Riflessioni di Humberto Maturana



Maturana per RSD5
Modifica versione 2 1 di 3
Riflessioni di Humberto Maturana
Per RSD5, Toronto, ottobre 2016
Riflessioni sul design
Parlo come membro della Matriztic School of Santiago, consapevole che noi esseri umani esistiamo come individui socio-culturali di riflessione sociale che generano e integrano come persone l'organismo ecologico-di nicchia in cui facciamo tutto ciò che facciamo nel corso della continua realizzazione della nostra autopoiesi molecolare. E voglio anche dire che tutte le riflessioni che sono qui presenti sono il risultato delle conversazioni che Ximena Dávila e io abbiamo avuto lungo 18 anni da quando abbiamo creato Matriztica e abbiamo lavorato insieme.
L'atto del design è l'atto di specificare intenzionalmente una matrice arbitraria di relazioni in alcuni domini operativi scelti. Ciò che guida il processo di progettazione è il desiderio di creare una particolare configurazione di condizioni relazionali che, come risultato, daranno origine a ciò che vogliamo che accada.
Riflessioni biologiche
1. Ci troviamo ad essere sistemi viventi quando riflettiamo su noi stessi e su come facciamo cosa facciamo; cioè scopriamo che esistiamo come sistemi autopoietici molecolari in cui operiamo con coerenza molecolare dinamica con la loro nicchia ecologica che sorge con loro come si rendono conto essi stessi come sistemi autopoietici molecolari.
2. La nicchia ecologica è il dominio di tutti i processi, le relazioni e le interazioni che costituiscono le circostanze che partecipano a rendere possibile la realizzazione di un organismo come un discreto essere autopoietico molecolare. L'unità ecologica dinamica-nicchia della realizzazione del l'autopoiesi molecolare di un sistema vivente è ciò che osserviamo come il suo modo di vivere.
3. In noi, il nostro modo di vivere, cioè il vivere in coordinazioni ricorsive di sentimenti interiori, azioni ed emozioni nel linguaggio come diversi tipi di conversazioni di spiegazioni e riflessioni su ciò che facciamo, è un aspetto fondamentale della nostra nicchia ecologica e dei nostri modi di vivere da soli e insieme in comunità di generi diversi sostenuti da diverse emozioni e modi di relazionarsi.
4. Diciamo che noi esseri umani siamo fondamentalmente esseri sociali, ma non tutte le relazioni umane lo sono le relazioni sociali, è l'emozione che sostiene il flusso di ogni particolare relazione umana dinamica che lo definisce carattere. L'emozione che costituisce i rapporti sociali tra il vivere i sistemi in generale e tra gli esseri umani in particolare, è amore; l'emozione che costituisce i rapporti di lavoro tra gli esseri umani sono l'impegno a dare un po 'di "energia" concordata a un altro persona in cambio della realizzazione di un compito specifico; la combinazione di emozione che costituisce relazioni gerarchiche sono sottomissione e dominio ... Così, come le emozioni cambiano nel flusso di interazioni e relazioni umane, la natura di tali interazioni e relazioni cambia.
Riflessioni epistemologiche
1. Se vogliamo coordinare le nostre azioni, i nostri sentimenti e il nostro modo di pensare con onestà in un comune scopo in qualche particolare ambito della nostra vita, dobbiamo desiderare di vivere insieme (vale a dire, in rispetto reciproco) in quel dominio perché è solo se vogliamo vivere insieme che saremo in grado sviluppare desideri coerenti comuni che definiranno in ogni istante il corso di ciò che facciamo, insieme o indipendentemente, nell'armonia di uno scopo comune.
Se non vogliamo vivere insieme, non saremo in grado di coordinare onestamente i nostri sentimenti e azioni nel rispetto reciproco in uno scopo comune perché saremo in riflessioni in diversi domini e ascolteremo e parleremo con sentimenti interiori diversi.

Inoltre, se fingiamo di voler vivere insieme e non vogliamo farlo, lo faremo
barando e alla fine saremo scoperti.
2. In relazione alle mie riflessioni sui sistemi sociali e sul design sociale, voglio dire prima quali sono i miei due desideri fondamentali, e che non li userò come aspetti delle mie riflessioni o parte dei mie argomenti. Quello che vorrei accadesse è:
a) che smettiamo di vivere in una continua crescita demografica;
e b) che facciamo ciò che facciamo nel campo della tecnologia in un modo tale che noi esseri umani non dobbiamo rimanere mai intrappolati in alcun sistema tecnologico, cioè, facciamo tutto ciò che facciamo in un modo tale la tecnologia rimane sempre uno strumento per il nostro uso e non perdiamo mai la nostra capacità di riflessione e autonomia per la scelta consapevole di ciò che vogliamo fare. Penso che se non lo faremo, se non lo faremo presto smetteremo di essere Homo sapiens-amans amans . Cioè, presto smetteremo di essere esseri umani sociali.
3. Conservare la nostra autonomia riflessiva e la capacità di fermarsi a volontà in qualsiasi istante automaticamente dal funzionamento del sistema tecnologico autonomo che potremmo progettare. Se non lo facciamo, lo faremo presto progettare sistemi autonomi che inizieranno a funzionare secondo i propri progetti. Siamo umani
gli esseri umani differiscono dai robot per il fatto che noi come sistemi viventi siamo esseri storici che esistono come organismi in un presente che sta cambiando continuamente come una nuova configurazione di sensoriale, operativa e le coerenze relazionali tra noi come organismi e il mezzo che cambia indipendentemente nell’unità ecologica-di nicchia che integriamo. È il risultato della nostra deriva naturale storica, come sistemi viventi che possono vivere in interazioni in cui noi come osservatori vediamo la disposizione di accettazione o disposizione di rifiuto, che possiamo distinguere quelle disposizioni relazionali come ciò che ora chiamiamo emozioni. Le emozioni guidano il corso che i sistemi viventi seguono nella realizzazione del loro vivere nella loro storia evolutiva come definiscono ad ogni istante il percorso seguito dal loro deriva naturale.
4. Noi esseri umani, in quanto esseri che languiscono (desiderano), siamo, nel nostro presente di riflessione ricorsivo, i soli esseri viventi sulla terra che scelgono consapevolmente il corso della loro deriva naturale come esseri biologico-culturali  perché sono sempre consapevoli dei motivi (emozioni) in base ai quali scelgono cosa scelgono. E sappiamo che lo fanno perché risponderanno sempre alla domanda, perché hai fatto quello che hai fatto?, riferendosi a un misto di motivazioni (emozioni) o ad un logico-razionale la teoria e le teorie logico-razionali hanno sempre le emozioni come fondamento scelto.
Domande e risposte
Domanda : cos'è una società umana e come funziona?
Risposta : una società è un sistema sociale singolare definito dal desiderio di una qualche forma di vita insieme, costituito da una particolare rete chiusa di conversazioni che definisce la dinamica sentimento interiore, azioni ed emozioni che lo realizzano come un modo di vivere.
Domanda: qual è il suo rapporto con la tecnologia?
Risposta: la tecnologia è uno strumento operativo che noi esseri umani progettiamo per
facilitare o garantire determinati risultati che desideriamo ottenere in alcuni domini di nostra scelta all'interno del dominio sociale in cui vivono.
Domanda: qual è il design e quale impatto può avere?
Risposta: L'atto di progettare consiste nello specificare una particolare configurazione di processi concepito come uno strumento per ottenere determinati risultati in alcuni ambiti sociali desiderati che noi potrebbe desiderare di abitare. L'impatto che un atto di design avrà dipenderà sempre da quali sentimenti che evoca nelle persone che vivono dentro o con esso.
Domanda: cosa dovremmo studiare o fare per creare un mondo in cui vogliamo vivere
insieme?
Risposta: dovremmo prima essere d'accordo che vogliamo vivere insieme. E poi, ascoltandoci a vicenda,

Maturana per RSD5
Modifica versione 2 3 di 3
generare conversazioni oneste, riflessive e collaborative nel comune progetto di fare tutto ciò che noi potremmo desiderare di fare, nel presente storico di trasformazione che viviamo, conservare questo modo di vivere.
Domanda: Data la complessità e intrecci di politica e tecnologie, dove possiamo
concentrarci per determinare il cambiamento?
Risposta: Per prima cosa dobbiamo essere consapevoli che noi esseri umani non ci piace che sia qualcun altro determinare cosa pensiamo o facciamo; vogliamo imparare, riflettere, cambiare ... quando sentiamo che vogliamo il cambiamento basato sulla nostra comprensione e scelta. Detto questo, tutto ciò che rimane aperto a noi, se noi vogliamo vivere insieme, è di incontrare conversazioni aperte e riflessive attorno a ciò che vogliamo conservare in ciò che siamo d'accordo di fare in un progetto comune di convivenza. Secondo dobbiamo essere consapevoli che noi esseri umani viviamo un presente che cambia, generando tutto ciò che facciamo mossi dai nostri desideri, propositi e paure, in un cambiamento storico presente nella biosfera, essendo gli unici
esseri viventi che possono scegliere consapevolmente cosa fare in ogni istante. E terzo, dobbiamo essere consapevoli che noi esseri umani non siamo intrappolati in un futuro che ci viene presentato come un processo di selezione naturale competitiva dei migliori esseri adattati in un mezzo che cambia in modo indipendente.
Tutti gli esseri viventi vivono nel loro organismo ecologico - l'unità di nicchia, seguendo il percorso in cui essi sentono che stanno conservando il loro benessere; l'unica cosa peculiare per noi è che noi esseri umani scegliamo consapevolmente il percorso che seguiamo nella conservazione del nostro vivere e, pertanto, siamo responsabili per ciò che scegliamo. In queste circostanze la nostra domanda fondamentale è, se vogliamo
vivere insieme: cosa vogliamo conservare nella nostra convivenza in un presente che cambia quale il corso che segue dipende da ciò che scegliamo di fare consapevolmente?
Domanda: ci sono domande migliori di queste?
Risposta: l'unica domanda che vorrei aggiungere ora è: cosa vogliamo conservare nel nostro vivere insieme? Ciò che conserviamo nella nostra convivenza nell'ora del nostro continuo cambiamento nel presente definirà il nostro modo di vivere nel nostro futuro, che non sappiamo come sarà.
Riflessioni etiche
Desidero aggiungere le seguenti riflessioni etiche che esprimono le nostre preoccupazioni in Matriztica, e in particolare le mie e quelle della mia collega Ximena Dávila Yáñez, in relazione alla possibilità della produzione di qualche disegno tecnologico che possa sostituire o puntare a sostituire la nostra autonomia di
azione, scelta e riflessione, per qualche sistema robotico di decisioni sulle nostre azioni.
La domanda fondamentale in relazione alla nostra vita sociale umana di fronte alla crescita della nostra capacità di design e tecnologia, e questo ci rende capaci di fare qualsiasi cosa immaginiamo essenzialmente etico. Stiamo progettando apparati tecnologici apparentemente con l'obiettivo di sostituire noi in qualunque cosa facciamo, sostenendo che vogliamo facilitare la nostra vita ... o sotto la vanità di onnipotenza? Che dire della nostra fondamentale autonomia riflessiva e della nostra libertà di scelta di esseri viventi biologicamente amorevoli ed etici? Amore, equità, etica sociale e desiderio di autonomia e di riflessione e azione non sono un prodotto di alcune teorie filosofiche, religiose o scientifiche; essi sono aspetti costitutivi fondamentali della nostra esistenza umana biologico-culturale – vogliamo conservarli come viviamo nel nostro presente in continuo cambiamento?
Cosa vogliamo fare quando parliamo di design sociale? Cosa vogliamo conservare quando noi parliamo di design sociale?
Possiamo noi esseri umani progettare robot che riflettono? Sì, davvero noi esseri umani possiamo farlo, non è questo il problema"; attualmente sono progettati sotto forma di automobili autonome, per esempio. Era sotto questa preoccupazione che Asimov ha scritto sulla legge fondamentale della robotica: "il robot che riflette non farà nulla che possa ferire un essere umano ". Possiamo essere sicuri che noi siamo umani e che
gli esseri umani non infrangeranno questa legge della robotica?


Humberto Maturana R., dicembre 2016


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)