Circolo riflessivo con Humberto Maturana e Ximena Dávila

Reflective Circle con Humberto Maturana e Ximena Dávila

19 e 20 gennaio ho avuto il piacere e la fortuna di partecipare ad un cerchio riflettente sulla biologia culturale facilitato da Humberto Maturana e Ximena Dávila in CIVSEM e vorrei a condividere in questo post riflessioni e insegnamenti per me sono stato più significativo. Sono solo alcune note. Spero che ne vali la pena.
In ascolto: 
cosa succede quando ascolto pensando che l'altro coincida con quello che penso? 
Cosa sento solo ciò che voglio sentire! In altre parole, ascolto o ascolto l'altro? 
ma non v'è un altro modo di ascolto, che è quella che riconosce che l'altro parla sempre da un dominio che è valido (per la loro esperienza, le credenze, le conoscenze, ...), se ci ascoltiamo di trovare quel dominio di parlare siamo all'altro nella sua interezza. 
Quando un capo è lì solo per ascoltare ciò che vuole sentire, di cosa parlare! Ci colloca in uno spazio di controllo in cui siamo costretti a vivere nello spazio definito da un'altra persona - il capo - uno spazio che abbiamo paura di lasciare e quindi di essere creativi, proattivi.
Conservare per cambiare: 
la cosa fondamentale del cambiamento è ciò che è conservato, perché è ciò che mi definisce come individuo - o come organizzazione, è il luogo da cui posso e voglio operare. Scegliendo ciò che voglio mantenere, scelgo dove voglio essere. Dall'identificazione di ciò che voglio mantenere (voglio volere ciò che voglio?) La trasformazione di tutto il resto viene da sé, in modo naturale. Il cambiamento è basato su ciò che vogliamo mantenere. Il cambiamento di parola implica incertezza, se la conversazione inizia e si concentra su ciò che voglio mantenere l'emozione è diversa.
Impegno e motivazione 
Nell'impegno c'è collaborazione, c'è un senso in quello che faccio. Nell'obbligo non ha senso per me ciò che faccio, non c'è collaborazione, c'è obbedienza, aspetto ordini, non sono propositivo. 
La motivazione ha a che fare con il riconoscimento, ogni persona vuole essere vista nella sua interezza e accettata nella sua interezza - da rispettare. 
Al contrario, l'atto di obbedire è un atto di abnegazione. Collaborazione e obbedienza sono antitetiche. Nell'obbedienza c'è una minaccia di punizione, c'è sottomissione, io do il potere all'altro, anche quando obbedisco per fiducia.
Nelle organizzazioni posso generare, come leader, conversazioni di sottomissione, obbedienza o impegno-collaborazione. Devi essere consapevole che conversare significa, etimologicamente, girare / girare insieme, è un'opportunità per coordinare azioni ed emozioni per collaborare. E che ci sono conversazioni che generano benessere e altre che generano disagio

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)