Tutti i sancisariani nella piazza del 1968

Il componimento che segue, contenuto ne lu CASALE del 28 luglio 1968, racconta degli incontri fatti nella piazza grande del paese più bello del Mondo dall’autore che si firma con lo pseudonimo “L’Asiano”.
Interessante la circostanza che tanti la mattina, fossero in piazza ad attendere il pullman dell’Aeronautica che li avrebbe portati a lavorare all’Aeroporto di Galatina per una ditta che si chiamava SDRAM (li sancisariani la chiamavano SDRAMMA) e da qui l’appellativo di SDRAMMISTI o SDRAMMUSI con cui venivano indicati i lavoratori di San Cesario.
Ad esclusione di alcuni, personalmente non ricordo a chi fossero attribuiti gli appellativi (lu ngiuru) riportati nel componimento, e perciò chiedo a chiunque abbia contezza delle generalità delle persone citate di commentare permettendomi di integrare con queste informazioni il post. Vi auguro buona lettura
Antonio Bruno

Luoghi  
Allu largu palazzu (piazza Garibaldi)

Personaggi
Sdrammisti (i lavoratori di San Cesario presso l’aeroporto di Galatina)
Simontacchi
Mmarrazza
Saracchia
Cicunieddhu
me-sciu A-me-de-o
Cocò lo Spazzator cortese
Santo Scariè
nnu commerciante dittu lu Scoscese
Pici te don Gennaru
Scippa lo sfregiato
Adorfu, grande giornalista

A  pprima matina
L'autra matina me zzai prestu
ca nu sta reggettaa intra Ilu Iiettu;
pe lla pressa me nne essii sì liestu,
ca me scerrai sciallu e fazzulettu.
L'aria era beddha, cita e fresculizza;
stusciannume lu nasu sullu razzu
ncignai a fare na camenatizza
e sci rriai allu largu palazzu.
Quammienzu nc'era tutti li sdrammisti:
(quiddhi ca bba ffatianu allu campu)
sartori, sardatori, camionisti,
autri ca bba perdenu lu tiempu.
Iddi Simontacchi ca sputacchia,
iddi Mmarrazza cu nnu saccu an cueddhu;
te coste a quiddhu nc'era lu Saracchia,
cu quisti nc'era poi lu Cicunieddhu.
Iddi nnu crande industriale: me-sciu A-me-de-o,
iddi Cocò lo Spazzator cortese,
Santo Scariè che il gran commento feo,
nnu commerciante dittu lu Scoscese.
Poi passau lu Pici te don Gennaru
(ddhu panzune te lu farmacista)
poi Scippa lo sfregiato, lu scarparu,
infine Adorfu, grande giornalista.
Iddi muta e mut'aura anima trista,
ma percè nu purtaa fazzulettu,
cu lli pili tisi comu nna crista,
e mucculannu, turnai intra llu liettu.

L'Asiano

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)