Comune di San Cesario: il pericolo di vedere il solito film!


La donna e l’uomo sono mimetici che poi significa che IMITANO I COMPORTAMENTI RITENUTI VIRTUOSI delle altre donne e degli altri uomini.
Istituire la presidenza del Consiglio Comunale e votare una consigliera o un consigliere di minoranza a cui si riconosce all’unanimità questo ruolo è secondo la mia opinione UNA BUONA COSA PER IL CONSIGLIO COMUNALE DI SAN CESARIO.
In questo modo si riconosce un ruolo agli sconfitti, che è la premessa per creare un rapporto di collaborazione tra tutti, perché insieme bisogna lavorare per il bene del paese più bello del Mondo.
Ma anche noi cittadini dobbiamo ricordare sempre che Palazzo MARULLI è la casa di tutti.  L’atteggiamento nostro deve cambiare: entriamo da cittadini nel Municipio e non da tifosi convincendoci che questa amministrazione è amica della città al punto che farà in modo di farci sentire tutti proprietari di palazzo MARULLI.
Agli sconfitti io credo faccia bene leggere il consiglio dato da Carlo Salvemini Sindaco di Lecce agli sconfitti della città capoluogo che qui riporto fedelmente:
“non coltivate voglia di vendetta, sentitevi impegnati, da minoranza, a offrire il vostro contributo, per impiegare i prossimi cinque anni per lavorare, certamente, per diventare nuovamente maggioranza accettando, però, al contempo, l’idea che la maggioranza dei leccesi ADESSO abbia scelto noi”.
Ai vincitori invece faccio presente LA NECESSITA’ E L’URGENZA DI UN PATTO DA SIGLARE CON LA COMUNITA’ IN NOME DELLA PARTECIPAZIONE.
Allo stesso tempo li invito a scrivere con caratteri d’oro nella propria coscienza le parole che ha detto Carlo Salvemini Sindaco di Lecce che qui riporto:
“cercheremo di essere amministratori di tutti, ci saranno pari opportunità per tutti e non privilegi per pochi”.
Solo quando accadrà questo saprò che l’aria è cambiata e che non correrò più il pericolo di vedere il solito film di cui sono solo cambiati gli attori.

Antonio Bruno

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)