Qualunque cosa io faccia, sarà seria se sono onesto, se collaborerò e se non competerò



"Viviamo in un presente culturale, centrato su una filosofia delle dinamiche economiche che affrontano i problemi della convivenza sociale, come l'istruzione, il lavoro e la famiglia, come questioni di relazioni di mercato che al centro non hanno i rapporti di collaborazione, né i modelli di benessere comune, ma l'accumulo di successo e ricchezza ".
Per cui il Dr. Maturana attraverso la sua teoria definisce gli esseri viventi come sistemi autopoietici molecolari ", come mammiferi che in primo luogo viviamo nell'amore, e la storia umana dell'amore è fondamentale perché la lingua, il parlare, il conversare che si pratica nella famiglia emerge come un modo di coordinamenti di sentimenti, azioni ed emozioni, cioè di vivere insieme ".
"L'educazione è la trasformazione in coesistenza," insegnamento "è diverso perché guida lo sguardo a un particolare dominio, quindi ognuno di noi educa ed è educato fino alla morte perché ci stiamo costantemente trasformando in convivenza con gli altri esseri umani.

Essere al centro di se stessi, con autonomia riflessiva e di azione, permette di guidare lo sguardo degli altri che si stanno trasformando con noi in ciò che chiamiamo educazione. Viviamo in una convivenza che è alienazione perché siamo immersi nella competizione, nella frenetica ricerca del successo e per questo perdiamo il presente e ci alieniamo nella ricerca dei risultati. Per noi è essenziale formare gli insegnanti con una prospettiva ampia, con una comprensione del fondamento della classe di vita e degli esseri umani che siamo.

Se non vogliamo vivere insieme, non ci incontriamo, se non ci rispettiamo, non ci ascoltiamo l'un l'altro.
Ximena Dávila

"Esatto. Il modo di vivere insieme è ciò che vogliamo che i bambini e i giovani abbiano quando abbandonano il sistema di istruzione formale per diventare cittadini democratici. Il compito fondamentale non è quello di formare una professione, qualunque cosa io faccia, sarà seria se sono onesto, se collaborerò e se non competerò ".
Una riflessione sul compito dell'insegnamento: "Primo, pensiamo che sia il compito più importante nella formazione dei Paesi perché è il campo di formazione dei cittadini. Secondo, viviamo in un mondo che enfatizza la tecnologia, ma c'è ancora qualcosa che non è sostituibile e che speriamo non lo sia mai, ovvero la riflessione. Quello che fa l'insegnante è fondamentale perché invita alla riflessione. Nel momento in cui scegli, hai la meravigliosa esperienza della libertà, o lasci quella scelta che hai fatto e cambi idea, la libertà non è sostituibile e impari solo con le persone che riflettono ". 
Humberto Maturana


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)