Humberto Maturana Romecin, Estratti dal suo libro "Il significato dell'umano"


Etica - Valori. Concetti di H. Maturana
 adminformacion-integrale    13 agosto 2011    Non ci sono commenti in Etica - Valori. Concetti di H. Maturana
ETICA E VALORI

Humberto Maturana, biologo e professore universitario

(Estratti dal suo libro "Il significato dell'umano")

Noi, nella cultura occidentale, facciamo molte riflessioni sull'etica.
Parliamo di diritti umani, abbiamo la Carta dei diritti umani delle Nazioni Unite. Ce l'ho nel mio laboratorio e ho aggiunto due punti: il diritto di commettere errori e il diritto di cambiare idea. Ci sono libri in cui i diritti umani sono razionalmente giustificati.

Tuttavia, la Carta dei diritti dell'uomo è discorso razionale sui diritti umani, che sono impeccabili, ma non convincono gli scettici.
Perché? Per il razionale opera in un campo di consistenze operative e discorsive fondate da un insieme di premesse di base accettate a priori che lo determinano.
Chi non ha queste stesse premesse fondamentali ha altri diritti e genera anche senza problemi, un diverso discorso razionale che è un altro dominio di coerenze operative e discorsive, e quindi altro dominio razionale.
Questo si applica al campo dell'etica? Certamente.
La preoccupazione etica preoccupazione per le conseguenze che le nostre azioni hanno su un altro è un fenomeno che ha a che fare con l'accettazione dell'altro e appartiene al dominio dell'amore. Ecco perché la preoccupazione etica non si estende mai al di là del dominio sociale in cui sorge.
(Per Maturana “Amore" è l'emozione che è il dominio di azioni in cui le nostre interazioni ricorrenti con un altro fa l’altro legittimo altro in coesistenza. L'amore è accettare l'altro come un argomento legittimo per la coesistenza con esso. Le interazioni ricorrenti nell'amore espandono e stabilizzano la convivenza; le interazioni ricorrenti nell'aggressione interferiscono e rompono la convivenza. Per questo il linguaggio, come dominio di coordinamenti consensuali comportamentali, potrebbe non essere sorto con l'aggressione che limita la convivenza anche se una volta che usiamo il linguaggio, nel linguaggio c’è il linguaggio in aggressività)

L'etica non ha basi razionali ma emotive.
Quindi, l'argomentazione razionale non funziona, ed è proprio per questo che dobbiamo creare sistemi legali che definiscano le relazioni tra i diversi sistemi umani dalla configurazione di un pensiero sociale capace di abbracciare tutti gli esseri umani.
La Carta dei diritti umani è presumibilmente in grado di inglobare tutte le nazioni in un sistema giuridico comune che imita, per dichiarazione, le relazioni sociali che sorgono spontaneamente nella convivenza basata sull'amore. È stato necessario farlo, perché in ogni nazione la preoccupazione etica non va oltre i suoi confini.

Quindi, parlare di umanità e aspettarsi che nella sfera sociale dell'essere umano si verifichi spontaneamente non risulta, perché non è facile estendere, senza riflettere, l'accettazione dell'altro, al di là dei confini culturali.
È dovuto alla natura sociale delle preoccupazioni etiche, dipendenti dall'amore e non dalla ragione, che una determinata comunità politica può emettere giudizi etici che non sono validi per un'altra comunità. Lo spazio sociale che definisce un'ideologia politica non è lo stesso di un altro, perché ogni ideologia politica definisce un tipo di umanità.

Voglio insistere sul fatto che dobbiamo rendercene conto, perché nella misura in cui la fenomenologia dell'amore è nel fondamento biologico dell'essere umano, sarà comunque presente.

La preoccupazione etica è costituita dalla preoccupazione per l'altro, si verifica nello spazio emotivo e ha a che fare con la sua accettazione, qualunque sia il dominio in cui si manifesta. Questo è il motivo per cui la preoccupazione etica non va mai oltre il dominio dell'accettazione dell'altro in cui si verifica.
Allo lo stesso tempo, se noi non accettiamo l'altro come un legittimo altro in coesistenza, non siamo responsabili verso le nostre interazioni con lui o lei e di conseguenza a noi non importano le conseguenze che hanno le nostre azioni su di lui o di lei. All’opposto se noi accettiamo l'altro come un legittimo altro in coesistenza, ci sentiamo responsabili verso le nostre interazioni con lui o lei e di conseguenza a noi importano le conseguenze che hanno le nostre azioni su di lui o su di lei.
L'etica, come il dominio della nostra preoccupazione per le conseguenze che hanno le nostre azioni sulla vita degli altri esseri umani, appartiene al dominio di accettare l'altro come un legittimo altro in coesistenza; cioè, al dominio dell'amore.
Questo è il motivo per cui le preoccupazioni etiche non vanno mai al di là del dominio sociale in cui sorgono e hanno forme diverse nelle diverse culture.
È anche per questo che le argomentazioni razionali sull'etica convincono solo i convinti.
L'invito etico non è razionale ma emotivo.
È dall'amore che l'altro ha una presenza.
Non dico come il Papa, "l'amore è più forte", dico che la biologia è più forte.

L'amore non è una cosa speciale; si tratta di tutti i giorni e si noterà che in tutte le situazioni di crisi umana, una crisi in comunità, terremoti, incendi, situazioni estreme, le persone sono su un livello umano di base in cui la solidarietà è presente e non hanno nemmeno bisogno di raccomandare questo perché la solidarietà sorge da sola.
Perché? Perché l'amore ci appartiene come una caratteristica biologica che fonda l'umano.

Sai che la maggior parte delle malattie umane hanno a che fare con la negazione dell'amore? Ci ammaliamo se non ci vogliono, se ci rifiutano, se ci negano o se ci criticano in un modo che sembra ingiusto per noi.
Possiamo anche ammalarci di cancro, perché le dinamiche fisiologiche hanno a che fare con le dinamiche emotive.

Per quanto riguarda il desiderio di controllare le emozioni, penso che sia un approccio inappropriato, perché significa che devi controllarli a causa della loro natura negativa. Ma non è questo il caso: le emozioni sono il fondamento di tutto il nostro lavoro.

Ciò che è necessario è rendersene conto per agire responsabilmente, cioè, rendendosi conto se uno vuole o non vuole le conseguenze delle proprie azioni.
La responsabilità ha a che fare con la realizzazione dei propri desideri, e sorge nella riflessione come un atto in cui si mettono i propri desideri sotto il controllo dei desideri. In altre parole, la responsabilità non appartiene al dominio della ragione. Lo stesso accade con la libertà che sorge con la nostra responsabilità sulla nostra responsabilità.

In altre parole, cos'è l'etica?

L'etica è costituita dalla preoccupazione per le conseguenze che le proprie azioni hanno sull'altra/o e acquista la sua forma dalla legittimità dell'altra/o come un essere con cui si configura un mondo sociale. L'emozione che copre il sociale è l'amore, in modo che il sociale è uno spazio di vita che è dato dalle azioni che costituiscono l'altro come un legittimo altro in coesistenza con uno.  Anche per questo, il sociale è uno spazio etico e le preoccupazioni etiche non vanno mai oltre lo spazio sociale in cui sorgono. Ci sono molti temi di cui parliamo troppo senza capirne le basi. Questo succede con l'etica. Se guardiamo alle condizioni in cui sorgono le nostre preoccupazioni etiche, vediamo che tutte sono condizioni in cui l'altro ha presenza e viene visto nella sua legittimità, e questo si verifica solo nel dominio delle azioni che costituiscono l'amore.
Ecco perché, ripetiamo, affermiamo che il problema etico si pone come una preoccupazione per le conseguenze che le nostre azioni hanno sull'altro solo in un contesto sociale e non oltrepassano mai la sfera sociale in cui sorgono.
Le preoccupazioni etiche, quindi, non sono originariamente normative ma "invitanti".
È dalla convivenza sociale, dalla convivenza basata sulle azioni che costituiscono l'altro legittimo altro, che l'etica emerge e ha un senso. Ecco perché l'etica non può essere considerata un requisito, perché la domanda nega l'altro.
La maggior parte dei discorsi etici tentano di controllare il comportamento dell'altro e, prima o poi, negano ciò che pretendono di difendere. Pensiamo che ciò che abbiamo detto dice tutto ciò che c'è da dire sull'etica.
Quello che mi permetto di aggiungere è che affinché la condotta etica si possa porre, deve essere consentito di operare nella biologia dell'amore, dobbiamo tornare al bambino e alla possibilità di crescere in amore, nello spazio in cui i comportamenti degli adulti permettono loro di crescere nel rispetto di sé e dall'altra/o nell'accettazione della propria legittimità. QUALI SONO I VALORI? I valori sono distinzioni di configurazioni relazionali in convivenza, che ottengono la loro legittimità dall'amore. Tutti i valori riportati in letteratura si basano su un emozione fondamentale: l'amore, e l'amore è il dominio di azioni che costituiscono l'altro come un legittimo altro in coesistenza. Onestà, cooperazione, rispetto, lealtà, generosità, responsabilità, giustizia ...

I valori della vita quotidiana sono basati sull'amore .
Rispetto è dato nell'accettazione dell'altro come un legittimo altro in coesistenza, e dove la collaborazione si verifica solo nel rispetto reciproco, arroganza e obbedienza scompaiono. Tutti i valori hanno a che fare con l'amore e sono espressione di armonia sociale, perché il sociale è basato sull'amore.
Quando il coraggio è coraggio e quando è follia?
Affrontare un pericolo in un contesto che conferisce a tale confronto un significato sociale è il coraggio. Affrontare un pericolo senza una base sociale è follia.
Nella misura in cui ha una base sociale, il coraggio è basato sull'amore.
Ma i valori sono appresi o insegnati?
Né l'uno né l'altro: vivono o rifiutano, perché quando parlano di loro, non sono più lì o la letteratura è fatta. Si può dimostrare che nel momento presente, nell'infanzia, i bambini sono costantemente invitati a condividere, a collaborare, ad accettarsi nella loro totale legittimità, a vivere il loro corpo nel rapporto con la madre come qualcosa di puro e bello. E anche di può dimostrare che questo cambia radicalmente con l'ingresso del ragazzo o della ragazza nella vita dei giovani e degli adulti. In questo passaggio, i rapporti di convivenza cambiano, sottolineando l'appropriazione, la competizione, la lotta e il successo, nella negazione dei valori vissuti nell'infanzia.



Questa negazione di ciò che è stato appreso durante l'infanzia che sorge con la vita adulta, dà origine alla sofferenza.
Spesso la consapevolezza della sofferenza che questa contraddizione porta, inconsapevoli della natura della contraddizione da cui ha origine, porta a tentativi di risolvere il recupero dei rapporti maternalistici fondamentali dell'infanzia attraverso azioni di guerra, e invce sono proprio il patriarcato e la lotta che negano rapporti maternalistici.
Ma queste azioni di lotta non risolvono la contraddizione, e lo riaffermano. Ad esempio , vogliamo generare spazi di rispetto reciproco attraverso il possesso di alcuni requisiti, tuttavia, la domanda del possesso dei requisiti è un'azione che nega il rispetto reciproco.
Un altro esempio, vogliamo creare cooperazione attraverso l'obbedienza, anche quando sappiamo che l'obbedienza è una richiesta che nega la cooperazione.
Ancora altri esempi, parliamo dell'amore come di un dovere, di qualcosa di speciale, e siamo ciechi alla comprensione del sociale perché non vediamo che l'amore è l'emozione che lo fonda;
Vogliamo raggiungere la pace attraverso la guerra e vogliamo giustizia attraverso la vendetta, quando la pace dipende dalla guerra, e la vendetta è la negazione della giustizia.
Esigiamo che l'altro accetti liberamente la nostra verità a pena di essere negato.
Pensiamo che l'obbedienza sia un valore che nobilita quando è la negazione di sé e dell'altro; crediamo di possedere il potere senza vedere che il potere è concesso da chi obbedisce a un atto in cui nega se stesso.
Nella vita adulta si richiede che per accedervi si debbono adempiere dei doveri, la lotta in difesa della stessa, far finta di negare la sensualità, perché il corpo diventa osceno, e, infine, essere razionale in negazione di emozioni come se si con esse si rifiutasse la ragione  La vita di infanzia e dell’età adulta sono quindi del tutto contraddittorie , e vivere in questa contraddizione è una più o meno evidente sofferenza in base alla presenza quotidiana che ha questa contraddizione nella vita. La sofferenza che si dissolve spontaneamente o per mezzo di una terapia, recuperando lo spazio della convivenza matrimoniale dell'infanzia. Infine, è anche mostrato in questo articolo che il fenomeno sociale come una dinamica relazionale fondata sull'amore è costitutivamente materno.

La domanda sui valori nasce dal vivere in questa contraddizione come un riflesso contro il tentativo di recuperare, consapevolmente o inconsciamente, la vita matristica dell'infanzia nella la vita adulta.
Se si è seri in questa riflessione, si scoprirà che tutti i valori, tutte le regole di condotta che consideriamo fondamentali dell'umano hanno a che fare con il sociale: e, quindi, sono basate sull'amore.
Quindi, se l'educazione avviene in ciò che è, cioè nella convivenza, e non nella letteratura, i comportamenti che i valori connotano sorgono da soli nell'espressione di vivere nell'armonia del sociale fin dalla sua fondazione in amore ... i valori, nel viverli, sono contagiosi ".

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?