No dagli europei alla richiesta degli europei che abitano in Italia


No dagli europei alla richiesta degli europei che abitano in Italia

Quando una donna o un uomo mi chiede se posso dargli qualche moneta, il primo moto è quello di dargli ciò che mi chiede, mi metto le mani in tasca, estraggo qualche moneta e sorrido e lei o lui, mi sorride. Rifletti. Chi non lo fa, chi frettolosamente si allontana da chi chiede,  è perché ha una credenza che si insinua nella mente e che gli consente di sfuggire alla richiesta. Molti parlano di molestie subite da chi chiede soldi per strada. Si! Si molesta la tranquillità di essere una brava donna o un brav’uomo. In effetti dopo aver negato qualche moneta a chi ce la chiede è più difficile pensare che siamo delle brave persone: c’è come un pensiero, un tarlo che ci infastidisce e che scacciamo con tutte le nostre forze.
C’è il popolo degli Europei che abita in Italia che chiede il reddito di cittadinanza che gli europei che abitano la Francia e la Germania hanno già da tempo e sempre gli europei che abitano la penisola chiedono di ottenere la pensione dopo i 62 anni, così come accade agli europei che abitano in Germania.
Perché gli altri europei che abitano altre regioni di questo vecchio continente non vogliono che questi cittadini abbiano ciò che loro stessi già hanno ottenuto?
Basta dare un’occhiata ai giornali di oggi:
«Così l’Italia mette a rischio l’Europa». Per la prima volta l’Ue boccia la manovra di uno Stato membro. E Juncker manifesta sconforto: «Non avrei mai pensato di arrivare fin qui».
Ecco gli altri europei fanno come chi frettolosamente si allontana da chi chiede qualche moneta: hanno una credenza che consente loro, che sono europei come quelli che abitano l’Italia, di allontanarsi frettolosamente da noi europei che chiediamo di avere ciò che loro già hanno da tempo; un po’ di quello che loro hanno già da tempo.
Questo comportamento non è umano, non ha nulla di umano.
Lo so, qualcuno adesso sta riflettendo sulle persone che vengono da lontano per venire ad abitare tra noi. Lo so tutti stiamo pensando a quei barconi a cui si è impedito di attraccare ai porti dell’Italia europea.
Anche questo non è umano.
Allora io mi chiedo e vi chiedo: cosa vogliamo conservare? Vogliamo conservare la nostra solidarietà e l’aiuto reciproco? Vogliamo conservare le barriere che ci consentono di impedire l’accesso agli altri alla pensione quota 100, al reddito di cittadinanza o nell’Italia europea per la paura di perdere il nostro benessere materiale?

Antonio Bruno Ferro

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?