A propositu te la fera te San Giseppu te la stiddrha


Nu tte scerrare ca quannu eri stria o quannu eri striu lu papà te nnucia nnu campanieddru.
Lu sientu lu senu?
Ete quiddru te tannu, e bbe lu stessu ca sirda sentia quannu lu nonnu tou nni purtà nnu campanieddru.
Ete lu senu te l'eternità.
Lu nonnu Petruzzu allu fiju suou ca era lu tata miu Pinu e lu Tata miu a mie e ieu alla Sara mia e poi cusì sia per l'Eternità.



Maria Anna Taurino Io ne conservo due, uno in particolare anche se mi rammenta la mia mamma che non c'è più; glielo portai che era ricoverata in ospedale e poi dopo una settimana morì. Lo custodisco gelosamente!

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?