Teoria del multiverso e Congresso di Verona sulla famiglia




In questa teoria viene negata la realtà oggettiva indipendente dell'osservatore. L'osservatore è riconosciuto come un partecipante costitutivo di ciò che osserva, il cambiamento qui proposto è ovviamente radicale: il passaggio di un Universo, cioè di una realtà oggettiva univoca che è uguale per tutti, a un Multiverso, in cui ciascun mondo costruito dall'osservatore è ugualmente valido e unico rispetto agli altri.

Dal punto di vista della formazione della famiglia, l'esistenza di queste due concezioni del fenomenologico psicologico - e, quindi, l'esistenza di due diversi punti di vista su ciò che accade nella vita quotidiana alla persona che consulta lo Stato per sapere se la relazione che ha posto in essere che per lui è famiglia lo è anche per lo Stato; di due diverse concezioni di ciò che accade nella trasformazione che ha luogo in esso come risultato della formazione della famiglia, coinvolgerà due diversi modi di concepire in che modo si può fare famiglia. Nel primo, la credenza che ci sia un universo e che abbiamo accesso a esso pone lo Stato in una posizione privilegiata: lo Stato è il portatore della verità che viene codificata in una regola e crede che questa verità sarà trasmessa alla persona che desidera fare famiglia. Nell'altra posizione, quella suggerita dal Multiverso di Maturana, lo Stato non si percepisce come portatore della verità e considererà che il mondo che la cittadina o il cittadino costruisce è il suo unico mondo possibile.
Cos’è Multiverso?

Innanzitutto un luogo di confronto e scambio di idee, una “casa” per tutte le iniziative che pongono l’attività al servizio delle persone e della società, per il miglioramento della salute, la prevenzione del disagio, la ricerca e la condivisione di strumenti che, siamo convinti, debbano incontrare i vari contesti sociali, dal lavoro, al tempo libero, alle attività che riguardano l’intero ciclo di vita dell’individuo. Nella società orientata all’obiettivo e al risultato, si fa un gran parlare di felicità, spesso abusandone, alla ricerca sempre più frenetica di soluzioni, letture affrettate dei fenomeni sociali, “ricette” preconfezionate più simili alle “formule magiche” che al ruolo che la felicità dovrebbe avere per lo sviluppo della persona e per la funzione adattiva dell’individuo nel proprio contesto e nella propria rete di relazioni.

Sostituire le certezze con le domande, gli etichettamenti con il dialogo; è questo lo spirito che anima Multiverso.


Il multiverso al quale ci riferiamo è quello teorizzato da H.R. Maturana (1987), tra i principali teorici del costruttivismo e padre della teoria autopoietica; basi epistemologiche sintetizzate nella massima “Vivere è conoscere” e che pongono la persona, con il suo modo di funzionare, all’interno di un ambiente in accoppiamento strutturale con esso, in una situazione tale per cui il soggetto crea, inventa, costruisce una realtà che continua ad andare avanti, per lui esclusivamente, fintanto che lui sopravvive. Per Maturana quindi, più che parlare di un unico universo conoscitivo è il caso di parlare di un multi-verso o di tanti multi-versi. Una visione che comunque non si arrende al puro relativismo e non sacrifica il concetto di oggettività che piuttosto viene posto tra parentesi.
E’ all’interno di questa cornice che si dovrebbe muovere lo Stato nel capo delle relazioni: non prescindendo dalle esperienze che ci sono e allo stesso tempo pronto a rivalutare e ridefinire ogni ipotesi; un osservatore costante e curioso che non rinuncia a distinguere, a mettere le proprie ipotesi (il proprio universo) “tra parentesi”, consapevole al contempo di essere parte integrante del sistema che osserva, parte integrante, appunto, di un multiverso.

L’incontro tra le persone, i contesti lavorativi e sociali e le professionalità rappresentano le basi della felicità e del benessere.




Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)