Ci manca amore: una riflessione sul rifiuto sociale e sulla violenza nel linguaggio in un paesino della penisola a sud est dell’Italia



Secondo il biologo Humberto Maturana ci sono due emozioni che rendono possibili le interazioni umane: il rifiuto e l'amore. Non necessariamente si passa dall'una all'altra poiché entrambe hanno come alternativa l’indifferenza. L'amore è la convalida della legittimità di un altro che è vicino a noi. Il rifiuto è negare l'altro come legittimo nella convivenza.

Il legame sociale, lo sviluppo delle società, si basa quindi sull'amore. Amore non inteso come derivato dalla religione e in nessuno dei suoi significati più comuni, ma nel senso di quel sentimento che permette la coesistenza di un altro legittimo accanto a un altro uomo incluso lo stesso. Implica di accettare che le esperienze degli altri siano valide come le mie, che il loro dominio cognitivo sia valido come il mio, cercare di capire l’altro attraverso il linguaggio, che è lo strumento che ci permette di lasciare il nostro campo di esperienze per conoscere quello di altre persone. Non è facile, ma nemmeno è impossibile, dato che questa capacità è parte dell'umano. Accettare gli altri come legittimi insieme a me, senza richieste, è un fenomeno biologico basilare e quotidiano senza il quale l'umanità si sarebbe auto-distrutta nell'euforia di eliminare chi produce rifiuto negli altri.

Le persone, le nazioni e le comunità, creano e diffondono discorsi razionali che negano l'altro (negano l'amore) e siamo convinti che per essere razionale e raffinato (o irrazionale, ma sigillato dal mistero, come ad esempio i discorsi religiosi che non supportano le domande), che i discorsi sono vere istruzioni (non solo a scuola, ma in ogni fase di istruzione) e si riproducono questi discorsi, al fine di deformare i nostri figli nella negazione dell'altro, che di solito è presentato come diverso, strano, e quindi sbagliato . Riproduce un'epistemologia della negazione in cui prevale l'unicità della verità: c'è solo una verità, la mia o quella della maggioranza, e chi non è d'accordo è sbagliato. Dopo un po’ , le società potrebbero chiedersi (ingenuamente) cosa abbia portato i loro cittadini (specialmente i più giovani) ad agire violentemente con gli altri. La risposta potrebbe essere nell'educazione che nega gli altri e l'incessante incoraggiamento della negazione e del rifiuto ripetuto dai media, dai politici, dagli intellettuali, dalle chiese, dai genitori, ecc.

La modernità aumenta il valore della razionalità. Questo porta benefici sociali ma anche rischi. Un rischio è lo spostamento di emozioni sullo sfondo. Questo è incoraggiato dalla politica, scuola, lavoro. Tranne che nella famiglia, le emozioni si muovono in quasi tutti gli spazi. Stiamo dimenticando che le emozioni sono il fondamento di ciò che ci rende umani. Abbiamo bisogno degli altri e loro hanno bisogno di noi. Il legame sociale non è possibile senza legarsi l'un l'altro nell'etica dell'accettazione, dell'amore, nel senso di Maturana. Ci dimentichiamo che, come ha detto, "tutto quello che è detto è detto da qualcuno, da un osservatore," e noi trascuriamo che l'oratore fa dalla sua padronanza di esperienza che non ha alcuna possibilità di qualificarsi come falsa o sbagliata dal momento che l'oggettività è piuttosto intersoggettività nell'emotività.
Detto questo, possiamo chiederci: cosa succede a San Cesario di Lecce in questi giorni circa la nostra accettazione degli altri? Siamo consapevoli che esistono limiti al dissenso con gli altri? Siamo d'accordo sul fatto che possiamo scambiare idee, visioni, soluzioni, senza negare la legittimità dell'altro, anche, se sembra necessario, desiderare che scompaia dal "mio" mondo? Ricordiamo che ci sono stati momenti nella nostra storia in cui discorsi razionali di negazione hanno causato la morte e la scomparsa delle persone?

Non dobbiamo essere d'accordo con tutti gli altri, i conflitti fanno parte della convivenza, non della violenza. Il rifiuto non deve diventare un danno. La politica può essere più che la squalifica dell’altro, la sua esclusione. Tutta la conversazione dei cittadini è un'opportunità per espandere la visione individuale e rompere il pensiero marginale che ci fa ripetere sempre le stesse risposte agli stessi problemi (che di solito sono i miei problemi, quelli degli altri sono a me sconosciuti). La povertà, la disuguaglianza e l'esclusione sociale non sono affrontate senza un'altra conversazione nel paese in cui l'altro mi si presenta come persona che vive legittimamente con- accanto a me e io ascolto le sue parole o espressioni e sono attento, accurato, sincero con lui.
"Il problema è che tutti parlano di parti, di noi e voi, e ciò implica immediatamente l’opposizione, e questo è il vero problema, non è una questione di leadership, ma di mancanza di collaborazione tra tutti, sono un solo Paese, non due Paesi che stanno combattendo, così se parliamo degli altri, iniziamo una situazione conflittuale. Ogni volta che non c'è collaborazione, appare la sfiducia. "

Antonio Bruno Ferro

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?