Conversazioni negative della democrazia. Di Humberto Maturana.


Conversazioni negative della democrazia. Di Humberto   Maturana.
29 settembre 2010 di   Bio-Culturalia

Qui voglio pubblicare un testo imprecisamente intatto di un saggio del Professor Maturana che ha pubblicato nel suo libro "Love and Play. Forgotten Foundations of the Human ", co-autore con il dott. Verden-Zöller. È una sezione che parla della democrazia come una rete chiusa di conversazioni costituite come un sistema sociale umano, ma che enfatizza le conversazioni che negano la realizzazione e la conservazione di un tale sistema.   Nel post successivo commenterò uno per uno i punti che sono invitati qui a riflettere.
Oggi viviamo in uno spazio di contraddizioni storicamente conservate dove, da un lato, molti paesi hanno dichiarato la vita democratica come il loro sistema di governo preferito o preferito, ma allo stesso tempo non c'è stata nella realizzazione di convivenza e coesistenza democratica la realizzazione di un convivenza responsabile per il benessere di esistere in un dominio in cui è legittimo il rispetto reciproco e il rispetto per la biosfera che partecipa responsabilmente alla coesistenza della vita planetaria, cioè, non c'è stata una democrazia pienamente realizzata e conservata nel giorno al giorno, ma esisteva costantemente a rischio di essere negato, e infatti è stato negato in modo ricorrente, da conversazioni patriarcali-matriarcali.
Come ci racconta Don Humberto anni fa, la democrazia è uno stile di vita che come una rete chiusa di conversazioni sorge nella prassi della vita, e se non si verifica nella realizzazione e conservazione quotidiana   dell'operazionalità del rispetto reciproco attorno a un progetto comune di convivenza, non c'è democrazia. La democrazia inizia a casa o non inizia. È un'opera d'arte quotidiana. Non un sistema elettorale o di partito.
Diamo un'occhiata a dieci conversazioni che costituiscono lo scopo delle contraddizioni a cui la democrazia è soggetta in un ambiente culturale patriarcale-matriarcale che lo nega in modo ricorrente:
"A) Conversazioni che confondono la democrazia con un modo elettorale per raggiungere il" potere politico ". L'emozione fondamentale in cui avvengono queste conversazioni è il desiderio aperto o nascosto di dominare o controllare il comportamento degli altri per soddisfare un desiderio privato di autorità e appropriazione. Conversazioni di questo tipo nascondono il fatto che ciò che in una cultura patriarcale è chiamata potere avviene nell'obbedienza dell'altro attraverso la sottomissione ottenuta dalla coercizione. Inoltre, tale coercizione di solito avviene sotto mentite spoglie sotto argomenti che sostengono che il potere è una proprietà o un dono di coloro che esercitano la coercizione attraverso le azioni dei loro seguaci in un modo che nasconde la coercizione che esercitano. La democrazia non opera in termini di potere, autorità o richieste di obbedienza; Al contrario, la democrazia viene attuata attraverso comportamenti derivanti da conversazioni cooperative che generano cooperazione, consenso e accordi.
b) Conversazioni che negano il libero accesso all'osservazione, all'esame, all'opinione o all'azione negli affari della comunità ad alcuni dei suoi membri, e che lo fanno con argomenti che i membri della comunità esclusa sono intrinsecamente incapaci di avere un'adeguata partecipazione a tali questioni. L'emozione fondamentale coinvolta nelle conversazioni di esclusione differenziale di questo tipo è la preferenza patriarcale per le relazioni di gerarchia e il controllo nel funzionamento di una comunità umana. Queste preferenze sono solitamente nascoste sotto qualche argomento di giustizia o diritto, convalidato attraverso riferimenti a qualche sistema di nozioni e principi trattati come trascendentalmente validi.
Ma, a causa della sua forma di costituzione, non c'è e non può esserci alcuna giustificazione trascendentale per la democrazia; la democrazia è un modo di vivere in comunità che nasce, quando in realtà viene adottato, come un accordo sociale aperto che nasce dal desiderio o dal desiderio profondo di recuperare una vita di stampo come una vita di rispetto reciproco e rispetto di sé.
c) Conversazioni che giustificano la negazione dell'accesso ai mezzi di sussistenza di base ad alcuni membri della comunità attraverso argomenti che affermano la legittimità della concorrenza in un mondo aperto alla libera impresa. L'emozione fondamentale coinvolta in queste conversazioni nella nostra cultura patriarcale è quella dell'inimicizia che nasce dal desiderio di appropriazione. L'inimicizia, l'interferenza attiva con l'accesso che un altro essere vivente potrebbe normalmente avere ai loro mezzi di sussistenza, è una caratteristica della nostra cultura patriarcale che giustifica con argomenti che rendono l'appropriazione del mondo naturale una virtù, o anche un diritto trascendente. In una vita democratica, la cooperazione, la condivisione e la partecipazione sono parte della sua emozione fondamentale, e l'azione, a cui tale emozione conduce di fronte alla scarsità, è la distribuzione partecipativa, non l'appropriazione. Quindi qualsiasi argomento che giustifichi l'appropriazione limita o interferisce l'accesso ai mezzi di sostentamento ad alcuni membri di una comunità democratica, distruggendo la democrazia in quella comunità.
d) Conversazioni che convalidano l'opposizione tra i diritti dell'individuo e i diritti della comunità sotto l'argomento che l'individuo e la comunità si negano necessariamente l'un l'altro attraverso un conflitto di interessi. L'emozione fondamentale che queste conversazioni implicano è l'appropriazione e l'inimicizia secondo l'affermazione che l'individualità umana costituisce una dinamica di opposizioni in cui ogni individuo sorge attraverso un processo di differenziazione attiva dall'altro.
Tuttavia, l'individuo non nasce da una dinamica di opposizioni, ma, al contrario, sorge nello sviluppo del rispetto di sé e della dignità che avviene attraverso la fiducia e il rispetto reciproci in un ambiente sociale tipico della vita di l'infanzia in cui lui o lei è diventato un essere individuale e un essere sociale. Pertanto, la convivenza democratica non nasce nella storia europea dal desiderio di soddisfare interessi comuni, ma dal desiderio di reciproca accettazione e rispetto.
In altre parole, la vita democratica, secondo quello che dico, non si pone come un meccanismo che consente di risolvere i conflitti di interesse, ma piuttosto come un tentativo di realizzare un modo neo-magico di convivenza nella costituzione di uno Stato democratico come progetto comune. La democrazia non è una soluzione, è un atto poetico che definisce un punto di partenza per una vita da adulto neo-cristo perché è la costituzione per dichiarazione di uno stato come un sistema di convivenza che è un sistema sociale umano, un'area di rispetto reciproco, di cooperazione e co-partecipazione, coestensive con una comunità umana governata o svolta da tale dichiarazione.
e) Conversazioni che affermano la necessità di ordine e stabilità per assicurare la libera impresa e la libera concorrenza sotto l'argomento che è libera impresa e libera concorrenza che porta al progresso sociale, nell'ipotesi implicita che con la nozione di il progresso connota qualcosa che è un valore in sé. L'emozione fondamentale nella nostra cultura patriarcale in relazione alla nozione di progresso è quella del desiderio di appropriazione o autorità coinvolta nelle conversazioni di gerarchia, crescita, controllo e subordinazione. Ma il controllo degli altri, l'obbedienza sotto le relazioni gerarchiche che sono mantenute attraverso la coercizione e la crescita come accumulazione di benessere attraverso l'appropriazione dei mezzi di vita degli altri, sono azioni che stabilizzano l'esclusione e generano miseria materiale, depredazione ambientale e sofferenza, perché costituiscono una dinamica di negazione ricorrente dei fondamenti matematici della nostra infanzia occidentale, e più profondamente della nostra costituzione come esseri umani, e sono, quindi, intrinsecamente negatori del rispetto reciproco e dell'auto-rispetto costitutivo della vita democratica. Inoltre, questo modo di vivere nel gioco continuo della competizione e la domanda di stabilità rendono l'educazione uno strumento per l'educazione dei figli patriarcali che vivranno in contraddizione emotiva vivendo sia nella continua negazione della democrazia che come un modo di convivere umano, come nel desiderio permanente per il recupero delle loro basi matrilineari.
f.)     Conversazioni di potere, controllo e confronto nella difesa della democrazia, o per risolvere le difficoltà che sorgono nel vivere in esso, invece di conversazioni di riflessione, accordo e responsabilità in relazione allo scopo comune che il caso. L'eccitazione che dà origine a queste conversazioni implica la perdita di fiducia negli altri insieme al desiderio di sicurezza e protezione che una forte autorità amichevole che controlla l'altro assicura, in una forma di convivenza in cui ogni disaccordo è vissuto come una minaccia che deve essere affrontata attraverso la guerra e la negazione degli altri, e in cui ogni difficoltà è vissuta come un problema che deve essere risolto attraverso la lotta, e in cui ogni opportunità per una nuova azione è Sembra una sfida che deve essere vissuta come un confronto. Questo tipo di conversazioni nega la democrazia, di fatto o di ispirazione, distruggendo il rispetto reciproco fondamentale che rende possibile la coesistenza per la convivenza nel rispetto reciproco.
g)      Conversazioni che lodano le relazioni gerarchiche, di autorità e di obbedienza, come virtù che assicurano l'ordine nelle relazioni umane. Conversazioni di questo tipo assicurano una divisione gerarchica delle attività umane e stabilizzano i privilegi senza l'uso della forza. Il brivido che dà origine a queste conversazioni è il desiderio di mantenere e assicurare il controllo dei privilegi appropriati. Conversazioni di questo tipo limitano l'accesso che tutti i membri di una comunità democratica dovrebbero avere agli affari della comunità, e lo concedono come privilegio solo per alcuni. Conversazioni di questo tipo distruggono la democrazia negando le sue fondamenta.
h)      Conversazioni che presentano tutti i disaccordi in una comunità democratica come una lotta per il potere sotto l'argomento che la democrazia è un'opportunità per tutte le forze sociali di partecipare a tale lotta. In queste conversazioni, l'emozione fondamentale passa attraverso il desiderio di controllo e dominazione in base al quale viviamo il nostro essere adulto nella nostra cultura patriarcale europea. In questa emozione viviamo tutti i nostri disaccordi come minacce alla nostra identità, e noi non li rispettiamo come un'espansione di una legittima diversità di aspiranti per una vita in democrazia. Conversazioni di questo tipo oscurano lo scopo comune della vita nella democrazia e prima o poi la negano nella sua interezza.
i)       Conversazioni di competenza e creatività, che affermano che il progresso è una caratteristica necessaria della vita umana e che il progresso è l'aumento del dominio della natura e il controllo della vita. In queste conversazioni, l'emozione fondamentale è l'avidità, il desiderio di appropriazione e controllo. Le conversazioni sulla competizione e sulla creatività negano l'altra, sia direttamente nell'atto di competere, sia indirettamente, mentre affermano che l'altra manca della creatività di base necessaria in una società che sopravvive solo attraverso una ricerca infinita di novità. Queste conversazioni negano la democrazia negando l'altra nella sua totale legittimità, svalutando l'armonia della vita che emerge nella consensualità e lodando le differenze che sorgono in una lotta continua.
j)       Conversazioni di urgenza e impazienza che richiedono un'azione immediata, e che sotto l'argomento della sfiducia tentano di imporre una visione particolare prima di essere sottoposte a una riflessione pubblica. Queste conversazioni sorgono nel desiderio di controllo e certezza ad ogni costo, e sono presentati sotto l'argomento della legge e della giustizia. Queste conversazioni distruggono ogni spazio per le conversazioni cooperativa, limitando la possibilità di qualsiasi accordo che possa portare a comprensione e azione democratica. Le conversazioni che comportano sfiducia generano sfiducia e distruggono la democrazia rendendo possibili azioni autoritarie.
La democrazia è una rottura nella nostra cultura patriarcale europea che nasce dal nostro desiderio matriarcale di vivere nel rispetto reciproco e nella dignità, che la vita è centrata sull'appropriazione, l'autorità e il controllo, nega. In quanto tale, la democrazia è un'opera d'arte, un sistema di convivenza artificiale generata consapevolmente che può esistere solo attraverso le azioni proattive che la generano come una convivenza in una comunità umana. Tuttavia, non realizzando la costitutiva non razionalità della democrazia come un prodotto di una convivenza sociale matristica, cerchiamo di dargli una giustificazione razionale, argomentata in termini di principi trascendentali di giustizia e legge, che giudichiamo universalmente validi proprio attraverso di quella stessa argomentazione razionale. Inoltre, poiché i nostri argomenti razionali non sono riusciti a convincere coloro che non avevano già accettato a priori i fondamenti matrici non razionali della nostra argomentazione, e quindi non ne avevano bisogno, abbiamo fatto solo l'altra cosa che sappiamo come fare nella nostra cultura patriarcale, cioè, ricorrere all'uso della forza sotto la fondazione di teorie filosofiche che giustificano il suo uso per il bene comune. Ma la forza ha fallito anche nel tentativo di creare una convivenza democratica e necessariamente fallirà sempre perché la forza nega costitutivamente il dominio delle conversazioni di fiducia, rispetto reciproco, rispetto di sé e dignità, che dobbiamo vivere se vogliamo vivere in democrazia. Questo non è tutto, comunque.
La democrazia non è un prodotto della ragione umana, la democrazia è un'opera d'arte, è un prodotto delle nostre emozioni, un modo di vivere secondo un desiderio neomatríztico per una dignitosa convivenza nell'estetica del rispetto reciproco. Ciò che rende difficile vivere in democrazia nel mezzo di una cultura patriarcale che continuamente la nega, è che le persone che vogliono vivere in una democrazia sono originariamente patriarcali. Ed è proprio perché sono anche di origine patriarcale, che non capiscono che la democrazia non ha giustificazioni trascendentali, e che in realtà è artificiale, un prodotto di co-aspirazione, e credono che una volta che la democrazia si sarà stabilizzata, può essere difesa razionalmente attraverso l'uso di nozioni come i diritti umani, come se avessero una validità universale trascendente, senza rendersi conto che si tratta anche di opere d'arte arbitrarie. La democrazia, come forma di convivenza matristica nel mezzo di una cultura patriarcale che la contrappone e che la nega costitutivamente, non può essere stabilizzata o difesa, può essere vissuta e sarà la democrazia solo finché sarà vissuta. La difesa della democrazia, e di fatto la difesa di qualsiasi sistema politico, porta necessariamente alla tirannia.
Pertanto, tutto ciò che possiamo fare, se in realtà vogliamo vivere in democrazia, è vivere secondo esso nel processo di creazione di accordi pubblici per tutte le azioni che vogliamo intraprendere in esso, e farlo mentre viviamo in accordo a quegli accordi pubblici che li hanno originati e costituiti. Vivere in democrazia è un atto di responsabilità pubblica che nasce dal desiderio di vivere sia nella dignità individuale che nella legittimità sociale che implica come un modo di vivere matriztico, e falliamo nel nostro tentativo solo quando non realizziamo questo modo di vivere, mentre affermiamo che vogliamo vivere in esso. "



Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?