Humberto Maturana: "Gli esseri umani fanno ciò che nessuna tecnologia può fare perchè sanno riflettere"



Humberto Maturana: "Gli esseri umani fanno ciò che nessuna tecnologia può fare perchè sanno riflettere"

È stato uno degli scienziati più citati al Congresso del futuro 2019, il più importante evento di divulgazione scientifica in America Latina. Nel 1994 ha vinto il premio più alto in Cile, grazie alla sua ricerca nel campo delle scienze biologiche, nel campo della percezione visiva nei vertebrati e per i suoi approcci alla teoria della conoscenza, con cui studia istruzione, comunicazione e ecologia.

Oggi e negli ultimi 20 anni Humberto Maturana, insieme a Ximena Dávila, lavora a Matríztica, la sua scuola di pensiero che è stata all'avanguardia nello sviluppo della conoscenza e della comprensione della trasformazione e dell'integrazione culturale di persone e organizzazioni.

Qual è il tuo sguardo sui giovani di oggi?

I giovani vivono un momento storico, si trovano in una situazione molto interessante perché si stanno rendendo conto che abbiamo fatto molti errori nel tempo, quindi è necessario un nuovo orientamento, assumendosi la responsabilità dell'intera portata della nostra esistenza umana, della Terra, di tutti gli esseri viventi, un nuovo aspetto dal punto di vista ecologico. Non è che siamo unici nel Cosmo, sicuramente ci sono altri pianeti con esseri viventi, ma come noi, come gli umani, è meno frequente.


Perché?

Perché esistiamo nel linguaggio, nella riflessione e possiamo scegliere. E questo è ciò che accade ai giovani, dal momento che hanno capito che non vogliono continuare a fare alcune cose che facciamo o abbiamo fatto noi anziani e che oggi stanno seriamente incidendo e danneggiando il nostro ambiente naturale. Il cambiamento climatico è solo un'espressione, ma il problema è piuttosto grave, abbiamo modificato le foreste e le condizioni di vita di un gran numero di esseri viventi. Pertanto, i giovani hanno la possibilità di rifiutare ciò che è stabilito, cambiare rotta e prendersi cura di ciò che abbiamo alterato e danneggiato.


Cosa ne pensi del rapporto gioventù - tecnologia?

Dobbiamo essere consapevoli che la tecnologia è uno strumento, non è uno scopo, non può sostituirci, poiché gli esseri umani fanno ciò che nessuna tecnologia può fare ovvero l’essere umano può riflettere. E se sviluppiamo una tecnologia che fa qualcosa di simile alla "riflessione", sarà intrappolata senza avere una storia, ed è quindi semplicemente un robot.

Con le tecnologie, inoltre, sembra che le persone si uniscano, ma non è così. E lo vediamo oggi con WhatsApp, poiché crediamo che ci permetta di comunicare a distanza, ma in realtà ci separa, dal momento che non incontriamo le persone, mentre invece quelli che sono effettivamente al nostro fianco scompaiono. Siamo intrappolati nel cellulare.

Qual è la tua opinione sull'abuso di alcol e droghe tra i giovani nel nostro paese?

Penso che le persone stiano cercando benessere con alcol e droghe, pensano di poter vedere o sperimentare cose nuove consumando queste sostanze. Le cose che credo non accadranno mai, perché le persone saranno sempre intrappolate nel momento storico in cui vivono come individui.

Pertanto alcol e droghe non sono una soluzione, sono una trappola. Perché? Poiché producono un ricchissimo benessere fisiologico, ci si sente bene e nella ricerca di preservare tale soddisfazione, la persona è intrappolata.
È un percorso che se pratichi molto, è difficile abbandonare, quindi è importante che tra i giovani si parli e coloro che tra loro, sono riusciti a lasciare la dipendenza, mettano in relazione le esperienze per smuovere più coscienze.

E cosa pensi della sessualità della nostra giovinezza? Poca informazione e istruzione?

Abbiamo molta distanza tra le persone, tra nuclei intimi, parliamo un po’, non ci troviamo, non ci rispettiamo, non ci ascoltiamo, facciamo coppia attraverso Internet, il che crea una mancanza di rispetto per l'altro, perché non è l’altro, non lo è, non lo è mai

Pertanto, la tenerezza non appare, la sensualità non appare come la base del benessere della convivenza sessuale. Si parla di sessualità come qualcosa di un alieno, puoi leggere della sessualità degli altri, vedere le pratiche sessuali delle persone sul web, poi la cosa fondamentale scompare, cioè l'incontro tra persona e persona. L’assenza di una relazione multisensoriale in quell'incontro senza la presenza dell’altro rende possibile per una persona il fatto che non gli importa cosa succede all'altro, perché se non mi interessa l'altro, non mi prenderò cura delle cose che mi succedono e che possono danneggiarlo.

Abbiamo generato una tecnologia che ci separa. L'incontro ravvicinato per bere una tazza di caffè, parlare o stringere la mano, non è banale, è essenziale, perché fa parte del nostro legame culturale e biologico.

Qual è il tuo aspetto di fronte alla violenza e al cosiddetto bullismo che esiste nella nostra società?

Ha molto a che fare con la società competitiva che stiamo vivendo, uno deve essere sempre migliore dell'altro. Il ragazzo che compie atti di bullismo affronta i suoi compagni di classe o amici fa un gioco, lui mette in scena un gioco che si realizza nel fingere di essere migliore dell'altro, di essere il prepotente, il più potente. Quindi questo è associato alla società competitiva che abbiamo. Per non avere conseguenze nelle scuole o nelle case quando ci sono tali atti, dobbiamo renderci conto che questi atti sono culturali e che fanno parte del teatro della competizione, che è una pratica diffusissima quella di dimostrare che uno è meglio degli altri.

Ximena Dávila e Matríztica

“Matríztica è una scuola di pensiero nel sud del mondo, dove quello che facciamo è la biologia culturale. Abbiamo tre aree fondamentali: formazione, organizzazione e conoscenza, che è il vantaggio accademico, che è responsabile della pubblicazione di articoli, nuovi o compilati, poiché uno dei nostri scopi è quello di creare una serie in cui tutto il lavoro svolto Humberto e quello che abbiamo fatto insieme, come una raccolta di ciò che è comprensione e biologia culturale ", ha detto Ximena Dávila, che ha lavorato con la ricercatrice nazionale per quasi due decenni.


Quando abbiamo incontrato Humberto, ha aggiunto, stava facendo il suo lavoro come biologo, con la cosiddetta teoria biologica della conoscenza, con libri famosi pubblicati come Living Machines e l'albero della conoscenza, scritti con lo scienziato cileno Francisco Varela.

“Ho incontrato Humberto, con l'insegnamento del biologo all'Università del Cile, quindi ho iniziato a partecipare a tutti i discorsi e conferenze che ha offerto. L'ho letto, ma mi è costato molto, dal momento che non è facile, quindi mi sono avvicinato all'università, ero uno studente in alcuni titoli post per capire meglio il suo aspetto ", ha aggiunto Dávila.

A quel tempo (1990) il suo orientamento era diverso, disse Ximena, che descrisse che “Humberto era concentrato nel rispondere alla domanda su ciò che sta vivendo che muore, invece la mia linea di interesse era il dolore e la sofferenza umani. Quindi mi chiedevo come far sì che le persone nelle organizzazioni passassero un momento migliore, che avessero maggior benessere, più felicità ”.

Abbiamo parlato con Humberto, ha ricordato, gli ha persino detto che aveva realizzato che ogni dolore è sempre di origine culturale, che "sempre" è un quantificatore universale e culturale, quindi può essere cambiato.

"Come puoi cambiare? Trasformare la cultura e come viene trasformata la cultura? Trasformare la lingua e come viene trasformata la lingua? Comprendere che cos'è la lingua, come nasce, e da lì come nasce l'essere umano ", ha spiegato Ximena Dávila.

“Dopo questa analisi, abbiamo parlato con Humberto e l'ho invitato a creare questa Scuola di Matrici, che nei suoi quasi 20 anni ha avuto molte trasformazioni, di forma e sostanza. Oggi siamo in un nuovo processo, orientato maggiormente a ciò che sta accadendo con i giovani. Non siamo dell'era della tecnologia, quindi ciò che ci collega senza dubbio è la conversazione, riflettere, ascoltare, imparare a valorizzare gli occhi dei giovani e che riconoscono l'esperienza degli anziani ”.

Humberto Maturana è nato il 14 settembre 1928 a Santiago. Ha studiato al Liceo Manuel de Salas e nel 1950 è entrato alla Facoltà di Medicina dell'Università del Cile. Nel 1954 si trasferì all'University College di Londra per studiare anatomia e neurofisiologia, grazie a una borsa di studio della Fondazione Rockefeller. Nel 1958 ha conseguito un dottorato in biologia presso l'Università di Harvard, negli Stati Uniti.

Tra il 1958 e il 1960 ha lavorato come ricercatore associato presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica del Massachusetts Institute of Technology (MIT). Nel 1960 è tornato in Cile per servire come secondo assistente alla cattedra di biologia presso la School of Medicine dell'Università del Cile.

Tra il 1965 e il 2000 è stato professore ordinario presso il Dipartimento di Biologia della Facoltà di Scienze della stessa casa di studi. Negli anni '70 ha creato e sviluppato il concetto di autopoiesi con Francisco Varela. Nel 2000, ha fondato l'Istituto di formazione delle matrici insieme a Ximena Dávila. (Fonte: Università del Cile, 2019).


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)