Gianni Letizia: Perché non restauriamo insieme il Centro Sportivo “San Salvatore”?



Un via vai di gente. Adulti, ragazzi, mamme, papà e qualche nonnina cu la seggia a purtata te manu. Questi erano i tornei di calcetto che si organizzavano a San Salvatore fino agli inizi degli anni 90 durante le serate estive. Ricordo che in quegli anni e ancora prima come custode c'era il papà del comandante dei vigili Fernando NATALE...poi Giovanni Stifani papà di Claudio, Stefano ed Italo. Dopo ancora il papà' dei Nobile cioè Cristian, Giuseppe e Gianni. Forse il signor Nobile è stato l'ultimo della serie. Io ricordo questi e da piccolo Ciccio Lezzi e Ntunuccio Foresta l'uomo che pagò e supportò l'ultimo restauro . Bene!! San Salvatore ha bisogno di un RESTAURO !! Un contenitore di energia e sicurezza per bambini e ragazzi. Un contenitore sociale e culturale per tutto il Paese più Bello del Mondo chiama tutti i cittadini ad alta voce e ci dice: VOGLIO ESSERE RESTAURATO. È vero che appartiene alla Chiesa, è vero che parlando con Don Gino ho capito che ci vogliono tanti soldi. Ma è pur vero che tutti quelli come me che son cresciuti in quel  luogo NON POSSONO VEDERE MORIRE DEFINITIVAMENTE un sogno primordiale, un luogo dove l'infanzia e la sua gioventù ha coltivato e temprato la sua personalità e una marea di amicizie solo positive. Questa mattina a caso incontro Andrea Tubbo nel bar a consumare insieme un caffè e ricordando che la sua generazione è stata l’ultima ad usufruire di questo luogo e di questa passione chiamata QUIDDHRI TE SAN SALVATORE (Tutti coloro che ne partecipavano) manca e manca tanto alla Comunità del nostro S.CESARIO. Insieme abbiamo detto, anzi promesso, che con l'arrivo dell'inverno quando tutto sarà passato e assorbito l'effetto festa PATRONALE (tutti siamo ubriachi della bella riuscita) dicevo insieme e insieme a un gruppo di volontari ci si potrebbe approcciare ad un ipotetico RESTAURO. Ecco !! questo mi piace. Mi piace l'idea che un gruppo di Paesani potrebbero tirare fuori un'idea e un progetto comune ! Salvare una memoria storica collettiva è rinnovare alle prossime generazioni, uno stato di INSIEME e di SOCIAL REALE che farebbe solo bene ai nostri figli. Allora io dico a chi ne ha la voglia e la passione: PROVIAMOCI !!Don Gino farebbe sicuramente la sua parte !!..


vanniletizia quellodellaportaccanto

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?