Tutti i partiti copieranno la Piattaforma Rousseau



Da ragazzo andavo in sezione per partecipare al rito del Congresso del Partito. Si faceva prima il Congresso nel Comune, poi quello della Provincia, quindi quello della Regione ed infine c’era il Congresso Nazionale. La stagione dei Congressi esiste ancora, la fanno i Sindacati, ma non penso che ci siano Partiti che abbiano una articolazione come quella a cui partecipai io quarant’anni fa.
Le forze politiche di adesso sono liquide e, per lo più, nascono dalla volontà di un manipolo deciso di donne e uomini che si strutturano in oligarchia e determinano tutto; poi a cosa fatte informano con la Tv o con i Social Network il resto dell’Universo Mondo.
Fa eccezione il Movimento 5 stelle che ha una base di 50mila e più di iscritti che votano direttamente da casa attraverso la Piattaforma Rousseau.
Ora sono certo che in questi giorni se ne diranno di tutti i colori sulla democrazia diretta e sul voto dei cittadini, ma io penso che la partecipazione che garantisce il Movimento 5 stelle, è ad oggi quella che mi convince di più, perché non viene messa in moto solo quando si devono designare le oligarchie ma anche per decidere su questioni proprie dei Deputati e dei Senatori come è accaduto con l’autorizzazione a procedere di Salvini.
Ho riflettuto sul modello e credo che molto presto le forze di sinistra per prime e, via via tutti gli altri partiti, si organizzeranno copiando dalla Piattaforma Rousseau.
Antonio Bruno Ferro

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)