Un luogo parla a chi c’è stato


Il paese in cui vivo, pieno di memoria, tutti i ricordi di chi c’ha vissuto. Mi è venuto in mente che chi non ha avuto la possibilità di fermarli in un simbolo oppure in un’immagine esterna; se li è portati con se, da qualche parte oltre l’arcobaleno.

Questa esigenza di trasmettere i ricordi ha dovuto informare chi s’è inventato i graffiti e disegni e poi i simboli. Penso così.
Antonio Bruno

Commenti

Post popolari in questo blog

Massimo Fortunato: UN UOMO SOLO AL COMANDO.

La collaborazione dei cittadini per sostituire le oligarchie finanziarie

Facciamo tornare Piazza Garibaldi allo splendore del 1978?