Il valore dell'altro dal punto di vista della biologia dell'amore


7
Il valore dell'altro dal punto di vista della biologia dell'amore
Katharsis - ISSN 0121-7816, No. 8, pp 7-11 - Luglio-dicembre 2009, Envigado, Colombia
1
L'articolo pesante è il vincitore del First Essay Contest, "Il valore dell'altro",
Promosso dal Comitato Etico della IUE, in una decisione presa il 31 ottobre
2009
*
Master in sviluppo rurale, Università Javeriana; Specialista di gestione
Strategia competitiva, Universidad de la Sabana; Antropologo, Università
da Antioquia; insegnante della Facoltà di Scienze Sociali presso l'Istituzione
Università di Envigado. Email: gusval_@hotmail.com
Katharsis - University Institution of Envigado
valore T ha dell'altro da
prospettiva della biologia dell'amore 1
Gustavo Valcárcel Carroll *
"Gli esseri umani nel presente sono ancora Homo sapiens-
amans amans, ma sono emersi nella storia del nostro
Forme di lignaggio che potrebbero essere chiamate Homo sapiens-amans
agressans e Homo Sapiens-amans arrogans che hanno
estinto, anche se riappaiono con una certa frequenza in diversi
momenti della nostra storia "(Maturana, 2007, p.123)
sommario
Questa riflessione teorica tenta di stabilire la relazione tra l'approccio della biologia dell'amore di Humberto Maturana e la formazione etica del soggetto, con
enfasi sul riconoscimento del valore dell'altro come punto di partenza per il
prassi di una convivenza basata sul rispetto reciproco e sulla tolleranza, nella differenza. Costituisce anche un invito ad assumere un impegno
etico che ci permette di vivere in una società in cui ogni soggetto accetta e rispetta
l'altro come un essere valido, nonostante le differenze biologiche, etniche, sociali
ed economico.
Parole chiave: homo-sapiens amans ethicus, il valore dell'altro, biologia del
amore, impegno etico, multiverso, lingua e comunicazione.

8
Gustavo Valcárcel Carroll
katharsis
astratto
Questa riflessione teorica tenta di stabilire la relazione tra la biologia
approccio dell'amore di Humberto Maturana e l'insegnamento etico del
soggetto, con enfasi sul riconoscimento del valore dell'altro come punto di partenza
per la pratica di una convivenza basata sul rispetto reciproco e la tolleranza nel
in mezzo alla differenza. È anche un invito ad assumere un impegno etico
ci consente di vivere in una società in cui ogni persona accetta e rispetta l'altro
come un essere valido, nonostante le differenze biologiche, etniche, sociali ed economiche.
Parole chiave : homo-sapiens amans Ethicus, il valore dell'altro, biologia dell'amore,
impegno etico, multiverso, lingua e comunicazione.
1. Introduzione
Come sottolinea Humberto Maturana nel suo libro " Habitar Humano en
Sei saggi di biologia culturale ", l'espressione sapiens è associata a
la capacità umana del linguaggio e della ragione, mentre il sapiens-
Amans collega la capacità di conversare con la nostra capacità di
amore, per trovare l'altro. Il secondo amante
si riferisce all'amore come all'emozione che ci guida nella storia evolutiva di
la nostra specie (Maturana, 2008, p.125)
Nei tempi convulsi in cui vive l'umanità, è ancora
possibile pensare a un mondo migliore, abitato da persone amorevoli
e rispettose degli altri, che richiede la transizione, quindi
intenzionale, cioè dalla propria decisione, di Homo sapiens-amans
amans a Homo sapiens-amans ethicus . Questa transizione è implicita
nello sforzo umano di fare del bene, per ottenere un comportamento degno dell'uomo. Precisamente l'etica si basa sulla costruzione di
relazioni corrette, rispettose, nel riconoscimento dell’altro nell'incontro con il
soggetto, attraverso la valutazione sociale e biologica dell'altro.
Per approfondire l'argomento relativo al valore delle persone,
È conveniente partire dalla domanda di Maturana: vogliamo un
mondo di collaborazione o di competizione? La prima opzione porta a
riconoscere l'importanza di vivere nella lingua della biologia dell'amore

9
Il valore dell'altro dal punto di vista della biologia dell'amore
Katharsis - ISSN 0121-7816, No. 8, pp 7-11 - Luglio-dicembre 2009, Envigado, Colombia

per ottenere la formazione di un Homo sapiens-amans ethicus. E questo è
la più grande sfida dell'università. Soprattutto in paesi come la Colombia,
dove il senso dell'etica è stato perso.
Nel rivedere le correnti filosofiche classiche, moderne e contemporanee,
si può vedere che molti di loro hanno rivalutato i loro postulati
e stanno dirigendo il loro sguardo verso nuovi orizzonti di pensiero
dove è possibile credere in valori che trascendono la disuguaglianza e
esclusione prevalente nella società attuale.
Quando si parla di valori, si fa riferimento alle regole di condotta e
agli atteggiamenti secondo cui le persone si comportano e chi sono
secondo ciò che è considerato corretto. Agire con solidarietà,
attenersi a una norma, agire per un valore, rispettare le differenze, assumere
le attitudini critiche verso certe situazioni sono azioni
che richiedono comprensione intersoggettiva, costituente
in questo modo lo spazio delle ragioni, delle giustificazioni e delle motivazioni
implicito nel comportamento umano (Fernández, 2000, p.26).
Permette la diagnosi dei conflitti presenti nella vita universitaria
sottolineare che la formazione dei valori all'interno delle istituzioni dell'istruzione superiore dovrebbe mirare a superare due ostacoli seri:
il non riconoscimento dell'altro come diverso ma uguale in dignità,
allo stesso modo, il rifiuto della norma come mediatore della convivenza
sociale. Quindi, la necessità di trascendere l'insegnamento discorsivo a
dare il via alla creazione di spazi educativi che promuovono la pratica
di relazioni di convivenza basate sul rispetto dei valori del
un altro e nella costruzione collettiva di norme, con un senso pedagogico.
Riguarda l'auto-riconoscimento come esseri d'amore attraverso il
accettazione della totalità dell'altro. Quando l'essere è accettato, è concesso
significato per la vita e il fare. Richiede un impegno etico in funzione
del mondo che vuoi abitare. È meglio vivere in un sistema di
convivenza che conferma l'uomo, non colui che lo nega. Il primo
opzione individua l'argomento in un sistema che è democratico come valore e

10
Gustavo Valcárcel Carroll
katharsis


che è fondato sull'amore. In questo contesto, gli esseri umani lo sono
responsabile, onesto, cooperativo, legittimo, libero e solidale. se
la persona sceglie la seconda opzione, si trova in un sistema che nega
all'uomo, dove predomina l'aggressività, l'indifferenza, l'egoismo,
illegittimità e guerra. Questo sistema è basato sul denaro, non
sull’amore (Maturana, 2008, p.139).
Essere diversi non impedisce alle persone di parlare e condividere
sogni e progetti. Le differenze non costituiscono difficoltà ma
opportunità. Ogni essere umano ha le proprie esperienze, a cui
attribuisce un certo valore, perché ognuno interpreta la realtà
dal suo ego emotivo. Quando le persone affermano il proprio valore, senza
negare il valore dell'altro, comportandosi come esseri etici, cioè liberi,
responsabili delle loro emozioni e disposti a condividerle.
La necessità di inculcare nella famiglia sta diventando sempre più evidente,
l'aula e gli altri scenari di convivenza, il desiderio di vivere in a
società in cui ognuno rispetta l'altro come un essere
valido, che cerca di stabilire relazioni di cooperazione, che accetta
il soggetto nonostante il biologico, etnico, sociale e
economica. Un principio di base del comportamento quotidiano dovrebbe essere : Io
Amo e rispetto le altre persone, perché ho la convinzione
che hanno gli stessi diritti fondamentali.
La domanda sul riconoscimento dell'alterità si presenta come segue: L'altra persona cosa
vuole da me? Cosa sono io per lei? Queste domande si possono ridurre a una: qual è il mio valore per gli altri? Agisci immediatamente e chiedo un'altra domanda: qual è il valore degli altri per me? Poi scopro di confermare il mio valore quando opto per il "tu", cioè per il valore dell'altra persona.
Maturana propone la transizione da un universo, cioè di una realtà
obiettiva iniziale e uguale per tutti, ad un multiverso in cui coesistono
più domini di realtà soggettive. In questo scenario, ciascuna
persona, dalla conversazione, produce la realtà ed è in essa. da
questa concezione, la conoscenza dell'altro è legittima quanto la mia conoscenza.

11
Il valore dell'altro dal punto di vista della biologia dell'amore
Katharsis - ISSN 0121-7816, No. 8, pp 7-11 - Luglio-dicembre 2009, Envigado, Colombia

Quindi, gli errori logici non generano disaccordi, ma
portano a "equivoci" che attraverso una conversazione sincera,
possono essere superati. D'altra parte, la reciproca negazione è il risultato di
disaccordi. Pertanto, è conveniente essere aperti alle ampie possibilità
del multiverso. Maturana afferma che educare è vivere con un altro in un
processo continuo che dura una vita. (Maturana, 2008, p.252)
A titolo di conclusione, è possibile sottolineare che la lingua implica
l'etica come espressione autentica dell'interazione sociale. attraverso
le persone di comunicazione si riconoscono e questo riconoscimento di
un altro nella sua veste di oratore, significa che l'"ego" trova nella sua
la propria coscienza, come rappresentazione, all '"alter ego". (Botero,
1993, p. 155)
Quando viene stabilita la comunicazione, il soggetto riconosce il valore degli altri del loro valore, cioè assume un atteggiamento etico. E tu cosa succede quando hai relazioni con altre persone? Si generano sentimenti che ti permettono di percepire la tua gioia o il tuo dolore? Perché l'etica è la presenza dell'altro ed è anche, "L'indagine generale su ciò che è buono". (L. Wittgenstein). Solo così è possibile diventare autentici Homo sapiens-amans ethicus.

riferimenti

Dávila, X. e Maturana, H. (2007). La grande opportunità: fine della Psiche Leadership
nell'emergere della Psiche della gestione co-ispiratrice. In: Rivista cilena
di pubblica amministrazione , 10 (12). Estratto il 23/10/2009 da: http: // www.
al-dia.cl/sistema/tablas/listar/
Maturana, H. (2008). Habitar Humano: in sei saggi di biologia culturale. Cile: JC
Sáez, redattore.
Fernández, G. (2000). Impara a vivere insieme In: Espejos del Alma Magazine , 13 (2).
Ritirato il 22/10/2009 da:
http://usuarios.lycos.es/gabrielapanizza/vivir/
Botero, D. (1993). Teoria sociale della legge. Colombia: Editorial Universidad Nacional


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?