LA SESSUALITÀ UMANA di Humberto Maturana

LA SESSUALITÀ UMANA di Humberto Maturana
Con questo articolo di Humberto Maturana voglio condividere una visione di questo autore che ammiro e aderisco alle sue concezioni. E 'la mia percezione che nei suoi scritti naturalizzare l'umanità in modo che noi pensiamo noi come esseri biologicamente sociali che vivono insieme, essendo la sessualità un aspetto essenziale di tale un rapporto in cui l'espansione della sensualità si manifesta, la sessualità e la tenerezza come pilastri della il benessere e il riconoscimento dell'altro insieme con l'uno attraverso la cura, il divertimento nel fare e pensare. Cito di seguito un articolo che ti invito a leggere sentendo la sfida che puoi pensare in modo diverso da come pensi.
Laura Van Dembroucke


Cosa siamo noi esseri umani?
Gli esseri umani sono primati bipedi che coesistono nel linguaggio. È nella lingua che siamo coscienti, razionali e riflessivi.

Com'è che la lingua si verifica biologicamente?

La lingua è un modo di vivere che si verifica nel flusso di convivenza nelle interazioni di coordinamenti comportamentali che danno origine a più coordinamenti comportamentali. In questo processo, gli oggetti emergono come modi di coordinare il comportamento, o meglio, come modi di coordinare le azioni che configurano il mondo della convivenza in cui si vive. Così, ad esempio, una palla sorge nel chutear, che è un modo di guidare. Da altri coordinamenti comportamentali che sorgono attorno al chutear, la palla può derivare da stracci, calcio o pietra.

Come conviviamo gli esseri umani?

Gli esseri umani hanno vissuto nella generazione continua di coordinazioni di coordinazioni di haceres in cui sorgono diversi tipi di oggetti che sono tali (oggetti) solo corrispondono a coordinamenti haceres nel flusso di vivo: una palla è sfera solo come è pelotea; un incontro è un gioco o una lotta secondo le coordinazioni delle condotte (fazioni) che si svolgono in lui. Questi diversi oggetti possono essere concreti come una palla, o astratti come giochi. Il risultato è che gli esseri umani vivono nel linguaggio generando diversi tipi di convivenza con diversi tipi di oggetti che esistono nei coordinamenti delle azioni di quella convivenza. in tal modo,

Quando sorge l'umano?

A mio parere, l'umano emerge nella storia evolutiva del lignaggio di primati bipedi, di cui facciamo parte, poco più di tre milioni di anni fa quando si vive in linguaggiare come un modo per scorrere in vita comincia ad essere conservato sistematicamente da una generazione all'altra. Questa conservazione si verifica nell'apprendimento dei bambini poiché la famiglia emerge come uno spazio intimo di convivenza di 5-8 individui nel coordinamento coordinato delle azioni.
In realtà, il percorso evolutivo che ci dà origine deve essere iniziato circa sei milioni di anni fa quando, a causa dei cambiamenti climatici, la foresta africana si ritira e si aprono aree non forestali, e poi alcuni primati arborei diventano terrestri. Come conseguenza di questo processo inizia un'evoluzione evoluzionistica in alcuni di quei primati definiti dalla conservazione, generazione dopo generazione, di un modo di vivere che implicava l'espansione progressiva verso tutta la vita adulta, dei tratti caratteristici dell'emozione dell'infanzia. Questa evoluzione evolutiva dell'espansione dei tratti dall'infanzia alla vita adulta che non è unica o propria del nostro lignaggio ma si è verificata molte volte nella storia degli esseri viventi, è chiamata neotenia.

Cosa intendiamo quando parliamo di emozione?

Quando parlo di emozione intendo vivere nella stalla o cambiare il flusso delle nostre emozioni (desideri, preferenze, paure). Ciò che distinguiamo quando parliamo di emozioni nella vita quotidiana sono i diversi domini del comportamento relazionale in cui un animale si muove in ogni momento. Le diverse emozioni, quindi, come diversi tipi di comportamenti relazionali determinano, momento dopo momento, il corso che il fare di un animale prende in ogni momento. Per questo motivo sostengo che ciò che guida l'evoluzione evolutiva in generale, e l'evoluzione umana in particolare, sono le emozioni, poiché queste determinano lo spazio in cui un animale si muove in ogni momento, determinano momento per momento il corso di la sua vita e la sua vita. Così, nell'amore - come lo spazio dei comportamenti relazionali attraverso cui l'altro, l'altro, o se stessi, emerge come legittimo un altro in coesistenza con uno, uno si muove nella fiducia, nel rispetto, nella cura dell'altro, in collaborazione e non in competizione. Infatti, l'amore è l'emozione che costituisce e sostiene la vita sociale come uno spazio etico di convivenza.

Cosa fa l'amore nella nostra storia?

Ciò che definisce un'evoluzione storica è ciò che rimane nel corso delle generazioni come lo sfondo relazionale attorno al quale tutto il resto può cambiare. Penso che la conservazione dell'amore, di generazione in generazione nella vita quotidiana, come l'emozione che ha definito lo sfondo relazionale attorno al quale tutto il resto potrebbe cambiare, è stato ciò che ha dato origine all'umano nella stirpe dei primati a cui noi apparteniamo Gli esseri umani sono figli dell'amore e ci ammaliamo di corpo e anima quando interferisce sistematicamente con il nostro vivere l'amore in qualsiasi momento della nostra vita. Per questo motivo penso anche che il nostro nome specifico dovrebbe essere Horno sapiens amans.

Ma quali sono i tratti dell'infanzia che si estendono per tutta la vita nella neotenia della nostra discendenza?

Le caratteristiche infantili di base che si espandono in età adulta, in futuro evolutivo neotenica che dà origine, sono quelli d'amore emozionante di relazione materna e infantile che coinvolge la sessualità (godersi la carezza e il corpo di prossimità), la tenerezza (attenzione al benessere dell'altro o dell'altro) e sensualità (apertura al godimento della multidimesionalità sensoriale). Ma questi tratti da soli non ci rendono umani perché non determinano da soli l'emergere del linguaggio. Per far risaltare l'essere umano deve venire coesistente nella lingua come un modo di vivere che è conservato di generazione in generazione per l'apprendimento dei bambini, e per la nascita della lingua viva deve emergere un particolare spazio di convivenza intimo vivere nei coordinamenti delle azioni. Secondo me,

Cos'è la sessualità?

La sessualità non è legata solo ai genitali. Sorge indubbiamente nell'evoluzione evoluzionaria degli esseri viventi come una modifica del processo riproduttivo che implica la fusione di due cellule. Ma affinché questa fusione avvenga, deve esserci una simpatia somatica che negli animali implica un grado maggiore o minore di accettazione e godimento della vicinanza e del contatto con il corpo. Nei mammiferi ciò è particolarmente evidente nel godimento e nel godimento dell'atto sessuale che si può vedere osservando il suo accoppiamento senza pregiudizi culturali che lo denigrano come osceno. E quel godimento è ancora più evidente quando si osserva il corteggiamento che precede l'accoppiamento, e non ha paura di vedere il piacere che provano i partecipanti. Gli esseri umani non sono diversi in questo per gli altri mammiferi, né siamo stati diversi nella nostra origine. Al contrario.

Ma come appare la famiglia come uno spazio intimo in cui la vita umana emerge e si conserva coesistendo in linguaggi?

L'interesse per la sessualità come il godimento del corpo e il contatto genitale tra i membri del lignaggio ancestrale che ci hanno dato origine- deve essere stato regolarmente annua per le femmine e il carattere non periodico, per i maschi, come è attualmente il Scimpanzé, i nostri parenti evolutivi più vicini tra i primati. Noi esseri umani sperimentiamo qualcosa di diverso rispetto agli scimpanzé, perché tra noi, uomini e donne, desideriamo e godiamo la sessualità in modo continuo come una vasta area di gioia e benessere fisico e spirituale, sia in nell'intimità genitale. E se non abbiamo giudizi culturali negativi, lo viviamo come un aspetto naturale del nostro essere esseri umani, sempre possibile e desiderabile nella vita quotidiana.

Cosa succede con la sessualità e la procreazione?

Con l'espansione della sessualità della donna, la sessualità genitale è in realtà separata dalla procreazione, poiché nella vita di tutti i giorni ci sono molte più occasioni di sessualità genitale rispetto alle occasioni di gravidanza. Questo -insieme con il fatto che si verifica come parte dell'espansione di essere amorevole infanzia alla vita in neotenica noi apparteniamo a , rende questa espansione della sessualità femminile si verifica intreccia con la sensualità percorso evolutivo, e tenerezza. Così, la sensualità, la tenerezza e la sessualità nel suo complesso costituiscono i tre pilastri fondamentali del piacere e la stabilità della convivenza che ci ha dato origine come esseri umani.

Quando sarebbe successo?

In realtà penso che la famiglia e l'umano emergano nell'evoluzione evolutiva che ci dà origine più di tre milioni e mezzo di anni fa quando, come la sessualità delle femmine del nostro lignaggio si espande, diventano il centro dell'unione e stabilità della convivenza intima in piccoli gruppi che si conservano nel piacere della vicinanza e del tenero e sensuale godimento del contatto fisico. Questo è: penso che la famiglia non emerga come un nucleo economico, ma come un'unità di convivenza nell'armonia che coesiste nel piacere della sensualità, della tenerezza e della sessualità intorno alla femmina.

E l'umano quando sorge?

Con l'emergere della famiglia come uno spazio intimo amorosa di convivenza che è, nel gioco della sessualità, sensualità e tenerezza, una piccola area di convivenza, di cinque a otto persone (adulti, bambini e neonati) appare nel coordinamento delle azioni nella collaborazione, non nella competizione, che si chiude emotivamente su se stessa nel piacere di quella vita amorevole. Ed è nel rispetto della privacy e la stabilità di quell'amore vivente, l'interazione quotidiana della sessualità, sensualità e tenerezza rendono possibile, in cui il linguaggio emerge come un modo di vivere che si conserva da una generazione all'altra nel live di bambini. E quando la conservazione sorge da una generazione all'altra del vivere insieme nella lingua, sorge l'umano.

L'interazione quotidiana di sessualità, sensualità e tenerezza è al tempo stesso il fondamento della costituzione storica dell'umano e della sua conservazione nell'armonia fisica, psichica e spirituale che il vivere insieme porta con sé. Quando questa interazione si perde, diventiamo fisicamente, psichicamente e spiritualmente malati, e iniziamo a soffrire di disturbi del corpo e dell'anima che scompaiono solo quando ripristiniamo l'amorevole convivenza nell'amicizia, nella coppia e nella famiglia. Premio della scienza nazionale

Dr. Humberto Maturana




Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)