L'ORIGINE DELLA BIOLOGIA DELL'AMORE.


Biologicamente, l'amore è l'emozione che costituisce il dominio di azioni in cui l'altro è accettato come lui o lei nel presente, senza aspettative circa le conseguenze della convivenza anche quando è lecito attendersi alcune conseguenze (Maturana 1995).
Amare come un'emozione che consente l'accoppiamento tra sistemi viventi nasce dal processo di accettazione. Accettazione di se stessi e accettazione degli altri come legittimi altri in coesistenza con uno.
La biologia dell'amore è la dinamica relazionale che genera l'umano nell'evoluzione del nostro lignaggio. Humberto Maturana, riflettendo sulle condizioni in cui sono possibili le interazioni ricorrenti (convivenza), ha compreso che l'emozione che consente l'incontro tra due o più sistemi autopolitici e la loro recidiva interattiva che genera una storia comune, è l'emozione a cui ogni giorno noi lo chiamiamo amore. Per Maturana l'amore o l'amore lo definiscono come "comportamento in cui trattiamo l'altro come un altro legittimo in coesistenza con noi" (Maturana 1994: 36). In questa emozione, l'altra o l'altro non deve scusarsi per essere così com’è. Lo si accetta senza richieste, dal momento che il requisito lo nega non permettendo la ricorrenza consensuale. Lo stesso accade con le aspettative, con il dovrebbe essere, con il desiderabile, intrappolare l'essere nel fare alienato e in questo modo il cambiamento è stabilizzato. L'amore promuove il cambiamento dal desiderio, dalla preferenza e apre spazi multidimensionali a tutto ciò che è possibile fare.
L'amore è un'emozione, un modo di vivere insieme, una sorta di comportamento relazionale tra gli esseri viventi. Come un aspetto del rapporto di vivere insieme, è un fenomeno biologico. Può essere caratterizzato facendo riferimento a quando c'è amore: l'amore si manifesta nel flusso di comportamenti relazionali attraverso cui l'altro, l'altra o l'altro emerge come legittimo altro in coesistenza con uno (Maturana 1997: 10) .
La metafora usata da Maturana per comprendere le emozioni e l'emozione matriciale che chiamiamo amore è la relazione stabilita tra la chiave e il blocco corrispondente. Tra loro per avere congruenza, nel suo accoppiamento nasce l'accettazione, la chiave apre la serratura e genera dinamiche interattive ricorrenti e creative. Una chiave diversa non poteva aprire un certo blocco come il precedente e quindi ci sarebbe un rifiuto e in questo spazio relazionale non ci sarebbe storia di interazioni ricorrenti.
L'amore come dinamica relazionale che consente la collaborazione, la solidarietà, rende responsabile il responsabile perché il fare nasce dal volere, dal volere. In questa condizione lui o lei accetta ciò che vive e coesiste con l'altro o l'altro in una storia comune di interazioni che sorgono di momento in momento nel flusso della vita. L'amore è una caratteristica della specie umana. Apre la possibilità di riflessione e si basa su una forma di percezione che consente di vedere l'altro nella sua legittimità, rendendo possibile la cooperazione.
Da questa emozione fondamentale nascono i valori: rispetto per l'onestà, cooperazione, lealtà, generosità, responsabilità, giustizia, ecc. Come "distinzioni di configurazioni relazionali in convivenza" (Maturana 1994: 244). Sono l'espressione dell'armonia sociale. Il rispetto è dato nell'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza. I valori sono vissuti o negati.

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)