Humberto Maturana: "Questa crisi è l'occasione per diventare rispettosi di noi stessi"





"La crisi non è in atto perché quello che succede sta accadendo, la cosa importante è che oggi ci rendiamo conto di quello che accade, e non ci piace."


Il dottore in biologia, premio nazionale delle scienze 1994 e co-fondatore di Matríztica, Humberto Maturana, sostiene che la crescente sfiducia nelle istituzioni, le irregolarità nel finanziamento della politica e l'aumento del malessere sociale, non è il riflesso di un crisi, ma rivela un aspetto della nostra storia.

In un'intervista con La Segunda , l'accademico esprime che ciò che sta accadendo nel Paese "non è raro ... Rivela semplicemente un aspetto della nostra storia, dell'uso, e talvolta dell'abuso, delle relazioni umane per ottenere risultati particolari, che sono accompagnati da certa malizia e disonestà. Quella pratica viene dai tempi della Colonia. Non l'avevamo mai visto come un problema, abbiamo sempre parlato del Cile non essendo un paese corrotto e, quando ci sono state queste situazioni, li abbiamo visti puntuali. Quello che succede è che ora c'è stata una trama molto più ampia che influenza la convivenza economica, politica e sociale ".

Aggiunge che "quello che accade lo consideriamo una crisi e ciò è positivo, perché significa che non ci piace la situazione (...) La crisi non è perché ciò che accade sta succedendo, la cosa importante è che oggi ci rendiamo conto e non ci piace. Non ci piace ciò che sta accadendo perché ha a che fare con la nostra cecità a ciò che facciamo: vedere qualcosa che è accaduto e che è andato avanti da molto tempo e che non abbiamo visto o nascosto, ma all'improvviso lo vediamo e non ci piace. È una grande opportunità per uscire da questa situazione, per cambiare il corso delle nostre relazioni, per cambiare il corso di come facciamo politica.

"Non è vero che gli esseri umani sono esseri razionali per eccellenza. Siamo esseri emotivi che usano la ragione per giustificare o nascondere le emozioni in cui vengono date le nostre azioni ".

Trovo fantastico quello che sta succedendo, è la nostra opportunità di diventare rispettosi di noi stessi e capire che questa crisi etico-morale non è il prodotto di un errore, è il prodotto di una frode sistemica, che la rende ancora più seria ".

Di fronte al clima di aperta sfiducia del pubblico nei confronti del governo, della politica e delle istituzioni in generale, Maturana sottolinea che c'è un disincanto nel rendersi conto delle irregolarità che si verificano e "se questo ci sconvolge, è meraviglioso perché ci mostra che non vogliamo per vivere così, c'è una grande opportunità per cambiare le cose. "

Di fronte alla crisi di fiducia a chi rivolgersi?

Maturana indica in modo chiaro: "A noi stessi. Se ho intenzione di chiedere all'autorità religiosa, politica o economica di venire a risolvere i problemi, non parteciperò alla generazione di una convivenza, perché non mi impegnerò. L'autorità non risolve i problemi, i problemi si risolvono nelle conversazioni perché hanno a che fare con le emozioni, non hanno nulla a che fare con la ragione, hanno a che fare con la collaborazione. E quando diciamo questo a noi stessi, stiamo anche portando le nostre radici, le nostre storie, esperienze e diverse interpretazioni a portata di mano. In Cile, non siamo tutti uguali. Siamo meravigliosamente diversi, diversi, e il grande compito è trovarci in una conversazione in collaborazione con quella diversità attorno a un progetto comune in tutto il paese. L'equità così volutamente desiderata oggi non è altro che la legittimità della diversità ", afferma l'accademico.

Di fronte al sistema economico afferma che "la questione centrale dell'economia del paese non dovrebbe essere il perseguimento di una crescita continua, ma quella della trasformazione dell'attività economica come una dinamica sistematica intorno alla conservazione del benessere sociale in equità ed etica dall'armonia ecologica in una popolazione stabile. La crescita lineare continua porta sempre al disastro ecologico, che nella nostra vita umana è etico-sociale ".

Humberto-frame2 Corruzione, scioperi ...
"Se vogliamo che la corruzione, per esempio, finisca, dobbiamo chiederci come scompare. E questo è fatto con onestà, conversazione e collaborazione. Il desiderio di conversare appare quando c'è rispetto reciproco, quindi molto ascolto reciproco. "
"Il rispetto implica che accetto la legittimità di un altro e che sono disposto a parlare con lui o lei per risolvere le differenze in modo appropriato per tutte le persone coinvolte. E questo non implica fare concessioni, ma cercare un modo di operare che sia collaborativo. Quando giovani, studenti, insegnanti, lavoratori colpiscono, cosa ci mostra? Lo sciopero è una richiesta, un'azione di forza che dice "loro non mi ascoltano". "

"Se voglio che l'accordo consista nell'altro che cede e accetta ciò che dico, allora non c'è accordo. Raggiungere accordi significa essere onesti nella conversazione e spiegare da dove chiediamo cosa chiediamo e da dove viene dato ciò che viene dato ".


bio-humberto Humberto Maturana è un biologo Ph.D., cofondatore di Matríztica. Nel 1994 ha ricevuto il National Science Prize per il suo lavoro sull'autopoiesi, la biologia del linguaggio e della conoscenza e la biologia dell'amore.
matriztica.org

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?