Abbraccio ... di Humberto Maturana e Team



La parola intraprendere significa iniziare una realizzazione, avviare un'azienda. Ciò che la parola intraprendere non rivela è l'intenzione che guida l'impresa dell'imprenditore. Le parole che usiamo non dicono sempre quello che dicono quelli che le usano.
Ciò che dà significato a ciò che diciamo, non sono esattamente le coordinate connotate dalle parole che usiamo, ma le emozioni che costituiscono lo spazio psichico relazionale nel quale pensiamo e realizziamo il nostro agire. Ma le parole in generale non evocano o rivelano l'emozione o l'intenzione che ci spinge a fare ciò che diciamo che faremo ... anche se ci sono alcune parole che lo fanno, come per esempio la parola “preda”.

È interessante che spesso parliamo o possiamo dire, che parliamo quasi sempre, come se il significato di ciò che diciamo fosse evidente. E speriamo che l'altro ci capisca. Senza dubbio ci comportiamo come se dicessimo quello che diciamo, nella fiducia che le altre o gli altri capiscano ciò che diciamo.

Ma è sempre così? È vero che vogliamo essere capiti dagli altri? Oppure a volte diciamo ciò che diciamo nella speranza segreta, conscia o inconscia che l'altro non ci capisca?

Senza dubbio, la parola “da intraprendere” significa iniziare un risultato. Qualcuno intraprende un percorso ... un interrogatorio ... un'avventura ... una guerra ... un modo di andare d'accordo. Qualcuno inizia il compito di usare qualcosa ... o si assume il compito di abusare di qualcosa?

Si scopre che le parole “da intraprendere” e “innovare” non indicano di per sé la direzione in cui guidiamo la nostra impresa o la nostra innovazione. E se non è esplicitato che cosa guida, perché non si mostra l'emozione che ci muove, i nostri o le nostre partner non possono sapere, da noi, l'intenzione ultima del nostro fare ... possono immaginarlo, quindi non c'è fiducia nella reciproca onestà.

Qualche anno fa, quando è stata posta una grande enfasi sulla necessità di formare persone intraprendenti e innovative, un amico è venuto a un incontro in cui mi sono trovato, rivelando il suo grande entusiasmo per la sua partecipazione alla creazione di un club di imprenditori e innovatori. I partecipanti all'incontro, da parte loro, iniziarono a congratularsi con lui, e io rimasi in silenzio. Il mio amico, quando ha notato la mia indifferenza, mi ha chiesto cosa mi stava succedendo e se non ero d'accordo o non ero interessato a formare imprenditori e innovatori. Ho risposto che preferirei partecipare alla creazione di un club di imprenditori conservatori, un club di persone che vogliono mantenere l'onestà, l'etica, la serietà nelle realizzazioni, la condivisione, la partecipazione, il rispetto per se stessi e per gli altri esseri umani, e del mondo naturale che rende possibile la nostra esistenza, in tutte le conquiste che potrebbero intraprendere. Quando ho finito di parlare, c'era silenzio.

A volte mi chiedo, qual è la ragione che rende gli imprenditori che dichiarano, per esempio, che hanno una coscienza sociale, o che sono consapevoli che è la comunità in cui la loro azienda è immersa, che rende possibile la sua esistenza, o che sono a conoscenza dei loro impegni nei confronti della comunità che li sostengono, quelli che spingono rapidamente per i risultati delle loro aziende tanto da fare del male alle stesse comunità che pretendono di servire. Cosa succede? Potrebbero non sapere cosa stanno facendo al di fuori del contesto delle loro dichiarazioni? Mentono? Sanno cosa fanno, lo sapevano sempre, ma lo negano? È possibile essere onesti in alcuni aspetti della vita relazionale e non in altri? Sono forse servitori di altri maestri o scopi, che sono più importanti per loro rispetto al benessere della comunità che li sostiene e rende possibili i risultati delle loro imprese?

Il linguaggio non ci connette con una realtà trascendente indipendente dal nostro agire. La lingua è un modo di fluire nella convivenza, nei coordinamenti di coordinamenti delle azioni. La nostra vita umana, tuttavia, si manifesta nel flusso del linguaggio, attraverso l'intreccio ricorsivo con le emozioni, in un flusso continuo di convivenza, che intreccia azioni e diversi tipi di comportamenti relazionali: questo è ciò che chiamiamo conversazione.

Quindi non diciamo nulla, o nulla possiamo dire, senza che una conversazione venga ascoltata affinché mostri, se non nella totalità, almeno in parte, la natura della convivenza che viviamo e che è alla base di tutto ciò che facciamo, pensiamo o sentiamo.

Il mondo in cui viviamo e che creiamo nel flusso ricorsivo della nostra conversazione, nel coordinamento di azioni ed emozioni che costituiscono la conversazione, non è né buono né cattivo in sé, ma può essere l'uno o l'altro, secondo lo spazio psichico emotivo che definisce il nostro parlare

Quindi, possiamo generare una convivenza nel benessere materiale e spirituale se non mentiamo a noi stessi e non pretendiamo di essere migliori degli altri esseri umani. E siamo etici in questa vita, se non mentiamo. Oppure possiamo generare una convivialità di malessere e miseria materiale e spirituale se crediamo in qualche modo che siamo migliori degli altri e che possiamo prendere possesso di ciò che è loro. Questa è la nostra condizione umana in tutta la sua bellezza: non si può nascondere completamente lo sfondo emotivo che guida ciò che facciamo, ma noi possiamo inventare teorie che nascondono e giustificano questo contesto, quando non ci piace. Noi sappiamo quello che facciamo nel contesto relazionale: sappiamo quando mentiamo a noi stessi e quando non mentiamo, sappiamo quando si genera il dolore negli altri, e quando apriamo loro percorso verso il benessere. E a volte ne scegliamo uno, a volte gli altri, sempre consapevoli di ciò che facciamo, è il risultato di ciò che abbiamo fatto, a meno che non mentiamo. E se abbiamo torto, quando realizziamo il nostro errore, diventiamo consapevoli di ciò che facciamo o faremo da quel momento in poi. Questa consapevolezza è possibile perché noi esseri umani, siamo esseri biologicamente amorevoli e, che ci piaccia o no, a meno che non mentiamo e inventiamo una teoria per giustificare “la preda”, alla fine la nostra condizione amorevole ci porterà a cercare il benessere nella convivenza . Ciò che è desiderabile è che questo incontro con le nostre basi biologiche ci capiti il ​​prima possibile: creiamo il mondo in cui viviamo con il nostro vivere insieme, diventiamo consapevoli di ciò che facciamo o faremo da quel momento in poi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)