Humberto Maturana: l'arte di lasciar andare le certezze


Humberto Maturana: l'arte di lasciar andare le certezze

Alejandro Czerwacki
Parla lentamente, con calma, con occhi irrequieti e ascolto attento. Indubbiamente saggio, Humberto Maturana Romesín ha ancora l’anima ribelle che ha sfidato i dogmi della scienza nel suo approccio, lasciando il laboratorio scientifico di avventurarsi in antropologia, psicologia e sociologia a nuotare facilmente nel "biologia culturale". All'età di 88 anni, continua a discutere su ogni particolarità dell'essere come quando la sua vita era circondata da molecole, con cui alla fine degli anni Cinquanta ottenne un dottorato in biologia presso l'Università di Harvard. Nato in Cile, dove attualmente risiede, Maturana è passato dall'essere una figura di spicco nella neurofisiologia ed epistemologia, contribuendo allo studio della percezione e conoscenza, per diventare un punto di riferimento nel flusso di conversazioni esseri umani nelle organizzazioni.
In questi giorni si sta preparando a tornare a Buenos Aires, dopo una pausa di quattro anni, per partecipare al seminario "Conversazioni collaborative nella vita organizzativa", organizzato dal Gruppo umano, che si terrà il 18 ottobre. La giornata, di scambio riflessivo con i partecipanti, è rivolta a psicologi, sociologi, consulenti, allenatori, imprenditori, imprenditori, manager, le cui responsabilità, compiti e preoccupazioni ruotano intorno al fattore umano in ogni organizzazione. Ci sarà Maturana con Ximena Dávila, con la quale ha fondato nel 2000 la Escuela Matríztica de Santiago. "Ascoltare è fondamentale in qualsiasi circostanza relazionale tra le persone - ha interesse nel focalizzare il suo studio attuale. Ciò richiede un atteggiamento senza pregiudizi o aspettative che chiamiamo "lasciar andare le certezze". Se uno è focalizzato su ciò che si sa, interferisce con il rapporto di ascolto reciproco, è per questo che bisogna lasciare la certezza di incontrare l'altro senza presupposti, aspettative o pregiudizi ".
Maturana sembra ritornare al bambino interiore in ogni momento, a "fare leva", come ama dire, e riflettere in silenzio aspettando che qualcosa appaia anche se non sa di cosa si tratta. "La curiosità apre le strade", dice con uno sguardo sognante. E così, come due bambini, dice di aver sentito insieme al suo amico, il Dalai Lama, nei loro diversi incontri parlare di "preoccupazioni in noi" e di educazione, etica, benessere e felicità l'umanità. "Siamo diventati amici in una conversazione sulla sua storia d'infanzia e la mia", confida con un sorriso. Gli incontri hanno avuto a che fare con l'apertura riflessiva. Dice che gli ho insegnato il distacco e che gli ho mostrato che per credere come scienziato devo lasciare andare quello che so. E lì ha capito la natura del distacco e questo ha generato una relazione ".
Negli anni '60, Maturana ha vissuto pienamente il suo ritorno nel suo paese dedicato all'insegnamento, quando ha partecipato alla fondazione della Facoltà di Scienze dell'Università del Cile. Durante il governo di Salvador Allende, consigliò ai membri del team le caratteristiche del sistema biologico autopoietico, i cui processi applicati alla gestione del governo erano ben riconosciuti. Con così tanta morte ed esilio che ha significato l'arrivo di Pinochet, Maturana ha resistito all'educazione dei suoi studenti, quasi come supporto per sostenere l'apocalisse. "Non mi sento un sopravvissuto perché non ho avuto il rischio di morire", dice senza esitazione. Ero coinvolto nella biologia della conoscenza e vivevo interrogatori, molte cose ... (ora faccio silenzio mentre penso a quegli orrori), ma non ero a rischio. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)