MORALE O ETICO? di H. Maturana.



Viviamo nel nostro paese un tempo in cui parliamo molto di morale, etica, valori, corruzione, frode ... Parliamo di insegnare valori, emozioni ... Di cosa stiamo parlando? Cosa vogliamo insegnare?

Le parole non hanno significato in se stesse, non hanno alcun significato da loro. Le parole significano fare evocare, connotare, guidare o coordinare le persone che le usano quando partecipano a una conversazione. Vedere questo è facile se si assiste a denunce che si presentano contro incomprensioni, come appaiono sempre comportamenti come contraddittori che dovrebbero essere una coincidenza nel fare come un risultato di una coincidenza con quello che diciamo.
Basterebbe anche guardare un dizionario per capire cosa sto dicendo. In un dizionario possiamo vedere che la maggior parte delle parole appaiono con diversi significati che sono indicati indicando i diversi corsi di coordinamento delle razze a cui partecipano. Indubbiamente, i parlanti di una lingua sentono che è sufficiente per loro sentire una parola per pensare di sapere cosa significa nella circostanza in cui la ascoltano. E in molti casi è perché sente che e il diffusore sono nella stessa flusso relazionale, comportamentale ed emotivo, o l'ascolto si fa da una presunzione relazionale è appropriato perché ci sono la vicinanza culturale tra lui o lei e Colui che parla Ma se non è così ...

È in questo contesto che la domanda è: cosa diciamo o intendiamo quando parliamo di moralità o quando parliamo di etica? Se guardiamo un dizionario questo sembra indicare che quelle parole nel principale significano lo stesso quando si riferiscono a usi, valori, abitudini, norme, sebbene con connotazioni diverse. Penso, tuttavia, che queste siano parole che nel loro uso quotidiano ci guidano attraverso corsi operativi con conseguenze relazionali molto diverse. Vediamolo

Cosa sentiamo nella nostra vita quotidiana quando sentiamo che qualcuno si è comportato in modo immorale? Ciò che si sente generalmente è che la persona di cui sopra ha violato le abitudini, le norme o le regole di condotta della comunità a cui appartiene. In questa accezione l'attenzione è posta sulle norme o sulle regole di condotta, e allo stesso tempo sulle possibili conseguenze nello spazio delle norme che il loro non rispetto potrebbe portare. Le persone coinvolte e / o affette hanno solo una presenza secondaria nella preoccupazione di coloro che lamentano un atto di immoralità, perché ciò che conta veramente in quella situazione sono le regole, non le persone. Nella denuncia di immoralità, ciò che è protetto è un'istituzione le cui regole, leggi o costumi sono stati violati.

Quando si parla di etica, succede qualcosa di diverso. Quello che si sente quando qualcuno dice che una persona ha avuto un comportamento non etico è generalmente che la persona di cui sopra ha avuto un comportamento che ha provocato il ferimento di un altro o altri sapendo che sarebbe successo. In tale accezione l'attenzione di chi parla tanto quanto l'ascoltatore non viene posto in dogami, regole, leggi o regolamenti che potrebbero o essere state violentate, ma le persone coinvolte e ciò che accade loro. L'emozione di tale denuncia con quello che lui o lei vede condotta non etica, è di rabbia o indignazione per quello che lui o lei vede o considera la mancanza di coscienza sociale nella persona la cui condotta viene contestato, perché in questo caso ciò che conta sono le persone, non le regole.

Questa differenza di significato nella vita quotidiana delle nozioni di moralità ed etica non è banale. Queste sono nozioni centrali che guidano coscientemente o inconsciamente il flusso della nostra convivenza sociale e il nostro comportamento individuale nel nostro lavoro come membri di una comunità umana. E 'ancora di più, si tratta di aspetti della nostra vita che gli altri vedono, perché in un modo o nell'altro li riguarda, e che noi stessi vede perché rivela e ci colpisce nella nostra vita in modo ricorsivo. Ma c'è ancora qualcosa di più interessante. Quando abbiamo a cuore sono le norme o regole nel lavoro della comunità di cui facciamo parte ci comportiamo come moralisti, quando ciò che conta è il benessere e il rispetto per le persone, abbiamo preoccupazioni etiche. Se siamo moralisti, spesso giustifichiamo il nostro comportamento non etico cosciente proteggendoci con l'argomento che abbiamo rispettato le norme o le regole che la comunità ha per quel compito. Se ciò che conta davvero per noi è il benessere degli altri membri della comunità, possiamo scegliere di non rispettare le regole o le norme e avere una condotta immorale sotto l'argomento che la sua applicazione costituirebbe un comportamento non etico.

Quando una persona dice che la sua azienda ha prosperato sotto la protezione della legalità senza preoccuparsi delle conseguenze negative che il suo lavoro ha sulla comunità che fa il suo possibile lavoro, che tipo di comportamento ha?

Parliamo di valori di insegnamento, morale, etica ... Di cosa stiamo parlando? ..... Cosa vogliamo insegnare?

·  Humberto Maturana

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?