I viaggi di quando andavo alle elementari

I viaggi di quando andavo alle elementari li facevo con papà per andare a fare visita a mia zia Maria a Chiavenna. Era un’avventura, si partiva alle 20.00 da Lecce e si arrivava a Milano per le 11 se andava bene e non c’erano ritardi. Poi si prendeva il treno per Sondrio e a Colico c’era la coincidenza con il treno per Chiavenna dove la ferrovia terminava perché c’era davanti l’imponente Spluga.
Poi si andava in Svizzera perché papà acquistava le sigarette e la cioccolata ma anche il caffè perché era tutto più conveniente. La Svizzera aveva per me un nome ed era Castasegna. Tra Andrew Manson e La Cittadella di Anton Giulio Maiano, i nonni Pietro e Memmi, il maestro Tangolo e i viaggi a Chiavenna trascorrevo la mia bellissima infanzia, quella infanzia che cerco ancora, che non finirò mai di cercare. antonio

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)