Prima di ogni cosa




Prima di ogni cosa
E’ davvero singolare quello che accade nel nostro paese, ci sono cittadini europei che rispetto alle proposte di miglioramento delle condizioni di vita degli europei che abitano l’Italia si sperticano in milioni di richiami al rispetto delle regole dell’Unione Europea e non spendono nemmeno una parola per l’uguaglianza tra i cittadini di questa Terra unita sotto un nome: Europa.
Uguaglianza di donne, uomini, bambine e bambini che abitano questo continente perché, dopo tutte le Guerre messe in cantiere e portate a compimento con milioni di europei morti, si dovrebbe pensare che siamo in fortissimo ritardo nella formazione dell’unica Comunità possibile, l’unica Società, composta da tutte le persone che abitano sulla faccia della Terra.
Ma almeno si inizi in Europa! I padri e le madri fondatrici e i loro eredi di oggi che sbandierano ai quattro venti Erasmus, trattati, moneta unica e libere elezioni del Parlamento Europeo non fanno nulla, nulla di nulla per l’unità.
C’è tanto parlare a vanvera di Spread superiore 300, di PIL e di crescita infinita con grafici in erezione continua, sui giornali, in radio, in Tv e per le strade ma di persone non si parla, si sbandierano solo privilegi che si ha paura di perdere.
E le donne, le bambine, gli uomini e i bambini che ruolo hanno in tutto questo? Nessuno se lo chiede, tutti a arrampicarsi sulle parole delle lettere della crescita, dei consumi, del danaro, del DIO DANARO.
Ma che c’è di umano in tutto questo? Nulla di nulla.
Escludere l’idolo di oggi, quello che hanno costruito le donne e gli uomini che votano nei sondaggi, UN DIO DEI SONDAGGI SU UN PIEDISTALLO di creta: IL GOVERNO, che tutto il resto di chi non ne fa parte vuole abbattere, a ogni costo, costi quel che costi.
Che c’è di umano nell’esclusione, nell’impoverimento di risorse umane sbattute fuori senza rispetto, senza dignità, accusati di ogni crimine possibile e immaginabile da sbattere in commenti lanciati come pietre taglienti sui Social Network.
A nulla serve che anche loro, quelli che oggi sono in sella e che ieri erano a terra, nella polvere, quando erano esclusi, derisi, ignorati hanno fatto così, che in quell’angolo stretto hanno detto parole dure, violente, offensive.
Chi rompe questa catena miserabile fatta di miserie umane, anzi di miserie NON UMANE?
Un Mondo migliore è fatto da tutte le donne, bambine, uomini e bambini del pianeta. Un mondo in cui non c’è bisogno di scrivere i diritti umani perché è naturale che l’altro è legittimo nello spazio di convenenza con me, con te, con noi, con tutti.
Prima di ogni cosa ci sono le persone. Prima di ogni cosa c’è ognuna delle persone. Prima di ogni cosa.
Antonio Bruno Ferro

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)