Enrico Zuccaro e la signora Realina De Giorgi

La signora Realina De Giorgi 

La figlia “te la Chcchina te lu sale”. “Adittu la mamma cu me tai nu chilu te sale” e per acquistarlo si doveva andare con un fazzoletto destinato a contenerlo.
E’ stata presidente dell’Azione Cattolica e militante delle Vincenziane.
Una donna molto presente nella Comunità parrocchiale. Ma soprattutto è stata una Maestra.
Mi ha chiamato Enrico Zuccaro e mi ha detto:
Questa mattina ho visto i manifesti. La mia maestra non c’è più. Era una donna straordinaria, e ogni volta che mi vedeva mi ricordava di un problema facile facile, che io facevo finire con numeri esorbitanti.
Quando la mattina andavo a scuola era bello vedere una donna alta che mi trattava come un figlio, che mi consolava se per caso sbagliavo qualcosa.
Anche se ci rimproverava non utilizzava mai parole offensive e tentava di sdrammatizzare con lo scherzo.
Con i bambini era molto affettuosa e non era mai pesante stare in classe con lei.
Quando iniziò la quinta classe, dopo quattro anni, la Maestra Realina De Giorgi fu sostituita dal prof Panzera e tutti sentimmo la sua mancanza.”
Enrico è commosso per la scomparsa della sua Maestra, l'hanno festeggiata nell'anno 2008 lui insieme a quelli della terza classe sezione B in cui Realina De Giorgi insegnò nel 1960 – 61.
In quell'occasione Realina diede ai ragazzi di allora un quaderno contenente le loro ricerche. Ciò diede vita a una pubblicazione che di seguito ripropongo anche perchè dal 1961 ad oggi è bello vedere com'è cambiato il paese più bello del Mondo.


Antonio Bruno











































Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?