Humberto Maturana e gli splendidi versi di “Il profeta”





Scritto da Revista Nos a febbraio 2017
 colonna mablanco2
María Angélica Blanco Giornalista e scrittrice.

Chi, mai, il 14 febbraio, travolto dalla sensazione di pienezza totale quando si è sentito accarezzare le mani da parte del proprio compagno, non ha giurato amore eterno? Peccato che la favola dell'amore eterno sia solo un mito, perché quel tipo di incantesimo che ci fa camminare come se galleggiassimo, prima o poi finisce o semplicemente si consuma, essendo i suoi peggiori nemici tempo, routine e convivenza.

Qualche anno fa ho avuto il privilegio di cenare con il Premio Nazionale della Scienza Humberto Maturana, scienziato, filosofo, professore, un saggio che ha rivoluzionato il mondo delle neuroscienze con le sue teorie sulla biologia dell'amore. Durante la serata, mi ha fornito preziose informazioni su come garantire che la routine e la convivenza non finiscano per uccidere l'amore.

Per lui, la base fondamentale di una relazione duratura è accettare l'altro nella sua essenza e legittimità, rispettando la sua stessa concezione del mondo. Solo riconoscendo che ognuno è un universo in sé è possibile costruire una vita in coppia. In quella circostanza mi disse: "Durante lo stadio dell'innamoramento, uno vuole tutte le dimensioni della vicinanza all'altro, non vede alcun difetto e vive in uno stato di alienazione, una temporanea follia che Platone descrive come delirio divino".

Le difficoltà iniziano quando inizi a condividere il giorno dopo giorno, letto, pranzo, bagno, tempo libero e scopri le imperfezioni dell'altro. Tutti abbiamo percepito l'enorme ombra del disincanto dopo pochi mesi con la persona amata. Chi dice il contrario sta mentendo o, forse, ha trovato il Santo Graal di quel tipo di amore, che rimane intatto fin dal primo incrocio.

Ammettiamo che quelli di noi che vivono in coppia viaggiano sia attraverso periodi idilliaci, ma si trovano ad occuparsi anche di tempeste. Cosa fare per mantenere l'armonia? Secondo Maturana, ci sono sentimenti e comportamenti che devono sempre essere presenti per assicurare che l'amore rimanga: rispetto, fiducia, onestà, comunicazione e collaborazione reciproca, tutti contenuti nei versi del poeta libanese Khalil Gibran.

"Hai letto il Profeta?" Mi chiese. "Se lo analizzi coscienziosamente, capirai che il vero amore permette all'amato di emergere come legittimo, rispettando la sua autonomia con una fiducia fondata su conversazioni oneste e profonde, dall'anima all'anima, propensi a crescere come esseri indipendenti. Se quelli che vogliono percorrere una strada insieme lo leggono, imparerebbero a superare la crisi. Leggilo " mi raccomandò.

Ho sempre “Il profeta”sul mio comodino. I suoi versi mi ricordano i postulati di Maturana e anche l'autonomia che colui che ama veramente deve consegnare al suo partner. Che saggezza scrive Gibran: "Ama, ma non fare l'amore in prigione ... lascia che il vento danzi tra di voi ... e così starai insieme finché le ali bianche della morte non dissiperanno i tuoi giorni, perché la quercia e il cipresso non crescono nell'ombra dell'altro. "

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)