le parole nuove

Finalmente ti ho trovata, bella, immensamente bella. Ti ho baciata, ti ho annusata e l’odore mi ha inebriato. Ti ho guardata e i tuoi occhi mi hanno fatto capire la bellezza, quella che hai dentro, nel profondo del tuo cuore. Poi abbiamo parlato. Si abbiamo parlato ma le parole erano senza suoni. Le parole sono tutte dentro di me e dentro di te e scorrono semplicemente, vanno verso ciò che le accoglie, ci vanno e non conta che significato gli diamo.
Una parola dopo l’altra arriva la passione, il desiderio e i sorrisi si spargono. Ovunque, dappertutto c’è il tuo viso, la tua essenza e le tue parole, ovunque, dappertutto c’è il mio viso, la mia essenza e le mie parole.
Le parole delle storie che conosci e che non sai raccontare perché non le trovi, non trovi le parole.
Stare bene, si stare bene e basta, null'altro.
Queste parole fanno stare bene vero?

Ma queste parole sono le stesse parole che dici che ti hanno fatto restare male. Non c’è differenza, sono tutte dentro di me e dentro di te, sono senza suono e sono pronte a scorrere di nuovo e sei tu a scegliere ciò che ti diranno, sono io a scegliere il loro significato.
Ci basta cercare e trovarle le parole, tutte le possibili parole che ci fanno raccontare la nostra storia che diventa bella, oppure ci fa rimanere male, a seconda del suono che diamo alle parole che troviamo, alle parole che ci vengono incontro, alle parole che penetrano dentro pian piano.
Le parole che trovo io, tutte quelle che trovo, hanno il suono della cetra e dell’arpa e morbidamente mi allietano creando il mondo che voglio, quello che rendo più bello ogni giorno con te. Restando me stesso, quello che sono e dicendo quello che esce, le parole che escono spontaneamente e che tutte indistintamente parlano del nostro amore, le parole nuove.

antoniobruno

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?