Humberto Maturana: "Gli esseri umani non sono monogami"


Humberto Maturana: "Gli esseri umani non sono monogami"
·          
Dalla percezione dello scienziato cileno, la sessualità è un aspetto essenziale nella convivenza tra gli esseri umani, che si manifesta nell'espansione della sensualità e della tenerezza come pilastri del benessere.
Questa intervista, appartenente alla rivista estinta APSI del 1991, è stata inquadrata in uno speciale legato all'erotismo e alla sessualità. È in questo contesto che il National Science Award ha avuto parole per analizzare i cileni, che dall'emozione, perdono il linguaggio della biologia dell'amore.
- Ritieni che la monogamia sia l'ordine naturale dell'essere umano?
-No. Gli esseri umani sono moderatamente poligami. La monogamia può durare tutta la vita o no. Una cosa non nega l'altra. Ma se mi chiedi quali sono i pilastri di una lunga famiglia, permanentemente, penso che sia la tenerezza. Perché la sessualità è una modalità di tenerezza. Quando si parla di sessualità, ascolta solo l'atto sessuale. E questo è solo un momento in questa relazione sensuale uomo-donna. Dove sono la carezza, l'attenzione, la cura, il gioco: tutto ciò che è per incontrare l'altro nella sua legittimità.
Nella convivenza, è il controllo e la domanda a generare l'angoscia: la mia impressione è che più la monogamia è controllata, più essa viene distrutta. Il problema è la domanda e il controllo. Se la coppia vive nella tenerezza e nella sensualità, e quindi nell'armonia sessuale, non devi nemmeno chiedere della fedeltà. La fedeltà nasce come una questione in cui la sensualità e la tenerezza sono perse.
-Hai detto che la felicità è nell'armonia del presente. Qual è il rapporto che vedi tra sessualità e felicità?
-Il problema con le richieste è che interferiscono sempre con ciò che richiedono. Sono fondate sul fatto che ciò che viene richiesto da qualcuno questo qualcuno non ce l’ha: quando tu chiedi cooperazione e perché non ce l'hai, perché affinché la cooperazione abbia luogo deve esserci un fondamento diverso, che è l’accettazione, il rispetto e il desiderio comune. Cominci a chiedere quando queste condizioni fondamentali non esistono ...
L'armonia sessuale
- Sembra che siamo educati male a vivere insieme.
-Penso che siamo mal istruiti, perché apparteniamo a una cultura che pensa o agisce come se l'armonia e l'ordine derivassero dalla domanda e dal controllo. L'armonia non nasce dalla domanda, ma dalla coincidenza degli scopi, della coincidenza dei desideri; quello che chiamo 'con-ispirazione' nel vivere.
Humberto Maturana nota che si è occupato di questi temi da un diverso percorso di psicologia e filosofia: dalla biologia. "Le mie domande sono state in generale sulle condizioni costitutive che danno origine alle esperienze, piuttosto che su ciò che accade con loro".
-Ma è una biologia integrata all'etica?
-Non mi sono mai interessato all'etica finché la biologia non me l'ha mostrato.
- Esiste etica in natura?
-No, ma nell'essere umano sì. E viene dall'amore. L'etica ha a che fare con la preoccupazione per l'altro. Trattando l'altro come legittimo un altro in convivenza. Ma la preoccupazione etica non va mai oltre il dominio sociale in cui sorge ...
-In Cile in questo momento, più persone "vedono" se stesse, più lo stato si sentono. E questo, associato a una sessualità come repressa, possibile, giusto?
-Credo che tutti gli esseri umani abbiano bisogno di vivere una vita che abbia un senso. Una vita in cui il suo lavoro è armonioso e congruente con uno spazio più ampio della sua vita individuale, e quel senso è storicamente dato dal mistico. Questo è stato perso. Ora la religione propone uno spazio per l'integrazione sociale. E scoprirai che coloro che vivono in una coscienza sociale, coloro che sentono il loro lavoro come parte della comunità, sono meno legati ai religiosi. La religione è - troppo, per i miei gusti - incentrata su richieste e norme. Ma ciò che la persona cerca è quell'integrazione. Vuole che il suo lavoro abbia un senso e a volte lo confonde con le regole, che è quello che dici quando dice status: se seguo tali e tali regole, appartengo a una comunità, ne sono accolto favorevolmente.
-C'è una "tipica" o fondamentale insicurezza dei cileni che spiegherebbe, tra le altre cose, alcuni modi distorti di vivere la sensualità e la sessualità.
- Certo, ma l'insicurezza nasce da una cattiva integrazione alla comunità a cui si appartiene.
-E c'è anche un disagio con il corpo ...
-Beh, ma tutto ciò che va insieme. Perché ho disagio con il mio corpo, se non è perché sono scarsamente integrato nella comunità a cui appartengo. E perché sono mal integrato nella comunità se non mi collego adeguatamente con esso per essere accettato, per accettare, in quanto il mio lavoro ha senso in esso e che mi accoglie nel mio lavoro.
- Hai commentato che gli esseri felici sono quelli che sono stati accettati dalla madre, sarà che i cileni non sono stati molto ben accolti dalle loro madri, se possiamo generalizzare?
-Non possiamo generalizzare. Penso che ci debbano essere molti cileni felici (ride). Ma penso che abbiamo problemi con il futuro. La nostra cultura sta diventando sempre più esigente nella competizione, nel successo. E mamma pensa di dover essere preoccupata per il successo di suo figlio o sua figlia in futuro. Quindi non incontra il ragazzo o la ragazza. Lui non lo vede. Gli dà un giocattolo perché lo prepara per il futuro, non un giocattolo legato al gioco da solo. Lo invia alla scuola in modo che sia preparato per il futuro e per il mercato professionale e la denuncia del ragazzo o della ragazza non viene ascoltata in relazione a come sta vivendo la sua vita quotidiana a scuola. Ciò crea una tensione e una distanza, e quindi un'insicurezza nel bambino. Perché il bambino è nel presente, non nel futuro.
La morte non è una novità
Va notato che all'inizio degli anni '90, il Cile era un paese disinformato riguardo alle conseguenze dell'HIV, essendo un argomento tabù e una malattia segnata da pregiudizi. IL Prof. Maturana ha trovato parole per comprendere questo fenomeno dalla contemplazione.
In questo senso, sebbene i trattamenti attuali consentano di controllare una vita calma dal virus, Maturana ha avuto la visione di pensare che questa malattia sarebbe stata curata in un momento in cui la paura non consentiva una risposta.
-C'è una realtà che cambia, per i bambini di oggi, il film del futuro: AIDS ...
-Il film cambia finché non c'è un rimedio contro l'AIDS. Scegliere di vivere nel presente non significa non prendere in carico il futuro. La rivoluzione sessuale fu in realtà una rivoluzione contro l'ipocrisia degli adulti. Sorge con il movimento hippie negli Stati Uniti, come reazione alla guerra del Vietnam. E contro la vita adulta è un bugiardo. E tra gli altri aspetti della vita adulta, contro la restrizione della sessualità. Ma le persone dovranno vivere la loro sessualità come un polisessuale o monogamo, non contro le restrizioni, ma nell'armonia della loro vita.
- Quindi tutto non è stato perso, nonostante l'AIDS.
-Certamente tutto non è andato perduto: l'AIDS è una grave interferenza, e molto seria per molte persone, ma il rimedio sarà trovato; se è come la sifilide. Mentre non c'era rimedio per la sifilide, l'AIDS era lo stesso ... La gente era solita morire di tubercolosi. Questa vicinanza alla morte non è una novità. Quello che succede è che l'AIDS ha a che fare con la sessualità. Allora devi preoccuparti del tuo partner: puoi essere monogamo o poligamo ordinato.
"Ma la cultura impone un peso simbolico e metaforico alle malattie", afferma Susan Sontag. Cercano "colpevoli".
-Le malattie sono vite passate. Se l'AIDS contiene una manipolazione, non devi vivere attraverso quella manipolazione. È che tutta la storia evolutiva dell'uomo ha a che fare con la sensualità e la tenerezza. Ecco perché la sua negazione è così distorcente.
-Di dire che essere monogami o poligami sono due opzioni legittime. Il problema è che la società accetta solo una possibilità come legittima.
-Questa società, ma non tutte. Ci sono altre culture in cui non è così. Nota che se le malattie veneree e l'AIDS si diffondono mentre si diffondono, è perché non siamo monogami. Ciò non significa nemmeno che abbiamo una struttura di persone perverse. Gli esseri umani non sono monogami. O non siamo tutte le nostre vite. Forse siamo poligami e anche la poligamia non significa necessariamente promiscuità.
Il diritto di cambiare la tua opinione
"E 'interessante quello che hai scritto circa gli errori," Rodriguez detto il giornalista Mili, che Maturana ha risposto: "Per capire che commentiamo errore, l'errore deve essere legittimo. Se l'errore non è legittimo, non possiamo vederlo o superarlo. "
E 'qui che il giornalista APSI notare che il biologo ha una copia della   Dichiarazione Universale dei Diritti Umani , un documento che ha segnato sotto i 30 articoli della Costituzione tre dimensioni: 31: diritto di sbagliare, 32: Diritto di partire e 33: diritto di cambiare idea.
- Sono articoli fondamentali. Se l'errore non è legittimo, non può essere compreso o superato. Il diritto di commettere errori e il diritto di cambiare idea li ho aggiunti. Il diritto di andarsene, lo dicono i miei studenti.
Dopo la fine della conversazione, il giornalista e lo scienziato vedono una tavoletta che dice: "Silenzio. Addestrare piccioni ". Maturana, vedendo questo, spiega che "i piccioni vengono all'università per imparare e poi vengono rilasciati. Tutti i piccioni vedono i colori. Chiediamo loro di dirci come li vedono ".
L'amore fondamentalmente 'vede' l'altro. Cioè, secondo il suo concetto, l'amore non è la rivista Apsi registrata cieca  .


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?