L'osservatore che siamo, secondo Maturana.



Per avvicinarsi al pensiero di Humberto Maturana, è necessario avere fiducia nella sua capacità di porre meravigliose interpretazioni dell'universo che dobbiamo vivere o costruire. Il nemico principale per capirlo è il giudizio a priori che ci porta ad accettarlo o rifiutarlo, senza sapere cosa approviamo o rifiutiamo.
Maturana parla dell '"osservatore nell'esperienza dell'osservare”, come l'essere che distinguiamo osservando noi stessi nell'osservare". Cioè, parla dell'osservatore dall'esperienza umana di riflettere su che cosa ci basiamo per fare quello che stiamo facendo.

Dice: "L'osservatore non è un'assunzione ontologica a priori. L'osservatore appare nella distinzione di osservare quando pone la domanda all'osservatore e osserva ".

L'osservatore è ciò che vogliamo spiegare e l'osservazione è lo strumento con cui vogliamo spiegarlo.

"Siamo abituati ad osservare dalla logica deduttiva, ma Maturana spesso propone un sguardo generativo, o di fare una mappatura per generare uno sguardo completo".

"Gli esseri viventi esistono nel presente, nel verificarsi dei processi. Passato e futuro sono modi di parlare del nostro vivere ora (presentepassato – presentefuturo- presentepresente). " Chiaramente, il passato e il futuro non esistono, sono ricordi o proiezioni che facciamo nel presente. Fanno parte delle nostre interpretazioni.

"Sappiamo nella nostra vita quotidiana che l'osservatore è un sistema vivente, perché le sue capacità cognitive sono alterate se la sua biologia è alterata, ritengo che non sia possibile avere un'adeguata comprensione dei fenomeni sociali e non sociali nella vita umana se a questa domanda non viene data una risposta adeguata, e questa domanda può essere risolta correttamente solo se l'osservazione e la conoscenza sono spiegate come un fenomeno biologico generato attraverso l'operazione dell'osservatore come essere umano vivente. "

Fonte: oggettività un argomento da forzare. - Humberto Maturana Romesin.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?