La parola "lecchino" è volgare?

Questo strumento di misurazione è nato da un sondaggio della rivista Focus,  cui hanno risposto ben 2.615 persone e che chiedeva ai suoi lettori quanto determinate parolacce li colpissero e scandalizzassero.

Una considerazione sulla volgarità c'è necessità di esternarla a tutti per favorire una riflessione. Una persona che chiede di fruire delle politiche culturali messe in atto dalle amministrazioni che si sono susseguite a San Cesario di Lecce, dovrebbe aver ottenuto un'emancipazione tale, dal punto di vista culturale, da renderla insensibile alle suggestioni provenienti dal linguaggio scurrile e irrispettoso. Ora io chiedo a Fabio Bruno cos'è che lo informa nella monotona insistenza di un mio parteggiare per Fernando Coppola inteso come leader del Movimento Civica San Cesario seppur questa affermazione è stata da me smentita in ogni modo. La questione è ancora più interessante se si prende in considerazione l'epiteto offensivo che il nostro Fabio Bruno utilizza per provare questa sua tesi. In pratica il nostro Fabio Bruno ritiene che io sia un lecchino del Leader di cui trattasi. E' rabbiosa l'affermazione del nostro amico per cui ne deduco che derivi da una sua legittima doglianza della mancata affermazione del Movimento Insieme che vede Leader indiscusso l'Onorevole Salvatore Capone. Nulla da dire, Fabio Bruno ha il diritto di parteggiare per chiunque voglia, ma che questo diritto si estenda anche ad affermare che io parteggi per Fernando Coppola, nonostante in più circostanze io abbia smentito, assume i contorni del grottesco. Conosco, apprezzo e stimo l'Onorevole Salvatore Capone, conosco il suo equilibrio e in più circostanze pubbliche ho detto di essere orgoglioso di sapere che abbiamo un concittadino Parlamentare fatto accaduto dopo Vincenzo Cepolla che, nato a San Cesario di Lecce nel 1817, contribuì all’unificazione dell’Italia e fu deputato al Parlamento Napoletano, governatore di Terra d’Otranto, primo deputato al Parlamento del Regno d’Italia per il collegio di Lecce e presidente di Corte d’Appello. Ora io al posto dell'Onorevole Salvatore Capone farei una piccola riflessione su questo fans del Movimento Insieme che si straccia le vesti perchè a San Cesario non ci sarà più cultura che è la seguente: PRENDIAMO LE DISTANZE DA UN NOSTRO SEDICENTE SEGUACE CHE PUR AFFERMANDO CHE HA SEGUITO LE NOSTRE POLITICHE CULTURALI INSULTA CITTADINI ONORATI CHE SVOLGONO IL RUIOLO DI CITTADINANZA ATTIVA. Ecco Onorevole questo le farebbe davvero onore. Cordialmente Antonio Bruno

Paolo Gargiulo Antonio Bruno continuare e coinvolgere altra gente in questo assurdo gioco per me è controproducente quanto le offese stesse. Buon proseguimento
Rimuovi
Antonio Bruno Paolo Gargiulo forse hai ragione, ma persone così che dicono e scrivono di essere "dei vostri" francamente dovrebbero essere oggetto di una ferma presa di distanze.
Manage
Antonio Bruno Non rinunciate mai, per nessun motivo, sotto qualsiasi pressione, ad essere voi stessi.
( Alberto Manzi)
Manage
Fabio Bruno Adesso stai scendendo nel ridicolo. Io non ho mai professato nessun appartenenza a gruppi politici o fatto nomi. Ho solo dato un opinione dicendo che con questa amministrazione la cultura o gli eventi culturali spariranno, e tu mi hai dato l'epiteto del mago e continui ancora! No dimostri l'età che hai ma un bambino che hanno fatto un dispetto e che mette in mezzo gente che non c'entra niente per avere ragione. E con questo chiudo davvero perché non i tengo nemmeno io a cadere nel ridicolo. Ciao ciao
Mi piace
Rispondi10 minuti fa
Rimuovi
Antonio Bruno Fabio Bruno POTRESTI ARGOMENTARE MEGLIO. Io non ce l'ho con te ma ti chiedo: COME MAI NONOSTANTE TI ABBIA SCRITTO IN TUTTE LE SALSE CHE NON PARTEGGIO PER FERNANDO COPPOLA TU CONTINUI AD AFFERMARLO? Guarda che magari tu potresti avere ragione, magari avrò scritto qualcosa che te l'ha potuto fare pensare. ma dopo che ti ho scritto che non parteggio per Coppola, se continui ad affermarlo hai il dovere di DIMOSTRARE COSA HO SCRITTO CHE TI HA PORTATO A QUESTO CONVINCIMENTO. Io non ce l'ho con te, ma hai il dovere di spiegare perché mi hai etichettato usano una volgarità. Se ti scuserai accetterò le tue scuse e amici come prima, se dimostrerai che in qualche modo ho scritto qualcosa che dimostra il tuo convincimento amici come prima. Spero di essere stato chiaro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?