Il nonno Pietro mi insegno a costruire la Cumeta


Da bambino trascorrevo molto tempo in casa ai nonni. La casa era la prima “curte” dopo l’imbocco della stretta di Via Vittorio Emanuele II numero 35, subito dopo la Farmacia Pasca.

Sarà stato il 1963 o al massimo il 1964, di primavera il giorno in cui prese un pezzo di carta dal tiretto della “banca” e una si procurò una canna e un pezzetto di spago.
La canna servì per aprirla in due longitudinalmente e farne una croce il cui lato maggiore era libero, mentre quello minore il nonno lo arcuò e lo fece rimanere arcuato legando i due estremi della canna con lo spago.

Poi tagliò il pezzo di carta da imballaggio a forma di rombo e appoggiò li le canne. Per tenerle ferme facemmo della colla con acqua e farina e con delle listarelle di foglio di carta tenemmo ferme le canne sul rombo. Poi con un pezzo di spago legò un capo all’incrocio delle canne e l’altro un po’ più giù. Poi fece la coda tagliando a fasce la carta e incollando un pezzo all’altro con la colla di farina.
Aspettammo un pochino per fare asciugare e poi attaccammo lo spago a quel cappio e si potè far volare la Cumeta.
Ciao Nonno Petruzzu, sei stato un grande insegnate di giochi!

Oggi stai facendo volare le CUMETE, lassù, da qualche parte oltre l’arcobaleno

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)