L'identità mascolina


LA IDENTIDAD MASCULINA

Presentazione
Una particolarità della dignità umana è la possibilità di un cambiamento permanente. Costruiamo la nostra identità ogni giorno, per tutta la vita.
Gli imperi coloniali volevano imporre un pensiero universale, classificazioni universali, come quelle di uomini e donne. E assegnare a ciascuno dei ruoli, presumibilmente, provenienti dalla natura o dalla divinità. Con la globalizzazione, si credeva che questo sogno di universalità fosse raggiunto; ma ciò che la globalizzazione ha dimostrato è, appunto, la diversità.
Ecco perché oggi parliamo di Generi e Mascolinità.
Ma c'è una mascolinità egemonica che resiste ancora, anche in modo violento: "è mia o di nessuno"; anche ricorrendo a forme più sottili come la pubblicità. L'Old Spice oggi cerca di convincerci che la nuova mascolinità è una questione di deodoranti: l'uomo "uomo" odora di uomo!
Gli uomini non sono nati, sono fatti. Come siamo diventati uomini? C'è solo un modo per essere uomini? Quali costi paghiamo per essere "uomini"? Perché le mascolinità sono discusse oggi?
Queste sono alcune delle preoccupazioni su cui ci proponiamo di riflettere e conversare. scopo:
I partecipanti diventano consapevoli del processo di costruzione della propria identità maschile riflettendo criticamente sugli archetipi che circolano socialmente, pressando su ogni uomo l'adozione di un tipo di mascolinità egemonica; e, inoltre, sul significato delle esperienze e delle possibilità di costruire nuove mascolinità a livello personale e sociale.
Testi di motivazione
"Dovere, prove, dimostrazioni, sono parole che confermano l'esistenza di una vera razza per diventare un uomo. La virilità non è garantita, è costruita; diciamo, "è fabbricata".
"Abbiamo imparato che essere un uomo è l'opposto di una donna; essere un uomo non significa essere una donna, niente di femminile. In effetti, la mascolinità è costruita sulla base della negazione e del ripudio in sé di tutto ciò che è considerato femminile, poiché si ritiene che il femminile sia inferiore. (Elizabeth Badinter) Il re, il guerriero, il mago, il maschio alfa (il proprietario delle femmine) sono figure che simboleggiano la mascolinità egemonica. La volontà del re è inappellabile, ha il diritto alla vita e alla morte sui suoi sudditi, la sua volontà capricciosa è la legge; i territori conquistati diventano il suo dominio. Il guerriero deve imporre, ottenere e mantenere il potere e ciò richiede l'uso della forza, anche armato; la violenza usata per questo è giustificata: dobbiamo mantenere l'ordine e piegare la volontà dei ribelli. Il mago è il saggio, il proprietario della conoscenza, dotato di tutte le abilità; è l'unico che sa cosa dovrebbe fare, il resto è ignoranza, incapacità. Il maschio alfa è il proprietario geloso della mandria; Il suo potere sessuale non può essere messo in discussione. Le donne sono a sua disposizione con la forza, con il denaro, con l'attrazione del potere, con l'amore. 'Se non è mio, non apparterrà a nessuno'.
Non dovremmo vergognarci di essere un uomo. Ma di mascolinità basate su rapporti di competizione e dominio e non sul riconoscimento dell'Altro - come legittimo Altro-a, "con diritto ai diritti".
"Un cambiamento nella socializzazione maschile è un compito ambizioso ma essenziale per la salute e la sicurezza di uomini e donne. La sopravvivenza della società potrebbe risiedere nella nostra capacità di insegnare agli uomini a proteggere la vita. " C. Thompson
"La mascolinità non è un'essenza universale e costante (...) Ecco perché parliamo di mascolinità (...) La mascolinità significa cose diverse per gruppi diversi in contesti diversi" (Kimmel, 2001: 48).
"Questo lavoro non promuove uno spirito di colpa collettiva o accusa collettiva. Al contrario, invitiamo uomini e ragazzi ad adottare modelli di mascolinità più sani e non violenti e ad assumersi la responsabilità di lavorare fianco a fianco con le ragazze e le donne per raggiungere la giustizia di genere ". (Coinvolgere uomini e ragazzi nel raggiungimento dell'uguaglianza di genere, Dichiarazione di Rio de Janeiro, aprile 2009).
Sii il cambiamento che vogliamo nel mondo (Gandhi)
Momenti pedagogici e obiettivi specifici
Sentite: richiamate il processo che ha portato i partecipanti a diventare "maschi", esprimendo ciò che oggi pesa, o costa, essere. Qual è il costo emotivo di essere un "maschio"?
Pensa: identifica gli archetipi nella mascolinità egemonica8: il re, il guerriero, il saggio-mago e 'il cinghiale di Guaca' (amante, allevatore), presente nel nostro processo di costruzione di un'identità maschile, per assumere l'interpellanza con questi archetipi dal movimento femminista: equità e relazioni di potere.
Atto: socializzare gli atteggiamenti personali verso i concetti chiave: sesso, genere, socializzazione di genere, ruolo di genere, stato di genere, mascolinità, femminilità, patriarcato, machismo, androcentrismo, sessismo, discriminazione di genere, violenza di genere, femminismo.


Calendario del seminario (tempo stimato: 5 ore)

Attività 1. Atmosphere9 (45 minuti)
4 Procedura:
+ Presentazione personale:
Tutti i partecipanti sono inseriti in un cerchio. A ciascuno viene consegnata una cartolina per annotare il suo nome, la sua organizzazione e il suo luogo di origine. Uno per uno, si mostrano mostrando la carta. Quindi le carte vengono ruotate di mano in mano, mentre la musica suona per impostare l'umore; Quando la musica si ferma, ogni persona consegna la carta nelle loro mani a chiunque pensi che appartenga a loro. Se non colpisci in un primo momento, dovresti cercare finché non lo trovi. Nessun partecipante ha più di una carta. La persona che riceve la carta ribadisce il suo nome, il luogo e l'organizzazione di origine. E aggiungi le tue aspettative di fronte al seminario ".
+ Presentazione del processo che inizia e modulo 1.
Il Facilitatore spiega gli scopi del processo: promozione della mascolinità non egemonica; inoltre, gli obiettivi del modulo1 e la programmazione del workshop.
+ Esercizi di cura personale:
Primo momento: seguendo le istruzioni del Facilitatore, o di un partecipante, i movimenti circolari sono fatti da sinistra a destra con le seguenti parti del corpo: prima i piedi (uno a uno); poi ogni gamba sollevando e piegando prima una gamba fino all'altezza della vita, cercando di ottenere il miglior equilibrio possibile; poi, le mani all'altezza del polso; le braccia, le spalle, la testa e infine la vita.
Secondo momento: c'è un tour del palcoscenico o del luogo di lavoro, in cui tutti i partecipanti si incrociano cercando di non toccarsi, tanto meno di comunicare; prima camminato, e a poco a poco il ritmo è accelerato fino a correre, seguendo le istruzioni del Facilitatore. Nel mezzo di questi percorsi si congelano e il viaggio continua.
Terzo momento: gli esercizi di respirazione sono fatti, prendendo aria attraverso il naso ed espellendo attraverso la bocca. Con l'inspirazione ed espirazione è contato mentalmente a 3, 4, 5 e / o fino a 10, per andare a respirazione normale.
Nota: "È importante che quando si succhiano tutti i muscoli del corpo siano stressati e quando si espirano si rilassano; poiché la respirazione deve essere un atto di tutto il corpo. "
4 materiali:
+ Guida all'esercizio. Apparecchiature audio Musica selezionata per il caso. Manuale per Facilitatori.
2. Momento pedagogico: SENTIRE
Obiettivo specifico: Per richiamare il processo che ha portato ai partecipanti di essere "maschio" che esprime ciò che pesa o costi di oggi, essere. Qual è il costo emotivo dell'essere maschio?
2.1. Come sono diventato un ragazzo? (45 minuti)
4 Procedura:
Dinamica dei non vedenti e guida: i partecipanti sono organizzati in coppia. Una persona interpreta il ruolo di cieco e l'altra come guida. Dopo alcuni movimenti diretti dal Facilitatore, i ruoli sono cambiati.
Il Facilitatore conduce una discussione sulla seguente domanda: come si sentiva ciascuno in ciascuno dei ruoli? Il Facilitatore evidenzia aspetti come i sentimenti di sicurezza o di insicurezza causati dall'essere gestiti da un altro. Sulla relazione che questo ha con il potere (capacità di dominare o servire). E come la cultura patriarcale guida il nostro processo di costruzione dell'identità.
+ Riflessione individuale: (10 minuti)
Ogni persona scrive una scheda un aneddoto in cui ha chiesto socialmente, nell'infanzia o nell'adolescenza, comportandosi come "maschio" da luoghi comuni su ciò che significa (la mascolinità tradizionale).
+ Lavorare in gruppi di 5 persone: (30 minuti)
Si è riunito scheda individuale contare la situazione per i membri del gruppo e successivamente un dialogo comune su queste domande è:
Come mi sono sentito in quel momento prima che venissi richiesto che io sia "maschio"? Cosa è rimasto di quell'esperienza per il mio modo di capire cosa significa essere "maschio"?
Quali costi negativi o positivi ha quel modo di capire che cosa significa essere "maschio" nella mia vita?
(Un rappresentante del gruppo raccoglie le conclusioni del dialogo per presentarle in plenaria)
+ Plenaria per la socializzazione: (35 minuti)
Nella plenaria i rappresentanti socializzano le conclusioni del lavoro in gruppo. Il Facilitatore scrive idee e differenze comuni alla lavagna. Quindi il Facilitatore mette in relazione quanto sopra con elementi dei Testi di motivazione suggeriti per questo modulo e con elementi di cultura regionale. Infine, il Facilitatore chiede ai membri della plenaria di formulare alcune idee centrali intorno alla domanda:
Qual è il costo che ci impone di assumere forme di mascolinità tradizionali? Siamo ciechi guidati dalla cultura patriarcale? Quali aspettative personali lascia la riflessione sul tema delle nuove mascolinità?
4 materiali:
+ Fogli mnemonici. Lapiceros. Marcatori. Tavola acrilica Recorder. computer
3. Momento pedagogico: PENSARE
Obiettivo specifico: identificare archetipi nella mascolinità egemonica: il re, il guerriero, il saggio-mago e 'il Cinghiale guaca' (amante, il giocatore) presenti nel nostro processo di costruzione di un'identità maschile, di prendere questi interpellanza archetipi del movimento femminista: equità e relazioni di potere.
4 attività:
3.1. Archetipi di mascolinità egemonica (60 minuti)
3.1.1. Mostra sull'argomento. (15 minuti)
Il Facilitatore fa una presentazione concettuale sugli archetipi della mascolinità egemonica che consente ai partecipanti di appropriarsi delle informazioni pertinenti. Gli archetipi in questione possono essere associati a frasi di uso comune: il re ('qui comando io), il guerriero (' me me rispetto o faccio io rispetto '), il sabiomago (' Ho detto loro, li avvertiti), 'il Cinghiale guaca' (amante, il giocatore 'mia o di chiunque' ).
Nella presentazione viene suggerito il ricorso a situazioni quotidiane in cui questi archetipi sono coinvolti quotidianamente. L'uso di queste situazioni consentirà alla presentazione di rendere possibile l'interazione con i partecipanti per analizzare, tra l'altro, l'influenza degli archetipi nelle situazioni presentate.
4 materiali:
+ Raggio video, computer con accesso a Internet, se possibile.
3.1.2. Esercizi di rappresentazione archetipo. (Tempo per attività: 45 minuti)
4 Lavoro dei gruppi In 4 gruppi, ognuno raccoglie un breve sociodramma basato su uno degli archetipi precedentemente presentati. Il sociodramma si concluderà con una posizione di "immagine teatrale del congelato" che mostra con la disposizione dei loro corpi la situazione conflittuale nelle relazioni di genere che la scena esprime. (Preparazione del sociodramma: 10 minuti)
Nel momento in cui un gruppo finito la sua presentazione nella posizione di "teatrali" congelato, il facilitatore invita gli spettatori partecipanti di apportare modifiche al "immagine teatrale" che porta a trasformare l'influenza degli archetipi della mascolinità egemonico nella storia, dalle forme non egemoniche di mascolinità. (Il Facilitatore può definire varianti in questo esercizio, in base al tempo disponibile)
3.1.3. In plenaria
Si tiene un discorso Il sociodramma ha presentato attorno alle domande: in che modo gli archetipi della mascolinità egemonica influenzano la costruzione delle nostre identità di genere? E come possiamo trasformare le nostre identità di genere da nuove mascolinità?
Una concussione della plenaria sarà stabilita come una sintesi che verrà raccolta dal facilitatore alla lavagna, mentre i partecipanti intervengono. (30 minuti)
3.2. Riflessione sui miei comportamenti attuali
Ogni partecipante scrive un recente aneddoto personale su un disco che identifica l'influenza degli archetipi della mascolinità egemonica sulle relazioni di genere in cui è coinvolto. Le carte saranno anonime, quindi non devi scrivere il nome dei partecipanti, ma i testi devono essere leggibili da altri. (10 minuti)
Una volta che tutti i partecipanti hanno finito di scrivere il loro aneddoto, i gettoni vengono messi in una scatola. In una tavola rotonda, i partecipanti prendono una scheda a caso dalla scatola, e a turno leggono ad alta voce e fanno brevi commenti basati sulle conclusioni della sessione plenaria precedente. (30 minuti)
3.3. L'interpellanza alla mascolinità egemonica dal movimento femminista (equità e relazioni di potere)
Basato sulla lettura "Qual è il femminismo della differenza?", Suggerito per questo modulo, il facilitatore fa una presentazione magistrale sulla critica del patriarcato dal movimento femminista: equità, valutazione della differenza, protezione della vita . (20 minuti)
4 materiali:
Allegato 1. Testo "Qual è il femminismo della differenza"
4. Momento pedagogico: ACT
Obiettivi specifici:
+ Socializzare gli atteggiamenti personali verso i concetti chiave: sesso, genere, socializzazione di genere, ruolo di genere, stato di genere, mascolinità, femminilità, patriarcato, machismo, androcentrismo, sessismo, discriminazione di genere, violenza di genere, femminismo.
+ Definire gli impegni di cambiamento personale in relazione ai comportamenti di mascolinità egemonica, tenendo conto dello slogan "Sii il cambiamento che vogliamo nel mondo" (Gandhi).
4 attività:
4.1. Appropriazione di parole chiave: sesso, genere, socializzazione di genere, ruolo di genere, stato di genere, mascolinità, femminilità, patriarcato (20 minuti)
+ Procedura: lavorare in gruppo. Lettura dell'allegato 1: imbroglio delle parole. Domande o chiarimenti di concetti sono formulati, a seconda dei casi.
4 Materiali: copie del testo allegato 1. Cofre de Palabras.
4.2. "Sii il cambiamento che vogliamo nel mondo" (Gandhi): Rinuncia ai comportamenti tipici degli archetipi della mascolinità egemonica.
+ Procedura:
4.2.1. In gruppo o in plenaria, il testo "Coinvolgere uomini e bambini nella realizzazione dell'uguaglianza di genere" viene letto e commentato. Allegato 3 www.promundo.org.br/en/wp.../declaracao-rio-espanol-para-pdf. (20 minuti)
4.2.2. Riflessione individuale: un comportamento di archetipi di mascolinità egemonica che voglio rinunciare è scritto su un foglio di carta. Questo foglio è conservato per il rituale d'addio. (10 minuti)
4 materiali:
Allegato 3. Coinvolgere uomini e ragazzi nel raggiungimento dell'uguaglianza di genere. Fogli di carta Lapiceros
5. Chiusura del workshop (30 minuti)
+ Procedura:
5.1 Valutazione: una lezione che prendo
In un cerchio, attorno al fuoco, ogni persona dice una lezione che viene presa dal Workshop.
5.2 Rituale di addio:
Incenerimento di comportamenti indesiderati
In un incendio, posto al centro del gruppo, ogni persona incenerisce la carta con i comportamenti che vuole rinunciare. Se a Se lo desideri, puoi condividere un sentimento o un'idea mentre ti avvicini alla tua scrittura.
È terminato di cantare "Ascolta il fratello della canzone della gioia ..." (Il Facilitatore può selezionare un'altra canzone che trovi adatta)
4 materiali:
Fuoco, fiori, candele, incenso, nave, accendino, equipaggiamento sonoro e disco "L'inno della gioia".
Bibliografía
q Campos Guadamuz, Álvaro. Así aprendimos a ser hombres. 1a ed. San José, Costa Rica. 2007. q Minello Martini, Nelson. Masculinidades: un concepto en construcción. Journal: Nueva Antropología 2002 XVIII(61). www.redalyc.org/ articulo.oa?id=15906101 q Hernández, Oscar Misael. ESTUDIOS SOBRE MASCULINIDADES. Aportes desde América Latina. El Colegio de Michoacán, México. http:// revista.ujaen.es/rae - Estudios sobre varones y masculinidades. IV Coloquio Internacional. Montevideo. 2011 www.unfa.org.uy/userfiles/ publications/34_file1.pdf q Diccionario de la transgresión feminista. JASS. Asociadas por lo justo. www.justassociates.org/esp q Bonino, Luis. Las nuevas paternidades. Cuadernos de Trabajo Social. 2003. Madrid. CTS-UAM q Puleo, Alicia H. EN TORNO A LA POLEMICA IGUALDAD/DIFERENCIA. Cátedra de Estudios de Género. Universidad de Valladolid / http://www.nodo50.org/mujeresred/feminismo-a_puleo-igualdaddiferencia.html q Sendón De León, Victoria. Qué es el feminismo de la diferencia. http://www.nodo50.org/mujeresred/victoria_sendon-feminismo_de_ la_diferencia.html q Quiroga Díaz, Natalia y Gómez Correal, Diana. ¿Qué tiene para aportar una economía feminista decolonial a las otras economías? www.viva.org.co/cajavirtual/svc0339/articulo18.html q Involucrando a Hombres y Niños en la Equidad de Género. Declaración de Rio de Janeiro. 2009 www.promundo.org.br/en/wp.../declaracao-rio-espanol-para-pdf.pdf

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)