Accordo e disaccordo secondo Humberto Maturana


Le diverse ideologie politiche si basano anche su premesse accettate come valide e considerate ovvie a partire dal momento che la persona vuole farlo. E se si maneggiano ragioni per giustificare l'adozione di queste premesse, il sistema razionale che giustifica tali motivi si basa su presupposti accettati a priori, perché sì, perché uno lo vuole consapevolmente o inconsciamente.

 Osserva che ci sono due tipi di discussioni tra le persone. Ci sono discussioni, disaccordi, che vengono risolti senza andare oltre il diventare rossi. Se dico che due volte due è uguale a cinque e tu mi dici: "nessun uomo dice così, non è così! Guarda, la moltiplicazione è fatta in questo modo, "mostrandomi come è costituita la moltiplicazione, io al massimo dico" ah! Hai davvero ragione, scusami. " Se ciò accade, la cosa peggiore che possa capitare a me è che divento rosso e ho un po 'di imbarazzo. Può anche darsi che non mi interessi nulla, perché il disaccordo non ha nient'altro che una base logica poiché c'era un solo errore nell'applicare certe premesse o certe regole operative che io e l'altro accettavamo. Il nostro disaccordo era banale; Apparteneva alla logica.


Non ci arrabbiamo mai quando il disaccordo è solo logico, cioè quando il disaccordo nasce da un errore nell'applicare le coerenze operative derivate da premesse fondamentali accettate da tutte le persone in disaccordo. Ma ci sono altre discussioni in cui ci arrabbiamo (questo è il caso di tutte le discussioni ideologiche); Questo accade quando la differenza è nelle premesse fondamentali che ognuno ha. Questi disaccordi portano sempre un tremito emotivo, perché i partecipanti al disaccordo vivono il loro disaccordo come minacce reciproche esistenziali.
I disaccordi nelle premesse fondamentali sono situazioni che minacciano la vita perché l'altra nega le basi del suo pensiero e la coerenza razionale della sua esistenza. Ecco perché ci sono dispute che non saranno mai risolte nel piano in cui sorgono. Ad esempio, la guerra in Irlanda del Nord non ha alcuna soluzione a meno che un atto declaratorio prende su entrambi i lati dello spazio religioso dove, all'interno della proprietà di fede, negare i fondamenti di ogni altro, e portarlo a un dominio di mutuo rispetto. Non è sufficiente che i lati opposti si incontrino dalla tolleranza all'errore dell'altro. Se lo faranno, finiranno per combattere, perché entrambe le parti difendono sistemi che, pur essendo coerenti in se stessi, hanno premesse fondamentali diverse che si escludono a vicenda, e quindi, non hanno basi razionali.
Inoltre, se uno viene a proporre un argomento razionale per scegliere questi o di altri locali, chiedendo sistema ideologico una base razionale, si fa lo cieca a quello che si è detto sopra, vale a dire, lo fa cieca per il fatto che gli ultimi premesse alla base della razionalità della argomento convincente accettiamo di priori. Pertanto, non possiamo rivendicare una giustificazione trascendente per le nostre azioni dicendo: "questo è razionale". Qualsiasi argomento senza errore logico è ovviamente razionale per chi accetta le premesse fondamentali su cui si basa.
L'umano è costituito dall'intreccio tra l'emotivo e il razionale. Il razionale è costituito dalle coerenze operative dei sistemi argomentativi che costruiamo nel linguaggio per difendere o giustificare le nostre azioni. Attualmente viviamo le nostre argomentazioni razionali senza riferimento alle emozioni su cui si basano, perché non sappiamo che loro e tutte le nostre azioni hanno una base emotiva, e crediamo che una tale condizione sarebbe una limitazione per il nostro essere razionale. Ma la base emotiva della razionale è una limitazione? No, al contrario.

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)