Anche i Sindaci piangono

In fin dei conti “anche i Sindaci piangono” tanto per citare una vecchia soap. Ricordo a me stesso che i Sindaci sono donne ma per lo più uomini che hanno le loro simpatie e le loro antipatie. Hanno le loro emozioni e siccome sono sovraesposti dal punto di vista mediatico e dei contatti, non si sa come possono reagire quando sono sotto pressione.
Una donna o un uomo per fare il Sindaco non deve sostenere alcun esame e non deve avere nessun titolo di studio. L’unica cosa che viene chiesta a un Sindaco è di ottenere la maggioranza dei voti dei cittadini del paese che intende amministrare.
Il Sindaco non piacerà mai a tutti i cittadini e, ahimè, al Sindaco non piaceremo mai tutti i cittadini del suo Comune. E’ la vita, siamo uomini, abbiamo le nostre preferenze e le nostre avversioni.
Ma anche se tutto questo è vero, ti assicuro che seppure ci abbia pensato tanto l’unico Sistema alternativo alle elezioni democratiche che mi intriga molto E’ IL SORTEGGIO.
Voglio dire mettiamo in un bussolotto tutti i nomi dei cittadini dai 18 ai 150 anni e poi chiamiamo un bambino di sette anni, bendiamolo e pubblicamente in piazza, dopo aver fatto girare a lungo il bussolotto, facciamogli estrarre un nome.
Quel nome sarà Sindaco per un tot di anni, secondo me tre anni sono più che sufficienti e poi, un altro sorteggio con gli altri cittadini ad esclusione di quelli che il Sindaco l’hanno già fatto.

Altro non ho pensato, ma voi che siete in tanti e che avete tanta creatività magari troverete altre soluzioni per indicare il Sindaco, ed io non vedo l’ora di leggerle.

Antonio Bruno 

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)