potere relazioni e relazioni d'amore. È evidente da ciò che abbiamo detto, che l'emozione dell'amore si realizza nel comportamento relazionale del solo amante, poiché la persona amata sorge come legittima altra attraverso il comportamento dell'amante senza essere necessariamente un partecipante attivo in un amorevole o in qualsiasi altra relazione con l'amante. Per questo amore è intrinsecamente unidirezionale e libera - cioè l'amore lascia l’altro essere anche nell'atto di separazione.
Potenza, d'altra parte, è bidirezionale in quanto si svolge in una relazione di dominio e sottomissione che comporta l'auto negazione di entrambi i partecipanti. L'unico che domina nega se stesso come un essere autonomo comportandosi come se la sua superiorità fosse intrinseca a lui o lei, e quello che si sottomette si annulla nell'atto di sottomissione.
Le relazioni di potere creano il risentimento. Amore, poiché opera in selfrespect e l'auto-accettazione, porta con sé il benessere.
Le emozioni come domini dei comportamenti relazionali costituiscono il spazio relazionale in cui esistono e sono conservati. Quindi, le relazioni di potere esiste nella negazione dell'altro (chi potrebbe essere se stesso), e quelli a cui piace essere in loro devono vivere nel continuo
60
creazione e ricreazione dei rapporti di dominio sugli altri. Il il risultato è che le relazioni di potere scivolano continuamente nella tirannia, e la tirannia conserva i rapporti di dominio e sottomissione.
Le relazioni d'amore generano libertà e invitano la collaborazione, anche quando a causa della loro unidirezionalità sono soli. Di conseguenza l'amore genera le condizioni per l'amore attraverso il benessere che esso genera, e quando l'amore è ricambiato la compagnia può risultare.
L'amore è visionario, non cieco, e attraverso la visione che comporta porta avanti lo spazio relazionale dell'amore.
L'emozione in cui ci troviamo in ogni istante crea il condizioni relazionali che conservano quell'emozione penetrando tutte le nostre azioni in quell'istante. Tuttavia, l'emozione noi sono in potrebbe cambiare quando alcune circostanze inter-corrente, che può essere una riflessione, innesca uno spostamento nel flusso della nostra relazione dinamica (vedi Appendice 10, per ulteriori riflessioni sull'amore).
Nella vita quotidiana le parole emozione e umore connotano la nostra distinzione di diverse durate nella nostra operazione nelle diverse relazioni domini in cui possiamo vivere. Quindi, la parola "umore" connota
una durata molto più lunga della parola "emozione". Emozioni e
gli stati d'animo costituiscono in ogni istante lo sfondo relazionale
che la vita di un animale ha luogo mentre vive. Inoltre, lo è
la configurazione dinamica di cambiare emozioni e stati d'animo,
che caratterizza il modo di vivere sistematicamente conservato in
un lignaggio, che determina il modo di relazionarsi dei membri di
il lignaggio lungo le loro vite.
L'emozione reale che i membri di un lignaggio vivono come
gli individui lungo le loro vite è ciò che specifica il corso evolutivo
che un lignaggio può seguire mentre l'emozione determina il corso
della vita di un organismo, e come e dove i suoi discendenti
può venire a vivere Pertanto, al fine di comprendere e spiegare
l'origine della umanità, è necessario generare una visione del
sfondo di emozioni nei nostri antenati pre-umani. Essere
adeguato questo punto di vista dovrebbe includere le variazioni nel modo in cui questi
gli antenati vivevano le loro vite individuali, come ogni modo occasionale di
rapporti che sono stati sistematicamente conservati lungo le generazioni,
61
anche reso possibile e ha dato origine al modo di vivere quello
definisce il lignaggio a cui appartengono gli esseri umani moderni.
conversazioni
Noi affermiamo che l'umanità è iniziata quando in una determinata famiglia, o
in un piccolo gruppo di famiglie dei nostri antenati, la lingua ha cominciato a
essere conservato sistemicamente come un modo di vivere generazione dopo
generazione nell'apprendimento dei bambini. E noi affermiamo che come
ciò accadde e il linguaggio divenne la caratteristica centrale del
modo di vivere conservato generazione dopo generazione
che tutto il resto potrebbe cambiare nella storia di quello o di quelli
famiglie, nasce la nostra stirpe. Inoltre, pensiamo che linguaggiare
deve aver cominciato a essere conservato come un modo di vivere immerso
nella configurazione dell'emozione del vivere insieme che ha prodotto
possibile e costituiva la vicinanza e la permanenza della convivenza
in cui è stato possibile vivere in coordinamenti consensuali di
i coordinamenti consensuali dei comportamenti potrebbero avvenire così come essere
conservato di generazione in generazione.
Inoltre, pensiamo che debba essere sorta la vita nel linguaggio
spontaneamente intrecciato con l'emozione della famiglia in cui
è iniziato come una semplice conseguenza della chiusa intimità del
vivere insieme delle piccole famiglie ancestrali della nostra stirpe. Il
modo di emozionare che gli animali come noi (primati in particolare,
e mammiferi in generale) vivono fondamentalmente la loro vita
consensuale, quindi l'intrecciarsi di languaging ed emozioni
che è iniziato con il nostro lignaggio deve sorgere consensualmente, e
stati rispettivamente conservati o aperti a cambiare secondo il
l'emozione delle famiglie che hanno iniziato a vivere nella lingua.
Come abbiamo già detto, chiamiamo questo intreccio consensuale di
conversazione languente ed emozionante, e pensiamo che cosa
cominciò, quando l'umanità iniziò nella conservazione transgenerazionale
della treccia di linguaggiare ed emozionare, era un vivere dentro
conversazioni come il modo di vivere che ha definito il nostro lignaggio. Come un
conseguenza, tutto ciò che noi esseri umani facciamo come esseri umani, prende
inserire in reti di conversazione. L'esistenza umana ha luogo a
62
il flusso di conversazioni nell'intreccio del consensuale ricorsivo
coordinamenti di azioni e domini di comportamenti relazionali, e
che ciò che avviene attraverso noi al di fuori delle conversazioni, non lo è
azione umana.
Il mito biblico della Torre di Babele è forse un buon caso
di conoscenza comune che rivela pienamente ciò che intendiamo. Questo mito
Dice che gli esseri umani volevano costruire una torre che avrebbe raggiunto
Il cielo, e quel Dio, vedendo quello che stavano facendo, e non piacendo
ha interferito con la costruzione confondendo le loro lingue.
Dopo questo atto divino, la torre non poteva essere completata.
Pensiamo che la costruzione della Torre di Babele sia un essere umano
l'attività era una rete di conversazioni e ciò che Dio faceva
era di confondere le conversazioni. Cioè, non solo ha confuso
le lingue ma anche le emozioni, in modo che non potessero essere d'accordo
intorno al desiderio di costruire la torre, o su come dovrebbe essere fatto.
Se il desiderio di costruire la torre fosse stato conservato, gli umani
avrebbe inventato una conversazione che avrebbe fatto costruire
la torre possibile.
Il risultato storico di base della nostra vita nelle conversazioni è stato
un'espansione ricorsiva delle nostre capacità di generare e partecipare
in qualsiasi tipo di conversazione. Anzi, affermiamo che l'evoluzionario
la storia della nostra discendenza umana è stata una storia di conservazione
e cambiare le reti di conversazioni in un modo che ha
ha portato alla costituzione di molte culture diverse. Diverso
le culture sono state e sono ora vissute come reti chiuse differenti
di conversazioni che sono diverse configurazioni di ricorsiva
coordinamenti consensuali di azioni ed emozioni.
Di conseguenza, se vogliamo spiegare la nostra origine come esseri umani,
così come la nostra attuale esistenza culturale abbiamo due compiti. Primo
dobbiamo proporre ciò che pensiamo fosse la natura della storia
di trasformazione evolutiva nei nostri antenati
il sorgere degli esseri umani come animali che languiscono, e il secondo
dobbiamo proporre una storia che possa dare origine alla rete
di conversazioni che costituisce il modo particolare di
esistenza emotiva contraddittoria che noi umani viviamo nel
63
presente. La nostra proposizione esplicativa dovrebbe spiegare tutto il
effettive caratteristiche operative ed emotive della nostra esistenza culturale,
così come la nostra capacità di generare e partecipare a un open-ended
varietà di conversazioni.
Deriva naturale
I sistemi viventi esistono come entità viventi individuali nella conservazione della loro organizzazione come sistemi autopoietici (Varela, Maturana e Uribe, 1974, Maturana e Varela 1980), e formano lignaggi che sorgono nella conservazione sistemica della riproduzione di diversi modi di vivere attraverso cui sono realizzati come diversi tipi di organismi. Di conseguenza, la storia dei sistemi viventi terrestri è una storia ininterrotta della costituzione, ramificazione, conservazione, e l'estinzione di lignaggi di diversi modi di vivere. In questo storia, una nuova discendenza sorge quando alcune variazioni particolari nel modo di vivere dei membri di un lignaggio già esistente comincia a essere conservato da una generazione all'altra attraverso riproduzione sistemica. Questo accade insieme alla conservazione delle condizioni del Medium (Ambiente) che rendono possibile la realizzazione della nicchia corrispondente al nuovo modo di vivere che si sta vivendo conservato. Un lignaggio termina quando le condizioni per la conservazione sistemico riproduttiva della realizzazione del modo di vivere che definisce il lignaggio giunge alla fine. Un lignaggio è stabilito solo quando entrambi i nuovi organismi e nelle loro rispettive nicchie sorgono le dinamiche relazionali che conservano simultaneamente il modo di vivere che definisce il lignaggio e le condizioni del medium che rendono possibile una tale conservazione. Quindi, la storia della vita i sistemi è necessariamente una storia in cui organismo e mezzo cambiano insieme congruentemente.
L'organismo / relazione media la cui conservazione da una generazione dopo l'altra definisce e costituisce un lignaggio, lo è il rapporto ontogenico fenotipo / ontogenico di nicchia (Maturana e Mpodozis, 2000). In queste circostanze, un lignaggio dura solo il tempo necessario come il rapporto ontogenico fenotipo / ontogenico di nicchia che lo definisce è conservato attraverso la riproduzione sistemica. Cioè, la storia di
64
sistemi viventi è la storia della conservazione riproduttiva del
co-adattamento dei sistemi viventi e del mezzo attraverso il
conservazione riproduttiva dell'organismo / relazioni medium che
conservare la vita e conservare le variazioni nel modo di
realizzazione del vivere sotto forma di diversi lignaggi.
Le relazioni dinamiche tra organismo e medium, in
quale un particolare modo di vivere (o fenotipo ontogenetico /
relazione di nicchia ontogenetica) è conservata attraverso la riproduzione,
si chiama riproduzione sistemica. Questo è sempre un processo sistemico.
Quindi l'effettiva realizzazione del modo di vivere che definisce a
il lignaggio partecipa a costituire le condizioni sistemiche per il suo
continua realizzazione e conservazione riproduttiva nel lignaggio.
Questo accade attraverso l'interazione dei cambiamenti strutturali di
i sistemi viventi e i cambiamenti strutturali del mezzo in
che questi sistemi viventi realizzano le loro nicchie. Dato questo, un lignaggio
dura fino a quando i cambiamenti si verificano nel mezzo o nei membri del
lignaggio che rendono la conservazione riproduttiva sistemica del
modo di vivere che definiva impossibile il lignaggio. Quando questo
succede, o il lignaggio si ferma, cioè si estingue, o uno spostamento
è prodotto nel modo di vivere conservato d'ora in poi. Quindi
un lignaggio è il risultato spontaneo del sistema riproduttivo sistemico
conservazione di un fenotipo ontogenico / relazione di nicchia ontogenica
in una storia riproduttiva di sistemi viventi in cui i sistemi viventi
e il medio cambia insieme in modo congruente. Questo processo di sistemica
conservazione riproduttiva e cambiamento dei modi di vivere con
la costituzione e l'estinzione di diversi lignaggi, è filogenetica
deriva (Maturana e Mpodozis, 2000).
Una conseguenza della costituzione di un lignaggio attraverso il
conservazione riproduttiva sistemica di un modo di vivere (il
fenotipo ontogenico), è la produzione di tendenze evolutive
in cui entrambi gli organismi e il loro mezzo cambiano insieme
in congruenza intorno alla conservazione di alcuni particolari
configurazione dell'organismo / mezzo. È questa relazione che definisce
un lignaggio o un sistema di lignaggi in mutamento diverso. Quindi, per
Ad esempio, la paleontologia mostra che la storia evolutiva dei cavalli
65
ha avuto luogo in animali che camminavano sulla punta dei piedi come una tendenza
di progressiva perdita delle dita dei piedi attorno alla conservazione e all'allungamento
di un dito del piede in ogni gamba, tutti associati alla conservazione del
abitudine a correre veloce.
Un'altra conseguenza della conservazione sistemica della riproduzione
di un modo di vivere è l'estesa moltiplicazione, diversificazione,
e l'estinzione dei lignaggi che avviene attraverso la facilità con cui
un cambiamento nel modo di vivere può essere conservato o perso da
una generazione alla successiva. Il risultato complessivo di questo processo di
deriva filogenetica è la sopravvivenza differenziale dei lignaggi nel processo
di evoluzione.
Darwin propose la nozione di selezione naturale come meccanismo
questo spiegherebbe questa sopravvivenza differenziale. Ha visto la concorrenza
come la forza trainante che ha guidato le successive generazioni di organismi
per adattarsi meglio al loro medium come il più adatto
gli organismi hanno lasciato più progenie per continuare il lignaggio. In questa vista,
la sopravvivenza differenziale di diversi tipi di organismi e lignaggi
sono visti emergere come il risultato dell'operazione di forze selettive
agendo attraverso vantaggi selettivi. Il sorgere della miriade
diverse forme di adattamento, cioè delle diverse forme di
congruenza operativa che esiste tra organismi e mezzo
è visto sorgere attraverso l'esistenza di varie diverse selettive
forze che portano a diversi vantaggi selettivi. L'evoluzionario
la storia dei sistemi viventi in questa prospettiva è una lotta competitiva.
Tuttavia, come abbiamo descritto, in ogni momento filogenetico
deriva deriva da un percorso definito dalla continua conservazione di
organizzazione e adattamento come condizione individuale, non come
un risultato di una relazione comparativa o competitiva. Inoltre, il
la sopravvivenza differenziale di diversi lignaggi si presenta spontanea
conseguenza della conservazione o della mancanza di conservazione,
di vivere il processo della vita reale degli organismi,
attraverso la conservazione o la perdita del loro accoppiamento strutturale con
il mezzo - non come conseguenza dell'applicazione nulla
come una forza selettiva. Di conseguenza quello che viene solitamente chiamato
la selezione naturale nella biologia evolutiva è davvero la conseguenza
66
di sopravvivenza differenziale, ma non è il meccanismo generativo per
la storica trasformazione coerente di organismi e medium
nel corso della storia dei sistemi viventi. In altre parole,
noi (Maturana e Mpodozis, 2000) affermiamo che il generativo
il meccanismo dell'evoluzione biologica è quello che abbiamo chiamato ontogenico
e deriva naturale filogenetica. Il processo evolutivo biologico
e la costituzione di una biosfera inizia spontaneamente non appena
sorgono sistemi viventi e si verifica la riproduzione sistemica.
Una delle conseguenze dell'uso della nozione di selettivo
vantaggi per spiegare le diverse forme dei sistemi viventi e dei loro
la congruenza operativa con le loro condizioni di esistenza è quella
bisogna cercare forze selettive e vantaggi comparati in
un dominio di concorrenza per mostrare come possono essere venuti.
Un'altra conseguenza è che si rimane legati all'implicito o
visione esplicita che considera l'adattamento come una variabile nel senso che a
l'organismo può essere più o meno adattato alle circostanze in cui
vive. Questa visione presuppone che le circostanze dell'esistenza di un
l'organismo è preesistente e indipendente dall'organismo
vive queste circostanze. Sulla base di questo modo di pensare che cerchiamo
i vantaggi selettivi che hanno reso possibile il sorgere del linguaggio
come adattamento fondamentale nella storia evolutiva che ha dato
origine all'umanità. In questa vista il linguaggio è generalmente proposto
come un nuovo adattamento che è stato necessario per dare un altrimenti male
specie adattate la possibilità di sopravvivenza.
Non cercheremo vantaggi selettivi per spiegare il nostro essere umano
origine. La nostra spiegazione terrà conto di quanto segue:
1. gli umani sono sistemi strutturati; e
2. Gli umani, come tutti gli esseri viventi, esistono in un continuo cambiamento
presente in circostanze che sorgono con il nostro vivere nella forma
della nicchia che abitiamo; e
3. l'adattamento non è una variabile ma una relazione costante costitutiva
di congruenza strutturale dinamica tra il sistema vivente
67
e il mezzo che deve essere conservato per il sistema vivente
vivere; e
4. l'evoluzione ha luogo come una deriva strutturale nella conservazione di
organizzazione e adattamento.
Quindi, per spiegare le origini umane, esamineremo la struttura
e la trasformazione comportamentale intorno alla conservazione di alcuni
modo di vivere basilare che avrebbe reso possibile la nostra origine
nel lignaggio dei primati a cui apparteniamo. Nel fare questo lo faremo
guarda prima il modo di vivere che, attraverso la conservazione,
costituiva la tendenza che apriva la strada alla nostra origine. Allora noi
deve cercare le condizioni che hanno dato origine alla conservazione di
quelle variazioni in quella tendenza che alla fine ha portato a noi come il
tipo di animali languiganti che noi esseri umani siamo attualmente.
68
3: Human Origins
Veniamo ora direttamente alla nostra preoccupazione principale: noi esseri umani.
La nostra domanda di base, come abbiamo indicato all'inizio, è: "Come
è che possiamo vivere in mutua cura, avere preoccupazioni etiche, e
allo stesso tempo, negare tutto ciò attraverso la giustificazione razionale
dell'aggressività? "Risponderemo indirettamente a questa domanda di base
fornendo uno sguardo ai fondamenti della nostra costituzione biologica.
Lo faremo rispondendo ad altre due domande per guidare
le nostre riflessioni mentre ci informiamo sulla nostra origine evolutiva. Queste
due domande sono: "Com'è nata l'umanità?" e "Come abbiamo fatto noi
diventare il tipo di animali che siamo come esseri umani? "Eppure, lascia
noi ricordiamo che guarderemo principalmente all'emozione, al
preferenze di vita che guidano il flusso della conservazione sistemica
attraverso la riproduzione sistemica del modo di vivere conservato.
Beginnings
Lo studio e il confronto di genetica umana e scimpanzé
la costituzione mostra due fatti fondamentali. Uno è quello umano
e i lignaggi degli scimpanzé devono essere separati da a
origine comune qualche tempo tra cinque e sei milioni di anni fa.
L'altro è il confronto tra il nucleo umano e quello degli scimpanzé
gli acidi mostrano che questi differiscono di meno del 2%. Ma, se quanto sopra
è il caso, com'è che gli scimpanzé e gli umani sono così diversi
tipi di animali? Eppure possiamo facilmente vedere che somigliamo agli scimpanzé
in molti aspetti. Possiamo imparare come siamo umani?
esseri studiando gli scimpanzé perché la nostra costituzione genetica
assomiglia a loro? Oppure possiamo studiare gli scimpanzé studiando
umani a causa di questa somiglianza? Prima di andare avanti con questi
domande, chiediamo: "In che modo noi umani e scimpanzé differiamo
nei nostri modi di vivere? "
Nei primi anni '80 Frans de Waal pubblicò un libro che chiamò
Chimpanzee Politics, il risultato di uno studio attento e prolungato
di una comunità di scimpanzé di circa venticinque individui,
neonati, giovani e adulti, maschi e femmine - tenuti in un
69
enorme terreno in uno zoo di Arnheim, in Olanda. Quello che Frans de
Waal mostra nel suo libro, è che i rapporti interindividuali tra
gli adulti in quella comunità di scimpanzé erano per lo più centrati in a
dinamiche continue e ricorrenti di dominio e sottomissione.
Inoltre, mostra anche che gli scimpanzé, se nel
grande area occupata da questa particolare colonia prigioniera o allo stato selvatico,
strumentalizzare le loro relazioni manipolando l'un l'altro nel
continua lotta per il dominio e la sottomissione in cui essi
vivere. Senza dubbio le relazioni madre / figlio dello scimpanzé sono relazioni
di cura, e i bambini degli scimpanzé sono giocherelloni nelle loro relazioni
(e diventa ancora di più quando si associano con gli umani se questi trattano
amorevolmente), eppure lo studio di Frans de Waal mostra che la base o
l'umore guida di una comunità di scimpanzé è quello di un continuo
dinamica della competizione nei rapporti di dominio e sottomissione
tra gli adulti che si diffondono attraverso tutte le età quando è aperto
il conflitto sorge
Nella scelta del titolo Chimpanzee Politics, Frans de Waal confronta
il comportamento degli scimpanzé con il comportamento umano nel nostro
Cultura occidentale. Che lo faccia è reso evidente quando cita
Aristotele dice che "l'uomo è un animale politico", che equipara la politica
con la lotta per il dominio e la sottomissione in una comunità
vita, come se questo fosse il naturale modo umano di coesistenza, e come
se questo modo di convivere fosse vita sociale. Per Aristotele, la politica
viveva in città con cura per gli affari della comunità
dei cittadini, ma ora la parola "politica" significa principalmente lotta
per il potere e il controllo degli affari della comunità cittadina. Ma
è con quest'ultima connotazione di cui parla Frans de Waal
"Politica degli scimpanzé" quando si confronta la comunità degli scimpanzé
la vita con la vita sociale umana. Pensiamo diversamente da Frans de
Waal rispetto alla vita sociale umana. Pensiamo che anche se
noi esseri umani moderni viviamo molto immersi nelle dinamiche di
dominazione e sottomissione, cioè nella lotta politica, non lo siamo
animali politici. In effetti, affermiamo che gli esseri umani appartengono a un
storia evolutiva in cui la vita quotidiana era incentrata sulla cooperazione
e non su dominio e sottomissione. In altre parole, affermiamo
70
che noi esseri umani non siamo animali politici perché apparteniamo
a una storia evolutiva in cui l'emozione o l'umore di base erano
amore e non competizione e aggressività. Questa è una rivendicazione biologica,
non filosofico.
Non tutte le relazioni animali sono dello stesso tipo perché prendono
posto nelle dinamiche relazionali di diverse emozioni, e il
l'emozione definisce il carattere delle relazioni. Quindi, lo pensiamo
nel dominio umano, ciò che distinguiamo come lavoro e politico
le relazioni sono relazioni di tipo diverso dalle relazioni sociali
perché si svolgono in emozioni diverse dall'emozione
in cui si svolgono le relazioni sociali. Che questo sia così è evidente in
la nostra vita quotidiana, nel senso che ci aspettiamo che gli altri e noi stessi agiamo o
comportarsi diversamente nelle relazioni lavorative, politiche o sociali. Quindi, per
esempio, nei rapporti di lavoro siamo nell'emozione dell'obbligo, in
relazioni politiche siamo nell'emozione della sfiducia e del desiderio
per la manipolazione, mentre nelle relazioni sociali siamo nell'emozione
di fiducia e rispetto reciproco - cioè, nell'amore. Di conseguenza, affermiamo
che l'umore o l'emozione che costituisce i rapporti sociali è amore
(Maturana e Verden-Zöller, 1993), e quell'amore è il dominio
di quei comportamenti relazionali attraverso i quali un altro nasce come a
altro legittimo in coesistenza con se stessi.
La cooperazione ha luogo nelle relazioni sociali e non nelle relazioni
di dominio e sottomissione. Le relazioni sociali implicano la fiducia come
così come l'assenza di manipolazione o strumentalizzazione nel
relazioni interpersonali. In effetti, le relazioni sociali si interrompono quando
appare la manipolazione. Se uno indaga tra i membri di
una comunità umana sulle loro opinioni riguardo alla politica,
si trova un discreto numero di persone che esprimono la loro antipatia per
politica perché la vedono come un dominio di manipolazione e
strumentalizzazione delle relazioni umane. Nella sua origine greca, politica
aveva a che fare con una preoccupazione per gli affari della comunità. No
dubbio questo è ancora un elemento, ma il tentativo di assicurare una democrazia,
o qualche altra organizzazione di cose desiderata, ha più volte portato a
rapporti autorevoli in cui sempre più strumentalizzazione
e la manipolazione delle relazioni umane è accettata. Detto questo, Frans
71
de Waal non ebbe difficoltà a scegliere di chiamare un libro che trattasse
i rapporti di dominio e sottomissione tra gli scimpanzé in Italia
la loro vita comunitaria, Chimpanzee Politics.
Da quello che Frans de Waal e altri hanno studiato
comunità di scimpanzé hanno dimostrato, è evidente che la base
emozione o umore di fondo in cui la vita di gruppo scimpanzé
accade che sia proprio della vita politica, cioè la sfiducia. Diffidare
porta a una dinamica ricorrente della manipolazione dell'inter-individuale
relazioni che si traducono in aggressioni nascoste e alleanze in a
lotta per il dominio e la sottomissione. Pensiamo, tuttavia, questo
quello che succede a noi esseri umani è diverso da quello che succede
con gli scimpanzé, nonostante la nostra attuale vita culturale
sembra essere centrato sulla lotta per il potere, in una dinamica che
è politico esattamente nei termini impliciti da Frans de Waal. E
pensiamo che ciò che accade con noi è diverso perché fondamentale
emozione o umore in cui si verifica la vita della comunità umana
è appropriato per una vita cooperativa, vale a dire amore. Stiamo dicendo
che pensiamo che il fondamento della vita umana sia amore, e questo
la cooperazione nell'uomo nasce attraverso il piacere di fare le cose
insieme nella fiducia reciproca, non attraverso la manipolazione delle relazioni.
Non diciamo che l'amore è l'unica emozione sotto la quale noi umani
esseri viventi Ovviamente no. Certamente, noi esseri umani fluttuiamo o possiamo
fluire nella nostra emozione attraverso tutte le dimensioni emotive che
possiamo vivere. Ma affermiamo che si può argomentare biologicamente che noi
sono il tipo di esseri che siamo perché l'amore è stata l'emozione
che ha fondato il corso della storia evolutiva che ha dato
origine a noi.
Noi esseri umani ci ammaliamo a qualsiasi età se dobbiamo vivere una vita
centrato sulla sfiducia, strumentalizzazione e manipolazione di
relazioni. I nostri figli hanno bisogno di crescere nella fiducia, nella cura reciproca, nel corpo
accettazione e cooperazione, per diventare individui ben integrati
e gli esseri sociali mentre imparano i loro corpi e i corpi degli altri
nella generazione di un sociale (vedi V erden-Zööler e M at
urana a nd Verden-Zöller, 1993).
72
Come può la differenza tra l'umano e lo scimpanzé
i modi di vivere in comunità sono spiegati e compresi? Come
è che gli scimpanzé non sono diventati animali languiganti come noi?
Come possiamo spiegare la differenza di intelligenza tra gli umani
e gli scimpanzé? Prima di proporre una risposta a queste domande,
vorremmo sottolineare che non pensiamo di poter imparare
sugli esseri umani che studiano gli scimpanzé, o viceversa. Noi
pensa che lo studio degli scimpanzé possa ampliare la nostra capacità di vedere
noi stessi aprendo uno spazio per le nostre riflessioni sul nostro diverso
modi di vivere. Ma allo stesso tempo, pensiamo che lo studio
degli scimpanzé non ci porta a capire come siamo noi
gli umani sono come noi, perché noi umani e scimpanzé siamo
diversi tipi di animali, derivanti da un diverso evolutivo
storia.
neotenia
Gli animali in generale, e in particolare i mammiferi, si spostano nella loro
relazioni tra due estremi: uno di mutuo rispetto e reciproco
fiducia nell'accettazione totale del corpo nella vicinanza fisica, e l'altra nella a
dinamica dei rapporti di dominio e sottomissione. Nei mammiferi
il primo modo di relazionarsi è di solito limitato alla madre /
relazione infantile e al periodo dell'infanzia o dell'educazione di
la prole, mentre la seconda è la solita maniera di relazione
nell'età adulta, un periodo che inizia in relazione all'età di
riproduzione. Gli scimpanzé nelle loro relazioni interindividuali in
le comunità in cattività e selvaggia assomigliano più a questo modello standard
di quanto facciamo noi esseri umani. Pensiamo che questo indica che l'antenato
che condividiamo con loro non può essere stato diverso dal solito
forma di mammifero Come divergono i due lignaggi?
La nostra proposizione (e questa è, ovviamente, una proposizione speculativa),
è che i due lignaggi che hanno dato origine a noi e agli scimpanzé
divergeva attraverso la conservazione di un'enfasi diversa nei due
modi di base dei mammiferi di relazionarsi sopra menzionati. Noi umani
sono la forma presente, pensiamo, di un lignaggio che è stato definito e
costituito dalla conservazione della progressiva espansione del
73
relazione madre / figlio di accettazione reciproca, vicinanza, e
cura reciproca nella giocosità e nella fiducia totale, in un modo che anche
coinvolto il maschio, e progressivamente esteso oltre l'età di
riproduzione nella vita adulta in una tendenza evolutiva neotenica.
E pensiamo che gli scimpanzé siano il presente di un lignaggio
in cui l'intero modello di mammiferi di base dell'inter-individuo
le relazioni erano per lo più conservate, forse anche in un modo simile
porre maggiormente l'accento sui rapporti opposti di dominio e
sottomissione lungo la vita adulta rispetto a quella originale.
Che apparteniamo a un lignaggio, o sistema di lignaggi, con neotenic
caratteristiche (caratteristiche che derivano da una storia evolutiva
di espansione dell'infanzia oltre il periodo di riproduzione) è,
naturalmente, ben noto ai biologi. Anzi, i biologi sottolineano
affermando che molte delle caratteristiche del nostro corpo umano somigliano
quelli dei bambini o dei bambini scimpanzé più di quelli degli adulti
scimpanzé. Ciò che vogliamo sottolineare qui ora, però, è quello
questa espansione dell'infanzia nell'età adulta nel sistema dei lignaggi
che ha dato origine a noi ha comportato in modo fondamentale il
espansione dell'emozione della relazione madre / figlio di mutuo
accettazione del corpo e totale fiducia nell'età adulta. E anche noi vogliamo
per sottolineare che la conservazione dell'espansione della madre /
dinamiche infantili dell'amore e relazioni di gioco nella vita adulta
è stato il riferimento operativo per tutto il corpo e relazionale
cambiamenti che alla fine ci hanno costituito come il tipo di animali che
siamo come esseri umani.
Noi affermiamo che è il risultato di questa tendenza neotenica che noi
gli umani sono animali cooperativi che dipendono dall'amore a tutte le età. Il
lo scimpanzé non è il presente di una storia neotenica e pensiamo
che la neotenia nell'evoluzione degli scimpanzé non ha comportato
l'espansione dell'emozione della relazione madre / figlio come
un centro nella formazione evolutiva del loro modo di vivere.
Al contrario, lo scimpanzé è, pensiamo, il presente di un
storia evolutiva in cui l'età adulta è rimasta adulta,
o potrebbe anche essere stato esteso ai giovani, come ha fatto la concorrenza
74
stato enfatizzato come stato relazionale di base. Sono gli scimpanzé chi
sono in realtà animali politici, non noi esseri umani.
Intelligenza
Se riflettiamo sulle circostanze nella vita quotidiana in cui noi
parlano di intelligenza, noteremo che lo facciamo quando ci riferiamo
alle capacità consensuali di un animale umano o non umano.
La consensualità ha luogo come comportamento spontaneo e coerente
trasformazione di due o più organismi in un particolare dominio
di convivenza come risultato della loro convivenza in ricorrenti e
interazioni ricorsive e il dominio comportamentale che si pone
attraverso la consensualità è un dominio consensuale. Flessibilità di
comportamento secondo le circostanze del vivere con la conservazione
di vivere è ciò che connota un osservatore di cui parla
intelligenza o, meglio, di comportamento intelligente. La capacità di comportarsi
adeguatamente in una situazione che un osservatore vede come un problema
ciò che un osservatore chiama problem solving. Come tale, la soluzione dei problemi
è solo un modo di parlare di un osservatore sull'operazione
di un organismo in un dominio consensuale quando non lo fa
sapere se l'organismo si comporterà o non si comporterà secondo
quello che lui o lei considera adeguato. La capacità di consensualità
e il comportamento plastico a cui ci riferiamo mentre parliamo di intelligenza
differisce secondo i diversi modi di vivere dei diversi
organismi. Diversi modi di vivere si verificano come diversi domini di
coerenze strutturali operative tra organismo e mezzo,
e come tali comportano diverse possibilità di intelligenza come
diversi domini di comportamenti plastici.
In sintesi, quando parliamo di intelligenza nella vita quotidiana, noi
connota la capacità con cui un organismo deve partecipare
altri (o con il medium) nella costituzione, espansione,
e operazione in un dominio di comportamenti consensuali (o di plastica
coerenze dinamiche) mentre sotto i continui cambiamenti strutturali
che subisce nella sua vita individuale (vedi Maturana e Guiloff,
1980). In queste circostanze, cosa possiamo dire dell'intelligenza
75
nei lignaggi umani e scimpanzé? Facciamo prima un indiretto
approssimazione.
La differenza fondamentale tra gli esseri umani e
gli scimpanzé non è che siamo animali razionali e non lo sono. Di
Certo, viviamo nella lingua e loro no. Anche se gli scimpanzé
usa molti suoni, movimenti e gesti diversi da un osservatore
può riconoscere come operazioni nella lingua come indicatori di oggetti o
di situazioni, il loro modo di vivere non è basato sul linguaggio.
La differenza fondamentale, secondo noi, appartiene al
diverse dinamiche emotive di base (configurazione dell'emozione)
conservato nei nostri diversi lignaggi lungo il nostro rispettivo evolutivo
storie come modi diversi di vivere che sono risultati diversi
corporee e diversi modi di vivere. Diverse persone
di vivere gli esseri langueggianti e non languiganti caratterizzano
umani e scimpanzé come diversi tipi di animali. Nessun dubbio
entrambi i lignaggi comportano una storia di espansione della capacità di base di
consensualità, e quindi, di intelligenza, ma in uno di essi, in noi,
questa espansione ha avuto luogo in un modo di vivere centrato
cooperazione, mentre nell'altro è avvenuta in una maniera di
vivere centrato sulla competizione e la manipolazione delle relazioni.
Sì, anche noi esseri umani possiamo manipolarci l'un l'altro e nel nostro
la moderna cultura patriarcale lo facciamo, ma la nostra affermazione è quella che siamo
animali cooperativi, la nostra storia evolutiva non avrebbe potuto essere
centrato sull'aggressività e la mutua manipolazione.
La cooperazione è un'attività consensuale che si pone in un dominio
di reciproca accettazione in una co-partecipazione che è stata invitata, non
richiesto. L'emozione base di base o l'umore in collaborazione
è amore, e come la cooperazione si svolge nel piacere della reciproca
accettazione, la sua realizzazione avviene in gioco (vedi Maturana e Verden-
Zöller, 1993), nel piacere di fare effettivamente le cose insieme. Come
la cooperazione comporta il piacere di fare con l'altro, è aperto
alla continua espansione nel dominio in cui si svolge. In
una vita centrata sulla fiducia, la cooperazione e l'accettazione reciproca
è, nell'amore, l'apertura per la consensualità è multidimensionale, e,
in effetti, illimitato. In reciproca accettazione e in reciproca fiducia, tutto
76
le situazioni della vita diventano opportunità per il piacere di fare
le cose insieme - cioè, per la cooperazione.
La conservazione di un modo di vivere centrato nella cooperazione
costituisce un'opportunità per un numero illimitato e illimitato
espansione sistemica dell'intelligenza come evolutivo ricorsivo
apertura per la generazione continua di nuovi domini di
consensualità e la loro estensione. Tale espansione dell'intelligenza
si verifica anche nell'ontogenesi degli individui che vivono in cooperazione.
La conservazione di un modo di vivere immerso nella competizione
e nella lotta per il dominio e la sottomissione non nega
consensualità del tutto, ma ne limita la portata a uno stretto sentiero di
coesistenza in lotta e competizione che, in sostanza, è sempre
lo stesso - negazione reciproca.
Ora ri-consideriamo la questione dell'origine della umanità.
L'umanità
Quando è iniziata l'umanità? Abbiamo affermato che noi umani
esistono nella lingua, o, più precisamente, che esistiamo nelle conversazioni
questa è l'intrecciatura del languaging e dell'emozione. E anche noi
sostenere che l'umanità è sorta quando si trovava in una stirpe di primati bipedi
la vita nelle conversazioni cominciò a essere conservata dopo generazione
generazione nell'apprendimento dei bambini come modo di vivere
quello costituiva e definiva quel lignaggio. Quando è successo?
Pensiamo che sia successo - e l'umanità abbia avuto inizio - non più tardi di
circa tre milioni e mezzo di anni fa, e noi lo proponiamo
è successo nel modo seguente.
Circa 3.300.000 di anni fa, alcuni piccoli primati bipedi
(Australopithecus afarensis) visse in Africa, nel nord di cosa
è ora il Kenya. La loro altezza era circa l'altezza di un 8 anni
bambino. A giudicare dall'anatomia del corpo e dai loro denti, questi
i primati potevano essere i nostri antenati, o molto simili a loro (vedi
Johanson e Maitland, 1981, e Johanson e Shreeve, 1989).
L'antenato comune che condividiamo con gli scimpanzé non lo era
bipede, ma i loro discendenti nel nostro lignaggio devono essere diventati tali
come sono diventati abitanti di terra nelle savane ai margini del
77
foreste, mentre si muovevano, conservando di generazione in generazione il
Abitudine a spostarsi eretti mentre si guardavano intorno mentre si muovevano in mezzo
le erbe alte Apparteniamo a un sistema di lignaggi di primati che come
gli abitanti di terra divennero bipedi mentre gli scimpanzé appartenevano a
sistema di lignaggi che rimase quadrupede sul terreno.
I primati bipedi di poco più di 3 milioni di anni
fa non erano cacciatori, o se cacciavano di tanto in tanto, le loro prede
devono essere stati piccoli animali. I loro denti, molto simili ai nostri,
erano quelli dei raccoglitori che mangiano semi, noci, radici, insetti e
i resti di animali uccisi da grandi predatori. Inoltre,
i risultati paleontologici indicano che questi primati vivevano in piccole dimensioni
gruppi di 5-8 individui di entrambi i sessi e di tutte le età.
I loro cervelli erano circa un terzo della nostra ora e le loro facce
erano diversi, più come quello di un giovane scimpanzé.
Le loro mani, tuttavia, erano come le nostre mani in quello che avevano
dita che potrebbero essere completamente estese e opposte al pollice.
Senza dubbio, a giudicare dal loro modo di esistere come raccoglitori, loro
erano capaci di complesse e delicate correlazioni visive e digitali
nella gestione del cibo. Ma le mani umane sono molto più di
strumenti per la manipolazione - anzi, sono gli organi che accarezzano.
Le dita della mano umana possono essere estese completamente così come
delicatamente flessa, permettendo alla mano di adattarsi
a qualsiasi superficie curva del corpo in un tocco carezzevole, più o
meno allo stesso modo della lingua degli altri animali.
Negli esseri umani moderni, le carezze delle mani occupano l'intera mano
con le dita che si flettono adeguatamente per adattarsi alla superficie accarezzata in a
tocco delicato La mano dello scimpanzé non lo fa
così facilmente perché le dita non possono essere completamente estese. La mano
dei nostri antenati 3 milioni di anni fa, sebbene non identici al suo
le proporzioni al nostro ora, avevano tutte le caratteristiche di un umano
mano, sia come organo manipolante che come organo accarezzante.
Cerchiamo ora di ricostruire il modo di vivere possibile
i nostri antenati 3,3 milioni di anni fa da ciò che sappiamo
Australopithecus afarensis come se i nostri antenati fossero molto simili
loro e confrontarli con il nostro attuale modo di vivere.
78
1. Giudicando dai loro denti e dalle loro dimensioni, i nostri antenati devono avere
visse come raccoglitori, mangiando semi, radici, noci, insetti, piccoli
vertebrati e occasionalmente scavenging i resti di grande
animali uccisi da grandi predatori.
Noi esseri umani moderni siamo ancora raccoglitori di semi, noci,
radici e frutti. In effetti, l'agricoltura è un modo per rimanere a
raccoglitori. Che siamo raccoglitori è dimostrato anche nel successo di
supermercati, e nel fatto che in situazioni di bisogno abbiamo facilmente
ricorrere al raduno e persino al lavaggio.
2. I resti paleontologici indicano che i nostri antenati vivevano
piccoli gruppi di circa 5-8 persone di tutte le età.
Noi esseri umani moderni ci sentiamo a nostro agio nelle famiglie di
quella dimensione, e anche quando formiamo comunità più grandi, viviamo in
intimità in piccoli gruppi.
3. I nostri antenati potrebbero aver condiviso il cibo come una caratteristica del loro
modo di vivere. La condivisione del cibo avviene nel passaggio diretto
di cibo da un individuo all'altro. Questo non è molto raro
fenomeno - molti animali come gli uccelli e le formiche lo fanno come a
aspetto centrale del loro modo di vivere, ma non è comune
tra i primati. Molti uccelli genitori nutrono i loro bambini
depositando il cibo direttamente nelle loro bocche. In un neotenico
lineage come la nostra, questa pratica potrebbe essere stata una caratteristica del
relazioni tra madre e figlio conservate nel post-riproduttivo
stadio come parte della tendenza di espansione neotenica del nostro lignaggio,
ed è ancora presente nel piacere di un bacio alla bocca.
Noi umani moderni condividiamo il cibo. In alcune culture le donne
spesso passano ciò che stanno masticando direttamente dalla loro bocca
alla bocca dei loro bambini o alle bocche degli anziani
chi ha perso i denti. I nostri figli spesso prendono da mangiare
le loro bocche per darlo ad un adulto o ad un altro bambino. Nostro
il comportamento di condivisione del cibo non è culturale. Che questo sia così è evidente
nella appena citata condivisione spontanea di cibo del nostro piccolo
bambini - abbiamo la biologia della condivisione degli animali.
79
La nostra costituzione genetica (la nostra struttura primaria biologica)
non determina cosa succede in noi nella nostra vita come
individui, perché qualunque cosa accada lo fa in un epigenetico
modo in un processo storico di interazioni tra organismo
e medio. Ma nulla può accadere nel corso del nostro
epigenesi che la nostra costituzione genetica non consente come a
possibile caratteristica della nostra ontogenesi. Ora stiamo condividendo un nimals;
quindi, apparteniamo a una storia evolutiva che si è conservata
condivisione del cibo come modo di vivere. Non sappiamo quando questo
la storia è iniziata, ma crediamo che sia già stato
stabilito nei nostri antenati di 3 milioni di anni fa in tutte le età come
parte della tendenza evolutiva neotenica del loro lignaggio.
4. Supponiamo che tra i nostri antenati di 3 milioni di anni fa,
i maschi hanno partecipato alla cura dei bambini attraverso relazioni amorevoli nel
piacere di vivere insieme. In che modo, non lo sappiamo;
forse giocando con i bambini in contatto fisico, portando
loro, alimentando o condividendo il cibo con loro, così come l'essere
attento al loro gioco senza limitarli. Gibboni maschi
al giorno d'oggi fare così come partecipano con le femmine nella cura
della loro progenie.
Noi moderni maschi umani ci prendiamo cura dei nostri bambini nel
modo descritto sopra, e lo facciamo con naturale facilità e
piacere spontaneo quando non ci sono ingiunzioni culturali
al contrario in termini di controllo e strumentalizzazione
attraverso la richiesta di obbedienza. Pensiamo che l'emotivo
dinamica che porta i maschi umani a partecipare alla cura dei bambini
è anche una caratteristica evolutivamente conservata del nostro neotenico
tendenza, non una nuova cultura. In quanto tale, la cura del bambino maschio è un
comportamento epigenico che può essere favorito o represso. Maschio adulto
cura per i bambini nel piacere di giocare con loro, non lo è
molto frequente nei primati, ma a volte si presenta come un giovane
comportamento, come può essere visto occasionalmente in uno zoo.
80
5. Noi esseri umani moderni siamo animali sensuali e teneri. Noi
accarezzandoci l'un l'altro, ci piace la vicinanza al corpo e il contatto. carezze
evocano in noi il benessere fisiologico. Non ci accarezziamo l'un l'altro
solo con tocchi reali, ma anche con le parole, con il tono
delle nostre voci, con il nostro riguardo, o con ciò che facciamo. Tutti questi
le carezze evocano in noi cambiamenti fisiologici che costituiscono il benessere.
In noi la mano è, per così dire, un organo che accarezza, e
il tocco della mano è fisiologicamente guarente. Ma non solo
questo, ci godiamo tutte le dimensioni sensoriali come fonti di piacere
e benessere, come caratteristiche di ciò che può essere chiamato l'estetica
di vita.
Non sappiamo come si sono comportati i nostri antenati, ma possiamo
supporre che come primati che possedevano una mano carezzevole, e
come membri di un lignaggio neotenico, erano anche sensuali e
teneri animali che, come noi, vivevano nella conservazione del
configurazioni relazionali di carezze e cura reciproca in entrambi
età adulta e gioventù. Pensiamo anche che tale base estesa
la sensualità, con la curiosità sensoriale che porta, è parte di
la tendenza neotenica del nostro lignaggio attraverso la conservazione di
la sensualità espansa coinvolta nell'estensione dell'infanzia.
Mentre guardiamo questa ricostruzione speculativa ma plausibile di
le caratteristiche relazionali della vita dei nostri antenati di oltre 3 milioni
anni fa e confrontarlo con il nostro nel presente (trascurando
le particolarità di come facciamo ciò che facciamo), scopriamo che il nostro
modo di vivere e il loro deve essere stato lo stesso, salvo in uno
rispetto - vale a dire, la lingua e le caratteristiche del corpo associato
con esso. Se i nostri antenati fossero come suggeriamo, come è sorta la lingua?
Humanness e Languaging
Nella misura in cui la lingua è un modo di vivere in coordinazione
di coordinamenti di comportamenti consensuali, vicinanza di coesistenza
nel fare molte cose insieme è necessario che sorga la lingua. A
allo stesso tempo, per la vicinanza della coesistenza a verificarsi come una relazione
sfondo in cui linguaggi potrebbero sorgere spontaneamente in
81
la ricorsione di fare le cose insieme, deve essere permanente, o
ricorrente e sufficientemente prolungato. Cosa possiamo dire ora
quali potrebbero essere state le basi biologiche per una simile vicinanza
l'origine della nostra stirpe come primati linguistici?
A giudicare dalla capacità cerebrale del cranio di Australopithecus
afarensis (circa 450 cc), il cervello dei nostri antenati 3 milioni di anni
fa deve essere stato più grande del cervello di un cane domestico. Infatti,
deve essere stato circa la dimensione del cervello di uno scimpanzé. Cani
non vivere nella lingua tra di loro o con noi, ma quando noi
vivi con loro in qualche stabile vicinanza nell'intimità e nel giusto
flusso di interazioni ricorrenti, possiamo vivere circostanze linguistiche
con loro, a cui partecipano in modo più o meno esteso
modo episodico. Quindi le dimensioni del cervello di un cane gli permettono di entrare
noi in coordinamenti consensuali di coordinamenti consensuali di
comportamenti.
Ma perché ciò accada a un cane che vive con noi, o per farlo
capita tra qualsiasi coppia di animali, certa emozione (o
configurazione delle dinamiche relazionali) è necessario. Questo è,
l'emozione deve essere tale da essere frequente e ricorrente
le interazioni che si verificano tra questi animali dovrebbero
costituiscono un dominio di coordinamenti di comportamento in cui ricorsivo
possono sorgere coordinamenti consensuali di coordinamenti di comportamento.
Inoltre, un'emozione speciale deve avvenire anche nel
vivere insieme in coordinamenti di comportamenti consensuali in modo che il
episodi occasionali di linguaggi vissuti possono diventare un modo di
la vita che è conservata naturalmente nel spontaneo
apprendimento della prole, con il risultato che un lignaggio definito da
inizia una convivenza nel linguaggio Secondo noi, poiché l'amore è il
solo le dinamiche emotive che danno origine a una convivenza nel
vicinanza stretta e sensuale in cui una prolungata convivenza
i coordinamenti consensuali ricorsivi di azioni possono aver luogo per il
piacere di farlo, che l'emozione debba essere amore.
Ciò che proponiamo di fatto è che il linguaggio linguistico deve essere iniziato come a
modo di vivere che è stato conservato generazione dopo generazione
nell'apprendimento spontaneo dei bambini più di 3 milioni di anni
82
fa, e pensiamo che sia iniziato tra i nostri antenati come un semplice
risultato della loro convivenza in piccoli gruppi come raccoglitori che
cibo condiviso in amore nell'intimità della tenerezza e della sensualità.
Inoltre, riteniamo che vivere in languing non sia sorto perché
era necessario, o in qualche modo vantaggioso, ma semplicemente come risultato
di questo modo di vivere insieme. Certamente, non intendiamo questo
non c'erano occasioni di disputa o di rabbia e lite, ma
affermiamo che l'aggressività e la sfiducia non possono essere state la base
umore di convivenza nei nostri antenati. E noi rivendichiamo così perché se
era stato il caso, il modo di vivere in consensuale ricorsivo
coordinamenti di comportamento che la vita nella lingua non potrebbe avere
sorto, perché non ci sarebbe stato lo spazio di intimo e
coesistenza cooperativa stabile che rende possibile una vita simile.
Perché pensiamo che linguaggiare come un modo di vivere dovrebbe
sono iniziati almeno 3 milioni di anni fa e non più tardi? Semplicemente
a causa del numero di generazioni per le quali riteniamo necessario
l'istituzione e la conservazione di una dinamica epigenica che
prodotto e garantito attraverso la co-opzione genetica la conservazione
di tutti i cambiamenti anatomici e fisiologici associati a
languendo come lo viviamo ora nel discorso.
Linguaggio come modo di vivere quotidiano in consensuale
i coordinamenti di consensuali coordinamenti di comportamento possono infatti
si svolgono in molti modi diversi. In noi avviene il languaging
principalmente attraverso il parlato, quindi deve aver coinvolto la produzione del suono
per via orale in correlazione con le coordinazioni di comportamento di
molto presto in questa storia. Ricordiamo che un lignaggio inizia nel
conservazione riproduttiva ricorsiva di un modo di vivere; lasciateci
anche ricordare che la conservazione riproduttiva di un modo di vivere
è sistemico e non geneticamente determinato, anche se comporta
la conservazione sistemica della costituzione genetica dell'iniziale
struttura organica che rende possibile la realizzazione epigenetica di
il modo di vivere conservato. Per riformulare in termini dinamici
quello che abbiamo appena detto:
83
A causa della natura sistemica dei fenomeni di riproduzione e
eredità, due processi intrecciati avvengono nello stabilimento
e conservazione di un lignaggio:
1. I cambiamenti genetici che avvengono lungo la storia di a
il lignaggio diventa continuamente cooptato nella realizzazione e
conservazione del modo di vivere (fenotipo ontogenico)
che definisce il lignaggio e segue un corso generale incanalato
come una tendenza storica del cambiamento genetico dalla realizzazione sistemica
e conservazione di quel modo di vivere.
2. Allo stesso tempo, un lignaggio è conservato solo fino a quando il
condizioni genetiche e le condizioni del mezzo che
permettere la realizzazione del percorso epigenetico che rende
possibile la realizzazione del modo di vivere che lo definisce,
sono conservati sistematicamente di generazione in generazione.
Non c'è dubbio che la conservazione sistemica del modo
di vivere che definisce un lignaggio richiede un fondamento strutturale in
l'organismo e nel mezzo. Nell'organismo questo fondamento
è una costituzione genetica che rende possibile l'individuo
i membri del lignaggio possono realizzare nella loro epigenesi il modo di
vivere del lignaggio mentre scorre attraverso un mezzo - conservando
organizzazione e adattamento fino a quando il mezzo, che è anche
sorgere e cambiare con loro, ha la struttura che lo consente
quello per accadere. Inoltre, la possibilità che la discendenza di
un lignaggio può dare origine a qualsiasi momento storico particolare a
un nuovo modo di vivere come una variazione del modo di vivere di
i loro genitori, sorge nell'interazione epigenetica dell'indipendente
variabilità strutturali dei nuovi organismi e le circostanze di
il mezzo in cui si trovano in quel particolare storico
momento (vedi Appendici 2 e 3). In altre parole, il riproduttivo
la conservazione di un modo di vivere comporta la conservazione
sia della costituzione genetica che delle caratteristiche del medium
questo lo rende possibile Cioè, e lo ripetiamo perché questo è fondamentale
84
nozione, la conservazione della riproduzione generazione dopo generazione
di un modo di vivere non si verifica come geneticamente determinato
processo proprio perché il modo di vivere conservato in a
il lignaggio nasce epigeneticamente. E questo succede quando il particolare
configurazione di relazioni dinamiche tra un organismo e il
mezzo che costituisce la realizzazione epigenetica del modo
di vivere conservato si ripete di generazione in generazione attraverso il
realizzazione di quello stesso modo di vivere. Questo è, ovviamente,
la dinamica sistemica della conservazione riproduttiva di un ontogenico
fenotipo, o modo di vivere.
In sintesi, la riproduzione di un'identità organica comporta il
riproduzione sia della costituzione genetica che del mezzo
ciò rende possibile la sua realizzazione epigenetica. In termini generali:
quando, nella storia ecologica della biosfera, sorgono le condizioni
nell'interazione tra organismi e mezzo per l'epigenetico
realizzazione di un nuovo modo di vivere nella riproduzione successiva
di alcuni organismi, e il nuovo modo di vivere comincia ad essere
riproduttivamente conservato sistemicamente, sorge una nuova discendenza. Come un
il lignaggio dura fino a quando la relazione tra il mutamento genetico
condizioni degli organismi e la struttura mutevole del
medio rimane tale che le condizioni sistemiche che rendono
possibile la realizzazione del fenotipo ontogenico del lignaggio
sono conservati In quel processo, l'organismo e il cambiamento medio
insieme congruentemente come componenti sistemiche coerenti integrali di a
cambiare la biosfera.
Quando si verifica un tale processo sistemico, il modo di vivere
necessariamente sistematicamente conservati generazione dopo generazione
coopta nelle sue dinamiche strutturali qualsiasi variazione (geneticamente e
altrimenti) compatibile con la realizzazione del modo di vivere
conservato. Inoltre, quando viene stabilito un lignaggio, si origina una tendenza a
vincolo sistemico per la diversificazione dei lignaggi futuri come un
canalizzazione operativa per le variazioni genetiche e non genetiche
che può essere conservato. Tale processo è un processo storico e
come tale ha una unidirezionalità che nei sistemi viventi comporta sempre
la conservazione di una costellazione di cambiamenti coerenti che vanno
85
insieme attraverso molte generazioni. Si può dire che l'ontogenico
fenotipo conservato in un lignaggio canalizza la deriva genetica del
lineage in una dinamica di co-opzione ricorsiva di tutte le variazioni genetiche
che non lo nego.
Pensiamo che questo deve essere successo nel nostro evolutivo
storia in relazione ai cambiamenti che si sono verificati nel
cervello, nella laringe, nella faccia, nelle dinamiche respiratorie, in
la struttura del collo, e così via, dei nostri antenati, pure
come nel loro modo di vivere insieme, mentre loro parlano
gli animali che languivano diventavano una generazione sistematicamente conservata
dopo la generazione attraverso il loro vivere come animali che languiscono nel linguaggio.
Cioè, secondo noi, tali cambiamenti e trasformazioni devono
sono stati il ​​risultato di una tendenza evolutiva costituita dal
conservazione di un modo di vivere in conversazioni attraverso il suono
produzioni in uno sfondo di intimità nella biologia dell'amore.
Inoltre, pensiamo che la trasformazione della corporeità di
i nostri antenati nella nostra attuale corporeità integrata di linguaggi
gli umani, non possono aver avuto luogo in poche generazioni. Il più grande
parte del sistema genetico (95% o più, forse,) è coinvolto in
la dinamica regolatrice dell'epigenesi, e quindi il suo funzionamento è
aperto in ogni organismo a una modulazione epigenica continua di
il flusso della realizzazione sistemica del suo fenotipo ontogenico.
Di conseguenza, la maggior parte dei cambiamenti genetici in un lignaggio, che necessariamente
deve influenzare il dominio delle dinamiche normative, sono aperti a
essere sistematicamente cooptati per la conservazione o il cambiamento del
modo di vivere che definisce il lignaggio. Di conseguenza, pensiamo
che questo è il modo in cui il cambiamento genetico segue la conservazione del
fenotipo ontogenico, e non il contrario. Alla fine, è perché noi
pensa che la sistemazione continua del sistema genetico a
la conservazione sistemica di un modo di vivere è un processo che
coinvolge la cooptazione genetica nel dominio della regolazione genetica di
l'epigenesi della morfogenesi, che pensiamo che la nostra storia di
i primati che languiscono devono essere di almeno 3 milioni di anni (forse
più di circa 300.000 generazioni).
86
Riproduzione ed ereditarietà
La domanda sulla determinazione genetica (DNA) o non genetica di
il fenomeno dell'ereditarietà non è banale. La nostra richiesta è questa
il fenomeno dell'ereditarietà è più sistemico che genetico o
molecolare. Non neghiamo la partecipazione del DNA nel dare
stabilità di lungo periodo ai fenomeni biologici e ai lignaggi
nel determinare la gamma di possibili variazioni nell'epigenetico
processi. Nulla può accadere nella storia di vita di un organismo
che non è permesso o reso possibile dalla sua costituzione genetica,
ma allo stesso tempo nulla è determinato (o, più precisamente,
predeterminato) nella storia di vita di un organismo dal suo genetico
costituzione, perché ogni caratteristica in essa sorge in un processo epigenico.
Inoltre, come tutti i biologi sanno, il fenotipo oscura il
genotipo nel processo epigenetico perché, in effetti, molti diversi
i genotipi possono dare origine allo stesso fenotipo ontogenico. Però,
non tutti i biologi sono pienamente consapevoli che l'epigenesi è un processo sistemico
di mutua modulazione strutturale che coinvolge sia l'organismo che
il mezzo per tutta la durata dell'organismo. E noi biologi
non sono sempre consapevoli di questo perché nella nostra moderna inclinazione a
pensiero riduzionistico, vediamo spesso l'organismo come se lo fosse
interagendo con un mezzo preesistente e già specificato che
lo contiene o lo facciamo scomparire del tutto nella valorizzazione
dei geni.
Il punto fondamentale in ciò che diciamo qui è la nostra affermazione
le caratteristiche di un organismo si presentano in una dinamica sistemica
attraverso le interazioni ricorrenti e ricorsive dell'organismo
e il mezzo, in un processo in cui sia l'organismo che il
mediamente cambia insieme congruentemente, e non in un modo causato
o predeterminato dalla costituzione genetica dell'organismo o da
la struttura del mezzo. Di conseguenza, affermiamo che:
1. L'ereditarietà si presenta come un processo sistemico;
2. Il processo di evoluzione segue un corso guidato dal sistemico
conservazione dei cambiamenti nel modo di vivere o il
87
organismi, e non un corso guidato dalle variazioni genetiche, anche
sebbene questi siano sempre coinvolti;
3. Il cambiamento genetico evolutivo si verifica come una deriva genetica, e il
corso della deriva genetica in un lignaggio è canalizzato dal
conservazione sistemica del modo di vivere che definisce il
lignaggio; e
4. La conservazione sistemica di un modo di vivere coopta qualsiasi
variazione genetica ed epigenetica che non interferisce con essa.
Quindi, l'evoluzione come processo di costituzione, diversificazione e
l'estinzione dei lignaggi non è un processo di miglioramento del modo
di vivere, o di progresso in un senso particolare o generale, ma è a
continuo cambiamento che si presenta nel sistemico continuo
conservazione della realizzazione del vivente. In evoluzione niente
succede perché è necessario, vantaggioso o desiderabile. Infatti,
un particolare corso epigenico fino ad allora facoltativo in un lignaggio che
comincia a essere sistematicamente conservato come un modo di vivere in un nuovo
lineage, può diventare non facoltativo ma necessario nella conservazione
della costituzione della nuova stirpe attraverso vincoli genetici
dopo diverse generazioni solo nella misura in cui il modo di vivere
conservato può aver incanalato la deriva genetica del lignaggio e
i cambiamenti del mezzo nella facilitazione della realizzazione
di quel modo di vivere. Di conseguenza, dopo un certo numero di
generazioni, niente del mezzo o del modo di vivere quello
definisce che il nuovo lignaggio può essere facilmente rimosso o modificato senza
distruggendo gli organismi del lignaggio. Tali alterazioni lo farebbero
distruggere o distorcere le coerenze sistemiche della realizzazione del
organismi che erano stati stabiliti lungo la storia del lignaggio.
In altre parole, è a causa dei cambiamenti sistemici coerenti che
si verificano nell'organismo e nel mezzo nel processo evolutivo,
che sembra un osservatore casuale come se le caratteristiche che definiscono a
il lignaggio era inizialmente sorto perché erano necessari, o perché
88
costituivano un miglioramento per la sopravvivenza dei membri di
il lignaggio.
Quindi, sebbene il linguaggio sia ora essenziale per l'esistenza umana
perché ora costituisce l'esistenza umana in un mezzo che
è sorto attraverso linguaggi, non è nato linguaggiare, né è stato
conservato, perché inizialmente era in qualche modo necessario per il
sopravvivenza dei nostri antenati. Gli episodi di linguaging devono essere stati
succede prima occasionalmente e poi frequentemente nei predecessori
del nostro lignaggio, fino a quando il languaging cominciò a essere conservato come una questione
naturalmente nell'apprendimento dei loro figli in un'eredità sistemica.
Quando ciò è accaduto, un nuovo modo di vivere e un tutto nuovo
il sistema dei lignaggi è iniziato in un processo che ha cooptato tutti i genetici
variazioni nella conservazione della vita nella lingua attraverso la vita in
linguaggiare. Linguaggio ora sembra essenziale per noi, ed è infatti
essenziale per la nostra vita umana, perché tutto è cambiato in
le nostre vite intorno alla conservazione sistemica del nostro vivere nella lingua.
Ma com'è che vivere nel linguaggio non è accaduto nel
discendenza scimpanzé? Com'è possibile che i nostri antenati vivessero come vivevano,
e il languaging si alzò e fu conservato come un modo di vivere? Come
era il nostro lignaggio stabilito nella conservazione di una vita vissuta
conversazioni?
Biologia di fiducia e vicinanza
La fiducia e la vicinanza costituiscono l'intimità come fondamento del fare le cose insieme per il piacere di farle con un altro. E fare le cose insieme per il piacere di farle con un altro, costituisce cooperazione. Infine, l'intimità: il piacere e la gioia la fiducia e la vicinanza in gioco nella totale accettazione reciproca del corpo - ha la sua origine nella relazione madre / figlio e la sua espansione in neotenia.
Noi umani apparteniamo a un lignaggio neotenico, un lignaggio definito da la conservazione transgenerazionale della progressiva espansione di caratteristiche dell'infanzia nell'età adulta. Come risultato di questo processo, la riproduzione in noi umani ora avviene, per così dire, nel mezzo dell'infanzia. Tuttavia, poiché la neotenia si verifica nell'evoluzione, non è l'infanzia o infanzia propriamente detta che è conservata o ampliata. Piuttosto, alcune
89
caratteristiche dello sviluppo del corpo del bambino e delle dinamiche emotive sono estese, in modo che i compiti della vita adulta siano progressivamente realizzati nei membri della discendenza in evoluzione da parte di individui che conservano sempre più caratteristiche relazionali infantili.
Pensiamo che in noi questo processo di neotenia comporti la conservazione nell'età adulta delle dinamiche relazionali dell'amore proprio del rapporto madre / figlio e alle relazioni bambino / figlio nel mammifero con le emozioni di base conseguenti. L'amore, come abbiamo già detto, è il dominio di quei comportamenti attraverso i quali un altro si pone come legittimo altro in coesistenza con se stessi. L'amore significa o implica fiducia reciproca in accettazione totale del corpo senza manipolazione o strumentalizzazione delle relazioni. Queste caratteristiche relazionali sono centrali nella madre / relazione infantile. Manipolazione e strumentalizzazione di un altro sono tentativi di controllare il comportamento dell'altro con mezzi illegittimi; sono modi di aggressione e negazione dell'altro e quindi comportano un'emozione diversa dall'amore. E quando l'essere manipolato  diventa emotivamente consapevole di ciò, sorgono diffidenza e rabbia.
Gli esseri umani moderni sono animali dipendenti dall'amore di tutte le età, e pensiamo che sia così perché l'amore è una caratteristica della vita adulta è stato conservato nel nostro lignaggio come caratteristica neotenica. Ovviamente, non diciamo che noi umani siamo unici nell'essere animali amorevoli.
Certamente no. In effetti, i mammiferi in generale sono animali che amano la loro infanzia e noi umani nel nostro comportamento amorevole possiamo relazionarci e evocare un comportamento amorevole praticamente con tutti i vertebrati, almeno durante la loro infanzia, ma anche nella loro età adulta. Quello che diciamo è questo siamo peculiari in quanto la nostra storia evolutiva è centrata nella biologia dell'amore come caratteristica fondamentale del nostro modo di vivere in un certo modo che si è espanso durante tutta la nostra vita. Ma pensiamo che c'è dell'altro.
Pensiamo che nella conservazione e nell'espansione dell’emotivo della relazione madre / figlio nella storia neotenica del nostro lignaggio e prima dell'inizio della conservazione del linguaggio come modo di vivere, c'era una trasformazione di sessualità nelle nostre antenate. Nel corso di questa storia, il breve periodo annuale di desiderio femminile e godimento del corpo
90
il contatto e il rapporto sessuale si sono espansi e sono diventati continui.
In quale momento storico è successo? Non lo sappiamo, ma pensiamo che il suo accadimento abbia avuto una conseguenza fondamentale ha fatto l'origine della lingua e la sua conservazione come un modo di vivere possibile. Un tale evento separava i rapporti sessuali dalla riproduzione per i nostri antenati, consentendo il sesso come dominio di accettazione e godimento del contatto con il corpo in generale, e i rapporti genitali in particolare, per funzionare come una fonte estesa di piacere e stabilità nella formazione delle relazioni interpersonali, in particolare nelle coppie e nelle piccole famiglie.
La sessualità come fonte di gioia e piacere nella vicinanza del corpo di un particolare altro dà stabilità agli stretti rapporti tra i membri di una coppia o di un piccolo gruppo. E come l'espansione della sessualità femminile espande la gioia della vicinanza, esso crea una possibilità per il divertimento di fare le cose insieme nel piacere dell'accoglienza reciproca attraverso la conservazione di quella vicinanza. Di conseguenza, pensiamo che l'espansione nella femmina della sessualità come parte della tendenza neotenica del nostro lignaggio ha creato uno spazio di stabile intimità, piacere e fiducia intorno a lei, in una dinamica di accettazione reciproca e il godimento del contatto ricorrente del corpo riunì femmine, maschi e bambini in piccole famiglie cooperando e vivendo insieme.
La sessualità non comporta solo rapporti sessuali; include, in più o meno gradi, tutti gli aspetti dell'accettazione del corpo nella totale fiducia e nel godimento della prossimità del corpo e del contatto, indipendentemente dal sesso dei partecipanti. Quindi, la sessualità è coinvolta nel platonico amicizia, negli abbracci amichevoli, nell'accettazione e nel divertimento della vicinanza di un altro, implicando in ogni situazione diversa dimensioni della reciproca accettazione del corpo nella vicinanza e nel contatto rispetto a quelli coinvolti nell'accoppiamento sessuale genitale, indipendentemente dal fatto che questi sono eterosessuali o omosessuali. Di conseguenza, quello che diciamo è che l'espansione della sessualità delle femmine dei nostri antenati è peculiare perché come è accaduto, e le femmine sono diventate come continuamente interessate e desiderose di vicinanza sessuale e genitale nel rapporto come i maschi, un dominio di convivenza apparso in cui
91
vivere insieme in piccoli gruppi intimi divenne una fonte permanente di piacere, di gioia in compagnia dell'altro e di giocosità circa la realizzazione delle faccende della vita quotidiana in cooperazione e non in competizione.
Neotenia comporta anche l'espansione oltre l'età riproduttiva nell'età adulta delle caratteristiche della relazione madre / figlio come sensualità e tenerezza. La sensualità implica espansione sensoriale e apertura a vedere, toccare, ascoltare, annusare, mentre la tenerezza deve fare con il comportamento di cura in relazione agli altri, un tipico anche se caratteristica comportamentale madre / figlio esclusa dei mammiferi. Una madre di mammiferi (e in effetti, tutti gli adulti animali quando si prendono cura di loro per la loro prole) sente di più quando con i bambini. Questo è facilmente osservabile in una gatta con gattini mentre è pronta a vedere, ascoltare, toccare e annusare ciò che non vedrebbe, udire, toccare o annusare, se non stava facendo la mamma. Anche un gatto femmina con gattini è pronto per proteggere i suoi cuccioli, per farli salire sul suo corpo, o per sdraiarsi il terreno in modo che i gattini possano allattare. Quando li vedi comportamenti, si dice facilmente che il gatto si sta comportando con tenerezza.
Lo stesso è evidente in una gallina con i pulcini. Questo emotivo l'apprezzamento non è una proiezione delle nostre emozioni; è un distinzione del dominio relazionale in cui questi animali sono.
Noi affermiamo che la tendenza neotenica nel nostro lignaggio ha avuto come risultato un'espansione delle relazioni madre / figlio di accettazione del corpo, sensualità e tenerezza nell'età adulta dei nostri antenati come caratteristiche relazionali della loro vita quotidiana. E noi rivendichiamo anche quelle caratteristiche sono state conservate nel nostro lignaggio e sono ancora presenti in noi nel nostro comportamento quotidiano a tutte le età, a meno che non li neghiamo in particolare attraverso alcune argomentazioni razionali ad hoc, o attraverso un po 'di maltrattamento dell'educazione emotiva dei nostri figli.
Inoltre, pensiamo, come abbiamo detto sopra, che l'espansione di sessualità femminile come parte della conservazione della tendenza neotenica nella nostra discendenza ha provocato l'intreccio di sensualità, tenerezza, e la sessualità che ha dato, e dà ancora, stabilità alla convivenza familiare.
L'espansione della sessualità femminile costituiva la gioia nel fare
92
cose insieme in cooperazione come modo di vivere coltivato e conservato di generazione in generazione nell'apprendimento dei bambini.
La cooperazione sta facendo le cose insieme nell'amore, nella fiducia e accettazione reciproca, nel piacere del fare insieme. Come tale la cooperazione costituisce uno spazio relazionale completamente diverso da quello in cui i rapporti di dominazione, sottomissione e competizione, prendere posto. In altre parole, usiamo la parola "cooperazione" ogni giorno vita per riferirsi a fare le cose insieme per un esplicito o implicito scopo comune in uno spazio di piena libertà comportamentale, nella fiducia, e in accettazione reciproca implicita o esplicita. La cooperazione no si svolgono in uno spazio di richieste, sfiducia e controllo. Inoltre, la cooperazione costituisce uno spazio relazionale in cui l'intelligenza è spontaneamente aperto alla continua espansione senza sforzo, come a semplice risultato dell'amore come molto emotivo che lo rende possibile un modo di vivere. Infine, pensiamo che sia solo nella relazione spazio di intimità, nell'accettazione della vicinanza del corpo del altro in cooperazione, dove potrebbe sorgere la vita nella lingua, e in infatti è sorto La lingua potrebbe sorgere solo in uno spazio relazionale di questo tipo, perché è solo vicinanza nella reciproca accettazione e intimità ciò rende possibile coordinamenti occasionali di consensuali coordinamenti di comportamento per cominciare a essere conservati come un modo di vivendo insieme. E pensiamo che un tale spazio di intimità stabile in l'amore e la cooperazione sono stati creati nella nostra discendenza dall'espansione di la sessualità delle femmine, mentre apriva uno spazio per l'espansione della sessualità in generale.
Inoltre, pensiamo che sia la sessualità della femmina ampliato all'interno della tendenza neotenica del lignaggio, la sessualità del maschio si espande anche nei domini della tenerezza e sensualità, e la femmina e il maschio divennero co-partecipanti a questi dimensioni. Maschio e femmina si sono costituiti l'un l'altro nella sensualità, tenerezza e sessualità attraverso la partecipazione alla sensualità, tenerezza e sessualità. In questo processo sono diventati sistemici partner nel vivere in cooperazione, ognuno dei quali diventa sistemico partecipante alla conservazione della sessualità come fonte di piacere e giocosità con l'altro (giocosità come la gioia di fare dentro
93
la gioia di vivere, vedi Maturana e Verden-Zöller, 1993). Anzi, noi pensa che deve essere stata giocosità maschio / femmina nel neotenico tendenza che ha permesso e conservato la progressiva espansione di sessualità femminile che ha reso possibile la vita nella lingua. Questi non lo sono affermazioni romantiche; è sufficiente osservare noi stessi nelle nostre relazioni di amicizia per vedere l'amore non distorto da ingiunzioni culturali o raccomandazioni.
Nel lignaggio che ha dato origine agli scimpanzé, le cose devono sono stati diversi proprio perché c'era poca espansione di Neoteny dopo il loro lignaggio e il nostro separato circa 6 milioni di anni fa, o perché neotenia non è diventata la tendenza che ha definito il loro lignaggio. E pensiamo che a causa dell'assenza di una tendenza neotenica non c'era un'espansione della relazione d'amore tra madre e figlio l'età adulta. Inoltre, pensiamo anche che a causa dell'assenza di una tale tendenza neotenica, nonché a causa della conservazione di intensi rapporti di dominio e sottomissione nella vita adulta di i membri del lignaggio che diedero origine agli scimpanzé, i i membri di quel lignaggio non si sono mai sviluppati nella loro convivenza grado di intimità e permanenza delle relazioni interpersonali in una convivenza che avrebbe permesso loro di vivere cooperazione e infine ad adottare pienamente il linguaggio come modo di vita. Quando Frans de Waal parla nei suoi scritti su "scimpanzé" politica ", si riferisce direttamente alla vita degli scimpanzé come un modo di vivere centrato nella lotta per il dominio e la sottomissione.
In sintesi, pensiamo che come scimpanzé è rimasto politico animali centrati nella lotta per il dominio e la sottomissione nella loro vita adulta, non potevano vivere abbastanza intimità ricorsiva linguaggiare e vivere in conversazioni per diventare il loro modo di vita.
Cooperativa contro la vita politica
Consideriamo che noi esseri umani siamo cooperativi, e non animali politici, e la pensiamo così perché la cooperazione è una caratteristica centrale del modo di vivere umano. Secondo Frans de Waal e altri osservatori, gli scimpanzé cooperano nell'aggressione. Ovviamente,
94
la fiducia reciproca operativa è fondamentale per fare le cose insieme l’aggressività e la cooperazione nell'aggressione dura finché operativa invece la fiducia reciproca dura sempre. Ma quando la fiducia reciproca non è fondamentale lo stato d'animo che guida la convivenza, la cooperazione è necessariamente transitoria, e fare le cose insieme diventa una caratteristica delle dinamiche politiche delle relazioni fondate su alleanze circostanziali, costituenti a sfondo di ipocrisia, come succede con gli scimpanzé.
Anche noi umani, naturalmente, partecipiamo ad alleanze politiche, ma, affermiamo, non come una caratteristica propria del modo di vivere che ci ha resi umani. Pensiamo che le alleanze politiche siano diventate una caratteristica centrale della nostra vita culturale nella nostra tradizione europea solo negli ultimi 10.000 anni dall'origine del patriarcato.
In effetti, noi umani facciamo alleanze politiche pienamente consapevoli di ciò che sono essenzialmente transitorie e non basate sulla fiducia perché sono manipolative delle relazioni interpersonali poichè avvengono al di fuori dell'amore. Cioè, noi sappiamo come rendere tali azioni coordinate basate su politiche di alleanze o alleanze basate sulla coincidenza di interessi transitori e sappiamo che non sono attendibili proprio perché non sono basati sull'amore Le alleanze non hanno la permanenza di accettazione reciproca radicata in un modo sociale di vivere, e non sono azioni sociali, sono azioni politiche. Quindi, anche se noi umani facciamo alleanze politiche, le alleanze politiche non sono la nostra forma fondamentale di convivenza. In noi la cooperazione come modo di vivere è essenzialmente una caratteristica della vita quotidiana di una convivenza costituita su una base di fiducia reciproca permanente che si basa sulla conservazione dell'amore come fondamento per la vita sociale.
Intelligenza e cooperazione
Nella nostra attuale cultura patriarcale di solito si parla di intelligenza in ambiti tecnici e professionali come la abilità costituita dalla capacità di risolvere problemi. Allo stesso modo, si parla di cooperazione come se consistesse di attività sinergiche, indipendentemente dalle emozioni coinvolte. Noi autori, la pensiamo diversamente. Pensiamo che se ci occupiamo di come si usa la parola intelligenza nella vita quotidiana non professionale, lo vediamo la usiamo per riferirci a situazioni o circostanze in cui un essere umano
95
o un animale non umano partecipa a un dominio consensuale comportamenti, sia in uno già stabilito, sia nella costituzione di uno nuovo. Quindi, ad esempio, se porti un gattino a casa tua, e vedi che impara facilmente dove depositare le sue feci, dove tu darle da mangiare e come dormire con te, probabilmente diresti che è molto intelligente. Lo stesso sarebbe vero per una persona.
Con la parola "cooperazione" c'è anche una differenza nel suo uso nella vita quotidiana e in circostanze più tecniche. Nella vita quotidiana usiamo la parola "cooperazione" in un modo che implica l'emozione di accettazione reciproca e il piacere nel fare le cose insieme, e non semplicemente una coincidenza di attività per una maggiore efficacia. È nel modo in cui usiamo le parole "intelligenza" e "cooperazione" nella vita quotidiana, che usiamo queste parole nel presente saggio.
Come abbiamo detto prima, sia la vita politica che cooperativa comportano la consensualità, ma lo fanno in modo diverso. In una vita quotidiana vissuta come convivenza politica c'è una limitazione dell'attenzione al dominio della lotta per il dominio e la sottomissione.
Questa restrizione dell'attenzione alla concorrenza in qualsiasi circostanza costituisce una dinamica sistemica che ne canalizza la possibilità l'espansione evolutiva dell'intelligenza in uno stretto sentiero.
La convivenza cooperativa, al contrario, allarga l'attenzione di quelli che vivono insieme in esso a tutti i possibili domini di convivenza nel rispetto di sé e l'accettazione reciproca. Pertanto, la cooperazione costituisce una dinamica quotidiana sistemica che è la base per una sistemica tendenza evolutiva di espansione e conservazione dell'intelligenza.
Non dimentichiamo che le emozioni sono vissute nella loro realizzazione e costituiscono delle dinamiche sistemiche per la loro conservazione.
La differenza nella dimensione del cervello tra gli scimpanzé (intorno 450 cc) e gli esseri umani (circa 1500 cc), con tutto l'interno le differenze che tale differenza comporta, sono, secondo noi, il risultato di questi due modi sostanzialmente diversi di vivere in comunità.
Uno, il modo di vivere umano, è fondamentalmente sociale nel conservazione della cooperazione e della consensualità senza restrizioni, e costituisce la base per una tendenza evolutiva del sistema espansione dell'intelligenza durante tutta la vita. L'altro,
96
il modo di vivere dello scimpanzé è fondamentalmente politico nella conservazione della concorrenza e lotta per il dominio e la presentazione e costituisce la base per una tendenza evolutiva di restrizione sistemica dell'intelligenza al dominio ristretto possibile in competizione nella vita adulta. Quindi, pensiamo che l'aumento del cervello la dimensione nella storia evolutiva del nostro lignaggio è la conseguenza della conservazione sistemica riproduttiva di un modo di vivere in cooperazione piuttosto che nella competizione e nell'aggressione. Noi moderni gli esseri umani hanno un cervello languente, amorevole e cooperativo, per così dire, perché apparteniamo a un lignaggio in cui linguaggiare, la cooperazione e l'amore sono stati sistematicamente conservati in modo evolutivo tendenza in cui tutte le variazioni genetiche sono state sistematicamente cooptate nella conservazione e l'espansione di quel modo di vivere.
Conservazione della discendenza umana
Pensiamo che l'espansione della sessualità femminile in associazione con
la tendenza neotenica della discendenza umana è stata fondamentale per
la costituzione dei piccoli gruppi cooperativi o delle piccole famiglie in Italia
quale languore sorse e cominciò a essere conservato spontaneamente,
generazione dopo generazione, come modo di vivere nell'apprendimento
dei bambini mentre vivevano nell'intima sensualità, tenerezza e
cura. Sessualità, tenerezza e sensualità, costituite nella nostra origine
e costituiscono ancora oggi, le dimensioni relazionali fondamentali su
che riposa la permanenza di una famiglia come spazio di convivenza
in cooperazione e consensualità (vedi Appendice 7).
Come abbiamo indicato in un'altra sezione di questo saggio, è del
restrizione unidirezionale di variabilità praticabile determinata dal
conservazione sistemica di un modo di vivere che si presenta una tendenza nel
conservazione di cambiamenti genetici e non genetici in un lignaggio, o in
un sistema di lignaggi. Questo è evidente nella trasformazione del
corpi dei membri del nostro lignaggio in relazione alla conservazione
del modo di vivere umano che è iniziato con il vivere dentro
linguaggiare. È anche evidente nella trasformazione di quella del bambino
e i corpi della madre sotto la conservazione spontanea
comportamento sensuale, tenero e giocoso della madre e del bambino in
97
gioia del reciproco contatto e carezza. Di conseguenza, pensiamo che
la forma attuale del corpo umano (la sua fisiologia, la sua anatomia,
la sua genetica e le dinamiche emotive che ne derivano)
è il risultato di una storia evolutiva ininterrotta di coerenti
cambiamenti successivi che si sono verificati in una tendenza ininterrotta
definito dalla conservazione di un modo di vivere in conversazioni
di tenerezza e cura reciproca che incanalavano la deriva genetica di
il lignaggio. Inoltre, pensiamo anche che questo deve essere successo
come una caratteristica della deriva filogenetica di una singola famiglia, o in una piccola
rete di famiglie di consanguineità. In una tale storia, l'espansione di
la sessualità femminile deve aver creato l'intimità e il fondamento
per le dinamiche di conservazione sistemica di un vicino e permanente
vivere insieme in una piacevole convivenza che ha reso possibile entrambi
la convivenza nel linguaggio e nella cooperazione e l'espansione di
intelligenza nell'espansione della consensualità cooperativa. Nessun dubbio
che dal punto di vista della nostra attuale vita culturale in una cultura
di dominio e sottomissione, sfiducia e controllo, aggressività,
competizione, manipolazioni politiche, abusi e guerre, la richiesta
che noi esseri umani moderni siamo il presente di un biologico
la storia centrata sull'amore, sulla fiducia e sulla cooperazione sembra assurda
e definitivamente sbagliato. E sembra così perché di solito guardiamo
tutto il processo biologico come se dovessero avvenire secondo il nostro
emozione culturale. Ma se guardiamo le emozioni di base che
porta gioia e felicità in esseri umani sani, troviamo l'amore dentro
la sua semplicità come dominio di quei comportamenti relazionali attraverso
quale altro nasce come legittimo altro in coesistenza con noi.
Non c'è dubbio che nella storia del lignaggio Homo a cui
noi esseri umani moderni apparteniamo, molti rami devono essere sorti
come variazioni attorno alla conservazione di una vita nel linguaggio che
hanno seguito un corso diverso dal nostro. Il fatto che quei lignaggi
estinto non altera la validità di ciò che diciamo, ma esso
rivela che sono andati in diversi corsi evolutivi rispetto ai nostri
lineage attraverso la conservazione sistemica, forse, delle conversazioni
questo non ha conservato la biologia dell'amore e dell'intimità. Diciamo questo
98
perché pensiamo che sia la conservazione della vita nel linguaggio in
la biologia dell'amore e dell'intimità che ci ha resi umani.
In altre parole, pensiamo che ciò che era centrale nella costituzione
e la sopravvivenza del lignaggio dei primati che ha portato all'umanità come noi
viverlo ora era la conservazione dell'amore come emozione radicata
per la convivenza in piccoli gruppi familiari. Questo è il motivo per cui lo pensiamo
la denominazione corretta del nostro lignaggio Homo sin dal suo inizio
nella conservazione del vivere in lingua al presente che noi
ora vivo, dovrebbe essere Homo sapiens-amans (Bunnell, 1997). In questo
denominazione l'espressione sapiens si riferisce alla vita nella lingua,
e l'espressione amans si riferisce all'emozione fondamentale sotto la quale
il lignaggio è stato conservato. E scriviamo Homo sapiens-amans,
legando sapiens e amans con un trattino, perché lo pensiamo
nell'origine umana il languaging e l'emotivo erano connessi;
l'amore era l'emozione che rendeva possibile lo spazio dell'intimità e
permanenza nel vivere nel piacere di fare le cose insieme
quale linguistica potrebbe sorgere come un modo di vivere conservato da
generazione in generazione nell'apprendimento dei bambini.
Una volta viveva nella lingua aveva cominciato a essere conservato nel nostro Homo
lignaggio di sapiens-amans, divenne possibile per altri linguaggi
lignaggi in cui l'amore ha progressivamente diminuito la sua presenza come a
emozione di base da cui partire. Pensiamo che inizialmente quelli
i lignaggi non hanno e non potrebbero persistere a lungo precisamente perché come
amore come l'emozione radicata della vita quotidiana diminuita in loro,
il gruppo non è stato in grado di sopravvivere a disastri ecologici. I membri
di quei lignaggi non potrebbero formare comunità stabili con il genere
di coerenza emotiva interiore che potrebbe portare all'espansione e
conservazione dell'intuizione e comprensione del risultato in
cooperazione necessaria per superare tali disastri.
Eppure, quando nel corso della storia evolutiva il nostro lignaggio
di Homo sapiens-amans raggiunse una maggiore capacità per il
manipolazione della natura e per la giustificazione argomentativa,
negazione o nascondimento di sentimenti, altre emozioni come l'arroganza
e l'aggressività potrebbe iniziare a essere conservata con successo ogni giorno
vita. Quando l'arroganza o l'aggressione si verificano occasionalmente, senza
99
essere conservati di generazione in generazione nell'apprendimento
dei bambini, il suo accadimento era storicamente irrilevante per il
conservazione della nostra condizione come esseri umani amorevoli. Comunque noi
Pensa che a causa di qualche particolare circostanza della vita quotidiana nel nostro
antenati circa dodicimila anni fa, arroganza e aggressività
cominciò ad essere nutrito nell'apprendimento dei bambini e divenne
sistematicamente conservato da una generazione all'altra come a
modo di vivere. Come quello che è successo, le dinamiche relazionali hanno comportato
da queste emozioni ha sostituito l'amore come base relazionale del gruppo
coesistenza dando così origine a un nuovo lignaggio culturale centrato
sfiducia, controllo, dominio e sottomissione, appropriazione e
discriminazione; cioè la cultura patriarcale che più umanità
vive oggi
Senza dubbio ci sono delle somiglianze tra il nostro comportamento e il
comportamento degli scimpanzé e alcune di queste somiglianze chiaramente
corrispondono alle caratteristiche dei primati conservate in entrambi noi dal nostro
antenati comuni. Tuttavia, altre somiglianze, come la corrente
la vita politica, pensiamo, è recente (circa 10.000 anni, forse,
nella nostra storia europea) risultato di un approccio culturale nel nostro
vivere quotidianamente come esseri patriarcali al modo di vivere politico
degli scimpanzé, che ha una storia biologica molto più lunga
(4 o 5 milioni di anni, forse) di conservazione della lotta
per il dominio e la sottomissione nella vita adulta. Anzi, nell'ultimo
sette o più mille anni di storia nell'Europa centrale, la vita ha
progressivamente diventare sempre più politico attraverso il crescente
strumentalizzazione di tutte le relazioni che la nostra convivenza patriarcale
nel dominio, nella sottomissione e nella competizione della dinamica
porta inevitabilmente avanti (vedi la sezione sul patriarcato). Che tipo
di conseguenze può avere questo nella nostra biologia? Quali conseguenze
può avere questo nella nostra fisiologia, anatomia e genetica?
Etica
Perché e in che modo noi esseri umani moderni ci preoccupiamo per il conseguenze delle nostre azioni? La biologia non interessa. Il cosmo non gli interessa. Siamo il presente di una storia cosmica e biologica

100
quei corsi senza scopo, obiettivo o progetto. Siamo successi e nulla nella storia che ci ha dato origine era necessario. Noi siamo un risultato di una deriva evolutiva, non il prodotto di un disegno o di un scopo. Ma come il tipo di animali che siamo come risultato di tale una storia, ci importa, abbiamo preoccupazioni etiche, vediamo le nostre azioni, e ci prendiamo cura delle loro conseguenze per gli altri o per la biosfera.
Secondo noi, è così perché amiamo gli animali. L'amore non è buono o cattivo di per sé, è solo il dominio relazionale in cui prende posto vita sociale, fiducia, cooperazione e espansione del comportamento intelligente.
Le preoccupazioni etiche, la responsabilità e la libertà esistono solo nel dominio dell'amore mentre viviamo come animali che languiscono. Preoccupazioni etiche, responsabilità, e la libertà sorge solo quando si vede l'altro e se stessi, così come le conseguenze delle proprie azioni sull'altro o su se stessi, e agisce a seconda che si voglia o no voglio quelle conseguenze. In altre parole, per avere preoccupazioni etiche, essere responsabili, essere liberi, vedere l'altro e se stessi nella sua legittimità. Cioè, si deve operare come un linguaggio essere nella biologia di vedere l'altro come un altro legittimo, che è la biologia dell'amore. Le preoccupazioni etiche appaiono nella biosfera con esistenza umana nella lingua, e hanno luogo o no; Se si verificano preoccupazioni etiche, possono verificarsi comportamenti etici.
La lingua non è un sistema di comunicazioni simboliche, lingua è un modo di vivere insieme in un flusso di coordinamenti consensuali di consensuali coordinamenti di comportamenti. Inoltre, non lo facciamo semplicemente viviamo in linguaggi, viviamo conversazioni nell'intreccio di languaging ed emotivo. L'etica è un tipo particolare di conversazione, una conversazione riflessiva di vedere e curare le conseguenze delle proprie azioni sugli altri. In altre parole, l'etica è la rete di azioni ed emozioni in cui la cura e la preoccupazione per le conseguenze delle proprie azioni sugli altri è presente in quale fa, e si agisce in un modo che implica l'accettazione delle conseguenze di quella cura e preoccupazione. L'etica appartiene al dominio delle emozioni, non di ragione, e in quanto tale appartiene al dominio dell'amore.
101
Noi esseri umani ci prendiamo cura di altri esseri umani e di altri esseri viventi esseri nella biosfera e hanno preoccupazioni etiche ed etiche comportamento, perché stiamo amando, linguando gli animali. Cioè, noi appartenere a una storia evolutiva in cui la biologia dell'amore è stata una caratteristica centrale del modo di vivere che ha definito il nostro lignaggio. Eppure, vediamo l'altro e ci prendiamo cura di lui o lei solo per il misura in cui abbiamo vissuto nella biologia dell'amore e dell'intimità, e hanno coltivato vedere e prendersi cura dell'altro come parte della nostra vita come prendersi cura degli esseri umani con altri esseri umani. Inoltre, è come viviamo in conversazioni riflessive ricorsive che ci permettono di guardare i nostri desideri e vedere se ci piacciono o meno nel contesto di altri desideri, che possiamo avere preoccupazioni etiche e comportamenti etici prendendosi cura delle conseguenze dei nostri desideri sugli altri. Questo è, apparteniamo a una storia evolutiva in cui vivono nel linguaggio e nelle conversazioni riflessive è stato un altro sistema centrale caratteristica del modo di vivere che ha definito il nostro lignaggio. Eppure è solo nella misura in cui abbiamo vissuto in riflessione rilasciando il nostro attaccamento ai nostri desideri, così che diventiamo aperti a guardare le conseguenze di ciò che facciamo e agiamo secondo se noi piacciono o non piacciono quelle conseguenze, che possiamo riflettere sul conseguenze delle nostre azioni sugli altri e quindi hanno preoccupazioni etiche.
Inoltre, per avere preoccupazioni etiche dobbiamo operare nel rispetto per noi stessi, accettando la legittimità dei nostri desideri durante il rilascio il nostro attaccamento a loro, in modo che possiamo riflettere sulle conseguenze delle nostre azioni e siamo responsabili nei loro confronti nel dominio del nostro vivere con gli altri senza negare noi stessi nel processo. Eppure, a facciamo così dobbiamo vivere nel rispetto di noi stessi e nel rispetto dell'altro, cioè, nella biologia dell'amore.
Non stiamo parlando di un imperativo etico. Stiamo parlando di la biologia dell'etica, di ciò che nella nostra vita fanno gli esseri umani le nostre preoccupazioni etiche possibili. Non dobbiamo essere etici, ma se viviamo nella biologia dell'amore come esseri umani, prima o poi iniziare ad avere preoccupazioni etiche in relazione a quegli altri umani esseri il cui vivere conta per noi. Non stiamo raccomandando l'amore, né raccomandiamo un comportamento etico, ma solo se viviamo
102
la biologia dell'amore e le preoccupazioni etiche, possiamo davvero vivere come esseri umani sociali che non rimangono intrappolati nella cultura di dominio e sottomissione o nella cultura dell'indifferenza.
L'amore è il nostro fondamento, la vicinanza il nostro fondamento e quando perdiamo l'amore e la vicinanza proviamo ancora e ancora a recuperarli perché senza di loro spariamo anche come Homo sapiens-amans e i nostri corpi possono ancora rimanere Homo sapiens come entità zoologiche.
Anche la salute, la nostra salute psichica e fisiologica, dipende dall'amore e l'accettazione della vicinanza del corpo di altri esseri umani, e una parola innamorata o un tocco inteso come una carezza, può ristabilire un'armonia fisiologica e psichica perduta. Se non ci rendiamo conto di questo, se non vediamo che le preoccupazioni etiche sorgono nell'amore, e noi crediamo che appartengono al dominio della nostra razionalità, nel nostro desiderio una vita sociale armoniosa iniziamo a usare argomentazioni razionali o addirittura forzare per assicurare qualcosa che assomigli al comportamento etico. Come perdiamo rispetto per le nostre emozioni iniziamo a usare argomenti razionali per nascondere, negare o giustificare. Lo facciamo in un percorso che conduce progressivamente alla negazione dell'altro attraverso la manipolazione come diventiamo Homo sapiens aggressans nell'espansione della passione patriarcale per controllo. Sappiamo tutto questo, ma lo dimentichiamo nell'illusione di onnipotenza attraverso un fraintendimento dell'intelligenza come noi pensalo come uno strumento di controllo e manipolazione. Ma ora che siamo consapevoli che il nostro comportamento determina ciò che noi siamo e ciò che i nostri bambini diventano, possiamo scegliere: preferiamo conservare un lignaggio di Homo sapiens-amans o un lignaggio di Homo sapiens aggressans? (Vedi anche Bunnell 1997, Bunnell e Sonntag, 2000.) Questa scelta è una questione di emozioni, cioè, è una questione di desiderio - cosa vogliamo davvero conservare?
Queste riflessioni sembrano cadere fuori dalla biologia, ma non lo fanno, perché si occupano dell'essenza della deriva filogenica - vale a dire si occupano della costituzione dei lignaggi attraverso il sistema riproduzione di un modo di vivere sostanzialmente definito dal preferenze che i sistemi viventi hanno in ogni istante nel corso della loro vita.
103
4: Il nostro presente
Abbiamo già detto in molti modi che l'evoluzione biologica segue
il percorso della conservazione di ogni modo di vivere che costituisce
una discendenza attraverso la sua conservazione riproduttiva sistemica. E noi
ho anche detto che la diversificazione evolutiva ha luogo quando
le variazioni nei modi di vivere cominciano a essere conservate
riproduzione, e che in questo modo nascono nuovi lignaggi o come
una ramificazione di quelli precedenti, o come sostituzione di quelli vecchi
che si estingue. Inoltre, abbiamo anche insistito sul fatto che in questo
elaborare il modo di vivere conservato in un lignaggio è conservato
sistemicamente, attraverso ciò che chiamiamo riproduzione sistemica, e quello
di conseguenza il genoma dei membri del lignaggio diventa libero
per cambiare entro i limiti definiti dal modo di vivere
così conservato. Di conseguenza, la conservazione sistemica di a
il modo di vivere può determinare un percorso di deriva genetica che facilita,
o rende inevitabile, la realizzazione epigenetica del modo di
vivere conservato attraverso i membri del lignaggio in un mezzo
ciò sta sorgendo con loro nella loro epigenesi. Nel dire questo, lo siamo
dicendo che la conservazione sistemica dei canali di abitudini comportamentali
il percorso delle trasformazioni genetiche che si svolgono nella storia di
un lignaggio. E diciamo che questo succede quando le abitudini imparano
i nuovi membri di un lignaggio mentre vivono da soli, con i loro genitori,
o con altri membri della loro comunità, diventano caratteristiche del
modo di vivere conservato.
In queste circostanze, non si può non rendersi conto che ciò che sarà
accadere nell'evoluzione del nostro lignaggio dipenderà dal modo
di vivere sistemicamente conservati da una generazione all'altra in
la vita dei nostri figli. La nostra identità umana sarà conservata
come Homo sapiens-amans, o sparirà e qualcos'altro
sorgere al suo posto? Per rispondere a questa domanda dobbiamo riflettere su cosa
costituisce la nostra identità sistemica come esseri umani.

104
Relazione madre / figlio
Un essere umano è un modo di vivere nelle conversazioni che si presentano
ogni singolo essere umano nella relazione dinamica della sua persona
Homo sapiens sapiens corporeità e il mezzo formato da altri
gli esseri umani e il resto della biosfera. Cioè, l'umano
l'essere si verifica nell'interazione dinamica sistemica dell'essere umano
modo di vivere e l'Homo sapiens sapiens corporeità. Come noi
hanno detto, questa forma fisica è sorta come risultato del particolare
storia evolutiva di conservazione delle trasformazioni corporee
che ha avuto luogo lungo la conservazione del linguaggio come il modo
del vivere che ci ha costituiti come esseri umani.
Nei capitoli precedenti, abbiamo descritto come lo affermiamo
l'umanità, la nostra umanità come esseri languenti con un Homo
sapiens-amans corporeità, nacque attraverso la conservazione del nostro
modo di vivere come generazione di primati bipedi amorevoli neotenici
dopo generazione nell'apprendimento dei bambini. Pertanto, vivere come
L'Homo sapiens-amans rende possibile la conservazione dell'Homo
sapiens-amans bodyhood, che a sua volta rende possibile vivere come
Homo sapiens-amans. Di conseguenza la nostra identità di Homo sapiensamans
è sistemico e sarà conservato nel biologico e
flusso culturale le nostre successive generazioni solo fino a quando la struttura
e dinamiche relazionali che la costituiscono come una particolare forma fisica
e come un modo particolare di vivere, coinvolgendo sia la corporeità che
medio, sono sistematicamente conservati.
Quindi, biologicamente siamo esseri amorevoli con un Homo sapiensamans
bodyhood che è conservata dal nostro vivere come Homo sapiensamans,
è come esseri umani amorevoli. Nel seguente testo lo faremo
usa l'espressione "amorevole umanità" per riferirsi agli Homo sapiensamani
modo di essere.
I principali aspetti del vivere nell'amare l'umanità, nel sistemico
dinamica che fa e conserva quel modo di vivere
vivere, amare e giocare nell'intimità della madre / figlio
relazione. Un'infanzia vissuta in questo modo comporta la conservazione
di auto e rispetto sociale in età adulta come l'emozione di base
che rende possibile vivere in un ambito di cooperazione, cura reciproca,
105
gioco, gioia e bellezza. Come uno di noi ha mostrato, la madre primaria /
la relazione tra i bambini è una relazione di totale fiducia nella vicinanza del corpo e reciproca
accettazione del corpo. In questa relazione dinamica del gioco con la madre,
un bambino impara il suo corpo e il corpo dell'altro (vedi Verden-
Zöller in Maturana e Verden-Zöller, 1993). Attraverso questo processo
il bambino sviluppa la consapevolezza di sé e sociale nel rispetto di sé e
rispetto per l'altro, nell'auto-accettazione e accettazione dell'altro.
Allo stesso tempo attraverso questo processo lui o lei crea il mondo
che lui o lei vive e vivrà come un'espansione del suo corpo
attraverso le sue dinamiche relazionali. Quando questa madre primaria /
la relazione infantile non è fondamentalmente disturbata, la condizione di amare
l'umanità è direttamente conservata come un modo di vivere in adulto
vita. Se la relazione madre / figlio è disturbata, ma c'è almeno
un altro essere umano con cui il bambino in crescita trova totale
accettazione, fiducia e cura, la condizione di amare l'umanità può
essere conservati o recuperati attraverso la biologia dell'amore.
Cerchiamo di metterlo in qualche modo in modo diverso. Un bambino umano diventa un
essere singolare mentre vive le sue relazioni con altri esseri,
e lui o lei diventa un essere umano amorevole come lui o lei vive il suo o
sua relazione madre / figlio in amore e gioca come un bambino in crescita tra
amare gli esseri umani. Le dinamiche relazionali fondamentali del totale
fiducia nel corpo nella reciproca accettazione tra gli esseri umani, fa e
conserva un bambino amorevole, intelligente, rispettoso e socialmente
linguaggiare responsabile essendo in un dominio sociale umano.
Come un bambino cresce nel rispetto di sé e rispetto per gli altri come lui o lei
diventa un essere umano individuale, fa la sua individualità
non esistere o sorgere in opposizione alla comunità sociale a cui
lui o lei appartiene. Al contrario, il bambino diventa un individuo
essere umano come lui o lei diventa un essere sociale e diventa a
essere sociale come lui o lei diventa un essere umano individuale. Se come
un bambino cresce, lui o lei sviluppa un modo diverso di essere
questo è appropriato per la comunità a cui appartiene, lui
o crescerà come un essere diverso dagli altri membri del
Comunità. Tale evento costituisce un'apertura per una variazione
nella storia dell'umanità che può portare ad un altro tipo di essere,
106
culturalmente o biologicamente. Che ciò accada o no, di
Certo, dipende se la nuova identità personale è conservata
come un nuovo modo di vivere o meno nell'apprendimento dei bambini
che crescono con questa persona Se anche gli adulti creano le condizioni
in base al quale la nuova identità personale può effettivamente essere sistematica
conservato in una nuova generazione, ha luogo un cambiamento culturale. Quella
è, un cambiamento culturale accade quando inizia una nuova identità personale
essere sistematicamente conservati come un nuovo modo di vivere in un nuovo
rete di conversazioni che si espande improvvisamente o progressivamente
in una comunità più grande.
Un tale cambiamento culturale sarà un cambiamento culturale solo fino a quando
la relazione madre-bambino umana di base è conservata. Se la base
modello umano di relazione madre / figlio e educazione del bambino in
la generazione e la conservazione del rispetto personale e sociale erano
perso attraverso qualche cambiamento nel nostro modo di vivere culturale, e se
tale cambiamento doveva essere sistematicamente conservato nelle generazioni
a venire, la nostra storia umana subirebbe più di una cultura
modificare. Apparirà un nuovo tipo di essere. È probabile che ora lo faccia
accadere?
Patriarcato
La maggior parte degli esseri umani oggi vive in una cultura patriarcale di un tipo o di un altro. Una cultura patriarcale consiste in un modo di vivere centrato sull’appropriazione, dominio e sottomissione, sfiducia e controllo, discriminazione sessuale e razziale e guerra.  Nella cultura patriarcale la convivenza umana può avere molte forme diverse, ma è essenzialmente una forma politica. In esso le relazioni sono viste principalmente come strumentali per ottenere superiorità in una continua lotta di potere, e sono vissute principalmente come tali. Questo modo di vivere politico, tuttavia, non è una caratteristica primaria della nostra costituzione evolutiva come esseri umani, che è stata, come abbiamo detto, una storia evolutiva centrata sull'amore e la fiducia reciproca, non sull'aggressività e la sfiducia. Il nostro modo di vivere politico è una caratteristica del patriarcato attualmente predominante nella cultura che è diventata fondamentalmente una rete di conversazioni conservata nell'apprendimento dei nostri figli, un modo di vivere simile

107
al modo di vivere degli scimpanzé in una lotta permanente per dominio e sottomissione.
Che questo dovrebbe essere così non è del tutto inaspettato, perché le culture
sorgere, come specie, nella conservazione di alcune modalità di base di
vivendo, definito e realizzato in noi esseri umani come un ricorsivo chiuso
rete di conversazione attorno alla quale tutto il resto è aperto a cambiare.
Inoltre, ciò che è peculiare delle culture come modi di vivere
le reti chiuse di conversazioni sono quelle nella particolare dinamica
treccia di languire ed emozionare che ognuno è, è il
particolare configurazione di emozioni conservate in ciascuna di esse
definisce il suo particolare carattere o identità. In queste circostanze,
una cultura centrata sull'emozione dell'appropriazione
e la sfiducia nelle dinamiche di dominio e sottomissione, è
destinato a diventare, prima o poi, una rete di conversazioni di
manipolazione e controllo (in un modo emotivo come quello
vissuto da scimpanzé), e quindi, una cultura politica in un politico
modo di vivere. Noi affermiamo che questo è ciò che è accaduto sopra il
ultimi 7000 anni con l'origine della nostra cultura patriarcale occidentale,
come sorse attraverso un cambiamento nella vita dei nostri antenati da
l'emozione dell'amore e della fiducia per vivere nell'emozione di
sfiducia, appropriazione e controllo. E questo è così tanto, che in
il nostro impegno quotidiano con il nostro vivere nella patriarcalità lo abbiamo anche
venire a sviluppare teorie per giustificare la nostra vita politica, fingendo
che lo facciamo in accordo con le nostre condizioni biologiche per giustificare
la nostra richiesta agli altri di rispettare il modo di vivere che noi
voglio che loro vivano. Inoltre, siamo così immersi nell'emozione
di sfiducia, controllo e appropriazione che usiamo i nostri grandi
capacità consensuale (cioè la nostra intelligenza) per trasformarli
aspetti particolari della nostra vita comunitaria che sono le reti
di conversazioni che costituiscono domini relazionali come la scienza,
religioni, teorie filosofiche o denaro in strumento per
uso politico.
Cerchiamo di espandere qui quello che abbiamo appena detto sulla patriarcalità,
anche se ne abbiamo già pubblicato alcuni in un altro libro
(vedi Maturana e Verden-Zöller, 1993). Noi, gli autori di questo
108
saggio, sostiene che la vita politica cominciò a essere un modo di vivere in noi
gli umani come patriarcato iniziarono come cultura con la conservazione di a
modo di vivere in appropriazione, inimicizia, sfiducia, controllo, valutazione
di procreazione e guerra. Pensiamo che questo sia accaduto come un fatto culturale
cambiare attraverso la costituzione della vita pastorale in Asia tra
le persone che in seguito divennero gli indoeuropei che invasero a
Europa matristica. Un cambiamento culturale si verifica quando la rete chiusa
di conversazioni che definisce e conserva una cultura cambia. Noi
pensa che per un cambiamento culturale, la configurazione di
emotivo che guida il flusso della rete di conversazioni
della cultura originale deve cambiare, e la nuova emozione così
sorgere deve essere conservato attraverso il nuovo modo di vivere che esso
provoca. E affermiamo che il patriarcato si è manifestato in t h,
quando si forma la realtà dell'emozione del non patriarcale
la cultura da cui è sorto è cambiata in quella particolare nuova
ciò costituisce la patriarchality in una dinamica che ha contribuito al suo
conservazione. Proponiamo in quanto segue, in modo sintetico,
uno scenario immaginario di come un tale cambiamento potrebbe aver avuto luogo
in una dinamica spontanea non intenzionale:
In una delle famiglie che ha vissuto seguendo alcune mandrie di
animali migratori, accompagnati a una certa distanza dai lupi
nutriti della stessa mandria di loro, gli adulti iniziarono a interferire con il
libero accesso dei lupi agli animali della mandria che erano loro
cibo naturale. Come hanno fatto quegli adulti, devono averlo fatto nel
consapevolezza conscia o inconscia che l'esclusione del lupo
dal suo cibo naturale era una violazione circostanziale del naturale
coerenze della vita in cui tutti gli animali e le piante hanno una corretta
posto legittimo. Molto probabilmente gli adulti hanno fatto un rituale
conservato la loro consapevolezza della violazione dell'ordine naturale con
cosa stavano facendo; forse quegli adulti si sono persino scusati con
lupi per aver interferito con il loro libero accesso alla mandria. I motivi
che gli adulti avevano nell'escludere i lupi dal loro naturale
il cibo avrebbe potuto essere qualsiasi. Ma se in qualche occasione, per qualsiasi cosa
circostanza, non hanno spiegato ai loro figli che cosa loro
stavano facendo era una violazione dell'ordine naturale dell'esistenza, alcuni di
109
i loro figli potrebbero essere cresciuti senza essere consapevoli del sacro
relazione di partenariato che esisteva tra gli umani e il
lupi e tra i lupi e gli animali su cui essi
alimentato. Come quello che è successo, quei bambini sono cresciuti trattando l'esclusione
dei lupi dal loro cibo naturale come qualcosa di proprio al
ordine legittimo di esistenza. In questo processo, la configurazione di
emotivo vissuto da quei bambini cambiati rispetto a quello di
i loro genitori, e l'emozione di appropriazione è apparsa nella loro
vivere come un dato di fatto, dando legittimità al loro comportamento
come hanno iniziato a limitare la mobilità delle mandrie per "proteggere il
animali dall'aggressione dei lupi. "
Ma l'appropriazione porta con sé la perdita di fiducia nel precedente
accettato le coerenze naturali del mondo e la protezione
delle mandrie prima o poi ha portato alla persecuzione del
lupo, che alla fine fu sterminato al fine di ottenere sicurezza
contro di lui. Con ciò, le emozioni che costituiscono l'inimicizia e
l'aggressività appariva come legittima base emotiva per il
azioni di appropriazione e controllo come modo di vivere, e il
strumenti di caccia, che sono stati originariamente usati con timore reverenziale e
gratitudine per il cibo che hanno portato, diventato armi quando
hanno cominciato ad essere sistematicamente usati per sterminare il lupo nel
emozioni di ostilità, aggressività e arroganza. Inoltre, sotto
le circostanze di sfiducia, e nella paura che l'inimicizia con
il lupo trasportava (come tornava sempre per il suo legittimo
cibo), le azioni di controllo sono apparse nel desiderio di sicurezza. Così,
la procreazione degli animali della mandria e dei membri
della famiglia diventa una questione di interesse attivo come un modo di
vivere nel progetto di uno spazio relazionale che assicurerebbe la sopravvivenza.
In questo modo tutta la precedente configurazione dell'emozione
(fiducia, partecipazione, rispetto per tutti gli esseri viventi, condivisione, reciproco
accettazione, venerazione per la sacralità dell'esistenza) che ha definito
e conservò le conversazioni non patriarcali originali del
la famiglia è cambiata e ne è apparso uno diverso che costituiva a
nuovo modo di vivere centrato su appropriazione, sfiducia, controllo,
arroganza, valutazione della procreazione, ostilità, aggressione e guerra.
110
Infine, poiché la fiducia nelle coerenze naturali dell'esistenza è andata perduta,
vivere nella ricerca della sicurezza ha portato all'emozione che ha permesso
manipolazione degli altri, inganni e relazioni politiche come naturali
modo di vivere imparato come una caratteristica della loro crescita naturale dal
bambini. Cioè, è iniziata la cultura pastorale patriarcale.
Man mano che si stabiliva la vita patriarcale pastorale, le mandrie
crebbe sotto la protezione (cioè il controllo) della pastorale
famiglie, la crescita delle famiglie stesse attraverso la valutazione
di procreazione e rifiuto di qualsiasi nozione di controllo delle nascite,
sovrappopolazione, sovrapascolamento, distorsioni ecologiche, povertà o
la minaccia della povertà, e alla fine la migrazione, tutto appariva come
risultati spontanei. Le migrazioni hanno anche portato all'incontro con
altre comunità umane che sono state trattate allo stesso modo del
lupo, cioè distrutto o appropriato, se non ci fosse stato emotivo
coincidenza con loro. In questo processo l'intera rete di
le conversazioni patriarcali devono essere sorte con tutte le sue caratteristiche,
da discriminazioni gerarchiche, attraverso la schiavitù e il violento
appropriazione del sesso di donne straniere da parte degli uomini patriarcali per
dominio, sottomissione e uso politico. Mentre tutto questo è successo, il
creazione dell'emozione della cultura patriarcale pastorale
comportato un cambiamento così completo rispetto all'emozione di
la cultura matristica da cui è sorto, quella durante il corso
delle loro migrazioni il popolo patriarcale pastorale incontrò il
comunità di stampo europeo, hanno visto tutto in loro come
completamente ostile alla propria esistenza. In tali circostanze il
unico risultato possibile di quell'incontro per il pastorale patriarcale
la gente era guerra con lo scopo della negazione e della distruzione totali
di un modo di vivere così contraddittorio. Ma non tutto il matematico
le comunità sono state completamente distrutte; alcuni sono stati sfollati e in
altri gli uomini furono uccisi e le donne si appropriarono di
gli uomini patriarcali per essere ridotti in schiavitù e per uso sessuale e abuso.
Le culture, come reti di conversazioni, sono composte da umani
esseri di entrambi i sessi. L'espressione patriarcale non deve essere
associato solo agli uomini; allo stesso modo l'espressione matristica non lo è
essere associato solo alle donne. In una cultura patriarcale entrambe le donne
111
e gli uomini sono patriarcali, e in una cultura matristica sia uomini che donne
le donne sono di stampo Le culture matematiche e patriarcali sono diverse
modi di vivere, diverse forme di relazione, modi diversi di
emozionare; cioè, diverse reti chiuse di conversazioni che
sono realizzati in ciascun caso da uomini e donne. Pertanto, lì
non è una contraddizione di base tra uomini e donne in una pastorale
patriarcale o in una cultura matristica, perché in entrambe le culture gli uomini
e le donne crescono in modo omogeneo patriarcale o matematico. Un fondamento
contraddizione tra uomini e donne adulti quando i ragazzi
e le ragazze vengono educate per diventare membri di culture diverse
in diversi momenti della loro educazione, che è ciò che pensiamo
accade nella nostra cultura patriarcale occidentale. Cerchiamo di espandere questo
nozione.
Pensiamo che la cultura pastorale patriarcale iniziò nella sua origine come
una cultura omogenea in cui uomini e donne sono diventati naturalmente
patriarcale, e senza contraddizioni tra di loro mentre crescevano
entrambi ugualmente immersi nelle conversazioni patriarcali. Lo stesso
deve essere successo con le donne e gli uomini nella matematica
cultura. Ma quando il popolo patriarcale pastorale incontrò il
quelli di stampo matematico, e con la guerra gli uomini patriarcali si appropriano
le donne matematiche dopo aver ucciso o ridotto in schiavitù gli uomini di stampo, in
molte comunità di stampo le donne non si sono completamente sottomesse, e
rispettato le richieste patriarcali solo nella misura in cui tale
la conformità ha permesso loro di proteggere i propri figli. Lo pensiamo
noi membri della nostra cultura patriarcale occidentale provengono da questo
situazione, e che la nostra cultura patriarcale occidentale è il risultato di a
ibridazione culturale in cui le donne della matematica riuscivano a farlo
in qualche misura per conservare la loro cultura matematica nella loro relazione con
altre donne e con i loro figli, costituendo una famiglia di stampo
nucleo nel mezzo di una vita patriarcale maschile adulto. Lo viviamo ancora
esistenza ibrida nella nostra cultura occidentale mentre cresciamo come bambini in a
l'ambiente matematico e poi alla pubertà entrano nell'età adulta patriarcale.
Di conseguenza, i bambini di entrambi i sessi nella nostra cultura patriarcale occidentale
vivi ciò che è un'opposizione culturale tra la loro madre matristica
e il loro padre patriarcale come se tale opposizione fosse intrinseca
112
contraddizione tra uomo e donna. Allo stesso tempo, nel nostro
La cultura patriarcale occidentale, i bambini di entrambi i sessi vivono in conflitto
transizione culturale da un'infanzia matristica a una patriarcale
età adulta come se si trattasse di una transizione psicologica propria
sviluppo psicologico naturale.
L'esistenza politica distrugge l'intimità, poiché è fondata sulle relazioni
di dominio e sottomissione, non sui rapporti d'amore. Qualunque cosa
la fiducia che c'è in essa, o sembra esserci dentro, è transitoria, sia perché
è ipocrita o perché è strumentale in un disegno politico.
Così, in una convivenza politica il sesso smette di essere il fondamento
intimità e la fonte più basilare di piacere nelle relazioni umane,
e diventa uno strumento per la manipolazione politica. Vita politica
mette in pericolo la conservazione della relazione madre / figlio come relazione
di fiducia totale e accettazione reciproca del corpo in gioco, e interferisce
con la corretta educazione del bambino nell'emozione di sé e
rispetto sociale che costituisce il fondamento della nostra identità umana.
Inoltre, ciò accade perché la vita politica strumentalizza tutto
relazioni, strumentalizza anche l'educazione dei bambini facendola
una funzione di design per il futuro. Questo si concentra sulla preparazione
per un ruolo in una vita politica separa il bambino e la madre
dal presente del loro vivere in mutua accettazione e mutua
fiducia (vedi Maturana e Verden-Zöller, 1993). Di conseguenza, nel nostro
presente storico l'espansione dell'emozione patriarcale, quella
porta all'utilizzo di tutte le relazioni umane sia come politiche che come politiche
strumenti commerciali, rende quasi impossibile per un bambino
crescere spontaneamente in una maniera centrata sulla biologia dell'amore. In
questo processo, rispetto personale e sociale, cooperazione e fiducia reciproca,
e l'espansione dell'intelligenza che la biologia dell'amore comporta,
diventare caratteristiche della vita che richiedono di essere riflesse in ordine
da realizzare come aspetti desiderati della conservazione della umanità.
Cioè, dobbiamo ora creare una giustificazione razionale per avere amore
come caratteristiche dell'educazione del bambino attraverso l'espansione del nostro
capire se vogliamo conservare l'umanità amorevole, perché
l'amore sta svanendo dal mondo spontaneo del bambino.
113
Esistenza politica
Patriarcalità, attraverso le sue emozioni incentrate sull'appropriazione, la sfiducia, il controllo, la discriminazione e l'aggressione si sono trasformate fondamentalmente cooperativo fidandosi della vita umana in una competizione, lottando e barando convivenza politica. Noi moderni
gli esseri umani patriarcali vivono immersi nella nostra vita politica, e
non ci rendiamo conto che la coesistenza politica limita lo sviluppo
di una persona come individuo pienamente rispettabile che può decidere per
lui o lei come comportarsi responsabilmente nella comunità a cui
lui o lei appartiene. Una persona che si rispetti non dipende dal
opinione degli altri, o sull'immagine che lui o lei proietta, o via
l'aspetto del suo comportamento verso gli altri, per agire in modo adeguato
secondo il benessere della comunità a cui lui o lei
appartiene, perché nella misura in cui lui o lei vive nel rispetto di sé
e il rispetto per l'altro, lui o lei agisce spontaneamente in modo completo
modo socialmente responsabile. L'attuale espansione del patriarcato
nella prima infanzia attraverso la richiesta delle madri a
preparare i loro bambini, ragazzi e ragazze, per i loro rispettivi ruoli in a
vita di competizione e apparenze, rende i ragazzi in crescita e
ragazze incapaci di essere pienamente responsabili per le loro vite e per il
mondi che producono nella loro vita. Questo perché il
le identità patriarcali che sono richieste per soddisfare sono basate su
appropriazione, controllo, manipolazioni, concorrenza, sfiducia, e
le continue menzogne ​​implicate nel valutare le apparenze, il commercio,
e inganno invece di rispetto di sé, sincerità e onestà. Coraggio,
audacia e audacia perdono il loro valore come espressioni di socialità
responsabilità e rispetto di sé propri della vita nella biologia dell'amore,
e diventa invece aggressività e arroganza, virtù bellicose
e argomenti politici per le manipolazioni interpersonali proprie di
vivendo in una cultura patriarcale.
Infine, la coesistenza politica nega la sensualità e la tenerezza
poiché tutte le relazioni diventano manipolative e restringono l'intelligenza,
cooperazione e partecipazione perché focalizza l'attenzione di
vita quotidiana per lo più su un tema fondamentale - vale a dire, la dominazione
e sottomissione. Ma l'umanità moderna non vive esclusivamente
114
in conflitti politici, o "affari delle scimmie", come occasionalmente lo chiamiamo.
C'è anche un tentativo di vivere in democrazia, in un neo-cristo
coesistenza come sforzo di cooperazione nel progetto comune
di vivere nel rispetto reciproco nella biologia dell'amore. La democrazia è nata
come un modo di vivere che rompe con il patriarcato, e in quanto tale il
intento nella sua dichiarazione come un modo desiderabile di convivenza era
creare una vita di comunità estesa fondata sui rapporti di auto-e
rispetto reciproco come base per l'impresa comune che
è la creazione di una vita sociale onesta (vedi Maturana in Maturana
e Verden-Zöller, 1993). Eppure, per questo inteso modo di vivere
capita, l'educazione materna dei bambini umani deve essere conservata.
Ma come?
Educazione umana
L'identità di un sistema come un caso particolare di un determinato tipo ha
due dimensioni. Una dimensione è l'organizzazione che definisce
la sua identità di classe, l'altro è il suo modo di relazionarsi e interagire
nel mezzo in cui esiste. Di conseguenza, un particolare sistema
conserva la sua identità individuale solo fino a quando conserva la sua identità
organizzazione e le sue modalità di relazione e interazione attraverso
i cambiamenti strutturali che subisce come risultato suo
dinamica interna modulata dai cambiamenti strutturali attivati ​​in
per le sue interazioni. Ne consegue, quindi, che in queste circostanze
l'identità di qualsiasi sistema dura fino a quando le sue interazioni nel
medio costituiscono una dinamica sistemica in cui è strutturale
cambiamenti, i cambiamenti strutturali del mezzo e il flusso del
interazioni ricorsive tra il sistema e il risultato medio
nella conservazione dell'organizzazione e modo di metterlo in relazione
costituisce e definisce l'identità del sistema. In caso di
sistemi viventi, una delle conseguenze fondamentali di questa situazione è quella
le loro strutture e la struttura del mezzo in cui esistono
cambiare congruentemente mentre le loro diverse identità sono sistematicamente
conservato, sia lungo la loro evoluzione (attraverso la riproduzione) che
lungo le loro particolari storie individuali. L'identità di ogni vivente
sistema come sistema vivente di un tipo particolare, non è un intrinseco
115
caratteristica della corporeità che la realizza, né è una caratteristica intrinseca
del modo di vivere del sistema vivente che lo vive, ma sorge
come una configurazione di relazioni conservate attraverso il ricorsivo
interazione del modo di vivere e la corporeità dei vivi
sistema nel flusso dei cambiamenti strutturali che subisce nel suo
interazioni nel mezzo.
In tali dinamiche ricorsive, i continui cambiamenti strutturali
del sistema vivente seguire un corso che si presenta dopo un istante
momento nella realizzazione e conservazione del suo modo di vivere.
Di conseguenza, un sistema vivente conserva a lungo la sua particolare identità
come la configurazione delle relazioni che lo costituisce è conservata
attraverso il flusso della sua interazione nel mezzo mentre vive.
Quindi l'identità di un sistema vivente comporta in qualsiasi momento entrambi i suoi
struttura e il suo modo di vivere in un gioco ricorsivo di entrambi,
e nessuno lo fa separare dall'altro.
Ciò si traduce in due cose che una volta dette appaiono ovvie: una,
che noi esseri umani abbiamo la corporeità che abbiamo come a
risultato di una storia evolutiva di conservazione dell'amore
modo di vivere umano nelle conversazioni; e due, quello
esistere nelle conversazioni non costituisce di per sé un'umanità,
è anche necessaria la corporeità Homo sapiens-amans. In noi che amiamo
gli esseri umani, quindi, il continuo intreccio ricorsivo del nostro
dinamiche corporee e il nostro modo di vivere Homo sapiens-amans
risultati nelle dinamiche sistemiche che conservano il nostro:
(a) condizione di essere Homo sapiens-amans finché viviamo come
amare gli esseri umani;
(b) Homo sapiens-amans bodyhood come bodyhood propria del
realizzazione del modo di vivere dell'Homo sapiens-aman tanto a lungo
come viviamo come esseri umani amorevoli; e
(c) esistenza come spazio aperto a continue modifiche ricorsive nel
mondo che portiamo avanti nella nostra vita mentre viviamo come linguaggi
esseri che vivono come Homo sapiens-amans.

116
Per essere un umano amorevole non è sufficiente nascere come un Homo sapiens-amans dal punti di vista dell’anatomia e fisiologia, è anche necessario vivere in un modo amorevole in una comunità di esseri umani amorevoli.
Vita
come un Homo sapiens-amans tra Homo sapiens-amans costituisce
le dinamiche sistemiche in cui vive essere un essere umano amorevole
realizzato e conservato.
Mentre conserviamo ciò che ci rende esseri umani, apriamo a
spazio per cambiamenti senza fine nei mondi che portiamo avanti come
linguaggiare gli esseri senza perdere l'identità umana. Inoltre,
l'essere umano è un modo di vivere nelle relazioni interpersonali,
non una forma o modo di gestire un mondo indipendente. Così,
l'essere umano può essere realizzato attraverso molti modi diversi di
gestire oggetti e cose in molte reti chiuse di
conversazioni vissute come culture diverse. Cioè, finché
il modo di vivere umano nelle conversazioni è conservato
nel susseguirsi di generazioni di Homo sapiens, tutte le strutturali
i cambiamenti nella corporeità umana saranno cambiamenti nella conservazione
della corporeità dell'Homo sapiens, e tutti i cambiamenti nel suo modo di
le relazioni si svolgeranno come cambiamenti culturali attorno alla conservazione
dell'essere umano nella realizzazione di generazioni umane
esseri.
Quindi l'educazione dei bambini come esseri umani è
ed è stato centrale nel corso della storia umana come una storia di
costituzione e conservazione dell'essere umano. La storia
dell'essere umano è trasportato dai bambini, non dagli adulti - perfino
sebbene gli adulti rendano il presente attraverso la loro vita. I bambini imparano
essere ciò che diventano vivendo con gli altri, e diventano
adulti di un tipo o di un altro in base a come gli adulti con
che vivono, vivono. È per questi motivi che affermiamo che il
l'educazione di un bambino ha luogo come una trasformazione nella convivenza,
e quell'umana umana amorevole sarà conservata o persa
l'educazione dei bambini.
Se i nostri figli crescono in una relazione madre / figlio di reciproco totale
fiducia e accettazione del corpo attraverso il gioco quando sono bambini e dentro
la loro prima infanzia (vedi Verden-Zöller a Maturana e Verden
117
Zöller, 1993), l'umanità amorevole sarà conservata attraverso di loro.
Man mano che crescono in questo modo, diventeranno adulti in un ambiente
che promuove il rispetto di sé e sociale. In tale fiducia e accettazione,
il bambino non viene mai corretto nel suo essere, solo nel suo
azioni. Ogni volta che correggiamo l'essere di un bambino (non semplicemente come
un happening occasionale ma come un modo di vivere con lui o
lei) dicendo come lui o lei dovrebbe o non dovrebbe essere, neghiamo
lui o lei, gli diciamo che lui o lei è in qualche modo sbagliato
fatto e distrugge il rispetto di sé e l'auto-accettazione. Come
lo facciamo, chiudiamo il mondo umano al bambino. Se invece noi
correggere le azioni di un bambino invitandolo a riflettere
le procedure che devono essere impiegate per produrre un particolare
risultato desiderato, consentendogli la libertà di agire dal suo o
la sua autocoscienza, non neghiamo il bambino, come noi non correggiamo
il suo essere. Come invitiamo il bambino ad osservare e ad agire dal
prospettiva della sua consapevolezza e scelta, lo confermiamo
o lei in auto-accettazione e rispetto di sé, e aprire uno spazio per il suo
o le sue azioni autonome nel rispetto di sé e della società. Così facendo,
apriamo il mondo umano per il bambino, incorporandolo
al suo interno (vedi anche Appendice 8).
Se la relazione madre / figlio viene disturbata e il bambino
non cresce vivendo nel rispetto di sé e nell'auto-accettazione, lui o lei
diventerà un tipo di essere limitato o limitato nel suo o
la sua capacità di vivere la biologia dell'amore. Se fosse una cosa del genere
capita, la capacità del bambino di vivere nell'intimità di base per a
una relazione familiare sana sarebbe compromessa. Fortunatamente, noi moderni
gli esseri umani considerano ancora un tale modo di sviluppo infantile
inadeguato, e lo consideriamo ancora l'adulto da cui cresce
una tale infanzia diventa un adulto malsano bisognoso di una terapia
che recupera l'amore E quella terapia funziona ancora.
Esistenza psichica
Noi esseri umani abbiamo un corpo umano Homo sapiens, ma il nostro essere umano
l'esistenza è relazionale Esistenza umana, cioè essere umano,
è un modo di relazionarsi e in quanto tale è multidimensionale. Però,
118
non tutte le dimensioni dell'esistenza relazionale di un essere umano
sono in ogni momento ugualmente accessibili alla sua consapevolezza riflessiva,
o alla distinzione di un osservatore. Molti, forse la maggior parte, del
le dimensioni della nostra esistenza relazionale come esseri umani sono oltre
la nostra consapevolezza e, quindi, siamo inconsci. Inoltre, il
intero dominio relazionale in cui esiste un essere vivente sorge nel
relazioni che vive attraverso l'interazione della sua struttura dinamica
e la struttura dinamica del mezzo in cui accade
vivere. Attraverso tale interazione l'essere vivente contribuisce al
dinamiche sistemiche che creano il mezzo in cui esiste, in a
processo che avviene semplicemente attraverso la sua vita. Chiamiamo il relazionale
dominio in cui un essere vivente esiste il suo spazio psichico relazionale.
Nella misura in cui esistiamo nella lingua, noi esseri umani differiamo
da altri esseri viventi in quanto viviamo in ogni istante in un rapporto
lo spazio psichico che ha dimensioni consce e inconsce
secondo se questi sono o non sono accessibili ai nostri riflessivi
consapevolezza in quell'istante. Inoltre, ognuno di noi vive come lo stesso
tutte le situazioni che ci si presentano come configurazioni uguali di coscienza
e / o relazioni inconsce nel nostro spazio psichico. In effetti, ogni volta
viviamo qualcosa che sperimentiamo come lo "stesso", lo trattiamo come il
stesso. Quindi chiamiamo le stesse due situazioni che non possiamo distinguere
nella nostra esperienza, indipendentemente da come possano apparire diversi
un osservatore esterno o indipendente. Questa condizione operativa di
la nostra esistenza come esseri viventi è la base per ciò che chiamiamo illusioni,
errori, o realtà virtuali - come esperienze che viviamo come valide
nella nostra emozione mentre ci capita, ma che più tardi
invalido nelle nostre riflessioni attraverso riferimento a, o in confronto
con alcune altre esperienze che consideriamo in quell'istante di più
validità di base. In altre parole, è una condizione costitutiva del
vivere di tutti gli esseri viventi che nulla di ciò che accade a loro o in
nella loro esistenza relazionale è irrilevante per il corso del loro
vivendo, indipendentemente dal fatto che un osservatore possa rivendicare ciò che il
vivere l'essere è vivere è un'illusione. Questo significa che per noi umani
non è nulla che noi viviamo nel flusso delle nostre emozioni, sia
consciamente o inconsciamente, è irrilevante o "virtuale" nella nostra vita.
119
Non ci sono emozioni virtuali (in generale, nulla è virtuale nel nostro
esistenza psichica), e il corso delle nostre azioni è sempre modulato
dalla nostra emozione, indipendentemente dal fatto che siamo consapevoli o meno
ciò che viviamo, e questo è così anche quando affermiamo di essere consapevoli
che ciò che stiamo vivendo è una mera illusione.
Inoltre, e più specificamente, tutte le emozioni che viviamo
come esseri umani, indipendentemente dal fatto che siamo consapevoli di loro o
no, e indipendentemente dal fatto che sorgano in noi attraverso l'inconscio
o relazioni coscienti, sono rilevanti per il nostro ragionamento perché nostro
le emozioni guidano il corso del nostro ragionamento specificando il
Fondamenti consci e inconsci su cui il nostro ragionamento
si trova in qualsiasi momento Allo stesso tempo, nelle dinamiche ricorsive
del funzionamento del nostro sistema nervoso, il flusso del nostro ragionamento
modula le nostre emozioni. Inoltre, mentre le nostre emozioni cambiano, loro
modula il corso del nostro ragionamento in modo che anch'esso possa cambiare. In
parole diverse: la nostra esistenza psichica cosciente e inconscia
modula le nostre emozioni e il nostro modo di ragionare
specificando la base emotiva su cui si basa il nostro ragionamento,
e il nostro ragionamento conscio e inconscio modula il flusso di
la nostra emozione Che questo dovrebbe essere così è un risultato spontaneo
della nostra esistenza relazionale nell'interazione tra la nostra corporeità e la nostra
modo di vivere, così come cambia la nostra corporeità, il flusso del nostro
i cambiamenti viventi e come il flusso dei nostri viventi cambia, la nostra corporeità
cambia anche (vedi Appendice 3). In effetti, il nostro diverso individuo
identità come diversi modi particolari dell'essere umano
che esistono come entità relazionali, sono identità psichiche; cioè, loro
si svolgono in uno spazio relazionale psichico che noi consapevolmente e
inconsciamente crea continuamente con la nostra vita. Ancor più, il nostro
identità psichica, il nostro modo conscio e inconscio di relazione
nello spazio psichico, è sistemico e viene sistematicamente conservato
il nostro vivere come nostro vivere partecipa sia alla modulazione del nostro
corporee e il sorgere del mezzo in cui viviamo.
Cerchiamo ora di approfondire la questione. La nostra emozione,
come un flusso nel nostro modo di relazionarsi nel mondo in cui viviamo, può essere
conscio o inconscio a seconda che siamo consapevoli
120
o non delle dimensioni relazionali del nostro spazio psichico. Noi possiamo
commentare, ragionare, argomentare o riflettere su ciò che facciamo o distinguiamo
le nostre dinamiche relazionali. Possiamo affermare che viviamo un'illusione, o
che abbiamo commesso un errore e che ora siamo consapevoli di cosa
abbiamo fatto prima non era giusto; o possiamo affermare che siamo vissuti o siamo
vivere una realtà virtuale e non ciò che effettivamente è nella nostra realizzazione come
sistemi viventi. Ma in tutti i casi, e non importa come ragioniamo o come
convinti che siamo dei nostri argomenti, il conscio e l'inconscio
l'emozione che viviamo non è mai banale e non può essere annullata,
perché ciò che accade nella nostra esistenza psichica non è mai così virtuale
modula il corso della nostra vita.
Non possiamo distinguere nella nostra esperienza tra percezione e
illusione. Un'illusione è un'esperienza che svalutiamo in relazione
ad un'altra esperienza che consideriamo valida come percezione; un
la percezione è un'esperienza che convalidiamo attraverso un'altra
esperienza che riteniamo indubbiamente valida o più evidente
valido come percezione rispetto al primo. Cioè, illusioni e
le percezioni sono ripensamenti, giudizi riflessivi sul
validità delle nostre esperienze. Viviamo tutte le esperienze come ugualmente valide
nel momento in cui li viviamo, anche se non sono tutti uguali
accettabile o desiderabile per noi in quanto riflettiamo razionalmente su di loro,
o mentre riflettiamo sulla natura dei rapporti umani che questi
esperienze comportano. Quindi, le realtà virtuali sono virtuali solo nel dominio
di riflessioni e fluttuiamo nella nostra vita secondo il modo in cui riflettiamo
sulle realtà in cui viviamo.
Le nostre riflessioni e i nostri ragionamenti non sono banali per il nostro modo di vivere
sia gli esseri umani; modulano il corso delle nostre emozioni,
e in questo senso sono fondamentali per il corso della nostra vita.
Attraverso il ragionamento e la riflessione possiamo intrecciare il nostro razionale con
la nostra consapevolezza emotiva, e quindi possiamo essere responsabili per entrambi
le nostre emozioni e il nostro ragionamento mentre li contempliamo
la prospettiva dei nostri desideri. In queste circostanze, quindi, lo è
non percezione, o illusione, o realtà che conta come tentiamo di fare
guida il flusso del nostro vivere come esseri umani, ma è ciò che noi
il desiderio come nostro dominio dell'esistenza psichica per noi stessi e per i nostri
121
bambini. Ciò che importa è l'identità psichica che noi consapevolmente
o conserviamo inconsciamente nella nostra vita quotidiana (vedi anche Appendice 8).
Identità psichica
Per il fatto stesso che noi esseri umani esistiamo nelle conversazioni, i nostri
l'esistenza individuale come esseri umani si svolge in modo ricorsivo
rete di interazioni consce e inconsce che si presentano
attraverso il nostro vivere in un dominio sistematicamente conservato di
coesistenza psichica. In queste circostanze, è il nostro vivere in a
spazio psichico multidimensionale del conscio e dell'inconscio
interazioni che guidano e guidano la trasformazione del nostro
bodyhoods in accoppiamento strutturale all'interno dei nostri diversi domini di
esistenza come realizziamo il nostro essere umano vivendo proprio in quel modo
stesso spazio psichico. Ed è attraverso quelle trasformazioni del nostro
corporeità che conserviamo sistematicamente quei particolari psichici
identità che impariamo a vivere vivendole attraverso la coscienza
e relazioni inconsce in un dominio umano, da dove cresciamo
Prima infanzia. E cosa impariamo mentre impariamo? Impariamo a relazionarci,
vedere, sentire, odorare, toccare, preferire, amare, pensare ...
cioè, impariamo un modo di relazionarsi, un modo di emozionare,
e acquisiamo un'identità psichica come la particolare configurazione di
emotivo che ci definisce e che conserviamo vivendoci.
Il tipo di essere o il tipo di essere umano che diventiamo
la nostra vita è, quindi, determinata dal conscio e dall'inconscio
coesistenza psichica che viviamo mentre cresciamo, realizzando un particolare
identità psichica in una particolare comunità umana. Questo sensitivo
l'identità è sistematicamente conservata attraverso le nostre dinamiche corporee
operiamo nella comunità umana in cui sorgiamo come umani
esseri, ma è anche modulato da ciò che viviamo negli altri domini
di interazioni in cui anche noi esistiamo. Cambiamo le nostre azioni, noi
cambia ciò che manipoliamo e cambiamo la forma del razionale
argomenti che sviluppiamo per giustificare o negare le nostre emozioni
mentre cresciamo e diventiamo adulti, ma conserviamo sistematicamente il
identità psichica che abbiamo imparato a vivere e generare meno
i bambini attraverso la vita. Lo facciamo inconsapevolmente di ciò che facciamo
122
attraverso la conservazione sistematica della configurazione dell'emozione
che definisce la nostra identità psichica come co-creare con altri esseri
la comunità umana in cui quella particolare identità psichica
si svolge come il modo naturale di essere. Cioè, noi conserviamo a
modo di vedere, un modo di reagire, un modo di riflettere, a
modo di valutare ... mentre conserviamo l'identità psichica che noi
vivere vivendo come membri della comunità in cui tali
l'identità psichica è il nostro modo naturale di essere. Possiamo generare
teorie e ideologie che sostengono o negano quell'identità psichica,
ma non importa come ragioniamo, conserviamo la nostra identità psichica
vivendo la configurazione dell'emozione che lo costituisce e
in cui il nostro ragionamento ha luogo, a meno che non cambiamo il nostro sensitivo
identità. Inoltre, le teorie su noi stessi e il nostro mondo
che generiamo può diventare, e spesso diventa parte di
la costituzione del nostro vivere o delle circostanze in cui il nostro
l'identità psichica è conservata fino a quando non cambiamo. Ma dato tutto questo,
come può cambiare l'identità psichica?
Impariamo a vivere la particolare esistenza psichica che emerge attraverso
la configurazione di emozioni che viviamo da neonati e bambini.
È l'emozione implicata in ciò che sentiamo, vediamo, tocchiamo, odoriamo o
dì, o in ciò che ci viene detto, ciò costituisce la nostra esistenza psichica.
È l'emozione implicata nelle relazioni e negli incontri come noi
vivi coscientemente e inconsciamente con gli altri o con noi stessi
le nostre riflessioni mentre cresciamo, che definisce la nostra esistenza psichica. Ma ciò
è particolarmente quegli aspetti delle nostre vite che viviamo inconsciamente,
perché non possiamo riflettere sulle emozioni coinvolte in loro,
questo definirà la maggior parte della nostra esistenza psichica quando acquisiremo il
identità psichica che conserveremo sistematicamente nella nostra vita.
Non possiamo in nessun momento vivere un'identità psichica diversa da
quello che abbiamo imparato e conserviamo sistematicamente nel flusso
della nostra vita. Questo è così precisamente perché l'apprendimento consiste nel
trasformazioni strutturali congruenti del corpo e del medium
lungo la vita di un animale che una persona può generare solo nel suo o
le sue dinamiche strutturali, i rapporti propri dell'identità psichica
che lui o lei ha imparato a vivere e conservare sistematicamente nella sua
123
o la sua vita come lui o lei genera allo stesso tempo il mezzo
in cui quell'identità psichica ha luogo e viene conservata. Siamo noi
intrappolato?
Se i nostri genitori sono aggressivi tra loro o con noi, sviluppiamo
un'aggressiva dinamica psichica inconscia mentre cresciamo, anche se noi
non mi piace. Se come piccoli bambini vediamo l'aggressività in televisione come se
era il modo naturale di vivere, e anche se noi sappiamo che cosa
succede che c'è solo realtà virtuale, sviluppiamo un inconscio
dinamica aggressiva psichica, e abbiamo grandi difficoltà a evitare
vivere nell'aggressione. Inoltre, mentre sviluppiamo un inconscio
identità psichica aggressiva, la nostra intera esistenza diventa pervasa
da esso come non sappiamo come operare in modo diverso perché viviamo
nelle dinamiche relazionali sistemiche che conservano la nostra vita
aggressività come modo naturale di essere.
Se da bambini siamo stati sottoposti all'aggressione e
abuso di adulti, e il corso della vita ci libera da tale abuso
senza la nostra diretta partecipazione, il nostro inconscio relazionale psichico
lo spazio non cambia con quella liberazione. Rimaniamo aggressivi
mentre continuiamo a vivere come se il comportamento aggressivo e abusivo verso
i bambini e gli altri erano il modo naturale di relazionarsi con loro.
Questo rimarrà davvero così, a meno che non cambiamo o scegliamo intenzionalmente
essere diversi attraverso un cambiamento emotivo che nasce attraverso il nostro
diventare consapevoli di ciò che facciamo e di ciò che vogliamo fare. E,
sì, possiamo cambiare. La nostra identità psichica può cambiare, anzi
cambia se la maniera delle nostre emozioni cambia nel corso
del nostro vivere mentre entriamo in un conflitto di azioni attraverso le azioni
emozioni contraddittorie. In effetti, questo accade quando l'amore appare e
apre la nostra visione in relazione alla nostra emozione contraddittoria con
rispetto agli altri o a noi stessi. Quando ciò accade, come si accetta
nel dominio emotivo il presente che si vive nella sua legittimità
indipendentemente dal fatto che sia desiderabile o meno, si è aperti a
cambiare quel presente in un atto di amor proprio e rispetto di sé. In ciò
aprendo, le intere dinamiche sistemiche del nostro vivere come le nostre maniere
di correlare le modifiche e in tale processo una nuova configurazione di
124
Emerge emotivamente che possiamo iniziare a conservare nel nostro modo di vivere
la nostra nuova identità psichica.
Inoltre, può verificarsi un tale cambiamento nella nostra identità psichica
riflessione consapevole come operazione nel nostro dominio emotivo come noi
operare in auto-accettazione e rispetto di sé, e noi distinguiamo
il nostro presente come qualcosa che possiamo contemplare. Perciò,
la riflessione è fondamentalmente un'operazione nella nostra emozione mentre rilasciamo
le nostre certezze e una operazione in linguaggi operativi
dinamica che rende possibile il nostro riflesso guardando noi stessi. Come
facciamo ciò che possiamo vedere il nostro modo di relazionarsi, violento o sereno,
amichevole o aggressivo, duro o tenero, indifferente o premuroso, e noi
può vedere se ci piace o non ci piace l'identità psichica che noi
vedere e agire di conseguenza. Senza l'amor proprio, l'autoaccettazione o l'autocompiacimento
non c'è riflessione, proprio perché la riflessione comporta
rilasciare le proprie certezze in un'operazione che apre una relazione
spazio per guardare dentro le proprie dinamiche emotive come fonte
Azioni. Ma allo stesso tempo, senza l'operatività di vivere come
un essere linguaggiante, non c'è modo in cui si possa riflettere e
distinguersi come entità indipendente.
Pertanto, il nostro modo di relazionarsi e vivere con gli altri, quello
è la nostra identità psichica, può cambiare attraverso un atto di intenti
affermazione della nostra dignità come risultato della nostra consapevolezza riflessiva del nostro
emotivo nel rispetto di sé e nell'auto-accettazione. La ragione può aiutarci
spostare la nostra identificazione psichica se guida le nostre emozioni, ma lo fa
non farlo da solo. Non si tratta di comportarsi o non comportarsi
secondo la ragione, perché ciò che cambia quando c'è un cambiamento
lo spazio relazionale psichico che si vive è l'emozione, non il
coerenza di un argomento razionale. In qualsiasi momento viviamo nel
solo modo che conosciamo, e non ne abbiamo nemmeno la possibilità
essere consapevoli di questo a meno che non liberiamo la nostra presa sulle nostre certezze e
riflettiamo come un atto nelle nostre emozioni. Ripetiamo: solo riflessione
può liberarci come un atto che apparirà a noi e agli altri come una scelta,
ma un riflesso è un atto che inizia con un cambiamento emotivo ed è
non un'operazione di pura ragione. Il cambiamento emotivo che di solito
apre uno spazio per un tale cambiamento è l'amore, cioè l'accettazione del
126
legittimità di se stessi, degli altri e delle circostanze
non piace e vuole cambiare. Senza amore non c'è
apertura emotiva ad agire in responsabilità e libertà.
Sesso e spiritualità
Come esseri linguistici noi esseri umani abbiamo vissuto e vissuto a
storia di cambiamenti dei domini di esistenza. In effetti, come ricursioni
si svolgono nella nostra vita in coordinamenti consensuali di consensuale
coordinamenti di comportamenti, nuovi domini di oggetti e relazioni
tra gli oggetti nascono nelle nostre conversazioni che diventano il terreno
per vivere in nuovi domini esperienziali che possono diventare nostri
dimora esistenziale di base permanente. Questi nuovi domini di esistenza
sorgere in noi esseri linguistici in due modi fondamentali; vale a dire, attraverso il
distinzione di nuovi tipi di esperienze e attraverso l'adozione
di nuovi modi di spiegare le esperienze. Inoltre, come questi
sorgono nuovi domini di esistenza, sorgono incroci con il
domini precedenti di esistenza in cui vivevano gli esseri umani. Come
questo accade, i nuovi domini nascono storicamente incorporati nel
quelli precedenti e diventano aperture per nuove modalità di esistenza
possono diventare nuovi modi di vivere nella conservazione sistemica di
le nuove identità biologiche e psichiche che appaiono mentre viviamo queste
nuove modalità di esistenza.
Pensiamo che l'intimità sessuale espansa individualizzata sia una di queste
le dimensioni relazionali che hanno dato origine a un nuovo dominio di
esistenza nella storia evolutiva che ci ha dato origine umana
esseri. Quando la sessualità e il rapporto sessuale iniziarono a essere vissuti
il piacere e la fiducia dell'intimità individualizzata, provocata
permanenza nella coppia e nella famiglia così come un'espansione del
consapevolezza dell'unità del corpo con un particolare altro e con il
regno della sua esistenza. E pensiamo anche che questa espansione
della consapevolezza dell'unità del corpo con un particolare altro e il suo
il regno dell'esistenza ha anche dato origine alla consapevolezza del dominio di
esperienze spirituali come quelle esperienze di espansione della coscienza
consapevolezza dell'unità di tutti.
127
Tutti gli esseri umani di tanto in tanto hanno esperienze spontanee di
espansione della loro consapevolezza di partecipazione e inclusione in alcuni
regno delle relazioni più ampio di quello dei loro ristretti
individualità, in una visione consapevole dell'appartenenza ad essa come base
caratteristica della loro esistenza. Questa esperienza viene solitamente indicata
o descritto con timore ed è ciò che è indicato quando si parla di
un'esperienza spirituale. In un'esperienza spirituale l'altro e il
altri (la terra, il cosmo, la comunità, la natura, la biosfera,
i vivi, la dea o gli dei, a seconda della cultura a cui
uno appartiene) acquisire una presenza intima e stretta. Non solo il
altri o altri diventano partecipanti riconoscibili nella propria esistenza,
ma anche uno diventa un partecipante al loro, e uno ne è consapevole.
Ma come è possibile questa esperienza? Pensiamo che ogni volta
qualche esperienza relazionale particolare con un'altra diventa
individualizzato e ha presenza ricorrente nel dominio dell'amore,
l'esperienza di espansione della consapevolezza dell'unità con un più ampio
Il regno relazionale, così come la partecipazione alla sua esistenza, diventa
possibile come si comincia ad essere attenti, così come consapevolmente e
inconsciamente interessato alle circostanze dell'esistenza di
l'altro. Inoltre, pensiamo che una volta l'esperienza spirituale abbia
stato vissuto, la gioia psichica e il benessere fisiologico
vissuto in esso porta il desiderio di viverlo di nuovo, o di espanderlo come a
modo di vivere quotidiano in un dominio di base proprio della cultura
a cui si appartiene.
Pensiamo che il profondo benessere psichico e fisiologico di
la relazione madre / figlio di accettazione totale del corpo nella fiducia reciproca,
è il fondamento per l'esperienza spirituale nella prima infanzia, e
che il benessere dell'amicizia è un'apertura per il suo verificarsi in seguito
nella vita. Ma più profondamente e in modo più totale e schiacciante
ancora di base, pensiamo che l'intimità sessuale con un particolare
altro, come è sorto nel corso della nostra storia neotenica come un
espansione dell'accettazione nella fiducia e nel piacere della vicinanza del
corpo di un altro, è l'occasione di base e fondamentale per lo spirituale
esperienze nel nostro lignaggio. L'intensità di un orgasmo vissuto nel
gioia della vicinanza tenera e sensuale di un particolare altro
128
tutto ciò che riguarda lui o lei una fonte di cura che aumenta il
desiderio di stare insieme a lui o lei nell'accettazione di tutti.
Quando la sessualità avviene nell'accettazione e nel godimento del
vicinanza di un altro nella pienezza dell'accettazione comportamentale di
la sua totale legittimità, cioè quando la sessualità ha luogo nel
biologia dell'amore, quindi l'orgasmo è un particolare momento estatico interiore
l'ampiezza della relazione d'amore.
Vissuto in questo modo, la sessualità porta con sé serenità e gioia
di piena vicinanza nella mutua contemplazione. Allo stesso tempo,
attraverso l'apertura dell'intelligenza e l'espansione della consapevolezza
quell'amore porta, c'è anche un'espansione della consapevolezza e
comprensione delle circostanze in cui si è con l'altro.
In effetti, l'amore è l'unica emozione che apre l'intelligenza e si espande
consapevolezza. Si vede di più, si sente di più, si tocca di più, si odora di più,
capisce di più quando nella biologia dell'amore. E l'amore lo fa
precisamente perché si presenta come un dominio relazionale nei comportamenti
attraverso il quale gli altri, o meglio tutti gli altri, si presentano come legittimi
altri in convivenza con se stessi.
Ogni volta che c'è un senso di benessere nel solo essere nel
facile accettazione delle circostanze in cui si è, c'è un
possibilità per ciò che riconosciamo come spiritualità nel nostro quotidiano
vita. Quando diventiamo consapevoli di questo benessere, lo incontriamo come a
esperienza spirituale, anche oggi. Sì, la spiritualità è facile naturale
esperienza di appartenenza in tutto come modo spontaneo
di relazionarsi nell'unità di tutti. Un modo naturale di vivere dentro
la connessione dell'esistenza può essere spesso osservata in
animali in natura, specialmente nei mammiferi, quando si siedono in silenzio
contemplazione dei loro dintorni, in particolare di sera,
quando l'attenuazione delle luci e dei suoni del giorno fa tutto
cose nitide e ferme. Gli animali non linguizzanti non sono riflessivi
consapevoli della loro connessione come noi, la vivono e basta.
La nostra consapevolezza dell'unità interconnessa di tutta l'esistenza nel
la biosfera (o il cosmo) è il risultato delle caratteristiche della nostra biologia
come animali che languiscono. Di conseguenza, è attraverso la riflessione che
la sessualità umana in tutte le sue dimensioni - ma in particolare nel
129
tenerezza, gioia, intimità e tranquillità di un individuo scelto
abbraccio e copulazione - quella della consapevolezza dell'altro e di
il suo regno di connessione ha la possibilità di diventare
una presenza cosmica. Orgasmo umano come più o meno prolungato e
profonda esperienza nella consapevolezza dell'unità con l'altro nel
l'oblio di essere in piena unione, ha luogo nella fiducia di
accettazione totale. Attraverso quella fiducia e accettazione totale, la sessualità
espande la tenerezza e la sensualità nella completezza di un pieno
unità con l'intera esistenza. E in quella sessualità, orgasmo, quando
vissuto nella sensualità e nella tenerezza di una neotenia in espansione, noi
pensare, potrebbe aver costituito la fonte primaria di piena consapevolezza
dell'esperienza spirituale nella nostra stirpe di animali che languiscono. In
una relazione sessuale tenera, sensuale e individualizzata, quella spirituale
l'esperienza accade e non è necessario alcun intento. Eppure, per il riflessivo
consapevolezza di questa esperienza è necessario vivere nella lingua, e
quando accade quella riflessione, la connessione di quell'esperienza
con tutta l'esistenza diventa travolgente.
Noi affermiamo che noi esseri umani dobbiamo la nostra possibilità di un
esistenza spirituale consapevole all'espansione della sessualità del
femmine nel nostro lignaggio neotenico. Inoltre, affermiamo che lo era
l'espansione della sessualità delle femmine dei nostri antenati che
reso possibile e conservato nel vivere insieme la vicinanza
e l'intimità che ha creato lo spazio relazionale in cui linguaggiare
potrebbe sorgere ed essere conservato nell'apprendimento dei bambini come il
modo di vivere che ha definito e costituito il nostro lignaggio umano.
Inoltre, questa connessione di base tra la sessualità e il
l'esperienza spirituale è evidente in quanto l'esperienza dell'unità con
il cosmo, con una dea, con Dio o con la natura è frequente
evocato o descritto dai mistici come esperienza orgasmica dell'amore.
Allo stesso tempo, l'esperienza spirituale è così basilare nella vita umana
che non è strano che nelle culture non patriarcali, l'esperienza
del sacro e dello spirituale dovrebbe essere percepito e vissuto come una caratteristica
della vita quotidiana in piena coerenza con l'unità di tutti gli esseri. In quelle
culture il sacro è vissuto come vivere in armonia con il cosmo
nelle sue dinamiche facili e spontanee di generazione continua
130
e trasformazione in cicli di vita e morte. Né è strano,
sia, che nelle culture matristiche l'esistenza sacra e spirituale
dovrebbe essere evocato con l'immagine di una dea madre che crea
e distrugge, in un presente infinito che sorge e scompare
ciclicamente sullo sfondo della sua totalità. E nello stesso
contesto, non è strano che nelle culture non patriarcali la madre
la dea dovrebbe essere vista come un'evocazione della coesistenza coerente
di tutti gli esseri viventi nella loro spontanea abbondanza sistemica naturale,
e non come un potere di fertilità della produttività lineare monotona.
Infine, non è strano che nelle culture matristiche ciò che chiamiamo culto
rituali e cerimonie spirituali dovrebbero essere vissute come occasioni per il
l'azione, il recupero o l'espansione della consapevolezza dell'umano
inclusione nell'unità di tutta l'esistenza, in un processo che permette a
vedersi nuovamente come parte dell'interconnessione di tutto, in
stupore e gioia per la sua bellezza sempre presente
Diverse religioni e filosofie spiegano lo spirituale
esperienza attraverso diverse teorie, e i loro seguaci hanno
inventato, proposto e adottato molte pratiche diverse da ottenere
e conservarlo come una caratteristica della loro vita quotidiana. Tutti quelli diversi
le pratiche portano ad un ampliamento dell'esperienza di consapevolezza
dell'inclusione e partecipazione dei professionisti in un regno più ampio
di esistenza. Finché conservano la loro consapevolezza espansa
rimanendo non religiosi e non politici nella loro relazione
Azioni. Cioè, la consapevolezza espansa accade solo fino a quando
le persone che lo vivono abbandonano tutti i tentativi di controllare il flusso
delle loro vite in quanto contano sulla loro totale fiducia nelle coerenze di
esistenza. Cioè, tutte le pratiche orientate a raggiungere uno stato di sforzo
l'esistenza spirituale quotidiana o l'illuminazione operano attraverso il rilascio
l'attaccamento all'ego pur conservando una piena consapevolezza riflessiva.
Attraverso l'espansione della sessualità femminile in un maschio / femmina
convivenza sessuale neotenica nella biologia dell'intimità umana
la storia è iniziata, ed è stata per lo più una storia spirituale spontanea
fino agli ultimi mille anni. Spiritualità nella storia umana
deve essere vissuto come una cosa naturale nell'esperienza quotidiana
di inclusione umana nel regno di tutti gli esseri esistenti fino al
131
la distinzione dell'esperienza spirituale era un'entità manipolabile
fatto. Quando nel corso della storia è stata fatta una tale distinzione,
la spiritualità divenne oggetto di attenzione, riflessione e intenzione,
e come divenne così un modo esplicito e speciale di essere
specialmente ricercato, divenne separato e distante. Come spirituale
l'esperienza divenne qualcosa da raggiungere, la spiritualità divenne un
dominio di parlare di qualcosa di difficile da raggiungere e diverso
dai domini immediati dell'esistenza in cui gli esseri umani
potrebbe facilmente vivere le loro vite quotidiane. Quando è successo, umano
l'esistenza è cambiata; ha smesso di essere naturalmente spirituale come una caratteristica di
vita quotidiana e teorie come modi particolari di spiegare l'umano
la vita (esperienza) con elementi della vita umana (esperienze) cambiata,
pure. Di conseguenza, è apparsa una nuova identità umana in cui
la sessualità ha smesso di essere il fondamento di base dello spirito umano
esistenza, e divenne sia un argomento nelle costruzioni di
spiegazioni della vita umana e, infine, attraverso la patriarcalità,
uno strumento per la manipolazione delle relazioni politiche.
Come le teorie con cui spiega la nostra vita cambiano i nostri domini
dell'esistenza, anche i nostri cambiamenti emotivi e ciò che può avere
stato fino ad allora accettabile o addirittura sacro come aspetti diversi di
le relazioni umane e la connessione con tutti gli esseri possono diventare
indesiderabile. Attraverso questo processo, nelle dinamiche spontanee di
la nostra vita umana e la generazione ricorsiva di nuove entità
e le relazioni nella lingua, nuove spiegazioni possono sorgere e avere
sorto come parte di un flusso aperto di conservazione culturale e
modificare. E mentre questo accadeva lungo la nostra storia patriarcale occidentale,
la logica cominciò a spostare le emozioni nel nucleo della vita umana consapevole,
e la spiritualità divenne filosofica o religiosa, perdendo il suo pieno
presenza nella vita quotidiana. Gli esseri umani hanno smesso di vedersi
componenti naturali del regno vivente e divenne speciale. Come un
risultato, e in gradi diversi nelle diverse forme prese dal nostro
La cultura patriarcale occidentale, la sessualità ha smesso di essere il fondamento
delle nostre esperienze spirituali e ai bambini è stato insegnato questo
il sesso era per la riproduzione, in un contesto implicito per cui il sesso era usato
manipolazione politica. In questo processo, il sesso nello spazio psichico di
132
la nostra cultura occidentale ha smesso di essere vissuta come fonte basilare di piacere
nella gioia di una convivenza nella tenerezza e nella cura reciproca, o come un
aprendo per l 'illuminante esperienza dell'unità cosmica nel
vicinanza dell'altro in piena fiducia reciproca e accettazione totale del corpo.
Sì, accettazione totale del corpo nella reciproca fiducia in un essere umano sessuale
abbraccio è un'esperienza di base dell'unità cosmica nella vita umana, e come
così non ha in sé nulla a che fare con la riproduzione. Inoltre, a
esperienza spirituale, come esperienza di consapevolezza riflessiva del
l'unità di tutti gli esseri esistenti, è un'esperienza di accettazione del
corpo dell'altro in totale fiducia proprio della relazione madre / figlio
anche questo è vissuto nella nostra condizione neotenica come caratteristica del nostro adulto
vita. Come i rapporti sessuali devono essere stati vissuti dai nostri primi antenati
come fonte di piacere e non di procreazione, gravidanza e nascita
deve essere apparso loro come una manifestazione naturale spontanea
della vita attraverso la donna nel suo continuo cambiamento di presente e come
niente di speciale nel facile conforto di una vita spirituale innocente.
Ma con la distinzione dell'esperienza spirituale come qualcosa
diverso dalla vita quotidiana, tutto cambiato, e la relazione psichica
esistenza degli esseri umani che ha fatto cambiare tale distinzione
come la spiritualità divenne una condizione lontana da desiderare e perquisire
per nel tentativo di recuperare la sua presenza.
Il modo di vivere umano non è geneticamente determinato
ma piuttosto è generato e conservato sistematicamente. Il genetico
la costituzione e la struttura somatica iniziale sono il punto di partenza.
Che cosa è determinato nel momento della concezione di un organismo di
la sua costituzione genetica e la sua struttura somatica iniziale, è la sua struttura
punto di partenza. Il punto di partenza strutturale di un organismo specifica
per esso il dominio delle sue possibili ontogenie. Tuttavia, quale
l'ontogenesi si svolge attraverso la sua storia di vita e dove serve
luogo, avviene attraverso un processo epigenetico in una dinamica storica
che deriva dall'interazione della struttura iniziale dell'organismo
e le circostanze del mezzo in cui accade di vivere.
Di conseguenza, noi umani possiamo vivere insieme a tutte le generazioni successive
i diversi tipi di vite (cioè, culture, mondi) che possiamo
generare attraverso diverse teorie come le inventiamo per spiegare,
133
per giustificare, o per modulare le nostre emozioni, se sono conservate e
riprodotto sistematicamente nell'apprendimento dei nostri figli. Con il
avvento della patriarcalità un nuovo dominio di relazioni e distinzioni
sorse come un nuovo modo di esistenza psichica, cioè quello della sfiducia
e controllo, o politica. E con questo nuovo modo di psichico
esistenza, nacque anche la giustificazione teorica del controllo
e dominio della vita degli altri attraverso le nozioni di gerarchia
e autorità, di bene e male, di superiorità e inferiorità, con
la corrispondente cecità implicita su quegli altri.
In questo processo il sesso è diventato degradato dall'essere sottomesso
autorità patriarcale come tutte le relazioni in quello spazio politico psichico
deve essere, perché la presenza spontanea illuminante di
la sessualità vissuta in amore non poteva essere controllata, e il
libertà di azione e riflessione che ha portato alla relazione
il dominio era una minaccia per il patriarcato. Nel processo di espansione
di patriarcalità, cecità spirituale come caratteristica dell'ordinario
anche la coesistenza si è espansa. L'innocenza interpersonale è stata in gran parte persa
attraverso l'uso politico delle relazioni umane, e i valori apparivano come
aspetti speciali delle relazioni umane, separati dal flusso quotidiano
vita, e quindi doveva essere insegnato. Come i valori sono apparsi nel contesto di
patriarcalità, hanno agito come strumenti per dirigere o controllare
comportamento umano sotto le spoglie di preservare l'umanità, quindi
dando origine a un modo di vivere che divenne spontaneamente fondamentalmente
disonesto.
Tuttavia, nella sua origine la vita umana deve essere stata fondamentalmente
spirituale, non politico, come sorse nella consapevolezza inconscia di
la connessione e l'unità di tutta l'esistenza attraverso lo spirituale
Esperienza. Inoltre, deve essere rimasto così per molte migliaia
di anni, nonostante l'avvento della consapevolezza riflessiva in
l'espansione del linguaggio, fino a quando la patriarcalità ha cominciato a distruggere
o per oscurare la consapevolezza inconscia della connessione di
tutta l'esistenza. La biologia dell'amore, attraverso l'accettazione del
la legittimità di tutto, deve aver costituito per i nostri antenati il
apertura emotiva per vedere tutto e, quindi, per l'espansione
della loro conoscenza operativa e comprensione del mondo
134
loro hanno vissuto. All'origine dell'umanità, l'espansione della biologia
di amore deve aver costituito il fondamento operativo che
permesso ai nostri antenati di vedere e usare relazioni analogiche per il
spiegazione della loro esistenza come componenti attivi di una dinamica
tutto interconnesso.
La patriarcalità ha cambiato tutto questo, ma non completamente. Perché la biologia
di amore e intimità è ciò che rende possibile l'esperienza spirituale
come espansione della consapevolezza dell'unità di tutta l'esistenza, e
la biologia dell'amore e dell'intimità è ancora un aspetto fondamentale di
la vita umana, è ancora possibile riconquistare l'espansione della consapevolezza
dell'unità di tutta l'esistenza come caratteristica spontanea dell'essere umano
vita quotidiana. Quindi, anche ora, nel nostro attuale manipolatore occidentale
cultura patriarcale con il suo carattere essenzialmente non spirituale, noi
vedi ancora "essere innamorato" e l'intimità sessuale che questo comporta
una fonte fondamentale di esperienza spirituale. E non solo quello.
Vediamo ancora dal buio della nostra cultura patriarcale, quella
essere innamorati è, attraverso l'estensione della sensualità che comporta,
la nostra apertura di base per un cambiamento nella nostra esistenza psichica verso il
espansione della nostra intelligenza e comprensione come membri di
la biosfera. Inoltre, pensiamo che la biologia dell'amore e
l'intimità costituisce la nostra unica possibilità di raggiungere la consapevolezza di
la nostra inclusione e partecipazione nell'unità della biosfera in a
relazione non manipolativa.
La rottura dell'intimità
Niente di ciò che viviamo nella nostra esistenza psichica umana è banale.
Possiamo vivere molte illusioni, o molte diverse realtà virtuali, come
le illusioni ora vengono spesso chiamate; possiamo persino sapere che lo siamo
vivere un'illusione o una realtà virtuale mentre la viviamo, ma il nostro sensitivo
l'esistenza non è mai un'illusione o virtuale indipendentemente da come si presenta.
Come la nostra umanità si verifica nello spazio relazionale come un sensitivo
esistenza, è ciò che viviamo nella nostra esistenza psichica che guida il
trasformazioni della nostra corporeità nella nostra vita relazionale e noi
diventare nei nostri corpi in base a ciò che viviamo nell'interazione
135
della nostra ragione e delle nostre emozioni nel nostro conscio e inconscio
essere.
Molto è stato fatto nella tecnologia delle realtà virtuali sotto
l'argomento che contribuisce all'espansione e all'arricchimento
dell'esperienza umana. Infatti, nel campo della tecnologia virtuale
e le realtà non virtuali sono per sempre un campo aperto in cui qualunque cosa
è immaginato in un modo che rispetta le coerenze strutturali di
il dominio in cui si suppone che ciò che si immagina possa accadere
essere fatto. Allo stesso tempo, molto è stato fatto nei domini
di trapianti di organi e tessuti, così come nella clonazione di
tessuti, organi o tutto l'organismo, che sono pratiche che possono essere
espanso immensamente. Allo stesso modo, il dominio dell'espansione artificiale
o integrazione di molte delle nostre capacità corporee attraverso il
anche la progettazione di protesi meccaniche, chimiche ed elettroniche
a tempo indeterminato. E infine, il dominio delle manipolazioni genetiche è
ora aperto anche a un'espansione illimitata attraverso l'ingegneria genetica.
Ma facendo tutto questo, l'umanità sarà conservata o persa? Tutti
che noi esseri umani possiamo immaginare come manipolazioni o artificiali
modifiche dei corpi di animali e piante possono essere realizzate
se rispettiamo alcune caratteristiche cellulari fondamentali in esse. Ma cosa
accadrà alle nostre identità umane e individuali se il nostro cervello è
manipolato attraverso l'innesto di tessuto o l'impianto di microcircuito?
Quanto può essere cambiata la struttura corporea e l'umano
l'identità o le identità personali particolari sono ancora conservate?
Cosa succede alla nostra esistenza psichica come facciamo tutto questo per gli altri o
a noi stessi? O, del resto, cosa sta succedendo nel nostro sensitivo
esistenza in modo che noi umani vogliamo fare quelle manipolazioni nel
cultura mercantile patriarcale che attualmente viviamo, e siamo disposti
per farlo per lo più senza preoccupazione per le conseguenze di ciò che noi
fare nella nostra vita o nella vita degli altri?
L'identità, il modo particolare di essere di qualsiasi sistema (di
qualsiasi entità composita) in quanto esiste come una particolare totalità in un dato
dominio delle interazioni, non ha una natura trascendentale intrinseca. Quella
è, l'identità di un sistema ha luogo e viene conservata come una relazione
dinamica tra la struttura del sistema e il suo modo di
136
essendo nel suo dominio di interazioni e relazioni, ed è, quindi,
sistemico. O, in altre parole, l'identità di un particolare sistema
è costituito e conservato in una dinamica sistemica ricorsiva in
quale il flusso di relazioni e interazioni della struttura del
sistema e le circostanze in cui esiste contribuiscono a realizzare
e conservalo. Di conseguenza, l'identità di qualsiasi sistema dura solo come
Finché le dinamiche sistemiche che la definiscono e la conservano è davvero
conservato attraverso i cambiamenti strutturali che subisce. Che cosa
abbiamo detto, ovviamente, si applica a tutti i sistemi, ma stiamo parlando
qui dei sistemi viventi in generale e delle persone in particolare (cfr
Appendice 2). Ne consegue, come abbiamo già detto, che l'identità di
un sistema vivente, o di un essere umano, non è nemmeno nella sua corporeità
anche se riconosciamo ogni particolare individuo osservando
o distinguendo alcune caratteristiche della sua struttura. Inoltre, lo è
non è il caso che qualsiasi struttura possa realizzare una particolare identità,
perché esiste un accoppiamento generativo operativo tra a
struttura e le dinamiche relazionali a cui può dare origine, e
quindi, tra una struttura e l'identità che può essere realizzata
e conservato attraverso di esso in una particolare dinamica relazionale. Così
la struttura, la corporeità di un essere umano può cambiare e la sua
l'identità in quanto tale si conserva fino a un punto che diventa evidente
quando l'osservatore vede quella dinamica relazionale che costituisce
l'identità che ora conosciamo come "essere umano" non è più lì. È
attraverso la comprensione di questa dinamica che rivendichiamo quella umanità
sarà perso quando la biologia dell'intimità e la biologia dell'amore sono
perso nell'educazione dei nostri figli.
La biologia dell'intimità e la biologia dell'amore sono fondamentali
nella vita umana: amiamo gli animali come risultato del biologico
e la storia evolutiva culturale che ci ha dato origine. Il benessere
che sorge nel vivere nella vicinanza del corpo e nell'accettazione
della vicinanza del corpo di un altro nel piacere di quella vicinanza
in totale fiducia, così come il benessere che sorge nel sensuale
il piacere di coesistere nella cura reciproca unicamente per il piacere di
è, e non per tutti i vantaggi che tale vicinanza può portare, lo sono
necessario per il benessere fisiologico e spirituale dell'uomo e
137
armonia. La nostra cultura patriarcale, attraverso la sua base psichica
l'emozione della sfiducia e del controllo, oltre che della manipolazione
e l'appropriazione, ci ha portato ad accettare ideologie politiche e
teorie economiche che trattano tutte le relazioni umane come politiche,
manipolativo, e le transazioni economiche, come se il desiderio di potere
o guadagni nel dominio dei vantaggi personali erano il biologico
motivi primari nelle relazioni umane e nelle interazioni. Inoltre, da
accettando tali teorie e ideologie politiche ed economiche, noi
vivere le nostre relazioni interpersonali come se tali teorie rappresentassero davvero
i fondamenti della vita umana. Ma non solo. Nel sensitivo
spazio in cui viviamo accettando tali ideologie e teorie
visualizziamo e trattiamo tutti i processi della biosfera come se fossero loro
stavano accadendo sotto considerazioni di guadagni e perdite, utilità e
valore, vantaggi e svantaggi in una dinamica temporale con
passato e futuro. Eppure, mentre tentiamo di spiegare e capire
tutti i processi biologici in questi termini introducendo queste nozioni
nelle nostre descrizioni come se rappresentassero caratteristiche reali delle loro
operazione, diventiamo ciechi al fatto che i processi biologici
si verificano nel presente, non nel futuro o nel passato, e vediamo solo
cosa dicono le ideologie politiche e le teorie economiche. Se ci relazioniamo
con un altro essere vivente, umano o no, qualunque sia la dimensione
delle nostre relazioni, come se si trattasse di transazioni economiche, non lo facciamo
vederlo, lui o lei, vediamo solo ciò che ci aspettiamo di ricevere o guadagnare
in una dinamica di potere e controllo. Mentre lo facciamo, diventiamo
cieco, sordo, muto e così via, rispetto all'altro, e
l'intimità è persa; la convivenza umana diventa fonte di reciproco
uso, manipolazione e abuso. Quando ciò accade, vita comunitaria
smette di essere sociale e diventa politico.
La biologia dell'amore, il modo di vivere con l'altro nel
azioni o comportamenti attraverso i quali l'altro nasce come legittimo
altro in convivenza con se stessi e in cui noi esseri umani
assumersi la totale responsabilità delle nostre emozioni e del nostro razionale
azioni, non è una coesistenza di appropriazione, controllo o domanda.
Come le dinamiche strutturali dell'organismo che determinano
il comportamento attraverso il quale l'altro si pone come altro legittimo
138

in convivenza con se stesso, l'amore è l'emozione che fa e
costituisce quel modo di vivere una vita sociale in quelle relazionali
dimensioni. In quanto tale, la biologia dell'amore è la biologia del mutuo
fiducia, e rende possibile la biologia dell'intimità come un particolare
espansione della convivenza sociale. Patriarcalità attraverso la sfiducia
e controllo, attraverso la manipolazione e l'appropriazione, attraverso
dominazione e sottomissione, interferisce con la biologia dell'amore,
allontanando le relazioni umane dal dominio della collaborazione
e rispetto reciproco nei confronti del dominio delle alleanze politiche,
manipolazione reciproca e abuso reciproco. E come la biologia di
l'amore è interferito con le nostre vite, la nostra vita sociale finisce;
diventiamo ciechi, sordi, muti e irraggiungibili rispetto al nostro
bambini, e li strumentalizziamo per la perpetuazione del nostro
alienazione nella sfiducia, nella manipolazione e nel controllo, in una vita di reciproco
negazione. Cosa succederà all'umanità in queste condizioni?
Questa non è una preoccupazione banale. Con la perdita di collaborazione nel
perdita di fiducia reciproca e rispetto reciproco, prevalgono le relazioni politiche,
e l'accettazione della legittimità della manipolazione del
la biosfera in generale, e della vita umana in particolare, diventa
la norma al servizio della tecnologia attraverso la cecità di
pensiero non sistemico. Importa? Se la tecnologia diventa
la caratteristica più fondamentale e centrale degli sforzi umani,
allora in effetti non importa che nell'espansione tecnologica
e complicazione delle attività umane essere umano come Homo
sapiens-amans dovrebbe essere perso per essere sostituito dalla conservazione
di un nuovo essere come gli Homo sapiens aggressans o Homo sapiens
arroganti, per esempio. La conservazione di alcuni nuovi Homo sapiens
le identità cambieranno il corso della storia e l'essere umano
come l'Homo sapiens-amans sparirà, o resterà nascosto dentro
alcune tasche lontane della vita primitiva. I poeti della fantascienza hanno
giocato già con questa idea. Ma se rimane l'amore per l'umanità
importante e prezioso per noi come esseri umani, quindi tecnologia
non determinerà la vita umana, e la biologia dell'intimità lo farà
non essere perso o distrutto, ma sarà conservato. Se questo accade, il
la biologia dell'amore, insieme alla biologia dell'intimità, continuerà
139
essere la fonte e il fondamento dell'identità psichica del nostro
discendenti come esseri umani del tipo Homo sapiens-amans. Ma,
come può accadere?
Conservazione di umanità
La biosfera non si preoccupa dell'esistenza umana in generale
o sulla nostra esistenza come esseri umani amorevoli in particolare. Né
la cura della terra o del cosmo. Siamo solo noi Homo sapiens-amans
a chi importa, o può preoccuparsi dell'umanità, o della biosfera, o
sulla terra come nostro spazio vitale come esseri umani amorevoli. E
ci preoccuperemo solo finché conserveremo la nostra amorevole umanità
vivendo in cura per noi stessi e altri esseri viventi nella biologia
di amore, perché questo è ciò che ci fa amare gli esseri umani. Ma
come stiamo vivendo in una cultura patriarcale che non conserva
questo modo di vivere, come possiamo conservare l'umanità amorevole? Noi
rispondi: vivendo nella biologia dell'amore, essendo consapevole della biologia
dell'amore è conservato vivendo nella biologia dell'amore. Ma come
Possiamo farlo?
Sappiamo che l'invito a conservare l'umanità amorevole di
vivere nella biologia dell'amore sembra difficile da seguire perché
non sembra dire cosa fare. Ma noi umani sappiamo cosa fare
fallo perché amiamo l'Homo sapiens-amans. . . ancora. Abbiamo detto
molte volte quell'amore è il dominio di quei comportamenti relazionali
attraverso il quale un altro si pone come legittimo altro nella convivenza
con se stessi.
Quando ci comportiamo in amore, l'altro non ha bisogno per giustificare la sua esistenza in relazione a noi, né chiediamo qualsiasi cosa da lui o da lei anche quando glielo chiediamo qualcosa per noi. Nella biologia dell'amore i disaccordi sono aperture per l'espansione di una conversazione, non fonti di diniego reciproco, anche quando si è consapevoli che la convivenza con l'altro lo richiede l'uno o l'altro dovrebbe cambiare le sue azioni. Nella biologia di amore, disaccordi sono opportunità per l'avvio di responsabili azioni concertate. Lo sappiamo perché anche nel mezzo del nostro manipolativa cultura patriarcale viviamo ancora la biologia dell'amore in amicizia e amicizia come dominio dei comportamenti relazionali in
140
la fiducia si verifica nella biologia dell'amore. O, sappiamo come vivere nel
biologia dell'amore perché abbiamo avuto la fortuna di viverci dentro
prima infanzia anche nel bel mezzo della nostra cultura patriarcale perché
siamo nati in una relazione madre / figlio non distorta dell'amore
cura, o perché c'era almeno un adulto che si relazionava con noi in
la biologia dell'amore. In effetti, abbiamo ancora la capacità di vivere nel
biologia dell'amore se liberiamo la nostra dipendenza culturale dal patriarcale
richieste di sfiducia, controllo, potere, dominio o abuso, perché
il mondo aggressivo che queste emozioni comportano non è la nostra base
mondo biologico, e mentre rilasciamo queste aggiunte la biologia di
l'amore riappare spontaneamente.
In effetti, sappiamo fin dalla nostra infanzia come essere nella biologia
d'amore perché l'amore è il nostro punto di partenza biologico. Siamo nati in
amore, cioè, nella fiducia implicita a cui è aperto un mondo amorevole
ricevici, e non in impotenza o inerme in un aggressivo
mondo. Quindi, un bambino appena nato sembra dire: "Eccomi, un amorevole
Essere, e posso diventare un essere umano amorevole tutta la mia vita se tu
amami. "Noi umani non siamo unici in questo; tutti gli esseri viventi vivono
nella fiducia implicita che il mondo è lì per loro come un paradiso
che fornirà loro tutto per vivere. Ma noi siamo
speciale perché apparteniamo a una storia evolutiva della neotenia nel
espansione dell'amore e dell'intelligenza. Inoltre, come noi esseri umani
amiamo gli animali neotenici, l'amore può essere coltivato o negato in noi,
ma non ha bisogno di essere insegnato. L'amore è il fondamento biologico
della nostra umanità, e non potremmo insegnarci ad amare se lo facessimo
non ho la biologia per questo. Quindi sappiamo come coltivare l'amore se noi
accetta solo la biologia dell'amore perché l'amore è il nostro modo naturale
di essere nel nostro fondamento biologico. Eppure, anche se lo siamo
animali che amano biologicamente, il modo di vivere come un essere umano amorevole
gli esseri sono una condizione sistemica che sia realizzata e conservata
sistematicamente, o si perde perché non viene coltivato e viene sostituito
dalla conservazione sistemica di un altro modo di vivere che è
centrato in qualche altra emozione.
Noi affermiamo che l'attuale problema dell'umanità (cioè, un problema come
finché ci preoccupiamo ancora dell'amorevole umanità perché l'amore fa ancora parte
141
della nostra vita) è che abbiamo tanto negato l'amore come costitutivo
caratteristica della nostra umanità attraverso il nostro vivere patriarcale
competizione, abusi e aggressività che abbiamo quasi dimenticato
come coltivarlo come un aspetto quotidiano della nostra esistenza. E in questi
le circostanze ci sentiamo in perdita, come se fossimo privati ​​di qualcosa
che non sappiamo più come recuperare perché non lo sappiamo
sapere come riconoscerlo e non sappiamo come dovrebbe essere
insegnato, o anche se può essere insegnato. La biologia dell'amore, però, lo è
non qualcosa che deve essere insegnato perché è ancora l'innato
fondamento biologico di ogni bambino umano appena nato. In effetti
non può essere insegnato esplicitamente, come se fosse un comportamento specifico
o valore. Piuttosto, la biologia dell'amore può essere coltivata solo come sua
l'esistenza può essere realizzata solo sistematicamente nell'epigenesi di a
essere umano vivente L'amore può essere coltivato o negato, e così via
può essere coltivato solo vivendolo.
La biologia dell'amore è una dinamica relazionale sistemica che può
essere coltivati ​​vivendo in un dominio relazionale amorevole, o può farlo
essere negato attivamente vivendo in aggressività e arroganza, ma è così
non potrebbe essere creato se non fosse già un aspetto fondamentale del nostro
biologia. Pertanto, se vogliamo che i nostri figli diventino socialmente bene
adulti integrati che si rispetti, che conservano il loro Homo sapiensamans
identità come una questione naturale, dobbiamo coltivare in loro questo
identità vivendo con loro nella biologia dell'amore fin dai primi tempi
momenti della loro vita, effettivamente cominciando dal momento che li accettiamo come nostri
bambini nel grembo materno (Verden-Zöller in Maturana e
Verden-Zöller, 1993.)
Nella storia evolutiva biologica e culturale che ha dato
origine a noi, la conservazione della biologia dell'amore è stata a
processo sistemico spontaneo perché nella vita quotidiana dei nostri antenati,
è stato realizzato come una convivenza in mutua accettazione e cura come
una caratteristica del modo di vivere definitivo del loro lignaggio. Il
la biologia dell'amore era la vita quotidiana che ci ha dato origine
il particolare tipo di primati bipedi che siamo. Ora il nostro quotidiano
la vita anche nella nostra infanzia spesso non è così, o non sta diventando
quindi, perché nell'emozione della nostra cultura patriarcale occidentale
142


siamo sotto una continua pressione per diventare sempre di più
manipolativo, politico, tecnologico e commerciale, in tutti gli aspetti
di convivenza, compresa la relazione madre / figlio e il
educazione educativa dei bambini.
Se davvero vogliamo che il nostro lignaggio di esseri umani amorevoli continui
per esistere dobbiamo recuperare la relazione madre / figlio come una relazione di
totale fiducia nell'accettazione reciproca del corpo nel gioco libero come caratteristica precoce
infanzia così come nell'educazione successiva del bambino. E noi
deve farlo creando le dinamiche psichiche operative di un quotidiano
vita che rende possibile la relazione madre / figlio come relazione
di cura e rispetto reciproci per essere realizzati spontaneamente nell'Homo
Sapiens-amans modo di vivere come una vita culturale che coinvolge
tutta la nostra vita. Cioè, se vogliamo recuperare la madre / figlio
relazione come relazione nel rispetto reciproco nell'accettazione totale del corpo,
giocosità, e nella gioia di fare le cose insieme, dobbiamo creare
lo spazio relazionale psichico nella vita della comunità, incluso
sia maschi che femmine, ciò rende ciò naturalmente possibile. Ancora,
perché ciò avvenga, tuttavia, la vita commerciale e politica deve
essere espulso dal dominio dell'infanzia e della prima giovinezza. Se noi
vogliamo che i nostri figli crescano come auto-accettanti, rispettosi, socialmente
adulti ben integrati e responsabili, che vivono quindi nella biologia dell'amore
deve essere conservato attraverso l'età adulta offrendo ai nostri figli
mentre crescono tutte le possibilità di una convivenza onestamente centrata
nel rispetto di sé e sociale, cooperazione e responsabilità come naturali
modi di vivere vivendo con loro nella biologia dell'amore. Amorevole
l'essere umano è culturalmente conservato come un essere umano spontaneo
vivendo se viviamo nella biologia dell'amore. Ma ora, nel nostro storico
presente, stiamo negando culturalmente la nostra vita spontanea nel
la biologia dell'amore e l'amore dell'essere umano possono essere recuperati
e conservato intenzionalmente attraverso la protezione degli aman
aspetto nell'educazione dei nostri figli.
Perdita di innocenza
Abbiamo detto che l'umanità è sorto quando i nostri antenati hanno iniziato a vivere
in linguaggiare come un modo di vivere conservato dopo la generazione
143
generazione attraverso l'apprendimento dei loro figli. Inoltre, possiamo
dedurre dalle nostre condizioni attuali come animali parlanti, che languiscono
nei nostri antenati deve essere iniziato coinvolgendo la produzione di
suoni modulati dalla bocca che hanno permesso almeno in linea di principio
ricchezze senza fine nei consensual coordinations of consensual
coordinamenti di comportamenti ed emozioni di una vita quotidiana vissuta nel
biologia dell'amore e dell'intimità. E pensiamo che debba essere stato così
perché i nostri antenati, come hanno cominciato a essere gli abitanti della savana, devono
hanno prodotto suoni di bocca nei loro coordinamenti di comportamento
mentre si muovevano in piccole bande interconnesse, forse molto simili
le quaglie fanno oggi In effetti, pensiamo che l'umanità debba essere iniziata
nella conservazione da parte dei bambini generazione dopo generazione di orale
e conversazioni gestuali che costituivano fin dall'inizio
culture orali come reti chiuse di conversazioni orali e gestuali
che ha coordinato le emozioni e le azioni della vita quotidiana.
Quando i nostri antenati hanno iniziato a vivere in conversazioni, devono avere
visse le loro vite quotidiane immerse nelle coerenze naturali di un cosmico
esistenza spirituale come una cosa ovvia. Solo molto più tardi nel flusso
della loro storia culturale, quando hanno cominciato a riflettere su se stessi
e il mondo in cui vivevano nella loro vita quotidiana, sarebbero i nostri antenati
hanno iniziato a vedere la loro inclusione in una rete di essere che potrebbe
essere descritto ma che non era discutibile e che fino ad allora
era stato vissuto naturalmente. Che questo deve essere stato così è ancora
apparente nella vita quotidiana e nelle tradizioni mitiche delle culture orali,
che mostrano che in queste culture gli esseri umani sono ancora implicitamente o
trattarsi esplicitamente di componenti integrali di uno spirituale
cosmo, in particolare se non sono stati trasformati attraverso
l'influenza del nostro pensiero patriarcale occidentale. Nelle culture orali
la consapevolezza delle azioni e delle emozioni che compongono quotidianamente
la vita nel qui e ora è un aspetto centrale della loro fondamentalità
esistenza spirituale. In questa vita, hanno creato dee e dei
come aspetti della loro esistenza psichica che operavano entrambi come evocativi
concretizzazioni della partecipazione umana al flusso naturale di
le coerenze cosmiche della vita quotidiana e come strumenti mistici per
la conservazione della consapevolezza di quella partecipazione. di conseguenza,
144
nelle culture orali i problemi e le difficoltà che sorgono nel quotidiano
la vita di una comunità è vissuta come rivelando una perdita di consapevolezza del
partecipazione umana alle coerenze cosmiche di ogni esistenza, e
cerimonie e rituali furono eseguiti coinvolgendo quelle dee
e le divinità attraverso la mistica rimessa in vigore di quella partecipazione con
lo scopo di recuperare quella consapevolezza, o di conservarla, se così fosse
non era stato perso.
Come esseri linguistici, noi umani siamo animali razionali. Quella
è, operiamo nel nostro linguaggiare secondo le coerenze di
i diversi domini dei coordinamenti consensuali di consensuale
coordinamenti di comportamenti che generiamo come i diversi domini
dell'esistenza che viviamo. Nelle culture orali la razionalità si presenta come a
è ovvio che è vissuto attraverso un linguaggio che ha luogo
coinvolgendo le coerenze operative immediate di una vita quotidiana vissuta
senza distanza tra argomenti ed emozioni. Di conseguenza, in
la razionalità delle culture orali è una mescolanza di causalità analogiche e locali
pensare basandosi sull'espansione delle coerenze della vita quotidiana.
In queste circostanze, quando nel flusso di domande di convivenza
sorgono che richiedono una spiegazione di tutto ciò che esiste, razionale
argomenti ed emozioni si separano dalle azioni del quotidiano
la vita e gli argomenti diventano principalmente analogici nella creazione di a
storia mitica. Nella nostra cultura patriarcale occidentale, la razionalità ha
acquisito un personaggio diverso.
Le culture orali sono fondamentalmente fiduciose della bontà fondamentale
di un cosmo vivente che include gli umani. In queste culture la vita
si svolge nel presente, come ovvio, e le persone vivono
con la sensazione di essere inclusi nelle coerenze della vita. Ma noi
gli esseri umani moderni non vivono ora fidandosi della nostra inclusione nel
dinamiche spontanee e coerenti di un'esistenza cosmica sistemica
di cui siamo parte integrante costitutiva e nella nostra mancanza di
fiducia che vogliamo controllare tutto In effetti, come abbiamo
già detto, nella nostra storia culturale occidentale introdotto il patriarcato
sfiducia e manipolazione politica nella nostra vita quotidiana come parte di
una continua e pervasiva ricerca di certezza nel corso di
esistenza umana, sia per mezzo di un controllo diretto della vita umana
145
e attraverso il tentativo di controllare ciò che è visto come un avversario e
natura aggressiva. In questo processo, il ragionamento causale locale è diventato
il modo principale di pensare dichiarato nella nostra cultura occidentale,
dandogli un orientamento che nega le emozioni in generale, e
amore in particolare, come fondamento della nostra umanità come razionale
esseri. Questo è così anche nei nostri nuovi domini di esistenza come viviamo
nelle dinamiche ricorsive del linguaggiare in modo progressivamente più
lontano dalle coerenze immediate della vita biologica quotidiana.
Inoltre, in questo stato d'animo del pensiero causale locale e del
negazione dell'amore come fondamento dell'esistenza umana, tecnologia
ha ampliato la sua presenza quotidiana nella nostra immaginazione e nel mondo
operatività della nostra vita quotidiana a tal punto che noi no
dipende solo da esso per conservare la nostra vita umana moderna, ma anche noi
sono arrivato a credere che attraverso di esso possiamo controllare tutto,
compresi i problemi di convivenza umana. Ma i problemi umani lo sono
emotivo, non razionale o tecnologico; sorgono quando in una persona
o in una comunità ci sono desideri conflittuali che portano all'opposto
azioni, non quando c'è un'incongruenza razionale o tecnologica.
Pertanto, la razionalità o la tecnologia non possono risolvere i problemi umani;
le loro soluzioni sono emotive e sorgono quando i vari desideri in
la persona o la comunità smettono di condurre ad azioni opposte.
Questo è così anche quando la razionalità o la tecnologia ci permettono di generare
qualche strumento relazionale con cui possiamo espandere la nostra visione,
cambiare prospettiva o collegare i domini operativi in ​​un modo
ci aiuta a cambiare le nostre emozioni.
I nostri antenati in culture non patriarcali vivevano in modo sistemico
interconnessione dinamica all'interno di un cosmo che erano
consapevole e in grado di integrarsi. E mentre vivevano il loro cosmico
interconnessione, l'hanno vissuta in un pensiero sistemico
coerenze multidimensionali che sapevano come evocare ma potevano
non descrivere in dettaglio. In quel modo di vivere non erano interessati
con il controllo dei diversi aspetti della loro esistenza. Loro solo
li vivi; e lo hanno fatto attraverso la conservazione delle pratiche
che entrambi hanno conservato e realizzato la loro partecipazione armoniosa in
le dinamiche cosmiche della loro vita quotidiana nella comunità umana
146
a cui appartenevano. Vivendo in quel modo, un bambino no
avere difficoltà a crescere come socialmente integrato che si rispetti
individuo che opera implicitamente come parte di un tutto. Infatti, nel suo o
le sue azioni come membro della comunità, lui o lei ha imparato il
coerenze della vita quotidiana come rete di ragionamenti, emozioni e
azioni che hanno conservato il suo essere umano. Nella misura
quella fiducia era l'umore centrale in una cultura orale, il controllo era
non l'emozione che ha definito il suo modo di vivere.
Nella cultura patriarcale occidentale che attualmente viviamo, sfiducia
è l'umore centrale che guida le nostre relazioni e il controllo è il
azione radicata della nostra vita quotidiana in modo lineare, non sistemico,
pensando a causa ed effetto. Ma il pensiero lineare locale, quando visse
come il modo di pensare di base, distrugge la comprensione sistemica,
ci separa dalla vita quotidiana perché non siamo più pienamente in grado di comprenderlo
le coerenze sistemiche del mondo in cui viviamo vivendola
le sue coerenze quotidiane. E dobbiamo imparare le coerenze sistemiche
del mondo che viviamo spiegandoli. Come viviamo per lo più
nelle spiegazioni, pensiamo di apprendere le coerenze sistemiche di
il nostro dominio dell'esistenza come li spieghiamo con la speranza segreta
di dimensioni di apertura per la loro manipolazione e controllo. Nel
dominio delle relazioni umane questo ha conseguenze dirompenti perché
distrugge la multidimensionalità dell'altro separandoci
dalle coerenze sistemiche presenti nell'immediatezza della vita quotidiana
rompendolo in diversi passaggi di controllo. Tale modo di vivere
distrugge o nega la biologia dell'amore.
Di conseguenza, non sappiamo più cosa succede ai nostri figli
quando crescono socialmente scollegati in una coesistenza senza senso, o
quando diventano esseri infelici senza alcun senso di partecipazione
il mondo in cui dovrebbero essere. Né vediamo che noi
depersonalizzarli mentre li proiettiamo in un futuro che si suppone
per soddisfare i nostri desideri, non i loro. Inoltre, essendo deluso e
incantato con il potere del pensiero lineare locale a causa della sua
l'espansione delle nostre capacità per il design tecnologico e il
promessa di controllo delle relazioni umane che sembra offrire, noi
creare attorno ai nostri figli uno spazio psichico che nega continuamente
147
loro nella negazione della biologia dell'amore. Quindi i nostri figli scelgono
per cercare la propria presenza nel momento presente attraverso
droghe, bande o disperazione. Hanno perso l'innocenza perché no
più fiducia.
Noi esseri umani moderni siamo animali emotivi alienati da
la convinzione che il pensiero lineare locale patriarcale ci permette di spiegare
e controllare tutto in modo lineare e causale, portandoci oltre
la nostra inaffidabile natura emotiva mentre espandiamo la nostra comprensione
di noi stessi. Ma il pensiero causale lineare non da solo porta al
espansione della nostra comprensione in generale, né della comprensione
di noi stessi in particolare. In effetti, la comprensione di noi stessi
come gli esseri umani richiede sia l'analogico sistemico che il lineare locale
pensiero causale. La comprensione avviene quando mettiamo le nostre conoscenze in
un contesto più ampio che gli consente di connettersi a una rete di sistemi
relazioni. La comprensione sorge in un'operazione nel campo emotivo
dominio che rilascia la nostra presa sul nostro pensiero lineare locale.
Le emozioni costituiscono il fondamento relazionale su cui viviamo
ogni istante della nostra vita, e tutto il nostro ragionamento e tutto il razionale
i sistemi che sviluppiamo si basano su premesse di base che accettiamo a
a priori come espressioni dei nostri desideri o preferenze nel flusso del nostro
emozionare. Inoltre, dipende da come ci troviamo
le nostre emozioni possiamo essere sistemiche o lineari nel nostro ragionamento e
pensiero. Nel nostro pensiero sistemico comprendiamo le coerenze del nostro
inclusione nella biosfera e nel cosmo, e operiamo secondo
alle configurazioni di relazioni che astraggono consapevolmente
e inconsciamente dalle coerenze del nostro vivere. Ma nel nostro
pensiero sistemico non vediamo le concatenazioni locali
costituiscono la rete di relazioni sistemiche in cui facciamo il nostro
astrazioni sistemiche, e sebbene possiamo distinguerle, noi
non capisco come si presentano. Nel nostro pensiero lineare locale noi
analizzare le reti di relazioni sistemiche nella nostra vita che non lo facciamo
vedere o riconoscere come tali e scomporli in pezzi lineari locali
che ci appaiono nella loro località per rivelare i fondamenti causali di
i processi della nostra esistenza, oscurando le loro coerenze sistemiche.
Questi due modi di pensare hanno una presenza diversa nel nostro quotidiano
148
la vita secondo il modo in cui viviamo le nostre emozioni e di cui parliamo
saggezza quando li viviamo in modo integrato. L'operazione
di comprensione richiede entrambi (vedi Appendice 5.)
Con la nostra attuale comprensione della biologia dell'amore, siamo
ora diventando consapevoli che la fonte delle nostre difficoltà nel nostro
La cultura patriarcale occidentale è quella a causa del nostro onnipervadente
desiderio di controllo, siamo diventati alienati dalla seduzione di
l'efficacia del pensiero lineare locale nel campo del design.
Attraverso questa alienazione siamo diventati molto ciechi verso il
presenza e necessità di pensiero sistemico-analogico per il
comprensione degli esseri viventi in generale e del nostro vivere come umani
esseri in particolare. Inoltre, nella nostra cecità non lo vediamo
è questa cecità che costituisce la nostra difficoltà nella conservazione
di amare l'umanità perché non vediamo che la biologia di
l'amore è il fondamento operativo biologico dell'umanità, e neppure lo fa
vediamo che il controllo distrugge la biologia dell'amore e dell'intimità. Ma
anche data questa alienazione, il fondamentale bisogno emotivo per il
la biologia dell'amore è così presente in noi che ancora lo desideriamo nel nostro
vita quotidiana, e finché questo è così non siamo totalmente persi e possiamo
tenta ancora di conservare l'umanità amorevole. Dal momento che non siamo ancora
totalmente alienato, possiamo ancora integrare la razionalità sistemica e lineare
attraverso un cambiamento di atteggiamento se liberiamo il nostro desiderio di controllo, e
così facendo potremmo conservare l'umanità amorevole nella consapevolezza che
la biologia dell'amore e dell'intimità è il nostro fondamento. Quello, infatti,
sarebbe un cambiamento culturale di poca magnitudine.
La nostra Esistenza Culturale
Noi affermiamo che ciò che distingue quando si distingue a
la cultura è una rete chiusa di conversazioni come una rete chiusa
di coordinamenti di linguaggi ed emozioni. Questo perché diciamo
che una cultura è una rete chiusa di conversazioni e diversa
le culture sono diverse reti chiuse di conversazioni sistematicamente
conservato attraverso la loro effettiva realizzazione nella vita di a
collezione di esseri linguaggianti. In quanto tali, sono diverse culture
modi diversi di vivere come diverse reti di emozioni
149
e azioni che conservano diverse identità relazionali nel
esseri languiganti che li realizzano. A causa del suo carattere sistemico, a
la cultura è sia la realizzazione di un modo di vivere e il mezzo
in cui vivono gli esseri languenti che lo realizzano. Quindi una cultura è
sia il mezzo di realizzazione della vita degli organismi che
viverlo e l'effettiva vita interrelazionale di quegli stessi organismi.
Quindi una cultura costituisce la coscienza multidimensionale e
spazio mentale relazionale inconscio in cui gli esseri linguaggianti
che lo realizzano dal vivo e ne diventano membri. Quando una cultura non lo è
conservato, a causa della sua natura storica sistemica, scompare senza
qualsiasi possibilità di recupero, e il tipo di essere generato e
anche conservato nella sua realizzazione scompare.
A causa della conservazione sistemica del modo di vivere o
fenotipo ontogenico e perché la vita culturale è una caratteristica di
il fenotipo ontogenico di esseri linguaggi come noi, i nostri culturali
la vita è il nostro modo di conservazione della nostra identità organica, e
la nostra realizzazione culturale è parte della conservazione del nostro essere umano
identità biologica. Di conseguenza, noi esseri umani siamo sistemici
esseri che sono sorti e sono realizzati e conservati culturalmente
in modo tale che le dinamiche strutturali della nostra corporeità, la nostra
fisiologia, la nostra genetica e lo spazio relazionale psichico che noi
dal vivo è sorto attraverso la conservazione culturale sistemica del
biologia dell'amore e dell'intimità lungo la storia evolutiva del
lignaggio del lignaggio dei primati bipedi cui appartengono gli umani.
Come l'evoluzione segue il percorso di conservazione dei modi di vivere
e di variazioni sui modi di vivere già conservati, e
non il percorso di conservazione delle costituzioni genetiche o loro
variazioni, l'evoluzione segue il corso di ciò che rimane sistematicamente
generazione conservata (fisiologicamente, anatomicamente e geneticamente)
dopo la generazione attraverso la realizzazione di ciascuna variazione conservata
del modo di vivere conservato nella costituzione dei lignaggi.
In altre parole, quando sorge un nuovo lignaggio, lo fa sistematicamente in cooptazione
tutte le variazioni genetiche sotto la realizzazione di quelle caratteristiche
del modo di vivere che lo definisce, o il lignaggio scompare.
E questo perché la variazione genetica costituisce la possibilità
150
per variazioni nei corsi epigenetici vissuti dai membri di a
lignaggio, e quindi, per un nuovo modo di vivere che, se fossero in
anche loro devono essere sistematicamente conservati attraverso la riproduzione,
darebbe origine a variazioni nel lignaggio originale o ad alcuni
nuova stirpe del tutto. In queste circostanze, nell'evoluzione
storia di un lignaggio la deriva filogenetica del genotipo segue il
deriva filogenea dei modi di vita (o fenotipo ontogenico)
conservato nella conservazione sistemica del lignaggio.
Questo è successo e accade nel filogenetico evolutivo
deriva del nostro lignaggio Homo sapiens-amans come in ogni altro lignaggio.
È per questo che è sempre possibile che il sistemico
conservazione dell'aggressione come modo culturale di vivere può
si traduce in un percorso di deriva genetica che facilita la conservazione di
aggressività come un modo di vivere adulto. O, detto direttamente, se vivente
in aggressione dovevano essere conservati culturalmente abbastanza a lungo, quindi
la trasformazione, la realizzazione e la conservazione del mondo
che sorge attraverso quel modo di vivere in interazione con il
deriva la deriva genetica causata da quel modo di vivere
nel sorgere di un nuovo lignaggio che si dirama dall'Homo sapiensamans
lineage, o lo sostituisce, seguendo un diverso evolutivo
sentiero. In effetti, come è il modo di vivere culturalmente conservato
definisce il corso dell'evoluzione umana, è possibile che in molti
occasioni lungo il corso della storia umana diversi Homo diversi
i lignaggi coesistono in qualsiasi momento e uno di questi è ora
Homo sapiens-aggressans (vedi anche Bunnell, 1997).
Noi animali umani abbiamo senza dubbio la costituzione genetica che
ci consente di sviluppare, vivere e conservare culturalmente l'arroganza
e aggressività come un modo di vivere, in modo che tutto il mondo che
noi viviamo trasformati di conseguenza, ma non era arroganza
e l'aggressività che ha definito la tendenza evolutiva che ha dato origine
a noi esseri umani. L'amore era l'emozione che fin dall'inizio
costituiva il nucleo del modo di vivere che definiva il nostro lignaggio.
Sì, arroganza, aggressività, avidità, violenza, abuso, sfiducia,
l'indifferenza e così via possono essere culturalmente coltivate come buone maniere
di vivere, e dare origine a un nuovo lignaggio Homo sapiens, così come a
151
il mondo è congruente con quello che genera quel modo di vivere.
In effetti, qualsiasi modo di vivere che non uccida l'Homo sapiens
essendo che siamo prima che sia sistematicamente riprodotto attraverso l'essere
vissuto dai suoi figli, può dare origine a una nuova cultura e ad una nuova
linea biologica.
La nostra scelta
Finora, arroganza, aggressività, sfiducia, violenza, avidità e
l'indifferenza verso l'altro sono solo delle esternazioni culturali circostanziali
nel nostro modo di vivere umano. Ma per quanto tempo? Loro culturale
la coltivazione e la conservazione possono alla fine causare la perdita di
amare l'essere umano come arroganza, aggressione, abuso, violenza,
e l'indifferenza verso gli altri esseri umani e la biosfera diventano
le emozioni guida di base in una storia evolutiva centrata in
la conservazione sistemica culturale della negazione della biologia di
amore. Non possiamo fare nulla che la nostra costituzione genetica non faccia
permesso, ma la nostra costituzione genetica non specifica ciò che vogliamo
fare o cosa accadrà a noi lungo le nostre vite, né che cosa genetica
la costituzione sarà conservata nel flusso delle generazioni. Cosa noi
fare lungo le nostre vite o ciò che accade in noi lungo il nostro vivere sorge in
un modo epigenetico nelle contingenze delle nostre interazioni quotidiane
nel mondo che creiamo attraverso la nostra vita. La genetica no
determinarci, ma è un aspetto centrale di ciò che ci rende possibili
come esseri biologici. In queste circostanze, è perché lo siamo
animali biologicamente amorevoli che ci ammaliamo e scompaiono come
amare gli esseri umani nella negazione della biologia dell'amore.
Di conseguenza, se vogliamo conservare l'umanità amorevole, lo abbiamo
conservare la biologia dell'amore culturalmente (nella nostra epigenesi), e
per farlo dobbiamo conservare culturalmente le condizioni sotto
che i nostri figli possono crescere naturalmente come rispettosi, socialmente
amore consapevole, coraggioso, onesto, intelligente e responsabile
esseri umani. E per farlo, noi, gli adulti umani ora viventi,
deve generare attraverso il nostro vivere quotidiano lo spazio relazionale psichico
della biologia dell'amore intorno ai nostri figli come il sensitivo culturale
spazio in cui diventano adulti. Vivere nell'ipocrisia, nella finzione,
152
e le apparenze, non ci libereranno da tale responsabilità se noi
voglio conservare l'umanità amorevole. A causa dei loro Homo sapiensamani
la biologia, i bambini umani crescono, si potrebbe dire, come esperti
nel rilevare emozioni e contraddizioni emotive, così che loro
scopri immediatamente le nostre bugie emotive, e quando lo fanno,
la fiducia scompare, la vita sociale comincia a essere erosa e alla fine
disintegra. L'onestà è necessaria per il rispetto di sé e la fiducia reciproca,
e quindi, per la vita sociale che si verifichi. In effetti, anche se il biologico
fondamenti che costituiscono la possibilità per la nostra amorevole umanità
sono genetici, la nostra realizzazione come tale nella nostra anatomia, la nostra fisiologia,
e il nostro comportamento è culturale, e l'umanità amorevole deve essere vissuta
culturalmente per la nostra biologia Homo sapiens-amans (genetica, anatomia
e fisiologia) per essere, di fatto, conservati sistematicamente nel nostro
evoluzione biologica.
Noi esseri umani amiamo gli animali anche se possiamo diventare
alienato attraverso l'arroganza, l'aggressività, l'avidità e la violenza, quando
siamo esposti a una vita culturale centrata nell'arroganza, nell'aggressione,
avidità e violenza. In effetti, che siamo amanti degli animali è e sarà
la nostra condizione di salvezza come esseri umani del lignaggio di sapiens-amans
finché conserviamo la biologia dell'amore nella nostra vita quotidiana. Ma come
abbiamo appena detto, la nostra umanità, come ogni altra identità biologica,
è conservato nella conservazione del modo di vivere che
lo definisce, e dal momento che la nostra identità di sapiens-amans è culturale e noi
vivere immersi in una cultura patriarcale che nega la biologia dell'amore,
possiamo continuare ad essere Homo sapiens-amans solo se lo vogliamo. Solo se
vogliamo conservare la nostra condizione di Homo sapiens-amans e vivere
di conseguenza, il nostro lignaggio sapiens-amans sarà conservato. Solo se noi
lascia che il nostro desiderio di conservare noi stessi come Homo sapiens-amans diventi
una preferenza cosciente che guida la nostra vita scegliendo ogni volta
il momento ama il controllo e scegliendo la comprensione sistemica
intrecciato con il pensiero lineare in cura, con la fede nella tecnologia e
il design delle relazioni umane solo per la soluzione dei nostri problemi
allora la nostra condizione di Homo sapiens-aman sarà conservata perché
viviamo come tali Solo se preferiamo la fiducia alla sfiducia, alla responsabilità
all'ipocrisia, collaborazione, condivisione e partecipazione all'avidità,
153
potere e obbedienza mentre creiamo i mondi che creiamo come noi
vivere come sapiens-amans gli esseri umani, solo allora Homo sapiensamans
essere conservato nella nostra evoluzione umana biologica e spirituale
(vedi Appendice 6.)
Commenti finali
Siamo giunti alla fine di questo saggio e ora possiamo occuparci delle domande che abbiamo formulato all'inizio. Com'è che ci preoccupiamo per l'altro? Com'è che abbiamo preoccupazioni etiche?
Com'è che la maggior parte, se non tutte, le sofferenze umane sorgono attraverso la negazione della biologia dell'amore, ed è guarita attraverso la sua restituzione?
Com'è che l'amore è la prima medicina? La risposta che abbiamo sviluppato attraverso questo saggio è che la nostra umanità è sorta, ed è stata conservata attraverso la vita dei nostri antenati nella biologia dell’amore e dell’intimità, e che la biologia dell'amore e dell'intimità è il fondamento biologico della nostra preoccupazione per l'altro (di qualunque cosa gentile, vivente e non vivente) per il nostro comportamento etico e per la nostra armonia fisiologica, relazionale e spirituale.
Fisiologicamente siamo animali dipendenti dall'amore sociale, tanto che ci ammaliamo e la nostra vita sociale a tutte le età è interrotta, quando siamo privati ​​dell'amore L'armonia fisiologica è una caratteristica sistemica della realizzazione del modo di vivere di un organismo e lo fa non ha luogo come un aspetto della dinamica del corpo totalmente indipendente delle interazioni tra l'organismo e il mezzo. Tutte le persone prendersi cura del benessere di un altro sa che questo è davvero il Astuccio. Ciò che di solito non conosciamo o non comprendiamo appieno, tuttavia, è le dinamiche sistemiche coinvolte nella fisiologia di un organismo, e di solito non lo sappiamo o non lo capiamo perché attraverso la nostra convinzione nella causalità lineare propria del nostro patriarcato occidentale cultura, generalmente non impariamo a pensare in modo sistemico. Vita nelle biologie dell'amore e dell'intimità come sistema interpersonale le dinamiche relazionali avvengono in noi attraverso la realizzazione di le nostre fisiologiche dinamiche sistemiche e, di conseguenza, entrambe le nostre fisiologiche e le nostre dinamiche relazionali avvengono sistematicamente
154
correlato in modo tale che se uno è alterato, l'altro è alterato,
pure.
In queste circostanze, i valori sono astrazioni che facciamo
della nostra operazione come esseri sociali nella biologia dell'amore; perciò,
i valori non esistono da soli o in se stessi. O, in altre parole,
i valori sono dichiarazioni di modi intenzionali o desiderati di umani
coesistenza che facciamo perché ci prendiamo cura dell'altro. Come tale,
i valori non hanno potere irresistibile da soli, ed è per questo
devono essere coltivati ​​come aspetti della prassi del vivere se noi
voglio che le azioni che comportano il modo desiderato di convivenza siano
aspetti spontanei della nostra vita quotidiana. In queste circostanze il
la biologia dell'amore è il fondamento di tutti i valori, qualunque sia la loro cultura
modulo. È la biologia dell'amore e la biologia dell'intimità che ha
ci ha reso il particolare tipo di primati bipedi che siamo, umani
esseri del lignaggio degli aman, ed è la conservazione ricorsiva di
le biologie di amore e intimità che rendono il biologico e
Possibile conservazione culturale dell'amorevole umanità. Inoltre,
che così sia non nega che noi, in quanto esseri umani, siamo culturali
esseri, ma questo definisce il dominio dei cambiamenti culturali che noi
può subire e rimanere esseri umani di tipo aman. Qualunque
il modo particolare di essere umano è culturale. Patriarcato moderno,
con le sue contraddittorie richieste di rispetto dei diritti umani anche in
la guerra (come avvenne anche nelle Guerre floreali degli Aztechi), è culturale.
I valori, come abbiamo appena detto, sono culturali; il sé è culturale; senso
è culturale; e amare l'umanità come nostro modo di essere biologico
è culturale - e viene conservato o perso nella coltivazione culturale o
negazione della biologia dell'amore.
Noi umani possiamo vivere e conservare qualsiasi cultura che non uccida
noi prima della sua riproduzione sistemica e conservazione nell'apprendimento
dei nostri figli. Questo è il fondamento operativo della storia
di diversificazione culturale dell'umanità. Inoltre, noi umani
può generare teorie razionali per giustificare qualsiasi nostro desiderio
possono essere. Questa è sempre stata una caratteristica della nostra storia umana,
sia esplicitamente che implicitamente, ma in particolare durante il nostro europeo
storia patriarcale. In questa cultura usiamo esplicitamente il ragionamento per
155
moduliamo le nostre emozioni, inconsapevoli che così facendo siamo anche noi
modulando il nostro ragionamento attraverso le nostre emozioni in un modo simile
promuove la nostra alienazione dalla biologia dell'amore e dell'intimità
impariamo da bambini. Siamo consapevoli di questo ora e consapevoli che noi
sono consapevoli. Quello che facciamo con la nostra consapevolezza della nostra consapevolezza, è il nostro
responsabilità di base nel momento presente della nostra storia umana.
Richiamare l'attenzione sul fondamento di valori, etica e umano
essere nella biologia dell'amore e dell'intimità non significa negare
il dominio fenomenico culturale come dominio del nostro essere umano
vivere attraverso una sorta di riduzionismo biologico. culture
sono fenomeni biologici perché avvengono attraverso il
vivere del sistema vivente, ma i fenomeni culturali si svolgono in
un dominio di conversazioni, che è un dominio diverso dal
dominio molecolare della realizzazione del vivente. Prende vita
posto nelle dinamiche molecolari che determinano la costituzione
di sistemi molecolari autopoietici e le culture hanno luogo nel
dinamica relazionale del linguaggio del particolare tipo di molecolare
esseri autopoietici che vivono nella lingua. Il nostro obiettivo in questo saggio come
riflettiamo sulla base biologica della nostra cultura umana
essere è stato quello di ampliare la nostra comprensione del tipo di vita
sistemi che siamo come esseri umani nel dominio relazionale, e
chiamare nella nostra consapevolezza la consapevolezza che in quanto tale siamo amorevoli
esseri che dipendono dall'amore per la nostra esistenza perché apparteniamo
a una tendenza evolutiva nel lignaggio dei primati in cui l'amore, e
non aggressività. è stata l'emozione radicata nel nostro divenire
gli esseri umani. Vogliamo anche portare alla ribalta la consapevolezza che questo
è così anche se biologicamente siamo capaci di essere alienati
attraverso l'aggressività, l'arroganza, l'odio, l'abuso, la violenza e la tortura,
in relazione ad altri esseri viventi, umani e non, e anche a
noi stessi. Infine, il nostro scopo in queste riflessioni è stato anche quello di
chiama nella nostra consapevolezza la consapevolezza che quando viviamo o altri
intorno a noi vivono violenza, abusi, sfiducia, arroganza e reciprocità
rifiuto, non ci piace, e ci ammaliamo o facciamo qualcosa
recuperare la biologia dell'amore in noi o intorno a noi come il nostro dominio di
156
esistenza. Pensiamo che il fatto che ci comportiamo in questo modo rivela
che come esseri umani siamo animali dipendenti dall'amore.
Tuttavia, rimane una domanda fondamentale che può essere espressa in
diverse forme:
• Com'è che la nostra accettazione consapevole della nostra inclusione nel
coerenze della natura (la biosfera, il cosmo), qualcosa
i nostri antenati hanno implicitamente e inconsciamente ampliato il nostro
visione e comprensione sistemica?
• Come possiamo accettare la nostra inclusione senza essere intrappolati in a
Pensiero lineare che vogliamo anche usare e non negare?
• Come funziona la biologia dell'amore nella nostra realizzazione come esseri umani
ampliare la nostra comprensione della nostra inclusione nella biosfera e
cosmo, mentre il pensiero locale lineare patriarcale causale sotto
il desiderio di controllo e dominazione lo limita?
Possiamo rispondere a queste domande attraverso l'integrazione di
Pensiero locale lineare sistemico e causale che le riflessioni che noi
hanno fatto lungo questo saggio ci permettono di affrontare.
Amore, nell'accettazione della legittimità di ogni esistenza, e in
la fiducia di essere parte naturale di questa esistenza, ci apre a
afferrare le coerenze della biosfera e del cosmo lasciandoci
astrarre queste coerenze dalle coerenze del nostro vivere senza
le restrizioni della sfiducia e il desiderio di controllo. Così facendo,
noi astraggono dalle coerenze del nostro vivere diversi tipi di
regolarità, e viviamo con loro e attraverso di loro formulando
diversi tipi di leggi che si applicano nei diversi domini di
coerenze esperienziali da cui sono stati astratti (Maturana,
2000). Mentre ciò accade, ci ritroviamo operativi
componenti di un cosmo storicamente sistemico, piuttosto che parti
di un conglomerato di eventi indipendenti indipendenti. I nostri antenati
erano consapevoli di tale interconnessione come una caratteristica di ciò che vedevano
nella loro vita quotidiana, poiché non si vedevano fondamentalmente
157
diverso dagli altri esseri viventi. Con quella consapevolezza, anche se noi
per lo più non vedono o non possono vedere il modo o la forma delle interconnessioni
dei diversi eventi nei loro dettagli locali, possiamo vedere i loro
interdipendenze come modelli dinamici di relazioni, e possiamo
indagare su quei dettagli locali senza diventare cieco riguardo al
totalità che integrano. Come vivevano i nostri antenati, vedendoli
schemi di interrelazioni senza essere accecati dalla convinzione che
le relazioni locali erano tutto, potevano usare pienamente le loro analogiche
pensiero razionale proprio perché era valido nel coerente
dinamiche storiche a cui sapevano di appartenere. L'amore è
visionario, non cieco, perché libera l'intelligenza e si espande
coesistenza in cooperazione mentre espande il dominio in cui il nostro
il sistema nervoso funziona. L'amore espande il dominio in cui il nostro
il sistema nervoso estrae le coerenze dal nostro vivere.
Nel pensiero razionale patriarcale lineare, nella sfiducia e nel desiderio
il controllo limita l'orientamento del nostro sguardo e vediamo principalmente il locale
interconnessioni causali, che ci tengono molto al sistema
rete di relazioni in cui si verificano questi. Di conseguenza, abbiamo messo il nostro
attenzione soprattutto alle connessioni causali locali che si trovano nel
dominio limitato che riteniamo ci dia certezza per il controllo
del risultato delle nostre azioni specificando quel dominio, e noi
essenzialmente ci rendiamo ciechi rispetto alla distesa sistemica che
non soddisfa le nostre aspettative o in cui quella località ha un
presenza legittima. Il risultato del desiderio di controllo è che noi
voglio sapere per progettare sistemi (situazioni, macchine)
ci darà certezza nei risultati delle nostre azioni. Il desiderio di
controllo attraverso il pensiero razionale lineare, che è fondamentale
alienazione patriarcale, ci acceca, restringe la nostra intelligenza, e
canalizza la nostra convivenza e le nostre azioni nel sentiero limitante
di una continua ricerca di argomenti convincenti e per il
fondamenti di azioni efficienti trascendentali.
Forse la bellezza della nostra esistenza come esseri umani è quella di noi
astrarre le coerenze del nostro vivere, scopriamo che si applicano in un
dominio in espansione delle relazioni che ci permette di vedere che siamo parte
di una biosfera sistemica e un cosmo sistemico in cui l'analogico
158
e i ragionamenti causali sono entrambi validi se operiamo con loro nel
corretta comprensione sistemica di dove si applicano. L'operazione
del sistema nervoso come rivelatore di correlazioni effettorie sensoriali
che sorgono sulle superfici sensoriali ed effettive dell'organismo nel
il flusso dei suoi incontri con la sua nicchia è ciò che permette l'organismo
operare facendo distinzioni di relazioni locali e sistemiche in
il suo dominio di esistenza (vedi Appendice 6). In queste circostanze,
le relazioni sistemiche o locali che un organismo distingue nella sua
vivere dipende dal flusso delle sue emozioni mentre le emozioni si espandono
o limitare le dimensioni dell'incontro dell'organismo e
Il mezzo. Quindi, la biologia dell'amore, attraverso l'operazione in
fidati di ciò che comporta, apre la nostra intelligenza e amplia la nostra visione come
componenti della rete di coerenza sistemica della biosfera
e cosmo che integriamo come animali viventi e languiganti. Come
amando gli animali, noi esseri umani siamo particolarmente dotati
la capacità di vedere e astrarre le caratteristiche di quelle coerenze sistemiche
attraverso le nostre operazioni come partecipanti a loro e come linguaggi
esseri possiamo usarli nella nostra spiegazione e comprensione. Ma
allo stesso tempo, il pensiero causale e il ragionamento locale patriarcale,
attraverso il carattere restrittivo della sua subordinazione al desiderio
per controllo, limita la nostra visione alle parzialità locali nella rete di
coerenze sistemiche a cui apparteniamo. Ora, tuttavia, attraverso
la nostra comprensione dei nostri fondamenti nella biologia dell'amore, noi
può evitare la trappola del desiderio di controllo e possiamo diventare liberi
integrare il pensiero razionale sistemico e lineare come abbiamo fatto
in questo saggio. Inoltre, così facendo diventiamo liberi di vivere il
espansione dell'intelligenza che la biologia dell'amore porta in noi, come
per realizzare la conservazione dell'amorevole umanità nel nostro quotidiano
vita.
159
5: Panoramica
All'inizio di questo saggio abbiamo proposto di presentare un modo di spiegare, vedere e comprendere la costituzione, origine e conservazione dell'amorevole umanità come l'Homo sapiens amans lignaggio di primati bipedi a cui apparteniamo. Abbiamo fatto questo mostrando la possibile operazione di neotenia e il biologie di amore e intimità nello stabilire il nostro lignaggio e della nostra particolare identità di esseri umani. In questo processo abbiamo proposto che noi esseri umani sorsero come sessuali, sensuali, teneri e languenti bipedi primati, e questo è quello che lo siamo ancora - finora. Inoltre discutendo sull'origine di
l'umanità nelle biologie dell'amore e dell'intimità, abbiamo dimostrato che gli esseri umani, come tutti gli esseri viventi, sono entità sistemiche portare avanti il ​​loro mondo e conservarlo come vivono, vivendo come il tipi di esseri che sono. Inoltre, lo abbiamo anche sostenuto anche se stiamo linguando i primati bipedi che vivono ed esistono conversazioni, diventare umani non è stato il risultato di una storia di fortunate mutazioni genetiche opportunamente selezionate, ma piuttosto il risultato di una storia di conservazione sistemica di un modo di vivere realizzato e conservato attraverso una dinamica sistemica che co-opta tutte le variazioni genetiche che non capita di negare la sua realizzazione e conservazione. Quindi, abbiamo sostenuto che l'amore dell'umanità è il risultato di una storia evolutiva dei primati nella conservazione di a modo di vivere che comporta sessualità, sensualità e tenerezza, intrecciati nel vivere quotidiano nelle biologie dell'amore e dell'intimità.
L'umanità amorevole è, si potrebbe dire poeticamente, un'opera di estetica come una vita vissuta in un'amorevole, facile coerenza con il cosmo (biosfera) ciò rende possibile una vita simile. In effetti, sensualità, tenerezza e la sessualità, intrecciata in una amorevole convivenza, sono tali caratteristiche di base della nostra umanità che dobbiamo inventare razionale e irrazionale argomenti per manipolare le nostre emozioni in modo che possiamo negare il nostro vivere quotidiano una o tutte quelle dimensioni umane quando vogliamo potenza e controllo. E riusciamo a farlo, sopravvivendo a malapena con una certa misura di integrità sociale nella cultura patriarcale in
160
che la maggior parte del genere umano vive oggi, perché agiamo come se noi creduto in questi argomenti, anche se li conosciamo non validi.
Perché sappiamo che questi argomenti non sono validi nell'inconscio dimensioni dello spazio psichico che abbiamo imparato nella nostra infanzia, ogni tanto troviamo abbastanza coraggio per rispettare le nostre emozioni, e accettiamo con cautela l'amore come base per il ragionamento che dice noi che la collaborazione è più vicina al nostro sé biologico intimo di competizione e aggressività.
Ora, e indipendentemente da qualsiasi altra cosa potremmo desiderare di fare, a continuare come Homo sapiens-amans, dobbiamo conservare la nostra vita come esseri sensuali, sessuali e teneri e amorevoli in condizioni ecologiche coerenza con il mondo che realizziamo nella nostra vita. E, inoltre, dobbiamo farlo mentre siamo consapevoli che il mondo portiamo e con cui dobbiamo essere ecologici e la coerenza spirituale, è quella in cui siamo consapevoli che portiamo riguardo al mondo che viviamo attraverso il nostro conscio e inconscio esistenza psichica, mentre partecipiamo alle diverse conversazioni che viviamo. Come abbiamo già detto, nel momento presente del nostro storia culturale, la nostra identità Homo sapiens-amans deve essere vissuta come a lavoro desiderato dell'arte umana, cioè come prodotto dell'estetica di vivendo intenzionalmente come Homo sapiens-amans. Rimarremo Homo sapiens-amans solo se vogliamo, perché solo allora conserveremo le dinamiche sistemiche che realizzano e conservano questo modo di vita. Altrimenti, scompariremo come Homo sapiens-amans e a un lignaggio diverso ci sostituirà, mentre noi semplicemente svaniremo nel flusso della deriva evolutiva biologica e culturale in cui viviamo senza nemmeno essere a conoscenza di ciò che sta accadendo.
Forse altri primati bipedi languigginosi che sorsero con noi come ramificazioni del sistema Homo dei lignaggi hanno già scomparso perché non conservano, come il centro della loro modo di vivere, sensualità, sessualità e tenerezza intrecciati un'amorevole vita quotidiana di coerenza ecologica con se stessi nel mondi che stavano creando. Non facendolo, potrebbero averlo distrutti da un conflitto senza fine, o possono aver portato sulla loro stessa distruzione facilitando i cambiamenti ecologici in
161
che il loro modo di vivere non poteva essere conservato. Questo potrebbe sono successi mentre altri esseri Homo vivevano in cooperazione piuttosto che in competizione per il potere e il dominio e quindi gestito conservare come fondamenti della loro convivenza la biologia di amore e intimità nel mondo che cambia che loro stessi stavano causando. L'evoluzione, il processo di deriva naturale, lo fa non fermarsi in alcun lignaggio a meno che quel lignaggio non abbia fine.
Visione, comprensione, lungimiranza, autocoscienza e saggezza sono le caratteristiche di un modo di vivere, non le caratteristiche del fisiologico o costituzione anatomica di un animale, anche se sono possibili attraverso la sua costituzione fisiologica e anatomica. Il mondo che una vita animale, umana o non umana, si pone come un'espansione della sua corporeità come spazio di relazioni (esterne e interne) generato attraverso le sue correlazioni sensoriali ed effettive. Inoltre, il mondo in cui viviamo noi esseri umani ha caratteristiche relazionali proprie di il nostro esistente in conversazioni che possono generare ricorsivamente all'infinito diversi domini di realtà che diventano cooptati come dimensioni o parti del mondo in cui realizziamo il nostro vivere. Come conseguenza di questa condizione sistemica, la nostra esistenza umana è quella in cui noi può vivere qualunque mondo portiamo nelle nostre conversazioni, anche se è un mondo che finalmente ci distrugge come il tipo di essere che siamo.
In effetti, questa è stata la nostra storia fin dalle nostre origini come linguaggi gli esseri; vale a dire, una storia di creazione ricorsiva di nuovi domini di esistenza come diverse reti di conversazioni che comportano differenti domini di distinzioni, operazioni relazionali e spiegazioni (autocoscienza, consapevolezza della morte, consapevolezza degli strumenti, consapevolezza dell'oggetto pubblico, consapevolezza della tecnologia e del sé coscienza). Ma è anche il risultato della nostra storia umana in il nostro diventare esseri riflettenti, autocoscienti e consapevoli di sé, che siamo solo noi che possiamo, attraverso il nostro autocosciente intenzionale azioni, cambiare il corso delle vite che viviamo. Siamo solo noi come esseri autocoscienti che possono fermare, se lo desideriamo, ricorsivi processi unidirezionali che abbiamo generato e che potrebbero avere conseguenze catastrofiche per le dinamiche sistemiche del flusso di la nostra esistenza e l'esistenza di altri esseri viventi nel
162
biosfera. E questo è così perché siamo solo noi che possiamo agire nel comprensione della natura sistemica di tutto il processo nella biosfera, ed è solo noi che possiamo desiderare di non distruggere l'umanità amorevole perché ci piace e rispettiamo la nostra condizione di essere Homo sapiens amans.
La deriva strutturale cosmica si verifica in una dinamica caotica di continui cambiamenti strutturali spontanei in cui locale, sorgono situazioni dinamicamente stabili di ordine singolare il nulla (non-cosa). Nelle conversazioni sul caotico dinamiche, tali situazioni sono chiamate "strani attrattori", ma loro non sono altro che la costituzione spontanea del singolare entità dinamiche attraverso la conservazione delle relazioni dinamiche.
Quelle situazioni stabili dinamiche durano quanto le condizioni per la loro conservazione avviene e quando tali condizioni scompaiono, si disintegrano. L'autopoiesi potrebbe essere vista in questo modo, e uno potrei dire che l'autopoiesi è uno strano attrattore in una dinamica caotica.
Lo stesso si potrebbe dire per qualsiasi tipo o specie di sistemi viventi, per cultura, o sistema di culture. In effetti, ogni singolarità sistemica è un attrattore che sorge in un altro (determinato dalla struttura)
dinamica caotica. Ma puntare a questo da solo non risulta in un espansione della nostra comprensione del dominio dell'esistenza di qualsiasi entità. Il dominio di esistenza di qualsiasi entità è il dominio di dinamica relazionale in cui si manifesta e si conserva; e un l'entità è conservata fintanto che le dinamiche relazionali che costituiscono è conservato Inoltre, come un osservatore distingue un sistema o entità, lui o lei fa un'operazione di distinzione che implica il funzionamento delle relazioni di costituzione del sistema o entità.
Si potrebbe dire che l'operazione reale di un sistema o entità è ciò che lo rivela e la possibilità della sua descrizione. Lo stesso succede con esseri umani che esistono e devono essere visti e compresi nel dominio relazionale che generano e in cui sono conservato attraverso il loro funzionamento in quanto tale. O, in altre parole, esso è nel dominio in cui esistiamo come esseri umani amorevoli dove ciò che facciamo conserva o ci nega come Homo sapiens-amans, ed è così lì dove possiamo scegliere cosa fare. In termini generali, ogniqualvolta
163
una raccolta di elementi una certa configurazione di relazioni dinamiche comincia a essere conservato, tutto il resto diventa aperto al cambiamento (vedi Appendice 10). Pertanto, noi come esseri umani non siamo intrappolati il destino di un cosmo inconscio, anche se ne facciamo parte proprio perché siamo consapevoli di sé e lo è perché lo siamo parti autocoscienti di cui possiamo conservare l'umanità amorevole come un'identità dinamica sistemica vivendo come tale. Se abbiamo scelto di vivere come Homo sapiens-amans, quindi l'umanità amorevole sarà conservata, e tutto il resto cambierà attorno alla sua conservazione.
Non sappiamo se ci siano altri autocoscienti esseri nel cosmo che produciamo mentre esistiamo come autocoscienti gli esseri umani. È molto probabile che ce ne siano, ma poiché siamo autocoscienti esseri, comprendiamo la possibilità e l'operatività di autocoscienza nel nostro cosmo. Dire che non è vanità, ma consapevolezza della peculiarità del nostro amorevole essere umano autocosciente esistenza come sistemi biologici. In molte tradizioni mistiche no distorto dalla finzione della conoscenza trascendentale assoluta, l'esperienza spirituale è vissuta come esperienza di identità con a condizione cosmica amorevole e premurosa che pervade tutta l'esistenza. Quella questa condizione viene spesso considerata come rappresentativa di un indipendente essere chiamato di solito Dio, mostra, pensiamo, la nostra cura e stupore il volto del carattere travolgente di tale esperienza nel nostro cultura patriarcale. Eppure, ciò che è centrale in quell'esperienza è che lo è un'esperienza d'amore come fondamento dell'esistenza umana.
Senza dubbio parlando con la libertà di riflessione come abbiamo fatto in questo saggio può essere considerato non scientifico, come se contasse come l'amore, l'etica e le esperienze spirituali non erano biologici fenomeni. Loro sono. In questo saggio non abbiamo usato alcun primario nozioni non biologiche come argomento per ciò che abbiamo detto, e in esso l'amore e l'etica sono apparsi come caratteristiche del nostro biologico dinamica. Non raccomandiamo l'amore, ma lo diciamo senza amore come fenomeno biologico non c'è esistenza sociale. Non c'è imperativo etico, ma senza etica come conseguenza biologica di un essere umano che vive nella biologia dell'amore, non c'è Homo sapiens amans.
164
Frederick Nietzsche scrisse in Così parlò Zaratustra: "Dio è morto". Preferiamo pensare che noi esseri umani del lignaggio amans si è addormentato; ora risvegliamoci. Noi esseri umani siamo non gli dei, ma siamo Homo sapiens-amans, e ora siamo consapevoli che il nostro fondamento è la biologia dell'amore e dell'intimità.
165
1: Spiegazioni scientifiche
La scienza è un particolare sistema di spiegazioni delle esperienze umane.
Molti scienziati ritengono che la scienza sia un dialogo con la natura e
che attraverso quel dialogo gli scienziati trovano le leggi che lo governano. credo
in modo diverso. Penso che se si considera ciò che uno scienziato fa di fatto,
si scopre che ciò che uno scienziato fa è spiegare le sue esperienze
come un essere umano nel modo particolare delle spiegazioni scientifiche.
Inoltre, trovo che in tal modo uno scienziato non spiega il
fenomeni di una realtà indipendente, ma piuttosto il dominio del
sperimenta che lui o lei vive come un essere umano. Come succede la vita
noi, la natura ci capita come tutto ciò che possiamo vivere in tanti diversi
domini relazionali che viviamo come esseri umani. In ciò che segue
Non rifletterò sulla realtà; Rifletto su ciò che facciamo come facciamo
spiegazioni.
Una delle difficoltà che è sempre presente quando si tenta
spiegare qualsiasi esperienza è quella di sapere quando si ha, di fatto,
ha spiegato cosa si vuole spiegare. Con la consapevolezza di questo
Difficoltà nella mente, lasciami dire alcune parole sulle spiegazioni in
in generale, e sulle spiegazioni scientifiche in particolare.
Impariamo a casa durante la prima infanzia con cui viviamo
i nostri genitori che una spiegazione è un particolare tipo di risposta a a
particolare tipo di domanda una domanda che chiede come cose, eventi,
fenomeni, o, in termini generali, le esperienze dell'osservatore
vieni Detto più precisamente, impariamo nella nostra infanzia,
anche se per lo più inconsciamente nel semplice corso della nostra convivenza
la nostra famiglia, che una spiegazione è una risposta a una domanda sul
origine di alcune esperienze particolari dell'osservatore che viene richiesto
in modo tale che richiede esplicitamente o implicitamente una risposta
soddisfa le seguenti due condizioni:
1. La risposta deve consistere nella proposizione di un meccanismo o
processo che, se fosse permesso di operare, darebbe origine al
osservatore come risultato del suo funzionamento all'esperienza che lui o
lei vuole spiegare;
166
2. Il meccanismo o il processo generativo proposto come risposta
deve essere accettato come fare ciò che afferma di fare da un osservatore,
chi potrebbe essere la stessa persona che lo propone, perché esso
soddisfa qualche altra condizione che lui o lei mette nel suo
ascoltando.
Quando queste due condizioni sono soddisfatte, il generativo proposto
meccanismo o processo diventa la spiegazione dell'esperienza a
essere spiegato per l'osservatore o gli osservatori che lo accettano.
Ci sono tre fondamentali conseguenze sul fatto che le spiegazioni
deve soddisfare le due condizioni sopra indicate. Il primo è quello
poiché una spiegazione consiste in un meccanismo generativo accettato come
dando origine all'esperienza (cioè al fenomeno) spiegata come a
conseguenza del suo funzionamento in un diverso ambito operativo rispetto a
quello in cui si svolge, le spiegazioni non sono riduttive
operazioni. Le spiegazioni non consistono nell'esprimere l'esperienza
(fenomeno) che deve essere spiegato in termini più fondamentali
(esperienze o fenomeni): una spiegazione è la descrizione di a
meccanismo generativo che a seguito del suo funzionamento dà origine al
fenomeno da spiegare in un dominio fenomenico diverso da
quello in cui si svolge. La seconda conseguenza è questa
le spiegazioni stabiliscono relazioni generative tra fenomenali
domini che non si intersecano e sono operativamente indipendenti.
Una relazione generativa è una relazione costruttiva, non una deduttiva
o induttivo. Ciò significa che non si può dedurre da
il comportamento di un tutto ciò che è la sua composizione, e uno deve
scomporlo se si vuole vedere come è fatto. Allo stesso modo, lo è
per la stessa ragione per cui non si può dedurre il tutto solo da
guardando i componenti; uno deve fare la composizione e poi
guardarlo. Per capire una relazione generativa di cui si ha bisogno
un doppio sguardo; bisogna guardare al processo generativo e al suo
conseguenze in modo indipendente perché avvengono in diversi non intersezioni
domini fenomenici. L'osservatore deve guardare il
componenti nel dominio in cui esistono e all'intero in
il dominio in cui esiste per vedere la relazione generativa
167
che tiene tra di loro. La terza conseguenza è che non ci sono
spiegazioni da soli; le spiegazioni sono relazioni interpersonali.
Un meccanismo generativo non è di per sé una spiegazione di nulla.
Un meccanismo generativo deve essere accettato da un osservatore come fare
ciò che afferma nel contesto di rispondere a una domanda che richiede
una spiegazione come risposta per diventare di fatto una spiegazione nel
dominio delle esperienze in cui è accettato.
Ma c'è ancora una condizione di base aggiuntiva che deve essere
portato qui. L'osservatore non accetta o rifiuta la proposta
meccanismo generativo nel vuoto. L'osservatore accetta o rifiuta il
meccanismo generativo proposto come spiegazione a seconda che
non soddisfa o non soddisfa una condizione aggiuntiva che lui o lei inserisce
il suo ascolto. E questa condizione aggiuntiva può essere qualsiasi. In questi
circostanze, per una risposta al tipo di domanda che richiede
una spiegazione come risposta per essere in effetti accettata come risposta, il
la spiegazione deve soddisfare due condizioni:
1. Deve avere la forma di un meccanismo generativo (io chiamo questo il
condizione formale); e
2. Deve soddisfare qualsiasi condizione aggiuntiva inserita nella sua persona
ascoltando l'osservatore come una condizione implicita o esplicita di
accettazione (lo chiamo condizione informale).
La condizione informale di solito non è esplicitata, quindi diversa
gli osservatori possono ascoltare allo stesso tempo per diversi informali
condizioni anche in situazioni in cui sembrano essere di base
accordo. In effetti, la condizione informale definisce il tipo di
spiegazione che un osservatore vuole e accetta. A causa di questi
circostanze, a meno che la condizione informale sia resa esplicita, lo è
non è possibile sapere cosa viene accettato quando qualcuno lo dice
o accetta un particolare meccanismo generativo come spiegazione
in risposta al tipo di domanda che richiede una spiegazione come
una domanda. Questo è così perché non si conosce il significato di
l'atto di accettazione. Per questo motivo ci sono tanti tipi di

168
spiegazioni in quanto vi sono diversi tipi di condizioni informali che
un osservatore che vuole ascoltare una spiegazione può metterlo in proprio
ascoltando.
Le spiegazioni scientifiche non sono diverse dalle spiegazioni
in generale. Ciò che è specifico delle spiegazioni scientifiche è il
condizione informale che gli scienziati usano. Questo è ciò che dà scientifico
spiegazioni il loro carattere peculiare e ciò che specifica la scienza come
il particolare tipo di dominio cognitivo che è. Ciò che è peculiare
agli scienziati è che ne hanno fatto un uso impeccabile
particolare condizione informale la loro professione. Chiamo l'informale
condizione che noi scienziati mettiamo nel nostro ascolto e che ci aspettiamo
per essere soddisfatti affinché accettiamo un particolare generativo
meccanismo come spiegazione scientifica, il criterio di convalida di
spiegazioni scientifiche.
Questo criterio consiste nella soddisfazione coerente di quattro
operazioni che devono essere eseguite direttamente o indirettamente o
accettato come correttamente fatto dall'osservatore. Queste quattro operazioni
siamo:
1. La descrizione di ciò che un osservatore deve fare per avere il
esperienza da spiegare;
2. La proposizione di un meccanismo generativo tale che se lo fosse
è permesso di operare, il risultato è che l'osservatore ha il
esperienza da spiegare in un diverso dominio fenomenico
di quello in cui ha luogo;
3. La deduzione da tutte le coerenze operative contenute in
punto 2 di altre esperienze che un osservatore potrebbe avere, e di
quali operazioni lui o lei dovrebbe fare per averli; e
4. La realizzazione da parte di un osservatore delle operazioni dedotte in
punto 3, e se lui o lei ha le esperienze anche dedotte in
quel punto, allora e solo allora, il punto 2 diventa scientifico
spiegazione. Se dopo aver fatto ciò che è dedotto al punto 3 il
169
l'osservatore non ha le esperienze anche dedotte in esso, il
il meccanismo generativo proposto deve essere abbandonato e un nuovo
uno deve essere considerato.
Farò ora alcuni commenti sul criterio di convalida
di spiegazioni scientifiche e su ciò che noi scienziati facciamo con esso.
Un osservatore è una persona che fa distinzioni. Uno scienziato è
qualsiasi persona in grado di soddisfare il criterio di convalida di scientifico
spiegazioni e sceglie di farlo in modo professionale. Quindi la scienza è la
"Club" comprendente le persone che utilizzano il criterio di convalida
di spiegazioni scientifiche per spiegare cosa vogliono spiegare, e
ogni particolare scienza è un dominio particolare delle affermazioni convalidate
attraverso spiegazioni scientifiche.
Per fare spiegazioni scientifiche l'osservatore non ne ha bisogno
assunzione di una realtà indipendente. Inoltre, nel fare a
spiegazioni scientifiche un osservatore non spiega un indipendente
realtà, né un mondo indipendente da ciò che fa. Piuttosto,
un osservatore spiega il suo mondo di esperienze, e lo fa
usando le sue esperienze e le coerenze tra queste
esperienze.
Sebbene lo scopo di molti scienziati possa essere la previsione e
eventuale controllo degli eventi e degli avvenimenti del mondo in cui
noi esseri umani viviamo, la previsione e il controllo non entrano come caratteristiche di
il criterio di validazione delle spiegazioni scientifiche. Quando c'è
è comprensione, un'azione efficace è possibile nel dominio di
coerenze operative proprie del dominio della comprensione. Se
non ne siamo consapevoli, ci si potrebbe aspettare che la scienza lo consenta
per le previsioni di eventi particolari che non appartengono al reale
dominio di validità delle spiegazioni scientifiche con cui
può fingere di convalidare quelle previsioni. Questo è un errore frequente
come risultato di una comprensione insufficiente del dominio scientifico in
quale opera.
Il criterio di validazione delle spiegazioni scientifiche è lo stesso
criterio di convalida che usiamo nella vita quotidiana in modo non sistematico
maniera. La differenza tra la scienza e la vita quotidiana riposa nel
170
fatto che lo scienziato, come una persona che vive sotto la passione di
applicando il criterio di validazione delle spiegazioni scientifiche, è
attento nel non confondere i domini quando lo fa, ed è pronto a
abbandonare qualsiasi meccanismo generativo accettato quando il criterio
delle spiegazioni scientifiche non è più soddisfatto. È perché la scienza
ci permette di spiegare l'esperienza umana usando l'esperienza umana
e le coerenze dell'esperienza umana, che la scienza trasforma
vita umana. Cambiamo il mondo in cui viviamo mentre lo viviamo
scienza.
In una spiegazione scientifica l'osservatore sceglie l'esperienza per
essere spiegato dal suo dominio di esperienze come atto poetico
di libera immaginazione. Il meccanismo generativo è anche proposto da
l'osservatore in un atto poetico, ed è appositamente progettato da lui o
usando elementi del suo dominio di esperienze in modo che se lo fosse
è permesso di operare darà origine all'esperienza che lui o lei
vuole spiegare anche nel dominio delle sue esperienze.
Una volta che un particolare meccanismo generativo è stato convalidato
come spiegazione scientifica, è trattato come un'esperienza (cioè
chiamato fact) che può essere d'ora in poi utilizzato per la generazione di nuovi
domande, o per l'uso nella proposizione di altro generativo ad hoc
meccanismi nella spiegazione di altre esperienze
Il potere delle spiegazioni scientifiche di influenzare la vita umana riposa
sul fatto che, come le spiegazioni in generale, sono modi di
coordinamenti umani di coordinamenti di comportamento e operano come
tale con le coerenze delle esperienze umane, e solo nel
dominio delle esperienze umane nella realizzazione della vita umana.
Quindi l'efficacia delle spiegazioni scientifiche nella vita umana è il
risultato del fatto che operano con le coerenze biologiche
della vita umana. Questo è valido anche nel campo della fisica al
misura che la fisica come scienza è un dominio di spiegazioni scientifiche
delle esperienze dell'osservatore mentre opera nel particolare
dominio esperienziale che gli scienziati chiamano fisica.
Come spieghiamo noi esseri umani usiamo la nostra esperienza e il
coerenza delle nostre esperienze per spiegare le nostre esperienze, e
lo facciamo mentre chiamiamo "esperienza" ciò che distinguiamo come
171
accadendo a noi mentre riflettiamo su ciò che facciamo o viviamo. È a causa di
questo che le spiegazioni non riguardano una realtà indipendente, ma
sono maniere di relazioni interpersonali e trattano, infatti, con il
coordinamenti del nostro comportamento nel flusso della nostra convivenza con
altri esseri umani. Ciò che è significativo nelle spiegazioni in generale,
e in particolare con spiegazioni scientifiche, è attraverso di loro
noi esseri umani cambiamo la nostra vita, e così facendo, cambiamo il
mondo viviamo. Le prime due operazioni del criterio di convalida
delle spiegazioni scientifiche sono arbitrarie e in esse risiede il
poetica del fare scienza perché sorgono come espressioni libere di
l'immaginazione, i desideri o le preferenze dell'osservatore. L'altro
due operazioni, vale a dire la deduzione di nuove esperienze possibili
e la realizzazione da parte dell'osservatore di ciò che lui o lei deve fare
avere quelle esperienze, costituiscono l'ingegneria di fare scienza.
Di conseguenza, come le prime due operazioni del criterio di convalida di
le spiegazioni scientifiche sono specificate come atti poetici, le altre due diventano
risolto, e ciò che segue è una rigorosa deduzione e progettazione strutturale all'interno
il dominio delle esperienze dell'osservatore.
Il mio obiettivo nel compito di spiegare e comprendere la cognizione è
non per spiegare o capire ciò che chiamiamo realtà nella vita quotidiana, ma
capire e spiegare tutto ciò che facciamo e come lo facciamo nel
esperienza del nostro fare mentre viviamo il mondo in cui viviamo nel nostro quotidiano
vivere come esseri umani. Perché nelle spiegazioni noi come osservatori
usa le nostre coerenze esperienziali per proporre meccanismi generativi
per le nostre esperienze, non importa che la scienza non dovrebbe essere
preoccupato della realtà mentre diamo una spiegazione scientifica del
esperienza di cognizione. Con spiegazioni scientifiche spieghiamo il
mondi che viviamo e come li viviamo, e lo facciamo usando il
coerenze del nostro vivere, anche se spieghiamo il mondo della conoscenza
con la nostra conoscenza
Realtà - ciò che connotiamo nel nostro patriarcato occidentale
cultura quando parliamo di realtà - è un'ipotesi esplicativa,
un dominio immaginario di entità indipendenti che usiamo in ordine
per dare una validità universale alle nostre spiegazioni delle nostre esperienze.
Ma, se diventiamo consapevoli del fatto che la nozione di realtà è
173
una proposizione esplicativa che non entra come argomento in
spiegazioni scientifiche e non è richiesto in questi, possiamo diventare
consapevole del fatto che ciò conferisce validità universale alla scienza
le spiegazioni sono l'applicazione del criterio di convalida di
spiegazioni scientifiche. Una spiegazione scientifica è valida in qualsiasi parte
del cosmo o in qualsiasi circostanza in cui è supportato come
tale dall'applicazione del criterio di convalida di scientifico
spiegazioni. Inoltre, come la realtà non entra come argomento
nelle spiegazioni scientifiche, la sua presenza nelle riflessioni del
l'osservatore è superfluo e irrilevante finché non lo fa
fingi di conferirgli una validità esplicativa intrinseca. Ma quando il
quest'ultimo succede, le relazioni umane cambiano, tutto è distorto e
esperienze come la percezione, la cognizione, il modo di operare
del sistema nervoso, l'organizzazione del vivente e il
modo di conservazione del fenotipo ontogenico attraverso il
il flusso della deriva filogenetica nella storia dei sistemi viventi non può né
essere spiegato o capito Ma c'è di più. Se non rilasciamo
la nostra convinzione in una realtà indipendente, la scienza non può essere compresa
come un dominio di spiegazioni delle esperienze dell'osservatore con
le coerenze delle esperienze dell'osservatore e la relazione di
spiegazioni scientifiche con la vita in generale e con il mondo
che l'osservatore come essere cognitivo vive in particolare, rimane
al di là di ogni possibile comprensione. Inoltre, se non lo facciamo
rilasciare la nostra convinzione in una realtà indipendente, non possiamo capire
che le previsioni di eventi particolari non appartengono al dominio di
scienza ma al dominio del design.
Come spieghiamo vediamo che abbiamo bisogno, per ragioni epistemologiche, di un
substrato indipendente che darebbe origine alle nostre esperienze
come risultato del suo modo di operare. Ma allo stesso tempo, come
vediamo e capiamo quello che facciamo come spieghiamo, vediamo anche e
capire che non possiamo dire nulla che possa caratterizzare tale
un substrato in sé. E infine, vediamo anche che non possiamo parlare
su un tale substrato per due motivi: uno è che anche la nozione
di esso non si applica perché è una nozione propria di un dominio di
entità che sono concepite come se fossero indipendenti da cosa
174
l'osservatore lo fa; l'altro è che la lingua è un modo di vivere
insieme in coordinamenti di coordinamenti di comportamento e oggetti,
nozioni, relazioni e così via sono entità che sorgono nel flusso di
i nostri coordinamenti ricorsivi di comportamento e non si riferiscono alle cose
o processi indipendenti da ciò che facciamo.
Non c'è dubbio che mentre descriviamo le nostre esperienze nella vita di tutti i giorni
di solito parlano come se avessimo a che fare con entità oggettive
appartenere a una realtà indipendente. Lo facciamo facendo riferimento al nostro
esperienze in termini di cose, entità o relazioni come se esistessero
indipendentemente da ciò che facciamo come li distinguiamo. Quindi, per
Ad esempio, se un amico appare all'improvviso, potremmo dire: "Amico mio,
da dove vieni? "sottintendendo che pensiamo che lui o lei
esisteva prima della nostra distinzione e che veniva da un luogo
che aveva anche un'esistenza indipendente.
Mentre spieghiamo le nostre esperienze con le coerenze del nostro
esperienze, ciò che facciamo è spiegare le nostre azioni con le coerenze
delle nostre azioni. Come rimaniamo nel dominio delle nostre azioni come umane
Esseri tutte le cose, entità o relazioni che generiamo
le nostre distinzioni sorgono come azioni all'interno delle coerenze del
dominio delle nostre azioni come se fossero davvero obiettivi indipendenti
cose, entità o relazioni nel dominio delle nostre azioni. In questi
circostanze proviamo l'apparizione improvvisa del nostro amico
come un evento indipendente oggettivo in un dominio della realtà che noi
presentato come un aspetto del nostro vivere attraverso le coerenze di
la nostra operazione nel campo delle nostre azioni come sistemi viventi umani.
Non c'è alcuna difficoltà con l'uso della nozione di realtà in questo
situazione a meno che non vediamo o non siamo consapevoli che la nozione di
l'indipendenza dell'esistenza è un argomento esplicativo concepito per
conto della ripetitività delle nostre esperienze. Se ne siamo a conoscenza
quest'ultimo, ci rendiamo conto anche che viviamo in tanti diversi
domini della realtà mentre viviamo diversi domini di esperienza
coerenze. Se non siamo consapevoli che non possiamo convalidare ciò che noi
diciamo sostenendo che abbiamo un accesso privilegiato a un indipendente
realtà, esigiamo l'obbedienza nelle nostre relazioni e diventiamo
tiranni
175
Le spiegazioni scientifiche, e quindi la scienza, non sono un concetto
e lo strumento operativo che ci consente di gestire un dominio
di entità oggettive indipendenti, piuttosto è operativa e
strumento concettuale che ci permette di spiegare e capire
cosa facciamo come esseri umani attraverso la nostra operazione nel diverso
domini di coerenza operativa in cui possiamo vivere. È
a causa di queste circostanze che nell'uso della scienza per il
previsione o progettazione di possibili eventi che l'osservatore deve sempre
fare attenzione a fare i suoi calcoli e disegni senza
perdere la consapevolezza del dominio delle coerenze operative in cui
le spiegazioni scientifiche e le dichiarazioni scientifiche che lui o lei
sta usando apply, e senza perdere di vista il fatto che lui o lei sia
sempre a che fare con la vita umana.
Infine, c'è una grande confusione su nozioni come la realtà
ed esistenza, come li trattiamo implicitamente o esplicitamente come concetti
riferendosi a cose intrinsecamente indipendenti dall'osservatore.
Ciò che sostengo è che se si diventa consapevoli che ciò che si spiega è
esperienza, e che si utilizzano le coerenze di esperienze, o il
coerenza delle coerenze dell'esperienza per spiegare l'esperienza,
non si può evitare di prendere coscienza che la nozione di realtà è un
nozione esplicativa. Allo stesso modo con la nozione di esistenza. Se uno
diventa consapevole che ciò che si spiega è l'esperienza, e questo
uno usa le coerenze dell'esperienza o le coerenze del
coerenza dell'esperienza per spiegare l'esperienza, non si può evitare
diventando consapevole che l'esistenza è un modo di riferirsi al
condizione di costituzione di ciò che è distinto, o di cosa
deve accadere per qualcosa di avere una presenza operativa nel
dominio cognitivo dell'osservatore. Quindi, per esempio, gli elettroni
sono nozioni esplicative, e esistono finché le condizioni
che li costituiscono si applicano. Questo è il motivo per cui l'osservatore se lo aspetta
finché si verificano tali condizioni, gli elettroni saranno lì per mostrare
la loro presenza operativa. Ma allo stesso tempo, le condizioni di
l'esistenza dell'elettrone può essere descritta solo come configurazioni
di coerenze esperienziali o configurazioni di coerenze di
coerenze esperienziali dell'osservatore.
176
Senza dubbio per ragioni epistemologiche è necessario un substrato
ciò rende possibile ciò che l'osservatore distingue, incluso
osservatore come lui o lei si pone in auto-distinzione.
Ma non è
è possibile dire qualcosa su quel substrato diverso da quello che consente
che cosa permette nel dominio della vita di un osservatore specifico. Se
l'osservatore vive in un modo che produce un elefante; se lui o lei
vive in un altro modo, produce un elettrone.
177
2: Determinismo strutturale e strutturale
intersezioni
Un'altra difficoltà che di solito abbiamo nella piena comprensione
fenomeni biologici in generale, e fenomeni umani in
particolare, è che non seguiamo costantemente le nostre spiegazioni,
i nostri argomenti, o le nostre riflessioni, tutte le implicazioni del
operatività del determinismo strutturale.
Come discutiamo, riflettiamo o spieghiamo nella prassi della vita quotidiana e in
la prassi della scienza, lo facciamo nell'implicito e talvolta esplicito
capire che i sistemi funzionano in base a come sono fatti
attraverso il funzionamento delle proprietà dei loro componenti. Così,
se la nostra macchina non si muove quando premiamo l'acceleratore, non lo facciamo
andare dal medico per farsi esaminare il piede, andiamo invece
al meccanico e chiedergli di modificare la struttura di
l'auto in modo che funzioni di nuovo secondo le nostre aspettative.
Cioè, trattiamo l'auto come un sistema determinato dalla struttura. Se noi
si ammalano, andiamo da un medico con la stessa richiesta
abbiamo presentato al meccanico in relazione alla nostra auto, e chiediamo
lui o lei a esaminare il nostro corpo (la nostra struttura) e a modificarlo se
possibile, in modo che diventiamo di nuovo sani. In altre parole, trattiamo
anche noi come sistemi determinati dalla struttura. In effetti, in tutto ciò che siamo
nella nostra vita ci occupiamo delle coerenze delle nostre esperienze, e
trattiamo tutti i sistemi o entità che compaiono nelle nostre distinzioni
in base alle regolarità operative con cui si presentano
le coerenze delle nostre esperienze; cioè, trattiamo tutti i sistemi come
sistemi determinati dalla struttura. Inoltre, lo facciamo a prescindere
come spieghiamo le regolarità o le coerenze delle nostre esperienze.
Il determinismo strutturale, tuttavia, non è un principio esplicativo
o un'assunzione ontologica a priori, è un'astrazione del
regolarità del nostro vivere e del nostro funzionamento come sistemi viventi come
le regolarità del nostro vivere appaiono nelle nostre riflessioni come coerenze
delle nostre esperienze. O, detto in altre parole, la nozione di strutturale
il determinismo nasce come un'astrazione delle coerenze del
178
sperimenta che un osservatore vive, ed è per questo che ce ne sono tanti
diversi domini del determinismo strutturale nella nostra spiegazione
poiché ci sono diversi domini di coerenza operativa che noi
può vivere In queste circostanze, le cosiddette leggi della natura sono
espressioni condensate o astratte che noi scienziati usiamo per connotare
senza descriverli in dettaglio le regolarità delle nostre esperienze,
o le coerenze delle coerenze delle nostre esperienze che noi
utilizzare in qualsiasi momento per spiegare altre regolarità delle nostre esperienze.
Inoltre, è proprio perché la nozione di determinismo strutturale
nasce come un'astrazione delle coerenze delle esperienze che noi
vivere come operiamo come esseri umani, che può essere usato in ambito scientifico
spiegazioni e spiegazioni scientifiche possono essere e sono efficaci
nello spiegare e ampliare le nostre esperienze. Alla fine, è perché
la nozione di determinismo strutturale è un'astrazione del
coerenze del nostro vivere che possiamo usarlo nel design tecnologico
per costruire tutto ciò che concepiamo o immaginiamo in qualsiasi dominio di
determinismo strutturale, purché operiamo nell'ambito operativo
coerenze che definiscono quel dominio.
In quanto segue renderò esplicite alcune delle relazioni di base
che la nozione di determinismo strutturale connota e nel fare
quindi parlerò in termini di entità e le loro relazioni perché io
Parlo delle coerenze che distinguiamo nelle nostre azioni
(esperienze) mentre operiamo come osservatori.
Sistemi determinati dalla struttura
I sistemi determinati dalla struttura sono sistemi, o entità composte,
in modo che tutto ciò che accade in loro o loro sia determinato
in essi in ogni istante dalla loro struttura e dalle loro dinamiche strutturali
in quel momento. Agenti esterni che possono interferire con una struttura determinata
sistema si innesca solo in esso cambiamenti strutturali determinati
dalla sua struttura senza specificarli. Una struttura determinata
sistema, quindi, ha una struttura che cambia seguendo un corso
contingente al corso delle sue interazioni, e ogni qualvolta nel
corso della nostra vita vediamo o viviamo una situazione che sembra violare
determinismo strutturale, siamo stupiti. Spettacoli magici con cui giocare
179
la nostra fiducia nel determinismo strutturale creando situazioni in cui
sembra essere violato ma non lo è. Se il determinismo strutturale sembra
da violare in qualsiasi circostanza della vita quotidiana, noi immediatamente
cercare di spiegare cosa succede pensando che qualcosa sia
sbagliato nel senso che qualcosa di diverso da quello che ci si aspettava
sta accadendo, che c'è una frode, che qualcuno sta barando, o, in
Nel caso estremo, ricorriamo alla nozione di miracolo per esprimere la nostra
stupore.
Esperienza
Parlo di esperienza come ciò che l'osservatore distingue
come accade a lui o lei nella sua vita da essere umano
come lui o lei opera come tale nella lingua. Le esperienze non sono
cose o realtà, ma sono ciò che l'osservatore è consapevole
di distinguere come lui o lei opera come un languente auto-consapevole
essere umano. Poiché operiamo come osservatori, viviamo i molti
diversi domini di coerenza esperienziale che viviamo come molti
diversi domini di entità, oggetti, operazioni o relazioni
distinguiamo e trattiamo come se fossero entità indipendenti. Ogni
dominio delle coerenze esperienziali che viviamo, tuttavia, sorge nel nostro
operazione come sistemi determinati dalla struttura, e non è e non può
essere ritenuto indipendente da ciò che facciamo. Nemmeno noi
noi stessi siamo entità indipendenti dalle nostre operazioni di distinzione,
poiché sorgiamo nelle nostre distinzioni mentre operiamo come osservatori nella consapevolezza di sé.
Osservatore
L'osservatore è uno di noi, qualsiasi essere umano come lei o lui opera
nel linguaggio facendo distinzioni. Le distinzioni sono operazioni che
ci esibiamo nel dominio delle nostre esperienze che risultano nel nostro
vivere (trattare) una di quelle esperienze come qualcosa di indipendente
da noi. Di conseguenza, mentre operiamo come osservatori, distinguiamo
le nostre esperienze come entità di diversi tipi (oggetti, relazioni,
processi, e così via), e queste entità sorgono nella nostra distinzione
dotato di proprietà che sorgono anche nella nostra distinzione come
180
dimensioni attraverso le quali li separiamo da altre entità e
come ci relazioniamo o interagiamo con questi. Come noi esseri umani operiamo
come osservatori che distinguono ciò che distinguiamo, lo distinguiamo
attraverso l'operazione delle proprietà con cui sorgono
la nostra distinzione due tipi di unità (entità); vale a dire, semplice e
unità composite.
Unità semplici e composite
Una semplice unità è un'entità che, come sorge nella nostra distinzione, essa
sorge come una totalità (o intera) in cui non possiamo distinguere
componenti, o in cui scegliamo di non farlo. Unità semplici
operare come totalità, e operano come totalità attraverso il
realizzazione delle proprietà con cui sorgono nel momento
in cui sono distinti dall'osservatore. Come risultato del loro
modo di origine, le unità semplici esistono come totalità nei domini di
relazioni e interazioni definite dall'operazione delle proprietà
con cui sorgono come tali, in quanto sono distinti in quanto tali.
In contrasto con una semplice unità, un'unità composita è un'entità
che un osservatore prima distingue come una totalità e in cui lui
oppure lei separa i componenti. I componenti di un composito
l'unità sorge nella sua scomposizione come quegli elementi che quando sono messi
insieme in un modo particolare ricostituire l'unità composita
come una totalità, dando origine alle sue proprietà come una totalità nel
dominio relazionale e interazionale in cui è distinto come
come. I componenti di un'unità composita esistono, quindi, solo come il
componenti lo integrano come una totalità nelle relazioni di composizione,
e non come entità indipendenti. Pertanto, ne consegue che come un
l'osservatore distingue una semplice unità attraverso cui lo fa
interagire o relazionarsi con esso nel dominio dell'operazione di
le sue proprietà in quanto tali. Viceversa, come l'osservatore distingue a
unità composita lui o lei lo fa attraverso l'interazione e la relazione
con l'unità distinta sia attraverso l'operazione del suo
proprietà come una totalità e attraverso l'operazione delle proprietà
dei suoi componenti.
181
In queste circostanze esiste un'unità composita e opera come
una questione della sua costituzione in due operazioni non intersecanti
domini, vale a dire:
1. nel dominio in cui è distinto come una totalità o intero
attraverso l'operazione delle proprietà con cui nasce come a
unità semplice come l'osservatore interagisce con esso come tale; e
2. nel dominio in cui l'osservatore interagisce con gli elementi
che lo compongono come un'entità composita come lui o lei distingue
questi scomponendo l'entità composita.
Ma è anche il caso, e non è sempre pienamente visto, a
l'unità composita interagisce come una totalità attraverso l'operazione del
proprietà dei suoi componenti. Cioè, il relazionale e l'interazionale
domini in cui esiste un'unità composita nel suo insieme e, quindi,
in cui interagisce e si relaziona come una totalità che esibisce proprietà come
una totalità, nasce come risultato della sua composizione. Eppure, come l'osservatore
distingue un'unità composita come una totalità, i suoi componenti diventano
invisibile a lui o lei anche se interagisce come una totalità attraverso
loro. I componenti di un'unità composita appaiono solo nel
operazione di decomposizione che l'osservatore compie su di essa, e
l'osservatore deve operare nei due domini di esistenza del
unità composita per vederlo sia come entità composita che come insieme.
Consideriamo ora un esempio. Una coppia nasce come una semplice unità
(come una totalità) nel momento in cui due persone iniziano a muoversi
e si comportano l'uno rispetto all'altro come coppia ed esiste come
una coppia nel dominio delle relazioni in cui le coppie si svolgono come
entità sociali. Allo stesso tempo, una coppia si presenta come un composito
entità nel dominio in cui l'osservatore vede le persone che
comporlo come lui o lei interagisce con loro come individui, mentre a
allo stesso tempo lui o lei li riconosce come componenti del
coppia che lui o lei ha distinto. Un altro esempio: vivere
il sistema esiste come una semplice unità nel dominio in cui si relaziona e
interagisce come una totalità o un tutto, ed esiste come unità composita
182

nel dominio delle relazioni e interazioni delle molecole
comporlo come un sistema molecolare. Tuttavia, per l'osservatore di vedere
e capire l'essere vivente come un sistema (entità composita), lui
o deve essere in grado di interagire con il sistema vivente nei suoi due
domini di esistenza: il dominio in cui è un organismo, e
il dominio delle sue componenti molecolari. E per l'osservatore a
essere consapevoli della sua distinzione, lui o lei deve anche operare in a
terzo dominio in cui vede la sua doppia distinzione.
In sintesi; è perché un'entità composita esiste come una totalità
in un dominio che nasce de novo come risultato della sua composizione, quello
un sistema come entità composita esiste e opera (interagisce) in due
domini fenomenali che non si intersecano. I sistemi sono compositi
entità, ed esistono come tali in due domini: nel dominio in
che sono totalità o interi e nel dominio dell'operazione
dei loro componenti. Ed è perché i sistemi sono unità composte
che i sistemi interagiscono in entrambi i domini attraverso l'operazione di
proprietà dei loro componenti.
Organizzazione e struttura
La configurazione delle relazioni tra i componenti di un sistema
che definisce la sua identità di classe è l'organizzazione del sistema. Quella
è, un sistema esiste come un sistema di un tipo particolare (ha un particolare
identità di classe) solo fino a quando la sua organizzazione è conservata. Un
esempio: la configurazione delle relazioni tra due persone che
costituisce e li definisce come una coppia è l'organizzazione "coppia",
e quindi, una coppia esiste solo fino a quando l'organizzazione
la coppia è conservata nelle relazioni e nelle interazioni tra i due
persone che lo costituiscono. Allo stesso modo, la configurazione di dinamica
relazioni tra molecole che definiscono un sistema come un sistema vivente
(l'organizzazione "sistema vivente" o autopoiesi molecolare) esiste
finché il sistema vivente dell'organizzazione (autopoiesi molecolare) è
continuamente realizzato nelle dinamiche di interazioni e relazioni
delle molecole che lo compongono. Ne consegue che la conservazione di
l'organizzazione di un sistema è la sua condizione di esistenza. In questi
circostanze, un sistema sorge ed esiste come un insieme di un particolare
183
gentile nel momento in cui l'organizzazione che lo definisce come
così sorge e comincia a essere conservato nella dinamica delle relazioni
e interazioni di una raccolta di elementi che diventano in questo modo
i suoi componenti. Un sistema può esistere solo finchè l'organizzazione
che definisce e realizza che è conservato nelle interazioni e
relazioni dei suoi componenti.
I componenti più le relazioni tra loro che in qualsiasi
realizzare immediatamente un particolare sistema come un sistema di una particolare classe
costituiscono la sua struttura. La struttura di un sistema include entrambi
componenti e relazioni tra loro, e quindi ha di più
dimensioni della sua organizzazione, come l'organizzazione comporta solo
relazioni. Poiché l'organizzazione di un sistema è la configurazione
delle relazioni tra le sue componenti che definiscono la sua identità di classe,
ne consegue che l'organizzazione di un sistema è un sottoinsieme del
relazioni che fanno parte della struttura del sistema e che a
organizzazione non esiste indipendentemente dalla struttura del
sistema in cui è realizzato. Allo stesso tempo, ne consegue anche questo
i componenti di un sistema non esistono come indipendenti
entità. Gli elementi diventano componenti del sistema come loro
integrare e costituire la sua struttura durante la partecipazione al
rapporti di composizione che lo realizzano come un caso particolare di a
classe particolare. Se un elemento smette di partecipare alla composizione
di un particolare sistema, smette di essere un componente di quel sistema e
diventa o un elemento libero o il componente di un altro sistema.
I componenti esistono solo attraverso la partecipazione a una composizione.
Domini di cambiamento strutturale
Proprio come l'organizzazione di un'unità composita definisce la sua identità di classe,
un'unità composita rimane della stessa identità di classe solo fino a quando
la sua organizzazione rimane invariata. Di conseguenza, l'organizzazione di
un'unità composita è necessariamente un invariante fino a quando il composito
l'unità conserva la sua identità di classe e viceversa - l'identità di classe di
un sistema rimane invariato fino a quando la sua organizzazione è conservata.
Qualcosa di diverso accade con la struttura di un composito
entità. La struttura di un'unità composita (sistema) può cambiare
184
o come risultato delle dinamiche interne del sistema o attraverso
cambiamenti strutturali che vengono attivati ​​da agenti esterni che
interferire su di esso. In entrambi i casi, l'organizzazione del sistema può
essere conservato o potrebbe essere perso Se è conservato, il sistema cambia
la sua struttura, ma la sua identità come un caso particolare di una particolare classe
è conservato Tuttavia, se l'organizzazione del sistema non lo è
conservato mentre la sua struttura cambia, il sistema si disintegra come a
caso della classe originale e qualcos'altro appare al suo posto.
Di conseguenza, un sistema determinato dalla struttura può essere sottoposto a quattro
tipi di cambiamenti strutturali, vale a dire:
1. Cambiamenti strutturali propri delle dinamiche strutturali interne di
il sistema e il corso in modo tale che il sistema conservi
la sua organizzazione; Chiamo questi cambiamenti di stato;
2. Cambiamenti strutturali propri delle dinamiche strutturali interne
del sistema e del percorso in modo tale che l'originale
l'organizzazione del sistema è persa e il sistema originale
disintegra; Chiamo queste disintegrazioni;
3. I cambiamenti strutturali che si presentano nelle dinamiche strutturali del
sistema innescato da agenti esterni e quel corso in tale
un modo in cui l'organizzazione originale del sistema è conservata;
Chiamo le interazioni che innescano tali cambiamenti strutturali in a
perturbazioni del sistema; e infine,
4. I cambiamenti strutturali che si presentano nelle dinamiche strutturali del
sistema innescato da agenti esterni e quel corso in tale
un modo in cui l'organizzazione originale del sistema è persa e il
il sistema originale si disintegra; Chiamo le interazioni che si innescano
questi cambiamenti strutturali in un sistema di interazioni distruttive.
Il risultato generale di questa dinamica dei cambiamenti strutturali in
i sistemi determinati dalla struttura sono quelli quando più strutturati
i sistemi interagiscono l'uno con l'altro in modo ricorrente (ogni essere
185
parte del medium degli altri), innescando reciprocamente in ciascuno di essi
altre successioni di cambiamenti strutturali, le loro interazioni ricorrenti
diventano ricorsivi, subiscono cambiamenti strutturali congruenti,
e costituisce spontaneamente un intero che opera come una totalità in
un dominio diverso da ognuno di essi. Come questo accade, i diversi
i sistemi che costituiscono il tutto che emerge in questo modo subiscono
insieme una storia coerente di cambiamenti strutturali congruenti con
conservazione delle loro organizzazioni individuali fino a tutti o solo a qualcuno
di loro si disintegrano o si separano. Chiamo questa dinamica di congruente
cambiamenti strutturali in un gruppo di sistemi che operano in recidiva
interazioni ricorsive, così come le condizioni strutturali
congruenza tra loro che si pone in questo modo, accoppiamento strutturale.
Relazioni e interazioni
Le entità semplici riguardano e interagiscono solo attraverso l'operazione di
le loro proprietà come interi in un dominio definito da queste proprietà.
Le entità semplici esistono solo nel dominio della loro attività come interi.
Il caso delle entità composite è diverso. Le entità composite si riferiscono
e interagire come interi attraverso le proprietà che nascono in essi
la loro distinzione come interi, ma come l'osservatore li decompone
nei loro componenti, appaiono anche relativi e interagenti
attraverso le proprietà dei loro componenti. Unità composte
esistono, quindi, in due domini: 1) nel dominio in cui operano
come unità semplici attraverso l'operazione delle loro proprietà come
totalità; e 2) nel dominio di funzionamento delle proprietà di
i loro componenti mentre sono scomposti e funzionano come compositi
entità. In queste circostanze, l'osservatore che è a conoscenza del
condizioni di costituzione di un'entità composita è anche consapevole che
questo tipo di entità interagisce attraverso l'operazione delle proprietà
dei suoi componenti anche quando opera come una totalità. Inoltre,
un tale osservatore può anche essere consapevole del fatto che, nonostante le proprietà
di un'unità composita che opera come un risultato complessivo dal suo
composizione, si svolgono in un dominio operativo diverso da
il dominio in cui operano i suoi componenti. Questo è ciò che gli scienziati
e filosofi si riferiscono implicitamente quando si parla di emergenti
186
proprietà, ma non mi piace quell'espressione perché oscura
il fatto che i sistemi esistano come composti in due non intersecanti
domini operativi (fenomenici).
La composizione di un sistema si presenta come un processo spontaneo
(anche se esiste un disegno) in cui il sistema appare derivante da a
sfondo strutturale che ha caratteristiche completamente diverse da quelle
che sono presenti nel nuovo dominio delle relazioni e interazioni
incontrato dal sistema una volta che è sorto. Anzi, l'esperienza
dell'osservatore è che una unità composita nasce da ciò che lui o lei
può chiamare uno sfondo di caos o nulla, come lui o lei non può
dedurre dalle proprietà dell'insieme appena sorto le proprietà
e caratteristiche degli elementi del dominio da cui proviene
apparso. E questo è così perché l'unità composita di nuova nascita
esiste come una totalità o unità semplice in un dominio di interazioni e
relazioni che non si intersecano con il dominio delle interazioni e
relazioni da cui è sorto. L'osservatore può usare l'operazione
dell'insieme per caratterizzare lo sfondo del caos da cui
è sorto perché interagisce come tale attraverso l'operazione del
proprietà dei suoi componenti e l'osservatore può vedere un generativo
relazione tra i due domini di esistenza del composito
unità.
Intersezioni strutturali
Come l'organizzazione di un sistema è realizzata nella sua struttura e lo fa
non esiste autonomamente da solo, diverse organizzazioni diverse
può essere realizzato attraverso gli stessi elementi strutturali di questi
partecipare alla realizzazione di diverse organizzazioni. Di conseguenza,
diversi sistemi possono intersecarsi strutturalmente in una singola forma fisica mentre
rimanendo indipendenti nel loro funzionamento come totalità in diversi
domini operativi perché le loro organizzazioni non si intersecano.
Un'organizzazione esiste solo finché la configurazione delle relazioni
che lo definisce è conservato, indipendentemente da ciò che accade con il
struttura che lo realizza. Di conseguenza, strutturalmente intersecante
i sistemi rimangono in intersezione strutturale finché i loro rispettivi
le organizzazioni sono conservate attraverso il flusso della struttura

187
storia evolutiva dei sistemi viventi il ​​sistema base o portante
è stato il sistema autopoietico.
Accoppiamento strutturale
Quando due o più sistemi sono in interazioni ricorsive ricorrenti
come entità composte (che interagiscono nel dominio definito dal
proprietà dei loro componenti), subiscono strutture congruenti
cambia come risultato spontaneo della conservazione sistemica dei loro
identità indipendenti nel dominio delle loro ricorrenti ricorsive
interazioni. È questo che indico quando dico che l'organismo e
mediamente cambia insieme congruentemente mentre l'organismo conserva
la sua particolare organizzazione delle specie nella realizzazione del suo vivere.
Ed è anche questo che indico quando rivendico questo adattamento,
come una relazione dinamica di congruenza operativa tra organismo
e medio, è conservato come invariante mentre l 'organismo e
il mezzo subisce cambiamenti strutturali congruenti spontanei
attraverso le loro interazioni ricorsive mentre l'organismo rimane
vivo. Ho chiamato questa particolare relazione dinamica operativa
congruenza tra sistema vivente e mezzo attraverso ricorsiva
interazioni che risultano in congruenti cambiamenti strutturali del
organismo e mezzo, una relazione di accoppiamento strutturale.
Un sistema può entrare in relazioni di accoppiamento strutturale in qualsiasi
dominio delle interazioni ricorsive a cui partecipano i suoi componenti
finché conserva la sua organizzazione attraverso la struttura
cambiamenti innescati da quelle interazioni. In effetti, nuove relazioni
di accoppiamento strutturale sorgono spontaneamente in un sistema quando alcuni
dei suoi componenti entrano in nuove dimensioni di interazioni, e
le conseguenze possono essere un cambiamento di identità nel sistema o nel
espansione del dominio delle interazioni in cui esiste senza
cambiamento di identità, a seconda se l'organizzazione del
il sistema è perso o conservato.
Le dimensioni della relazione di accoppiamento strutturale di un sistema
sono le dimensioni del dominio di esistenza del sistema. quando
i componenti di un sistema vengono coinvolti in nuove dimensioni
di interazioni e il sistema conserva la sua organizzazione attraverso

188
quelle interazioni, un nuovo aspetto nella sua storia di accoppiamento strutturale
inizia per il sistema e il suo dominio di conservazione dell'identità
i cambiamenti. In effetti, sono le dimensioni numerose e diverse di
possibili interazioni in cui i componenti di un sistema possono
partecipare che ha reso la biosfera una rete multidimensionale
di organismi che operano in accoppiamento reciproco strutturale attraverso
la conservazione delle loro diverse identità individuali lungo la loro
storie evolutive interrelate.
Allo stesso tempo, dal momento che un osservatore non lo fa in nessun momento
vedere tutte le dimensioni dell'accoppiamento strutturale di un sistema, sistemi
spesso appaiono modulati nelle loro operazioni da imprevisti
interazioni. In termini generali, è l'apertura spontanea di
qualsiasi entità composita diventa ricorsivamente strutturalmente accoppiata
in qualsiasi dominio di possibili interazioni ricorrenti in quanto conserva la sua
identità, che rende il cosmo una rete strutturalmente accoppiata
entità composte che funzionano come se fossero sistemi indipendenti
se esaminati solo nelle loro relazioni locali.
Commenti
Il determinismo strutturale non è un'ipotesi ontologica, è un
astrazione operativa delle coerenze del nostro vivere come osservatori,
ed è come tale il fondamento di tutto ciò che facciamo, incluso il nostro
spiegando che tipo di sistemi siamo come sistemi viventi e come
operiamo nella lingua Di conseguenza, se il determinismo strutturale fosse
fallire o non operare, nulla di ciò che facciamo come esseri umani
sarebbe possibile In effetti, la vita non si verificherebbe.
Anche la meccanica quantistica come sistema esplicativo del
particolare tipo di esperienze umane che connotiamo con questo
espressione, sorge in un dominio operativo che comporta strutturale
determinismo. Quello che succede nel caso della meccanica quantistica è quello
il dominio delle coerenze strutturali da cui un osservatore astrae
le coerenze delle sue esperienze che lui o lei chiama quantum
i fenomeni sono diversi da quelli astratti da un osservatore in
altri domini esperienziali. In effetti, sorgono molti domini di
determinismo strutturale, in quanto l'osservatore spiega le coerenze di
189
le sue esperienze, in quanto esistono diversi domini di esperienza
coerenze che gli osservatori vivono. Che questo dovrebbe essere così, tuttavia, lo è
non è un problema per le spiegazioni scientifiche perché ciò che l'osservatore
spiega sono le coerenze esperienziali con cui lui o lei vive
le coerenze delle sue esperienze, e non un indipendente
realtà (vedi Maturana, 1990). Non possiamo fare scienza, non possiamo
spiegare qualsiasi cosa, in effetti, non esiste una lingua o la possibilità di
linguaggio senza determinismo strutturale. Determinismo strutturale
come un'astrazione delle coerenze esperienziali dell'osservatore in
la sua vita è il fondamento operativo di tutto ciò che facciamo
osservatori.
Il determinismo strutturale implica che tutto avvenga
spontaneamente momento per momento secondo la struttura
coerenze presenti in quel momento nel cosmo, o nella parte di
il cosmo che si può considerare. Determinismo strutturale anche
implica che per qualsiasi parte del cosmo solo ciò che è possibile
secondo le coerenze strutturali di quella parte del cosmo
può accadere. Quindi qualunque cosa immaginiamo viola la struttura
coerenze della parte del cosmo in cui si suppone
non può accadere e qualsiasi cosa immaginiamo all'interno della struttura
coerenze di quella parte del cosmo in cui lo supponiamo
può verificarsi, può verificarsi. Questo vale anche per noi stessi come osservatori
quando le nostre azioni previste avvengono spontaneamente secondo il
coerenze strutturali del dominio strutturale in cui realizziamo
loro. In queste circostanze, una valutazione delle probabilità per il
il verificarsi di un evento particolare, qualunque esso sia, si riflette solo
la nostra mancanza di conoscenza delle coerenze strutturali in base alle quali
potrebbe accadere. Tutto ciò che accade, si verifica con la probabilità di uno o, in
altre parole, tutto accade perché non può che accadere.
Il caos non è un'eccezione. Il caos è un dominio dinamico di
coerenze strutturali che contengono asimmetrie (non lineari
processi) che nel suo sviluppo storico può portare a continui
novità o singolarità stabili che sorgono nella conservazione di
qualche configurazione di relazioni. Le entità composte o i sistemi sono
singolarità di quest'ultimo tipo. L'organizzazione spontanea prende
190

le sue esperienze, in quanto esistono diversi domini di esperienza
coerenze che gli osservatori vivono. Che questo dovrebbe essere così, tuttavia, lo è
non è un problema per le spiegazioni scientifiche perché ciò che l'osservatore
spiega sono le coerenze esperienziali con cui lui o lei vive
le coerenze delle sue esperienze, e non un indipendente
realtà (vedi Maturana, 1990). Non possiamo fare scienza, non possiamo
spiegare qualsiasi cosa, in effetti, non esiste una lingua o la possibilità di
linguaggio senza determinismo strutturale. Determinismo strutturale
come un'astrazione delle coerenze esperienziali dell'osservatore in
la sua vita è il fondamento operativo di tutto ciò che facciamo
osservatori.
Il determinismo strutturale implica che tutto avvenga
spontaneamente momento per momento secondo la struttura
coerenze presenti in quel momento nel cosmo, o nella parte di
il cosmo che si può considerare. Determinismo strutturale anche
implica che per qualsiasi parte del cosmo solo ciò che è possibile
secondo le coerenze strutturali di quella parte del cosmo
può accadere. Quindi qualunque cosa immaginiamo viola la struttura
coerenze della parte del cosmo in cui si suppone
non può accadere e qualsiasi cosa immaginiamo all'interno della struttura
coerenze di quella parte del cosmo in cui lo supponiamo
può verificarsi, può verificarsi. Questo vale anche per noi stessi come osservatori
quando le nostre azioni previste avvengono spontaneamente secondo il
coerenze strutturali del dominio strutturale in cui realizziamo
loro. In queste circostanze, una valutazione delle probabilità per il
il verificarsi di un evento particolare, qualunque esso sia, si riflette solo
la nostra mancanza di conoscenza delle coerenze strutturali in base alle quali
potrebbe accadere. Tutto ciò che accade, si verifica con la probabilità di uno o, in
altre parole, tutto accade perché non può che accadere.
Il caos non è un'eccezione. Il caos è un dominio dinamico di
coerenze strutturali che contengono asimmetrie (non lineari
processi) che nel suo sviluppo storico può portare a continui
novità o singolarità stabili che sorgono nella conservazione di
qualche configurazione di relazioni. Le entità composte o i sistemi sono
singolarità di quest'ultimo tipo. L'organizzazione spontanea prende
191
posto come l'istituzione di una singolarità strutturale dinamica che
sorge e viene conservato ogni volta che ci sono le condizioni strutturali
sotto cui si verifica. Autopoiesi molecolare come organizzazione
e la realizzazione del vivere è una di queste singolarità. Come tale,
i sistemi viventi hanno avuto origine e continuano a originarsi in qualsiasi parte
del cosmo in cui le condizioni strutturali per la loro origine
prevalere. La realizzazione del vivere con tutte le sue caratteristiche è a
processo spontaneo come la formazione di fiocchi di neve e cosa
succede con i sistemi viventi nella loro vita si verifica con lo stesso
tipo di spontaneità come la caduta e l'imballaggio della neve in una tempesta.
Ogni volta che sorge un nuovo dominio di singolarità, le loro relazioni, se
hanno luogo, possono dare origine a un nuovo dominio non intersecato di
coerenze strutturali con asimmetrie che nel suo flusso storico
può a sua volta dare origine a nuove singolarità, che danno origine a
le loro relazioni e interazioni a nuove strutture non intersecanti
domini e così via in un flusso di ricorsi a tempo indeterminato.

192

3: sistemica contro determinazione genetica
Una delle nostre principali difficoltà nella comprensione dei fenomeni storici
in generale, e in particolare i fenomeni biologici e umani
il nostro modo di pensare culturale in termini causali locali e lineari. Così,
la nostra solita forma di discussione è "A" causa "B", come se "A" fosse determinato "B"
da solo. E spesso non siamo consapevoli che ciò che chiamiamo causale
la relazione è un'astrazione di una certa regolarità locale della struttura
dinamica di un sistema più ampio che non abbiamo distinto in quanto tale
nel nostro tentativo di capire la situazione che vogliamo spiegare
in termini lineari locali. In altre parole, spesso non vediamo o
non sono pienamente a conoscenza del sistema con cui ci occupiamo di alcuno
immediato. Mentre assistiamo alle relazioni locali lineari che costituiscono il
situazione particolare sotto il nostro punto di vista, non cogliamo il sistemico
coerenze strutturali a cui appartiene.
La causalità è una nozione esplicativa a priori usata dall'osservatore per
affrontare le regolarità del flusso lineare delle sue esperienze.
In quanto tale, la causalità è molto allettante in una cultura centrata su
controllo, come la nostra cultura patriarcale, perché la sua applicazione sembra
offrire infinite possibilità per la gestione e il controllo
della vita umana, compresi i rapporti umani con la biosfera.
In contrasto con la nozione di causalità, la nozione di strutturale
il determinismo non è un concetto esplicativo a priori, ma piuttosto un
astrazione dalle coerenze dell'operazione dell'osservatore in
il suo dominio di esperienze con cui lui o lei connota il
coerenze operative del dominio di esistenza e funzionamento di
esseri viventi. Il determinismo strutturale, quindi, non è un esplicativo
argomento ma la nostra condizione di esistenza. La nozione di strutturale
il determinismo non è così allettante in una cultura patriarcale perché è suo
l'applicazione richiede sensibilità e consapevolezza del sistema
coerenze nel dominio della vita dell'osservatore, e quindi conduce a
cooperazione, non alla dominazione e al controllo.
Un altro aspetto della nostra difficoltà nel vedere, oltre che nella comprensione
sistemi, è che la distinzione di un sistema e la comprensione di
il flusso della sua operazione come una totalità richiede che l'osservatore sia consapevole

193
che i sistemi esistono in due domini operativi non intersecanti.
Vale a dire, nel dominio dell'operazione dei loro componenti e
nel dominio in cui operano come totalità. Per capire a
sistema richiede: 1) vederlo operare come una totalità nel suo dominio di
esistenza come totalità; 2) vedendolo come un'entità composita vedendo
i suoi componenti mentre lo compongono come una rete di interconnessi
processi; e 3) vedendo una relazione generativa non causale tra
questi due domini che danno origine al sistema come una totalità in
il contesto più ampio in cui esiste in quanto tale. Inoltre, perché
di solito analizziamo i sistemi in termini di relazioni causali lineari locali
tra i loro componenti, non vediamo e capiamo facilmente il
dinamiche strutturali interconnesse implicate nell'origine simultanea
di un sistema e il suo dominio di esistenza, né vediamo il coerente
cambiamenti strutturali del sistema e le sue circostanze mentre il
il sistema è conservato.
Perché penso che dobbiamo capire i sistemi nella loro
costituzione e operazione relazionale per comprenderli entrambi
l'umanità ora e l'origine dell'umanità nella storia di
esseri viventi a cui appartengono, ora farò alcune osservazioni
sui sistemi e il loro funzionamento.
sistemi
Un sistema è una rete di processi realizzati da elementi interagenti
che attraverso le loro interazioni e relazioni preferenziali stabiliscono
un confine operativo che li separa nel suo complesso dall'altro
elementi con cui possono anche interagire. Quindi un sistema è
una totalità e opera come una totalità nel dominio in cui sorge
come una totalità. Gli elementi che partecipano in qualsiasi istante nel
rete di processi che costituisce il sistema in quell'istante, lo sono
i suoi componenti. Cioè, gli elementi che compongono un sistema sono i suoi
componenti solo quando partecipano alle operazioni che compongono
e quando smettono di farlo, smettono di essere componenti del
sistema. Pertanto, l'esistenza di un sistema è operativa e a
sistema esiste in quanto tale, purché le condizioni operative che
costituirlo prevale. Di conseguenza, una cellula, una famiglia, un partito politico, un
194
l'organismo, una fabbrica o un paese, esiste come sistema (totalità) solo come
a lungo come le relazioni dinamiche interne ed esterne che costituiscono
ognuno di loro e realizza in ognuno di essi il suo particolare diverso
le estensioni sono conservate attraverso la loro operazione. E uno qualsiasi dei
elementi, molecole, persone, comunità, istituzioni e così via
avanti, che costituiscono questi diversi sistemi integrarli solo come
finchè partecipano alla loro composizione. Qualsiasi elemento con
quali i componenti di un sistema interagiscono che non sono componenti
del sistema costituiscono il mezzo in cui il sistema esiste.
In queste circostanze, un sistema si presenta bruscamente e
spontaneamente nel momento in cui un confine operativo
è prodotto che separa una collezione di elementi che interagiscono
diventano così i suoi componenti da altri elementi con cui questi
può anche interagire e diventare il suo medium o dominio di
esistenza come unità composita perché non sono le sue componenti.
Un sistema appare sempre a un osservatore come derivante dal caos o
dal nulla, anche se in seguito lui o lei può immaginare un generativo
meccanismo o processo per spiegare la sua origine. Questo è così perché il
processi che danno origine a un sistema e ai processi in cui il
il sistema partecipa come una totalità una volta che è stato realizzato
domini operativi diversi e necessariamente non intersecanti. Il
i confini di un sistema sono operativi e sorgono solo nei termini
descritto. Allo stesso modo, e in base a ciò che ho già detto, il
i componenti di un sistema sono operativi e ogni elemento diventa
un componente di un sistema solo in quanto partecipa alla sua composizione
e rimane un componente solo mentre lo fa.
Come l'osservatore distingue un sistema, lui o lei specifica con il suo
o la sua operazione di distinzione le condizioni che lo costituiscono. Così
di un sistema viene generato nel dominio dell'esistenza dell'osservatore
l'operazione di distinzione che lui o lei esegue, e non lo fa
esiste come entità indipendente, anche se una volta la si distingue
può essere trattato come se esistesse davvero da solo. Quello che succede è quello
come l'osservatore distingue un sistema, lui o lei realizza con il suo
o il suo comportamento, in un dominio del determinismo strutturale che è così
specificato, un insieme di operazioni che determineranno l'aspetto di
195
sistema ogni volta che si verificano le oprazioni in quel dominio. Inoltre, come
l'osservatore distingue un sistema, lui o lei specifica un operativo
dominio in cui tale sistema sorgerà indipendentemente dal fatto
quelle operazioni avvengono spontaneamente o come conseguenza di
le azioni di qualche altro sistema. Io chiamo l'insieme delle operazioni
porta avanti un sistema particolare l'operazione di distinzione.
Un sistema non preesiste nel dominio dell'esistenza del
osservatore prima della realizzazione dell'operazione di distinzione che
lo porterà avanti L'esistenza è un'affermazione cognitiva, allo stesso modo
come realtà, e in quanto tale appartiene al dominio di funzionamento del
osservatore come sistema vivente nel linguaggio. In queste circostanze,
perché la lingua avviene nel dominio delle azioni dell'osservatore
nel flusso ricorsivo di consensuali coordinamenti di consensuali
coordinamenti di comportamenti, la rivendicazione dell'esistenza come cognitiva
reclamo dà origine a ciò che si pretende esista nel funzionamento
concretezza del dominio strutturale in cui questa rivendicazione cognitiva
è fatto. È perché l'esistenza è una rivendicazione cognitiva che un sistema
esiste solo come un osservatore afferma, o può rivendicare, la sua esistenza attraverso
effettivamente eseguendo o stipulando l'operazione di distinzione che
porterà il sistema in un particolare dominio operativo
coerenze della sua vita. Quello che dico allora, è che quando un
l'osservatore parla dell'esistenza e del mezzo in cui il sistema
esiste distinto, lui o lei si riferisce al dominio delle interazioni
in cui opera e in cui sorge con l'operazione di
distinzione che lo porta avanti. Inoltre, tutto questo è valido per il
esistenza dell'osservatore, anche.
Apparteniamo ad una cultura che opera in termini di considerarlo
noi esseri umani esistiamo immersi in una realtà indipendente. Questo
l'atteggiamento è ciò che ci fa parlare come se gli esseri umani fossero fisici
entità esistenti in uno spazio fisico, ed è questo atteggiamento che ci guida
dare alla scienza della fisica la preponderanza epistemologica
che ora regge. Ma la comprensione dei sistemi viventi e di
gli esseri umani mostrano che i sistemi viventi sono entità sistemiche e
quella cognizione è un modo di relazionarsi, e non un modo di riferirsi a
una realtà indipendente che non può essere conosciuta o addirittura discussa.
196
Questa comprensione mostra che la conoscenza è un modo di vivere
linguaggio che fa le cose insieme, e che è epistemologico
il fondamento della conoscenza umana è il funzionamento umano come una vita
sistema. Sì, come spieghiamo i sistemi viventi, per ragioni epistemologiche
abbiamo bisogno di un substrato che li renda possibili come sistemi viventi.
Eppure non possiamo parlare di questo substrato, perché mentre lo facciamo parliamo
non su di esso, ma piuttosto su ciò che facciamo. In queste circostanze
l'esistenza è ciò che facciamo e qualcosa è lì come condizioni
delle nostre azioni attuali o possibili sono soddisfatte. In queste circostanze
inoltre, il cosmo che noi esseri umani generiamo nelle nostre spiegazioni
delle nostre esperienze come se esistesse indipendentemente dalle nostre azioni, sorge
nelle nostre azioni immerse in un substrato che non possiamo caratterizzare
nemmeno per affermare che c'è qualche somiglianza tra esso e il
cosmo che descriviamo e spieghiamo. Secondo me questo non è un
limitazione, è la nostra condizione di esistenza, ed è la nostra consapevolezza
di ciò che ci rende esseri umani ora totalmente responsabili di come
noi viviamo.
Conservazione dell'Adattamento
Nelle moderne spiegazioni evolutive, l'adattamento, l'operativo
relazione di congruenza dinamica tra un sistema vivente e il
medio in cui esiste, viene solitamente considerato come una variabile. A seguire
questa visione, l'adattamento è di solito parlato come un attributo di un
organismo (e anche implicitamente come attributo dei sistemi in
generale) come se i sistemi viventi potessero essere più o meno adattati al
mezzo in cui esistono Con questo modo di pensare,
anche i biologi usano frequentemente la parola "adattamento" per riferirsi al
modo di congruenza operativa con il mezzo che vive
sistema esibisce nel suo vivere (o il suo funzionamento), e mentre lo fanno,
trattano la congruenza operativa tra sistema vivente e
medio come qualcosa ottenuto attraverso il processo di adattamento.
Penso diversamente. Penso che la congruenza operativa tra
il sistema vivente e il mezzo non è una variabile perché per i vivi
sistema (come per tutti i sistemi) questa è una condizione di esistenza. Quella
i sistemi viventi sono vivi solo finché il loro rapporto operativo
197
la congruenza con il mezzo è conservata è evidente a
tutti i biologi nel momento in cui riflettono su cosa effettivamente
accade nella realizzazione della vita di un organismo. Cosa succede
è che guardando un sistema vivente si potrebbe pensare che lo sarebbe
sopravvivere meglio in un altro ambiente, e si tratta di tale opinione
come rivelazione di ciò che accade con il sistema vivente. Ma quello
la riflessione rivela solo l'immaginazione dell'osservatore. Perciò,
quello che dico è quell'adattamento come una relazione di congruenza operativa
tra il sistema vivente e il mezzo è necessariamente un invariante.
Dal mio punto di vista, quindi, un sistema vivente vive solo fino a quando è suo
organizzazione e il suo adattamento sono conservati, e tutti strutturali
i cambiamenti avvengono in esso intorno alla conservazione di entrambi i suoi
organizzazione e il suo adattamento nel flusso continuo dei suoi
vivendo, o si disintegra. Quindi sia la conservazione dell'organizzazione
e la conservazione dell'adattamento sono le condizioni operative di base di
esistenza per qualsiasi sistema. Tutto quello che è successo e succede nel
la storia dei sistemi viventi è avvenuta e deve accadere come un flusso
di cambiamenti strutturali sotto la conservazione dell'organizzazione e
la conservazione dell'adattamento dei sistemi viventi in un processo in
quale sistema vivente e mezzo cambiano insieme in modo congruo.
Sistemi come totalità
Un sistema non esiste di per sé in solitudine. Un sistema
esiste in un mezzo in interazioni ricorsive che innescano strutturale
cambia in esso, e conserva la sua identità come un sistema di un particolare
gentile solo fino a quando l'organizzazione che definisce e costituisce
come un sistema di quel tipo è conservato attraverso quelli ricorsivi
interazioni. Un sistema può esistere solo in un mezzo che si innesca
in esso quei cambiamenti strutturali ricorsivi attraverso i quali la sua identità
e l'adattamento sono conservati. Pertanto, l'identità di un sistema
non è determinato nei suoi componenti. L'identità dell'entità
che un sistema è come una totalità è costituito nella dinamica di
interazioni in cui è realizzato come tale attraverso il continuo
flusso dei suoi cambiamenti strutturali nella conservazione dell'organizzazione
e adattamento. Allo stesso tempo, la realizzazione effettiva di un sistema
198
nelle sue interazioni ricorsive in un mezzo porta continuamente avanti
il mezzo in cui è realizzato mentre la struttura di un sistema
e la struttura del mezzo cambia insieme in modo congruente
il flusso delle loro interazioni ricorsive, o il sistema si disintegra.
La nozione di accoppiamento strutturale si riferisce a questo. Ora riassumerò
ed espandi su alcune delle cose che ho detto sui sistemi:
1. Esiste un sistema nelle interazioni con gli elementi di un mezzo
che sorgono insieme con esso come diventa un sistema nella sua scissione
dal mezzo: sistema e mezzo sorgono insieme. Precedente a
questa scissione, gli elementi che costituiranno il sistema e
il mezzo non è separabile perché non esiste nessun sistema
né media, e qualsiasi tentativo di identificare quegli elementi
prima che questo si presenti nella sua distinzione è un'operazione che può essere
eseguita dall'osservatore solo dopo che lui o lei ha concepito
il sistema attraverso la sua immaginazione. Un sistema interagisce
attraverso l'operazione degli elementi che lo compongono, e il
le interazioni si innescano in esso cambiamenti strutturali che sono determinati
in qualsiasi momento dalla sua struttura in quel momento. Inoltre, a
sistema rimane un sistema di un tipo particolare solo fino a quando il
organizzazione che definisce la sua identità di classe è conservata attraverso
i cambiamenti strutturali che avvengono in esso, sia attraverso
le sue dinamiche interne e attraverso quei cambiamenti strutturali
innescato in esso dalle sue interazioni nel mezzo.
2. Il mezzo in cui esiste un sistema sorge insieme al
sistema e tutto ciò che si applica a un sistema in quanto tale si applica anche a
il mezzo come sistema. In queste circostanze, esiste un sistema
nella conservazione della sua organizzazione attraverso la sua struttura
cambia mentre interagisce in un mezzo che cambia congruentemente
con esso solo fino a quando i cambiamenti nel mezzo fanno il
realizzazione del sistema possibile. Pertanto, esiste un sistema e
conserva la sua identità solo mentre la sua realizzazione è ricorsiva
le interazioni con il mezzo risultano nell'aspetto nel
medio di quelle condizioni che rendono possibile la conservazione

199
del sistema - e viceversa. In altre parole, la conservazione
dell'identità di un sistema attraverso una deriva strutturale continua
nell'accoppiamento strutturale è un fenomeno sistemico.
3. La conservazione sistemica dell'identità di un sistema è
una caratteristica della sua costituzione spontanea come strutturata
entità, non il risultato di un disegno o di uno scopo. UN
il sistema sorge spontaneamente quando le condizioni strutturali
ciò rende possibile prevalere sullo sfondo in cui esso
appare, ed è conservato fino a quando le condizioni dinamiche
di interazione nel mezzo che sorge con esso e fa il suo
conservazione possibile ci sono. Lo sfondo in cui a
il sistema appare in effetti un dominio del caos o del nulla, a
dominio delle coerenze strutturali su cui l'osservatore può
non dire nulla prima dell'aspetto del sistema. Caos e
il nulla sono relazioni cognitive. Dopo che il sistema appare,
lo sfondo cambia il suo carattere e diventa conoscibile
attraverso il sistema stesso in quanto viene utilizzato come indicatore del
caratteristiche dello sfondo in cui è sorto. di conseguenza,
un sistema sorge e si conserva solo nella struttura sistemica
dinamica che rende possibile la sua apparizione spontanea nel
conservazione dell'organizzazione che lo costituisce. Lo chiamo
elaborare l'organizzazione spontanea dal caos o dal nulla: tutto
i sistemi sorgono spontaneamente dal caos o dal nulla e il
il caos o il nulla da cui sorge un sistema smette di essere a
caos o un nulla e diventa un medium la cui struttura
le coerenze diventano visibili così come sono rivelate dall'operazione
del sistema e sono usati dall'osservatore per spiegare l'origine
del sistema.
4. La conservazione sistemica dell'identità di un sistema, nella sua
interazioni ricorsive con il mezzo, apre uno spazio per tutti
quelle caratteristiche della struttura del sistema e delle relazioni
del sistema con il mezzo, che non sono coinvolti nel
conservazione della sua identità, da cambiare. In termini generali, quando
200
in una raccolta di elementi qualche configurazione di relazioni
tra di loro comincia a essere conservato, uno spazio è aperto a tutti
altro per cambiare ciò che è conservato. In particolare, quando
nella realizzazione sistemica di un sistema iniziano alcune relazioni
essere conservati, tutto il resto diventa aperto al cambiamento. Allo stesso modo, quando
nelle interazioni tra due o più sistemi alcuni dei loro
le relazioni cominciano ad essere sistematicamente conservate insieme al
organizzazioni dei sistemi coinvolti, tutto il resto diventa aperto a
cambia intorno a ciò che è conservato.
Processo epigenetico
Lo sviluppo di un sistema vivente, cioè la storia della vita di un
l'organismo (la sua ontogenesi) si presenta in una forma sistemica come una storia di
cambiamenti strutturali intorno alla conservazione del modo di vivere
che definisce l'organismo come un sistema vivente di un tipo particolare.
In biologia questo fenomeno è chiamato epigenesi, un termine che si riferisce
alle trasformazioni sistemiche che un organismo subisce nel suo
storia della vita attraverso le interazioni della sua struttura iniziale e il
medio lungo la conservazione della sua vita.
A causa della dinamica sistemica del processo epigenetico, il
costituzione genetica iniziale (DNA) e somatica (citoplasmatica) di an
l'organismo non determina i cambiamenti strutturali e relazionali
che subirà lungo il corso della sua vita. Il genetico e
struttura somatica iniziale di un sistema vivente (la sua struttura iniziale totale)
determina il dominio dei diversi corsi epigenetici che esso
può seguire nella sua storia di vita come un campo concreto di possibilità, ma
solo uno di questi sarà realizzato nella sua vita reale. In altre parole,
la costituzione genetica di un sistema vivente non determina il
caratteristiche che svilupperà lungo la sua vita. Pertanto è inadeguato
parlare della determinazione genetica dei personaggi o delle caratteristiche che
sorgere nella vita di un organismo. È dovuto alla natura sistemica di
tutti i fenomeni biologici che, in senso stretto, non c'è genetica
determinazione delle caratteristiche di un organismo come tale nella sua
dominio dell'esistenza. Ripeto, la struttura iniziale totale con cui
un sistema vivente inizia la sua vita determina solo il campo del possibile
201
corsi epigenetici che potrebbe seguire. Il corso epigenetico che,
infatti, accade nella ontogenesi di un sistema vivente si pone nel
circostanze reali della sua vita in quanto incontra il mezzo come se fosse
il mezzo esisteva come sistema indipendente. Tuttavia, il posto
nel mezzo in cui normalmente un sistema vivente inizia a vivere
attraverso la riproduzione dei suoi progenitori non è un qualsiasi; è un
particolare che è anche sorto nella storia dinamica sistemica
a cui appartiene il progenitore e in cui quel tipo di vita
sistema e il suo mezzo sono cambiati insieme in modo congruente. Umano
la storia non è diversa
Epigenesi cellulare
La dinamica strutturale di una singola cellula - la sua dinamica di molecolare
trasformazioni e produzioni - si verifica anche come epigenetico
processi. Cioè, il corso seguito dai cambiamenti molecolari di a
cellula lungo la sua ontogenesi individuale si presenta momento per momento nel
interazione tra i cambiamenti molecolari innescati nella cellula dal suo
interazioni con il mezzo e quelle che vi sorgono nel corso
delle sue dinamiche interne. La conseguenza generale di questo processo
è che la costituzione genetica totale di una cellula (cioè, la struttura e
la configurazione dinamica del suo DNA nucleare e strutturale
e la configurazione dinamica del suo citoplasma) cambia lungo la sua vita
storia in modo tale che quando la cellula si riproduce lo fa con
una costituzione genetica totale diversa da quella che aveva alla sua
nascita. Di conseguenza, la progenie di una tale cellula può dar luogo al
realizzazione di un modo cellulare di vita o di fenotipo ontogenico
diverso da quello dei genitori. Questo fenomeno si verifica, per
esempio, nel corso della differenziazione cellulare che prende
luogo durante lo sviluppo embrionale quando il diverso cellulare
lignaggi (i diversi tipi di cellule) che compongono l'organismo
sorgono attraverso uno spostamento della costituzione genetica totale conservata
attraverso la riproduzione in un modo che coinvolge il DNA nucleare e
citoplasma. In questo contesto, possono prendere due diversi processi sistemici
posto attraverso la riproduzione cellulare in un organismo, che darà
aumento della differenziazione tissutale e cellulare. Questi sono:
202
1. la conservazione sistemica nella progenie del totale genetico
costituzione della cellula parentale in modo epigenetico
conserva il fenotipo ontogenico cellulare originario;
2. un cambiamento epigenetico nelle dinamiche strutturali del genitore
cellula che dà origine a un cambiamento nella costituzione genetica totale
della progenie che viene d'ora in poi conservata epigeneticamente
la realizzazione di un nuovo fenotipo ontogenico cellulare.
I processi di differenziazione dei tessuti e delle cellule che avvengono
durante l'embriogenesi di solito non vengono visti o osservati come
processi di spostamento del fenotipo ontogenico che si realizza
e conservato nella costituzione epigenetica di diversi cellulari
lignaggi. Penso che sia così a causa di due circostanze: 1)
perché l'attenzione dell'osservatore è solitamente orientata al giorno d'oggi
ai processi molecolari che sembrano assicurare la ripetizione regolare
delle dinamiche molecolari e cellulari standard secondo a
norma prevista o nota; e 2) perché di solito assumiamo che il
la stabilità riproduttiva del DNA è dovuta alla sua struttura molecolare
e non a condizioni sistemiche nella sua sintesi.
Il cambiamento epigenetico della costituzione genetica totale di una cellula
(in un modo che potrebbe includere il suo DNA) in base alle particolarità
della sua storia di vita non è un fenomeno di eredità di acquisito
personaggi nei termini generalmente intesi come Lamarckian
eredità. Lamarck sembra aver proposto che le caratteristiche
che un organismo ha acquisito nel corso della vita che è successo
vivere potrebbe essere ereditato direttamente e apparire nella prole. Come
una proposizione, ovviamente, è in conflitto con la nostra visione attuale
associa ereditarietà con il DNA. Lamarck, ovviamente, non poteva
ho pensato all'ereditarietà come facciamo ora in termini di ereditarietà
molecole, ma era interessato a come la storia della vita del
i genitori potrebbero partecipare alla storia della loro prole. io
pensa che questo tema possa essere riconsiderato. Come già detto, io
affermare che l'ereditarietà è un fenomeno sistemico e non un fenomeno molecolare,
e che si verifica come una conservazione riproduttiva sistemica di a
203
modo di vivere in un processo in cui sia l'organismo che il mezzo
partecipare attraverso la conservazione dell'organizzazione del
organismo e il suo adattamento al mezzo. Il DNA più tutto il
altri componenti cellulari determinano quali sono i corsi epigenetici
possibile a un organismo all'inizio della sua vita, ma il reale
Decorso epigenetico che l'organismo segue nella sua vita particolare
la storia sorge in una dinamica sistemica di interazione ricorsiva con
il mezzo in cui vive. Quindi, un modo di vivere è conservato
attraverso la riproduzione solo se le dinamiche sistemiche che ne derivano
nella ripetizione di una particolare epigenesi è conservata, e tale
la conservazione è un processo sistemico che comporta l'organismo e
il mezzo sottoposto a cambiamenti strutturali coerenti. di conseguenza,
anche se il fenotipo ontogenico che un organismo vive non lo è
determinato geneticamente (solo dal suo DNA), è reso possibile da
la sua costituzione genetica e può essere ed è conservata sistematicamente
nell'organismo / relazione media quando viene conservata
riproduzione. In queste circostanze, quindi, il cambiamento epigenetico
della costituzione genetica totale di una cellula o di un sistema multicellulare
l'organismo durante la sua ontogenesi è un fenomeno attraverso il quale
la storia di vita individuale di una cellula o di un organismo è ereditaria
conseguenze attraverso processi sistemici coinvolti nel fenomeno
di riproduzione.
lignaggi
Quando inizia a essere un modo di vivere (un fenotipo ontogenico)
conservato generazione dopo generazione attraverso la riproduzione, a
il lignaggio sorge. Come ho detto, la conservazione di un modo di vivere
attraverso la riproduzione non è geneticamente determinato, anche se
la costituzione genetica dell'organismo rende tale conservazione
possibile. La conservazione riproduttiva di un modo di vivere è a
processo epigenetico sistemico. La struttura di un organismo e il
la struttura del mezzo cambia insieme congruentemente, e, come a
risultato, quando la riproduzione ha luogo, il nuovo organismo viene depositato
in un luogo determinato dalla vita dei progenitori. Come conseguenza di
questo processo, alcune delle caratteristiche peculiari acquisite lungo la vita
204
dei progenitori può essere sistematicamente ripetuto nell'epigenesi di
la loro progenie, dando origine alla possibilità dell'istituzione di
un nuovo lignaggio.
Mentre accade quest'ultimo, un osservatore vede il riproduttivo
eredità del modo di vivere (fenotipo ontogenico)
sistematicamente conservato nel lignaggio come se fosse il risultato
di un processo geneticamente determinato. Ma il modo di vivere
ereditato sistemicamente non è geneticamente determinato, ed ereditarietà
non è un processo geneticamente determinato. Il sistemicamente conservato
il fenotipo ontogenico sorge di nuovo nell'epigenesi del nuovo
generazione attraverso la conservazione sistemica del genetico e
struttura citoplasmatica che lo rende possibile e sistemico
conservazione della struttura del mezzo in cui può essere
realizzato.
Poiché l'iniziazione e la conservazione di una discendenza avviene come a
processo sistemico, e il fenotipo ontogenico o modo di vivere
conservato in un lignaggio non è geneticamente determinato, in alcun modo
di vivere che può essere sistematicamente conservato da una generazione a
il prossimo può dare origine a un lignaggio. Quando ciò accade, il genetico
(DNA) viene aperta la costituzione dei membri del nuovo lignaggio
cambiare in alcun modo che non interferisca con la realizzazione di
il modo di vivere di quel lignaggio e inizia a vagare in un corso
vincolato dai confini operativi definiti dall'epigenetico
realizzazione del fenotipo ontogenico conservato sistemicamente. Come
un risultato, nel susseguirsi di generazioni di un lignaggio tutto genetico
i cambiamenti diventano cooptati in una tendenza che facilita il modo
di vita (fenotipo ontogenico) conservato nel lignaggio, o il
il lignaggio cambia, o finisce. Ciò che è conservato, infatti,
nella costituzione di un lignaggio, è un fenotipo ontogenico / mezzo
relazione.
La storia dei sistemi viventi sulla terra è la storia del
configurazione di una biosfera come un immenso sistema di intrecci
epigenesi congruente che si manifesta continuamente sistematicamente come a
naturalmente, secondo le coerenze strutturali spontanee
di tutti i sistemi coinvolti. In questo processo, ogni sistema vivente è parte
205
del medium degli altri in una rete di interazioni ricorsive
in cui ogni sistema vivente e il suo mezzo cambiano insieme
congruente. Le coerenze ecologiche nel presente rivelano tale
storia di conservazione sistemica della convivenza in un campo di cambiamento
costituzioni genetiche cooptate dai modi di vivere che sono
conservato in un modo che facilita il loro verificarsi. O, in altro
le parole, le coerenze ecologiche nella costituzione di una biosfera sono a
risultato necessario della coevoluzione sistematica dei sistemi viventi sul
terra.
Da tutto ciò che ho già detto, è evidente che le abitudini e
preferenze, sia comportamentali, evolutive o metaboliche
diventare incorporato nelle caratteristiche che definiscono un lignaggio, se lo sono
conservato sistemicamente attraverso la riproduzione (riproduzione sistemica).
È anche evidente che un tale fenomeno dà all'evoluzione sia a
plasticità strutturale e temporale molto maggiore di quella attesa
solo da mutazioni e ricombinazioni geniche. È anche evidente che
tutti i processi strutturali e tutti i processi relazionali coinvolti nella realizzazione
della vita di un sistema vivente può partecipare al processo
di conservazione sistemica di un fenotipo ontogenico. In questi
circostanze, un lignaggio può quindi sorgere attraverso la conservazione di
abitudini o preferenze, sia relazionali che organiche.
I biologi hanno spesso parlato di selezione naturale come se
questa era una pressione diretta o il meccanismo che genera
sopravvivenza differenziale dei sistemi viventi attraverso un adattamento progressivo
al medium nella loro storia evolutiva. Penso diversamente. io
pensa che la selezione naturale sia il risultato della sopravvivenza differenziale
dei sistemi viventi, e non la sua origine. In realtà, lo sostengo
il meccanismo generativo di evoluzione nei sistemi viventi è a
deriva strutturale ontogenica e filogenetica spontanea che risulta
in sopravvivenza differenziale.
206
4: realtà virtuali e nervoso
Sistema
Una delle caratteristiche centrali della nostra operazione come sistemi viventi è quella
non possiamo distinguere nell'esperienza tra ciò che chiamiamo
percezione della vita quotidiana e illusione. Questo è così perché viviamo
i sistemi sono sistemi strutturati, e tutto ciò che accade in
noi o con noi è determinato nella nostra struttura e nella nostra struttura
dinamica. In effetti, è proprio per questo che le realtà virtuali
sono possibili Qui vorrei dire alcune parole su ciò che il
indistinguibilità esperienziale tra ciò che chiamiamo nella vita quotidiana
percezione e illusione comportano in relazione al sistema nervoso,
in relazione alla nostra esistenza come esseri linguaggianti e in relazione
alle realtà virtuali. Questo lo farò in una serie di brevi autosufficienti
dichiarazioni.
1. Il sistema nervoso è, sia anatomicamente che fisiologicamente,
una rete chiusa di elementi neuronali interagenti. Come tale
il sistema nervoso funziona come una rete chiusa di cambiamenti
relazioni di attività tra gli elementi neuronali che
comporlo nel senso che qualsiasi cambiamento di relazione di attività
in esso porta a ulteriori cambiamenti nei rapporti di attività in esso. sensori
e gli effettori hanno un doppio carattere mentre operano come neuronali
elementi e partecipare alla composizione del nervoso
sistema attraverso la loro intersezione strutturale con qualche nervo
le cellule. Come sensori ed effettori fanno parte dell'organismo
e costituiscono la superficie dell'incontro tra l'organismo
e il mezzo. Quindi, l'organismo interagisce con il mezzo
attraverso i suoi sensori ed effettori, non attraverso il nervoso
sistema. Quello che succede è quello nella loro intersezione strutturale
con elementi neuronali, sensori ed effettori funzionano come
componenti del sistema nervoso e partecipare come tale nella sua
dinamica chiusa dei mutevoli rapporti di attività. Il nervoso
sistema, quindi, non incontra il mezzo, e come esso
207
opera come una rete chiusa di mutevoli rapporti di attività
tra i suoi componenti neuronali, non ha input o
relazioni di output con il mezzo nel suo funzionamento.
2. La struttura del sistema nervoso non è fissa e varia
continuamente in una rete di cambiamenti ciclici incrociati che
si svolgono nelle dinamiche strutturali delle sue componenti attraverso
molti processi ciclici diversi con costanti di tempo diverse che
si traducono in diversi tipi di cambiamenti: cambiamenti nel regolamento di
la ramificazione dendritica ed assonale degli elementi neuronali, in
la dinamica metabolica, nei canali ionici, nella densità di
recettori - che a loro volta provocano cambiamenti nell'efficacia di
le relazioni sinaptiche - così come molti altri cambiamenti di un ciclico
natura. Come risultato di questi cambiamenti strutturali, l'operazione di
il sistema nervoso come una rete chiusa di relazioni mutevoli di
anche le attività tra le sue componenti neuronali sono continue
cambiamenti ciclici di lunghi (alcune volte permanenti) e tempi brevi
costanti. In queste circostanze, il corso seguito dal
flusso di mutevoli rapporti di attività nel funzionamento del
il sistema nervoso come una rete chiusa sorge di momento in momento,
determinato dalla sua struttura in ogni momento nel suo flusso
cambiamento continuo.
3. Il corso seguito dai cambiamenti strutturali del neurone
gli elementi che compongono il sistema nervoso sono modulati
diversi modi:
a) attraverso le proprie dinamiche strutturali interne;
b) attraverso cambiamenti strutturali innescati in loro come risultato di
le loro interazioni con altri elementi neuronali;
c) come risultato di cambiamenti strutturali che si presentano in essi
della loro intersezione strutturale con altre cellule come la
elementi sensoriali interni ed esterni dell'organismo; e
d) attraverso cambiamenti strutturali innescati in loro da sostanze
secreto da altre cellule dello stesso sistema nervoso, cellule di
208
il resto dell'organismo, o quello proveniente dall'esterno di
l'organismo.
Una conseguenza fondamentale di questa dinamica strutturale è quella
la struttura del sistema nervoso come una rete chiusa di
gli elementi neuronali interagenti cambiano continuamente attraverso
cambiamenti strutturali che si presentano nelle sue componenti come risultato: 1)
della propria operazione; 2) del funzionamento del fisiologico
dinamica dell'organismo; e 3) delle interazioni del
organismo nel suo dominio di esistenza.
4. Il sistema nervoso si interseca strutturalmente con l'organismo a
luoghi diversi, vale a dire il suo sensoriale interno ed esterno e
superfici effettore, e lo fa attraverso alcuni elementi neuronali
che sono componenti sia del sistema nervoso che del
organismo. Gli elementi cellulari che operano in questa intersezione
come sensori ed effettori come componenti del sensoriale e
Le superfici effettrici dell'organismo sono elementi di interazione
dell'organismo, non del sistema nervoso. Allo stesso tempo,
quegli stessi elementi che operano come elementi neuronali
componenti del sistema nervoso e non del sensitivo e
superfici effettrici dell'organismo. Come una rete neuronale chiusa
il sistema nervoso funziona solo generando interni
cambiare i rapporti di attività tra i suoi componenti e
non interagisce con il mezzo. In quanto tale, il sistema nervoso
non funziona con rappresentazioni del mezzo o di cosa
succede all'organismo nelle sue interazioni nel mezzo. Uno
non posso nemmeno dire che l'operazione chiusa del sistema nervoso
è come sognare, perché sognare appartiene al modo di
essere dell'organismo come una totalità. È l'osservatore che vede
l'interno e l'esterno dell'organismo e chi lo fa
la distinzione "sognare", non l'operazione del nervoso
sistema.
5. A causa dell'intersezione strutturale degli elementi neuronali
del sistema nervoso con gli elementi sensoriali ed effettori
209

degli organismi, i sensori e gli effettori partecipano al
dinamica strutturale dell'organismo e del nervoso
sistema mentre il sistema nervoso e l'organismo rimangono
operativamente indipendente. Di conseguenza succedono due cose. Uno
è che i cambiamenti strutturali che i sensori e gli effettori di
l'organismo subisce nei loro incontri con il medium
portare a cambiamenti strutturali negli elementi neuronali con
che si intersecano. L'altro è che la struttura è cambiata
elementi neuronali che si intersecano con il sensoriale e l'effettore
elementi dell'organismo cambiano il loro modo di partecipazione
nei mutevoli rapporti di attività della rete neuronale
che si integrano. Questo è valido sia per l'esterno che per il
superfici interne sensoriali ed effettori dell'organismo.
I risultati generali sono anche due. Uno è quello della struttura
del sistema nervoso cambia in modo contingente a
i cambiamenti strutturali innescati nelle superfici sensoriali del
organismo durante il flusso della sua interazione nel mezzo. Il
il risultato di base di questo è che le dinamiche del sistema nervoso come
una rete neuronale chiusa e le correlazioni effettorie sensoriali
che genera attraverso la sua intersezione con il sensoriale
e le superfici effettrici dell'organismo, cambiano in un modo
contingente al flusso delle interazioni dell'organismo. Due,
il sistema nervoso come una rete neuronale chiusa continua
generando una dinamica interna che dà origine all'interiorità
e correlazioni sensoriali ed effettori esterne nell'organismo
proprio al suo modo di vivere lungo la sua vita, o all'organismo
muore. Quindi, anche se i domini operativi in ​​cui il
l'organismo e il sistema nervoso esistono non si intersecano, e
rimangono indipendenti in quanto tali, ognuno modula ciò che accade in
l'altro attraverso i cambiamenti strutturali a cui dà origine.
Infine, questo si verifica in circostanze in cui il sensoriale
e le superfici effettrici dell'organismo sono operative ma non
necessariamente anatomico nel senso classico.
210
6. Nell'intersezione strutturale del sistema nervoso con il
superfici interne ed esterne sensoriali ed effettori del
organismo, i cambiamenti di attività negli elementi neuronali
innescare cambiamenti strutturali nell'effettore e negli elementi sensoriali
dell'organismo. Di conseguenza, il modo di incidenza del
anche l'organismo nel suo mezzo interno ed esterno cambia.
Tuttavia, il sistema nervoso non rende l'organismo
agire sul mezzo; la sua attività attiva solo cambiamenti strutturali
nelle superfici sensoriali ed effettive dell'organismo, dando origine
alle correlazioni sensoriali effettorie attraverso gli incontri di
il secondo con il mezzo. Tuttavia, come conseguenza del cambiamento
nel modo di incidenza dell'organismo sul mezzo
(interno ed esterno) che provocano questi cambiamenti strutturali
in un modo determinato dalla struttura del sistema nervoso
in ogni momento, il modo di incontrare il medium di
l'organismo cambia secondo i cambiamenti strutturali che
il suo sistema nervoso subisce lungo il suo interno ed esterno
vita relazionale.
7. Il sistema nervoso non funziona con rappresentazioni del
medio, né funziona con i simboli delle caratteristiche del
medio, e non usa nelle sue dimensioni operative corrette
alla descrizione del mezzo da parte dell'osservatore. Il nervoso
il sistema funziona solo come una rete chiusa di relazioni mutevoli
di attività tra i suoi componenti elementi neuronali in a
flusso continuo di mutevoli rapporti di attività tra di loro.
Da tutto ciò deriva che quando l'osservatore vede un organismo
eseguire un comportamento particolare come interazione dinamica con
il mezzo, il sistema nervoso sta facendo solo una dinamica
correlazione tra la superficie sensoriale e quella effettrice del
l'organismo secondo la sua struttura in quel momento e non lo è
generando qualsiasi comportamento. Il comportamento che l'osservatore vede come
lui o lei vede l'organismo come una totalità in un mezzo sorge
nell'incontro dell'organismo con il medium in un modo che
partecipano sia l'organismo che il mezzo. Quindi il comportamento
211
non è qualcosa che fa l'organismo, ma qualcosa del genere
sorge nell'organismo / incontro medio. Questo è il motivo per cui ho detto
al di sopra di questo non si può nemmeno dire che l'operazione chiusa di
il sistema nervoso è come sognare come la nozione di sognare,
richiede la distinzione di dentro e fuori.
8. I neuroni funzionano come rivelatori di configurazioni di attività su
le loro superfici afferenti. Questo è così perché l'impulso nervoso
inizia all'origine dell'assone (collinetta degli assoni) di qualsiasi neurone
elemento come risultato di una composizione locale di tutti gli afferenti
attività da altri elementi neuronali che interferiscono con il
superficie del collettore dell'elemento neuronale. Di conseguenza, non solo
singoli elementi neuronali, ma gruppi di elementi neuronali e
gruppi di gruppi di elementi neuronali funzionano anche come rivelatori
di configurazioni di attività nell'impatto afferente
su di loro. In effetti, il sistema nervoso come una rete chiusa
di cambiare i rapporti di attività tra i suoi componenti
gli elementi neuronali funzionano solo come rivelatori di cambiamenti
relazioni di attività in sé. Di conseguenza, come l'attività
del sistema nervoso dà origine a sensoriali interni ed esterni
correlazioni effettore nell'organismo, lo fa secondo a
dinamica interna chiusa di configurazioni mutevoli ricorsive
di relazioni di attività in sé.
9. La struttura del sistema nervoso cambia, attraverso il
vari processi sopra indicati, seguendo un corso contingente
al corso delle interazioni interne ed esterne del
organismo che si integra. Inoltre, la struttura con cui
qualsiasi organismo inizia la sua storia di vita individuale è quella che ha
stato stabilito lungo una storia evolutiva in cui il
organismi di ogni dato lignaggio e il mezzo in cui essi
sono realizzati sono cambiati insieme congruentemente. Come conseguenza di
questa storia evolutiva, la struttura iniziale del nervoso
sistema all'inizio della vita di qualsiasi organismo che ne ha uno,
è uno che dà origine all'organismo verso l'esterno e l'interno
212
correlazioni effettorie sensoriali adeguate per la realizzazione del
modo di vivere che definisce il lignaggio.
10. Ciò che rende un sistema nervoso un sistema nervoso non è il
tipo di elementi che lo compongono. Un sistema nervoso è entrambi i suoi
modo di operare come una rete chiusa di relazioni mutevoli
di attività tra elementi di plastica interagenti e un sistema
in intersezione strutturale con le superfici sensoriali ed effettive
di un sistema più grande che opera come una totalità in uno spazio relazionale
a cui contribuiscono le stesse superfici sensoriali ed effettive
definire. Quindi, un protozoo come un paramecio, per esempio,
ha un sistema nervoso molecolare sotto forma di una rete chiusa
di cambiare le relazioni molecolari nell'intersezione operativa con
il sistema molecolare autopoietico chiuso che è il paramecio
come un sistema vivente, alle superfici sensoriali ed effettive che sorgono
in esso come opera come una totalità. Allo stesso modo, un topo ha un nervoso
sistema composto da una rete chiusa di relazioni mutevoli di
attività cellulari nell'intersezione operativa a livello sensoriale e
superfici effettore che il mouse ha nel dominio in cui si trova
opera come un organismo. In effetti, è a causa del modo di
costituzione operativa di un sistema nervoso che è possibile
progettare un sistema artificiale che funzionerà effettivamente come un robot
con un sistema nervoso.
11. È anche perché il sistema nervoso funziona da chiuso
rete di mutevoli relazioni di attività in intersezione con
le superfici sensoriali ed effettive di un organismo, tutto ciò che il
il sistema nervoso fa in relazione all'organismo, come questo funziona
come una totalità nel mezzo, è quello di darne origine a sensoriali
correlazioni effettore che costituiranno il comportamento dell'organismo
poiché opera come una totalità nelle coerenze strutturali dinamiche
con il mezzo in cui esiste nelle interazioni ricorsive.
Pertanto, è a causa del suo modo di operare come un chiuso
rete di mutevoli relazioni di attività in intersezione con
l'organismo, e per la sua condizione di essere una struttura
213
sistema determinato, che il sistema nervoso non fa e
non può operare distinguendo le caratteristiche del mezzo come se
questi erano entità indipendenti. Non c'è dubbio che sembra fare
così ad un osservatore che lo vede generando un comportamento adeguato nel suo
dominio dell'esistenza. Ma gli organismi operano generando adeguato
comportamento nel loro dominio di vivere così come sono vivi come risultato
della storia evolutiva e ontogenica dell'accoppiamento strutturale
con il mezzo a cui appartengono.
12. In queste circostanze, la differenza tra un robot e
un sistema vivente risiede nel diverso modo di origine di
la loro congruenza operativa e strutturale con il mezzo
in cui esistono Quindi, l'operativo e strutturale
congruenza tra un robot e il mezzo in cui esiste
è il risultato di un'operazione di progettazione in cui entrambi i file
robot e il mezzo in cui opera sono stati realizzati
si adattano dinamicamente l'un l'altro. Quindi un robot e il mezzo
in cui opererà sorgere congruenti attraverso un atto umano
di design. Contrariamente a questo, il funzionamento e strutturale
congruenza tra un sistema vivente e il mezzo in cui
funziona, come ho già detto in più occasioni, è il
risultato di una storia evolutiva e ontogenica in cui
sia i sistemi viventi che il mezzo sono cambiati insieme
congruentemente in accoppiamento strutturale.
La principale conseguenza del modo di operare del nervoso
sistema, secondo quello che ho detto, è che come non funziona
con rappresentazioni di entità che esisterebbero come esterne
realtà, e poiché opera come una rete chiusa di relazioni mutevoli
di attività, genera solo correlazioni sensoriali effettorie nel
organismo che si integra senza agire da solo su un esterno
mondo. Ne consegue che le distinzioni tra dentro e
fuori, e realtà virtuali e non virtuali che un osservatore può
fare, non applicare al funzionamento del sistema nervoso. Il
distinzioni tra percezione e illusione, o tra virtuale
214

243/5000
e realtà non virtuali, si riferiscono al funzionamento dell'osservatore
come un linguaggiante capace di operare nella distinzione del
dentro e fuori da un organismo come lo vede come una totalità
nelle sue interazioni con un mezzo
215
5: realtà virtuali ed esistenza umana
La principale difficoltà che sorge per noi come osservatori con lo scopo
di comprendere il funzionamento del sistema nervoso come chiuso
rete di mutevoli relazioni di attività tra i suoi componenti
elementi neuronali, ha a che fare con la comprensione di tre elementi esperienziali
caratteristiche della nostra umanità, vale a dire:
1. l'esperienza del sé;
2. l'esperienza dell'altro come essere indipendente; e
3. l'esperienza e la comprensione di ciò che gli psicologi e
i filosofi chiamano l'inter-soggettività.
Noi esseri umani esistiamo - cioè, siamo realizzati come esseri umani
- nelle conversazioni. Non è che usiamo le conversazioni - lo siamo, noi
esiste come un flusso di conversazioni. Non è che la lingua sia la casa
del Dasein, come dice Heidegger - il nostro essere si manifesta nel linguaggio
nel flusso del nostro essere nelle conversazioni. L'essere umano è un
modo dinamico di essere nel linguaggio, non in un corpo, non in un'entità
ha un'esistenza che può essere immaginata indipendentemente dal linguaggio e
che può quindi usare il linguaggio come strumento di comunicazione.
Il sé è un modo per spiegare l'esperienza del funzionamento
come identità relazionale locale come un essere umano che distingue
(tocca, percepisce) la sua operazione come un corpo. Esistenza in
la lingua è richiesta perché l'esperienza del sé avvenga.
Allo stesso modo, la soggettività non è una vita interiore, è un modo di
connotando come siamo o sentiamo nella distinzione della distinzione di
il sé come se fosse un'entità. Quindi, la soggettività esiste come un modo
di vivere nella conversazione che contraddistingue il sé.
Allo stesso tempo, una volta che ci distinguiamo nel linguaggio,
noi compariamo come entità linguistiche nel dominio delle distinzioni in
che sorgiamo come sé, e d'ora in poi possiamo parlare come se avessimo avuto
un'esistenza indipendente dall'operazione di distinzione che
216
ci ha portato avanti, e come se potessimo usare il linguaggio come un esterno
strumento indipendente dalle nostre azioni. Quindi ci troviamo
operare in processi autonomi inconsapevoli quando chiediamo di noi stessi,
insorgere in "cosa" e diventare se stessi come entità discrete
oscura il nostro essere processi. Questa descrizione, ovviamente, no
sostituire l'esperienza di sé, né intende farlo; solo
descrive cosa succede in modo che abbiamo l'esperienza di cui parliamo
mentre parliamo di sé.
Tutto ciò che facciamo come esseri umani è possibile proprio perché il
il sistema nervoso funziona come una rete chiusa di relazioni mutevoli
di attività tra gli elementi che lo compongono e gli elementi
che lo compongono hanno strutture di plastica. Quello che succede è che il
diverse circostanze di interazioni dell'organismo nel
medio danno origine al suo sistema nervoso a due diversi tipi di
processi interconnessi, ovvero:
1. a diversi cambiamenti dei rapporti di attività tra il neuronale
elementi che lo compongono e attraverso i cambiamenti interni di
configurazioni di relazioni di attività così generate a differenti
flussi di correlazioni sensoriali effettori nell'organismo; e
2. a cambiamenti strutturali nei componenti neuronali attivati
attraverso i cambiamenti di attività della rete neuronale nel
contingenze delle interazioni dell'organismo.
Come risultato di questi due processi, la struttura del nervoso
il sistema cambia in un modo che continua a generare sensoriali
correlazioni effettore nell'organismo coerente con il suo modo
di interagire nel mezzo in cui esiste. In caso di
organismi come gli esseri umani che vivono nella lingua, il principale
conseguenza è che i cambiamenti strutturali del sistema nervoso sono
in modo tale che continuino a dare origine a correlazioni effettorie sensoriali
proprio al funzionamento di un organismo che esiste nel linguaggio.
217
Esperienza dell'Altro
Noi esseri umani viviamo l'esperienza di distinguere gli altri
esseri umani, e mentre tentiamo di spiegare questa esperienza, noi
ascrivere un sé a ciascuno di essi negli stessi termini che rivendichiamo
noi stessi - cioè come entità. Mentre lo facciamo, sorge la soggettività
come l'esperienza in cui distinguiamo la differenza tra
distinguersi e distinguere un altro sé.
Al fine di spiegare l'armonizzazione della convivenza
di due o più sé individuali, la nozione di inter-soggettività
è proposto nelle riflessioni psicologiche e filosofiche come un
nozione esplicativa che suggerisce la possibilità che altrimenti
i sé indipendenti possono essere in grado di interconnettersi in modi simili
trascendere i loro confini. Nella nostra cultura descriviamo il
esperienza di armonia con gli altri come espressione di qualche tipo
di interconnessione, e la viviamo come tale. Tuttavia, come siamo
sistemi determinati dalla struttura, questo non può accadere. Quello che succede è
che tutte le esperienze hanno il carattere di qualcosa vissuto che noi
possono parlare solo quando sorgono come distinzioni in una conversazione,
o con se stessi o con un altro. Cioè, appare un'esperienza
nella nostra vita solo quando distinguiamo ciò che accade a noi o in noi,
e l'esperienza ci appare con un'evocazione di ciò che noi
distinguere nella cultura a cui apparteniamo.
Poiché le esperienze sono distinzioni che facciamo di ciò che accade
in noi o per noi come esseri che languiscono, e dal momento che tutto ciò che viviamo ha
conseguenze ricorsive nella nostra vita, niente che distinguiamo
come accade a noi, sia questa l'esperienza di sé o l'esperienza
di inter-soggettività, è banale per il nostro vivere come esseri linguistici.
Inoltre, e dal momento che una cultura è una rete chiusa di conversazioni,
dobbiamo necessariamente vivere le conseguenze di queste esperienze nel nostro
vivere secondo la cultura in cui li viviamo, che è
dove sono le caratteristiche del mondo che viviamo. Quindi, ad esempio,
la stregoneria è efficace in una cultura che accetta la stregoneria come sua caratteristica
vivendo, ed è vissuto nella forma propria di quella cultura.
218
L'intersoggettività
In queste circostanze, poiché la nozione di realtà è una spiegazione
nozione, e la nozione di determinismo strutturale è un'astrazione
dalle coerenze della nostra esperienza e dal momento che spieghiamo
esperienza piuttosto che una realtà indipendente oggettiva usando il
coerenze delle nostre esperienze per spiegare le nostre esperienze, l'altra
nasce come esperienza da spiegare in termini di condizioni che
dare origine a lui o lei nella distinzione di un osservatore. di conseguenza,
l'altro deve essere spiegato come un'esperienza dell'osservatore, e
non come se l'altro esistesse indipendentemente dall'essere distinto da
l'osservatore. In queste circostanze, le nozioni di inter-soggettività
e il sé diventa nozioni esplicative per i modi di vivere che sorgono
mentre viviamo l'esperienza di interagire con altri esseri umani in
conversazioni che riguardano la facilità o la difficoltà con cui noi
coordinare i nostri comportamenti l'uno con l'altro. Tuttavia, sorge una difficoltà
quando non vediamo pienamente l'efficacia dei nostri coordinamenti
di comportamento è il semplice risultato della nostra operazione in reciproco
accoppiamento strutturale, e insistiamo nell'accettare la presenza del
altro come entità indipendente come condizione primaria - qualcosa
che non possiamo fare a causa della nostra condizione determinata dalla struttura
sistemi.
Realtà virtuali
Da tutto ciò che ho detto sopra, è evidente che per l'operazione
del sistema nervoso come una rete neuronale chiusa, tutto ciò che accade
in o con esso sono fenomeni (processi) dello stesso tipo - vale a dire,
cambiamenti di relazioni di attività nelle sue componenti neuronali. E
questo è così per tutti i casi, anche quando all'osservatore appare l'organismo
per realizzare comportamenti diversi. Ciò significa che svegliarsi, accoppiarsi,
mangiare, respirare, emozionare, riflettere, pensare o parlare
diversi fenomeni solo nel dominio relazionale in cui il
l'organismo funziona come un tutto storico, e non nell'operazione di
il sistema nervoso attuale come una rete neuronale chiusa. Nessun dubbio
le diverse circostanze relazionali che una vita animale comporta
diverse dinamiche neuronali nel funzionamento del suo sistema nervoso.
219
Ciò che dà loro i loro diversi caratteri è ciò che accade nel
mezzo dell'organismo relazionale e non quello che succede nel nervoso
sistema stesso. In queste circostanze, è il modo normale di
funzionamento di sistemi viventi, come sistemi in cui non ci si distingue
l'esperienza tra percezione e illusione, che rende possibile
quelle che ora sono chiamate realtà virtuali.
Le realtà virtuali sono illusioni, cioè esperienze che chiamiamo
virtuale in relazione ad alcune altre esperienze che chiamiamo reali.
In base a tutto ciò che ho detto sulle spiegazioni scientifiche, il
sistema nervoso e determinismo strutturale, le uniche esperienze
che può essere definito reale come riferimento che ci permette di chiamare
tutti gli altri virtuali, sono quelli che viviamo nella realizzazione del nostro
vita biologica in accoppiamento strutturale con il mezzo in cui
noi esistiamo.
Quando l'umanità si alzò con il linguaggio, l'umanità si manifestò in a
percorso storico aperto alla possibilità di generazione infinita di virtuale
realtà attraverso la possibilità illimitata di ricorsione nel
coordinamenti consensuali di coordinamenti consensuali di comportamento
di linguaggiare. Inoltre, con l'espansione della vita reale nella lingua,
la possibilità di ricorsioni nelle dinamiche interne del nervoso
anche il sistema si espande e con ciò amplia anche la possibilità
per la generazione ricorsiva di più domini di realtà virtuali.
In effetti, le realtà virtuali nel dominio delle conversazioni sono state
con noi fin dall'inizio della nostra esistenza umana e nostra
l'esistenza umana è cambiata mentre le realtà virtuali sono diventate non virtuali
attraverso la loro inclusione culturale sistemica nella realizzazione di
il nostro modo di vivere umano biologico.
Eppure le realtà virtuali non dovrebbero essere di per sé una fonte
seria preoccupazione. Ciò che dovrebbe chiamarci per riflettere, però, se lo facciamo
avere preoccupazioni etiche, è ciò che accade alla nostra esistenza psichica come
manipoliamo i domini delle realtà virtuali a cui esponiamo
l'un l'altro. Non importa se siamo consapevoli o meno di che tipo
della realtà viviamo in ogni istante, tutte le realtà che viviamo influenzano
allo stesso modo nelle dimensioni emotive del nostro sensitivo
esistenza, perché non c'è vita emotiva virtuale. Certo che lo è
220
proprio per questo che tutto ciò che viviamo nella nostra esistenza psichica
non è virtuale È l'assenza di qualsiasi esistenza psichica "virtuale"
ciò consente alle realtà virtuali di diventare prime maniere culturali di
essere, e poi eventualmente, le caratteristiche della nostra vita non virtuale nel
realizzazione della nostra vita biologica.
Lasciami espandere questa idea. Il nostro sistema nervoso è continuamente
cambiando lungo il flusso della nostra vita, e lo fa in un modo che
è momento per momento contingente sul corso del nostro vivere, entrambi
nel nostro conscio e inconscio, esterno e interno, relazionale
spazio psichico. Di conseguenza, tutto ciò che viviamo, indipendentemente dal tipo di
vivendo viviamo, sorge in noi modulati dalla storia del nostro psichico
esistenza indipendentemente dal fatto che ciò avvenga attraverso la nostra vita
in ciò che un osservatore potrebbe chiamare una realtà virtuale o non virtuale. In
queste circostanze, e dal momento che la nostra struttura e la struttura di
il mezzo che portiamo sistematicamente nel nostro cambiamento vivente
insieme in modo congruente come viviamo, il nostro vivere diventa dipendente da
le realtà virtuali che viviamo man mano che diventano fattori sistemici
la realizzazione culturale della nostra vita. In altre parole, mentre li viviamo
ripetutamente, le realtà che inizialmente erano virtuali progressivamente si fermano
essendo virtuali, e come caratteristiche della nostra cultura diventano parte del nostro
modo di vivere biologico e, quindi, della realtà non virtuale
che viviamo.
Il problema con le realtà virtuali, quindi, se ce n'è, non è come
si verificano, o se si verificano del tutto, ma se facciamo o non ci piace
i modi psichici dell'esistenza e le trasformazioni culturali
che generiamo attraverso di loro. Le realtà virtuali non sono mai banali,
perché siamo sempre trasformati mentre li viviamo secondo
all'emozione dello spazio psichico che provocano nel nostro
vivere, e questo è così indipendentemente dal fatto che ci piaccia o no. Se noi
cura di ciò che accade a noi e agli altri esseri umani con
cosa facciamo attraverso le realtà virtuali, quindi è nostra responsabilità
agire in accordo con.
221
6: sistemico / analogico contro locale / causale
Ragionamento
Il ragionamento funziona secondo le coerenze del linguaggio,
e si verifica secondo le regolarità del flusso della vita
insieme in coordinamenti consensuali di coordinamenti consensuali
di comportamento che è linguaging. Il ragionamento, quindi, è operazione in
linguaggio secondo le coerenze della realizzazione della vita.
Oppure, inserire parole diverse e in una prospettiva diversa, è il
efficacia del ragionamento nella nostra vita come un aspetto del nostro vivere come
esseri languiganti che ci permettono di dire che l'efficacia di
il ragionamento risulta dal fatto che i sistemi viventi sono componenti o
elementi partecipativi di una biosfera sistemica, determinata dalla struttura
e cosmo. Di conseguenza, la coerenza della nostra operazione come vivente
i sistemi è il fondamento della nostra spiegazione del nostro operato come
sistemi viventi: noi esseri umani, come esseri linguistici, usiamo il linguaggio
per spiegare le coerenze del nostro vivere con l'uso delle coerenze di
il nostro vivere, e possiamo farlo perché il linguaggio, come il nostro modo di vivere
insieme come esseri umani, è il nostro vivere in coordinamenti consensuali di
coordinamenti consensuali di comportamento, così che le nostre spiegazioni incarnino
le coerenze del modo di operare delle componenti cosmiche che
comporci e attraverso il quale operiamo come sistemi viventi.
Di conseguenza, quando diamo una spiegazione razionale della nostra esistenza
come esseri umani diventa evidente che è operativo
coerenza propria della nostra condizione come componenti della biosfera
e il cosmo come sistemi viventi che ci permette di farlo
cogliere le coerenze nel nostro dominio di esistenza come sistemi viventi
attraverso la nostra vita. Questo afferrare le coerenze del vivere e
del dominio dell'esistenza in cui viviamo ha tre forme base.
Uno si verifica nella consapevolezza delle coerenze operative che
si svolgono nel flusso reale della vita del sistema vivente come loro
operare come tale; gli altri due sono astrazioni di configurazioni
delle relazioni all'interno di quelle coerenze che usiamo come due differenti
forme di ragionamento. Una di queste forme di ragionamento sorge quando noi
222
usa le somiglianze nelle configurazioni delle relazioni che vediamo accadere
tra diversi sistemi come argomenti per rivendicare somiglianze sistemiche
fra loro. Questa forma di ragionamento è solitamente definita sistemica
e ragionamento analogico. L'altra forma di ragionamento sorge quando
assistiamo a configurazioni ricorrenti di relazioni sequenziali
loro per rivendicare relazioni causali. Questa forma di ragionamento è di solito
chiamato ragionamento causale lineare. È evidente da tutto ciò che ho
ha detto che la razionalità ha un carattere circolare che ci tiene chiusi
nelle coerenze del nostro vivere, che è in realtà la sua fonte
efficienza operativa.
Ora prenderò in considerazione esplicitamente queste due forme di ragionamento,
sostenendo le coerenze strutturali e operative del
mondo esplicativo che nasce come risultato della loro applicazione.
Ragionamento sistemico e analogico
Si basa l'efficacia del nostro ragionamento sistemico e analogico
la nostra inclusione e partecipazione alle coerenze sistemiche storiche
della biosfera come un sistema in evoluzione di lignaggi ramificati con
un'origine comune La biosfera è in ogni istante come una storia
fronte d'onda di cambiamenti strutturali congruenti interconnessi tra
sistemi viventi e tra sistemi viventi e mezzi non viventi,
che è iniziato con l'origine dei sistemi viventi e dei loro successivi
conservazione attraverso la riproduzione in accoppiamento strutturale con ciascuno
altro e il mezzo non vivente. In questo storico fronte d'onda, il
elementi che lo compongono (sistemi viventi e il loro mezzo non vivente)
mostrare in qualsiasi momento e in qualsiasi configurazione di località di dinamica
coerenze strutturali proprie dell'intersezione di molti diversi
fronti d'onda secondari corrispondenti a diversi lignaggi di vita
sistemi che hanno avuto origine in diversi momenti riproduttivi
conservazione delle variazioni del lignaggio originale.
Il pensiero è diverso dal ragionamento, poiché non si presenta come a
processo in linguaggio, anche se entrambi si verificano attraverso l'operazione
del sistema nervoso rilevando configurazioni di relazioni in
si; la stessa operazione che rende possibile il linguaging. Come tale,
pensare è operativamente sia analogico che causale. Analogico
223

il pensiero afferra le coerenze sistemiche in diversi non intersecanti
domini, e quindi opera stabilendo relazioni tra loro
che si basano su somiglianze sistemiche. Come ragioniamo analogicamente, come
deve essere stato principalmente il caso della prima storia umana, lo facciamo
in lingua precisamente ciò che gli altri animali fanno al di fuori della lingua -
vale a dire, trattiamo come lo stesso tutto ciò in cui distinguiamo il
stessa configurazione delle relazioni. Che possiamo ragionare in modo analogo
è fondamentalmente possibile perché tutto ciò che fa il nostro sistema nervoso è
rispondere alle configurazioni di attività, e viviamo come lo stesso tutto il
situazioni che innescano nel nostro sistema nervoso la stessa configurazione
di attività, a prescindere da quanto possano apparire diverse queste situazioni
a un osservatore esterno indipendente. Inoltre, come ho già fatto
detto, questo modo di operare è efficace perché, a causa del
coerenze storiche della biosfera, un sistema vivente normalmente
si trova in un dominio di coerenze sistemiche con altri viventi e
entità non viventi poiché altrimenti sarebbe morto. Segue
da tutto ciò che l'efficacia del ragionamento analogico ha il
stesso fondamento Cose o situazioni che ci sembrano simili in
i diversi domini della biosfera o del cosmo sono solitamente simili
come conseguenza della interconnessione sistemica storica a
a cui appartengono.
L'efficacia del modo analogico del pensiero operativo
ha permesso a tutti i sistemi viventi, inclusi i nostri antenati, di acquisire tutto
la fondamentale conoscenza sistemica operativa fondamentale che rende
loro e i nostri modi di vivere possibili.
Ragionamento causale lineare
L'efficacia del nostro ragionamento causale lineare sta sullo stesso
motivi come quelli del nostro ragionamento sistemico analogico con rispetto
alle coerenze strutturali della biosfera e del cosmo, ma
in relazione al funzionamento delle coerenze locali lineari del
biosfera e cosmo e non in relazione a somiglianze analogiche.
Certo, nella distinzione delle coerenze locali l'operativo
il pensiero è lo stesso che è nell'analogico sistemico operativo
pensando, ma applicato alle coerenze locali: ciò che è simile è il
224
stesso. In queste circostanze, la differenza fondamentale tra
le due maniere del ragionamento, causale locale e analogico sistemico,
riposa sui loro diversi domini di efficacia. Così, mentre
il ragionamento analogico sistemico coglie e rivela coerenze sistemiche
nella biosfera e nel cosmo attraverso domini non intersecanti,
il ragionamento lineare causale coglie e rivela all'interno le coerenze locali
il dominio in cui si applica. Afferrando le coerenze locali nel
biosfera o nel cosmo che mostrano la loro partecipazione sistemica
l'efficacia operativa del pensiero e del ragionamento analogici,
il pensiero causale lineare e il ragionamento costituiscono insieme il campo di
le possibilità costruttive in cui spiegazioni scientifiche e
potrebbero sorgere moderne tecnologie.
L'uso del ragionamento causale analogico e lineare sistemico comporta
un doppio sguardo che assiste sia alla localizzazione di un processo che a
al contesto sistemico in cui si verifica. Pertanto, l'uso di
entrambi i modi di ragionamento sistemico / analogico e lineare / causale
costituisce l'unica possibilità per la piena comprensione dei sistemi,
come opera nel doppio look che assiste allo stesso tempo al
configurazioni di relazioni in cui un sistema opera nel suo complesso
e alle relazioni lineari locali dei suoi componenti. Questo è così lungo
il pensiero sistemico / analogico non è negato attraverso un culturale
orientamento a un pensiero riduzionista che tratta la causalità locale
come l'unico modo valido di ragionare. Il nostro riduzionista culturale
orientamento nel pensiero e nel ragionamento, attraverso il continuo
cercare il controllo, ha interferito con la comprensione dei sistemi.
In effetti, questo modo di pensare limita la possibilità di un
aprire una riflessione sulla relazione tra il funzionamento di un sistema
nel suo complesso e la sua costituzione in quanto tale attraverso l'operazione di
il suo modo di composizione. Un orientamento riduzionista nel pensare e il ragionamento dà più valore all'efficacia costruttiva che alla comprensione e conduce a una visione che tratta la scienza e la tecnologia come modi di conoscere che ci permettono di controllare la natura invece di invitarci a vivere in armonia con essa. La natura non può essere controllata - in effetti non controlliamo nulla - e quando qualcosa risultati essere andata così come l’avevamo progettata, è perché abbiamo ballato con
225
la natura invece di opporci. Ma quello che facciamo è una questione di desiderio, di motivi, non di ragione.
226
7: Realtà
Penso che nella nostra tradizione culturale occidentale oggetti pubblici e
la democrazia sorse insieme nell'agorà delle città greche come la
i cittadini hanno parlato l'un l'altro alla pari mentre riflettevano
le questioni di interesse per la comunità senza nessuno
appropriandoli (vedi Maturana e Verden-Zöller, 1993). Questo
è accaduto nel bel mezzo di una cultura patriarcale centrata sul
emotivo di appropriazione, controllo, sfiducia e arroganza.
Inoltre, lo penso anche come oggetto pubblico (come quello che
non può essere appropriato da nessuno perché è una questione aperta a
le considerazioni di tutti) e la democrazia sorsero nell'agorà del
Le città greche, il pensiero occidentale lineare / causale, iniziò senza restrizioni
espansione. Inoltre, penso che l'espansione del locale /
il pensiero causale era altamente potenziato dall'uso della scrittura come
strumento che ha facilitato la possibilità di ricchezze senza fine
nel linguaggio attraverso la generazione facile e la manipolazione di nuovi
oggetti pubblici concreti e astratti in nuovi domini relazionali.
Come pensiero causale lineare occidentale espanso in modo ricorsivo
attraverso la scrittura, una cultura scritta ha iniziato a sostituire l'ancestrale
orale in modo tale che gli oggetti sostituissero progressivamente le azioni
e il pensiero causale locale ha sostituito il ragionamento analogico sistemico.
In questo processo storico l'attenzione sulle conseguenze future di
l'azione ha sostituito l'attenzione sulla sua connessione nel presente,
e la cieca giustificazione delle azioni quotidiane attraverso il razionale causale
l'argomentazione ha sostituito la consapevolezza delle emozioni e dei motivi
che guidano le nostre azioni come fondamento della vita quotidiana. Attraverso
la continua espansione della patriarcalità, delle dottrine religiose e
le filosofie politiche hanno sostituito le esperienze spirituali come base
vedere e comprendere l'esistenza umana e il mondo naturale
divenne sempre più un regno alieno che doveva essere dominato
e sottoposto a controllo causale lineare. Di conseguenza, la vita quotidiana
progressivamente ha perso la sua presenza spirituale come consapevolezza del suo cosmico
la connessione era perduta, desacralizzata da filosofici, religiosi,
e teorie scientifiche che ponevano un oggetto trascendentale o un'essenza
227
(come Dio, verità, realtà, materia o energia) al centro di tutto
riflessioni sull'umanità, piuttosto che sulla consapevolezza del
coerenze sistemiche della vita. Alla fine "Umanità" e "Natura"
nacque come nozioni esplicative che avrebbero dovuto trattare con due
entità permanentemente opposte che esistevano in una lotta continua.
Eppure anche nella nostra storia patriarcale, il desiderio di comprensione
della nostra condizione umana ha portato a numerosi tentativi di recupero
l'integrazione del pensiero causale locale e sistemico analogico
sotto forma di diverse teorie esoteriche e filosofiche.
Questi tentativi sono stati svalutati dalla nostra scienza moderna
pensare, ma il desiderio di trovare un significato cosmico (connessione)
nella nostra esistenza umana non è stato eliminato. Ma ora anche il nostro
il pensiero scientifico ha portato a recuperare l'interazione di sistemica
ragionamento causale analogico e locale nella comprensione di ciò
che connotiamo nella vita quotidiana come realtà, e attraverso ciò al
espansione della nostra comprensione della nostra condizione biologica come
esseri umani. Attraverso la comprensione di ciò che è la cognizione come fenomeno biologico (Maturana, 1970), ora possiamo vedere la realtà come una nozione esplicativa, ed attraverso questo spieghiamo il nostro umano sperimentare con la piena consapevolezza che noi esseri umani non possiamo distinguere nell'esperienza tra ciò che chiamiamo nella nostra vita quotidiana percezione e ciò che chiamiamo illusione (Maturana, 1990).
Allo stesso tempo, molti scienziati nel campo della tecnologia
hanno inventato nuovi modi per creare realtà virtuali più convincenti
che invitano la nostra immaginazione patriarcale, centrata sul desiderio di
controllo, per vedere in esse fonti aperte di potere e ricchezza. Infatti,
il moderno discorso sul progresso nel nostro politico e commerciale
la cultura patriarcale ci rende tutti possibili attraverso il virtuale
realtà. Questo atteggiamento ci allontana dal nostro senso di partecipazione
in una biosfera che include gli esseri umani come componenti intrinseche,
a causa dell'avidità di un desiderio di ricchezza e potere illimitati,
come se queste fossero le ultime fonti di bontà e benessere in
vita umana.
Tuttavia, la stessa espansione del pensiero riflessivo
questo ha aperto i nostri desideri per il potere e per il dominio
228
tutto, e ci ha alienato da noi stessi, apre per noi il
possibilità per la conservazione dell'amorevole umanità, se davvero
lo voglio. Non dobbiamo fare tutto ciò che è possibile per noi
facciamo, possiamo scegliere. Non dobbiamo vivere tutte le realtà che noi
possono creare, non sono ugualmente desiderabili se si ha rispetto di sé e
coscienza sociale. Prima dei moderni sviluppi tecnologici,
quelle che ora chiamiamo realtà virtuali sarebbero state chiamate illusioni.
Ora la grande espansione della tecnologia delle illusioni attraverso il
coinvolgimento simultaneo di molte modalità sensoriali con pieno
la consapevolezza di non essere "reali" rende l'esperienza del virtuale
realtà così assorbenti che possiamo vivere intrappolate in loro, facendole
la nostra dimora non virtuale. Inoltre, poiché siamo intrappolati nel virtuale
realtà, almeno temporaneamente senza possibilità di riflessione
sulla loro virtualità, riferirsi a loro come "illusione" sembra indebitamente
dispregiativo. E questo è esattamente il punto.
Una realtà particolare che viviamo come un dominio di sensoriale e
le coerenze effettive sono virtuali solo in riferimento ad altre
che è allo stesso tempo considerato non virtuale. Ma è possibile
fare riferimento a qualsiasi realtà particolare come una realtà non virtuale? Ogni
il dominio della realtà nasce come dominio delle coerenze esperienziali
vissuto secondo le coerenze esperienziali che lo definiscono. O, in
altre parole, ogni dominio della realtà è un dominio di effettori sensoriali
correlazioni che vengono vissute in piena validità a meno che non vengano liquidate come un
illusione confrontandola con un'altra realtà preferita che viene chiamata
"vero". Nella località della nostra esperienza attuale nulla è un'illusione,
e, come ho già detto, illusioni, come valutazioni che svalutano
un'esperienza come riferimento ad un'altra accettata come reale, sorge come
riflessioni comparative che intendono eliminare ciò che nel nostro
esistenza psichica abbiamo vissuto in piena validità.
In queste circostanze, l'unica realtà che non è virtuale è quella
in cui noi esseri umani viviamo come il tipo di sistemi viventi che
noi siamo, cioè gli esseri umani che sono membri di una cultura e
una biosfera. Vale a dire, la nostra realtà non virtuale è il dominio del
correlazioni sensoriali ed effettori attraverso cui il nostro organico o
229
la vita biologica è sistematicamente realizzata nella conservazione del nostro
vivere come esseri biologici e culturali (vedi anche Appendice 4).
Ma c'è di più. Come ho detto sopra, possiamo vivere come molti
realtà virtuali in quanto esistono domini di coerenza multisensoriale
illusioni che possono essere inventate e possiamo essere consapevoli di ciò che siamo
vivendoli Eppure niente di ciò che viviamo è banale, indipendentemente dal fatto che
siamo consapevoli o meno di ciò che stiamo vivendo. Né siamo sempre
consapevole di ciò che viviamo in ogni istante - anche se sappiamo che lo siamo
vivere un'illusione; quello che succede dipende da come viviamo ciò che siamo
vivere nella nostra esistenza inconscia. Il nostro conscio e inconscio
la vita psichica non è mai virtuale. Siamo trasformati e diventati
nella nostra corporeità secondo la nostra esistenza psichica, e la nostra
l'esistenza psichica cambia a seconda di come cambiano le nostre corp
indipendentemente dal fatto che ciò che viviamo sorge in qualsiasi momento attraverso
realtà virtuali o non virtuali. Questo è senza dubbio ben noto. genitori
sapere che i loro figli si sviluppano in un modo o nell'altro secondo
alle emozioni che vivono, indipendentemente dal fatto loro
la vita è reale o virtuale, vera o falsa.
Le realtà virtuali non sono banali per le nostre vite come esseri umani,
perché mentre li viviamo, modulano tutte le dimensioni del nostro
vivendo attraverso la nostra esistenza psichica in loro. Inoltre, come noi
appena detto, i nostri figli diventeranno adulti di un tipo o dell'altro
secondo lo spazio psichico che noi adulti generiamo mentre portiamo
avanti diverse realtà virtuali e non virtuali mentre viviamo con le nostre
bambini. Umorismo amorevole, Homo sapiens-amans, volontà o volontà
non essere conservato attraverso i nostri figli secondo il sensitivo
esistenza che generano per se stessi e per i loro figli
attraverso gli spazi psichici che a loro volta producono
loro vita. Ma qualunque cosa facciano i nostri figli o qualsiasi cosa accada
e attraverso di loro, dipenderà dall'esistenza psichica che loro
condurre con noi durante la loro crescita.
230
8: Biologia della fiducia
La fiducia, ovviamente, è una distinzione che un osservatore fa del
modo di relazione di un organismo e le sue circostanze. In
termini biologici, ciò che un osservatore distingue come lui o lei
distingue la fiducia è l'operazione di un sistema vivente in congruenza
con il mezzo in un flusso senza paura, timori, arroganza o
aggressione. Biologicamente, la fiducia è il modo spontaneo di essere
di qualsiasi sistema vivente quando in comoda congruenza con il
medio. Quando questa confortevole congruenza scompare, un'altra
il modo di relazionarsi viene alla ribalta e distinguiamo la paura,
dubbio, o aggressività, piuttosto che fiducia. L'emozione della sfiducia
comporta tensioni e cecità sistemica, oltre a distorsioni in
il dominio delle possibili relazioni tra l'organismo e il suo
circostanze.
Una farfalla che esce dal bozzolo sorge con una struttura
ciò implica la fiducia operativa che esiste un mondo pronto a soddisfare
tutto ciò che serve per vivere. Allo stesso modo, un bambino è nato nel funzionamento
confidiamo che ci sia un mondo pronto a soddisfare in amore e cura tutto ciò che lui
o lei può richiedere per la sua vita, e quindi non è indifesa.
E in effetti, se il bambino viene ricevuto nel modo in cui lo soddisfa
fiducia, sia il bambino e la madre (e altri membri del
famiglia) sono nel benessere naturale. Gran parte della sofferenza umana sorge
attraverso la perdita di fiducia nelle coerenze sistemiche spontanee
della biosfera e del cosmo. Soffriamo quando siamo in tensione
o nelle distorsioni sistemiche delle relazioni tra noi e il nostro
circostanze che si verificano quando viviamo in diffidenza. E la maggior parte di
quella perdita di fiducia sorge nella nostra cecità culturale patriarcale
le coerenze sistemiche a cui apparteniamo come membri naturali di
il mondo animale nella biosfera e nel cosmo.
Ad esempio, nella nostra cultura il parto ha perso la naturalezza
attraverso un'assistenza medica che non si basa sulla fiducia del biologico
coerenze della nostra natura animale, ed è quindi diventata una fonte
di sforzo e dolore per le donne. Eppure, quando la fiducia è generata nel
donna in travaglio dalla tenera e carezzevole compagnia dell'altro
231
donne (biologia dell'amore), lo sforzo e il dolore diminuiscono enormemente
o scomparire, l'anestesia non è richiesta e la nascita ha luogo
come un'esperienza facile, amorevole e gioiosa. Inoltre, se ti prendi cura della fiducia
c'è, e il bambino appena nato è messo sul ventre di lui o lei
madre, lui o lei agisce come in piena comodità e benessere, con il
conoscenza operativa e relazionale che gli consente di farlo
raggiungere il capezzolo della madre (se il suo seno non è stato lavato, e se
non le è stata data l'anestesia durante la consegna). Il bambino lo sa
perché lui o lei ha alla nascita una struttura adeguata al momento
che lui o lei sta vivendo. La nascita non è un trauma per un bambino appena nato,
a meno che non lo facciamo culturalmente.
Penso che la maggior parte, se non tutti, la fisiologica e relazionale
difficoltà che sorgono nell'educazione di un bambino nel nostro Occidente
cultura patriarcale, sono il risultato dell'interferenza con la biologia di
ama come il bambino cresce come membro di una famiglia, di una scuola o di un
comunità per adulti. Quando un bambino è amato, e lui o lei deve essere
amato almeno da una persona adulta, lui o lei mostra l'incarnato
conoscenza della nostra costituzione biologica come Homo sapiens-amans,
e diventa un partecipante di base attivo nel sistemico ricorsivo
conservazione della biologia dell'amore.
La nostra cultura patriarcale, nel suo continuo e insistente
penetrazione nell'educazione dei figli attraverso le sue richieste su entrambi
madri e figli per competizione e successo, e attraverso i suoi
la glorificazione della violenza e dell'aggressione, interferisce con la biologia
di amore nella madre bambino / relazione e nella crescita del bambino in
l'età adulta. Di conseguenza, diventano la sfiducia, l'aggressività e l'arroganza
i principali generatori di comportamento antisociale nella vita umana moderna come
contraddicono totalmente l'amore, che è l'emozione che costituisce
vita sociale.
232
9: Simbolizzazione e realtà
Poiché il sistema nervoso funziona come una rete neuronale chiusa
solo distinguendo le configurazioni delle relazioni mutevoli di
attività tra i suoi componenti neuronali, risponde nello stesso
modo ogni volta che una particolare configurazione di attività ricorre in esso,
indipendentemente da come si manifesta attraverso l'operazione dell'organismo
che si integra nel suo dominio relazionale o interazionale. Quella
è, il sistema nervoso funziona come una rete neuronale chiusa
totale oblio di se la fonte della modulazione della sua
le configurazioni di attività sono interne o esterne per l'osservazione
osservatore. Come risultato di ciò, l'organismo nelle sue interazioni tratta
come lo stesso tutte le situazioni relazionali (interne o esterne)
innescare nel suo sistema nervoso le stesse configurazioni di relazioni
di attività. Questa condizione è, ovviamente, il fondamento per cosa
un osservatore chiama errori nel comportamento di un organismo quando lui o
lei vede che tratta come le stesse situazioni che per lui o lei sono
diverso.
In noi come animali che languiscono, questo modo di operare del
il sistema nervoso è il fondamento della simbolizzazione. Simboli e
la simbolizzazione avviene nel linguaggiare come distinzioni di relazioni
di relazioni nel vivere in coordinamenti consensuali ricorsivi di
il comportamento diventa elementi (cioè oggetti operativi) nel flusso
di coordinamenti consensuali ricorsivi di comportamenti. Animali che
non vivere in languiling non trattare con gli oggetti e non vivere
nelle relazioni simboliche, anche quando ci appare come osservatori
reagiscono a una situazione particolare come se fosse un'altra. Simbolico
le relazioni possono occasionalmente apparire nella vita di animali che lo fanno
non vivere in languiling, ma solo quando entrano in occasioni di
linguaggiare partecipando alla ricorrenza consensuale circostanziale
nel flusso delle loro consensuali coordinazioni di comportamento con gli altri
esseri.
Una volta che l'umanità è stata stabilita nei nostri antenati come un modo
della vita quotidiana nella conservazione della vita nelle conversazioni, it
divenne possibile per il flusso del loro linguaggiare diventare parte di
233
il mezzo in cui vivevano in reciproco accoppiamento strutturale.
E infatti, questo è quello che deve essere successo nel biologico e
storia evolutiva culturale dei nostri antenati sia come nervosa
sistema (o meglio tutto il corpo) e il loro modo di vivere
insieme cambiato nella conservazione del loro accoppiamento strutturale
ai diversi domini relazionali e interattivi sorti
attraverso la ricorsività della loro vita in conversazioni. In questo
processo, tutte le variazioni genetiche che sono state prodotte nel corso del
le generazioni della discendenza umana devono essere state cooptate,
attraverso la conservazione sistemica della riproduzione della vita in
conversazioni, per la realizzazione dei diversi modi di vivere
in linguaggiare che è sorto insieme a loro.
In termini generali, se una comunità animale inizia a vivere
la lingua, poiché la vita nel linguaggio si espande e si coinvolge
nel flusso ricorsivo di consensuali coordinamenti di consensuali
coordinamenti di comportamento, un'operazione ricorsiva spontanea
con i simboli sorge e diventa una caratteristica del vivere quotidiano in
lingua della comunità. In queste circostanze, come conseguenza di
l'accoppiamento continuo ricorsivo delle dinamiche strutturali del
sistema nervoso al flusso ricorsivo del linguaggio dell'organismo
che si integra, il sistema nervoso inizia a generare effetto sensoriale
correlazioni nell'organismo che integra a
il dominio del comportamento simbolico in cui vive. Questo succede
come risultato dell'accoppiamento ricorsivo continuo della struttura
dinamica del sistema nervoso con il flusso ricorsivo del
organismo languaging. Inoltre, come questo accade, anche se come un
rete neuronale chiusa con cui il sistema nervoso non funziona
simboli, diventa un generatore ricorsivo di realtà virtuali nel
dominio simbolico come caratteristica del vivere quotidiano in linguaggi del
organismo con cui si interseca. Come dominio di "realtà virtuali"
comincia a essere conservato nella vita quotidiana di una tale comunità,
quelle "realtà virtuali" diventano un modo di vivere in un mondo che è
cambiare e è cambiato in base a ciò che vive, e smettere di essere
virtuale. Cioè, come le realtà virtuali sono incorporate nella vita quotidiana
in una comunità, la virtualità smette di essere una caratteristica di ciò che è vissuto,
234
ciò che era virtuale smette di essere virtuale e un nuovo dominio di "non virtuale"
realtà "appare.
All'inizio, ogni nuovo modo di vivere in un essere umano
la comunità è vissuta da uno o pochi individui, ma se questo è nuovo
modo di vivere comincia a essere sistematicamente conservato nel
comunità generazione dopo generazione, sorge una nuova cultura, e
con la sua conservazione, alla fine un nuovo lignaggio biologico e una nuova
tipo di essere può apparire. Questo è successo molte volte lungo il
corso della storia umana come un processo in cui i nuovi modi di vivere
il corpo e le sue relazioni sono comparsi attraverso la conservazione
delle nuove reti di conversazioni (nuove culture) realizzate
attraverso quei nuovi modi di vivere il corpo e le sue relazioni. Il
Il risultato generale è che come i nuovi modi di vivere il corpo e
le sue relazioni implicano la generazione di nuovi spazi relazionali come forme
di vita comunitaria, nuove identità individuali e comunitarie
apparire. In sintesi, una cultura può essere conservata come una rete chiusa
di conversazioni per numerose generazioni fino a quando alcuni cambiamenti in
le conversazioni conservate hanno luogo. Se si verifica un tale cambiamento in
il dominio simbolico come un cambiamento nel modo di vivere il corpo
e le sue relazioni da parte dei membri della comunità, un nuovo spazio di
le relazioni appaiono, si verifica un cambiamento culturale e una nuova cultura
può iniziare che può portare a cambiamenti biologici sia nel somatico
e i domini genetici dei suoi membri.
Nella prima umanità, la vita deve essere stata spontaneamente incinta
con significato simbolico prima di ogni riflessione in cerca di significato.
Una grotta e un utero hanno ovviamente una forma analoga. Una grotta, in
le distinzioni nella lingua, sarebbero state trattate come direttamente
equivalente a un utero, poiché entrambi hanno dato luogo a flussi simili di ricorsività
coordinamenti consensuali di comportamento come contenitori di esseri viventi.
Questo può sembrare un'impresa di grande astrazione per noi umani moderni
esseri immersi in un mondo di cose lontane, simboli complessi,
e realtà virtuali, ma per i nostri antenati deve essere stato un
caratteristica ovvia della loro vita quotidiana, molto nello stesso modo in cui è
per i bambini equiparare gruppi di tre entità di parenti diversi
dimensione con una famiglia composta da una madre, un padre e un bambino.
235
Il pensiero analogico sistemico comporta due operazioni correlate.
Uno sta vedendo un sistema, qualsiasi sistema, come parte del multidimensionale
coerenze del dominio relazionale in cui l'essere vivente (nel nostro
caso umano) che lo distingue. Fare ciò crea dentro
l'osservatore umano la consapevolezza che tutte le cose si verificano nelle reti
di relazioni significative e interconnessioni nel flusso della vita.
L'altra operazione si svolge nel trattamento di configurazioni simili di
le relazioni come le stesse, come la distinzione che ora chiamiamo analogia.
Ciò si traduce nella definizione di equivalenze operative tra
processi che avvengono in altri modi diversi e non intersecanti
domini nella vita dell'essere vivente che lo fa. Facendo
che noi in quanto osservatori creiamo equivalenze di significato tra
diversi aspetti della nostra vita e ciò che vediamo nel relazionale
dominio in cui viviamo. Che queste due operazioni non appena si verificano
spontaneamente e al di fuori del linguaggio sono efficaci nella realizzazione
della vita dei sistemi viventi, è la base di ogni razionalità riflessiva
in noi come esseri linguistici. Allo stesso tempo, l'efficacia effettiva
di queste due operazioni è il fondamento operativo per il
efficacia della simbolizzazione e comprensione nel nostro modo di vivere
esseri languiganti.
La comprensione si verifica quando una determinata situazione locale è vista come
parte di un più ampio dominio di relazioni, e richiede la partecipazione
del pensiero causale sia analogico che locale. Causale locale
il pensiero vede coerenze sequenziali e regolarità degli abstracts
in tali sequenze locali. A causa del suo modo di costituzione,
il pensiero causale locale comporta una visione lineare e non attraversa mai
non mirare a domini fenomenici, nemmeno quando coinvolge
diverse dimensioni. In questo senso il pensiero causale lineare è sempre
locale in un dominio definito dalla linearità locale che comporta.
Il pensiero sistemico-analogico non è locale, implica la creazione
relazioni tra o attraverso domini fenomenici non intersecanti.
Nell'origine dell'umanità, le conseguenze più fondamentali di
l'interazione spontanea del pensiero sistemico analogico e locale
come i nostri antenati hanno iniziato a vivere in conversazioni deve essere stato
l'espansione della comprensione operativa delle coerenze
236
di vivere attraverso i domini dell'esistenza come pensiero riflessivo sorto
attraverso il coinvolgimento ricorsivo del vivere nella lingua.
La simbolizzazione è un atto dell'osservatore che espande il dominio
dell'esistenza umana attraverso l'istituzione di equivalenze che
può diventare ulteriormente esteso nelle relazioni analogiche che cambiano
con il flusso della vita umana. Nell'atto di simbolizzazione il
l'osservatore fa una cosa per un'altra, ma è l'emozione
coinvolto in ciò che fa l'osservatore che determina ciò che accade dentro
il momento di vivere attraverso i simboli. È l'emozione che
conferisce infatti a un simbolo il suo carattere come aspetto della vita umana. Così,
per esempio, i rituali che trattiamo nelle nostre moderne emozioni culturali
centrato nel controllo e nella dominazione come rivelatore simbolico
manipolazione di poteri trascendentali, sotto un'altra emozione
che è centrato sulla fiducia, i rituali costituiscono ricreazioni simboliche
che conservano in noi la consapevolezza della nostra inclusione sistemica nel
coerenze della biosfera e del cosmo. Sistemico e analogico
il pensiero coinvolge le astrazioni da parte dell'osservatore delle regolarità nel
coerenze delle sue esperienze e rivela le coerenze
dei suoi domini di esistenza come essere umano. In sistemico
e il pensiero analogico che l'osservatore opera nella consapevolezza del suo
o le sue circostanze e le coerenze sistemiche e analogiche
che lui o lei astrae dalle sue esperienze, sono la base per il suo
o il suo comportamento adeguato. In animali non linguistici sistemici e
il pensiero analogico implica anche il vivere nelle regolarità sistemiche
della biosfera e del cosmo.
In questa espansione della comprensione operativa attraverso
linguaggiando, apparvero due forme di pensiero; vale a dire, ecologico
pensare come un modo di vedere la biosfera come un sistema coerente
le relazioni e il pensiero mistico come un modo di vedere tutto
esistenza come sistema di relazioni coerenti. In queste circostanze,
pensiero mistico come deve aver dato la comprensione mistica
senso alla vita umana fin da molto presto come ha fatto ogni situazione
della vita quotidiana gravida dal significato cosmico. Allo stesso modo, ecologico
pensare come comprensione ecologica deve aver fornito il
possibilità di vedere l'unità della biosfera attraverso l'afferrare il

237
interconnessione di tutti gli esseri viventi nel flusso della loro esistenza
attraverso l'astrazione delle loro somiglianze. All'inizio
il pensiero ecologico e mistico deve essere stato formalmente diverso
da quello che sono per noi ora; devono essere stati essenzialmente i
stesso per la vita dei nostri antenati in quanto li hanno collegati con il
regolarità sistemiche della biosfera e del cosmo.
Nella trasformazione e diversificazione culturale che ha
ha avuto luogo nella storia dell'umanità, queste due dimensioni di
la comprensione senza dubbio ha avuto destini diversi in termini di
la loro conservazione, cambiamento, espansione, riduzione o perdita. credo
ciò comporta la riduzione o la perdita della comprensione mistica
una vita vissuta senza o con un minimo di significato nel
interconnessione multidimensionale della vita umana. Da
vivere in un'interconnessione significativa con tutta l'esistenza ha
stato centrale nella conservazione del modo di vivere umano,
la perdita di una vita così significativa porta a una forma di umano
l'estinzione in "vita vuota". Penso anche che la riduzione o la perdita
di comprensione ecologica si traduce in una vita vissuta senza o con
solo un minimo di consapevolezza dell'unità o interconnessione
nella totalità sistemica di tutti gli esseri viventi. Dalla consapevolezza di
l'interconnessione di tutti gli esseri viventi in una sorta di sistema
totalità, almeno nel dominio dell'esistenza locale di ciascun essere umano
gruppo, è stato centrale nella conservazione della maniera umana
di vivere attraverso la continua trasformazione del mezzo
che questo genera, la perdita di tale consapevolezza porta ad un'altra forma
dell'estinzione umana attraverso il disastro ecologico. Penso che questi
due forme di estinzione hanno già avuto luogo in molte culture
lignaggi lungo la storia della umanità.
238
10: Dimensions in Love
Noi esseri umani viviamo la nostra vita quotidiana parlando come se ce ne fossero molti
diversi tipi, forme o livelli di amore. Questo è evidente in aggettivale
espressioni come "amore materno", "amore filiale", "amore aggressivo",
"Amore interessato", "amore innocente", e così via, o in ambito terapeutico
pratiche destinate a recuperare l'esperienza di quelle forme di amore. io
pensa, tuttavia, che queste diverse espressioni non denotino
diverse forme, tipi o livelli di amore come un'emozione, ma che loro
in effetti connota solo le diverse dimensioni relazionali del nostro vivere
come animali amorevoli. Quello che succede è che di solito non siamo consapevoli
di questa situazione, perché generalmente parliamo nella nostra cultura come se
ci riferivamo a tutto ciò che chiamiamo o connotiamo come una sorta di
entità indipendente. In queste circostanze, vorrei farlo
i seguenti commenti nei termini delle mie affermazioni sulle emozioni.
1. L'amore è il dominio di quei comportamenti relazionali attraverso
quale l'altro nasce come legittimo altro in coesistenza con
se stessi. Quindi, non ci sono diversi tipi di amore; però,
l'amore come dominio dei comportamenti relazionali comporta molte relazioni
dimensioni, e ci sono molte diverse configurazioni di
comportamenti relazionali in cui l'amore può aver luogo.
2. L'amore può coinvolgere poche o molte dimensioni relazionali di
coesistenza in base allo spazio relazionale in cui si svolge
posto. Così, ad esempio, nel caso dell'uso comune di
una strada, poiché operiamo nel rispetto reciproco di poche dimensioni di
l'accettazione reciproca è implicita. In amicizia, al contrario,
molte dimensioni relazionali sono coinvolte e quando cadiamo
amore vogliamo vivere con l'altro in tutte le possibili dimensioni
di reciproca accettazione. Nell'esperienza spirituale, che è in
Infatti una spontanea esperienza di espansione dell'amore, c'è un
apertura alla totale accettazione del cosmo in unità con
se stessi. Quello che voglio sottolineare qui è che in tutti i casi in
quale amore accade il fenomeno è lo stesso; vale a dire, umano
239
e gli animali non umani sono in relazione con un altro nel dominio di
comportamenti consci o inconsci attraverso i quali l'altro,
chiunque o qualunque cosa sia, sorge come un legittimo altro in
convivenza con se stessi.
3. In termini di configurazioni di comportamenti relazionali, l'amore si verifica
in tutte le circostanze della vita come l'emozione che fa
possibile la realizzazione di vivere attraverso l'implicita fiducia in
le coerenze del dominio dell'esistenza in cui vivere in modo reale
ha luogo. Tuttavia, poiché utilizziamo diverse espressioni aggettivali per riferirci
amare in diverse circostanze relazionali, spesso
confondere l'emozione che l'amore è con il diverso particolare
forme adottate dai comportamenti relazionali propri di ciascuno di essi
quelle circostanze.
4. Amore, come dominio dei comportamenti relazionali attraverso cui il
altro nasce come legittimo altro nella convivenza con se stessi,
non distorce le relazioni in termini di ciò che è previsto o
desiderava accadere. L'amore lascia che sia ed è, quindi, "visionario"
non cieco, e comporta vedere (o udire, toccare, odorare,
sensing) l'altro nella sua piena legittimità. Inoltre, come amore
è visionario e implica "vedere" porta ad agire di conseguenza.
La presenza di scopi, obiettivi o aspettative in una relazione
nega l'amore, poiché questi diventano il centro dell'attenzione e della cura.
Tali scopi, aspettative e obiettivi generano cecità
rispetto ai partecipanti alla relazione, chiunque o
qualunque cosa possa essere. Cioè, assistendo a ciò che ci si aspetta
l'altro da fare, l'altro scompare e la relazione fa
non si svolge in amore, ma si verifica in uso e manipolazione.
5. L'amore non è accettazione cieca. L'amore è vedere, ascoltare, toccare
e annusare l'altro nel suo, lei, o la sua legittimità e recitazione
di conseguenza. Se l'altro è un bambino in una relazione madre / figlio,
l'amore è il comportamento relazionale attraverso il quale ciascuno si pone nel suo
legittimità nel rispetto reciproco e accettazione del corpo. In amore il
240
bambino nasce come un bambino senza essere negato nella legittimità di
la sua fanciullezza, e allo stesso tempo la madre sorge come
un essere legittimo come madre in quella relazione. Se l'altro
sembra essere un ragno velenoso, l'amore si svolge mentre ci comportiamo
in un modo tale che il ragno sorga nella sua legittimità come il tipo
di animale che è, e lasciamo che sia nel suo dominio di esistenza
in piena consapevolezza di ciò, o distruggerlo assumendosene la piena responsabilità
l'atto.
6. Un conflitto tra due persone avviene in amore quando lo fa
è affrontato attraverso comportamenti che non negano il legittimo
esistenza dell'altro in coesistenza con se stessi. In tale
caso il conflitto è vissuto nel rispetto reciproco anche quando c'è un
confronto nella violenza, perché ciò che viene negato è il comportamento
dell'altro, non il suo essere.
7. Come osservatori possiamo solo fare valutazioni sull'emozione
coinvolto in ogni particolare situazione relazionale tra la vita
esseri. Ma le valutazioni non sono dichiarazioni di fatti, lo sono
distinzioni che un osservatore fa di alcune caratteristiche relazionali
apparente a lui o lei nelle circostanze del suo
vivendo nel momento in cui la relazione sta avendo luogo. Come
tale, una valutazione rivela l'osservatore nella sua relazione
dinamica, e non la valutazione. Senza dubbio lo sappiamo nella vita quotidiana
che è così, come è evidente nell'incertezza che la parola
valutazione comporta Eppure una volta che abbiamo fatto una valutazione del
emotivo nella relazione in cui siamo, viviamo la realtà
che l'emozione che affermiamo di aver visto comporta, e
la nostra vita segue un percorso di conseguenza, indipendentemente dal fatto che sia o meno
qualcun altro può considerare valida la nostra valutazione.
8. In queste circostanze, non è la sincerità che conta nel
momento di un'interazione tra due sistemi viventi, umano
o non umano, ma è la forma emotiva vissuta da ciascuno di essi
loro dentro È solo attraverso ciò che accadrà nel corso
241
seguito dalla vita in corso di questi due esseri che conta
di sincerità e onestà possono apparire e diventare cruciali.
Noi umani dobbiamo vivere nell'amore, crederci l'un l'altro, essere
fisiologicamente e psicologicamente sano. Quindi se non c'è sincerità
nel comportamento "amorevole" visto in una relazione umana, e questa mancanza
diventa evidente nel corso della vita in modo che una retrospettiva
la fiducia è rotta, si verifica un crollo fisiologico o psichico o
potrebbe accadere. Relazioni animali in generale e, naturalmente, umane
le relazioni in particolare, sia nella loro fisiologia che in quella psichica
dimensione, sono ricorsivamente costruite sulla fiducia implicita nel
fiducia nell'apparente emozione che viene vissuta.
Quando l'amore finisce con la perdita della fiducia, della sofferenza
nasce che può essere curata solo attraverso la restituzione della fiducia in
la ricostruzione dello stesso dominio relazionale in cui si trova
era perso. Inoltre, tale restituzione è possibile solo attraverso
fidatevi della sincerità dei partecipanti alla relazione
come fondamento per la conservazione sistemica del così
coerenze relazionali ricostruite in amore che faranno
d'ora in poi dal vivo. E questo è così perché l'identità attraverso
quale un particolare essere umano è realizzato come tale, qualunque cosa
questo può essere, è sistemico e sistemicamente conservato, non an
caratteristica intrinseca della sua corporeità. Noi esseri umani siamo
animali che amano biologicamente, nel senso che sono fisiologici
e il benessere psichico richiede che viviamo in amore per tutta la vita.
Ma vivere come un essere amorevole è una dinamica sistemica conservata
sistemicamente vivendo in amore in una vita amorevole, e non a
condizione intrinseca che possiamo o non possiamo avere.
Penso che sia la più grande difficoltà a comprenderlo
le dinamiche emotive hanno un carattere fluido e diverso
le emozioni come diversi domini dei comportamenti relazionali non lo fanno
necessariamente costituiscono maniere uniformi di relazioni, poggia su
il nostro atteggiamento classificatorio. Nella nostra cultura occidentale agiamo come se
ogni distinzione che facciamo dovrebbe rivelare alcuni ben definiti
entità indipendente, e ci aspettiamo che i confini dell'entità
242
che distinguiamo dovrebbe essere intrinsecamente pulito. Con questo atteggiamento
non vediamo che è l'operazione di distinzione che eseguiamo
che specifica i confini di ciò che distinguiamo, e non lo facciamo
rendersi conto che l'identità di ciò che distinguiamo è sistemica, così
esiste solo finché prevalgono le condizioni che lo portano avanti. In
il flusso continuo delle dinamiche relazionali dei sistemi viventi,
le diverse emozioni che distinguiamo sono nate come diverse
modi di relazione che sono stati conservati nel filogenico
storia degli organismi coinvolti, ma la forma della loro presenza
non è stato risolto
243
References
Bunnell, P. 1997. An Invitation Concerning Human Speciation.
Proceedings: Biology, Language, Cognition and Society —
International Symposium on Autopoiesis, Belo Horizonte, Brazil.
Bunnell. P., and N. Sonntag. 2000. Becoming a Sustainable Species.
Reflections: The SoL Journal on Knowledge, Learning and Change 1
(4): 66-71.
Heidegger, M. 1971. On the Way to Language. Harper and Row,
New York, N.Y.
Johanson, D., and E. Maitland. 1981. Lucy: The beginnings of
humankind. Simon and Schuster. New York, NY
Johanson, D., and J. Shreeve. 1989. Lucy’s child: The discovery of a
human ancestor. Avon Books. New York, NY
Maturana, H. R. 1988. Reality: The search for objectivity or the
quest for a compelling argument. Irish J. of Psychology 9 (1): 25-
82.
Maturana, H. R. 1990. Science and daily life: The ontology of
scientific explanations. In W. Krohn and G. Kuppers (eds),
Selforganization: Portrait of a scientific revolution. Kluwer
Academic Publishers, Dordrecht, Boston, London.
Maturana, H. 2000. The nature of the laws of nature. Systems
Research and Behavioral Science 17: 459-468.
Maturana, H. R., and G. Guiloff. 1980. The search for the
intelligence of intelligence. J. of Social and Biological Structures
(3): 135-148.
Maturana, H. R., and J. Mpodozis. 1992. Origen de las especies por
medio de la deriva natural. Publicación Ocacional No. 46/1992
Museo Nacional de Historia Natural, Dirección de Bibliotecas
Archivos y museos.
Maturana, H. R., and J. Mpodozis. 2000. The origin of species by
means of natural drift. Revista Chilenade Historia Natural (73) 2:
261-310.
244

Maturana, H. R., and F. J. Varela 1988. The tree of knowledge: The
biological roots of human understanding. Shambhala Boston and
London.
Maturana, H. R., and G. Verden-Zöller. 1993. Liebe und Spiel: Die
vergessene Grundlagen des Menschseins. Carl Auer Verlag.
Nietzche, F. W. 1998. Thus Spake Zarathustra. Trans. T. Common.
Varela, F., Maturana, H. R., Uribe, R. B. 1974. Autopoiesis: The
organization of living systems, its characterization and a model.
Biosystems 5: 187-196.
de Waal, F. 1982. Chimpanzee politics. Jonathan Cape, London

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?