L'accusatore

Come l’ago di una bussola segna il nord, così il dito accusatore di una donna o di un uomo trova sempre qualcuna o qualcuno a cui dare la colpa….


Nascosto dietro al cuore un po’ di lato, c’è l’accusatore appassionato. Mi dice che è tutta colpa tua, grida che architetti piani e che ti scanni per giungere fino a danneggiarmi. Ma non si ferma. Ancora dice che tu cerchi in ogni modo di ostacolarmi, che sei cattivo, che hai le armi, insomma che sei un mostro in grado di eliminarmi. Che brutta cosa, che cattiveria, possibile che esista tale gente sulla sfera? Allora andai dall’anima che osserva, a lei si che può e mi consiglia.
Quando ha ascoltato tutto l’anima mia, subito m’ha detto che è una burla, la mia domanda è solo un illusione. “Nessuno c’è che attacca, fattene una ragione! Ognuno si difende punto e basta, mettiti il cuore in pace è fatto apposta!”. Le ho chiesto: “Ma come? Allora lui non è il malefico aggressore?” sorpreso delle sue parole. “Lui sei tu”, questo m’ha rivelato, “Sei tu che crei quel nemico odiato!”.
Adesso che c’ho preso gusto e che creo il mio Mondo e metto tutto a posto, davvero ho realizzato che posso, che posso aprire uno squarcio li in quel fosso e ficcarci dentro il cielo con le nuvole, che posso cancellare le paure e trasformarle in favole, che posso colorare tutto quanto e infine amarti finalmente, posso farlo!

antoniobruno

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?