La democrazia è sinonimo di apertura?




Humberto Maturana e la prevalente mancanza di etica sociale: "Oggi non viviamo in democrazia" "È dimostrato dalla corruzione, dalle menzogne ​​anche negli scontri sportivi e etnici", ha affermato lo studioso.
Il Premio Nazionale delle Scienze del 1994, Humberto Maturana, assicura che i casi di collusione che sono stati conosciuti negli ultimi mesi "rivelano la psiche di un modo culturale molto antico di ottenere vantaggi ad ogni costo, sapendo che è un comportamento disonesto".
In ogni caso, è fiducioso sul fatto che "ora stanno indagando", che "è un buon inizio per purificarci da così tanti rifiuti".
In un'intervista con la rivista Capital , lo scienziato e il filosofo commentano la mancanza di fiducia del pubblico causata proprio da scandali politici.
"La fiducia non è qualcosa che viene messa o tolta", dice la sua collega, Ximena Dávila, "le relazioni di fiducia sono il prodotto di una storia di convivenza in cui non ci sentiamo traditi. C’è l'armonia della comunità a cui appartengo ma quando questa fiducia viene violata, la storia viene cancellata, quindi, è necessario un nuovo inizio. La grande responsabilità degli uomini d'affari e dei politici oggi è quella di iniziare consapevolmente a vivere in onestà ", sottolinea
"Abbiamo parlato molto del ritorno della democrazia, ma è tornata? La democrazia è sinonimo di apertura? La democrazia avviene solo in una coesistenza di onestà, etica sociale, collaborazione, equità, la conversazione che porta alla Riflessione sul desiderio di vivere e convivere insieme che consente di correggere gli errori, ma questo può accadere solo se lo si desidera, se lo vogliamo davvero, ciò che mi preoccupa è che oggi non viviamo in una democrazia, la corruzione lo dimostra, Bugie anche negli sport e nei conflitti etnici.  Non possiamo essere d'accordo su una convivenza che è, in effetti, non democratica”, Ha detto Maturana.

Secondo il co-creatore del concetto di autopoiesi, "siamo agli albori di un cambiamento del modo di vivere e di coesistere, nella misura in cui ci rendiamo conto che vivere in disonestà ci fa vergognare e non vogliamo conservare questo modo di vivere. Siccome oggi siamo ad un cambio di paradigma, diamo un'occhiata seria a dove vogliamo andare come Paese ".

Alla domanda circa la responsabilità attribuita al libero mercato negli scandali di disuguaglianza e corruzione, afferma: "La corruzione non è responsabilità di nessun modello o teoria economica, è sempre del popolo, dare la colpa a qualche modello economico non è assumere Responsabilità e rivela la cecità sociale. La corruzione non nasce da un modello politico o economico, ma dall'ambizione, dall'avidità e dal desiderio di potere, che portano tutti alla disonestà. "

"La crescita economica non è centrale, bensì la trasformazione dell'economia con una visione dei processi ciclici di conservazione dell'armonia della biosfera e dell'antroposfera (creazioni umane), con la consapevolezza che ogni crescita indefinita della popolazione conduce al disastro biologico-ecologico Ciò implica un cambiamento nella nostra psiche relazionale che è distorta dall'ambizione, dalla competizione e dalla ricerca del successo ", conclude.


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)