Ximena Dávila Yáñez Matríztica, Matríztica ARTE E SCIENZA DEL PENSIERO E DELLA CONVERSAZIONE DELLA CREATIVITÀ SOCIALE E INTELLETTUALE UMANA


Ximena Dávila Yáñez Matríztica, Matríztica ARTE E SCIENZA DEL PENSIERO E DELLA CONVERSAZIONE DELLA CREATIVITÀ SOCIALE E INTELLETTUALE UMANA


Art know how (L'arte sa come): Se riflettiamo su come una persona fa il suo lavoro nel campo dell'artigianato, della musica, dei ritratti o dei paesaggi, danza, recitazione, poesia, terapia, della scienza, della medicina, della compagnia, dell'ingegneria; in generale, tutto ciò che distinguiamo è fatto in modo artistico, la domanda che sorge è: cosa distinguiamo quando distinguiamo l'arte? 
Distinguiamo l'arte in un mondo multidimensionale quando distinguiamo un'opera di qualsiasi natura fatta da un uomo o una donna che rievoca in noi piacere, estetica, commozione, ammirazione, rispetto. 
Distinguiamo l'artista quando distinguiamo un fare che scorre in un uomo o in una donna dall'ispirazione di fare ciò che fa e che si basa sul piacere di fare il suo lavoro. 
Distinguiamo il talento quando questo si manifesta senza una maggiore conoscenza della tecnica e scorre solo come un modo naturale di fare ciò che fai amando quel fare, amando la tua circostanza. 
E cosa succede a noi uomini, donne, ragazzi, ragazze e giovani quando ci relazioniamo all'arte? 
Succede a noi che quando ci sentiamo invitati o invitati da un'opera d'arte, ascoltando, vedendo, toccando e perché no, odorando e amando, cambiatemo. I nostri sensi si trasformano e con ciò cambia la nostra emozione. Passiamo quindi da un essere che può essere indifferenza, noia o cecità culturale, ad un essere con tutta la nostra corporeità in uno spazio o luogo in cui la persona che si muove come osservatore nell'osservare è lì, gioiosa, stupita, irrequieta, riflessiva, spostata. 
Da quanto sopra, poi l'artista, scorre spontaneamente nel fare ciò che fa, tessendo una trama estetica relazionale, passo dopo passo, come qualcuno che fa una filigrana. 
E come lo fanno? 
Sapere come; saper muoversi con tutti gli elementi che riconosce necessari per generare un momento estetico pieno di ispirazione che trasforma il mondo per un momento con le sue mani, con il suo corpo, con le sue evocazioni, con le distinzioni che fa dalla sua particolare sensibilità nella sua multidimensionalità. 
La consapevolezza di sapere come facciamo ciò che facciamo, ci permette di riconoscere le persone come creatori e generatori del nostro mondo in qualsiasi dominio della nostra esistenza, ci permette di fluire spontaneamente dalla fiducia che ciò che facciamo emergerà in modo tempestivo ed estetico, e che, quindi, quel fare diventerà parte delle coerenze del nostro mondo naturale, senza dubbio. 
Se riflettiamo sulla realizzazione di una persona come Leonardo da Vinci, possiamo vederlo oggi come un creatore di mondi che sono stati realizzati nel suo presente e proiettati nel futuro. In un momento storico in cui non aveva tutti gli elementi tecnologici che abbiamo oggi, tuttavia, creò mondi, opere d'arte ineguagliabili che molti secoli dopo sono considerate dei capolavori rimasti nel tempo e sono ancora ammirati oggi. 
Che cosa ha fatto Leonardo Da Vinci nel suo fare quando ha fatto quello che ha fatto? 
Impeccabilità, serietà, ispirazione, talento, uno sguardo rispettoso verso il loro ambiente naturale, responsabilità tutti possibili elementi dal fondamento della nostra natura umana, del nostro modo di vivere umano nella biologia dell'amore. 
La scienza sa cosa: il desiderio di sapere cosa è vivo, cos'è la morte, cos'è il cosmo, cosa è umano, cosa è sapere, cosa sta educando, quali sono le emozioni, tra le altre infinite domande, deve fare chi chiede con un atteggiamento, con una passione, conscia e inconscia, da dove la domanda che chiede curioso. Quando nella vita umana quotidiana coltiviamo la conoscenza che nasce dalla comprensione sistemica del nostro vivere, portiamo con sé l'estensione del nostro sguardo riflessivo, libero, esplorativo, prendendo in carico la curiosità dell'interrogante. Questa conoscenza che apre riflessioni e che è disposta a indagare, a commuoversi, a chiedere di nuovo fino a quando la risposta con cui è trovata ha un senso nel proprio ascolto, è una conoscenza che possiamo distinguere come scienza della conoscenza. 
Tutto ciò che gli esseri umani fanno ha un fondamento emotivo, che si basa sui desideri o sentimenti di coloro che fanno quello che fanno. 
I fondamenti della scienza sono nelle emozioni e nei nostri sentimenti intimi. Inoltre, riflettendo su questo possiamo renderci conto che le emozioni che sono alla base del lavoro della scienza sono guidate e modulate dalla curiosità dei desideri e dei sentimenti intimi di coloro che praticano la scienza nella e dalla biologia dell'amore. 
È dalla biologia dell'amore che si apre uno spazio relazionale in cui l'uno o se stessi, l'altra, gli altri, l'altro  emergono dalla loro legittimità e possiamo vederlo, rispettarlo. Un fondamento relazionale che permette di chiedere, di spiegare, permettendo alla curiosità di diventare la passione che porta all'azione. E non a qualsiasi azione. Ad un'azione liberatrice, un'azione etica che nasce dalla biologia stessa dell'amore. La scienza non è cieca se lo scienziato non si lascia intrappolare dall'ambizione del potere per il desiderio di ricchezza o per la ricerca della fama che la sua pratica può offrire. La scienza non costituisce la saggezza come un modo di coesistere, ma non la nega come una possibilità a coloro che la praticano. (HM) Bene e questo è esattamente ciò che facciamo quando diciamo dalla comprensione delle nostre basi biologiche e culturali che facciamo arte e scienza del pensiero e del converso. Come abbiamo capito ciò che diciamo quando diciamo che questa è arte e quando diciamo che questa è la scienza possiamo ora chiederci.
Facciamo arte e scienza pensando e conversando dalla nostra condizione naturale e spontanea di essere esseri viventi biologicamente amorevoli? 
Se lo facciamo, come facciamo ciò che facciamo nello spazio relazionale della nostra vita quotidiana? 
Nel momento in cui siamo immersi nella comprensione delle nostre basi biologiche e culturali, fluttuiamo nella comprensione riflessiva della nostra dimora. E, dallo sguardo che vede e ascolta l'abitazione di uno o di se stessi, dell'altro o l'altra, la nostra esistenza è rivelata come modi umani di vivere nella conversazione che determina le derive strutturali che ognuno desidera seguire. 
Rendendo possibile anche da lì, l'ascolto e la possibilità di aprire conversazioni riflessive che possono liberare noi o noi, qualunque sia la comunità o organizzazione umana in cui viviamo, della disgrazia, del dolore o della sofferenza in cui ci troviamo. 
Dolore che possiamo distinguere come un incrocio emotivo che sorge quando il nostro vivere e coesistere è fatto nel e dal cattivo, desiderando il benessere. 
E cos'è la riflessione? 
La riflessione è un atto nell'emozione, e l'arte della riflessione avviene proprio per aprire spazi riflessivi da dove uno o l'altro, l'altro o l'altro si trovano nel riflettere, senza pregiudizi, senza aspettative, senza paura chiedere e chiedere, poiché tutte le domande sono legittime. Senza paura di entrare in una fossa settica, e lasciandola gocciolare di sudiciume.
L'artista non spaventa quelli che contemplano la sua opera, solo invita, evoca, seduce ... Dall'arte delle conversazioni riflessive con le loro conseguenze liberatorie, invitiamo solo l'altra o l'altro, in modo che dalla loro libertà di essere e fare accetti o respingere questo invito. Se accetta l'invito, lo accetta da un desiderio, da un desiderio, e da lì distingueremo che si sentiva obbligato a chiedere dalla sua curiosità o dal suo dolore. 
A quel tempo possiamo prendere in carico che stiamo facendo arte e scienza nel pensare e nel conversare, aprendo domini di riflessione inimmaginabili. Il passaggio da questa comprensione espande la nostra intelligenza e creatività, che ci dà sicurezza in qualsiasi modo poiché deriva da una fiducia fondamentale nella legittimità dei diversi mondi che viviamo, il che ci permette di agire opportunamente con fluidità e responsabilità sociale ed etica in qualsiasi dominio umano a cui siamo chiamati. Non dimenticare che quando facciamo arte e scienza del pensiero e del converso guardiamo le comunità di esseri viventi, in generale, e nelle comunità umane, in particolare. Possiamo quindi vedere che le comunità umane sono organizzate in modi diversi, cioè da dinamiche relazionali o emotive diverse a seconda del compito per il quale sono state convocate. L'eccitazione delle comunità umane può condurre le persone che la costituiscono in un habitat che può essere tanto alla deriva del cattivo come del benessere, secondo lo sfondo dei desideri o dei sentimenti che li guidano. 
In termini generali, l'arte e la scienza del pensare e del conversare come sfondo per comprendere le basi biologiche e culturali dell'umano, apre uno spazio per modulare il co-habitat umano in un modo di generare benessere poiché può essere realizzato solo in la biologia dell'amore, come l'emozione che fonda la riflessione. Infine, in questo presente culturale, è importante aggiungere che una comunità umana riunita in un coordinamento di compiti o compiti allo scopo di generare beni o servizi, è ciò che distinguiamo come organizzazione o azienda di servizi o di servizi.
 E, in ogni organizzazione, e in particolare nelle organizzazioni produttive o di servizio, le persone che le realizzano possono generare, dalla loro emozione, una convivenza che sarà un generatrice di benessere o di cattivo umore a seconda il desiderio fondamentale di coloro che guidano il suo lavoro. Quello che abbiamo descritto sopra come Arte e Scienza del Pensiero e Conversare è uno strumento concettuale, relazionale e riflessivo che consente di guidare l'emozione dell'organizzazione intorno alla generazione di una produzione o servizio di qualità e di un senso sociale etico nella realizzazione e conservazione di una dimora in onestà, equità, collaborazione e rispetto reciproco per le persone che costituiscono quell'organizzazione come comunità umana. 
Ximena Dávila Yáñez Matríztica maggio 2015


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?