Lu marisciu te San Cisariu


Lu marisciu dal latino meridiem (Post meridiem è un'espressione latina, comunemente abbreviata in P.M., p.m., o pm, che indica le ore da mezzogiorno alle undici di sera)
Ho letto il post di Luigi Pascali che mi ha fatto realizzare che in Cina non sanno cosa sia “LU MARISCIU TE LI SANCISARIANI”.
Mi sono chiesto se i bambini della San Cesario di Lecce del Terzo Millennio sappiano cos’è “lu marisciu”.
Io da bambino passavo le mie giornate d’estate dai nonni. La curte a rretu la farmacia te don Gennaru. A Pranzo a me non dovevano mancare le frittelle della nonna Memmi che io adoravo con quel fortissimo sapore di menta che lei raccoglieva dal vaso “ca tenia intra alla curte”. Finito il pranzo il nonno diceva che doveva chiudere gli oscuranti della porta e lu “feniesciu” della stanza con le volte a stella perché si doveva andare a dormire.
A nulla servivano le mie proteste, che si trasformavano in proposte di non fare rumore e poi in vere e proprie suppliche. Loro mi mettevano al centro del loro letto e, una volta che tutto era buio pesto, per fermare il mio “girarmi e rigirarmi nel letto” la nonna diceva “Antoniu termi se no enenu li carabinieri”.
Ora io non sapevo chi fossero questi carabinieri. Mi veniva solo in mente mio nonno Pippi, ovvero il papà della mia mamma, che poi si chiamava Giuseppe FERRO che era stato un carabiniere a cavallo che aveva fatto la guerra di Libia. 
Mio nonno Giseppe Ferro Carabiniere a Cavallo 
Siccome mio nonno Carabiniere era una persona dolcissima e comprensiva, dispensatore di consigli per l’intera Comunità Lequilese che l’aveva accolto proveniente dalla natia Marsala in Sicilia (il nonno mi diceva che Marsala deriva dall'arabo marsa 'Ali, ossia "porto di Alì"); davvero non capivo cosa mai mi potessero fare di così grave i Carabinieri da indurmi dal desistere a rimanere sveglio negli infuocati pomeriggi “sancisariani”. Né riuscivo ad immaginare mio nonno Pippi nella veste di castigatore di bambini che si rifiutavano di prendere sonno “lu marisciu”.
Finisce qui la mia esperienza di bambino che affrontava i pomeriggi estivi per i cinque lunghissimi anni delle scuole elementari nei quattro interminabili mesi estivi. Nel paese più bello del Mondo il sole ardeva al punto “cu spacca le petre” e di pomeriggio si poteva tranquillamente girare per le strade assolate di un bianco accecante poiché erano completamente DESERTE. Ovunque porte e finestre sbarrate. Ho capito poi che si barricavano tutti in casa per far rimanere fuori il caldo dell’estate rovente.
Alla fine mi addormentavo e al risveglio eccomi pronto per la Tv dei Ragazzi da vedere alla Società, in Via Dante, in compagnia di mio nonno Pietro.
Che belli quei tempi che gioia mi da scriverne.

Antonio Bruno



MIRISCIU
ARDE LU SULE CA SPACCA LE PETRE
E GENTE NU SE ITE A MMIENZU ALLE STRATE

PORTE MMASATE E FINESCE SBARRATE
TENUNE FORE LU CAUTU L'ESTATE.

CALA LU SONNU TOPU MANGIATU
E TOCCA ME STENDU PURU PE NU MINUTU,

GRANDI E VAGNONI TUTTI A RIPUSARE
SUBBRA NU LIETTU O A NTERRA SULLE PIZZARE.

LU SCIROCCU E' NCUDDHRUSU, SUTATE A CANDILE
ME OTU E ME GIRU MA NU RIESCU A DURMIRE,

PURU LA MUSCIA ARRETU ALLA PORTA,
MPIGRITA ALLU FRISCU, LU PILU SE LLICCA.

ESSU 'NTRA LU SCIARDINU E
CERCU L'UMBRA TE NU MANDARINU,

NIENTI TE FARE L'ARIA NU GIRA
'NCE' TROPPU CAUTU E NU SE RESPIRA.

'NFORCU LE SCALE E BAU SULLA LOGGIA..
BRUCIA LU SULE A DHRUNCA SE 'MPOGGIA,

SULLI CANNIZZI PROFUMI E COLORI
CUCUZZE, PIPIRUSSI, MARANGIANE E PIMMITORI,

TUTTI 'NFILATI E CUPERTI TE SALE
STISI ALLU SULE CA SANE SICCARE.

TE CUNSERVA, TE NOCI E TE FICHE SPACCATE
STAUNE CHINE TUTTE LE CANTUNATE,

PIACERE PE L'OCCHI PE L'API E LU NASU,
 MA 'NTRA CASA ALLU FRISCU TOCCA 'NTORNA CU TRASU.

STAU FASTIDIUSU NU SACCIU CE' FARE
CU DORMU E' NA LOTTA, E NU SE PO RIPOSARE,

LU SULE STA CALA E ME TOCCA BAU FORE,
CA TEGNU 'NDACQUARE PASULI E CICORE.





(POMERIGGIO)

ARDE IL SOLE CHE SPACCA LE PIETRE
E GENTE NON SI VEDE IN MEZZO ALLE STRADE,

PORTE SOCCHIUSE E FINESTRE SBARRATE
TENGONO FUORI IL CALDO D'ESTATE.

VIENE IL SONNO DOPO MANGIATO
 E DEVO STENDERMI ANCHE PER UN MINUTO,

GRANDI E BAMBINI TUTTI A RIPOSARE
SOPRA AD UN LETTO O SOPRA LE PIZZARE.(*)

(*) (TAPPETI FATTI CON I LEMBI DI STOFFA)

LO SCIROCCO E' APPICCICOSO, SUDATE COME COLATE DI CERA
MI GIRO E MI RIGIRO MA NON RIESCO A DORMIRE,

ANCHE LA GATTA DIETRO LA PORTA
IMPIGRITA AL FRESCO, IL PELO SI LISCIA.

ESCO NEL GIARDINO
CERCO L'OMBRA DI UN MANDARINO,

NIENTE DA FARE L'ARIA NON GIRA
FA TROPPO CALDO E NON SI RESPIRA.

INFORCO LE SCALE E VADO SULL'AREA SOLARE
BRUCIA IL SOLE DOVE SI POGGIA,

SOPRA I CANNIZZI PROFUMI E COLORI
ZUCCHINE, PEPERONI, MELANZANE E POMODORI,

TUTTI IN FILA E COPERTI DI SALE
STESI AL SOLE PER ESSERE SECCATI.

DI CONSERVA, DI NOCI E DI FICHI SPACCATI
SONO PIENE TUTTE LE CANTONATE,

PIACERE PER GLI OCCHI PER LE API ED IL NASO,
MA DENTRO CASA AL FRESCO DEVO DI NUOVO RIENTRARE.

STO FASTIDIOSO NON SO CHE FARE
PER DORMIRE E' UNA LOTTA, NON SI PUO' RIPOSARE,

IL SOLE STA CALANDO E DEVO ANDARE IN CAMPAGNA,
CHE HO DA INNAFFIARE FAGIOLINI E CICORIE.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?